Il primo giorno della mia vita

Film 2023 | Commedia, 121 min.

Regia di Paolo Genovese. Un film con Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Margherita Buy, Sara Serraiocco, Gabriele Cristini. Cast completo Titolo internazionale: The First Day of My Life. Genere Commedia, - Italia, 2023, durata 121 minuti. Uscita cinema giovedì 26 gennaio 2023 distribuito da Medusa. - MYmonetro 2,83 su 23 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il primo giorno della mia vita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 23 gennaio 2023

Una storia sulla forza di ricominciare quando tutto intorno sembra crollare. Il film ha ottenuto 3 candidature ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Il primo giorno della mia vita ha incassato 2,2 milioni di euro .

Consigliato sì!
2,83/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,43
PUBBLICO 3,55
CONSIGLIATO SÌ
Genovese scandaglia la materia incandescente del suicidio senza la risonanza emotiva necessaria.
Recensione di Paola Casella
lunedì 23 gennaio 2023
Recensione di Paola Casella
lunedì 23 gennaio 2023

Arianna ha perso la figlia e non se ne dà pace. Napoleone è un motivatore che riesce a spronare tutti tranne che se stesso. Emilia è un'eterna seconda confinata sulla sedia a rotelle che ha messo fine alla sua ascesa nella ginnastica artistica. E Daniele è uno youtuber riluttante sfuggito ai bulli ma non alla propria mancanza di autostima. Un uomo misterioso intercetta i quattro nel momento in cui hanno deciso di farla finita, e ora deambulano insieme a lui, né morti né vivi. L'uomo ha intenzione di fornire loro una prospettiva diversa dalla quale guardare la propria situazione durante una settimana in cui rimarranno sospesi nel tempo, senza bere né mangiare, e senza che nessuno si accorga della loro presenza. Ma non è facile far cambiare idea a chi si sentiva arrivato al capolinea della propria vita.

Con Il primo giorno della mia vitaPaolo Genovese torna alle atmosfere metafisiche di The Place, e anche qui i protagonisti viaggiano attraverso non luoghi alla Augè come il locale di quel film: alberghi abbandonati, stazioni di servizio hopperesche, e intorno una Roma fatiscente e quasi distopica, spesso inquadrata dall'alto, come dallo sguardo di un dio lontano e indifferente ai dolori dell'umanità.

Il tema del suicidio come sbocco ad una mancanza percepita di alternative è interessante, ma c'è qualcosa di terminalmente algido e asfittico nella elucubrazione tutta cerebrale di una sceneggiatura - scritta a 8 mani da Genovese, Paolo Costella, Rolando Ravello e Isabella Aguilar - così calcolata da risultare meccanica.

La materia incandescente dei sentimenti affiora soltanto nelle interpretazioni di Margherita Buy e del piccolo Gabriele Cristini, mentre Valerio Mastandrea e Sara Serraiocco si adeguano all'annichilimento dilatato attraverso immagini laconiche immerse nelle tonalità del giallo (la fotografia è di Fabrizio Lucci).

Anche i dialoghi sembrano più declamati che sentiti, più artificiosi che ispirati. Ogni emozione è tenuta a distanza sia dal copione che dalla regia, e i quattro "walking dead" attraversano davvero come zombie questa storia, senza creare la risonanza emotiva necessaria per coinvolgere lo spettatore.

Impossibile non fare un paragone mentale con altri film di tema simile, ma di impatto emotivo infinitamente maggiore, come La vita è meravigliosa o La ragazza sul ponte, che rappresentavano la scelta del suicidio come l'estrema ratio di nature profondamente romantiche e idealiste, non come un gesto di inerte disperazione. Forse la chiave di lettura più interessante come cartina di tornasole della contemporaneità è la scelta di fare del "maschio bianco privilegiato" l'elemento più fragile, quello che, pur essendo stato favorito dalla vita per cultura e tradizione, non riesce comunque a darle un senso nel presente.


IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€9,99
€9,99
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 28 gennaio 2023
thomas

Misurarsi cinematograficamente con temi complessi come la felicità, la speranza, la depressione, il dolore, il suicidio è molto pericoloso perché si rischia la vuota superficialità zuccherosa o, in alternativa, l’insopportabile pesantezza educativa.“Il primo giorno della mia vita” ha il merito di affrontare con forza ed efficacia temi su cui è molto facile scivolare perché non cammina, ma vola alto: [...] Vai alla recensione »

domenica 29 gennaio 2023
maopar

 Coraggioso Genovese nel trattare  un argomento così profondamente connaturato nell'animo di ognuno di noi.. Il desiderio della  felicità e il bisogno di mantenerla nel tempo...Dopo il grande successo del suo libro l'autore lo mette in scena , maestro di comunicazione persuasiva del linguaggio pubblicitario,  conduce  lo spettatore  a riflettere [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 gennaio 2023
pitcaf

A mio giudizio, forse finora il miglior film della stagione. I quattro protagonisti sono dei suicidi ai quali un angelo (Toni Servillo) offre la possibilità di rivivere da “non morti” per una settimana, durante la quale avranno modo di vedersi in spezzoni di quello che sarebbe accaduto se non fossero deceduti, e decidere alla fine se tornare indietro o meno.

mercoledì 22 febbraio 2023
mauro.t

Genovese traspone al cinema il suo romanzo. Quattro persone di età diverse hanno tentato il suicidio a Roma nello stesso giorno per differenti ragioni. Per qualcuno c’è l’incapacità di accettare una perdita dolorosissima, per un altro le carenze affettive, per altri ancora la depressione. Ma i quattro protagonisti non passano immediatamente nell’Aldilà. [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 maggio 2023
Rosalinda Gaudiano

  CINEMA, METAFORA E RIFLESSIONE SULLA VITA   Il primo giorno della mia vita   E’ nel titolo tutto il significato del film. Il primo giorno in cui la vita  prende una nuova forma e…ricomincia. Quattro persone, Napoleone, Arianna, Emilia e il piccolo Daniele, vengono prese in consegna da un uomo.

lunedì 20 febbraio 2023
gabriella

 Paolo Genovese affronta un tema delicato , da trattare e maneggiare con molta cura e in parte ci riesce, grazie sopratutto alla buona prova degli attori, e a una scrittura che in certi momenti tocca note si autentica commozione, in altri invece si avverte una mano meno sicura e un po' approssimativa.. Un uomo non ben identificato, recupera quattro persone che hanno deciso di farla finita, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 febbraio 2023
Maverick3293

Trama interessante e tema difficile, pesante, delicato da affrontare e portare su schermo. Bella fotografia e sceneggiatura, un film ambientato in una Roma battuta dalla pioggia.  Cast con attori italiani importanti, ma, a parer mio, non all'altezza di altri film in sala. In un film su depressione e tristezza, scene importanti e situazioni struggenti, solo una commozione e niente lacrime. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 febbraio 2023
CLEME

chi lo diceva? non mi ricordo. ma chi dice che non è un bel film, che è noioso, non suscita nessun interesse, loffio , che si esurisce nell'interpretazione magistrale di (quasi) tutti gli attori? lo dico io. ma un aspetto ha sempre attirato la mia attenzione: quale pensiero anima un'idea? E' l'osservare la spasmodica ricerca del Dio denaro. O sentire la drammaticità del male di vivere, quello che non [...] Vai alla recensione »

martedì 31 gennaio 2023
Folignoli

Presentato in pompa magna dalla Umbria Film Commission in anteprima nazionale al Politeama di Terni (senza avere nemmeno una scena girata a Terni)  il film appare come una commistione di generi: thriller, commedia amara, cinema impegnato e non riesce assolutamente ad essere incisivo, né a regalare immedesimazione. I dialoghi appaiono scontati e patetici, i ruoli dei 4 personaggi "in [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 gennaio 2023
Anna Rosa

Un uomo, due donne e un bambino si sono suicidati, ... anzi no, il bambino è ancora tra la vita e la morte. I primi tre hanno anche assistito al proprio funerale, da morti ovviamente e perciò invisibili, però poi tre di loro ci ripensano, grazie all'aiuto psicologico fornito loro da una quinta persona, con la faccia di Servillo, anche lui morto suicida, e alla fine .

lunedì 26 giugno 2023
Alessandro Spata

La verità è che “per amore della vita non si possono perdere le ragioni di vivere”. Encomiabile il tentativo di trattare un argomento complesso come il suicidio. Va apprezzato lo sforzo. Purtroppo come i personaggi della storia anche il film si mantiene “tra la vita e la morte” per un ora e mezza circa. Ci sono degli spunti buoni ma altrettanti momenti di un’ingen [...] Vai alla recensione »

domenica 26 febbraio 2023
claudio stefani

Sottoscrivo in pieno il commento fatto da thomas. Aggiungo che ogni fotogramma mi ha mosso l'anima, sono entrato in empatia con ciascuno dei protagonisti, con il loro dolore e disperazione. Merito in parti uguali della sceneggiatura (i dialoghi sono di una intensità e profondità straordinari), e degli interpreti (alle conferme di Margherita Buy, Tony Servillo e Valerio Mastandrea [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 febbraio 2023
Gaetano CUPELLO

 Un' idea di partenza geniale (tutti meriterebbero una seconda chance), la classe sopraffina di 3 grandissimi attori ( Servillo, Buy e Mastrandrea) una regia potente con una colonna sonora pienamente centrata . Un film fiabesco, intenso, commovente, a tratti struggente, con un finale intrigante. Vietato agli insensibili.

giovedì 23 febbraio 2023
enzo70

Se le sale cinematografiche sono vuote il problema è serio. Perché è da tempo che il cinema italiano ha recuperato un buon livello qualitativo. Paolo Genovese riesce a coniugare la semplicità e la linearità della narrazione con il disagio dell’uomo, afflitto dai suoi eterni dolori. Toni Servillo interpreta un uomo mefistofelico che ha il compito di fornire una [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 agosto 2023
ralphscott

Ambizioso, raccontare ben quattro suicidi. L'opera alterna momenti riusciti ed intensi (es. gita al mare) ad altri più deboli, irrisolti. In generale, avverto un senso di ovattamento, forse mancanza di affondare il colpo per rispetto della materia trattata. Servillo insolito, Mastandrea col ruolo più interessante che, anche in questa occasione, asserve in modo impeccabile.

giovedì 3 agosto 2023
Iorenzo

Il film mi è piaciuto davvero tanto, mi ci sono immedesimato parecchio ma il finale mi ha completamente spiazzato. So che tutto non deve essere sempre rose e fiori, però non doveva assolutamente finire così, mi sono rispecchiato davvero troppo in Napoleone ed ora sono preoccupato e con tantissimi troppi dubbi in testa.  Quindi anche se, ripeto, è un bellissimo film, [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 luglio 2023
maurizio parisi

 IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA   PSICO COMMENTO   SETTE GIORNI PER PENSARCI SETTE GIORNI PER RITORNARE SUI PROPRI PASSI UN ULTIMO TENTATIVO DI RITROVARE LA PROPRIA VITA. UN MISTERIOSO INDIVIDUO GIRA DURANTE LA NOTTE RECUPERANDO LE ANIME DI SUICIDI PER DAR LORO UNA ULTERIORE POSSIBILITA'. E IN UNA NOTTE NE TROVA QUATTRO.

lunedì 3 luglio 2023
spione

Un'ex ginnasta ridotta (forse) in sedia a rotelle con gli occhi da cerbiatta di Sara Serraiocco. Un'agente di polizia che ha perso una figlia adolescente dalla nevrosi burbera di Margherita Buy. Un ragazzino bullizzato e con dei genitori inadeguati dal volto pacioccone del dodicenne Gabriele Cristini. Un "motivatore" incapace di motivare se stesso [...] Vai alla recensione »

sabato 13 maggio 2023
francog

Film discreto . Non apprezzo la collettivizzazione del suicida che si fa gruppo. Ma d'altronde anche dante alighieri non aveva lesinato. Buona la meccanica della storia che non e' del tutto originale ma si fa apprezzare.

martedì 21 febbraio 2023
Nicola

L’artificio narrativo su cui si basa la storia non mi convince, neanche in un ambito fantastico come questo. La scelta dei personaggi poi appare debole, sarebbe bastato attingere alla cronaca quotidiana per trovare soggetti più interessanti e “motivati”. L’opzione, evidentemente voluta, di rimuovere qualsiasi riferimento alla dimensione spirituale dell’essere umano [...] Vai alla recensione »

domenica 5 febbraio 2023
Giulia Ricci

Un film che ha toccato le corde del cuore di ognuno di noi. Storie di vita quotidiana delicate che ci fanno riflettere, emozionare e che ci suscitano anche qualche sorriso; allo stesso tempo, ci fanno ancora di più innamorare della vita. Complimenti!

giovedì 2 febbraio 2023
cinema coviello bitonto bari

questo film lo proiettano anche a bitonto cinema coviello

lunedì 30 gennaio 2023
Angel

Il film tratta temi profondi, il cast con attori bravissimi, alimentava grandi aspettative purtroppo deluse. Non mi ha lasciato nessuna emozione, è freddo, piatto, mediocre. Lo sconsiglio, una delusione.

venerdì 10 febbraio 2023
passito

Un film che ti rapisce per due ore senza mollarti un attimo, un viaggio profondo nelle nostre vite

lunedì 30 gennaio 2023
santospago

Un film di alto livello, una storia classica e originale al tempo stesso. cinque attori fantastici ci raccontano la speranza di vivere  trasmettendoci grandi emozioni. Alcune scene cinematograficamente memorabili. ps bellissima la colonna sonora di Giorgia

sabato 28 gennaio 2023
santospago

Un film con immagini che nutrono gli occhi e una storia che riempie il cuore. Sono stato sorpreso da questa storia ricca, originale e piena di colpi di scena. Un Servillo inedito da non perdere. Mastandrea sempre bravo e la Buy incredibilmemnte commovente

giovedì 26 gennaio 2023
alceste perrone

Vita, morte, felicità, speranza .... un film coinvolgente che ti manda a casa con molti pensieri

mercoledì 25 gennaio 2023
melania

Film molto emozionante. Un susseguirsi di pensieri e riflessioni. Un analisi sulla seconda possibilità che ti può la vita molto coinvolgente. La coppia Servillo Mastandrea imperdibile.

martedì 24 gennaio 2023
stellab

un film assolutamente da vedere. Temi difficli, riflessioni profonde, un tratto leggero con un po' di sorriso 

lunedì 13 febbraio 2023
Cinepiero

Mastandrea e servillo in grande forma. Storia molto coinvolgente

lunedì 13 febbraio 2023
Cinepiero

Mastandrea e servillo in grande forma. Storia molto coinvolgente

domenica 29 gennaio 2023
athos

Quattro destini si mischiano in una settimana dai ritmi cadenzati. Toni Servillo è il loro regista, aiutante e traghettatore verso il futuro. Film complesso ed emozionante, che tratta il difficile tema della felicità e del suicidio. Ne escono due ore di grandi scene, di grande musica. Se Genovese avesse rischiato un po' di più, se non avesse in parte trattenuto le emozioni [...] Vai alla recensione »

domenica 29 gennaio 2023
petri

Sono uscito dalla sala pieno di emozioni. E per me il cinema è questo. Voglio ringraziare gli attori per avermi fatto stare bene, in particolare mastandrea una interpretazione bellissima. Bella la fotografia di Roma.

sabato 28 gennaio 2023
Jxhdhxjf

E un film fantastico fai riflettere molto ??e bellissimo veramente da 5 stelle anche di più ??bravi a tutti quelli che lo hanno fatto spero che farete altri film così da riflettere. bravi a tutte le persone che lo anno collaborato.

venerdì 27 gennaio 2023
Nadia Bet

A noi è piaciuto il regista ha saputo trattare con sensibilità e gentilezza argomenti decisamente difficili e particolari come la morte e il suicidio Bravissimi  tutti sopratutto Mastandrea e Serraiocco. Servillo il solito mostro di bravura se fosse nato a Los Angeles l'oscar lo avrebbe già a casa....

mercoledì 25 gennaio 2023
melania

La vita è ,eravigliosa in chiave moderna. Un viaggio nella speranza con tante idee e spunti di riflessione. La coppia Servillo - Mastandrea è fantastica.

lunedì 30 gennaio 2023
Nico

Subito mi è apparso un film un po' pesante ,ma poi si e rilevato un capolavoro.c'e da riflettere.in questa nostra vita una seconda possibilità non ci e consentito averla , quindi bisogna vivere facendo tesoro dei nostri errori del passato.

domenica 29 gennaio 2023
antonella gili

Il film del regista Paolo Genovese tratta in modo delicato ma concreto il tema del suicidio o meglio della scelta di continuare a vivere nonostante gli eventi avversi o no. La storia scorre in modo fluido, analizzando le vicende della vita di quattro persone, tutte "pronte" a farla finita, ma sarà l'arrivo di un personaggio sconosciuto, un Angelo, interpretato da Toni Servillo, ad aiutare almeno tre [...] Vai alla recensione »

Frasi
La felicità non consiste nel trovarla ma nel cercarla
Uomo (Toni Servillo)
dal film Il primo giorno della mia vita - a cura di Clarice
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 4 febbraio 2023
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Un personaggio misterioso preleva quattro individui che si sono appena suicidati, li alloggia in un albergo vuoto e dà loro una settimana di tempo per ricredersi. L'idea alla base del film è intrigante e conferma l'inclinazione di Paolo Genovese verso il genere fantastico, pur ancorato alla realtà; il regista romano ne aveva già dato una buona dimostrazione in "The Place" (2017).

venerdì 3 febbraio 2023
Matteo Galli
Close-Up

Non ho visto il penultimo film di Paolo Genovese, intitolato Supereroi ed uscito nel dicembre 2021 (su Amazon Prime dal febbraio del 2022), non ho letto il libro, omonimo, da cui è tratto l'ultimo film intitolato Il primo giorno della mia vita (Einaudi 2018), ma avevo visto (e recensito) i suoi due film precedenti, ovvero Perfetti sconosciuti (febbraio 2016) e The Place (novembre 2017).

mercoledì 1 febbraio 2023
Fausto Bona
Brescia Oggi

Certo, avrebbe potuto benissimo essere, senza scomodare «L'assurdo e il suicidio» di Camus, una riflessione laica via cinema sull'assurdità della vita e la tentazione del farla finita. Con il cinema si può fare tutto; vedi, per esempio, «Salto nel vuoto» di Marco Bellocchio. Ma servono coerenza e capacità di astrarsi dal contesto mediatico e resistere alla forza di attrazione - questa sì sovrannaturale [...] Vai alla recensione »

martedì 31 gennaio 2023
Alberto Pezzotta
Film TV

Un motivatore che non riesce a motivare se stesso. Una poliziotta che ha perso la figlia. Una campionessa di ginnastica eterna seconda che ora è sulla sedia a rotelle. Un ragazzino bulimico costretto dai genitori a diventare una star di YouTube. Ecco i quattro personaggi emblematici del nostro presente che si sono suicidati all'inizio del nuovo film di Genovese, e a cui l'angelo Toni Servillo concede [...] Vai alla recensione »

martedì 31 gennaio 2023
Giovanni Guidi Buffarini
Corriere Adriatico

Quattro personaggi. Né morti né vivi, dice Toni Servillo che li carica sulla station wagon e li porta in albergo, unici clienti. Il motivatore demotivato Mastandrea, mamma Buy che ha perso la figlia, Sara Serraiocco ginnasta eterna seconda, un bimbo influencer per forza. Hanno commesso suicidio, il bambino è in coma, gli altri a inizio film li portano via, direzione obitorio.

lunedì 30 gennaio 2023
Fabio Canessa
Il Tirreno

Per resuscitare il cinema italiano, Paolo Genovese tenta una fallimentare terapia d'urto (o forse una disperata cura omeopatica): fa un film sul suicidio.È vero che l'angelo Toni Servillo, come in "Un canto di Natale" e "La vita è meravigliosa", cerca di convertire alla vita i quattro protagonisti che se la sono tolta, ma purtroppo la magia di Dickens e la leggerezza di Frank Capra sono lontane anni [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 gennaio 2023
Gianni Canova
We Love Cinema

Piove a dirotto su Roma, all'inizio e alla fine di Il primo giorno della mia vita. Piove tanto che l'umidità offusca la vista, appanna i finestrini delle auto, rende opaca e sfocata ogni visione. Non è mai completamente a fuoco, l'immagine: o perché la macchina da presa scruta i personaggi chiusi dentro un'auto inquadrandoli fuori dai finestrini rigati dalla pioggia o perché la fotografia di Fabrizio [...] Vai alla recensione »

domenica 29 gennaio 2023
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

In una notte romana, un uomo raccoglie con la sua auto tre persone sul punto di suicidarsi e le conduce in un albergo deserto, dove si aggiunge loro un ragazzino. Un po' frastornati e non troppo convinti, tutti accettano il patto di trascorrere con lui sette giorni tra la vita e la morte, per ripensare alla loro scelta senza cibarsi e invisibili agli altri.

sabato 28 gennaio 2023
Paolo Fossati
Giornale di Brescia

Un misterioso Caronte (Servillo bonario, ma autorevole) carica su una station wagon vintage 4 (im)perfetti sconosciuti. Presto si sciolgono le ambiguità: non è un carro funebre, ma poco ci manca, perché i passeggeri sono accomunati dall'aver deciso di farla finita. Viene loro concesso un ultimo viaggio in comitiva. Una settimana per ripensarci, scegliere la vita.

sabato 28 gennaio 2023
Giulia Ciccone
La Gazzetta di Parma

Chi è?» «E' uno che vorrebbe farci cambiare prospettiva». L'uomo misterioso di cui parlano, interpretato dal sempre grandissimo Toni Servillo, accompagna quattro personaggi in un limbo tra vita e morte, in un periodo di sospensione in cui riflettere e accettare la normale alternanza tra tristezza e felicità, imparando a relativizzare entrambi. Il primo giorno della vita è quindi il primo giorno da [...] Vai alla recensione »

sabato 28 gennaio 2023
Serena Nannelli
Il Giornale

Con "Il primo giorno della mia vita" Paolo Genovese porta sullo schermo il suo omonimo romanzo, pubblicato nel 2018, spostandone l'ambientazione da New York a Roma. Si tratta di una riflessione su un tema delicatissimo come quello del suicidio ma anche sul libero arbitrio e sul potere salvifico di relativizzare l'insostenibilità del presente. Un film dalla bellezza profonda che promuove le seconde [...] Vai alla recensione »

sabato 28 gennaio 2023
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Non buttiamoci giù" era il titolo di un romanzo scritto da Nick Homby nel 2016. Quattro sconosciuti si trovano la notte di Capodanno sul tetto di un palazzo londinese, decisi a farla finita. Reputazioni distrutte e altre infelicità li hanno condotti alla fatale decisione. Nessuno la metterà in atto, scenderanno dalle scale dopo uno scambio di opinioni piuttosto acceso, rappacificati con la vita.

venerdì 27 gennaio 2023
Marco Contino
Il Mattino di Padova

Arianna (Buy) è una poliziotta che serba un dolore antico dentro il cuore. Napoleone (Mastandrea) motiva gli altri ma ha un inspiegabile vuoto dentro. Emilia (Serraiocco) è una ex campionessa di ginnastica costretta in sedia a rotelle e Davide è un ragazzino bullizzato costretto dai genitori a fare lo youtuber. Sono quattro anime in pena, sull'orlo della disperazione: anzi quell'orlo lo hanno già [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 gennaio 2023
Marco Minniti
Asbury Movies

In una Roma malinconicamente immersa in una notte piovosa, quattro personaggi hanno deciso contemporaneamente di porre fine alla loro vita. Arianna è una poliziotta che ha perso la figlia adolescente anni prima, senza esser mai riuscita a farsi una ragione di questa perdita; Napoleone è un motivatore terminalmente depresso, che sembra incapace di mettere in pratica i suoi stessi suggerimenti; Emilia [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 gennaio 2023
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Una poliziotta devastata dal lutto (Margherita Buy), un mental coach più sfiduciato dei seguaci (Valerio Mastandrea), l'ex campionessa in carrozzina (Sara Serraiocco) e un ragazzino diabetico spronato dal padre come youtuber delle abbuffate (Ganriele Cristini). Come club dei suicidi, questo gruppetto di personaggi in attesa di destino nell'istante fatale, sembra una strana famiglia Addams, disorientata [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 gennaio 2023
Maria Lombardo
La Sicilia

"Il primo giorno della mia vita" è un film sulla forza di ricominciare. Un uomo misterioso (interpretato da Toni Servillo) si presenta a quattro persone che hanno toccato il fondo e vogliono farla finita offrendo loro una settimana di tempo per riacquistare la voglia di vivere. Far scoprire a ciascuno come potrebbe essere il mondo senza di lui/lei è il suo metodo.

giovedì 26 gennaio 2023
Lorenzo Martini
Ciak

Cosa accadrebbe se, pronti a farla finita con una vita che non funziona più, ci venisse data la possibilità di vivere per una settimana vedendo cosa ci stiamo perdendo? È questo il tema della storia, scritta da Paolo Genovese, che gli aveva già dedicato un romanzo, con Paolo Costella, Rolando Ravello, Isabella Aguilar. I protagonisti sono un uomo (Valerio Mastandrea), due donne (Margherita Buy e Sara [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 gennaio 2023
Alice Sforza
Il Giornale

Un film pericoloso. Nel senso che toccare certi temi, come la felicità e la sua ricerca, è fortemente-a rischio di retorica e volendo, potrebbe anche essere interpretato come presuntuoso. Non però se lo affidi a Paolo Genovese, uno dei pochi registi italiani capaci di dirigere. Può sembrare lapalissiano, quasi una banalità, ma vedendo lo stato dell'arte del nostro cinema, contiene una profonda verità. [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 gennaio 2023
Francesco Alò
Il Messaggero

Il cielo sopra Roma ricorda quello di Berlino di Wim Wenders. C'è un uomo (Toni Servillo) amante del jazz al volante di una station wagon. Vaga di notte tra piazza Vittorio e Termini reclutando un bambino con un milione di follower perché si ingozza di ciambelle, poliziotta fissata col turno di notte (Margherita Buy), ex quasi campioncina di ginnastica artistica in sedie a rotelle (Sara Serraiocco), [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 gennaio 2023
Davide Maria Zazzini
La Rivista del Cinematografo

Napoleone motivava tutti per mestiere, ma con sé stesso non ci riusciva più. Arianna aveva perso la figlia e quindi la voglia di vivere. Emilia, eterna seconda, per non fare più gare di ginnastica artistica si era seduta su una sedia a rotelle. Il piccolo Daniele, youtuber sovrappeso, era nauseato da genitori-sfruttatori e compagni-bulli. Ognuno ha avuto il suo motivo per suicidarsi.

giovedì 26 gennaio 2023
Federico Rizzo
Sentieri Selvaggi

Due anni dopo Supereroi, Paolo Genovese torna alla regia con Il primo giorno della mia vita, adattamento cinematografico del suo romanzo omonimo del 2018. Rispetto alla vicenda a tinte rosa da melò classico del film precedente, qui Genovese ritorna alle atmosfere gravose e metafisiche di The Place, stavolta affrontando il complesso tema del suicidio.

martedì 24 gennaio 2023
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

"Siamo morti?" chiede uno dei quattro. "Né morti né vivi... sospesi nel tempo" replica l'uomo misterioso. Non rivelo nulla di speciale, a proposito del film di Paolo Genovese "Il primo giorno della mia vita", perché tutto ciò avviene nel primo quarto d'ora. Il regista di "Perfetti sconosciuti" nella vita è anche scrittore, infatti questo nuovo film, nelle sale da giovedì 26 gennaio con Medusa, deriva [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 1 febbraio 2023
Andrea Chirichelli

Il film di Genovese in testa con 63mila euro (e 1 milione totale). I primi 4 film separati da appena 10mila euro. Scopri la classifica »

TRAILER
mercoledì 28 dicembre 2022
 

Regia di Paolo Genovese. Un film con Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Margherita Buy, Sara Serraiocco, Giorgio Tirabassi. Da giovedì 26 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
martedì 19 gennaio 2021
 

Il film intreccia le storie di Emily, ex ginnasta olimpica, Aretha, poliziotta dal carattere forte e dal passato tormentato, Napoleon, un professionista newyorkese di successo e Daniel, piccolo divo della pubblicità.

NEWS
giovedì 21 giugno 2018
Francesca Ferri

Paolo Genovese vola a Hollywood. Dopo il successo internazionale di Perfetti sconosciuti, il regista romano girerà negli Stati Uniti Il primo giorno della mia vita (The First Day of My Life), l'adattamento del suo romanzo "Il primo giorno della mia vita". [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati