•  
  •  
Apri le opzioni

Tim Roth

Tim Roth (Timothy Simon Smith) è un attore inglese, regista, è nato il 14 maggio 1961 a Londra (Gran Bretagna). Tim Roth ha oggi 61 anni ed è del segno zodiacale Toro.

Pianista Pulp

A cura di Fabio Secchi Frau

Si sono affidati a lui i più grandi registi europei e un sorprendente Tarantino. Soffice per certi versi, mentre per altri rimane ammaliante come un coltello affilato, impreziosisce ogni film all'interno del quale recita che sia esso immerso in romanticherie pop, in frizzanti pellicole drammatiche o, ancora meglio, in dolcezze pianistiche degne del nostro Tornatore. Non è un uomo. È un blocco di roccia seducente. Dotato, dietro un viso che sembra imperturbabile, di una forza espressiva, di una misura dei toni, che rendono il dosaggio drammatico mai convenzionale. È il piccolo borghese tipicamente inglese dietro il quale si cela l'animale, la bestia selvaggia. Netto, duro, essenziale. In una parola Tim Roth.

Da Roth a Smith da Smith a Roth
Figlio di un giornalista - che cambiò il suo cognome dall'originale "Roth" (cognome tedesco-ebraico) in "Smith" per scampare agli orrori nazisti della Seconda Guerra Mondiale - e di una pittrice, Tim cresce a Dulwich, frequentando la middle-class della Londra del Sud. Diplomatosi alla Dick Sheppard Comprensive School, è iscritto alla Camberwell School of Art di Londra, ben deciso a seguire le orme artistiche della madre, ma specializzandosi, a differenza di lei, in scultura. Giunto a una certa età però, capisce comincia a pensare che potrebbe diventare anche un buon attore, soprattutto perché è in grado di mutare la sua voce seguendo accenti e cadenze di ogni regione che conosce, e così tenta la strada della recitazione. Ed è proprio a quel punto che conosce uno dei suoi migliori amici, l'attore Gary Oldman. Con il quale, paradossalmente, dividerà il ruolo di "cattivo" in molti film. Attori nella stessa compagnia teatrale, i due cominciano a farsi una brutta fama all'interno del loro circuito lavorativo. Principalmente per il loro pessimo carattere. Nel 1982, Roth si presenta a un provino per una fiction televisiva anglosassone Made in Britain di Alan Clarke, all'interno della quale recita il ruolo di uno skinhead. La foga con la quale affronta il personaggio è così incisiva che attira l'attenzione dei produttori inglesi. L'anno successivo, partecipa a un episodio del telefilm Not Necessarily the News di Hoite C. Caston. Questa volta deve interpretare un omosessuale. La cosa gli riesce abbastanza bene, nonostante il distacco fra i primi due personaggi sia così ampio. Sarà l'amico Mike Leigh, che lo aveva già diretto in un buon numero di spettacoli teatrali, a invitarlo a recitare per lui nel film per la tv Meantime (1984) con l'amico Oldman e Alfred Molina. Lui accetta, e accetterà anche un piccolo ruolo nel telefilm Driving Ambition (1984).

Il debutto cinematografico con Vendetta
Il debutto cinematografico avviene proprio in quegli anni. È il 1984, Stephen Frears, che lo aveva già notato sulle scene, lo vuole nel cast - che comprendeva anche Terence Stamp, Fernando Rey, John Hurt e Laura Del Sol - di un noir psicologico che vuole mettere in scena. Esce Vendetta (1984) e il suo ruolo sarà così tagliente ed efficace da ottenere una nomination ai BAFTA come migliore scoperta. Non si fermerà mai più. Nel 1985 torna sul piccolo schermo, nientemeno che accanto a una ormai decrepita (ma sempre terribile) Bette Davis in Murder with Mirrors, tratto da un romanzo di Agatha Christie, mentre rifiuta il ruolo di Johnny Rotten ne Sid e Nancy (1986), solo perché ispirato a una storia realmente accaduta, ma "troppo recente" per i suoi gusti.

Matrimonio e figli
Entra in contatto con Peter Greenaway che lo dirige ne Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante (1989) e addirittura con Robert Altman che lo dirigerà nel biografico Vincent e Theo (1990). Dopo Due vite in pericolo (1992) con Samuel L. Jackson, si sposa. Sua moglie è la fashion designer Nikki Butler, dalla quale avrà due figli, Timothy e Cormac, anche se aveva già avuto un precedente figlio, Jack, da Lori Barker, una sua vecchia fiamma.

L'attore pulp
Nel 1992, è Quentin Tarantino a volerlo assolutamente nel suo esordio eccellente. Ci mette pochissimo per convincerlo, Tim Roth è già sul set de Le iene - Cani da rapina (1992) con Harvey Keitel, cui seguiranno poi il mitico Pulp Fiction (1994) con Rosanna Arquette, ancora Keitel, un ritrovato Samuel L. Jackson, Uma Thurman, Bruce Willis, John Travolta, Eric Stoltz, Maria de Medeiros, Amanda Plummer, Ving Rhames, Christopher Walken e Alexis Arquette, concludendo con Four Rooms (1995) con Willis e Banderas. Nel frattempo che il pubblico lo plaude come "attore tarantiniano", lui si cuce altre parti: una accanto a Vanessa Redgrave in Little Odessa (1994), una con John Malkovich in Cuore di tenebra (1994) e la più importante ne Rob Roy che gli varrà, oltre a un BAFTA come miglior attore non protagonista, anche una nomination all'Oscar e ai Golden Globe nella stessa categoria.

Zona di guerra
Nel 1996, si lascia andare alla commedia brillante e segue Woody Allen in Tutti dicono I love youcon Julia Roberts e Goldie Hawn, poi sarà uno stupendo Novecento ne La leggenda del pianista sull'oceano (1998) di Giuseppe Tornatore. Lavora con Rod Steiger ne Animals with the Tollkeeper (1998) e poi, stanco di stare davanti alla macchina da presa, decide di mettersi in gioco con qualcosa di nuovo. Magari proprio il mestiere di regista. Trova una storia che lo seduce incredibilmente nel romanzo di Alexander Stuart Zona di guerra e lo mette in scena, raccogliendo nel cast Ray Winstone, Tilda Swinton e Colin Farrell. La pellicola è un successo in tutta l'Europa, tanto da meritarsi l'European Film Award per la migliore scoperta dell'anno.

Wim Wenders & Hollywood
Altro grande personaggio che influirà sulla sua via, sarà il malinconico Wim Wenders che prima lo dirige in una piccola parte ne The Million Dollar Hotel (2000) con Mel Gibson, poi gli offrirà una parte più cospicua ne Non bussare alla mia porta (2005). Ama Tim Roth perché è graffiante, sempre significativo e nitido nella recitazione. Lo stesso Roth comincia a concedersi un po' a Hollywood, lo fa con la commedia Magic Numbers (2000) con Travolta, poi torna in Europa con Vatel (2000) con Gérard Depardieu e un pessimo D'Artagnan (2001) con Catherine Deneuve.

Cattivo... anzi cattivissimo!
Il ruolo del cattivo comincia ad andargli a pennello. E questo è lo stesso pensiero che passa nella mente di Tim Burton che lo impone come scimmiesco antagonista ne Planet of Apes - Il pianeta delle scimmie (2001) con Charlton Heston, grazie al quale viene apprezzato anche dai giovani, tanto è vero che lo candideranno come miglior cattivo all'MTV Award. A conferma di questo, è considerato per il ruolo di Severus Piton ne Harry Potter e la Pietra Filosofale (2001), ma Roth è costretto a rifiutare proprio perché impegnato sul set del film di Burton. Per questo motivo il ruolo andrà ad Alan Rickman... Peccato, noi lo avremmo visto anche come un perfetto Voldemort. Con l'arrivo del Duemila, la carriera di Roth si fa più variegata. Da Invincible (2001) di Werner Herzog al gran rifiuto per il ruolo di Hannibal Lecter in Hannibal (2001), che sarà poi reinterpretato da Anthony Hopkins. To Kill a King (2003) con Rupert Everett, I nuovi eroi (2004) con Depardieu, Silver City (2004) con Kris Kristofferson, Beautiful Country (2004) con Nick Nolte e Even Money (2006) con Danny DeVito fanno il resto. Nel 2006, è membro della Giuria del Festiva di Cannes, mentre l'anno successivo è scelto come protagonista di un film di Francis Ford Coppola, Un'altra giovinezza (2007), mentre ancora una volta vestirà la maschera della malvagità ne L'incredibile Hulk (2008) con William Hurt. Dopo il remake americano di Funny Games (2008) di Haneke, lo troviamo in diversi progetti, tra cui la serie Lie to Me e il thriller finanziario di Nicholas Jarecki La frode. Tornerà a lavorare per Tarantino, il regista che l'ha scoperto, nel western The Hateful Eight (2016), mentre nel 2021 è diretto da Mia Hansen-Love nel suo film d'esordio in lingua inglese, Sull'isola di Bergman, oltre che da Michel Franco (per la seconda volta) in Sundown.

Ultimi film

Drammatico, (USA - 2019), 109 min.
Documentario, (USA - 2019), 103 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
sabato 13 settembre 2014
Roy Menarini

Una domanda è sorta spontanea durante la Mostra del Cinema di Venezia: ma i giurati lo avevano visto The Act of Killing? Alcuni no, altri sì, probabilmente. E i primi come avrebbero fatto a giudicare il nuovo film di Joshua Oppenheimer senza l'integrazione del capolavoro precedente? Poi, via via che i giorni passavano, ci si è resi conto che il continuo confronto con The Act of Killing finiva con l'essere fuorviante e che i più severi critici di questo lavoro erano proprio i sostenitori del primo film

TELEVISIONE
lunedì 22 marzo 2010
 

Ogni lunedì ore 21:10 Dopo il grande successo della prima stagione, torna su FOX (canale 110 di Sky) la serie Lie to me, in prima visione assoluta in Italia a partire dal 22 marzo ogni lunedì alle 21:10. Creata da Samuel Baum (The Evidence) la serie è ispirata agli specialisti che supportano le varie unità investigative della polizia americana, analizzando riflessi involontari nel corpo, nel volto o nella voce degli indagati, e racconta le vicende del Dr

News

Regia di Mia Hansen-Løve. Un film con Mia Wasikowska, Tim Roth, Vicky Krieps, Anders Danielsen Lie, Melinda...
Regia di Julius Onah. Un film con Naomi Watts, Tim Roth, Octavia Spencer, Kelvin Harrison Jr., Faith Logan.
Court vince la Miglior Opera Prima e Miglior Film di Orizzonti.
In concorso oggi Mike Leigh e Abderrahmane Sissako.
Dopo Mud l'attesa per la premiazione di stasera.
Sulla croisette i protagonisti di De rouisse et d'os e Baad El Mawkeaa.
Le foto della giornata inaugurale del Festival.
Lo hanno annunciato gli organizzatori del Festival.
In esclusiva su MYmovies le prime immagini del film con Richard Gere.
Dall'Oscar di Nuovo cinema paradiso a La sconosciuta.
Novità sulla partecipazione di Norton e i possibili personaggi presenti nel film.
Una nuova commedia fra il giovanile e il "boccaccesco"
Il film di Francis Ford Coppola esplora il concetto del tempo in relazione alla consapevolezza.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati