Dizionari del cinema
Quotidiani (2)
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 21 luglio 2018

John Travolta

John... travolto da un celebre destino

Nome: John Joseph Travolta
64 anni, 18 Febbraio 1954 (Acquario), Englewood (New Jersey - USA)
occhiello
Anche io sognavo di avere una lavanderia automatica a gettoni, ma ho dovuto abbassare la cresta molto rapidamente!
dal film Hairspray - Grasso bello (2007) John Travolta Edna Turnblad
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
John Travolta
Golden Globes 2008
Nomination miglior attore non protagonista per il film Hairspray - Grasso bello di Adam Shankman

Golden Globes 1999
Nomination miglior attore per il film I colori della vittoria di Mike Nichols

Golden Globes 1996
Premio miglior attore per il film Get Shorty di Barry Sonnenfeld

Golden Globes 1996
Nomination miglior attore per il film Get Shorty di Barry Sonnenfeld

Golden Globes 1995
Nomination miglior attore per il film Pulp Fiction di Quentin Tarantino

Premio Oscar 1994
Nomination miglior attore per il film Pulp Fiction di Quentin Tarantino

Golden Globes 1979
Nomination miglior attore per il film Grease - Brillantina di Randal Kleiser

Golden Globes 1978
Nomination miglior attore per il film La febbre del sabato sera di John Badham

Premio Oscar 1977
Nomination miglior attore per il film La febbre del sabato sera di John Badham



L'attore torna a lavorare per Tony Scott.

Pelham 1-2-3: Denzel Washington action (everyday) man

venerd 18 settembre 2009 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

Pelham 1-2-3: Denzel Washington action (everyday) man T ony Scott riporta sullo schermo un film di Joseph Sargent del 74 in un remake contemporaneo. Basato sul romanzo di John Godey, Pelham 1-2-3: Ostaggi in metropolitana vede Denzel Washington nel ruolo che fu di Walter Matthau e John Travolta nella parte del villain che fu di Robert Shaw.
Joseph Sargent aveva realizzato un classico con una storia magnifica che purtroppo era sconosciuta alle nuove generazioni di spettatori ha dichiarato il regista. Il mondo e in particolare New York sono cambiati molto dal 1974, perci nello scrivere la sceneggiatura Brian Helgeland (che tra le altre cose ha firmato gli script di L.A. Confidential e Mystic River, Ndr) partito dal testo originale per ambientare la trama ai nostri giorni. venuto da me e mi ha detto: Ho scritto una versione di Pelham, ma non si tratta del Pelham che ricordi. La verit che Brian mi pu portare tutto quello che vuole, sono sempre interessato alle sue idee.

Dopo i primi clamorosi successi, l'attore del New Jersey sembrava perso. Poi arriv Tarantino.

5x1: John Travolta, icona a rendere

marted 25 settembre 2007 - Stefano Cocci cinemanews

5x1: John Travolta, icona a rendere Settanta, Ottanta, Novanta, Duemila. John Travolta sta attraversando un pezzo importante di storia del cinema, lasciando la sua impronta nella settima arte ma anche e soprattutto nel costume. Inutile negare che Tony Manero e Danny Zuko abbiano rappresentato un universo sul finire degli anni Settanta. La febbre del sabato sera e Grease non sono stati solamente dei successi travolgenti e improvvisi al box office: hanno raccontato un mondo, interpretato autentici uomini e donne che, in quelle storie, canzoni e personaggi si sono riconosciuti. John Travolta era il loro volto. Gli anni Ottanta sono stati gli anni dell'apparente declino ma la vita dell'attore proseguita: ha preso la tanto agognata licenza di volo, e ha continuato a costruire l'attore in lui, per aprirsi la strada a nuovi successi. Trionfi che sono arrivati negli anni Novanta, grazie a Quentin Tarantino e a Vincent Vega, il gangster con la passione per il ballo che il regista di Pulp Fiction decise di regalare a Travolta. Per l'attore fu il ritorno allo status di icona, un successo talmente clamoroso da lanciarlo, stavolta definitivamente, nello stardom di Hollywood. Nel nuovo millennio, Travolta ha coniugato l'attitudine commerciale di Hollywood con la raggiunta completezza di artista: i successi di botteghino si sono alternati a prove pi intimiste e convincenti come anche ad autentici flop - Battaglia per la Terra su tutti.
Lo ritroviamo a trent'anni da La febbre del sabato sera di nuovo alle prese con il canto e il ballo, ingrassato artatamente di una cinquantina di chili (almeno) nel divertente musical Hairspray.

La febbre del sabato sera

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,78)
Un film di John Badham. Con Barry Miller, John Travolta, Karen Lynn Gorney, Joseph Cali, Fran Drescher.
continua»

Genere Commedia, - USA 1977. Uscita 04/12/2017. 14

Pulp Fiction

* * * * -
(mymonetro: 4,35)
Un film di Quentin Tarantino. Con John Travolta, Samuel L. Jackson, Tim Roth, Amanda Plummer, Eric Stoltz.
continua»

Genere Hard boiled, - USA 1994. Uscita 03/06/2014.

Le belve

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,78)
Un film di Oliver Stone. Con Blake Lively, John Travolta, Aaron Johnson, Salma Hayek, Emile Hirsch.
continua»

Genere Thriller, - USA 2012. Uscita 25/10/2012. 14

I mercenari 2

* * * - -
(mymonetro: 3,28)
Un film di Simon West. Con Sylvester Stallone, Jason Statham, Dolph Lundgren, Terry Crews, Jet Li.
continua»

Genere Azione, - USA 2012. Uscita 17/08/2012.

Grease - Brillantina

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,65)
Un film di Randal Kleiser. Con John Travolta, Olivia Newton-John, Stockard Channing, Frankie Avalon, Jeff Conaway.
continua»

Genere Musicale, - USA 1978. Uscita 12/08/2011.
Filmografia di John Travolta »

gioved 12 luglio 2018 - Dal 1 all'11 agosto la manifestazione svizzera con tanti protagonisti italiani.

Locarno Festival, a Meg Ryan il Leopard Club. Il programma ufficiale

Emanuele Sacchi cinemanews

Locarno Festival, a Meg Ryan il Leopard Club. Il programma ufficiale stata annunciata, in occasione della presentazione milanese di oggi del Locarno Festival, l'assegnazione del Leopard Club Award 2018 a Meg Ryan, che ricever il premio il 3 agosto in Piazza Grande. L'omaggio all'attrice sar accompagnato dalla proiezione del film In the Cut, e da un incontro con il pubblico del Festival. Regina incontrastata della commedia romantica made in Usa, ricorder il suo passato da fidanzatina d'America durante la proiezione di Insonnia d'amore (1993). Un'occasione, questo film, per stabilire una connessione con il regista al centro della retrospettiva di questa 71esima edizione: Leo McCarey, il cui Un grande amore ha ispirato la commedia di Nora Ephron. D'altra parte, sar proprio la risata catartica del cinema di McCarey a inaugurare la sezione pi rappresentativa del Festival, le proiezioni della Piazza Grande, con Stanlio e Ollio protagonisti di Liberty (1929), musicato dal vivo.
Sempre sullo schermo principale del Festival verr proiettata una serie TV, stabilendo una significativa prima volta che dice molto di quello che potr essere l'avvenire di questo genere di manifestazioni. Coincoin et les z'inhumains, produzione seriale d'autore, sar il preludio alla premiazione del regista francese Bruno Dumont, che ricever il Pardo d'Onore. Nelle altre serate verranno proposti come da tradizione titoli pi o meno impegnati, tra cui spiccano BlacKkKlansman di Spike Lee, gi premiato a Cannes, Blaze di Ethan Hawke, attore e regista, che ricever l'Excellent Award 2018, e Se7en di David Fincher, proiettato in onore di Kyle Cooper, a cui andr il Vision Award. Tra gli ospiti che saranno a Locarno figura anche l'attore premio Oscar Jean Dujardin (che accompagna I Feel Good di Benot Delpine e Gustave Kervern).
Torner al Festival, per omaggiare il fratello Vittorio, Paolo Taviani, che presenter la versione restaurata di Good Morning Babilonia. Anche Claude Lanzmann, scomparso il 5 luglio, verr ricordato, con la proiezione del suo lavoro pi celebre, il documentario Shoah.
Secondo quanto annunciato dal direttore artistico Carlo Chatrian, alla sua ultima edizione prima di ricoprire lo stesso ruolo alla Berlinale, il fil rouge tra le opere selezionate quest'anno sar quello delle storie private, con la loro capacit di farsi universali grazie al grande schermo. La complessit del presente verr rappresentata da vicende femminili come quelle raccontate in Concorso da Diane di Kent Jones, su una madre alle prese con la tossicodipendenza del figlio, e da Alice T. di Radu Muntean, storia dell'adozione di una bambina da parte di una donna che non pu avere figli e del rapporto tra le due. Proprio l'attenzione alla persona risulta essere il tema ricorrente di questa edizione, come confermano le parole di Chatrian: "Mi pare che mai come in quest'epoca le persone abbiano paura di guardare in faccia il prossimo. Si preferisce abbassare lo sguardo, farlo cadere su un piccolo monitor che non ci abbandona mai e che, come una coperta di Linus, ci copre il volto (...) Lo schermo allora diventa il luogo in cui il volto del prossimo ci guarda. E ci pone domande che non sono pi eludibili".
Il Concorso Internazionale riunisce potenziali scoperte e autori gi noti nel circuito festivaliero internazionale, come il sudcoreano Hong Sang-soo, che presenter in anteprima Hotel by the River. Faranno certamente discutere, il film della francese Yolande Zauberman M, ambientato in una comunit ultra-ortodossa in Israele, in cui una donna ha subito numerosi stupri e la storia dell'eretico Menocchio, raccontata da Alberto Fasulo, gi regista di Tir. Ispirata alla figura del mugnaio friulano Domenico Scandella, vissuto nel '500 e condannato a morte dall'Inquisizione, il nuovo film di Fasulo rappresenter l'Italia insieme ad altri 10 titoli, presentati nelle altre sezioni. Fasulo affronta con coraggio il dramma storico, riaprendo le dolorose pagine dell'epoca della Controriforma, durante la quale la Chiesa cattolica, minacciata da Lutero, fin per allontanarsi dal proprio originario spirito di tolleranza.
Nel Fuori Concorso troviamo Sembra mio figlio di Costanza Quatriglio, storia di un ragazzo fuggito dall'Afghanistan e alle prese con la propria identit, cos come l'ultimo film di Silvano Agosti, Ora e sempre riprendiamoci la vita, che prova a raccontare gli anni tra il '68 e il '78, un decennio decisivo per la storia recente italiana, attraverso i preziosi materiali di repertorio girati dallo stesso regista, e con le musiche di Nicola Piovani. Il cast di testimoni include Mario Capanna, Oreste Scalzone, Franco Piperno, il sindacalista Bruno Trentin; Bernardo Bertolucci, Alberto Grifi, Dario Fo e Franca Rame, Massimiliano Fuksas, Paolo Pietrangeli.
Nella sezione competitiva Signs of life troviamo invece, a gareggiare con registi del calibro di Eugne Green e Jlio Bressane il "nostro" Luca Ferri, che presenta la sua rilettura di Don Chisciotte Dulcinea, girata in 16 millimetri. Un nemico che ti vuole bene, di Denis Rabaglia, sar presentato in Piazza Grande che accoglier anche uno dei suoi interpreti, Diego Abatantuono, annuciato tra gli ospiti. E, a proposito di ospiti, L'Ospite di Duccio Chiarini sar proposto anch'esso in Piazza Grande e offrir uno sguardo originale e ironico sui rapporti umani al giro di boa dei 40 anni. Una riflessione "nomade", dal divano di un ospite all'altro, su come la vita sia una continua rivoluzione, in cui non si smette mai di rimettere ogni cosa in discussione. Likemeback, diretto da Leonardo Guerra Seragnoli, sar in Concorso tra i Cineasti del Presente e qui ritroveremo Blu Yoshimi, gi protagonista di Piuma, nei panni di una liceale in vacanza con due amiche. Completano la squadra italiana Frase d'arme di Federico Di Corato e My Home, In Libia di Martina Melilli.
La giuria del Concorso internazionale sar presieduta dal cineasta cinese Jia Zhang-ke. Gli altri membri sono lo scrittore francese Emmanuel Carrre, il cineasta statunitense Sean Baker, la collega italo-austriaca Tizza Covi e l'attrice italiana Isabella Ragonese. Alla guida della giuria del Concorso Cineasti del presente sar il regista Andrei Ujica, che si confronter con il cineasta britannico Ben Rivers e con l'attrice franco-svizzera Ltitia Dosch. Yann Gonzalez presieder la giuria dei Pardi di domani, composta dal nepalese Deepak Rauniyar e dalla portoghese Marta Mateus. Della giuria di Signs of Life faranno parte la direttrice di festival svizzera Emilie Bujs, il curatore statunitense Josh Siegel e la curatrice italiana Tiziana Finzi. Infine, la sezione First Feature stata affidata alla responsabile creativa e acquisizioni statunitense Funa Maduka, alla critica cinematografica tedesca Susan Vahabzadeh e al critico britannico Kieron Corless.
Ad anticipare l'inizio ufficiale della kermesse nella serata di Prefestival sar un cult come Grease (guarda la video recensione), che proprio quest'anno spegne 40 candeline, con gli iconici John Travolta e Olivia Newton-John, diretti da Randal Kleiser.

   

gioved 28 giugno 2018 - La commedia musicale For the Record ha scelto di omaggiare quest'anno il classico di Quentin Tarantino.

Pulp Fiction, a Los Angeles uno spettacolo di cabaret per festeggiare i 25 anni

Francesca Ferri cinemanews

Pulp Fiction, a Los Angeles uno spettacolo di cabaret per festeggiare i 25 anni Pulp Fiction spegne 25 candeline e Quentin Tarantino viene celebrato in un musical sulla sua storia e i suoi pi grandi successi. Si chiama For the record, la commedia musicale in stile cabaret che sar presentata dal 12 al 15 luglio in sei spettacoli al Wallis Annenberg Center for the Performing Arts di Beverly Hills a Los Angeles. Creato da Shane Scheel e Anderson Davis nel 2010, For the record ha reso omaggio alle icone del cinema, ripercorrendo scene memorabili e canzoni indimenticabili delle loro opere pi acclamate. John Hughes, Baz Luhrmann, i fratelli Coen, Paul Thomas Anderson, Martin Scorsese, Robert Zemeckis e Garry Marshall hanno gi avuto il loro tributo. Ora il turno di Tarantino, in occasione del 25 anniversario di Pulp Fiction. Evan Rachel Wood, che ha gi preso parte a For the Record: Dear John Hughes, interpreter The Blonde Fox, un personaggio a met tra Mia Wallace di Pulp Fiction e Beatrix Kiddo di Kill Bill, alla quale Uma Thurman aveva prestato il suo volto. Se l'attrice statunitense non ha mai lavorato per Tarantino, tuttavia, non la prima volta che i due si incontrano. Nell'agosto 2014 Rachel Wood era stata candidata per uno dei ruoli di The Hateful Eight, probabilmente quello poi affidato a Jennifer Jason Leigh, e lo scorso febbraio aveva fatto parlar di s, difendendo Uma Thurman che accusava Tarantino di averla messa in pericolo nelle riprese di una scena di Kill Bill.
Evan Rachel Wood, dunque, migliore attrice protagonista ai Golden Globe per Thirteen, sar accompagnata da Reeve Carney(il Dorian Gray della serie televisivaPenny Dreadful), nel ruolo di un personaggio ispirato a Vincent Vega, il protagonista dal volto di John Travolta in Pulp Fiction, e al Dr. King Schultz di Django Unchained. Ty Taylor, Dionne Gipson, Olivia Kuper Harris, Carrie Manolakos, TV Carpio, James Byous, Rogelio Douglas Jr. e Patrick Mulvey completeranno il cast. Sulle famose note di "Son of a Preacher Man", "Stuck in the Middle With You" o "Bang Bang" prender vita sul palcoscenico il celebre universo di Tarantino.

   

marted 26 giugno 2018 - Trasposizione cinematografica di un grande successo di Broadway. Recensione di Roy Menarini, legge Veronica Bitto.

Grease - Brillantina, la video recensione

A cura della redazione cinemanews

Grease - Brillantina, la video recensione Danny e Sandy sono due ragazzi della high school anni '50, innamorati con riserva. Lui fa il duro con i suoi amici, lei appare ingenua e perfettina. Le cose cambieranno, tra balli e scontri, fino a un finale rimasto nella memoria.Tratto da un famoso spettacolo teatrale, Grease il musical di maggior successo della storia del cinema. Pieno di canzoni che hanno superato le generazioni e di numeri musicali indimenticabili, questa colorata fantasia giovanile trova nella coppia John Travolta e Olivia Newton-John il duo pi affiatato dai tempi di Ginger e Fred. Grease un perfetto meccanismo di intrattenimento, che sotto il pastiche nostalgico nasconde un'analisi tutt'altro che superficiale delle schermaglie senza tempo tra ragazzi e ragazze. Un film giustamente epocale.
In occasione dei 40 di Grease (guarda la video recensione), in programma al Cinema Ritrovato di Bologna il 1 luglio alle 21:45, Veronica Bitto interpreta la recensione di Roy Menarini.

   

Altre news e collegamenti a John Travolta »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità