•  
  •  
Apri le opzioni

Liam Neeson

Liam Neeson (William John Neeson) è un attore inglese, produttore, è nato il 7 giugno 1952 a Ballymena (Gran Bretagna). Al cinema il 15 settembre 2022 con il film Memory.
Nel 1996 ha ricevuto il premio come coppa volpi migliore interpretazione maschile al Festival di Venezia per il film Michael Collins. Liam Neeson ha oggi 70 anni ed è del segno zodiacale Gemelli.

L'eroe o suo padre

A cura di Fabio Secchi Frau

Nel panorama cinematografico internazionale ha svolto sempre il ruolo dell'eroe, oppure quello del padre e del tradizionale mentore, facendo sempre da contraltare ai cattivi di turno. Ha sempre sfiorato i premi più ambiti del mondo, raramente è stato visto come trionfatore. Poco male, Liam Neeson è e sempre rimarrà quel brillante attore che tutti noi conosciamo.

Un pugile mancato
Di religione cattolica, cresciuto in una comunità prevalementemente protestante e unionista, a nove anni comincia a prendere lezioni di boxe alla All Saints Youth Club, diventando una giovane promessa del pugilato irlandese. Se infatti si guarda chiaramente il suo viso, si potranno notare evidenti segni di frattura del naso. Disgraziatamente, una sincope, lo costringe a ritirarsi dal ring. Sceglie così lo studio e dopo aver frequentato la Queen's University of Belfast (con l'intenzione di diventare un maestro), la abbandona a metà del suo percorso formativo. Si impegna nel lavoro di operaio, camionista, assistente di un architetto, ma poi sente che la sua più grande passione è un'altra: la recitazione. Scelto dalla Bristol Old Vic Drama School, frequenta invece la Gaiety School of Drama di Dublino, diventa un membro del Dublin Shakespeare Theatre dove recita in "Amleto" e in altre opere dell'autore inglese. Ha trovato la sua strada, continua con il mestiere di attore, diventando uno dei membri più attivi del Royal National Theatre di Londra. Il nome di Liam Neeson comincia a farsi celebre in tutto il regno della Regina Elisabetta, coadiuvato dal fatto che comincia ad apparire anche in telefilm come Play for Today (1978).

Dal teatro al cinema
Il cinema inglese lo reclama quando Ken Anderson lo impone nella parte dell'Evangelista nei film Pilgrim's Progress e Christiana, entrambi del 1979. Ma è con John Boorman che Neeson toccherà veramente la fama. Il regista, infatti, dopo averlo notato in uno spettacolo teatrale, lo sceglie per il ruolo di Gawain in Excalibur (1981), sul quale set conoscerà l'attrice Helen Mirren, che recita invece la parte della perfida strega Morgana e che diverrà, per un breve periodo della sua vita, la sua compagna. Passa poi a un altro film fantastico Krull (1983) di Peter Yates, seguito da Il Bounty (1984) di Roger Donaldson con Mel Gibson. Ironicamente, continua a non volersi separare dalla saga dei Cavalieri della Tavola Rotonda e nel 1985, il pubblico inglese lo riabbraccerà nei panni di Grak nel film tv di Clive Donner Arthur the King.

Il sodalizio con Neil Jordan
Tenta la conquista dell'America, a cominciare da piccoli ruoli in serial di successo come Miami Vice (1986) e si fa dirigere da Roland Joffé in Mission e da Andrei Konchalovsky in Duet for One, entrambe pellicole del 1986. Scartato per il ruolo del gigante Fezzik in La storia fantastica (1987) di Rob Reiner (troppo basso), si consola in Dolce come sei (1988) di Angela Pope, dove recita con l'amica Miranda Richardson. Importantissima nella sua carriera l'amicizia e la stima che il regista Neil Jordan avrà per lui. I due si incontreranno sul set della pellicola comico-spettrale High Spirits - Fantasmi da legare (1988), nel quale Liam Neeson ricopre il ruolo di uno spettro... petomane. Ma da quel momento in poi collaboreranno in altre pellicole che faranno la fortuna dell'uno e dell'altro: dal biografico Michael Collins (1996), eroe e martire dell'indipendenza irlandese, che fruttò a Neeson la Coppa Volpi come miglior attore, al ruolo del sacerdote in Breakfast on Pluto (2006).
Prima di questi fasti, però, Neeson passa per le mani di John Irvin, Leonard Nimoy, Sam Raimi e Woody Allen che lo dirigerà in Mariti e mogli (1992). Considerato da Francis Ford Coppola per il ruolo di Van Helsing in Dracula di Bram Stoker (1992), verrà poi messo da parte non appena Anthony Hopkins si disse interessato al ruolo. Poco male, dato che si consolò con la nomination come miglior attore ai Tony Award per "Anna Christie" di Eugene O'Neill e con il ruolo da protagonista per il film di Spielberg Schindler's List (1993), nel ruolo dell'industriale tedesco Oskar Schindler che salvò 1100 ebrei dalla camera a gas. Ruolo che gli valse la nomination dell'Academy come miglior attore.

Il fascino di Liam
Rubacuori incallito, lasciata Helen Mirren passa a Jennifer Grey, la cantante Sinead O'Connor, Brooke Shields, Barbra Streisand, Julia Roberts e la modella Janice Dickinson, ma troverà l'amore solo nel 1994, quando consocerà Natasha Richardson che sposerà lo stesso anno (ma che aveva già conosciuto durante il telefilm Ellis Island, dieci anni prima) e dalla quale avrà due figli, Michael Antonio e Daniel Jack. Fra l'altro i due lavoreranno assieme nel film di Michael Apted Nell (1994) con Jodie Foster. Considerato come il nuovo James Bond per GoldenEye, ma poi scartato, reciterà il ruolo di Rob Roy nella pellicola omonima di Michael Caton-Jones, cui seguirà il ruolo di protagonista nella mediocre trasposizione de I miserabili (1998) di Bille August. Maestro di un giovane Obi-Wan Kenobi in Star Wars: Epidosio I - La minaccia fantasma (1999) di George Lucas (che lui ricorda come la peggiore esperienza di attore in tutta la sua vita), recita nell'horror Hauting - Presenze (1999) di Jan De Bont.

Figura paterna
Al termine di questo lungo anno di lavoro, la regina Elisabetta nomina Neeson Ufficiale dell'Impero Britannico. Disgraziatamente, l'anno successivo, seguirà un incidente sulla sua Harley Davidson, che gli impedirà di partecipare al secondo episodio di Star Wars. Non è un danno, si consola accanto a Harrison Ford nel film bellico di Kathryn Bigelow K-19 (2002), una volta ristabilitosi, ma soprattutto diretto da Martin Scorsese nel ruolo del padre di Leonardo DiCaprio in Gangs of New York (2002). Nominato ai Tony Award per la seconda volta come miglior attore per "Il crogiolo" (2002), diventa un amorevole patrigno, fresco di vedovanza in Love Actually - L'amore davvero (2003). Oliver Stone lo vuole fortissimamente nel ruolo di un altro padre, più crudele e maschio. Ma il ruolo di Re Filippo di Macedonia, padre di Alessandro Magno nel kolossal Alexander (2004), non lo convince e passa invece al ruolo (scandaloso) di Kinsey nell'omonimo film. E' destinato a intraprendere sempre e comunque figure paterne o di mentore, come successo anche ne Le crociate (2005) di Ridley Scott e Batman Begins (2005) di Christopher Nolan, senza dimenticare che, nella versione inglese de Le Cronache di Narnia - Il leone, la strega e l'armadio, a ruggire con il volto del leone Aslan fu proprio lui.

Ultimi progetti
Nel 2006 è impegnato nella guerra civile di David von Ancken, con Pierce Brosnan: si tratta di Caccia Spietata. Anche i film ad alta tensione ne esaltano le qualità. E su questa scia è un marito tradito ne L'ombra del sospetto (2008) ed un ex agente segreto in Io vi troverò (2008). Nel 2009 interpreta un lugubre direttore d'agenzia funebre in After.Life e si presta ad Atom Egoyan per Chloe - tra seduzione e inganno. Nonostante la sua presenza, Scontro tra Titani (2010) è un flop, ma Liam può rifarsi in un altro film dalle grandi pretese al botteghino, che invece funziona eccome: è l' A-Team di Joe Carnahan. Torna ad un ruolo più sostenuto (un dottore) nel thriller Unknown - Senza Identità (2011) di Jaume Collet-Serra. Col regista spagnolo tornerà a lavorare nei successivi due film, Non-stop (2014) e Run All Night - Una notte per sopravvivere (2015). Nel 2012 gira anche La furia dei Titani, sequel del film del 2010. Sempre nel ruolo di Zeus, è stavolta diretto dal regista Jonathan Liebesman. Lo stesso anno lo troviamo accanto a Maggie Grace nel sequel Taken 2 e nel film di Joe Carnahan ambientato in Alaska The Grey. L'anno successivo si dedicherà al doppiaggio di Khumba e The Lego Movie, oltre a partecipare al western di Seth MacFarlane Un milione di modi per morire nel West.
Nel 2014 interpreta Mat Scudder, un ex poliziotto diventato investigatore privato, in La preda perfetta diretto da Scott Frank. Nello stesso anno torna nei panni di Bryan Mills in Taken 3 diretto da Olivier Megaton e prodotto da Luc Besson; in cui l'ex funzionario del governo è, adesso, accusato di un omicidio spietato che non ha mai commesso. Mentre viene perseguito, Mills esalta le sue particolari abilità per trovare il vero killer e cancellare il suo nome. Nel 2015 interpreta Jimmy Conlon in Run All Night- Una notte per sopravvivere di Jaume Collet-Serra e lo vediamo anche in Entourage di Doug Ellin. L'anno seguente lo troviamo nel ruolo di Douglas MacArthur in Operation Chromite di Jae-Han Lee, che tratta la storia vera della battaglia di Incheon. Nel 2016 è la voce del mostro nel nuovo film di Juan Antonio Bayona, Sette minuti dopo la mezzanotte che narra la storia di un ragazzino che, per affrontare la malattia terminale della madre, si rifugia in un mondo fantastico e nello stesso anno, veste i panni di Ferreira in Silence diretto da Martin Scorsese.

Prossimi film

Ultimi film

Azione, (USA - 2020), 92 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
giovedì 24 febbraio 2011
Marzia Gandolfi

Nordirlandese cresciuto nei 'disordini' e 'canonizzato' nella Cracovia in bianco e nero di Steven Spielberg (Schindler's List), Liam Neeson è un attore letteralmente all'altezza. 193 centimetri di talento e Irishness che hanno prodotto uno stile introverso e originale. Lato 'chiaro' della forza in una galassia lontana lontana, Neeson domina il registro drammatico cucendosi spesso addosso personaggi instabili e sovversivi, che oppongono il gran rifiuto e promuovono il riscatto sociale (Rob Roy, Michael Collins)

News

Regia di Martin Campbell. Un film con Monica Bellucci, Liam Neeson, Guy Pearce, Ray Stevenson, Ray Fearon. Da...
Remake del film belga del 2003 La memoria di un assassino.
Una storia romantica di riscatto per un uomo che riscopre la bellezza della paternità. 
Liam Neeson è alla ricerca di una nuova vendetta e la trova in questo adrenalinico remake.
Remake del thriller norvegese del 2014 In Ordine di Sparizione, il nuovo film di Hans Petter Moland vede protagonisti...
L'opera senza tempo di Steven Spielberg, in occasione del 25° anniversario, torna al cinema dal 24 al 27 gennaio.
Regia di F. Gary Gray. Un film con Chris Hemsworth, Tessa Thompson. Da giovedì 13 giugno al cinema.
Nella scelta del cinema di Sky, un action thriller dalla palpabilissima tensione che sfrutta a dovere gli spazi chiusi.
La controversa figura di Mark Felt è al centro del thriller biografico con Liam Neeson. Dal 12 aprile al cinema.
Liam Neeson interpreta il più famoso informatore segreto della storia degli Stati Uniti: Mark Felt, la fonte anonima...
Il nuovo film di Martin Scorsese, con Liam Neeson, Andrew Garfield e Adam Driver. Dal 12 gennaio al cinema.
Un regista che ha da sempre riflettuto sull'angoscia dello sradicamento.
Le foto del sequel di Scontro tra titani. In 3D.
Il regista inglese parla di The Next Three Days, dramma familiare con Russell Crowe.
Liam Neeson interpreta l'uomo qualunque in cerca di sé nel thriller psicologico di Collet-Serra.
Diane Kruger e Jaume Collet-Serra raccontano le riprese di Unknown.
Mescolare con intelligenza azione e umorismo.
In sala anche l'iraniano About Elly e commedie d'amore.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati