Dizionari del cinema
Quotidiani (3)
Periodici (2)
Miscellanea (4)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
venerdì 7 maggio 2021

Clint Eastwood

L'uomo della polvere

Nome: Clinton Eastwood Jr.
90 anni, 31 Maggio 1930 (Gemelli), San Francisco (California - USA)
occhiello
Non voglio aver bisogno di te perché non posso averti…
dal film I ponti di Madison County (1995) Clint Eastwood  Robert Kincaid
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Clint Eastwood
Critics Choice Award 2009
Nomination miglior attore per il film Gran Torino di Clint Eastwood

Premio Oscar 2005
Nomination miglior attore per il film Million Dollar Baby di Clint Eastwood

Premio Oscar 1993
Nomination miglior attore per il film Gli spietati di Clint Eastwood



Dopo Sully e Ore 15:17 - Attacco al treno, il regista punta sulla storia di una guardia di sicurezza considerata eroe e poi accusata di essere complice di un attentato. Al cinema.

Richard Jewell, una vicenda da cinema civile che chiude la trilogia di Eastwood sui veri eroi americani

sabato 18 gennaio 2020 - Andrea Fornasiero cinemanews

Richard Jewell, una vicenda da cinema civile che chiude la trilogia di Eastwood sui veri eroi americani Tratto da una storia vera, e in particolare da un articolo di Vanity Fair che la raccontava già nel 1997, Richard Jewell (guarda la video recensione) completa la trilogia di Clint Eastwood dedicata ai veri eroi americani iniziata con Sully ed è probabilmente il migliore dei tre capitoli.
 

Se già Sully era un’opera riuscita dove il protagonista interpretato da Tom Hanks compiva un gesto eroico che però lo metteva al centro di un’indagine, in cui la compagnia aerea cercava di fare i propri interessi anziché gratificare il pilota, in Richard Jewell è nientemeno che il governo degli Stati Uniti, attraverso l’FBI, a dimostrarsi irriconoscente verso l’eroe.
Andrea Fornasiero, MYmovies.it
Richard, a differenza di Sully non è del resto un esperto pilota, bensì un uomo qualunque con l’ossessione per la legge e l’ordine, una fissazione che l’ha reso così zelante in passato da fargli perdere vari posti di lavoro. È questa stessa forma mentis a fargli notare ogni dettaglio, quindi pure il pacco bomba che lo porterà a dare il suo salvifico allarme, ma appena iniziano le indagini gli si rivolta contro perché corrisponde al profilo del “falso eroe/attentatore solitario”.

L’FBI, in assenza di altre piste, si fissa su di lui e i media ci vanno a nozze sbranando il povero innocente, che dalla sua ha solo la madre (Kathy Bates) e un amico avvocato, interpretato da un ottimo Sam Rockwell, che incarna il ruolo di uomo di legge eccentrico e indipendente con scioltezza e understatement. Il paradosso della persecuzione di Jewell vede al centro un uomo che vuole credere nella legge a tutti i costi, che cerca di essere amico persino di chi entra a perquisire casa sua e non sembra mai arrabbiarsi, nemmeno quando diventa chiaro che gli agenti dell’FBI giocano sporco per incastrarlo. L’avvocato è così per metà esasperato dagli atteggiamenti di Richard e per l’altra metà abbastanza paziente da attendere che arrivi, finalmente, la goccia che farà traboccare il vaso.

Questa insolita dinamica aggiunge un gradito tocco di ironia, e quindi di umanità, a una vicenda da cinema civile, rendendo il film più agile del pur buon Sully nonostante le oltre due ore di durata. E sicuramente si tratta di un’operazione più riuscita del capitolo di mezzo della trilogia, Ore 15:17 - Attacco al treno (guarda la video recensione), che nel suo tentativo di voler essere del tutto vero, finiva invece per sembrare più finto. Dalle parti del reenactment più che del cinema, lo ricordiamo come uno dei pochi passi falsi della carriera di Eastwood.

Va anche però ricordato che Eastwood, e con lui lo sceneggiatore Billy Ray, hanno commesso un grave errore in Richard Jewell. Uno dei protagonisti è la giornalista del “Atlanta-Journal Constitution” Kathy Scruggs, interpretata da Olivia Wilde e realmente esistita: per larga parte del film è lei la più spregevole e a un certo punto ottiene un’informazione attraverso uno scambio di favori sessuali con una sua fonte. Questa scena ha mandato su tutte le furie la redazione presso cui Kathy lavorava (la donna è morta nel 2001) e la polemica ha travolto il film, accusato di commettere esattamente l’errore che vuole stigmatizzare: un “character assassination”, ossia una pesante diffamazione. Visto che Eastwood non ha nemmeno usato la cautela di uno pseudonimo, è difficile scusarlo.
D’altra parte la polemica riguarda in fondo una singola scena che, sì, inventa e denigra gratuitamente la deontologia della giornalista ma non cambia la sostanza dei fatti: Scruggs fu la prima a dare la notizia avviando appunto la persecuzione di Jewell. Insomma nell’economia del film ha poco peso e non cambia le cose, anche se lascia il retrogusto amaro di una scorrettezza che oltretutto poteva facilmente essere evitata. 

Eastwood qui continua la collaborazione con il musicista americano-cubano Arturo Sandoval, iniziata con il precedente Il corriere – The Mule (guarda la video recensione), e la sinergia tra i due è tale che il film sembra musicato dallo stesso regista.

Ma vogliamo spendere le ultime parole sul protagonista Paul Walter Hauser, attore fattosi notare nella serie Kingdom e nel film Tonya (guarda la video recensione). Nei precedenti tentativi di adattamento di questa storia il suo ruolo sarebbe dovuto andare a Jonah Hill, che è rimasto come producer insieme a Leonardo DiCaprio, ma Walter Hauser, oltre ad assomigliare in modo impressionante al vero Jewell, offre un’interpretazione che non fa rimpiangere nessuna star: è ossessivo e ridicolo ma al tempo stesso è sua la profonda e umana dignità che sostiene il film. 

Lancia Celebration of Lives Award al grande regista.

Biografilm Festival: la video intervista a Clint Eastwood

giovedì 10 giugno 2010 - a cura della redazione cinemanews

Biografilm Festival: la video intervista a Clint Eastwood Anche quest'anno, in occasione del Biografilm Festival, il Lancia Celebration of Lives Award ha premiato la carriera di un autore contemporaneo che ha regalato al genere biografico opere straordinarie. A stringere il premio ieri, è stato l'attore e regista Clint Eastwood, il quale in questa video intervista realizzata dalla moglie Dina Ruiz, racconta l'inizio della sua carriera, il suo rapporto con Sergio Leone e con l'Italia, ma soprattutto analizza la sua passione per le biografie. I ricordi del regista offrono un chiaro affresco del cinema italiano dei primi anni Sessanta visto con gli occhi curiosi di un giovane attore americano che mette piede, per la prima volta, in Paesi mai visti prima. È la narrazione di un'esperienza che Eastwood definisce splendida nonostante le molte difficoltà incontrate, a partire dalle barriere linguistiche.

   

La riscoperta di tre eroi.

Eastwood, Connery, Wayne: eroi del dvd

lunedì 8 settembre 2008 - Pino Farinotti cinemanews

Eastwood, Connery, Wayne: eroi del dvd Il dvd sta riproponendo nuove serie che poi nuove non sono, e questo è interessante. In edicola parte una proposta su Sean Connery; la Warner ripresenta, in edizione preziosa, tutti e cinque i titoli dell'ispettore Callaghan, con Clint Eastwood; ancora in edicola stanno uscendo alcuni dei titoli fondamentali con John Wayne. Le ragioni per queste scelte editoriali sono molte, legate a variabili magari complesse, ma la prima opzione naturalmente è il marketing, dunque il gradimento, e quei tre nomi sono in testa a quella hit parade, per numero di titoli e per gradimento, appunto. Il segnale va rilevato: nel mezzo di tanta proposta, nella televisione, fra fiction più o meno sentimentali e banali, fra film violenti o tristi o "effettistici", il mercato del dvd, che è sempre più importante in termini di numeri e che dunque sempre più rappresenta la scelta popolare, riscopre l'eroe. Eastwood è del '30, come Connery. Nasce come eroe, certo non senza macchia, del nuovo western di Leone che diede indicazioni che cambiarono il genere. E anche diretto da altri, il "westerner" di Clint aveva sempre quella personalità. Terminata quella stagione, in qualche modo Eastwood non volle dilapidare quell'eredità e continuò a operare, questa volta in un ambiente che non erano i boschi, le pianure o le rocce, ma a San Francisco nei panni dell'ispettore Callaghan che altri non è che uno sceriffo metropolitano. Quando Callaghan ha di fronte un criminale non sta a leggergli i suoi diritti, lo ammazza ritenendo di fare un favore alla collettività. Nel west si faceva così.

Il Corriere - The Mule

Il Corriere - The Mule

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,94)
Un film di Clint Eastwood. Con Clint Eastwood, Bradley Cooper, Laurence Fishburne, Michael Peña, Dianne Wiest.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2018. Uscita 07/02/2019.
Il buono, il brutto, il cattivo

Il buono, il brutto, il cattivo

* * * * -
(mymonetro: 4,17)
Un film di Sergio Leone. Con Clint Eastwood, Lee Van Cleef, Eli Wallach, Luigi Pistilli, Rada Rassimov.
continua»

Genere Western, - Italia, Spagna 1966. Uscita 17/07/2014.
Per qualche dollaro in più

Per qualche dollaro in più

* * * * -
(mymonetro: 4,03)
Un film di Sergio Leone. Con Clint Eastwood, Gian Maria Volonté, Lee Van Cleef, Mara Krupp, Luigi Pistilli.
continua»

Genere Western, - Italia 1965. Uscita 03/07/2014.
Per un pugno di dollari

Per un pugno di dollari

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,79)
Un film di Sergio Leone. Con Clint Eastwood, Gian Maria Volonté, Marianne Koch, Wolfgang Lukschy, Sieghardt Rupp.
continua»

Genere Western, - Italia 1964. Uscita 19/06/2014.
Di nuovo in gioco

Di nuovo in gioco

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,88)
Un film di Robert Lorenz. Con Clint Eastwood, Chelcie Ross, Raymond Anthony Thomas, Ed Lauter, Amy Adams.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2012. Uscita 29/11/2012.
Filmografia di Clint Eastwood »

domenica 18 aprile 2021 - La 16ma edizione apre con una selezione di film imperdibili e altri numerosi eventi in streaming. ACCEDI GRATIS AL FESTIVAL. 

Los Angeles, Italia su MYmovies, al via con il concerto omaggio a Ennio Morricone

a cura della redazione cinemanews

Los Angeles, Italia su MYmovies, al via con il concerto omaggio a Ennio Morricone L’ormai classica kermesse Los Angeles, Italia – Film, Fashion and Art Festival, promossa con il Ministero della Cultura (Dg Cinema e Audiovisivi) e Intesa Sanpaolo, sarà in programma (sino alla vigilia degli Oscar, domenica 25 aprile) tra l’Hollywood Chinese Theatre, le piattaforme Eventive.org e MYmovies.it (disponibili numerosi eventi e una ricca selezione di titoli in streaming) ed i social media della manifestazione (losnnagelesitalia.com, Facebook, Instagram e YouTube).

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO

Ad aprire i battenti ci sarà il concerto in streaming di Andrea Morricone (il figlio del grande compositore Ennio), e di Andrea Griminelli che inaugurerà oggi alle 18.00 (ora italiana). Si tratta di un vero e proprio tributo a Ennio Morricone.
L'attesa performance di Morricone Jr e del celebre flautista (momento clou della sezione ‘The Italian Masters’, che prevede anche il premio “L.A., Italia Legend Award” a Sophia Loren) coinvolgerà tutta la settimana tanti amici e fan del leggendario compositore romano, Premio Oscar 2016.
Primi tra tutti Clint Eastwood (a cui era legato dalle esperienze nei film con Sergio Leone), Quentin Tarantino che lo volle nel suo ultimo film The Hateful Eight (guarda la video recensione) e, a poche ore dall’Oscar nel 2016, gli consegno’ la "Stella sulla Walk of Fame” insieme a Pascal Vicedomini, e l’altrettanto leggendario musicista Quincy Jones (che era solito chiamare Morricone "Fratellino").

Tra gli appuntamenti imperdibili della prima giornata di programmazione segnaliamo il mediometraggio Leher - The Wave of Empowerment (in streaming oggi, dalle 3.00 dopo mezzanotte) che mostra con grande onestà le battaglie di un gruppo di persone che è riuscito a sfuggire alla crudeltà degli attacchi con l'acido nei sobborghi della società indiana. Ma sono tanti i medio e cortometraggi che mostreranno le contraddizioni della società italiana, anche durante il lockdown (tra questi Chronicle of the Absencein streaming dalle 1.00 dopo mezzanotte). E non solo dentro i confini del paese. Oggi infatti la proposta per gli spettatori italiani prevede una selezione di 12 opere.
 
E sarà Pinocchio (guarda la video recensione) di Matteo Garrone (candidato agli Oscar per i costumi di Massimo Cantini Parrini ed il trucco e parrucco di Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti) il film con cui, alle 4 del pomeriggio di Los Angeles, si riapriranno le porte del Chinese Theatre e con esso delle sale cinematografiche internazionali per le opere italiane. L'appuntamento imperdibile per gli spettatori italiani è alle ore 20.00 (ora italiana) con la diretta Pinocchio sbarca a Hollywood, un incontro con Matteo Garrone, Federico Ielapi e Massimo Cantini Parrini.A seguire La vita davanti a sé anticipato dal premio al regista Edoardo Ponti, per il quale Laura Pausini è candidata all’Oscar per la miglior canzone dell’anno ("Io sì-Seen") insieme agli autori Diane Warren e Niccolò Agliardi. Tra gli altri film in cartellone a Hollywood: Fatima di Marco Pontecorvo, Notturno di Gianfranco Rosi (opera che ha rappresentato l’Italia agli Academy Awards), Deux di Filippo Meneghetti, (in corsa per la Francia), The Man Who Sold His Skin con Monica Bellucci (opera tunisina in corsa per l’Oscar al Best International Film), La veduta luminosa di Fabrizio Ferraro (presentato a Berlino 2021), insieme ai film super-candidati ai David di Donatello Favolacce (guarda la video recensione) dei fratelli d’Inncenzo e Volevo nascondermi (guarda la video recensione) di Giorgio Diritti. E poi, I predatori di Pietro Castellitto (vincitore sezione collaterale Venezia 2020), Fellini degli spiriti di Anselma dell’Olio, Recon (anteprima con Franco Nero), Lasciami andare di Stefano Mordini, Paolo Conte – Via con me di Giorgio Verdelli (successo internazionale dopo Venezia 2020), Extraliscio di Elisabetta Sgarbi.

Tra gli omaggi al cinema italoamericano la proiezione speciale The Comeback Trail (con Robert De Niro, Morgan Freeman, Tommy Lee Jones) di George Gallo. E per l’animazione Puffins e Arctic Friends (le nuove serie prodotte da Iervolino Ent.). Ulteriori proiezioni (per un totale di 163 opere tra lungometraggi, documentari e corti, per lo più inediti) saranno disponibili esclusivamente per la platea virtuale americana: tra queste Natale in casa Cupiello di Edoardo De Angelis (dall’omonima commedia di Eduardo De Filippo), Isola di Elisa Fuksas, Tintoretto - L’artista che uccise la pittura di Erminio Perocco, La regola d’oro di Alessandro Lunardelli (costumi di Massimo Cantini Parrini candidato all’Oscar). E anche una mini-retrospettiva di Ivan Cotroneo e Alessandro D’Alatri tra film e fiction.

E poi, per la sezione The Italian Masters, a cura di Minerva Pictures e MovieItaly, omaggi a Bernardo Bertolucci (Il conformista), Pier Paolo Pasolini (Medea), Roberto Rossellini (Il generale della Rovere), Luchino Visconti (Bellissima), Luigi Comencini (Il gatto), Luigi Zampa (Il medico della mutua). La cultura italiana sarà protagonista anche con focus sulle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri con Pupi Avati, che sta lavorando a un film sul sommo poeta, e Luca Sommi; e su Caravaggio con Vittorio Sgarbi e Michele Placido, autore di un atteso film sul celebre artista protagonista Riccardo Scamarcio.

Los Angeles, Italia 2021, presieduto dal premio Oscar Nick Vallelonga (Green Book (guarda la video recensione)) e dal produttore Andrea Iervolino, è promosso anche col patrocinio del Ministero degli Esteri e la partecipazione di Rai Cinema, Rai Com, Rainbow, Iervolino Entertainment, Isaia, nonché di Anica, Apa, del Consolato Generale d'Italia a L.A., ICE, Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles e Rai Italia.

   

Altre news e collegamenti a Clint Eastwood »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Lei mi parla ancora
Genesis 2.0
giovedì 1 aprile
Il concorso
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
mercoledì 10 marzo
Lezioni di Persiano
martedì 9 marzo
Waiting for the Barbarians
Tuttinsieme
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità