Truth - Il prezzo della verità

Film 2015 | Biografico +13 121 min.

Regia di James Vanderbilt. Un film Da vedere 2015 con Cate Blanchett, Robert Redford, Elisabeth Moss, Topher Grace, Dennis Quaid, Stacy Keach. Cast completo Titolo originale: Truth. Genere Biografico - USA, Australia, 2015, durata 121 minuti. Uscita cinema giovedì 17 marzo 2016 distribuito da Lucky Red. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,17 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Truth - Il prezzo della verità tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Truth - Il prezzo della verità è stato selezionato come film d'apertura della 10a edizione della Festa del Cinema di Roma. In Italia al Box Office Truth - Il prezzo della verità ha incassato 551 mila euro .

Truth - Il prezzo della verità è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,17/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,50
PUBBLICO 3,01
CONSIGLIATO SÌ
Solido e coinvolgente dramma nella tradizione americana del cinema hollywoodiano che esplora i rapporti tra politica e giornalismo.
Recensione di Paola Casella
venerdì 16 ottobre 2015
Recensione di Paola Casella
venerdì 16 ottobre 2015

Nel 2005 Dan Rather, celeberrimo anchorman del network televisivo americano CBS, rassegnò le sue dimissioni in seguito alla controversia esplosa dopo la messa in onda di un servizio che metteva in discussione l'appartenenza dell'allora presidente George W. Bush alla Guardia Nazionale Aerea durante la guerra nel Vietnam. Responsabile di quel servizio era Mary Mapes, una produttrice televisiva che, per il programma giornalistico "60 Minutes", aveva realizzato molti storici scoop con grande intuito giornalistico. Maples ha poi raccontato la storia di quella controversia in un memoriale che è la base su cui James Vanderbilt, sceneggiatore alla sua prima regia (nonché erede della celebre dinastia di bramini newyorkesi), ha strutturato il copione di Truth, solido e coinvolgente dramma nella tradizione americana del cinema hollywoodiano che esplora i rapporti tra politica e giornalismo.
La messiscena è classica e rigorosa, anche se dichiaratamente di parte, ovvero dalla parte di Mary Mapes e di Dan Rather, e racconta con ritmo incalzante e continui colpi di scena ciò che succede in un network televisivo quando il gioco si fa duro e i duri cominciano a giocare. Ma al di là del resoconto della vicenda realmente accaduta, Truth è una riflessione su come sta cambiando la cronaca e come, in particolare, stia scomparendo il giornalismo di inchiesta: troppo costoso, troppo pericoloso, troppo soggetto al fuoco incrociato dei poteri forti e del popolo di Internet, che se da un lato ha fatto da cane da guardia della libertà di informazione (merito cui la sceneggiatura, colpevolmente, non fa cenno), dall'altro ha dato voce a centinaia di anonimi troll e lanciatori di fango, ancor più velenosi quando il bersaglio appartiene al sesso femminile.
In modo artificiale ma efficace, la sceneggiatura di Vanderbilt semina nella prima parte tutti gli ami che andrà a recuperare nella seconda, compresi gli accenni al passato oscuro della Mapes, figlia di un padre retrogrado e violento, e all'importanza del coraggio per un giornalista davvero intenzionato a raccontare quella verità che dà titolo al film (e che Mapes, con ingenuità e un certo grado di faziosità, presupponeva essere unica). La verità è al centro della storia anche perché, nel grande circo multimediatico, sembra contare meno di un'opinione strillata, o di uno scandalo ben confezionato. Spesso dunque si perde di vista la sostanza dei fatti, o la gravità di certe azioni, per dare spazio alle querelle e alle chiacchiere, e quando questo succede a farne le spese è la democrazia.
La regia di Vanderbilt è scolastica nel senso migliore del termine, perché privilegia una narrazione lineare che rinuncia ai tocchi (ma anche ai vezzi) autoriali che un Oliver Stone, ad esempio, avrebbe senz'altro utilizzato per raccontare questa storia. Le complicazioni della trama sono semplificate dagli stessi espedienti visivi che caratterizzano i programmi televisivi di approfondimento politico, e il montaggio serve ad aggiungere spettacolo e pathos ad una storia altrimenti troppo didascalica.
Truth si colloca su un crinale storico, quello fra informazione vecchio stile, affamata di scoperte e coraggiosa fino all'incoscienza, e informazione nell'epoca in cui le notizie non si cercano ma rimbalzano di sito in sito, di blog in blog, senza che chi le ripropone si prenda la responsabilità di verificarne la veridicità (ma di certo si prende il gusto di fare le pulci alle rivelazioni altrui). Il rischio, afferma il film, è quello di dimenticare l'imperativo deontologico della seconda (e terza, e quarta) domanda per concentrarsi su sterili querelle e gogne mediatiche sempre utili a chi vuole che le notizie, quelle vere, passino in secondo piano.
Cate Blanchett è efficace come sempre nel ruolo di Mary Mapes, ma risente dell'impostazione classica hollywoodiana della sceneggiatura che le toglie quella libertà di movimento necessaria ad utilizzare le sue corde più sottili. Perfettamente in parte, invece, il liberal Robert Redford, che mette i suoi quasi ottant'anni a frutto nell'incarnare la gravitas (ma anche la fragilità fisica) di un giornalista duro e puro entrato a far parte del mito americano.

Sei d'accordo con Paola Casella?
TRUTH - IL PREZZO DELLA VERITÀ
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 18 ottobre 2015
Giulio Vivoli

Basato sulla ricostruzionedell’inchiesta politico-giornalistica del 2004 con cui un’equipe della CBS Television tentòi dimostrare l’imboscamento militare di G.W.Bush nella Guardia Nazionale per evitare il Vietnam, Truth ha nel suo titolo l’ambizione di voler condurre lo spettatore attraverso il percorso alla ricerca della Verità, nella sua faticosa e scomoda oggettività e nel suo valore idealistico [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 marzo 2016
Nanni

OGGI. Siamo in piena corsa per le presidenziali americane dell'8 novembre prossimo. Solo pochi mesi fa Jeb Bush, (fratello di George), era il candidato di punta dei Repubblicani. IERI. "Truth, il prezzo della verità ci narra come durante le presidenziali del 2004 la redazione di 60 minutes rivelò al paese che l'allora candidato George Bush, poi presidente degli Stati Uniti d'America, grazie a solidissime [...] Vai alla recensione »

sabato 27 agosto 2016
bertold

C’è un filone del cinema americano che potremmo definire “catartico”. Vengono sul grande schermo con indulgente ammiccante censura i vizi e difetti culturali, politici e sociali della Grande Nazione. I grandi valori fondanti della società si incarnano nel cittadino qualunque, che da solo od in piccola compagnia si contrappone al Golia del Potere, o peggio ancora dei Poteri Forti tra loro complici [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 marzo 2016
catcarlo

Nell’anno dell’Oscar a ‘Il caso Spotlight’ esce l’opera prima di James Vanderbilt che, ‘dramma redazionale’ come il film di Tom McCarthy, è forse meno interessante dal punto di vista cinematografico, ma intriga in misura probabilmente maggiore lasciando lo spettatore a chiedersi dove stia sul serio quella verità che la intitola in originale.

venerdì 18 marzo 2016
RONGIU

Quante persone pensano che questo film possa essere importante? Dan Rather, \ Robert Redford / (famoso conduttore di 60 Minutes) e successore di Walter Cronkite considerato in America come l'uomo più “veritiero” per  coraggio e spessore professionale (assieme al produttore della CBS News Mary Mapes\ Cate Blanchett /), nel settembre 2004 rendono pubblica quella che secondo [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 aprile 2017
Onufrio

A pochi mesi dalle elezioni americane che vede impegnato il Presidente in carica Bush a riconfermarsi al potere degli Stati Uniti d'America, il network televisivo CBS manda in onda una sorta di documentario investigativo sulle origini militari di Bush ai tempi della guerra in Vietnam. Il servizio, che suscita scalpore, è meticolosamente curato dalla giornalista Mary Mapes (C.

venerdì 16 ottobre 2015
gaiart

Le verità traballanti e poco scientifiche di Truth   120 minuti sono serviti a James Vanderbilt per costruire il suo primo film: Truth, il cui tempo necessario si è reso indispensabile per inaugurare la decima edizione della Festa del Cinema di Roma in corso dal 16 al 24 ottobre 2015 con la direzione artistica di Antonio Monda, Fondazione Cinema per Roma e Piera Detassis.

sabato 26 marzo 2016
Vincenzo Ambriola

Nel 2004 una giornalista della CBS (Mary Mapes) organizza una squadra per scoprire la verità su un episodio del giovane G. W. Bush, a quel tempo presidente degli Stati Uniti. Dan Rather le da fiducia e mette in onda una puntata di "60 minuti" in cui ricostruisce la vicenda, basata in gran parte su copie di vecchi documenti. Anziché essere il grande scoop è solo l'inizio di un inarrestabile processo [...] Vai alla recensione »

martedì 22 marzo 2016
Flyanto

Ennesimo film statunitense sul giornalismo e sullo scandalo riguardante il mondo della politica "Truth" esce nelle sale cinematografiche nel corso di questi giorni. Cambiano gli scandali, cambiano gli attori, cambia la regia e la redazione del giornale in questione, ma anche in questa occasione viene presentato un fatto di grave denuncia realmente accaduto e portato alla luce da un team [...] Vai alla recensione »

domenica 20 marzo 2016
LBavassano

Considerato il genere, giornalistico, in cui il cinema statunitense generalmente eccelle, mi ha abbastanza deluso. Colpa di una storia che eccede in dettagli, sicuramente preziosi appunto dal punto di vista giornalistico, molto meno da quello cinematografico. Colpa di una sceneggiatura che probabilmente avrebbe tratto giovamento da un maggiore coraggio nel tagliare, a favore del ritmo narrativo. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 maggio 2016
Liuk

Un bellissimo film, non c'è dubbio. Un pezzo di giornalismo messo a tacere dai poteri politici, un intero staff di professionisti castigato da Bush viene qui riabilitato facendo riflettere gli spettatori su quanto incida la politica sulla "verità". Purtroppo non è così solo negli Stati Uniti e noi lo sappiamo bene. La Blanchett è come sempre strepitosa, forse la miglior attrice in circolazione, ma [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 marzo 2016
Alex2044

Mi aspettavo di più . Non si può dire che il film sia brutto ma non decolla mai , insomma manca totalmente di pathos . Anche gli attori hanno fatto di meglio . Cate Blanchett spesso prima brava e poi bella , qui è prima bella poi bravina  . Robert Redford fa Robert Redford . Forse l'età non l'aiuta e lui alla fine ci mostra soltanto l'ottima persona [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 marzo 2016
albydrummer

Un altro bel film sul giornalismo americano,tutti i poteri della politica,l occultismo,..un altra verità che non c è,ma esiste.sempre sotto la presidenza di Bush.Le famosi raccomandazioni che ci saranno sempre in tutte le parti del mondo,in tutti i governi,.Recitato magistralmente da tutti gli attori,anche se il film si presenta lento,ma l interesse e la vicenda della storia"vera"con [...] Vai alla recensione »

domenica 20 marzo 2016
petramajlingova

un film coinvolgente, non ci si annoia mai, bravo il regista e tutti i protagonisti; Cate Blanchett sempre da 10 e lode qualcuno mi sa dire di che marca è l'orologio indossato da Cate Blanchett? grazie

domenica 20 marzo 2016
Flaw54

Film di inchiesta giornalistica nella tradizione americana ( Tutti gli uomini del presidente, Spotlight ), ma meno coinvolgente e riuscito degli altri. Già l'inchiesta su Bush appare affrettata e tirata per i capelli e le accuse ai giornalisti in parte sono anche condivisibili, ma anche la sceneggiatura lascia a desiderare: il gruppo giornalistico non viene mai mostrato nella sua omogeneità [...] Vai alla recensione »

martedì 12 luglio 2016
pier delmonte

Mi sembra che negli anni di questa storia esce Fahrenheit di Moore, insomma Moore non e’ proprio un caro amico di Bush, e allora questa storia della cbs non mi ha entusiasmato, il film lungo tra un bicchiere e un volo convince poco. Noiosi pure i protagonisti.

FOCUS
FOCUS
domenica 20 marzo 2016
Roy Menarini

Il ritorno del giornalismo americano al cinema pare inarrestabile. Non si tratta solamente di coincidenze, quelle che avvicinano Truth - Il prezzo della verità a Il caso Spotlight, ma di comune sentire. C'è un desiderio di inchieste fatte in maniera seria e appassionata, c'è una richiesta sociale di liberarsi dell'opinionismo diffuso che rischia di sostituire l'informazione, secondo la suggestione ironicamente definita "prêt-à-penser".

Probabilmente Truth - Il prezzo della verità è un film meno raffinato de Il caso Spotlight - i cui valori narrativi, ritmici e di messa in scena corroborano l'impianto accusatorio - ma fa piacere il richiamo ai valori civili del buon giornalismo.

Certo, nel film di James Vanderbilt non tutto è perfetto, e sono proprio alcune manchevolezze nell'indagine a suscitare il vespaio di reazioni e deligittimazioni ai danni dei giornalisti di "60 Minutes", autori dello scoop contro George W. Bush.
Ed è anche curioso che la confezione del film insista così tanto su alcune soluzioni retoriche e sequenze liriche, con ralenti e musiche di gran pathos, di fronte alla lotta dei giornalisti contro il potere. Curioso, s'intende, perché quello di "60 Minutes" fu un lavoro di demistificazione e di controcanto alla retorica del governo Bush, tanto patriottico e magniloquente quanto circondato da sospetti pesanti, alcuni persino indicibili. L'anti-retorica può diventare retorica?

Frasi
"Cosa mi ha spinto a fare il giornalista? La curiosità! La curiosità è tutto!"
Dan Rather (Robert Redford)
dal film Truth - Il prezzo della verità - a cura di Monica
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Avvincente dramma ispirato a uno scandalo che scosse l'America, senza per altro modificare gli eventi. NewYork, 2004: la produttrice Mary Mapes ha uno scoop da far tremare la Casa Bianca, rivelato in tv dal popolare conduttore Dan Rather. Il Presidente George W. Bush, in corsa per la rielezione, ha mentito: durante la guerra in Vietnam non ha fatto il servizio militare.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Forse Truth è un film di impianto più tradizionale e Il caso Spotlight più nuovo, ma altrettanto degno ed efficace, nel solco del grande filone del cinema sul giornalismo come metafora dei principi basilari della democrazia Usa. A premiare il secondo (Oscar) è un contenuto più dirompente: la denuncia dei preti pedofili a Boston. Le due storie si riferiscono allo stesso periodo, i primi anni dopo il [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

nteressante, ma non convincente, l'esordio nella regia del reputato sceneggiatore James Vanderbilt; e curiosamente a risultare debole è proprio il copione, basato sul libro della giornalista Mary Mapes, il cui titolo Truth and Duty. The Press, the President and the Privilege of Power dà conto delle tematiche in gioco nella controversa inchiesta che ne è al centro.

NEWS
VIDEO
giovedì 10 marzo 2016
 

Nel 2005 Dan Rather, celeberrimo anchorman del network televisivo americano CBS, rassegnò le sue dimissioni in seguito alla controversia esplosa dopo la messa in onda di un servizio che metteva in discussione l'appartenenza dell'allora presidente George [...]

NEWS
venerdì 16 ottobre 2015
Giancarlo Zappoli

Roma 2015 ritorno al futuro. Il nuovo direttore artistico Antonio Monda si è liberato delle lettere "ival" ed è tornato ad aggiungere una "a" a "fest" facendo così tornare la manifestazione capitolina alle origini che erano state dimenticate in favore [...]

NEWS
mercoledì 16 settembre 2015
 

Truth di James Vanderbilt sarà il film di apertura della decima edizione della Festa del Cinema di Roma che si svolgerà dal 16 al 24 ottobre 2015 con la direzione artistica di Antonio Monda, prodotta dalla Fondazione Cinema per Roma presieduta da Piera [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati