•  
  •  
Apri le opzioni

James Gammon

James Gammon è un attore statunitense, è nato il 20 aprile 1940 a Newman, Illinois (USA) ed è morto il 16 luglio 2010 all'età di 70 anni (USA).

Grizzly Man

A cura di Fabio Secchi Frau

Non siete appassionati di telefilm polizieschi? Allora vi sarete sicuramente persi uno dei personaggi più riusciti da lui interpretati: il burbero padre del poliziotto Nash Bridges, interpretato nella serie omonima. James Gammon ha colpito così i ragazzi degli Anni Novanta, anche se prima aveva raccolto i consensi della generazione dei Sessanta e dei Settanta grazie ai telefilm western che andavano in voga fra i piccoli cowboy che si intrattenevano di fronte a una prima televisione a colori. Eppure, James Gammon si avvicina al cinema piuttosto presto, subito dopo aver lavorato come cameraman. In effetti, ha sempre avuto il presentimento di non essere la persona adatta per un mestiere come quello di attore. Quanto si sbagliava! Perché da quando è entrato nel grande mondo dello spettacolo ponendosi di fronte alla cinepresa e non dietro, è diventato celebre per i suoi personaggi da "grizzly man": veri uomini che hanno lasciato volutamente le cose irrisolte nella loro vita e, senza curarsi della società, hanno scelto di vivere in solitudine, in mezzo alla natura. Uomini aspri e selvatici che non cercano di capire o di razionalizzare, ma fugano i dubbi altrui e stimolano la libertà, perché sono essi stessi, con il loro modo di vivere la vita, a impersonarla. E così James Gammon ci ha conquistati, anche quando in Appaloosa (2008), ormai anziano, sta ancora sopra un cavallo e, con un fucile in mano, ti guarda con l'aria di chi è pronto a giudicarti, ma non a essere giudicato.

Quel volto da telefilm western
Nato a Newman, in Illinois, da Donald Gammon, musicista, e Doris Latimer, casalinga, non inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo come attore, ma come cameraman per la televisione. Avvicinatosi così al mondo della recitazione, comincia ad appassionarsi alla drammaturgia tanto da entrare, come dilettante, nella compagnia teatrale del Steppenwolf Theater di Chicago, dalla quale emergerà per la sua profonda voce roca che sembra come "lavata con il whisky", così scrivono i critici. Particolarità vocale che poi lo farà diventare uno dei caratteristi statunitensi più usati nei film western, grazie ai quali si specializzerà nel ruolo di "grizzly man", ovvero un uomo che vive a stretto contatto con la natura, rude, eremita e scontroso. I primi impegni come attore sono prevalentemente televisivi e legati a telefilm come: Selvaggio West (1966) di Edward Dein, The Monroes (1966) di James B. Clark con Barbara Hershey, Captain Nice (1967) di Richard Kinon, Bonanza (1967) di Don Daves, The Road West (1966-1967), The Invaders (1967) di William Hale con Gene Hackman, il mitico Batman (1967) con Adam West e, infine, Il virginiano (1967).

Il debutto cinematografico
Grande collega e amico di Harry Dean Stanton con cui condividerà moltissimi set cinematografici, debutta sul grande schermo nel ruolo di Sleepy ne Nick Mano Fredda (1967) di Stuart Rosenberg con Paul Newman, Lou Antonio e Dennis Hopper, poi seguiranno 7 volontari dal Texas (1968) con un giovanissimo Harrison Ford (che ritroverà anche nella fiction The Intruders, 1970), 1000 aquile su Kreistag (1969) e Un uomo chiamato Cavallo (1970). Continuerà ad altalenare il lavoro sul grande e sul piccolo schermo per tutto il resto della sua carriera, passando così da Ai confini dell'Arizona (1970), Le strade di San Francisco (1975) con Michael Douglas, Una famiglia americana (1973-1975), Charlie's Angels (1977-1978) e il film tv The Sacketts (1979) con Glenn Ford a pellicole come Vivere pericolosamente (1974), Una donna chiamata moglie (1974) con Gene Hackman, Il mondo violento di Bobbie Jo ragazza di provincia (1976), Peccati, jeans e... (1976) e Io sono il più grande (1977) con Ernest Borgnine.

Gli Anni Ottanta
Negli Anni Ottanta, continua a presenziare in serial e film tv: La ballata di Gregorio Cortez (1982), Cagney & Lacey (1984), La signora in giallo (1985), The Long Hot Summer (1985) con Ava Gardner, Un giustiziere a New York (1986), Crime Story (1987) con una esordiente Julia Roberts e L'ispettore Tibbs (1989). Mentre al cinema lo vedremo accanto a John Travolta ne Urban Cowboy (1980), a Michael Douglas ne Amarti a New York (1980), a Clint Eastwood ne Fai come ti pare (1980), ma anche ne Crazy for you (1985), nel western Silverado (1985) con Kevin Kline e Kevin Costner, nell'horror Unico indizio la luna piena (1985), nel romantico Accadde in paradiso (1987), ne Ironweed (1987) con Jack Nicholson e Meryl Streep, ne Milagro (1988) di Robert Redford con Christopher Walken e nella saga di Major League (Major League - La squadra più scassata della lega, 1989, e Major League - La rivincita, 1994), commedie sul baseball all'interno delle quali recita il ruolo del coach Lou Brown.

Gli Anni Novanta
Lungo gli Anni Novanta, la storia si ripete e James Gammon entra nei cast di Revenge - Vendetta (1990) con Kevin Costner, Ti amerò... fino ad ammazzarti (1990) con Kevin Kline, River Phoenix e William Hurt, Fuga per un sogno (1992), CrissCross (1992) con Goldie Hawn, Le avventure di Huck Finn (1993), Crociera fuori programma (1994), Wyatt Earp (1994) ancora una volta con Costner e Hackman, il mitico Assassini nati (1994) di Oliver Stone, Wild Bill(1995) con Jeff Bridges, Svolta pericolosa (1997) e il bellissimo L'apostolo (1997) di e con Robert Duvall. Ma non solo cinema nella sua carriera dato che riceverà una nomination ai Tony Award come miglior attore per lo spettacolo "Buried Child", tratto da un'opera di Sam Shepard. Grande amico dell'attore Timothy Scott, alla sua morte, per rendere omaggio all'amico, prenderà parte a Streets of Laredo (1995), sequel del suo telefilm di successo Lonesome Dove (1989). E, sempre rimanendo nel mondo dei telefilm, reciterà anche ne: Bagdad Café (1990-1991), The Young Riders (1991), Le avventure del giovane Indiana Jones (1992, dove reciterà i panni di Teddy Roosevelt), Avvocati a Los Angeles (1993-1994) e Two Mothers for Zachary (1996) con Vanessa Redgrave. Si occuperà anche di doppiaggio, prestando la sua voce ad alcuni personaggi del film d'animazione Il gigante di ferro (1999), assieme a Jennifer Aniston, Vin Diesel, Cloris Leachman, Christopher McDonald e M. Emmet Walsh.

Le apparizioni nel Duemila
Con l'arrivo del Duemila, anche se invecchiato, non perde smalto e continua a recitare, partecipando a The Cell - La cellula (2000), ma soprattutto al telefilm Nash Bridges (1996-2001), dove avrà il ruolo di Nick Bridges, padre del detective protagonista del telefilm interpretato da Don Johnson. Seguono poi Una vita quasi perfetta (2002), The Country Bears (2002, dove presterà la voce all'orso Big Al) con Christopher Walken, Ritorno a Cold Mountain(2003) con Nicole Kidman e Silver City (2004) con Kris Kristofferson. Ma è possibile intravederlo anche in altri telefilm - Crossing Jordan(2004), Grey's Anatomy (2007) e Monk (2007) - e il film tv Sea Change - Delitto perfetto (2007). Grande vanto, per lui, sarà essere diretto dal grande Wim Wenders in Don't Come Knocking (2005), ma anche recitare in Altered - Paura dallo spazio profondo (2006), Appaloosa (2008), In the Electric Mist(2008) di Bertrand Tavernier e The New Daughter (2009) con Costner.

Ultimi film

Western, (USA - 2008), 116 min.
Horror, (USA - 2006), 85 min.
Commedia, (USA - 2002), 103 min.

I film più famosi

Azione, Drammatico - (USA - 1990), 123 min.
Animazione, (USA - 1999), 86 min.
Western, (USA - 2008), 116 min.
Drammatico, (Germania - 1987), 110 min.
Commedia, (USA - 2002), 103 min.
Horror, (USA - 2006), 85 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati