Mystic River

Film 2003 | Drammatico 137 min.

Regia di Clint Eastwood. Un film Da vedere 2003 con Sean Penn, Tim Robbins, Kevin Bacon, Laurence Fishburne, Marcia Gay Harden, Laura Linney. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2003, durata 137 minuti. - MYmonetro 4,25 su 101 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mystic River tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Clint Eastwood ci regala ancora una volta un thriller che cerca il proprio equilibrio sugli stati d'animo interiori lasciando totalmente da parte i colpi di scena classici. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto 2 Premi Oscar, 1 candidatura a David di Donatello, 5 candidature e vinto 2 Golden Globes. In Italia al Box Office Mystic River ha incassato 5,7 milioni di euro .

Passaggio in TV
lunedì 23 aprile 2018 ore 23,32 su IRIS

Mystic River è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,25/5
MYMOVIES 4,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,94
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un thriller ad alta densità psicologica.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Stati Uniti negli anni Sessanta. Un bambino viene prelevato da un uomo molto autoritario e portato via con un'auto. Verra' violentato e poi riuscira' a fuggire. Due suoi compagni scampano alla stessa sorte. Oggi. L'uomo ha un figlio che ama. I suoi due amici sono divenuti uno un poliziotto e l'altro un commerciante. Un giorno la figlia diciannovenne di quest'ultimo viene trovata massacrata e i sospetti piano piano ricadono proprio sull'ex bambino violentato. Clint Eastwood ci regala ancora una volta un thriller che cerca il proprio equilibrio sugli Stati d'animo interiori lasciando totalmente da parte i colpi di scena classici. Trova in Sean Penn e in Tim Robbins due interpreti ideali. In particolare il primo che riesce a conferire al personaggio del padre dilaniato dal lutto una profondita' e una complessita' di accenti ormai rare anche nel cinema americano.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Recensione di Davide Morena
venerdì 31 ottobre 2003

Ci siamo abituati davvero male al cinema hollywoodiano.
Se un tempo parlare di "cinema europeo", di "cinema orientale" o di "cinema americano" significava semplicemente individuare una marca stilistica piuttosto che un'altra, poco più che piantare dei segnali per muoverci all'interno di un flusso in realtà ben poco distinto e frammentato, oggi i contorni si sono fatti molto più netti. Come continenti alla deriva i luoghi di produzione cinematografica si sono allontanati tra loro, si sono isolati, hanno percorso storie ed evoluzioni diverse. Basti pensare al fenomeno dei remake che tanto Hollywood quanto Bollywood fanno l'uno dei film dell'altro: i produttori avvertono l'esigenza di dare al "proprio" pubblico un prodotto ad esso più congeniale, un prodotto "normalizzato". I film - a parere dei produttori - non basta più tradurli dal punto di vista linguistico, vanno tradotti nella forma, nel contesto, nell'ambientazione, nei valori che ispirano i personaggi e nell'ottica di chi li andrà vedere. Vanno rifatti. È per questo motivo che il protagonista latino benestante di Abre los ojos non è credibile agli occhi dello spettatore medio occidentale, e perciò bisogna farlo diventare uno W.A.S.P. con tanto di complesso edipico e faccia da Tom Cruise in Vanilla sky - sempre a parere di produttori che danno per scontata l'esistenza dello "spettatore medio". Perciò il cinema americano ha assunto nella nostra concezione una connotazione ben specifica, e ci aspettiamo da esso quanto esso ci ha sempre offerto. Il primo commento che ho sentito alla fine di Mystic River è stato "non mi è piaciuto, è un'americanata". Come se un film americano potesse in qualche modo non essere americano.
Siamo abituati male al cinema di Hollywood perché siamo sicuri che ogni film lì prodotto abbia bisogno di effetti speciali, di risvolti imprevedibili della sceneggiatura, di happy ending, per tenerci a bocca aperta davanti allo schermo per due ore e venti.
E allo stesso modo siamo abituati male perché gridiamo al miracolo ogni qualvolta un filmaker americano usa un linguaggio filmico che va in controtendenza rispetto al canone.
Siamo abituati male perché vedendo un film dobbiamo rintracciarvi un'affiliazione: è un film che segue il canovaccio delle produzioni hollywoodiane o lo contesta e se ne distacca?
Guardando Mystic River viene il sospetto che esista un cinema americano, fatto tanto da giovani appassionati quanto da leggende viventi di nome Clint Eastwood, che sinceramente se ne infischia di fare o non fare un certo tipo di film; che non se lo chiede se vuol lanciare un messaggio che sia pro o contro lo status quo. Che nemmeno ci pensa a lanciare un messaggio.
Viene il sospetto che certe storie, semplici ma che ci rapiscono e non ci lasciano più andare, possano essere nate davvero dalle esperienze e dalla fantasia di chi ce le racconta e non all'interno del fiume autoreferenziale della narrativa - di ogni tipo - contemporanea.
Viene il sospetto che l'America, aldilà del fatto che sia un posto bello o brutto, innocente o criminale, buono o cattivo, sia anche un posto dove gente vera vive vite vere, fa cose tutto sommato non grandiose e poi muore. E in mezzo a questa gente c'è qualcuno che ha il talento di raccontare storie, di raccontare il proprio mondo, né bello né brutto: il proprio mondo e basta.
Viene il sospetto che negli Stati Uniti ci sia spazio e fermento per qualcosa che, non senza un brivido, potremmo un giorno chiamare "neorealismo americano". Mystic River è un film sincero e spregiudicato, che racconta senza isterismi una storia allucinante, come fanno al bar gli amici dopo il lavoro. Immune dall'ossessione da documentario tanto in voga in questi giorni, Eastwood non ha l'intento di raccontare una storia vera attraverso i volti di esordienti, perciò si affida senza timore ad un cast di attori di fama e spessore indiscussi per realizzare questo capolavoro: il bravo Kevin Bacon, il magnifico Tim Robbins e uno Sean Penn che se già era grande, con Mystic River è divenuto un gigante.
La storia ha un retrogusto italiano e, non a caso forse, richiama il pluripremiato La stanza del figlio di Moretti, nella prima parte, e l'Abel Ferrara - che di cinema italiano se ne intende - più ossessionato nella seconda. Una trama che parte come mille altre ma che lentamente si insinua sotto la nostra pelle, lasciandoci capire tutto quello che succederà, mettendoci però addosso la smania di sentirlo raccontare fino in fondo. Le cose non vanno complicandosi in sottotrame sempre più fitte e intricate, come ci aspetteremmo, ma vanno chiarendosi in un modo che le rende ancor più agghiaccianti: quando dovremmo scoprire chi sono i buoni e chi sono i cattivi, scopriamo che sono, banalmente, tutti buoni e tutti cattivi (soprattutto cattivi). Drammaticamente normali.
Mystic River, ventiquattresimo film di Clint Eastwood, lascia in bocca l'amaro che già avevamo provato col meraviglioso Un mondo perfetto, misto allo stupore che si prova quando si assiste ad uno spettacolo monumentale: un gusto particolare che capita di provare tanto raramente e forse per questo è impossibile da dimenticare.

Sei d'accordo con Davide Morena?
Recensione di Stefano Lo Verme

Jimmy Markum, Sean Devine e Dave Boyle sono tre uomini cresciuti insieme in un quartiere operaio di Boston; la loro infanzia era stata segnata dal rapimento di Dave, vittima delle violenze di due pedofili. Venticinque anni dopo, i loro destini si intrecciano nuovamente quando la figlia adolescente di Jimmy, Katie, viene trovata uccisa; Sean, diventato un poliziotto, si occupa delle indagini, mentre Dave è fra i sospettati dell'omicidio... Il veterano Clint Eastwood porta sul grande schermo il romanzo La morte non dimentica di Dennis Lehane, realizzando uno dei suoi film più cupi e disperati, un autentico capolavoro firmato dal regista de Gli spietati. Sceneggiato da Brian Helgeland (L.A. Confidential) ed interpretato da un cast d'eccezione, Mystic River prosegue quel viaggio negli abissi più profondi dell'animo umano già intrapreso da Eastwood nei suoi titoli precedenti, permettendogli di tracciare un affresco impietoso della condizione dell'individuo nel deserto della morale tipico della società contemporanea, in cui i limiti fra Bene e Male si fanno sempre più labili e incerti, e non esiste più alcuna differenza fra giustizia e vendetta. Una vera e propria tragedia moderna nella quale non c'è un Dio in grado di offrire una possibilità di redenzione, né tantomeno un fato capace di dare un senso all'orrore e alla sofferenza. Gli eventi narrati dal film hanno luogo a East Buckingham, un sobborgo proletario della città di Boston, nel Massachussets, bagnato dalle acque del fiume menzionato nel titolo. Nel breve prologo iniziale ci viene raccontato l'antefatto delle vicende: un episodio drammatico che scaverà un solco nelle esistenze dei tre protagonisti, sancendo il termine dell'infanzia e la fine dell'età dell'innocenza. Il tempo passa, e venticinque anni dopo ritroviamo gli stessi personaggi alle prese con le proprie vite da adulti, ma ancora gravati dall'ombra di un passato dal quale sembra impossibile liberarsi; un passato che torna prepotentemente a galla la notte in cui la figlia diciannovenne di uno di loro, Katie Markum (Emmy Rossum), viene barbaramente uccisa, gettando nel dolore suo padre Jimmy (Sean Penn). Da questo momento in poi, Mystic River diventa un giallo serrato nel quale alla ricerca dell'assassino, condotta dal detective Sean Devine (Kevin Bacon), si affiancano una catena di dubbi e sospetti che hanno per oggetto il terzo membro dell'ex-gruppo di amici, Dave Boyle (Tim Robbins).
In parte film poliziesco, in parte thriller psicologico, Mystic River trascina lo spettatore in una spirale di odio e di violenza che si concluderà con il più sanguinoso ed amaro degli epiloghi, in un finale straziante e privo di catarsi in cui, mentre la città è impegnata a festeggiare la parata del Columbus Day, i vari personaggi dovranno fare i conti con se stessi e con il peso delle proprie azioni. La regia lucida e controllata di Eastwood, autore anche della colonna sonora, dà un taglio decisamente realistico alla pellicola (caratterizzata dai toni notturni della fotografia di Tom Stern) e fa un ampio uso dei primi piani per mettere in risalto le prove degli interpreti; primi fra tutti un superlativo Sean Penn, vincitore del premio Oscar e del Golden Globe come miglior attore, e un altrettanto bravo Tim Robbins, premiato con l'Oscar come miglior attore supporter per il suo tormentato ritratto di Dave. Completano il cast Laurence Fishburne e, nei ruoli delle rispettive mogli dei due protagonisti, Laura Linney e l'eccellente Marcia Gay Harden.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
MYSTIC RIVER
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 29 luglio 2010
RONGIU

Il nostro è un mondo malato e senza via di scampo, a meno che...a meno che non inizi a riflettere un pochino con la tua testa, senza lasciare agli altri la possibilità di pulirti la mente magari con l’acqua di un fiume o con tv spazzatura. “Mustyc River”. Che strano titolo per un film, non certo per la storia che di mistico non ha proprio niente.

mercoledì 9 dicembre 2009
Gianni B.

Il film l'ho appena visto e mi pare senza dubbio all'altezza del miglior cinema che si possa desiderare di vedere. Il cast di attori è notevole, la regia impeccabile, solo la sceneggiatura mi pare il lato debole, per questo non ho dato 5 stelle. Mi sembra altamente improbabile - se non quasi impossibile - che nella stessa notte, nella stessa città, alla stessa ora, nella stessa famiglia - Dave e Jimmy [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 marzo 2013
ShiningEyes

“Mystic River” è un film veramente molto drammatico, uno di quei film che rappresentano tutte le peculiarità del genere. Vedendo questo film si singhiozza, si piange e il cuore ti si comprime fino a far starti male; merito di una ambientazione crepuscolare e di un'atmosfera decisamente deprimente e triste, che vede un contesto di traumi infantili riscoperti, che aprono vecchie ferite da scelte difficili [...] Vai alla recensione »

sabato 25 giugno 2011
Bella Earl!

Grandissimo film che si avvale della partecipazione di grandi nomi del cinema mondiale. Clint Eastwood grazie alla sua fama e alla sua enorme bravura come regista mette insieme per questo strepitoso rifacimento di un libro (appunto "Mystic River") un cast stellare che ritrova, appunto, al suo interno nomi come Sean Penn e Kevin Bacon. La regia di questo film è grandiosa e porta la [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 aprile 2009
ALESSANDRA VERDINO

Dopo che si é assistito alla proiezione del film "Mystic River" di Eastwood, tratto, magnificamente, dal romanzo di Dennis Lehane, si ci può chiedere: "La vita ha un senso?" E' una domanda difficile da rispondere. Un senso lo ha sempre anche se, talvolta, é quasi impossibile capirlo. "Mystic River" é il capolavoro dei capolavori. Duro, serrato, intenso, intriso di domande sulla vita, sul modo di [...] Vai alla recensione »

sabato 11 febbraio 2012
Paolo Assandri

Il Mystic scorre e lava via i peccati di un’America da bassofondo, le vittime, i cadaveri. Un film che accarezza più generi senza mai preferirne uno. Critica spietatamente la famiglia americana, composta di madri inerti, passive, anaffettive, crudeli e di padri che lasciano soli i propri figli morendo o fuggendo (Solo Ray Harris, che inizialmente si pensava fuggito, Dave), non riescono [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 aprile 2012
Nicolaica

 Mystic River di Clint Eastwood. (2003) La scena   si apre con tre ragazzini che giocano a baseball , scrivono i loro nomi sul cemento. Improvvisamente arriva un uomo che finge di essere un poliziotto.  Ne rapisce uno e ne abusa insieme al suo compagno.  Alla fine il ragazzo riesce a scappare, ma ne rimarrà segnato per sempre come i suoi amici.

martedì 21 settembre 2010
weachilluminati

Bene, Clint Eastwood analizza l'atrocità di un'atto di pedofilila . Parla degli effetti distruttivi  di questo accaduto su tre ragazzini e sul loro seguito di vita. Film drammatico, quasi disperato. Sembra il regista usare una tecnica innovativa di ripresa: uscire dallo schema di una regia pervadente e lasciare scorrere liberamente  la recitazione  ,senza troppa ingerenza. [...] Vai alla recensione »

sabato 3 gennaio 2015
Valerypto

Ho quasi paura a recensire questo film, il mio preferito del regista. Mi ha catturato fin dalla prima visione al cinema, e continua ad emozionarmi ogni volta che lo riguardo, ma temo che le mie parole possano essere inadeguate ad esprimere un qualsiasi concetto che spieghi un capolavoro. Ma con molta umiltà ci proverò. Non a spiegare, no.

martedì 4 marzo 2014
Luigi Chierico

Un film di Clint Eastwood. Con Sean Penn, Tim Robbins, Kevin Bacon, Laurence Fishburne, Marcia Gay Harden. Un capolavoro col pianto nel cuore Ancora una volta Clint Eastwood è il regista di un magnifico ed originale film, in cui tutto scorre dolcemente prima e tumultuosamente dopo, come un fiume che dopo aver dato la vita alla terra che lo ospita, ne dà la morte, allorché straripa.

domenica 15 maggio 2011
il cinefilo

Perdere la propria umana"innocenza"e smarrirla all'interno di quella stessa realtà nel quale si è abituati a vivere ogni giorno appare,in questa storia(ispirata a un romanzo di Dennis Lehane),come il destino più infame...e sembra essere proprio il destino a muovere prima la tragedia avvenuta nell'infanzia(con il sequestro di uno dei tre ragazzini)e [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 dicembre 2010
LELE76

 un romanzo raccontato da uno dei più grandi attori/registi conosciuti. lontano dai set western dove vestiva i panni del bel giustiziere, Clint incanta il pubblico spaziando senza avidità di condizioni in argomenti come la pedofilia, che segnano ed affliggono il falso buonismo che ci circonda…. E’ straordinario il modo in cui ogni questione  da lui affrontata [...] Vai alla recensione »

martedì 21 dicembre 2010
Sixy89

Un buon thriller, che non lascia intravedere il finale durante lo svolgimento. Un grande Sean Penn, per un personaggio dalle mille sfumature: dal padre distruto dal dolore e inconsolabile, all'angelo della morte vendicatore e senza rimorsi. Un thriller da vedere, con un cast d'eccezione e una bella storia. voto:8

sabato 9 luglio 2016
Emanuele R.

Sicuramente bisogna definire questo film affascinante, che ha un qualcosa che altri film del genere non hanno. Un gruppo di ragazzi che gioca per strada viene fermato da un'auto, su cui uno di quei bambini è costretto a salire, credendo che quell persone siano poliziotti. Il bambino resta così prigioniero di due pedofili per quattro giorni.

domenica 28 ottobre 2012
4ng3l

Un grande lavoro di una grande uomo alla regia. La vita di tre bambini che s'intreccia vicino ad un fiume, in cui tutto viene oscurato. Ottimi attori ed il punto di forza sono certamente gli stati d'animo ed il dolore provato. Una ricerca per un feroce criminale che fà quasi rabbia, e sottolinea quanto un'esperienza traumatica e scioccante possa avere effetti devastanti.

martedì 17 aprile 2012
mystic

Jimmy, Dave, Sean. Cresciuti insieme giocando nella periferia di Boston sono tre amici inseparabili, almeno fino a quando un'individuo sospetto rapisce con una fuorviante scusa uno dei tre, soddisfando ogni suo bisogno. Ad anni di distanza i tre saranno riuniti nuovamente da eventi tragici quali la morte della figlia di Jimmy e l'assassinio di Dave.

sabato 7 gennaio 2012
Filippo Catani

Tre classici ragazzini amici per la pelle vedono improvvisamente cambiare la loro vita un giorno in cui uno di loro viene rapito e violentato da un uomo. Passano gli anni e il destino dei tre torna ad incrociarsi; la figlia di uno dei tre viene uccisa e ad indagare per l'omicidio e l'altro amico ora entrato in polizia e tormentato dalla ex moglie che lo chiama da una cabina senza mai aprire [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 dicembre 2009
Mymovies.it

Ancora una volta lo straordinario Clint Eastwood ci regala un film molto intenso e coinvolgente.L' incredibile interpretazione di Sean Penn e Tim Robbins conferisce alla pellicola una drammaticità autentica e sentita dallo spettatore, che riesce a captare ogni singolo stato d'animo dei protagonisti.La storia non è delle più originali e a tratti leggermente forzata, ma viene raccontata in modo straordinario [...] Vai alla recensione »

sabato 10 agosto 2013
Filippo Catani

Boston. Tre ragazzini stanno tranquillamente giocando per strada quando due pedofili camuffati da poliziotti rapiscono uno di loro. Devastati da questo tragico evento i tre finiranno con l'incontrarsi di rado e con il seguire tre strade completamente diverse che a distanza di anni torneranno a ricongiungersi quando la figlia di uno dei tre verrà brutalmente assassinata.

giovedì 29 agosto 2013
Nick Simon

“Mystic River” vede protagonisti tre uomini, Sean (Kevin Bacon), Jimmy (Sean Penn) e Dave (Tim Robbins), un tempo bambini che giocavano spensierati. Dave fu vittima di violenze sessuali, dopo esser stato portato via a bordo di una macchina da due pedofili. Lentamente ci si accorge che su quella macchina salirono metaforicamente anche gli altri due ragazzini.

venerdì 15 febbraio 2013
cianto

Al di là della trama molto poco plausibile (troppe coincidenza: uno che indaga sulla morte della figlia di un ex amico forse uccisa da un 3° amico dei 2), che me lo fa devinire come la classica americanata, ho riscontrato in questo film varie incongruenze, troppo grossolane per farmelo apprezzare: Innanzitutto, secondo la storia i 3 protagonisti dovrebbero essere 3 uomini sui 35 anni, ma [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 luglio 2010
RONGIU

Quando ho confidato al mio amico Marco di essere di nuovo alle prese con Million Dollar Baby, mi ha immediatamente suggerito questo film. “Non ne ho voglia” gli dico. “Dai, è un buon motivo per rivedersi e parlarne davanti ad una buona pizza”. “Ok!” Un nodo alla gola. Ma che dico, di più. Un improvviso esordio di tachicardia, sempre più dirompente [...] Vai alla recensione »

martedì 19 gennaio 2010
Luca Scialo

Storia di tre amici il cui sentiero della vita fu separato in età adolescenziale da un tragico evento capitato ad uno di loro, ma che proprio da un altro tragico evento che capiterà ad un altro di loro, torneranno ad incrociarsi. Thriller ben riuscito, perchè molto intenso e perchè lascia l'amaro in bocca. D'altronde con Clint Eastwood alla regia, ed un cast di [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 giugno 2009
Dany/Joker

Uno dei migliori film di Eastwood: che Dio lo benedica!

sabato 23 aprile 2016
Portiere Volante

Un altro grande film di Eastwood, un thriller drammatico che tiene incollati allo schermo fino all'ultima scena. Tre amici d'infanzia si rincontrano dopo molti anni. Purtroppo un evento che ha segnato le loro esistenze e che sembrava dimenticato ,ritornerà nelle menti e nel cuore di ognuno con terribile veemenza. L'intreccio del rapporti umani fra i tre protagonisti è imperdibil [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 gennaio 2013
pietroabb

E questo sarebbe un capolavoro???? Mha!!! Forse quello che ho visto io era un'altro film, un film banale e scontato. Almeno per me era chiaro dall'inzio che nell'omicidio centrasse il sordo muto...  e poi che poliziotti sono che trovano del sangue in un auto e non fanno la prova del dna per capire se era quello della ragazza... c'hanno la macchina della verita e non hanno la macchina [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 agosto 2011
peppe97

Un altro film diretto da Eastwood a sfondo drammatico che sfocia, a volte, in aspetti poco celebri del suo genere. Scene di grande emotività si susseguono affiancate da una giusta quantità di mistero ed intrigo. Una trama insuperabile per un cast altrettanto insuperabile (2 Premi Oscar 2003) figlio di interpretazioni magistrali. Un finale poco conclusivo ma logico.

mercoledì 14 ottobre 2009
dian71cinema

MERITA 4 STELLE QUESTO FILM CHE SEPPUR CON DELLE OBIEZIONI INTERPRETATIVE DEGLI STATI DI ANIMO E DEI COMPORTAMENTI CHE VEDRETE SULLO SCHERMO OFFRE UNA RARA E STRAORDINARIA CAPACITA' INTERPRETATIVA DEL PROTAGONISTA SEAN PENN MA ANCHE DI ALTRI PERSONAGGI DEL CAST. LA STRUTTURA DEL FILM REGGE BENE NONOSTANTE LA LUNGA DURATA GRAZIE AD UNA SCENEGGIATURA INTRICATA ED INTERESSANTE DA SEGUIRE, VOLUTAMENTE [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 ottobre 2009
taniamarina

Il film più scuro di Eastwood. Non ci sono eroi, non c'è morale apparente, nessuna luce all'orizzonte, solo il buio di una inquietante vicenda, l'oscurità che si cela talvolta dietro la vita di tutti i giorni. La locandina ritrae i tre bambini adulti all'incontrario, forse uno dei manifesti meglio riusciti nel cinema degli ultimi anni. Proprio così: il film è un contrario, racconta delle contraddizioni [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 marzo 2009
ibracadabra 8

io sono del paretre che il buon grande "VECCHIO" C.eastwood,sia stato un grande attore, citando i vari CALLAGHAN,alias HENRY la carogna,e i svariati western,ecc.ecc.ecc. PERO DICO E SOTTOSCRIVO ,che è un grandissimo regista, questo "mystic river" ne è la prova piu concreta,senza dimenticare altri titoli da lui diretti è.FILMONE ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE.

martedì 10 marzo 2015
il befe

bello

domenica 26 ottobre 2014
yurigami

Capolavoro ai livelli di sleepers, nel suo genere, Sean Penn spacca di brutto, film drammatico con una recitazione da urlo e una sceneggiatura da brivido, da far notare il filtro freddo utilizzato dalla cinepresa, completamente diverso dal filtro caldo di U-Turn (sempre con Sean Penn) che a parer mio funziona molto e coinvolge molto.

giovedì 30 giugno 2011
DarkOmen98

La gioventù bruciata di Clint Eastwood son un trittico straordinario: Kevin Bacon, Sean Penn e Tim Robbins. La storia di tre amici privati dell'innocenza quando erano ancora troppo piccoli per poter metabolizzare. Uno di loro, Dave (Robbins) è stato rapito e (si presuppone) violentato da due pedofili. Gli amici Sean (Bacon) e Jim (Penn) sono rimasti impotenti ad osservare la scena. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 luglio 2010
Kissmegoodbye32

Sicuramente il merito di un certo tipo  di cinema(americano) è quello di affidarsi oggettimavente ad attori talmente bravi, a registi comunque navigati che il "prodotto" raggiunge almeno un livello accettabile, se non discreto.Mi chiedo però, se una storia di questo tipo sia realmente possibile in una qualsiasi metropoli americana.

domenica 11 luglio 2010
Andrew77

Il mio film preferito!!! Fantastico!!!!!!

lunedì 4 settembre 2017
Chris Nolan

Il miglior film di una leggenda vivente come Clint Eastwood.

mercoledì 25 marzo 2015
Contrammiraglio

Ormai il buon Clint è assurto al rango che non se ne può dire altro che benissimo, ma secondo me sto film è leggermente sopravvalutato; Tim Robbins Oscar per miglior attore non protagonista.......... Già, "non" protagonista! ;-)

mercoledì 10 agosto 2011
KwonDak

Un film incredibile difficile da descrivere...ti porta dentro l'anima dei personaggi fino alle loro sfaccettature più profonde e "vergognose", imperdibile.

martedì 21 giugno 2011
i love cinema

un capolavoro che ti travolge  con la bravura di sean penn,fantastico e grintoso,clint ritrae il miglior film drammatico di sempre,bellssimo,forte,le scene flashback di robbins sono tanto poetiche quanto crude e vere ho pianto vedendolo,xk la furia di sean,la paura di tim  e  il coraggio di bacon si fondano in un mistico triangolo di umane emozioni che ti coinvolge  x tutta la [...] Vai alla recensione »

domenica 1 maggio 2011
quentin

ottimo al livello di recitazione sopratutto sean penn,  trama affascinante  .uno dei miglior thriller psicologici di sempre

mercoledì 31 luglio 2013
stefano bruzzone

tre ragazzini amici per la pelle sono costretti, loro malgrado, a reincontrarsi dopo 25 anni in circostanze drammatiche. ognuno ha fatto la sua vita chi onestamente, chi meno e questo ritrovarsi riporta alla luce problemi e violenze subite da piccoli. ognuno di loro lotta, chi contro il passato chi contro il presente e un evento delittuoso, l'assassinio della figlia 19enne di uno di loro, li porter&agra [...] Vai alla recensione »

domenica 5 agosto 2012
martinsleviz

Un film veramente ben interpretato! Non c'è che dire Eastwood non sbaglia un colpo, sempre azzeccattissima la scelta degli attori. Un film assolutamente da non perdere, molto psicologico il quale ti lascia col il dubbio e l'incertezza fino agli ultimi minuti del film!

lunedì 12 settembre 2011
Oblivion7is

Ammetto due cose su Eastwood: 1. Come attore, lo sopporto poco. "È più espressivo il suo poncho". Anche se mi sta simpatico, a modo suo, quindi lo preferisco come regista. 2. Anche come regista non lo considero un grande. "Hereafter" e "Heartbreak Ridge" li considero due dei film americani più inutili mai partoriti dalla mente di un regista famoso. [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 luglio 2010
_Sofy_

sono assolutamente d'accordo con te ric gamba! 

mercoledì 7 aprile 2010
mauro

Beh la storia è veramente bella densa di psicologia vera non quella da supermercato che si vede a volte nelle fiction,non c'è il buonismo tipico di tanta filmografia americana nè la retorica solita che a volte abbonda.In questo film c'è la semplice ricostruzione di ciò che potrebbe essere successo realmente ad una persona come Dave di cosa significhi morire [...] Vai alla recensione »

martedì 23 aprile 2013
kondor17

Buon film, un pò lento e alquanto complicato. Grandissimi gli attori, veramente delle interpretazioni eccezionali. L'ho rivisto ieri perchè, la prima volta, non l'avevo capito del tutto ed una seconda sbirciata era doverosa e necessaria. Clint è un discreto regista, ma a volte fatica a scrollarsi di dosso il personaggio che si è costruito e che forse [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 aprile 2013
toty bottalla

Eastwood, durante il racconto segna tracce arcane di difficile comprensione, così, ci tiene incollati alla visione nel tentativo un pò alla volta di capirci qualcosa, l'impressione è che, questa volta, la direzione introversa del grande clint sia forzata rispetto alla trama un pò confusa, buona però la sceneggiatura sostenuta da un cast eccezionale. Saluti.

lunedì 19 settembre 2011
denzel for ever

bellissimo film...girato davvero bn...bravissimi gli attori...bravissimo anche sean penn anche se nn so fin quanto meritasse l'oscar..cmq bravo...brava anche la mogle di david....bella storia...cn alcune cose poco reali...ma cmq un grandissimo film

lunedì 18 luglio 2011
lennon

venerdì 5 marzo 2010
Paolo-42

che l'hai visto ricordi appena la trama, allora non può essere un buon film.

Frasi
A volte penso che ci siamo saliti tutti e tre su quella macchina
Una frase di Sean Devine (Kevin Bacon)
dal film Mystic River - a cura di laura cherubini
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Iniziato nel grigio e nel silenzio d’un quartiere irlandese di Boston, Mystic River (Usa, 2003, 137’) si conclude nello stesso quartiere, vicino al ponte sul Mystic, ora però nel fragore del 4 luglio e sotto un sole triste. Sono passati più di vent’anni, e tutto si ripete. Ancora è Dave (Tini Robbins) a pagare il prezzo di questa “tragedia americana”, di questa “storia di innocenza perduta”, come Clint [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Una tragedia americana che da due crimini, dal Male metafisico e da un'atmosfera di pericolo incombente si estende allo stato dell'Unione, conferma la bravura e l'intensità di Clint Eastwood a settantatré anni, lo fa approdare alla grandezza. Mystic River (il titolo deriva dal grande fiume, tomba liquida di rifiuti e di cadaveri, che attraversa la città di Boston, ma forse anche dal fiume implacabile [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Tre ragazzini amici giocano per strada in un quartiere della periferia di Boston quando un’automobile scura si ferma. Un uomo dal piglio di poliziotto obbliga uno di loro a salire in macchina. Lo tengono prigioniero per giorni, violentandolo in quattro, sino a che il bambino riesce a scappare, non a sfuggire a quel ricordo per il resto della vita. La solidarietà giovanile non resiste all’evento, i [...] Vai alla recensione »

Enrico Magrelli
Film TV

Mystic river è un film sul sogno di una giovinezza mancata. su un trauma che non ammette riparazione. su un danno indicibile. è un capolavoro. uno dei film più belli di quest’anno. Uno dei titoli più emozionanti della carriera del regista Clint Eastwood. Racconta Eastwood: “La storia mi sembra bellissima e complessa e ruota intorno a tre amici d’infanzia in una zona operaia di Boston: Jimmy, Dave e [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Ciak

Prologo violento, crudo e sconsolato. Due ragazzini, Jirnmy e Sean, guardano impotenti l’amico allontanarsi in macchina con l’individuo che lo ha rapito. E la fine dell’infanzia per Dave sottoposto a violenza e abbandonato alla vita con quella ferita nell’anima. Un solo piano sequenza sull’automobile maestosa e minacciosa, un’inquadratura in movimento su quella stessa strada che nel finale tornerà [...] Vai alla recensione »

Alfredo Boccioletti
Quotidiano.net

Poche gocce di blues sull'immagine tenebrosa del grande fiume che, nell'inquadratura sempre più ravvicinata, smarrisce la via del mare. È la firma d'autore di Clint Eastwood, il segno spietato della vita che raccoglie in un flusso oscuro i protagonisti di Mystic River. Appassionante il romanzo da cui è tratto, con il suo intreccio 'giallo' dalla imprevedibile biforcazione finale, tesa e lineare la [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano.net

Mystic River è il fiume di Boston dove, nel finale, si arriva a una tenebrosa, shakespeariana resa dei conti che ha sollevato qualche obiezione morale negli spettatori di Cannes, ma che sta tutta "nella vita". Si parte dall'amicizia di strada di tre ragazzini negli anni '70, interrotta da una violenza tramautica a Dave, rapito, sodomizzato e riuscito a sfuggire ai suoi aguzzini.

Emanuela Martini
Film TV

Il Mystic river taglia Boston; oltre il fiume, un quartiere popolare. su una strada, tre ragazzini giocano a hockey e a incidere il loro nome sul cemento fresco del marciapiede: Jimmy, Sean, Da… L’ultimo nome, Dave, è interrotto da un rapimento mascherato da intervento della polizia. Due uomini, all’apparenza un poliziotto e un prete, caricano Dave su un’auto e con lui scompaiono per giorni, finché [...] Vai alla recensione »

Luca Barnabé
Ciak

Dopo il sottovalutato western urbano e crepuscolare Debito di sangue (2002), Eastwood dirige un nuovo thriller ad alta tensione, ispirato a un altro best seller. Stavolta però il vecchio cow-boy del grande schermo non si ritaglia il ruolo di protagonista, ma si limita a produrre e dirigere, mentre a dare un volto ai personaggi sono due divi ultra liberal di Hollywood: Sean Penn e Tim Robbins.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Sarà il suo passato di eroe del West e di poliziotto tosto, ma Clint Eastwood non è davvero il tipo che si lasci spaventare dai soggetti complicati. Quello di Mistyc River, tratto dal libro di Dennis Lehane, lo è, e molto. Affonda le radici nel problema della responsabilità e della colpa e tira in ballo perfino il concetto classico del Fato. Temi che, guarda caso, fanno parte delle ossessioni fondative [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Erano grandi amici, da ragazzi. Sempre insieme, Jiminy, Dave e Sean: Jimmy il duro, Dave il più sensibile, Sean posato e tranquillo. Amavano giocare per le strade del loro quartiere di Boston, come tutti i ragazzi della stessa età: le mazze da hockey, le sfide quotidiane, la solita pallina che s’infila nel solito tombino. Tutto a posto, fino al maledetto giorno in cui due pedofili prendono di mira [...] Vai alla recensione »

winner
miglior attore
Premio Oscar
2003
winner
miglior attore non protag.
Premio Oscar
2003
winner
miglior attore
Golden Globes
2004
winner
miglior attore non protag.
Golden Globes
2004
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati