Aladdin

Film 2019 | Avventura, Fantasy, Musical Film per tutti 128 min.

Regia di Guy Ritchie. Un film Da vedere 2019 con Will Smith, Gigi Proietti, Mena Massoud, Naomi Scott, Billy Magnussen, Marwan Kenzari. Cast completo Titolo originale: Aladdin. Genere Avventura, Fantasy, Musical - USA, 2019, durata 128 minuti. Uscita cinema mercoledì 22 maggio 2019 distribuito da Walt Disney. Oggi tra i film al cinema in 301 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,17 su 49 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Aladdin tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La versione live action della storia di Aladdin. Rispetto al film d'animazione verrà introdotto il nuovo personaggio del principe Anders. Aladdin è 2° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 157.121,00 e registrato 23.199 presenze.

Consigliato sì!
3,17/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,61
PUBBLICO 3,41
CONSIGLIATO SÌ
Guy Ritchie mantiene quella dimensione incantata delle favole non rinunciando a qualche stoccata politica.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 22 maggio 2019
Recensione di Paola Casella
mercoledì 22 maggio 2019

Aladdin è un ragazzo poverissimo che campa di espedienti nella città di Agrabah. Durante un furtarello incontra la principessa Jasmine, cui è stato proibito di uscire dal palazzo reale: ma Jasmine vuole conoscere la sua città, e va in giro spacciandosi per la sua ancella Dalia. Quando Aladdin scopre la vera identità della principessa è troppo tardi: ne è già innamorato, ma sa di essere troppo "straccione" per aspirare alla sua mano. Il perfido visir Jafar, stanco del ruolo di eterno secondo e desideroso di impossessarsi del trono del sultano, spedisce Aladdin a rubare una lampada magica che rende chi la possiede potentissimo. Ma dentro la lampada c'è un genio e Jafar ha progetti pericolosi: dunque Aladdin si terrà stretti lampada e genio, con l'aiuto della scimmietta Abu e di un velocissimo tappeto magico.

La Disney prosegue con i remake dei suoi cartoni animati in versione live action, e dunque il cartoon Aladdin del 1992 diventa nel 2019 un film interpretato da attori in carne ed ossa diretto da Guy Ritchie, che rimette mano anche alla sceneggiatura insieme a John August, autore di Tim Burton.

Affinché questo remake funzionasse c'erano due conditio sine qua non. La prima era che la magia che fa volare tappeti e trasformarsi il genio fosse realizzabile attraverso effetti speciali computerizzati, e su questo punto il nuovo Aladdin si fa onore: non solo l'impossibile viene reso visivamente possibile, ma conserva quella dimensione incantata che caratterizza la favola di Aladino, prima ancora che il cartone disneyano. Anche alcune scene particolarmente movimentate, in primis l'inseguimento di Aladdin attraverso il mercato di Agrabah, sono rese magnificamente grazie alla regia irrequieta di Ritchie e al talento atletico dell'attore canadese di origini egiziane Mena Massoud, che ha la grazia di un ballerino e l'agilità di un campione di parkour.

La seconda conditio era che l'attore che interpretasse il genio non facesse rimpiangere il suo predecessore, Robin Williams, che non solo ha dato parlantina e tempi comici al suo personaggio, ma è stato di ispirazione per le movenze pirotecniche del gigante blu. Will Smith riesce nella difficile impresa sia perché conserva quella irresistibile fisicità da rapper che caratterizzava il Principe di Bel Air, sia perché è dotato di una simpatia contagiosa che sostituisce dignitosamente il virtuosismo di Williams.

L'Aladdin di Ritchie segue passo passo il cartone animato originale, citando alla lettera molte sequenze e mantenendo intatti elementi iconici come l'ingresso trionfale in Agrabah del principe Alì, o quel Nord Africa da favola che si ispira alla geografia immaginaria di Disneyland, non a caso esplicitamente citata. In quest'ottica gli si perdona persino la trasformazione di una danza araba in un numero da Bollywood, o il casting di un'attrice anglo-indiana, Naomi Scott, nel ruolo di Jasmine.

Più difficili da accettare sono due aggiornamenti alla luce del Time's Up. Il primo riguarda la linea narrativa di Jasmine, che aggiunge una canzone di rivalsa femminile del tutto estranea al cartone originale e piuttosto forzata, considerata l'epoca e il contesto. La seconda riguarda il personaggio della dama di compagnia Dalia (interpretata da un'attrice dal naso visibilmente rifatto, l'iraniana Nasim Pedrad), che diventa oggetto del desiderio del genio, trasformando una potenziale sponda comica "scespiriana" in un espediente romantico per addomesticare l'incontenibilità del gigante.

Nell'insieme però questo Aladdin riesce ad essere all'altezza spettacolare del suo precedente animato "favolosizzando" (come direbbe il genio) ogni dettaglio. I ritmi e le coreografie sono coinvolgenti e le linee narrative convergono in una storia di liberazione dalle paure e di affermazione identitaria che ben si adatta alla nostra epoca, permettendosi qualche stoccata alla politica: "Ruba una mela e sei un ladro, ruba un regno e sei uno statista". E non sono casuali i riferimenti alla Primavera Araba come al diritto delle donne di far sentire la propria voce in Paesi e culture in cui viene troppo spesso zittita.

Sei d'accordo con Paola Casella?
VIDEO RECENSIONE
Tanta azione firmata da Guy Ritchie e un cast di attori multietnico: la nuova versione di Aladdin.
Overview di Martina Ponziani
mercoledì 19 dicembre 2018

Aladdin è un giovane ragazzo di Agrabah convinto dall'inganno dal sultano Jafar ad entrare nella Caverna delle Meraviglie. Lì trova una lampada magica, contenente un genio in grado di esaudire tre desideri. Aladdin chiede di essere trasformato in un principe per conquistare la bellissima principessa Jasmine, già oggetto del desiderio proprio del malvagio Jafar, ma restia a convolare a nozze con un nobile. Fingersi diverso da quello che è non sarà poi così facile per Aladdin, che si troverà infatti a scontrarsi con le sue stesse bugie.

Versione live-action del classico Disney del 1992, Aladdin è l'ennesimo tassello della monumentale operazione della casa di produzione di Topolino per far rivivere le sue grandi storie.

Come il film d'animazione di quasi ventisette anni fa, anche questo nuovo rifacimento farà fede alla fiaba "Aladino e la lampada meravigliosa" contenuta nella raccolta "Le mille e una notte". Ci si aspetta però che la linea narrativa originale venga ampliata, come, in parte, confermato da altri prodotti dello stesso filone usciti negli scorsi anni in cui sono stati rivelati nuovi dettagli sui personaggi e sul loro passato.

Sicuramente non mancherà l'azione. Guy Ritchie è infatti il regista scelto per dirigere il film e per dare il suo inconfondibile tocco action, come fece circa due anni fa per King Arthur - Il potere della spada, il suo ultimo lavoro, anch'esso ennesimo rifacimento di un grande classico. Ad affiancarlo alla scrittura della sceneggiatura un collaboratore rodato della Disney: John August, co-autore del recente Frankenweenie di Tim Burton.

La curiosità più grande è riservata però al cast. Il personaggio che ha destato più interesse già dai casting è stato quello del Genio (che in originale vantava la voce del compianto Robin Williams), per il quale è stato scelto il poliedrico Will Smith. La fisicità di Smith non rispecchia quella dell'originale, ma le sue note doti vocali avranno sicuramente agevolato l'avvicinamento a questo ruolo. Si punta alla scommessa invece per il resto degli interpreti. I protagonisti avranno infatti il volto dei semi-sconosciuti Mena Massoud (visto di recente nella serie Amazon Jack Ryan) e Naomi Scott (al cinema come il Ranger rosa dei Power Rangers). Marwan Kenzari sarà invece Jafar e Navid Negahban l'attuale Sultano, nonché padre di Jasmine. Un gruppo di attori multietnico, quindi, per rispettare a pieno le origini dietro il mito disneyano.

Sei d'accordo con Martina Ponziani?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 26 maggio 2019
samanta

Aladdin l'ennesimo prodotto della Disney che continua nella sua opera di cannibalizzazione del cinema americano, è tratto dalla favola di Mille e una Notte e prende spunto dal precedente film di animazione del 1992. Tecnicamente è definito un film di live-action che in teoria dovrebbe designare solo film con attori in carne ossa ma che viene adesso indicato per i film in cui c'é [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Taty23

Aladdin torna sul grande schermo in versione live action. Dopo il successo de La Bella e la Bestia la Disney ci riprova portando in sala l’adattamento in live action di Aladdin. Era il 1992 quando Aladdin, cartone animato ispirato ad uno dei racconti de Le mille e una notte,venne distribuito al cinema. Catapultava il pubblico nelle magiche notti d’oriente, tra le vie e i [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2019
Fight_Club

Prosegue con successo la politica della Disney di rivisitare i suoi classici intramontabili nella nuova veste del live-action, dopo Maleficent e La Bella e la Bestia arriva questo Aladdin in attesa del Re Leone e Mulan. Bisogna ammettere che questa nuova rivisitazione della fiaba araba ha il pregio di accontentare sia grandi che piccini permettendo a tutti di gustare al meglio i suoi effetti speciali [...] Vai alla recensione »

venerdì 31 maggio 2019
C.Ronaldo7

Chi di noi non ha amato il classico Disney del 92? Un film di animazione classica con una storia mai lenta, disegni ottimi (anche se non perfetti), e personaggi tra i migliori riusciti. Un classico di tutto rispetto. Riguardo questo live action ero molto scettico dai trailer: doppiaggi osceni, costumi da cosplay, stile Bollywoodiano, insomma sembrava davvero un'opportunità persa in partenza.

giovedì 23 maggio 2019
Andrea

Il film non solo riproduce il cartone della Disney in maniera veritiera ma lo migliora e ne aggiunge contenuti entusiasmanti a livello di coreografie e canzoni nuove!!! ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO per tutta la famiglia e per amanti dei musical!!!!

mercoledì 22 maggio 2019
Inesperto

Solo 10 anni fa le parti di Jasmine e Jafar sarebbero state assegnate di diritto a Freida Pinto ed F. Murray Abraham: sembrano disegnate su di loro. Ciò nulla toglie ai due interpreti effettivi, in particolar modo per la bellissima ed intensissima Naomi Scott. La storia ripercorre quasi fedelmente quella del celebre cartone animato (le eccezioni sono del tutto trascurabili e non dannose), così [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 giugno 2019
Fabio

Gradevole e divertente questo Aladino di Ritchie: anche se il testo è ricalcato fedelmente all'originale tuttavia riesce a sfuggire all'effetto dejavú. Merito della regia, di un cast di attori in forma e degli effetti speciali. Tutto gira senza sforzo e ci sono anche un paio di momenti che meritano di essere ricordati: ad es. il discorso della principessa Jasmine al soldato o [...] Vai alla recensione »

martedì 4 giugno 2019
skywalker70

C'e' una scena cult nel film 'La Famiglia Addams II' nella quale Mercoledì e il suo fidanzatino vengono sottoposti, loro malgrado, ad un trattamento 'riabilitativo' a base di lungometraggi Disney...'E' Disney !!!' eslcamano (terrrorizzati) appena iniziata la proiezione.... Ecco, è la stessa reazione che ho avuto io.

martedì 28 maggio 2019
saivsai

non mai visto un film cosi brutto.costume vale 5 eurogioielli vale 5 euroeffetti speciali vale 5 euroamore vale nullaquoziente d'intelligenza di cattivo vale 5 anni come mio caneciao

lunedì 3 giugno 2019
rossy kingsley

Film bellissimo cast eccezionale

lunedì 3 giugno 2019
Umberto

 Guy Ritchie trasporta il cartone della Disney a livello cinematografico con attori in carne ed ossa facendolo in modo superbo. La pellicola infatti mantiene quasi totalmente la magia e le atmosfere del film di animazione uscito nelle sale 27 anni fa. Merito di una impeccabile regia, una meravigliosa fotografia e dei fantasmagorici effetti speciali.

martedì 28 maggio 2019
LorenzoT1988

Un film davvero terribile, con canzoni imbarazzanti e un doppiaggio che grida vendetta. Il trionfo del Kitsch, dell'artefatto digitale, dell'americaziozzazione del medioriente, sempre inverosimile. Uno dei peggiori film degli ultimi anni.

martedì 28 maggio 2019
Alberto

Davvero incredibile che un film ignobile come questo possa rappresentare la punta di diamante della Hollywood contemporanea. Tutto finto, patinato, irreale per un pubblico bidimensionale. Nessuna umanità, solo improbabili figurine in live action vicine a un gusto trash da luna park per nulla cinematografico.

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
lunedì 27 maggio 2019
Giovanni Chessari, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

"Ti piacciono i coni?", o meglio "Do you like dags?" chiedeva uno strampalato Brad Pitt, nei panni del bizzarro (dag, appunto) nomade irlandese Mickey O'Neil, in una delle scene più note del cult di inizio millennio Snatch-Lo strappo. Ed è proprio con questo film, ancor più che con l'opera prima Lock & Stock-Pazzi Scatenati, che Guy Ritchie riesce ad imporsi con buon esito all'attenzione della critica e del pubblico internazionale, venendo ribattezzato dagli addetti ai lavori come il Quentin Tarantino d'Inghilterra.
Dopo aver poi subìto anni cinematograficamente disastrosi, artisticamente schiacciato dalla fama a doppio taglio di "Signor Madonna" a seguito delle nozze con Lady Ciccone, è solo con lo Sherlock Holmes del 2009 che il regista ottiene un ormai insperato straordinario successo mondiale, replicato due anni dopo da un secondo capitolo sulle avventure dell'investigatore nato dalla brillante penna di Sir Conan Doyle.

Passando per l'adattamento dal piccolo al grande schermo di Operazione U.N.C.L.E. e per lo sfortunato sequel di King Arthur (guarda la video recensione), Guy Ritchie è approdato adesso ad Aladdin (guarda la video recensione), il quinto adattamento live-action di casa Disney e il secondo più propriamente "d'autore" dopo il Dumbo (guarda la video recensione) di Tim Burton.

Ed è davvero singolare, se non paradossale, immaginare un regista orgogliosamente rivoluzionario come lui al timone di un'impresa a suo modo accogliente e familiare come la rivisitazione di un classico d'animazione. Pierino di prima fila e banditore di eccessi, alfiere della nuova slapstick comedy e pirata di humor nero, servo del pulp e cultore del kitsch, Ritchie il sovversivo qui abbraccia con furbizia la celebre massima gattopardesca: nell'apparente tradimento degli elementi peculiari della sua anarchia registica, egli non fa altro che corroborarla con la medesima forza con cui sembra rinnegarla.

Costretto ad annientare lo slang smisurato (quando non vivacemente sboccato) dei suoi bislacchi malavitosi di periferia, dopo la fiera di indistruttibili perdenti della sua migliore filmografia, Ritchie rintraccia nel personaggio del ladruncolo di Agrabah l'occasione unica di vendicare i suoi eterni sconfitti: una sola vita in più per riscattare tutte le vite precedenti.

Frasi
Sembri un principe nell'aspetto ma non ho cambiato niente dentro di te...
Una frase di Il genio (Will Smith)
dal film Aladdin - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 3 giugno 2019
Emiliano Dal Toso
Ciak

Aladdin (Mena Massoud) è un ragazzo di strada di Agrabah, un acrobatico furfantello che sogna le ricchezze e l'amore. S'imbatte nella bellissima principessa Jasmine (Naomi Scott), che gli fa credere di essere soltanto un'ancella che vive nel palazzo del Sultano (Navid Negahban). Convinto con l'inganno dal gran visir Jafar (Marwan Kenzari) a entrare nella Caverna delle Meraviglie per consegnargli una [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 maggio 2019
Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Ultimo dei riciclaggi in real life dalla seconda età d'oro dell'animazione Disney, Aladdin è - nelle parole del critico del «New York Times» A.O. Scott- un film «non del tutto terribile ma la cui non ragione di esistere colpisce in modo particolarmente aggressivo». In realtà il film di Guy Ritchie (campione d'incassi al primo week end nelle sale Usa) oltre che immotivato, è abbastanza terribile.

martedì 28 maggio 2019
Alice Cucchetti
Film TV

Nei parchi Disney c'è una zona mediorientaleggiante ispirata all'Aladdin del 1992, animata da attori somigliantissimi ai personaggi del cartoon, grazie anche a impeccabili costumi e make-up. Quest'Aladdin "dal vero" firmato da Ritchie restituisce la stessa sensazione, e non dovremmo stupirci, vista l'eliminazione del confine tra arte e marketing portata tradizionalmente avanti dalla Casa di Topolino [...] Vai alla recensione »

martedì 28 maggio 2019
Ben Lawrence
The Daily Telegraph

If you thought that Guy Ritchie would bring no small amount of grit to the fairy-tale world of Disney, you'd be mistaken. His Aladdin, the latest in a series of remakes (we've just had Dumbo and Beauty and the Beast, and The Lion King follows in the summer), is a big-hearted fantasy musical with a gorgeous colour palette and a strict moral code which tries very hard - but doesn't quite succeed - in [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 maggio 2019
Simone Soranna
Cineforum

Sarebbe interessate provare a capire come e perché Disney scelga i registi ai quali affidare la nuova ondata di remake in live action. È infatti evidente che il margine di intervento dei singoli cineasti sia sempre minore, quasi azzerato. Cosa c'è da aspettarsi dai vari Tim Burton, Jon Favreau, Bill Condon, Kenneth Branagh e ora Guy Ritchie? Come possono rendersi riconoscibili e quindi portare un valore [...] Vai alla recensione »

domenica 26 maggio 2019
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Remake in versione live-action del bellissimo Disney del 1992, "Aladdin" è affidato, questa volta, alla regia di Guy Ritchie, inglese, affermatosi con due "Sherlock Holmes" con Robert Downey jr e Jude Law. Anche in questo caso ha dalla sua una star, Will Smith, che giganteggia in simpatia e in umorismo nel ruolo di Genio della lampada. Il regista attacca con un virtuosistico piano sequenza per le [...] Vai alla recensione »

domenica 26 maggio 2019
Simran Hans
The Guardian

I understand why in 2019, Aladdin would seem ripe for a revival - in Disney's 1992 animated musical, its heroine, Princess Jasmine, was a smart, selfless woman of the people, shackled and suppressed by her overbearing father. Guy Ritchie's live-action remake capitalises on the story's potential for female empowerment, giving Jasmine a brand new solo called Speechless.

sabato 25 maggio 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Guy Ritchie, l'ex marito di Madonna, era il più sballato dei registi, ma poi l'hanno ammansito cinque figli e gli incassi dei blockbuster. Non è stata dunque imprudente la Disney affidandogli la nuova versione in live action di uno dei suoi classici moderni: l'«Aladdin» del 92, adattamento per lo schermo della celebre fiaba di Le Mille e una notte, si trasforma, così, in un film d'azione all'antica [...] Vai alla recensione »

sabato 25 maggio 2019
Marco Contino
Il Mattino di Padova

Disney si rifà il trucco. La stagione dei remake dei classici di animazione con attori in carne e ossa è appena cominciata: dopo "Dumbo" di Tim Burton arriva in sala la versione live action di "Aladdin", firmata da Guy Ritchie. Ma entro il 2020 approderanno sugli schermi anche "Il re leone", "Mulan" e "Lilli e il Vagabondo". Si sceglie l'usato sicuro, riciclando le storie più amate, adeguandole alle [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2019
Serena Nannelli
Il Giornale

Disney continua a rivisitare i suoi più grandi classici d'animazione, dandone alle sale la versione con persone in carne e ossa. E' ora la volta di "Aladdin", ispirato all'omonimo cartone del 1992. Il riferimento resta la fiaba "Aladino e la lampada meravigliosa" contenuta nella raccolta "Le mille e una notte", una storia di amore e avventura declinata stavolta in stile Bollywood.

venerdì 24 maggio 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Il poverissimo ma agile e furbo ladruncolo Aladdin saltella e girella per il bazar della città di Agrabah con la sua scimmietta in spalla. Lì incontra la principessa Jasmine che spacciatasi per la sua ancella di corte ruba pane per i trovatelli. Aladdin la aiuta, scappano insieme dalle guardie e i due si innamorano, ma a tramare contro di loro troneggia Jafar, perfido visir, che tenta con ammalianti [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2019
Alessandra De Luca
Avvenire

La storia è nota. Aladdin, ragazzo povero di Agrabah, incontra la principessa Jasmine, che ha lasciato di nascosto il palazzo per esplorare la sua città. Se ne innamora ma non può sperare nella sua mano. Venuto però in possesso di una lampada magica e del Genio che la abita, scopre i piani criminali del visir Jafar, deciso a impossessarsi del trono, e lo sfida anche con l'aiuto della scimmietta Abu [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Perché spendere soldi ed energie quando hai in casa un filone d'oro che basta rianimare in live-action? Un mese fa Dumbo parlava con le illusioni veraci di Tim Burton, che in carne ed ossa aveva già messo Alice nel paese delle meraviglie. Prima c'erano Il libro della giungla di Sommers, La carica dei 101 con Glenn Close, la Cenerentola di Branagh e La bella e la bestia con Emma Watson.

giovedì 23 maggio 2019
Peter Travers
Rolling Stone

Aladdin si è appena svegliato? Sembra di sì. Scritturare persone di diversa etnia è stata una scelta ispirata per la versione live-action di Guy Ritchie del film d'animazione Disney. Come Will Smith, fiero nel ruolo del Genio, il personaggio a cui Robin Williams ha dato vita in maniera esilarante con la sua voce nel 1992. Mena Massoud, che interpreta Aladdin, ha radici egiziane.

mercoledì 22 maggio 2019
Marco Minniti
Quinlan

Il ladro Aladdin, in una delle sue scorribande in cerca di cibo per la città, incontra casualmente la principessa Jasmine, travestita da donna del popolo: tra i due scoppia un amore tanto assoluto quanto impossibile. Nel frattempo, il perfido mago di corte Jafar vuole impadronirsi di un manufatto magico, col segreto desiderio di spodestare il re... La produzione live action targata Disney, nel corso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Disney continua la sua serie di adattamenti live action dei propri classici del passato, fenomeno di difficile interpretazione ma di radici e portata generazionale, con Aladdin, remake diretto dal Guy Ritchie dei due Sherlock Holmes cinematografici e King Arthur - Il potere della spada. Tra i giovani interpreti, la figura di guida dentro e fuori dalla storia è rivestita da Will Smith, nei panni del [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Gianmarco Bonelli
Sentieri Selvaggi

La Walt Disney Company, sovrana indiscussa del box office mondiale attuale, negli ultimi anni ha trovato un'altra gallina dalle uova d'oro nei remake live-action dei suoi più grandi classici d'animazione. Dopo il recente Dumbo, diretto da Tim Burton, ecco arrivare nelle sale il "nuovo" Aladdin diretto dal regista inglese Guy Ritchie. Aladdin, nel 1992, si proiettò sul mercato come un vero e proprio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Michael O’Sullivan
The Washington Post

Right off the bat, you can tell that Disney's live-action "Aladdin" has avoided some of the missteps of the original animated film. The lyrics of the song "Arabian Nights," which is sung in a prologue that frames the new film as a children's fairy tale, have been changed from this description of the film's Middle Eastern setting - "It's barbaric, but hey, it's home" - to this: "It's chaotic, but hey, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
A. O. Scott
The New York Times

"Aladdin," the 1992 cartoon feature with Robin Williams as a garrulous blue genie, may not be the best movie from Disney's second golden age of animation, but like the others it has durable charms and memorable songs. "Aladdin," the new live-action re-whatever with a blue Will Smith popping out of the lamp, may not be the worst product of the current era of legacy intellectual property exploitation [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Steve Rose
The Guardian

The scimitars are out for Disney's live-action Aladdin, what with the enduring fondness for the original (not least Robin Williams' Genie) and the botched unveiling of Will Smith as his successor in an early trailer that presented him as a creepy, half-naked blue guy from the uncanny valley. Director and co-writer Guy Ritchie is hardly a seal of quality these days, either, following flops The Man from [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Geoffrey MacNab
The Independent

Disney's live-action remake of its 1992 animated feature is a rip-roaring, old-fashioned matinee-style spectacle that turns out far better than we had any right to expect. After the dismal debacle of his previous feature King Arthur, Guy Ritchie directs with such humour and flair that you half suspect that he must have been rubbing the magic lantern himself and getting some help behind the camera from [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Chris Hunneysett
Daily Mirror

Will Smith unleashes his magic charm in Disney's confident, colourful and crowd-pleasing live action remake of its Oscar-winning 1992 animated classic. Hollywood's once-biggest star delivers a larger than life performance as the giant Genie, burning charisma, warmth and heartfelt maturity into the role which was originally played by comic Robin Williams.

mercoledì 22 maggio 2019
Frank Scheck
The Hollywood Reporter

Disney has certainly covered all the bases with the live-action remake of its 1992 animated classic. Decades ago, this film musical probably would have featured white actors like Tab Hunter and Natalie Wood wearing heavy dark makeup. That approach obviously wouldn't go over well these days, so the ensemble in this version, directed by Guy Ritchie, features lead performers of Egyptian, South Asian, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Peter Debruge
Variety

Of all the characters in Walt Disney Studios' canon, is there any more animated than the Genie from "Aladdin"? In 1992, old-school cartooning seemed the only way to keep up with comedian Robin Williams' rapid-fire sense of humor and free-associative gift for improvisation. Much of the appeal of the original "Aladdin" came thanks to the ingenuity of its animators, led by Eric Goldberg, who used the [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Justin Chang
The Los Angeles Times

"It's clumsy, but in a charming way," a palace servant declares about halfway through "Aladdin," and I'm inclined to agree. The servant, whose name is Dalia (Nasim Pedrad), is describing the sweet overtures of a man (Will Smith) she does not yet realize is a powerful genie. But she could also be talking about the movie she's in, which is all kinds of flat-footed yet wrings more high-spirited merriment [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Simona Santoni
Panorama

Mena Massoud è un Aladdin dagli occhi luminosi e furbi, la faccia accattivante e pulita, che con una semplice smorfia delle labbra conquista e rallegra. Naomi Scott è principessa Jasmine di bellezza evidente e radiosa. E poi, ecco lui, Will Smith, di celeste esuberanza e muscoli torniti, potente e loquace genio che si eleva dalla lampada in guizzi verbali e fisici, giocosi, rapidi, vivaci.

sabato 25 maggio 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Dopo "Dumbo" e prima del "Re Leone", un altro cartone animato Disney si veste di nuovo. "Live action", promettono. Ma siccome per far volare un elefantino, sia pure dotato di orecchie enormi, o per far uscire un gigante blu da una lampada servono sofisticati effetti speciali, la promessa è mantenuta solo in parte (con il leoncino destinato a diventare re sarà peggio, già hanno fatto scempio dell'orso [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 maggio 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

La Disney prosegue, imperterrita, a rivisitare i suoi film d'animazione, trasformandoli in live action. Così, dopo il recente e deludente Dumbo, arriva un parziale riscatto con Aladdin che, ovviamente, prende più che uno spunto dalla pellicola d'animazione omonima, del 1992, trasformandola in un titolo che ricorda molto la cinematografia di Bollywood.

giovedì 23 maggio 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Ormai fatta razzìa di mezza Hollywood, inglobandosi una casa di produzione via l'altra, sembra che la Disney abbia concentrato la memoria dell'eredità di papà Walt nei remake live-action dei suoi più celebri cartoon. Abbiamo già visto le versioni in carne, ossa ed effetti speciali di Cenerentola, La bella e la bestia e del recentissimo Dumbo ? ora, in attesa del Re Leone e di Mulan, ci tocca Aladdin, [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 12 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Pets 2 - Vita da animali (guarda la video recensione) conserva la prima posizione al box office italiano con un minimo vantaggio su Aladdin (guarda la video recensione), che non ne vuole sapere di perdere terreno.

BOX OFFICE
sabato 8 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Appassionante testa a testa fra tre film per la vetta della classifica italiana. Ieri al vertice della top ten é tornato Aladdin (guarda la video recensione), che ha incassato 186mila euro, arrivando così ad un totale di 12,4 milioni di euro complessivi, [...]

BOX OFFICE
giovedì 6 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Nessun cambiamento nella classifica italiana, dominata da Aladdin (guarda la video recensione), che ieri ha incassato altri 288mila euro ed è arrivato a 12 milioni di euro complessivi. Oggi supererà Gli Incredibili 2 (guarda la video recensione) e Il [...]

BOX OFFICE
martedì 4 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Aladdin (guarda la video recensione) continua la sua marcia trionfale anche di lunedì e incassa altri 229mila euro, portandosi ad un totale di 11,4 milioni di euro con 1,7 milioni di spettatori e si avvicina al terzo posto assoluto della classifica stagionale, [...]

BOX OFFICE
lunedì 3 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Aladdin stravince il weekend con 2,8 milioni di euro (quasi 900mila solo ieri) e arriva ad un totale di 11,2 milioni di euro, andando ad occupare la settima posizione della classifica assoluta stagionale scavalcando Dumbo (guarda la video recensione). [...]

BOX OFFICE
domenica 2 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Eccezionale sabato per Aladdin (guarda la video recensione), che al suo secondo sabato in testa alla classifica incassa 923mila euro e irrompe al decimo posto della top ten assoluta stagionale, scalzando Captain Marvel (guarda la video recensione) [...]

BOX OFFICE
sabato 1 giugno 2019
Andrea Chirichelli

Nessun cambiamento nella top ten italiana, costantemente dominata da Aladdin (guarda la video recensione), che ieri ha incassato altri 583mila euro per un totale di 9,3 milioni complessivi. Entro la fine del weekend il film Disney dovrebbe aver [...]

BOX OFFICE
giovedì 30 maggio 2019
Andrea Chirichelli

Aladdin (guarda la video recensione) incassa altri 593mila euro, vola a 8,3 milioni complessivi e tiene a netta distanza tutti gli altri film in classifica, compresa la prima new entry della settimana, Rocketman (guarda la video recensione).

BOX OFFICE
martedì 28 maggio 2019
Andrea Chirichelli

Aladdin (guarda la video recensione) è inarrestabile e chiude il lunedì, giornata loffia per definizione, con ben quasi 700mila euro, portandosi a 7,1 milioni di euro dopo appena sei giorni di programmazione con oltre 1 milione di spettatori.

VIDEO RECENSIONE
lunedì 27 maggio 2019
A cura della redazione

Aladdin vive di espedienti nella città di Agrabah. Durante un furto incontra la principessa Jasmine di cui si innamora a prima vista e farebbe di tutto per conquistarla. Il perfido visir Jafar approfitta della situazione e spedisce Aladdin a rubare una [...]

BOX OFFICE
lunedì 27 maggio 2019
Andrea Chirichelli

Disney in Italia "spacca": Aladdin supera ogni più rosea previsione e stravince il weekend con 5,6 milioni di euro, trascinando il box office a un +137% rispetto alla stessa settimana dell'anno scorso e un saldo annuale che arriva al +3,4%.

BOX OFFICE
domenica 26 maggio 2019
Andrea Chirichelli

Fantastico sabato per Aladdin, che viene visto da 250mila persone e incassa 1,7 milioni di euro, avvicinandosi a quota 4 milioni: i 5 verranno sicuramente raggiunti e superati in giornata e Disney conferma di essere l'azienda numero uno al cinema, in [...]

BOX OFFICE
sabato 25 maggio 2019
Andrea Chirichelli

Gran venerdì per Aladdin, che incassa 845mila euro e arriva in zona 2 milioni complessivi e si prepara a dominare il weekend, vista anche la quasi assenza di concorrenza. Sul podio restano Il Traditore, con 186mila euro e John Wick 3 - Parabellum (guarda [...]

BOX OFFICE
giovedì 23 maggio 2019
Andrea Chirichelli

Disney non sbaglia un colpo e Aladdin apre con ben 735mila euro e 114mila spettatori, sbaragliando la concorrenza e preparandosi ad un weekend molto vicino ai 5 milioni di euro. Reggono bene John Wick 3 - Parabellum (guarda la video recensione), che [...]

TRAILER
mercoledì 3 aprile 2019
 

Aladdin è un giovane ragazzo di Agrabah convinto dall'inganno dal sultano Jafar ad entrare nella Caverna delle Meraviglie. Lì trova una lampada magica, contenente un genio in grado di esaudire tre desideri.

TRAILER
martedì 12 marzo 2019
 

Aladdin è un giovane ragazzo di Agrabah convinto dall'inganno dal sultano Jafar ad entrare nella Caverna delle Meraviglie. Lì trova una lampada magica, contenente un genio in grado di esaudire tre desideri.

TRAILER
lunedì 11 febbraio 2019
 

Aladdin è un giovane ragazzo di Agrabah convinto dall'inganno dal sultano Jafar ad entrare nella Caverna delle Meraviglie. Lì trova una lampada magica, contenente un genio in grado di esaudire tre desideri.

TRAILER
venerdì 12 ottobre 2018
 

Diretto da Guy Ritchie e scritto da John August, il film è interpretato da Will Smith nei panni del Genio con il potere di esaudire tre desideri per chiunque entri in possesso della sua lampada magica.

POSTER
giovedì 11 ottobre 2018
 

La versione live action di Aladdin, il film d'animazione del 1992 prodotto dai Walt Disney Animation Studios. La sceneggiatura è di John August, la produzione di Dan Lin e la regia è di Guy Ritchie.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati