•  
  •  
Apri le opzioni

Gigi Proietti

Gigi Proietti (Luigi Proietti) è un attore italiano, regista, musicista, è nato il 2 novembre 1940 a Roma (Italia) ed è morto il 2 novembre 2020 all'età di 80 anni a Roma (Italia).

A lui gli occhi, please!

A cura di Fabio Secchi Frau

Noto anche e semplicemente come Gigi Proietti, è stato uno dei più spigliati attori, registi, doppiatori e perfino cantanti italiani in circolazione. Insomma, un robusto artista, protagonista di numerosi film e svariate fiction di successo che con il tempo è diventato una delle personalità più glamour e straordinarie, nonché complete del cinema italiano. Uno specchio nella quale la società italiana contemporanea ha continuato a riflettersi per capire dove stava andando. Impegno e serietà anche nella risata.

Formazione
Dopo aver conseguito la maturità classica, si iscrive alla facoltà di giurisprudenza dell'Università La Sapienza di Roma, con l'aspirazione di avvocato. Ma durante quegli anni, trova più piacere nell'esibirsi con la chitarra nei locali notturni della capitale, piuttosto che stare fra i banchi di scuola, infatti, a soli sei esami dati, abbandonerà gli studi e si concentrerà sulla musica imparando a suonare il pianoforte, la fisarmonica e il contrabbasso. Nel contempo, inizia a frequentare il corso di mimica di Giancarlo Cobelli, al Centro Universitario Teatrale, il quale nota subito delle qualità in questo giovane e lo scrittura per uno spettacolo d'avanguardia: "Can Can degli italiani".

Gli anni della dolce vita
È il 1963 e Proietti comincia a frequentare l'entourage di artisti che rendono più viva e comica Roma: Ercole Patti, Luigi Malerba e Ennio Flaiano del quale metterà in musica l'aforisma "Oh come è bello sentirsi...". L'anno dopo, continua il suo percorso teatrale, ma sempre con ruoli marginali, cimentandosi con il Gruppo Sperimentale 101, sotto la direzione di Antonio Calende, di Cobelli e anche dello sceneggiatore e scrittore Andrea Camilleri. Vestito da upupa, porta in scena "Gli uccelli" di Aristofane (1964) e, quattro anni dopo, dopo una faticosa gavetta diventa protagonista de "Il Dio Kurt" e "Operetta", messi in scena al teatro Stabile de L'Aquila. Nel frattempo, si sposa con Sagitta Alter, guida turistica svedese, dalla quale avrà due figlie: Susanna e Carlotta. Comincia a bazzicare anche la televisione, facendosi dirigere da Flaminio Bollini nel film tv La maschera e il volto (1965) accanto ad Aldo Giuffrè.

Debutto sul grande schermo e successo teatrale
Debutta sul grande schermo grazie ad Alessandro Blasetti, il quale lo dirige ne La ragazza del bersagliere (1967) con Leopoldo Trieste, Renato Salvatori, Franca Valeri e Rossano Brazzi. Entrato nel circuito di Cinecittà, lavora in alcune pellicole di Pasquale Festa Campanile, ma anche ne L'urlo (1968) e Dropout (190) di Tinto Brass. Comincia a farsi conoscere anche all'estero, infatti, Sidney Lumet lo dirigerà ne La virtù sdraiata (1969) con Omar Sharif e Anouk Aimée. E dopo Una ragazza piuttosto complicata (1969) di Damiano Damiani, tocca finalmente la notorietà quando viene chiamato a sostituire Domenico Modugno (si disse per un incidente, ma in realtà era per i dissapori con Renato Rascel) nella commedia musicale "Alleluja brava gente" di Garinei & Giovannini, nella parte di Ademar. Finalmente, si impone come attore di primo piano, almeno a teatro! Perché al cinema dovrà faticare ancora molto per trovare una sua collocazione come protagonista, passando da Brancaleone alle crociate (1970) e La mortadella (1971) di Mario Monicelli, a L'eredità Ferramonti(1976) e Bubù (1971) di Mauro Bolognini.

La radio e ancora tanto teatro
Elio Petri, Luigi Magni e Alberto Lattuada sono due degli autori che lo dirigono nei primi anni Settanta, poi Gigi Proietti decide di dedicarsi alla radio con il notevole e celebre successo di "Gran Varietà" dove porta tre dei suoi migliori personaggi, senza ovviamente smettere di accompagnarsi con la sua chitarra nei numerosi sketch. Non abbandona il teatro e porta in scena: "La cena delle beffe" (1974), "A me gli occhi please!" (1976, che sarà uno dei più grandi successi e che tornerà in scena nel 1993, nel 1996 e nel 2000), "Come mi piace" e "Leggero leggero" (1991). Canta, si dirige, recita lunghi e spassosi monologhi, imita, balla. Il pubblico italiano è passo di lui e artisti come Federico Fellini ed Eduardo De Filippo lo stimano e lo ammirano. Fellini pensò proprio a lui quando ebbe in mente di girare Il Casanova di Federico Fellini, ma poi assegnò la parte a Donald Sutherland (sebbene proprio Proietti ne curò il doppiaggio).

Mandrake lo inserisce tra gli attori della commedia all'italiana
Dopo la commedia musicale un po' scandalosa Bordella (1976) di Pupi Avati, arriva il suo ruolo più bello, quello dell'indossatore Mandrake, appassionato di ippica e scommesse, nella pellicola di Steno Febbre da cavallo (1976) che, considerato un vero e proprio cult, avrà persino un seguito: Febbre da cavallo 2 - La mandrakata (2002), diretto dal figlio di Steno, Carlo Vanzina (vincendo il Nasto d'Argento come miglior attore protagonista). Da quel momento, Proietti, entra ufficialmente fra gli interpreti principali della commedia all'italiana con Casotto (1977) e Due pezzi di pane (1979) di Sergio Citti, Mi faccia causa (1984) di Steno, Non ti conosco più amore (1980). Volto comico apprezzato anche all'estero non ha difficoltà a recitare in Qualcuno sta uccidendo i più grandi cuochi d'Europa (1978), giallo rosa di matrice franco-americana, e neppure in Un matrimonio (1978) di Robert Altman.

Direttore del Brancaccio e scopritore di talenti
Nel 1978 diventa direttore artistico del Teatro Brancaccio di Roma, creando un proprio Laboratorio di Esercitazione sceniche dal quale usciranno artisti come: Enrico Brignano, Chiara Noschese, Flavio Insinna, Rodolfo Laganà, Francesca Nunzi e Gabriele Cirilli. Nel 1981, lavora nello sceneggiato "Fregoli", ispirato alla vita del trasformista Leopoldo Fregoli, poi diventa anche presentatore di varietà come "Fantastico 4" (1983) e "Di che vizio sei?" (1988). Grandissimo amico di Vittorio Gassman, recita accanto a lui e suo figlio Alessandro in Di padre in figlio (1982) e negli anni Novanta debutta come regista televisivo con una delle prime sitcom italiane: Villa Arzilla, che racconta le vicende di un piccolo gruppo di pensionati (Ernesto Calindri, Marisa Merlini, Caterina Boratto) in una casa di riposo. E visto il successo come regista, continua con il film tv Un nero per casa (1998, del quale ricordiamo l'assurda polemica creata da un'esponente politica per la parola "nero" dentro il titolo, che infatti giustamente si è sgonfiata), con il telefilm Un figlio a metà (1992, che poi fu bissato da Un figlio a metà un anno dopo) e con la sitcom Italian Restaurant (1994).

Il grande successo del Maresciallo Rocca
Diretto da Bertrand Tavernier in Eloise la figlia di D'Artagnan (1994), trionfa inaspettatamente nella serie televisiva Il Maresciallo Rocca, creato dalle penne di Laura Toscano e Franco Marotta e diretto da Giorgio Capitani, nel quale l'attore interpreta il ruolo di Giovanni Rocca, maresciallo dell'arma dei Carabinieri. Il successo sarà così mostruoso che avrà ben cinque sequel realizzati fra il 1998 e il 2008. Ma non solo marescialli nella sua carriera che si arricchisce anche di avvocati (il telefilm L'avvocato Porta) e tanto doppiaggio dal Genio del cartone animato della Disney Aladdin (1993) alla vittoria del Nastro d'Argento per il miglior doppiaggio maschile per Casinò (1995), dove presta la sua voce a Robert De Niro.

Ritorna alla commedia
Torna alla confortevole commedia all'italiana, quella diretta dal veterano Mario Monicelli in Panni Sporchi (1999) e degli ormai maturi Vanzina in Le barzellette (2004). Sempre per i Vanzina gira i due cinecocomeri Un'estate al mare (2008) e Un'estate ai Caraibi (2009) e nel 2010 la loro ultima commedia L'amore è una cosa meravigliosa. L'anno successivo fa parte del cast di Box Office 3D, parodia dei maggiori successi cinematografici degli ultimi anni, per la regia di Ezio Greggio.
In seguito Alessandro Gassmann lo vorrà come protagonista de Il premio, mentre nel 2019 Garrone lo chiamerà per il ruolo di Mangiafuoco nel suo Pinocchio.
Si è spento nella sua Roma nel giorno del suo ottantesimo compleanno il 2 novembre 2020.
Nel 2021 lo vediamo al cinema nell'ultimo film da lui interpretato, la commedia di Edoardo Falcone Io sono Babbo Natale.

Personalità multiforme, scombiccherata, sessantottina, libero di costumi, ha scaldato veramente il cuore degli italiani con il suo istrionismo, la sua poesia, i suoi sonetti, la sua esuberanza e la simpatia. Riservatissimo sulla vita privata, coriaceo quando si trattava di lavoro, ha invaso il campo dell'arte con indomita bravura e una sobrietà che suggerisce di perdersi nella leggerezza della vita. Meriterebbe grandi elogi, una vera laudatio da parte della nostra intera nazione, Gigi Proietti è stato lo strepitoso erede dell'eccellente Ettore Petrolini. Una fantastica e irriducibile presenza.

Ultimi film

Avventura, Fantasy, Musical - (USA - 2019), 128 min.
Commedia, (Italia - 2017), 100 min.
Documentario, (Italia - 2013), 105 min.

Focus

FOCUS
martedì 2 novembre 2021
Marzia Gandolfi
INCONTRI
martedì 8 marzo 2011
Marzia Gandolfi

In principio era una cabina sul mare che ospitava ‘indifferente’ l’entrare e l’uscire di una varia umanità. Diretto da Sergio Citti e scritto da Vincenzo Cerami, Casotto indagava in costume i costumi dell’Italia degli anni Settanta, ospitando tra le sua fila Ugo Tognazzi, Gigi Proietti, Paolo Stoppa, Jodie Foster, Catherine Deneuve. Trentaquattro anni dopo, confermati Cerami alla sceneggiatura, Piccioli alla produzione e Proietti sulla scena, Matteo Cerami (figlio di Vincenzo) dirige Tutti al mare, ideale proseguimento ambientato questa volta dentro e fuori un chiosco ‘spiaggiato’ sul litorale romano

TELEVISIONE
venerdì 17 settembre 2010
Edoardo Becattini

La lingua del santo In un paese di santi, poeti e navigatori come il nostro, mancano solo i giullari a completare il pantheon. Un po' santo e un po' giullare proprio come il Francesco di Rossellini, San Filippo Neri è il sacerdote meglio noto alle cronache agiografiche come il "santo della gioia" che nel XVI secolo radunò molti gruppi di ragazzi di strada avvicinandoli alle liturgie religiose attraverso il gioco, il canto e l'umorismo sarcastico, e creando così l'atmosfera didattica e giocosa dei futuri oratori

INCONTRI
martedì 9 giugno 2009
Marzia Gandolfi

Vari estivi Anche quest'anno alle porte dell'estate bussano i Vanzina Bros, autori "indefessi" di nuovi episodi che raccontano meschinità e trivialità dell'Italia vacanziera d'oggi. Dopo un'estate al mare, a spasso per il Bel Paese, il bastimento di comici e vezzi d'avanspettacolo approda ad Antigua. Bagnato dal mare Caraibico, il cinema dei Vanzina resta uguale a se stesso, adagiato sul nulla, interpretato dai comici noti e decorato dalle sirene di turno, novità, esperimento o rimanenza del (cine)panettone

News

Drammaturgo, attore, regista, direttore artistico, cantante, doppiatore, poeta, conduttore, Gigi Proietti è stato...
Regia di Edoardo Falcone. Un film con Marco Giallini, Gigi Proietti, Barbara Ronchi, Antonio Gerardi, Fabrizio Giannini....
Una lunghissima carriera davanti e dietro la macchina da presa. Si è spento nel giorno del suo ottantesimo...
Gigi Proietti e Rocco Papaleo in un road movie alla scoperta dei legami familiari... e di se stessi. Dal 6 dicembre al...
Idealmente ispirato al Casotto di Sergio Citti, esce in sala Tutti al mare.
Il Lido di Castelporziano è il teatro di Matteo Cerami.
Anche Il piccolo Nicolas e i suoi genitori.
Più indulgenti del loro solito tornano i fratelli Vanzina.
Sbarca sulle spiagge dei Caraibi un bastimento carico di comici, al timone, ancora una volta, i Vanzina Bros.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati