Un'estate al mare

Film 2008 | Commedia 115 min.

Regia di Carlo Vanzina. Un film con Lino Banfi, Enrico Brignano, Nancy Brilli, Massimo Ceccherini, Anna Falchi, Ezio Greggio. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2008, durata 115 minuti. Uscita cinema venerdì 27 giugno 2008 distribuito da Medusa. - MYmonetro 1,84 su 31 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un'estate al mare tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Sette episodi con al centro le vacanze, il mare e il sole. In Italia al Box Office Un'estate al mare ha incassato 5 milioni di euro .

Un'estate al mare è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato no!
1,84/5
MYMOVIES 1,25
CRITICA 1,79
PUBBLICO 2,93
CONSIGLIATO NO
Commedia balneare che veicola un immaginario datato e slegato da qualsiasi realtà.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 26 giugno 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 26 giugno 2008

A Peschici fa il suo ritorno trionfale Nicola, emigrato anni prima in Svezia per una triste questione di corna. Adesso è sposato con una bionda valchiria formosa, gestisce un ristorante a Stoccolma, è molto ricco e vuole prendersi la sua rivincita sui paesani che lo appellano "il cornuto". Peccato che Nicola sia solo il cameriere in pensione di una pizzeria e abbia dilapidato la sua buonuscita per "affittare" una moglie in un'agenzia di escort. A Forte dei Marmi un'irriducibile tifoso viola investe tempo e denaro nello stabilimento balneare dei vip per scoprire se Manzanas, il grande portiere nero del Real Madrid, firmerà il contratto con l'amata Fiorentina.
Dentro l'ascensore dei Parioli e poi sulla Pontina, diretti a San Felice Circeo, Italo e Luciana consumano l'adulterio mentre i rispettivi coniugi, travolti da irrefrenabile passione, ricambiano allegramente. A Capri un antiquario etero si finge gay per vendere "meglio" mobili e quadri. Impegnato ad arredare la villa di un miliardario americano, finirà per approfittare delle grazie della moglie, rivelando la sua virilità. A Ostia Enzo, separato da una moglie apprensiva e petulante, trascorre una giornata al mare col figlio. Incapace di essere sincero, cerca come può di essere un buon padre, ma le bugie hanno sempre le gambe corte. Dentro una suite davanti al mare di Ischia provano a convivere l'asciutto ragionier Persichetti e la sua abbondante consorte: lui invaghito di una procace violinista e lei "invogliata" dai babà. Sul palcoscenico dell'anfiteatro di Porto Rotondo va in scena un attore teatrale e smemorato prestato al doppiaggio. "Sordo" ai suggerimenti del suggeritore, trasforma "la signora" di Dumas in una farsa grottesca.
Negli ultimi trent'anni la costruzione dell'immagine collettiva nel nostro paese è stata massicciamente delegata alla TV, non soltanto alla fiction ma anche ai servizi giornalistici, ai reality e ai varietà. La situazione sembra perciò volgere verso un ridimensionamento del medium cinematografico come intrattenimento principale. Tuttavia il cinema dei Vanzina sembra resistere, reclamando autorevolezza come specchio del costume e rivendicando la riappropriazione del linguaggio della commedia all'italiana. Eppure il loro "esperimento" estivo veicola un immaginario datato, che non ha nulla da dire ai teenager e più nulla da dire alle vecchie generazioni, malinconici esclusi.
I Vanzina, trasferendosi in luoghi vacanzieri e autoctoni, replicano la comicità di grana grossa, le bellone statuarie, i dialetti, la tipicità regionale, le star straniere e gli uomini infoiati e sempre lontani da una genitalità adulta. Siamo alle solite. Sempre più a corto di idee e di energia vitale, la premiata ditta Vanzina sforna l'ennesimo prodotto commerciale, mascherato da baluardo della commedia all'italiana e puntualmente sabotato dall'approssimazione e dalla gratuità.
Non basta nemmeno l'irrisione sovrana di Proietti a impedire che il senso del racconto coli a picco in un mare salmastro, si ha addirittura la sensazione che i suoi ammiccamenti, il suo istrionismo e l'eccellenza d'attore vogliano fornire un vaccino contro la miseria e l'imbarazzo di un film slegato da qualunque realtà. La presenza sproporzionata di Proietti (c'è un evidente scarto con il sistema (in)espressivo della pellicola) è sintomo evidente di insicurezza, di un cinema che non sa più dove andare a cercare la bellezza.
Quasi certamente baciato dal sole e dal successo nelle sale, è consolante l'oblio a cui il film è destinato subito dopo essere stato consumato.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
UN'ESTATE AL MARE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 26 dicembre 2010
Camillo

Un film diviso in sette cortometraggi con un cast ricchissimo(Lino Banfi,Biagio Izzo,Massimo ceccherini,ecc.).Tutti i sette cortometraggi sono abbastanza belli(il settimo,con Gigi Proietti è il migliore).Ogni artista fa la sua parte per rendere questo film divertentissimo e bello da rivedere.Forse con qualche idea in più il film sarebbe stato migliore.Comunque,tre stelle meritate.

giovedì 18 dicembre 2014
Great Steven

UN’ESTATE AL MARE (IT, 2008) diretto da CARLO VANZINA. Interpretato da LINO BANFI, ENRICO BRIGNANO, NANCY BRILLI, MASSIMO CECCHERINI, ANNA FALCHI, EZIO GREGGIO, BIAGIO IZZO, MARISA JARA, MAURIZIO MICHELI, ENZO SALVI, ALENA SEREDOVA, VICTORIA SILVSTEDT, LUIGI PROIETTI, ALESSANDRO PACI, RICCARDO ROSSI, PAOLA MINACCIONI Sette episodi che fanno capo ad altrettante località marittime italiane [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 novembre 2013
Samuele Capannolo

Gigi Proietti narra sette storie ognuna diversa dall'altra che rappresentano un pò l'italia e gli italiani di oggi. Ennesima perla dei fratelli Vanzina, la solita commedia estiva con intrecci amorosi e tragicomiche in sette cortometraggi tutti da ridere, putroppo spesso e volentieri, il film ha molte lacune a partire da un Gigi Proietti che sembra molto poco ispirato passando per  un [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 marzo 2016
elgatoloco

Nell'ambito della "riproducibilità tecnica", evidenziata da Benjamin "ci sta"anche la reduplicazione di prodotti simili e iper-simnili tra loro: "Un'estate al mare", firmato da Vanzina, ha molto di déjà vu, ma...glissons... Prodotti fruibili e dunque vendibili per una stagione o poco più, poi venduti come video(?)o ulteriormente replicati [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 agosto 2015
Barolo

Vanzina, hainoi colpisce ancora,le sue storie sono e qui ci ripetiamo, banalotte, volgari e a volte insulse.Anche questo film non fa eccezione a questa consumata regola, tranne che per l'ultimo epidodio, che da solo vale tutto il film.Non a caso il protagonista è Gigi Proietti, che ci regala una piccola chicca di grandissima comicità, che solo grandi attori riescono a inventare,a [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 dicembre 2009
Egyfilm

guardatevelo perchè e bellissimo Chi la visto sa che è diviso in tanti episodi di attori bravissimi A me piacciono: il primo di lino banfi è ultimo di Proietti. mi fa morire dalle risate con le lacrime agli occhi. Chi lo guarda e non ride mi sa che ha dei grossi problemi.

sabato 9 maggio 2009
thedreamer861

... di Gigi Proietti! Le 5 stelle sono tutte sue!!!

domenica 26 dicembre 2010
Ibragol09

Da grande appassionato di Sordi ....dò una stella sola per la vergognosa riproposizione della storia di Ezio Greggio ,interpretata nel 1958 da Sordi nel film "Racconti d'Estate". Molto più volgare e senza un minimo rispetto per la stupenda interpretazione in quel di Portofino di Sordi . Nota di merito per Proietti,unico attore vero .

lunedì 28 dicembre 2009
Egyfilm

è discereto perchè è diviso in episodi perchè se era di LIno Banfi e di proietti era un capolavoro

martedì 12 maggio 2009
Giorgio

Non è certo un capolavoro ed è vero che alcune cose sono copiate da film del passato(Greggio = Sordi) però non sarei così severo. Alcuni attori sono validi : Brignano, Salvi, Izzo...e anche qualche attrice in fondo non è male.Proietti è SUPER, per questo almeno due stelle , tutto sommato le merita...Almeno apprezziamo le buone intenzioni. Certo se ci fossere delle sceneggiature decenti forse anche [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 maggio 2009
Manfredi 4ever

Senza commedie come Un'estate al mare i vaari capolavori Gomorra, Il divo non si sarebbero potuti nemmeno fare perchè sono le commedie che portano soldi e quindi rispettate un film che non è assolutamente schifoso, poi se nella vita avete deciso solo di piangere questo è un vostro problema !!

domenica 25 giugno 2017
gabri48

Gli episodi sono tutti piacevoli e ci si diverte. Commedia estiva da relax.Proietti immenso come sempre. Ma anche gli altri, Banfi, Izzo,Brignano, forniscono una buona performance....L'importante e' non scambiare "Un'estate al Mare" con "Sogno di una notte di mezza estate"  . Per un film di svago, e' promosso a pieni voti:

sabato 4 dicembre 2010
ame25

Divertentissimo il finale con Proietti!!!

martedì 22 dicembre 2009
Nikof

sabato 11 aprile 2009
paride86

Ancora non ci posso credere: ho visto un film di Vanzina e mi ha strappato qualche risata! Per questo mi sento così generoso che voglio addirittura dargli la sufficienza. Gli attori se la cavano bene e molte situazioni, seppur scontate (la Ada di Greggio è uguale a quella di Sordi), risultano divertenti. Gli episodi di Salvi e Greggio abbassano la media portando il film ad un livello tipicamente Boldi-De [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
mercoledì 25 giugno 2008
Alessandra Giannelli

Chi è il personaggio che interpreta nell'ultimo film dei Vanzina? Nicola è uno ricchissimo, per come si vede all'inizio: arriva dalla Svezia, elegantissimo, con un macchinone, al suo paese d'origine, che è la Puglia, da dove è mancato per trent'anni; tutti sanno che ha fatto i soldi, che ha una catena di ristoranti e porta con sé una moglie svedese, giovane e bella, interpretata da Victoria Silvstedt, per vendicarsi di questi "disgraziati", i suoi compaesani, perché quando lui era sposato, trent'anni prima, la moglie gli aveva fatto le corna con due gemelli e lui, per tutti, era "il cornuto" e [...]

INCONTRI
mercoledì 25 giugno 2008
Marzia Gandolfi

Cinemare Se i matrimoni si celebrano alle Bahamas, la luna di miele si passa in tre, le gite si fanno in Spagna, la California si sogna soltanto, a spasso si va nel tempo, le vacanze sono sempre di Natale e il 2061 sarà un anno eccezionale, l'estate ha il sapore di sale e si trascorre al mare. Così dopo Sapore di mare uno & due, i fratelli Vanzina tornano in spiaggia e sfidano la stagione estiva, frequentata da supereroi in crisi e in calzamaglia, orsetti Black and Jack e horror sadici e "terminali".

Frasi
Maradona sei meglio di Pele , panteron panteron panteron!
Una frase di Ugo Persichetti (Ezio Greggio)
dal film Un'estate al mare - a cura di ff
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Pierluigi Ronchetti
ItaliaOggi

Ogni volta che vedo un nuovo film dei Vanzina, mi arrabbio. Da trent'anni questi prolifici, veloci, simpatici artigiani sono a un passo dal grande film. Se ne stanno un metro indietro, come se non avessero veglia di affondare il colpo. Qui sono alle prese con l'ennesimo filmetto "estivo", una serie di gag tenute insieme da un esile filo narrativo: un attore di mezza tacca impegnato, a Ferragosto, a [...] Vai alla recensione »

Michele Anselmi
Ciak

Provate a dire, velocemente, la seguente battuta: «Forse Pietro però potrà proteggerlo». Non ci riesce neanche Gigi Proietti, che in Un'estate al mare si diverte a incarnare un attore smemorato e tonto (sbaglia gli accenti, dice Gàrgano e Peschici), ridottosi a vivere di doppiaggio. E lui, nel gioco vanziniano, a cucire con funzione di voce narrante gli episodi del film, salvo poi impadronirsi della [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Tra una prova e l'altra dell'importanza che ha il product placement nella produzione di film, sfilano gli episodi di un film stagionale che fa doppiamente e smaccatamente il verso al cinema di papà: la moda estiva e la moda del film fatto di episodi. L'episodio con Lino Banfi che dice di tornare ricco e spietato come il conte di Montecristo al paese Natale dopo una lunga emigrazione svedese che, sotto [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

Dopo il Venditti di Brizzi-Martani-Bruno, ora tocca alla Giuni Russo dei Vanzina. È la sua bella canzone a dare il titolo al cinecocomero di chi sulle spiagge (della Versilia) ha costruito i suoi capolavori. Si partiva da Gino Paoli (Sapore di Sale) e in colonna sonora imperversava Edoardo Vianello e Canzonissima. Ora tocca a Mika e Sheryl Crow. Allora i fratelloni sapevano come dipingere l'Italietta [...] Vai alla recensione »

Alessio Guzzano
City

Preceduto, in tv, da uno dei trailer più stupidi di sempre, uno dei meno stupidi slanci dei Vanzina Brothers (l'assenza di Boldi è sempre garanzia). Sono figli di Steno e della commedia all'italiana e ci tengono. Qui si vede anche. Tre orridi episodi rabberciati: Ceccherini molesta un portiere viola al Twiga, Enzo Salvi babbo coatto a Ostia, lo stinto Greggio con lirica moglie obesa a Ischia.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Sette cartoline con i saluti della premiata ditta fratelli Vanzina da altrettante spiagge fra le più reputate del Bel Paese. Introdotta allegramente dalle note della canzone del titolo, Un'estate al mare è uno di quei film che fino a qualche anno fa la critica snobbava. Ora, con la rivalutazione della commedia di consumo, si tende a guardarli con gli occhi del postero.

Dario Zonta
L'Unità

I fratelli Vanzina sanno ben districarsi tra film di penna (come fu per Il pranzo della domenica, commedia di costume con affondi nella satira) e film di macchina, come molte «vacanze di natale» e quest'ultimo, Un'estate al mare. La macchina, qui, è quella per far soldi, concedendo molto allo sketch facile, alla battuta sporca, all'ammiccamento garantito.

Francesco Alò
Il Messaggero

Stanchi del cinepanettone da loro inventato, lesti a sfruttare il revival anni '80 con i sequel di Febbre da cavallo e Eccezzziunale veramente, quasi buñueliani con Barzellette e reduci dal flop di 2061 tornano Carlo ed Enrico Vanzina, cinepresa e penna di Un'estate al mare, film-cocomero che invita gli italiani al cinema mentre quelli pensano alla spiaggia.

Michele Anselmi
Il Riformista

Un film italiano che esce in700 copie il 27 giugno? Accade con Un'estate al mare dei Vanzina. Chissà se l'esperimento, quasi un azzardo, funzionerà Si parla tanto di allungare la stagione, la Medusa ci prova, applicando alle vacanze estive la formula del cine-panettone. Sette storie balneari di diversa ambientazione, una cornice per gli sketch, dialetti diversi, un cast nutrito di comici tv e bellone [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

I mostri di Dino Risi e i mattatori di papà Steno, una comicità fatta di pietas e malinconica ferocia, ecco i chiari riferimenti dei fratelli Vanzina nel cineombrellone 2008 (definizione di Enrico), Un'estate al mare . Non smettono di essere allievi i due anche ora che sono, piaccia o no, diventati maestri, adesso che la premiata ditta Brizzi-Martani-Bruno dichiara che le loro notti prima degli esami [...] Vai alla recensione »

Claudio G. Fava
Emme - Modena Mondo

Sono quasi sicuro che sta arrivando. Intendo un recupero critico dei fratelli Vanzina. Che è quello che è successo con molto cinema italiano del passato (considerato allora scadente e volgare, ed ora nobilitato e diventato felicemente "trash"). È un meccanismo con cui una parte snob della nostra critica cinematografica ha un'antica familiarità. Da questo punto di vista, il cinema dei fratelli Vanzina [...] Vai alla recensione »

Marco Giusti
Il Manifesto

La battuta migliore di Un'estate al mare, commedia estiva dei Vanzina brothers, è quella di Massimo Marino, king delle notti delle tv coatte romane. Nell'episodio di dichiarata eredità risiana, «Il giovedì», a un Enzo Salvi che alza a tutto volume l'impianto della sua macchina al ritmo di «Senti che Hi-Fi», Marino replica con un secco «'A fai finita!».

Massimo Bertarelli
Il Giornale

(Semi)divertente commediola dei fratelli Vanzina, disimpegnati in sette spiagge alla moda, che riciclano (o è un gesto d'affetto?) Il giovedì di Risi, due antichi episodi con Sordi (da Racconti d'estate e Quelle strane occasioni) e uno sketch di Dino Verde. L'emigrato Lino Banfi torna con la moglie svedese Victoria Silvstedt. Il tifoso viola Massimo Ceccherini fa sfumare l'ingaggio del portiere del [...] Vai alla recensione »

Alberto Castellano
Il Mattino

Visto che la stagione cinematografica dura ormai tutto l'anno e gli americani invadono le sale di blockbuster e supereroi anche a luglio e agosto, la produzione commerciale italiana ha deciso di raccogliere la sfida puntando su alcuni prodotti di solito destinati alla programmazione invernale e rilanciando in particolare alcune tipologie della nostra migliore commedia.

NEWS
NEWS
martedì 1 luglio 2008
 

MYmovies dice di no: - il film ha avuto una media per sala molto bassa, se consideriamo il numero di cinema che proiettano il film. - Film da 500-600 schermi normalmente viaggiano su medie molto più alte, anche d'estate, almeno nel primo weekend di [...]

RUBRICHE
lunedì 30 giugno 2008
Andrea Chirichelli

C'era grande attesa per il risultato del primo "cine cocomero" di marca tricolore: è possibile avere successo anche in estate per una tipologia di pellicola tipicamente natalizia, quanto a qualità e struttura? La risposta è.

RUBRICHE
venerdì 27 giugno 2008
Chiara Renda

Vacanze al mare... o in Messico L'estate è iniziata. E lo si sente anche al cinema. Con l'arrivo di Un'estate al mare, l'equivalente estivo dei cinepanettoni natalizi (ribattezzato "cine-cocomero") di Vanzina, ci si aspetta l'ennesimo ritratto dell'italiano [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati