Dizionari del cinema
Quotidiani (3)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
giovedì 24 agosto 2017

Jane Fonda

Meglio cambiare, no?

Nome: Jane Seymour Fonda
79 anni, 21 Dicembre 1937 (Sagittario), New York City (New York - USA)
occhiello
Poi vai dalla tua amica?
Sì.
E ti aspetta qualunque ora tu faccia?
È abituata: ci siamo aspettati per tutta la vita.

dal film La caccia (1966) Jane Fonda è Anna Reeves
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Jane Fonda
Golden Globes 2016
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino

Premio Oscar 1986
Nomination miglior attrice per il film Il mattino dopo di Sidney Lumet

Golden Globes 1982
Premio miglior attrice non protagonista per il film Sul lago dorato di Mark Rydell

Golden Globes 1982
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Sul lago dorato di Mark Rydell

Premio Oscar 1981
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Sul lago dorato di Mark Rydell

Golden Globes 1980
Nomination miglior attrice per il film Sindrome cinese di James Bridges

Golden Globes 1979
Premio miglior attrice per il film Tornando a casa di Hal Ashby

Premio Oscar 1979
Nomination miglior attrice per il film Sindrome cinese di James Bridges

Golden Globes 1979
Nomination miglior attrice per il film Tornando a casa di Hal Ashby

David di Donatello 1978
Premio miglior attrice straniera per il film Giulia di Fred Zinnemann

Golden Globes 1978
Nomination miglior attrice per il film Giulia di Fred Zinnemann

Premio Oscar 1978
Nomination miglior attrice per il film Tornando a casa di Hal Ashby

David di Donatello 1978
Nomination miglior attrice straniera per il film Giulia di Fred Zinnemann

Premio Oscar 1978
Premio miglior attrice per il film Tornando a casa di Hal Ashby

Golden Globes 1978
Premio miglior attrice per il film Giulia di Fred Zinnemann

Premio Oscar 1977
Nomination miglior attrice per il film Giulia di Fred Zinnemann

Golden Globes 1972
Premio miglior attrice per il film Una squillo per l'ispettore Klute di Alan J. Pakula

Golden Globes 1972
Nomination miglior attrice per il film Una squillo per l'ispettore Klute di Alan J. Pakula

Premio Oscar 1971
Nomination miglior attrice per il film Una squillo per l'ispettore Klute di Alan J. Pakula

Premio Oscar 1971
Premio miglior attrice per il film Una squillo per l'ispettore Klute di Alan J. Pakula

Premio Oscar 1969
Nomination miglior attrice per il film Non si uccidono così anche i cavalli? di Sydney Pollack



Padri e figlie

* * * - -
(mymonetro: 3,03)
Un film di Gabriele Muccino. Con Russell Crowe, Amanda Seyfried, Aaron Paul, Diane Kruger, Quvenzhané Wallis.
continua»

Genere Drammatico, - USA, Italia 2015. Uscita 01/10/2015.

Youth - La giovinezza

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,78)
Un film di Paolo Sorrentino. Con Michael Caine, Harvey Keitel, Rachel Weisz, Paul Dano, Jane Fonda.
continua»

Genere Drammatico, - Italia, Francia, Svizzera, Gran Bretagna 2015. Uscita 20/05/2015.

The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

* * * - -
(mymonetro: 3,19)
Un film di Lee Daniels. Con Forest Whitaker, Oprah Winfrey, Mariah Carey, John Cusack, Jane Fonda.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2013. Uscita 01/01/2014.

No - I giorni dell'arcobaleno

* * * - -
(mymonetro: 3,42)
Un film di Pablo Larrain. Con Gael García Bernal, Alfredo Castro, Antonia Zegers, Luis Gnecco, Marcial Tagle.
continua»

Genere Drammatico, - Cile 2012. Uscita 09/05/2013.

E se vivessimo tutti insieme?

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,81)
Un film di Stéphane Robelin. Con Guy Bedos, Daniel Brühl, Geraldine Chaplin, Claude Rich, Jane Fonda.
continua»

Genere Commedia, - Francia, Germania 2011. Uscita 29/11/2012.
Filmografia di Jane Fonda »

venerdì 18 agosto 2017 - Tra i titoli più attesi Suburra - la serie, prima produzione italiana della piattaforma streaming. Disponibile dal 6 ottobre.

Venezia 74, i film targati Netflix

Letizia Rogolino cinemanews

Venezia 74, i film targati Netflix "Le nuove piattaforme devono accettare le regole attuali del gioco. Credo fermamente che almeno la prima volta che qualcuno vede un film sia necessario che lo schermo non sia più piccolo della propria poltrona. Sono convinto che noi spettatori dobbiamo essere più piccoli per entrare nell'immagine e nella storia" ha dichiarato Pedro Almodovar alla scorsa edizione del festival di Cannes, avviando una polemica su Netflix, la piattaforma streaming che ha conquistato milioni di utenti in tutto il mondo. Il famoso evento cinematografico francese ha infatti incluso nel programma film come Okja di Bong Joon-ho e The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach, prodotti e distribuiti dal colosso streaming, senza passare per il grande schermo.
Tuttavia, Will Smith, membro della giuria internazionale del festival presieduta dal regista spagnolo, ha tenuto a precisare che nella sua famiglia "l'arrivo di Netflix non ha avuto nessun effetto: sono due tipi di fruizione diverse. Netflix non ha fatto altro che ingrandire l'offerta; ha permesso ai miei figli di vedere film che altrimenti non avrebbero mai visto e li ha messi in contatto con questo mondo underground di storie a 8000 chilometri da loro". Al centro della discussione l'idea che sia sbagliato destinare un film di qualità con un cast e una regia di alto livello al piccolo schermo, senza fissare una distribuzione tradizionale nei cinema. Il Direttore Artistico della Mostra Internazionale del Festival di Venezia, Alberto Barbera, ha deciso di seguire l'esempio dei colleghi francesi, includendo film e serie tv Netflix nel programma della 74° edizione della kermesse italiana.
Giocando in casa sarà presentata in anteprima a Venezia 74 la serie tv Suburra, ispirata all'omonimo film di Stefano Sollima e diretta da Andrea Molaioli, Giuseppe Capotondi e Michele Placido. Ambientata nel 2008, quattro anni prima del film, Suburra è la prima serie tv italiana ad essere prodotta e distribuita da Netflix in collaborazione con la Rai, e racconta l'incrocio tra potere politico, criminale ed ecclesiastico nella città di Roma. Prevista in onda a partire dal 6 Ottobre, comprende nel cast Alessandro Borghi, Adamo Dionisi, Giacomo Ferrara, Claudia Gerini e Filippo Nigro, per una storia che presenta al pubblico la parte più corrotta ed oscura della Capitale, come descritta nel romanzo originale di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini.

giovedì 27 luglio 2017 - Si tratta di Paolo Virzì, Sebastiano Riso, Andrea Pallaoro e i Manetti Bros. Tra i nomi più attesi al Lido quelli di George Clooney, Darren Aronofsky, Guillermo Del Toro e Paul Schrader. E su MYMOVIESLIVE - Nuovo Cinema Repubblica torna anche quest'anno la Sala Web con una selezione di titoli imperdibili.

Venezia 74, presentato il programma: 4 italiani in Concorso

Paola Casella cinemanews

Venezia 74, presentato il programma: 4 italiani in Concorso Quattro film italiani in Concorso alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, altri quattro in gara nella sezione Orizzonti, un gran numero di produzioni nostrane sparpagliate Fuori concorso, in Giornate degli Autori e Settimana della Critica. "Di solito mi lamento dello scarto fra quantità e qualità dei film italiani", ha esordito il direttore artistico Alberto Barbera. "Quest'anno la situazione invece è capovolta, la qualità dei titoli selezionati è molto alta e c'è stato davvero l'imbarazzo della scelta. Una rondine non fa primavera, ma molte rondini forniscono un segnale positivo". Certo, mancano all'appello alcuni grandi autori italiani. "Garrone, Sorrentino, Bellocchio, Moretti sono ancora al lavoro", ammette Barbera. Ma in Concorso c'è Paolo Virzì con il suo attesissimo film "americano", The Leisure Seeker, scritto da Stephen Amidon insieme a Francesco Piccolo e Francesca Archibugi e interpretato da Helen Mirren e Donald Sutherland. Accanto a Virzì, una pattuglia di autori emergenti: dai Manetti Bros con il musical napoletano Ammore e malavita sulla camorra e i cantanti neomelodici al "rigoroso e austero" Hannah di Andrea Pallaoro (all'opera seconda dopo Medeas), protagonista unica Charlotte Rampling, a Una famiglia con Micaela Ramazzotti sul tema dell'utero in affitto firmato da Sebastiano Riso, che aveva debuttato proprio a Venezia come concorrente della Sic.

Fra gli altri titoli in concorso spiccano Suburbicon diretto da George Clooney con Matt Damon e Julianne Moore, Mother! di Darren Aronofsky con Jennifer Lawrence e Javier Bardem, The shape of water di Guillermo Del Toro e La Villa di Robert Guediguian, ciascuno "il film più bello degli ultimi 10 anni" del suo autore, a detta di Barbera. E poi l'attesissimo Mektoub, My Love di Abdellatif Kechiche, Three Billboards del regista di In Bruges Martin McDonagh con Frances McDormand e Woody Harrelson, First Reformed di Paul Schrader con Ethan Hawke e Amanda Seyfried e Ex Libris di Frederick Wiseman. Come preannunciato, aprirà le danze Downsizing di Alexander Payne con Matt Damon e Christoph Waltz.

lunedì 17 luglio 2017 - Protagonisti di Our Souls at Night che sarà presentato Fuori Concorso alla 74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica.

Leoni d'oro alla carriera a Jane Fonda e Robert Redford

a cura della redazione cinemanews

Leoni d'oro alla carriera a Jane Fonda e Robert Redford Sono stati attribuiti all'attrice statunitense Jane Fonda e al regista e attore statunitense Robert Redford i Leoni d'oro alla carriera della 74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (30 agosto - 9 settembre 2017).
La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, su proposta del Direttore della Mostra del Cinema Alberto Barbera.
La consegna dei Leoni d'oro alla carriera a Jane Fonda e Robert Redford avrà luogo venerdì 1 settembre nella Sala Grande del Palazzo del Cinema (Lido di Venezia), prima della proiezione Fuori Concorso del film di Netflix Our Souls at Night, diretto da Ritesh Batra e interpretato da Jane Fonda e Robert Redford, prodotto da Redford e dalla sua società Wildwood Enterprises, Inc. A proposito di questi riconoscimenti, il Direttore Alberto Barbera ha dichiarato: "Poche star hollywoodiane hanno avuto una vita contraddistinta da atteggiamenti altrettanto risoluti e fieri come quelli esibiti da Jane Fonda nel corso della sua carriera professionale. Un'esistenza segnata da passioni intense, vissute all'insegna dell'indipendenza da ogni forma di conformismo, con una generosità toccante e vulnerabile. Di volta in volta, attivista politica e sociale, sex symbol, scrittrice, icona femminista, produttrice, profeta dell'esercizio fisico, ma soprattutto attrice di straordinario successo e non comune talento, Jane Fonda è tra le maggiori protagoniste della scena cinematografica contemporanea. Il Leone d'oro alla carriera è il tributo doveroso all'impegno personale e alle brillanti qualità di un'interprete che ha saputo dar vita a personaggi indimenticabili, controversi e disparati, dando prova di un'incessante capacità di reinventarsi, pur rimanendo fedele a se stessa, ai propri valori, al proprio indiscusso talento d'artista".
Prosegue il Direttore Barbera: "Attore, regista, produttore, ambientalista, ispiratore e fondatore di quel brillante esperimento cinematografico chiamato Sundance: sia di fronte che dietro alla macchina da presa, sia quando ha difeso la causa del cinema indipendente o quella del nostro pianeta, Robert Redford ci ha accompagnato attraverso cinquant'anni di storia americana con una combinazione di rigore, intelligenza e grazia che resta insuperabile. Piuttosto riluttante a ricoprire il ruolo di star, sin dagli inizi della carriera Redford ha utilizzato il proprio talento e il successo per realizzare film su tematiche a lui care e aprire la strada ad altri registi indipendenti al pari di sé. Attore istintivo e allo stesso tempo riflessivo, dotato di una scrupolosa attenzione per il dettaglio, come regista Redford ha dimostrato di essere un eccezionale narratore. La sua dedizione ai personaggi e alle storie è andata di pari passo con l'impegno e la passione per la complessa bellezza e per i valori del nostro mondo in continua evoluzione".
Basato sul romanzo di Kent Haruf, adattato per lo schermo da Scott Neustadter e Michael H. Weber (Colpa delle stelle), il film Netflix Our Souls at Night comincia quando la vedova Addie Moore (Jane Fonda) si presenta a sorpresa dal suo vicino di casa, il vedovo Louis Waters (Robert Redford). In quella cittadina in Colorado sono stati vicini per decenni, ma fino a quel momento con pochi contatti. Il film verrà distribuito in tutto il mondo da Netflix nel 2017.

   

Altre news e collegamenti a Jane Fonda »
Padri e figlie (2015) Youth - La giovinezza (2015)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
giovedì 24 agosto
Cattivissimo me 3
7 Giorni
Taranta On the Road
mercoledì 23 agosto
Amityville: Il risveglio
Overdrive
giovedì 17 agosto
Atomica bionda
sabato 12 agosto
Monolith
giovedì 10 agosto
La torre nera
Diario di una schiappa - Portatemi...
giovedì 3 agosto
Annabelle 2: Creation
Angoscia
giovedì 27 luglio
La fuga
martedì 25 luglio
Motori ruggenti
giovedì 20 luglio
CHiPs
Savva
Operation Chromite
Ultime notizie dal cosmo
mercoledì 19 luglio
USS Indianapolis
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità