La ragazza nella nebbia

Film 2017 | Thriller +13 127 min.

Regia di Donato Carrisi. Un film con Toni Servillo, Alessio Boni, Lorenzo Richelmy, Galatea Ranzi, Michela Cescon. Cast completo Genere Thriller - Italia, Francia, Germania, 2017, durata 127 minuti. Uscita cinema giovedì 26 ottobre 2017 distribuito da Medusa. Oggi tra i film al cinema in 134 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,71 su 64 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
La ragazza nella nebbia
tra i tuoi film preferiti.




oppure

La storia dell'agente speciale Vogel che viene inviato in una cittadina isolata in una sperduta valle montana, per investigare sul caso di una sedicenne scomparsa. In Italia al Box Office La ragazza nella nebbia ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 3,3 milioni di euro e 996 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,71/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,75
PUBBLICO 2,89
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
L'esordio alla regia di Donato Carrisi che dimostra una buona capacità compositiva delle inquadrature.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 25 ottobre 2017
Recensione di Paola Casella
mercoledì 25 ottobre 2017

La sedicenne Anna Lou - brava ragazza dai lunghi capelli rossi appartenente ad una confraternita religiosa molto conservatrice - scompare dal paesino montano di Avechot. A interessarsi del caso è l'ispettore Vogel, che ha una reputazione professionale da salvare e una propensione a fare leva sui mass media. E dato che ad Avechot si sono appena trasferiti un professore di liceo con moglie e figlia, chi meglio di un estraneo alla comunità può candidarsi come principale sospettato?

Donato Carrisi esordisce alla regia con l'adattamento di uno dei suoi romanzi di maggiore successo, La ragazza nella nebbia, firmandone anche la sceneggiatura, e fa dire al professore che "la prima regola di un grande romanziere è copiare".

Fedele al suo motto, procede ad attingere a piene mani da molto del cinema che l'ha preceduto e in particolare da alcuni autori di culto: da David Lynch (innumerevoli i riferimenti a Twin Peaks) a David Fincher (quello di L'amore bugiardo ma anche quello di Seven), passando per il Giuseppe Tornatore di Una pura formalità e Tomas Alfredson, cui lo accomuna la difficoltà di portare sul grande schermo un noir di successo.

L'uomo di neve e La ragazza nella nebbia infatti si assomigliano non solo per atmosfere e inquadrature nordiche, ma anche per l'affastellamento delle trame e sottotrame e l'eccessiva sottolineatura esplicativa della vicenda nelle sequenze finali.

Carrisi cita anche molte serie televisive recenti, a cominciare da Fargo (il personaggio della poliziotta con il cappello a paraorecchie è talmente derivativo di Marge Gunderson che Michela Cescon lo interpreta con evidente disagio), e struttura la sua narrazione più secondo le regole del piccolo che del grande schermo, inserendo dettagli didascalici come le locandine (a colori, in italiano e inglese, ad Avechot) che denunciano la scomparsa di Anna Lou. Anche la scelta delle inquadrature, spesso dall'alto, con inserto di diorama, cerca di dare un'impostazione insolita all'insieme, ma rivela invece il punto debole dell'intera operazione, ovvero la mancanza di originalità autorale.
Anche la trama è inutilmente contorta, invece di svilupparsi come un meccanismo ad orologeria si perde in ridondanze ed eccessi che tolgono potenza narrativa, e il montaggio in flashback e flash forward confonde invece che, come era nelle intenzioni, depistare e alla fine chiarire. La narrazione abbandona bruscamente i personaggi, per poi riprenderli e riaccantonarli di nuovo, disturbando il racconto invece di creare suspense, col risultato che alcuni personaggi restano fortemente sotto sviluppati (vedi il poliziotto interpretato da Lorenzo Richelmy, ma Carrisi probabilmente pensava a Michael Shannon) e altri macchiettistici (vedi la giornalista televisiva: chi ha immaginato per lei quel guardaroba così smaccatamente pacchiano?). Il regista perde così l'occasione di esplorare uno dei temi più interessanti della sua storia, ovvero l'interferenza mediatica nella vita delle piccole comunità: e sarebbe stato il primo a farlo in forma drammatica compiuta, dopo la lettura comica di Omicidio all'italiana e Chi m'ha visto?.
Ciò che si salva è la buona capacità compositiva delle inquadrature (al di là della già citata propensione ad imitare quelle altrui) e la recitazione di alcuni membri del cast, in particolare Alessio Boni, che meritava da tempo l'occasione di mostrare le proprie capacità, Lucrezia Guidone nel ruolo di sua moglie e Daniela Piazza e Thierry Toscan nei panni dei genitori di Anna Lou. Toni Servillo è invece eccessivamente manierato, e Jean Reno ha un ruolo troppo poco sviluppato per consentirgli l'interpretazione stratificata che il personaggio richiederebbe.
La trama, che poteva (e doveva) procedere dritta come una spada, nonostante gli intenzionali depistaggi, si perde in vezzi e compiacimenti, in omaggi (non richiesti) e strizzatine d'occhio; i dialoghi sono spesso letterari e sentenziosi; la recitazione è disomogenea (con tanto di disparità di accenti, compresi la dizione teatrale di Servillo e la coloritura romana della studentessa che vuole diventare un'attrice); le musiche, individualmente valide, restano fra loro disarmoniche. Davvero sorprendente, da parte di un regista e uno scrittore che afferma che "tutto è collegato, tutto ha un senso, anche il Male".

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 5 novembre 2017
Francesco Izzo

Il thriller è avvincente:  un commissario di polizia che vuole fare il furbo, ma viene fregato due volte,e forse più (dal professore,dallo psichiatra e dalle giornaliste). Poi un genio del male che organizza un delitto perfetto per il gusto di giocare tutti e passarla liscia, ma finirà ucciso. E il colpo di scena finale....

lunedì 6 novembre 2017
Barser

Davvero un peccato. L'esordio di Carrisi nella regia e nella veste di sceneggiatore di un suo romanzo è davvero fallimentare. Il film trasuda una inesperienza e un dilettantismo imbarazzanti. Vuoti di sceneggiatura, errori di regia, inquadrature imbarazzanti (ad esempio il plastico!), colonna sonora non adeguata. Qualche problema anche con la fonia.

domenica 29 ottobre 2017
zim

 Trama che si avvale di elementi tratti dai casi si cronaca recenti e ne subisce le suggestioni mediatiche in modo un po' esteriore. Ogni volta che il professore entra in classe ripete sempre la stesse affermazioni.  Ogni romanzo copia da qualcun'altro e la causa, motore di tutto è il male. I ritratti di  Nietzsche e Dostoevskij sono appesi in classe al posto del Crocifisso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 novembre 2017
Nino Pellino

Ottima prova all'esordio da parte del regista Donato Carrisi in una trama caratterizzata da un buon livello interpretativo da parte di tre grandi attori del Cinema contemporaneo, ossia Toni Servillo, Alessio Boni e Jean Reno, nonché da una trama sospesa in una sorta di continuo e fascinoso mistero ed infine, da citare, una seneggiatura ed un tipo di ambientazione particolarmente suggestive [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 novembre 2017
Flipper

Ogni film comunica, ma non sempre il messaggio  è immediato! Per buona parte della visione ho pensato insistentemente alla piccola Yara uccisa anni fa nella provincia di Bergamo;  numerose le assonanze. La seconda parte del film cambia registro. Servillo è magico, magistrale, il suo personaggio sa andare oltre, taglia lo spazio come una tela vergine ferita da Lucio Fontana. Vai alla recensione »

mercoledì 8 novembre 2017
samanta

Il film è tratto da un romanza di Donato Carrisi che è anche il regista alla sua opera prima. La trama: la vicenda inizia con la scomparsa di una ragazza di 16 anni Anna Lou in un paese, Avechot, situato tra le montagne, la vicenda prescinde da una precisa collocazione geografica anche se è stato girato nelle Dolomiti, neanche dai nomi dei personaggi si comprende in quale  [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 novembre 2017
annina22

Il film, se ne può discutere, bello o brutto, uscito o meno, è da vedere. Sicuramente differente dal tipico filmetto italiano, e questo è bene, scorre abbastanza piacevolmente ma non senza eccessi. Errori ce ne sono, e purtroppo vengono fuori quasi tutti alla fine- troppe domande in particolare, lasciate senza una plausibile risposta.

domenica 5 novembre 2017
ALEXLABY

Regia amatoriale, recitazioni imbarazzanti, ingenuità disseminate ovunque (ma Carrisi riesce a immedesimarsi nei ruoli dei protagonisti? Giusto per fare un esempio, come può un ispettore navigato strappare con concitazione l'involucro trasperente di una videocassetta appena ritrovata sottoterra senza pensare che su esso possono esserci impronte digitali importanti? E [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 ottobre 2017
PINTAZ

Opera prima dello scrittore Donato Carrisi che porta sullo schermo il proprio best-seller. Il film mi è piaciuto molto anche se, volutamente?, ci sono alcune sbavature comunque non così gravi da dover infierire. E' un film in mezzo a tante pellicole già vissute e ampiamente apprezzate. Toni Servillo, sempre una spanna sopra a tutti, mi ha ricordato il personaggio di Onoff interpretato magistralmente [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 novembre 2017
Tatiana Micaela Truffa

Ci troviamo ad Avechot, sperduto paesino di montagna che non esiste, ed in effetti qui cominciano le prime dissonanze: ci si immagina un paesino francese di confine, ma le inflessioni dialettali, talvolta molto marcate, sono ondivaghe, e passano appunto, dal francese, al tipico accento del nord est italico. Si fa riferimento alla tv nazionale, ma mai nulla richiama prettamente all'Italia.

giovedì 9 novembre 2017
Paolo TN

Un Discreto Scrittore non è scontato che sia anche un buon regista: infatti questo film ne è la conferma. Un’occasione sprecata. Peccato perchè in questo film non si ritrova nulla del buon potenziale narrativo dello script da cui e tratto, che se sapientemente sviluppato avrebbe consentito un bel flusso avvincente, teso e sorprendente. Non è una questione di ritmo o di velocità della narrazione, ma [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 novembre 2017
Mirkomovie

Un triller italiano che mai mi sarei aspettato di vedere . Tra le ambizioni personali di un ispettore e la mente contorta di chi pesca ossessivamente il medesimo pesce, si crea la formula perfetta per un giallo ad altissima tensione. Il tutto orbita intorno alla scomparsa di una ragazza. Questo basta per descrivere la trama, Il resto è da vedere. Perfetta, e direi al solito, l'interpretazione di Toni [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 novembre 2017
Valter Chiappa

Il giallo piace. Il giallo funziona. Da sempre è il genere che tiene in piedi le sorti dell’editoria: offre una sfida intellettuale a chi vuole semplicemente cimentarsi nella soluzione di un enigma, apre le porte a chi vuole indagare fra i recessi più oscuri della mente, dà le ali a chi vuole planare in un ambiente suggestivo, che siano malinconiche periferie o brumose [...] Vai alla recensione »

sabato 4 novembre 2017
elpiezo

 In uno sperduto paese di montagna, una sedicenne scompare nel nulla. Un borioso agente di polizia trasforma l'episodio in un fenomeno mediatico. Donato Carrisi attinge al suo omonimo e fortunato romanzo e confeziona un suggestivo ed ispirato thriller dove ogni inquadratura rappresenta un piccolo tassello di un mosaico che si ricompone magistralmente nelle agoniate scene conclusive.

lunedì 30 ottobre 2017
kimkiduk

Buon film, divertente, finale bello come piace a me, genere noir che adoro, ma ... non so..... qualcosa stona. A parte alcune scene impossibili ed inverosimili, ma diamo il senso cinematografico ed il beneficio del pizzico di irreale che non  guasta; a parte interpretazioni buone (Servillo su tutti che però non riesco mai a digerire) ma non eccelse degli attori: a parte un accostarsi a [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 ottobre 2017
carloalberto

  Donato Carrisi, al suo esordio da regista, firma un noir impeccabile, dalla meccanica perfetta stile Hitchcock, con personaggi resi veri e drammatici da un trio di attori formidabile: Toni Servillo, Jean Reno, Alessio Boni. Il noir è bello e godibile per sé stesso. Ultronee ed inappropriate sarebbero letture sociologiche originate dai molti i rinvii alla TV del dolore, come [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 ottobre 2017
udiego

Esordio come regista al cinema per lo scrittore e sceneggiatore Donato Carrisi. Lo fa portando sul grande schermo la trasposizione cinematografica del suo sesto romanzo, "La ragazza nella nebbia" del 2015. La vicenda si sviluppa in un piccolo e quieto paesello di montagna, dove le vite dei suoi pacifici e chiusi abitanti verranno un giorno sconvolte da un efferato fatto di cronaca.

martedì 31 ottobre 2017
il_caravaggio

Di Donato Carrisi avevo letto il sussurratore e non ne ero rimasto favorevolmente colpito. La ragazza nella nebbia   confermato imiei dubbi  sulla capacità dello scrittore di scrivere storia credibili,  ben strutturate e con protagonisti che non siano macchiette. IL film scorre lento, noioso, i colpi di scena non ci sono o quantomeno sono prevedibili.

lunedì 30 ottobre 2017
alesimoni

Purtroppo una grande delusione. Scritto male, recitato peggio, un thriller che annoia per gran parte del tempo e che nn riesce ad emozionare nemmeno nel climax finale con i vari colpi di scena rivelatori. Non ho letto il libro, ma si intuisce che l'intreccio narrativo alla base di tutto possa essere valido, ma il risultato portato sullo schermo è scadente.

mercoledì 1 novembre 2017
Francesco

Incentrato attorno alla scomparsa di una giovane ragazza in un paesino di montagna, il film sviluppa il tema della costruzione di un romanzo, letterario così come televisivo, e dei meccanismi che servono per farlo risultare convincente al pubblico. In questo c'è da una parte la presa in giro della tv che vuole utilizzare le disgrazie altrui per raggiungere picchi di share, dall'altra c'è la rappresentazione [...] Vai alla recensione »

domenica 29 ottobre 2017
ROBERT EROICA

La ragazza nella nebbia forse è stata presa dal Diavolo. Sulla sua scomparsa, avvenuta in un piccolo centro di una valle montana, indaga un cinico ispettore di polizia. E’ intelligente e cattivo e non gli importa della verità. Usa i mezzi che ha a disposizione, e si serve della stampa per creare un Big Carnival che sarebbe piaciuto a Billy Wilder.

sabato 28 ottobre 2017
Flaw54

Un film di atmosfere recitato ottimamente da tutti gli interpreti. Carrisi è riuscito a trasportare sullo schermo il suo romanzo migliore in modo accattivante, anche se in certi passaggi come nel finale un po' caotico. Non c'è violenza, non c'è sangue, ma la tensione rimane altissima e lo spettacolo é godibile. Molto migliore de L'uomo di neve.

domenica 5 novembre 2017
Maurizio.Meres

Siamo nell'estremo nord d'Italia,in una vallata dove tutti si conoscono e sono consapevolmente complici di tutto ciò che accade,le stesse facce,la normalissima routine quotidiana,si parla poco anche perché il confrontarsi diventa noiosissimo e inconcludente,per far parlare e soprattutto per far vedere che esiste questo paese deve succedere qualcosa,attraverso il cinismo di un [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 ottobre 2017
Flyanto

 "La Ragazza nella Nebbia" del regista, attore e scrittore Donato Carrisi, è un thriller che ruota tutto intorno all'indagine che un agente di Polizia "caduto in disgrazia" (Toni Servillo) conduce in un paesino sperduto in montagna sull'improvvisa scomparsa di una ragazza di 16 anni dai capelli rossi. Le sue ricerche lo porteranno a contatto con svariati residenti [...] Vai alla recensione »

sabato 28 ottobre 2017
xanadu

Un bel giallo con più di un colpo di scena, una trama originale, bella sceneggiatura.

martedì 7 novembre 2017
elizina

Ciao a tutti, qualcuno di voi sa indicarmi il nome della canzone dal titolo brasiliano che 2 o 3 volte fa da colonna sonora del film? Sulla rete non si trova traccia... Grazie a chi mi rispondera Elisa

lunedì 30 ottobre 2017
Luci Benni

domenica 5 novembre 2017
Kimby

Ho trovato il film assolutamente improbabile , trama noiosamente complicata dove l unica nota positiva sono le inquadrature alle cime innevate ... calza perfettamente il liet motiv del film , la prima regola di una grande scrittore e' quella di copiare ...ecco il carrisi ha copiato un Lynch maestro del genere il toni servillo la cui recitazione è' prigioniera del personaggio di un [...] Vai alla recensione »

domenica 29 ottobre 2017
davidino.k.b.

grandi attori per un esordio da regista di uno scrittore molto in voga. Per il genere giallo buon film fedele al libro.

giovedì 16 novembre 2017
dream

Sono appassionata di gialli ma stavolta non ho capito il finale e tanti come me in sala ne parlavano...eravamo confusi. Qualcuno mi può spiegare? Vi prego non ditemi di leggere il libro...grazie

mercoledì 15 novembre 2017
maria

 anche io vorrei conoscere il nome della canzone brasiliana che fa parte della colonna sonora del film. una della poche cose del film che prende subito in modo piacevole

lunedì 13 novembre 2017
Paolino77

Un film non scontato tra le proposte di questo periodo, un po' deprimenti. Alcuni personaggi non sono ben riusciti , sono un po' troppo farseschi...La storia è intelligente, parla del ruolo dei media e della commistione tra interpretazione  della realtà e finzione, fa riflettere  sul ruolo di molte figure e mezzi  sociali nel raggiungimento  di presunte verità [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 novembre 2017
Franco

2) aggiungo alle mie impressioni già inviate ieri notte circa il film, quest'altra che ho elaborata stamattina (ieri sera ho assistito al film): sembra un'opera di geometria razionale elaborsta a tavolino, privo di vera "umanità",  l'approfondimento umano dei personaggi è coerentemente inesistente, i personaggi sono inventati, il film è freddo [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 novembre 2017
Franco

Sono uscito dalla sala confuso  ma anche stimolato ammirato e pensieroso..Se Vogel uccide il professore, sembra che egli voglia impersonare la Giustizia,che nella realtà quotidiana è incapace di agire a livello istituzionale, ma ciò sembra essere schizofrenicamente  in contraddizione con la  filosofia apparente dell'ispettore, secondo cui sulla giustizia trionfa [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 novembre 2017
xhcarl

Finalmente dopo anni un Thriller italiano degno di questo nome. Grande esordio di Carrisi, tanto che non sembra neanche un esordio. La piccola Anna Lou esordiente è un talento straordinario , nel complesso tutte grandi interpretazioni, anche dei personaggi minori! Speriamo vada bene anche all’estero , il nostro cinema se lo meriterebbe!

giovedì 2 novembre 2017
pier71

Se già La ragazza del lago di Andrea Molaioli stentava ad avere un senso cinematografico, qui siamo proprio in una puntata dei R.I.S. Perché queste operazioni non le pilotano da subito in tv? Sarebbe buona televisione! Ma cinema proprio no.  Vista la fantasia attendiamo La Ragazza della Palude.   P.s. Alessio Boni sembra sempre imbarazzante solo a me?

giovedì 2 novembre 2017
Vipera Gentile

Paola Casella ha interpretato il pensiero di molti; ieri sera, uscendo dal cinema e più tardi al Panino Giusto, ho avuto modo di ascoltare i commenti dei miei amici e di altri spettatori che erano al tavolo vicino: da "una bufala" a "troppo contorto"; c'era anche molta perplessità circa l'autore dell'omicidio perché ben due personaggi sono coinvolti e non si capisce se si tratta di un assassino seriale [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 novembre 2017
Francesco

Non mi trovo per nulla con questa critica. Il film è molto bello, ti avvolge nella trama, cresce in intensità, diventa sempre più cupo, allarga via via l'inquietudine attraverso i personaggi. Lo racconta come un film di genere dove i personaggi sono perfettamente descritti. Non non ho trovato nulla di imperfetto in questo film, ma anzi qualcosa che non vedevo da tempo. Coplimenti.

mercoledì 1 novembre 2017
Melanie Meyredi

Io ho letto prima Jo Nesbo l'ho interrotto e ho iniziato e finito la ragazza nella nebbia di Carrisi per vedere poi il film al cinema. In seguito ho concluso immmediatamente l'uomo di neve e le assicuro che non hanno niente a che vedere l'uno con l'altro. Non significa niente avere in comune l'ambientazione di un paese nordico! Completamente inappropriato assimilare i due libri sostenendo che siamo [...] Vai alla recensione »

martedì 31 ottobre 2017
kika

Il film è quasi interamente incentrato sul discorso dell'interferenza mediatica, la trama fila dritta come un fuso, gli attori sono bravi e tutte le citazioni tirate in ballo non so davvero dove le abbia notate."L'uomo di neve e La ragazza nella nebbia infatti si assomigliano non solo per atmosfere e inquadrature nordiche, ma anche per l'affastellamento delle trame e sottotrame e l'eccessiva sottolineatura [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 novembre 2017
Melanie Meyredi

Bellissimo film. Ho letto il libro e subito ho visto il film. Un noir che lascia l'amaro in bocca. Davvero un ottimo lavoro da parte del regista Donato Carrisi. Performance sorprendete da parte del grande Alessio Boni e di Toni Servillo. Davvero bravi. Un film che ricorda quelli scandinavi.

lunedì 30 ottobre 2017
Mariella

Il film ti tiene con il fiato sospeso tutto il tempo, gli attori sono molto bravi, ma la conclusione è talmente caotica che sono uscita dicendomi: non ho capito niente, e sono corsa in libreria a comprare il romanzo. Mi auguro di capire qualcosa. Poi se qualcuno più intelligente di me, mi spiega la fine, sarò felicissima!

giovedì 2 novembre 2017
Roberta

UN CAST DI ATTORI BRVISSIMI!!!!!!!!!!!!!!!!! UN FILM CHE TI COINVOLGE E SORPRENDE FINO ALLA FINE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!VE LO CONSIGLIO

lunedì 30 ottobre 2017
rossana65

Nella desolante provincialità del cinema italiano ogni tanto un film di pregio diretto da un esordiente totale, ma la scrittura è solida e il cast stellare. Da vedere.

domenica 5 novembre 2017
Emanuele 1968

Domenica sera ore 20.00 sala piena, credo che i posti liberi erano veramente pochi, forse 3, però la sala cosi calda che sembrava una sauna. Attori bravissimi, alcune scene bellissime, forse la trama del film da troppo ad intendre, mi perdevo, e non ho ben capito il finale, non credo che siamo forti nei triller, il nostro piu famoso e ben riuscito personalmente resta sempre profondo rosso.

mercoledì 1 novembre 2017
Silvia muzio

Ho letto il libro e ho visto il film! Il Film è fedele al libro !! trasmette grande suspense e inquietudine fino alla fine! Trovo molto ben riuscito il film. Donato Carrisi è molto bravo e complimenti al suo lavoro. Consiglio vivamente.Il libro di Nesbo e con quello di Carrisi non si possono paragonare, sono diversi ed eccellente tutti e due. Non si possono paragonare Batman e Superman perché tutti [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
martedì 31 ottobre 2017
Marco Castelli - Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

«La giustizia non fa ascolti. La giustizia non interessa a nessuno», dice l'investigatore nell'iniziare il caso. Protagonista di La ragazza nella nebbia è l'agente Vogel, un personaggio molto diverso rispetto ai vari "commissari" del grande e piccolo schermo come il commissario Sanzio (La ragazza del lago), altro investigatore interpretato da Toni Servillo. Il suo processo si dipana però meno nell'articolato dei Codici Penale e di Procedura Penale o nelle vie del paese teatro del crimine quanto sui plateau televisivi, sostanziandosi nei punti di share ottenuti dai suoi casi nei passaggi sui telegiornali. È proprio su questa visione mediatica del processo che indugia la critica del film.

«La giustizia è un ideale irrazionale» scriveva d'altronde Hans Kelsen, considerato il più importante giurista del Novecento.

Tuttavia questa, che era essenzialmente un'affermazione tendente alla riconsiderazione della legge e della sua gerarchia, sembra essersi trasformata per molti in una forma di nichilismo che vede nell'efficacia sociale, nella considerazione pubblica della risposta statale al crimine, l'unico scopo della "macchina della giustizia".

INCONTRI
giovedì 26 ottobre 2017
Paola Casella

Ha solo 31 anni ma una notevole esperienza teatrale e cinematografica, e nel 2012 ha conquistato il prestigioso Premio Ubu. Dopo essere stata la figlia di Fabrizio Gifuni in Noi 4 di Francesco Bruni e Fransiska in Dove cadono le ombre di Valentina Pedicini, oggi Lucrezia Guidone interpreta il ruolo della moglie di Alessio Boni ne La ragazza nella nebbia di Donato Carrisi.

La ragazza nella nebbia è la storia dell'agente speciale Vogel che viene inviato in una cittadina isolata in una sperduta valle montana, per investigare sul caso di una sedicenne scomparsa.

Mi racconti il suo ruolo.
Sono Clea, un'avvocatessa che ha lasciato la sua vita precedente per seguire il marito, trasferito per lavoro in uno sperduto paesino di montagna. Clea ha dunque rinunciato a se stessa in nome della famiglia e si sente responsabile nei confronti della figlia Monica, anche perché lei stessa ha qualche scheletro nell'armadio.

Come ha ottenuto la parte?
Attraverso molti provini! Il ruolo è molto distante da me, innanzitutto in quanto madre: un'esperienza che non ho ancora fatto. Anche fisicamente ho giocato a invecchiarmi e a ingoffarmi con maglioni larghi, e ho recitato sempre struccata.

Frasi
Qualcuno mi ha detto che il peccato più sciocco del diavolo è la vanità…
Una frase di Prof. Loris Martini (Alessio Boni)
dal film La ragazza nella nebbia - a cura di Fujiko
La giustizia non fa ascolti. La giustizia non interessa a nessuno.
Una frase di Agente Vogel (Toni Servillo)
dal film La ragazza nella nebbia - a cura di Matteo de Palma
"... due punti in più'' di share..."
Agente Vogel (Toni Servillo)
dal film La ragazza nella nebbia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 26 ottobre 2017
Antonello Catacchio
Il Manifesto

Donato Carrisi è autore di thriller che diventano bestseller. Non è un merito da poco nel panorama letterario italiano piuttosto sparagnino. Tra i suoi romanzi La ragazza nella nebbia ha spopolato e si dice fosse nato come sceneggiatura. Inevitabile quindi che diventasse un film. Non era invece inevitabile che fosse lo stesso Carrisi a curarne la regia.

giovedì 26 ottobre 2017
Claudio Trionfera
Il Messaggero

Vizi privati e pubbliche virtù. È l'aria che tira in un paese sprofondato tra le Alpi con la complicità d'una confraternita religiosa arroccata come una setta. E qua, ca va sans dire, che in una sera di brume sospiranti e minacciose esce di casa e sparisce una ragazzina. Scappata, rapita o ammazzata: alla fine si saprà. Sui fatti che seguono molto ha da dire Toni Servillo, poliziotto dal passato scuro [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 ottobre 2017
Giorgio Carbone
Libero

Una ragazzina di 16 anni scompare misteriosamente in una località di montagna. Si fa carico delle indagini un super detective, famoso per aver risolto tutti i casi offrendo soluzioni gradite al suoi datori di lavoro. Donato Carrisi mette personalmente in immagini il suo bestseller giallo. Lo fa sorprendentemente bene eliminando cose belle sulla pagina, ma che in cinema non avrebbero funzionato.

giovedì 26 ottobre 2017
Valerio Caprara
Il Mattino

Con l'arrivo dei primi freddi il botteghino dovrebbe riprendersi dal coma profondo di quest'anno e non c'è niente di male a sperare che un buon giallo rappresenti una delle occasioni giuste per riprendere confidenza con il grande schermo e la grande sala. Lo strapotere delle serie tv, impossibile da esorcizzare con gli approssimativi pareri circolanti sui media, può essere fronteggiato, infatti, solo [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 ottobre 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

La cosa curiosa di La ragazza nella nebbia è che, esordendo nella regia sulla base di un proprio thriller, lo scrittore Donato Carrisi abbia dato miglior prova come creatore di atmosfere che come sceneggiatore. L'inizio del film è promettente, con il commissario Toni Servillo, uscito sotto choc da un incidente, a colloquio nel cuore di una notte brumosa con lo psichiatra Jean Reno che non si capisce [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 ottobre 2017
Alice Sforza
Il Giornale

Tratto dal romanzo di Carrisi, qui presente nella doppia veste di sceneggiatore (meglio) e regista (qualche sbavatura), La ragazza nella nebbia è un thriller che sembra preso dalle pagine di cronaca nera, viste le molte assonanze con casi recenti. L'indagine ruota intorno alla sparizione, nella nebbia, di una sedicenne, Anna Lou, dai capelli rossi. La conduce Vogel (Servillo, impeccabile), investigatore [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
lunedì 6 novembre 2017
 

La sedicenne Anna Lou - brava ragazza dai lunghi capelli rossi appartenente ad una confraternita religiosa molto conservatrice - scompare dal paesino montano di Avechot. A interessarsi del caso è l'ispettore Vogel, che ha una reputazione professionale [...]

BOX OFFICE
domenica 5 novembre 2017
Andrea Chirichelli

Thor: Ragnarok vince agevolmente il sabato al box office con oltre 600mila euro e arriva ad un buon totale di 6,3 milioni di euro complessivi. Grande exploit de La ragazza nella nebbia che, grazie ad un passaparola che sta diventando sempre più efficace, [...]

BOX OFFICE
venerdì 27 ottobre 2017
Andrea Chirichelli

Il giovedì si conferma il giorno più debole della settimana, ma questo weekend, Stranger Things 2 permettendo, gli incassi dovrebbero essere più che decenti. Quattro nuove entrate nelle prime cinque posizioni della top ten italiana, ma in testa resta [...]

TRAILER
venerdì 15 settembre 2017
 

Un piccolo paese di montagna, Avechot. Una notte di nebbia, uno strano incidente. L'uomo alla guida viaggiava da solo. È incolume. Allora perché i suoi abiti sono sporchi di sangue? L'uomo si chiama Vogel e fino a poco prima era un poliziotto famoso. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati