MYmovies.it
Advertisement
Gotti, la parabola criminale di un boss inafferrabile (o quasi)

Nella scelta del Cinema di Sky, il biopic con John Travolta nei panni elegantissimi del leader di Cosa Nostra a New York tra gli anni Ottanta e Novanta.
di Alessandro Buttitta

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
John Travolta (John Joseph Travolta) (65 anni) 18 febbraio 1954, Englewood (New Jersey - USA) - Acquario. Interpreta John Gotti nel film di Kevin Connolly Gotti - Il Primo Padrino.
lunedì 17 giugno 2019 - Sky

In una delle scene più riuscite di Gotti, in prima visione su Sky Cinema Uno da lunedì 17 giugno alle 21.15, disponibile anche on demand, si vede il celebre boss mafioso in carcere. Accanto a sé, in un colloquio privato, ha tutta la famiglia: ci sono la moglie, ci sono i figli. Uno di questi confida con entusiasmo al padre che per Halloween ha intenzione di vestirsi da poliziotto. Il criminale, al quale dà il volto un convincente John Travolta, cambia espressione: tolto il sorriso, diventa furente. Mai nessuno della sua famiglia dovrà indossare divisa e distintivo.

La sequenza fa comprendere molto dell'uomo John Gotti, leader di Cosa Nostra a New York tra gli anni Ottanta e Novanta, divenuto celebre nel mondo dei media per l'eleganza nell'abbigliamento e per la capacità di dribblare le innumerevoli accuse giudiziarie nei suoi confronti. Personaggio riconoscibilissimo nella Grande Mela, si guadagnò persino le attenzioni del prestigioso 'Time' che per l'occasione chiamò Andy Warhol per firmarne il ritratto. Era il settembre 1986. Qualche anno dopo, al termine di un processo molto seguito dagli americani, sarà condannato all'ergastolo. Morirà di cancro il 10 giugno 2002. Ai funerali, celebrati in grande stile, parteciperanno migliaia e migliaia di persone.

Il film diretto da Kevin Connolly (Gardener of Eden - Il giustiziere senza legge) ripercorre la parabola criminale di Gotti, focalizzandosi sugli eventi centrali della sua esistenza: la scalata al potere nella famiglia Gambino; il rapporto con la moglie Victoria; la morte a dodici anni di Frank, uno dei suoi figli; il tradimento da parte del suo uomo di fiducia; la condanna che pone fine al suo impero.
Alessandro Buttitta

Per John Travolta era difficile mettersi alle spalle la performance di Armand Assante, volto del padrino mafioso in un celebre film tv targato HBO, molto amato sia dal pubblico che dalla critica a stelle e strisce. Trasmesso negli Stati Uniti nel 1996, vincitore di numerosi premi, Gotti aprì la strada per certi versi all'epopea televisiva de I Soprano. Non a caso molti interpreti del suo cast - Tony Sirico, Vincent Pastore, Dominic Chianese, Frank Vincent - furono poi scelti per far parte della serie di David Chase con protagonista James Gandolfini.

Tuttavia, caricandosi sulle spalle l'intero film, reggendo da solo una trama non senza imperfezioni, Travolta dà credibilità, carisma e autorevolezza al boss di New York. È il buon padre di famiglia che mette moglie e figli al primo posto; è il criminale che accumula ricchezze su ricchezze schierandosi sempre al fianco del popolo; è lo stratega che riesce a scalare posizioni di potere con audacia e gran furbizia; è il capo dei capi che riesce a destreggiarsi tra le maglie della legge; è il delinquente che sa come affrontare ogni tipo di situazione.

I molteplici aspetti di John Gotti vengono restituiti al meglio da Travolta, qui artefice di una delle prove più convincenti degli ultimi anni. Nonostante ciò in questo gangster movie lo sguardo verso il protagonista talvolta è troppo accondiscendente: si sorvola su molti dei suoi crimini di sangue; si omettono le sue tante attività legate al racket e alla gestione della prostituzione; si balbetta sul suo ruolo effettivo nei loschi traffici in cui è coinvolto. Viene però approfondito il profilo psicologico di un uomo che vive e fa morire per il potere e per il denaro, evidenziando le conseguenze familiari delle sue decisioni.

"Questo film, a cui tenevo molto, mi ha permesso di interpretare un uomo controverso e sfaccettato", ha raccontato Travolta in fase di presentazione. "Gotti è stato un buon padre di famiglia, affettuoso, molto presente, colpito dalla morte del figlio. È stato però anche un criminale spietato, in grado di uccidere a sangue freddo".

Interessanti le scelte del cast, a partire da Kelly Preston. L'attrice, che nella vita reale è sposata con John Travolta, interpreta Victoria, la moglie di John Gotti. Da segnalare infine le presenze di Stacy Keach (Prison Break, American History X), Spencer Lofranco (Unbroken, King Cobra), William De Meo (I Soprano, Un boss sotto stress), Pruitt Taylor Vince (La leggenda del pianista sull'oceano) e Chris Mulkey (Whiplash, Boardwalk Empire).


SCOPRI LA PROGRAMMAZIONE DI SKY
In foto una scena del film Gotti.
In foto una scena del film Gotti.
In foto una scena del film Gotti.
news correlate

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati