Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Periodici (1)
Miscellanea (3)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
giovedì 25 maggio 2017

Robert Redford

Sussurri ai cavalli per il ragazzo d'oro di Hollywood

Nome: Charles Robert Redford Jr.
80 anni, 18 Agosto 1936 (Leone), Santa Monica (California - USA)
occhiello
Dire le cose come stanno significa essere pronti al passo successivo.
dal film Leoni per agnelli (2007) Robert Redford è Il professor Stephen Malley
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Robert Redford
Golden Globes 2014
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film All Is Lost - Tutto è perduto di J.C. Chandor

David di Donatello 1974
Nomination miglior attore straniero per il film La stangata di George Roy Hill

David di Donatello 1974
Premio miglior attore straniero per il film La stangata di George Roy Hill

Premio Oscar 1973
Nomination miglior attore per il film La stangata di George Roy Hill



Il drago invisibile

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,90)
Un film di David Lowery. Con Bryce Dallas Howard, Karl Urban, Robert Redford, Wes Bentley, Isiah Whitlock jr..
continua»

Genere Avventura, - USA 2016. Uscita 10/08/2016.

Truth - Il prezzo della verità

* * * - -
(mymonetro: 3,13)
Un film di James Vanderbilt. Con Cate Blanchett, Robert Redford, Elisabeth Moss, Topher Grace, Dennis Quaid.
continua»

Genere Biografico, - USA, Australia 2015. Uscita 17/03/2016.

Captain America - The Winter Soldier

* * * - -
(mymonetro: 3,47)
Un film di Anthony Russo, Joe Russo. Con Chris Evans, Sebastian Stan, Scarlett Johansson, Samuel L. Jackson, Anthony Mackie.
continua»

Genere Azione, - USA 2014. Uscita 26/03/2014.

All Is Lost - Tutto è perduto

* * * - -
(mymonetro: 3,06)
Un film di J.C. Chandor. Con Robert Redford
Genere Drammatico, - USA 2013. Uscita 06/02/2014.

La regola del silenzio - The Company You Keep

* * * - -
(mymonetro: 3,09)
Un film di Robert Redford. Con Robert Redford, Shia LaBeouf, Julie Christie, Sam Elliott, Brendan Gleeson.
continua»

Genere Thriller, - USA 2012. Uscita 20/12/2012.
Filmografia di Robert Redford »

sabato 13 maggio 2017 - Charlie McDowell torna su una fantascienza umana e metafisica, ambientata in un luogo remoto, con un cast di grande livello.

Da vedere su Netflix: La scoperta

a cura della redazione cinemanews

Da vedere su Netflix: La scoperta Il fisico Thomas Harber (Robert Redford) crede di aver dimostrato l'esistenza dell'aldilà, ma non immaginava minimamente gli effetti che parlare di questa scoperta avrebbe avuto sulla popolazione. Sceglie dunque di vivere in un luogo isolato, una grande villa su un'isola dove continua i propri esperimenti attorniato dai suoi seguaci, quasi come in un culto, e dal figlio minore Toby (Jesse Plemons). Il maggiore, Will (Jason Segel), dopo anni di separazione sta solo ora tornando a trovarlo, in cerca di risposte in particolare sulla morte della madre, e sul traghetto incontra Isla (Rooney Mara), una donna pericolosamente attratta dall'aldilà. Voglio che il pubblico si chieda "E se succedesse a me? E se questo capitasse nel nostro mondo?". Ogni elemento fantascientifico deve sempre passare per l'interiorità dei personaggi ed è da questa prospettiva che parto. Charlie McDowell Il regista di La scoperta, Charlie McDowell, torna su una fantascienza umana e metafisica, ambientata in un luogo remoto, come già nell'opera prima The One I Love (anch'essa disponibile su Netflix) e si avvale di un cast di grande livello. Il mistero si dipana anche in questo caso con forti elementi di inquietudine e di tensione tra i protagonisti, immersi in una situazione e in un ambiente di notevole fascino. La rivelazione poi non è per nulla scontata o didascalica e anzi, nel suo essere ermetica, ne fa un film da approfondire con visioni successive.

   

martedì 2 maggio 2017 - In occasione dell'uscita in Home Video di Allied - Un'ombra nascosta, ecco una selezione di classici (o nuovi classici) del genere, tra doppi giochi e tradimenti.

Tra Hitchcock e Zemeckis, 5 film cult di spionaggio

Andreina Di Sanzo cinemanews

Tra Hitchcock e Zemeckis, 5 film cult di spionaggio Seconda guerra mondiale, gli agenti segreti Max Vatan (Brad Pitt) e Marianne Beauséjour (Marion Cotillard) devono collaborare a una missione fingendosi marito e moglie, ma la storia d'amore nasce davvero e la recita diventa realtà. Si trasferiscono a Londra e danno alla luce una bambina vivendo come una normale famiglia felice. Improvvisamente però Vatan viene convocato dai suoi superiori e informato del fatto che Marianne potrebbe essere una spia nazista, in tal caso dovrà ucciderla o verrà giustiziato per tradimento. Max, innamorato davvero della sua donna, cercherà di provare la sua innocenza a tutti i costi ma la verità si rivelerà più inaspettata e drammatica del previsto. Dal 27 aprile Allied è disponibile in Digital HD, DVD, Blu-ray(TM) e 4K Ultra HD(TM) con una serie di imperdibili contenuti speciali: da una clip dedicata agli effetti speciali utilizzati per ricreare specifici paesaggi, fino alle interviste agli attori e al produttore a proposito del lavoro del regista Robert Zemeckis e alla sua importante filmografia. Allied è un film che rimaneggia e omaggia la classicità hollywoodiana: l'ambientazione, il dramma sentimentale, l'inganno e il mistero sono tutti elementi ben calibrati secondo il rigore di un autore che da sempre cerca di raggiungere il perfetto equilibrio. Il dubbio e il mistero si insinuano poco a poco nella vicenda del protagonista e il dramma sentimentale lascia spazio al discorso sull'enigmaticità delle relazioni.

Sappiamo che la storia del cinema è piena di film sullo spionaggio, ripercorriamo insieme cinque indimenticabili classici (o nuovi classici) del genere, tra doppi giochi e tradimenti.

lunedì 10 aprile 2017 - La ricostruzione completa di uno dei passaggi cruciali della storia degli Stati Uniti ne La storia del West, in sei puntate su Rai Storia.

Robert Redford e il West

Pino Farinotti cinemanews

Robert Redford e il West In primo piano, camicia jeans, serio, poco curato, Robert Redford racconta: "Jesse James, Wyatt Earp, Billy the Kid, il generale Custer, Toro seduto, Cavallo pazzo. Abbiamo scritto la storia della frontiera e il futuro degli Stati Uniti. È la ricostruzione completa di uno dei passaggi cruciali di questo paese. Questa è la storia del West." La prima puntata, La storia del west - Nascita di una nazione, di sei, trasmesse da Rai Storia, detta un sommario: "Dalle ceneri della guerra civile nasce una nuova generazione di americani, pronti a giocarsi il loro destino nelle terre sconfinate del West. Nell'arco di un trentennio i coloni occuperanno 174 milioni di ettari di terra. Ma mentre il governo lancia la corsa verso l'Ovest, gli sconfitti della guerra civile tornano a reclamare ciò che hanno perso diventando dei fuorilegge. La guerra appena finita rischia di ricominciare." Non c'è dubbio che a uno come Redford sia bene prestare attenzione. Conosciamo la sua attitudine progressista: la verità, l'ecologia, l'attenzione al futuro, ai giovani e ai diritti civili, che non sono mai una sicurezza su cui adagiarsi. E poi anche lui è un uomo del west, non solo perché è nato in California, soprattutto perché ha toccato il west nei film, con titoli mai convenzionali, classici magari senza epica, come Butch Cassidy, Ucciderò Willie Kid e, soprattutto, Corvo rosso non avrai il mio scalpo. Con Redford il famoso assunto fordiano "nel west quando la leggenda diventa realtà, vince la leggenda" non funziona. Con Redford vince la realtà. Significa che gli eroi che ci ha trasmesso il cinema non erano poi così eroi. Un modello esemplare è Jesse James. Soldato sudista, tornato a casa subì le prepotenze dei nordisti che occupavano tutte le posizioni del potere. Redford e gli autori vedono Jesse come un soldato che continuava la sua guerra e ogni banca che svaligiava era come una vittoria ottenuta sul campo contro il nemico nordista. Questa spinta quasi ideale non gli impediva di ammazzare senza esitare. Entrava nella banca e cominciava a uccidere. Non mostrava i tormenti romantici di Tyrone Power, in Jesse il bandito. Del resto il popolo del cinema non avrebbe perdonato al magnifico Tyrone di essere davvero come Jesse. Figura decisiva è Custer. Il cinema ne ha fatto una leggenda senza macchia. Ma... qualche macchia c'era. Combattente travolgente, decisivo in molte battaglie, finita la guerra soffrì la pace come una patologia. Erano gli anni dell'espansione verso l'Ovest. Un ostacolo non da poco erano gli indiani che si vedevano invadere le loro terre. Il generale Grant, capo di stato maggiore, chiamò Custer a risolvere quel problema. L'ordine fu preciso: "se è necessario andranno cancellati". Nel 1868 Custer, sempre in cerca di una vittoria militare, attaccò un villaggio indiano sul fiume Washita. Morirono soprattutto donne e bambini. Il film classico su Custer semplicemente ignora quell'episodio. Nessuno avrebbe tollerato che Errol Flynn fosse un assassino. Emerge una grande simpatia da parte di Redford per Cavallo pazzo, il capo dei Sioux che sconfisse Custer nella famosa battaglia del Little Bighorn. Racconta la leggenda che l'indiano, convinto da un segnale divino che nessun proiettile nemico lo avrebbe mai colpito, uscì miracolosamente indenne nelle mischie. Nel 1877 si arrese, per fame, con la sua tribù. Morì in prigione, ucciso da un traditore. Con una baionetta.

Altre news e collegamenti a Robert Redford »
Il drago invisibile (2016) Truth - Il prezzo della verità (2015)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità