Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
lunedì 6 luglio 2020

Jasmine Trinca

Attrice per caso

39 anni, 24 Aprile 1981 (Toro), Roma (Italia)
occhiello
"Quando la felicita' arriva capisci che il tempo non ha senso"
dal film Nessuno si salva da solo (2015) Jasmine Trinca  Delia
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Jasmine Trinca
David di Donatello 2020
Nomination miglior attrice per il film La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek

David di Donatello 2020
Premio miglior attrice per il film La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek

Nastri d'Argento 2020
Nomination miglior attrice per il film La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek

David di Donatello 2019
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Sulla mia pelle di Alessio Cremonini

David di Donatello 2018
Nomination miglior attrice per il film Fortunata di Sergio Castellitto

David di Donatello 2018
Premio miglior attrice per il film Fortunata di Sergio Castellitto

Nastri d'Argento 2017
Nomination miglior attrice per il film Fortunata di Sergio Castellitto

Nastri d'Argento 2017
Premio miglior attrice per il film Fortunata di Sergio Castellitto

David di Donatello 2015
Nomination miglior attrice per il film Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto

David di Donatello 2014
Nomination miglior attrice per il film Miele di Valeria Golino

David di Donatello 2013
Nomination miglior attrice per il film Un giorno devi andare di Giorgio Diritti

Nastri d'Argento 2013
Nomination miglior attrice per il film Miele di Valeria Golino

Nastri d'Argento 2013
Premio miglior attrice per il film Miele di Valeria Golino

Festival di Venezia 2009
Premio premio marcello mastroianni per il film Il grande sogno di Michele Placido

David di Donatello 2006
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Il caimano di Nanni Moretti

David di Donatello 2004
Nomination miglior attrice non protagonista per il film La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana

Nastri d'Argento 2004
Premio miglior attrice per il film La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana

Nastri d'Argento 2004
Nomination miglior attrice per il film La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana



Presentato a Venezia, il film sulla vicenda Cucchi sarà dal 12 settembre al cinema e su Netflix.

Alessandro Borghi: «Sulla mia pelle è un film necessario, lo prova la reazione del pubblico»

giovedì 30 agosto 2018 - Giancarlo Zappoli cinemanews

Alessandro Borghi: «Sulla mia pelle è un film necessario, lo prova la reazione del pubblico» Quando incontri Alessio Cremonini, Jasmine Trinca e Alessandro Borghi ti accorgi subito dal clima che si respira che tra loro c'è una forte consonanza che è quella poi che costituisce la forza del film che offre, come recita l'ipersintetica sinossi del pressbook: 'l'emozionante racconto degli ultimi giorni di via di Stefano Cucchi e della settimana che ha cambiato la vita della sua famiglia". È Alessandro Borghi il primo a dire che si tratta di un film necessario perché lui cerca di partecipare a lavori come quello che lo ha fatto conoscere (Non essere cattivo) e la risposta del pubblico in sala a Venezia ne è stata una conferma. Jasmine Trinca ha 'sentito' in modo netto la partecipazione di chi aveva assistito ai dettagli di una storia che conosceva probabilmente solo in parte e ne avvertiva la misura dell'approccio. Il lavoro di mimesi è proprio dell'attore ma qui era necessario restituire una dimensione privata della sorella di Stefano a cui l'attrice si è accostata con poche informazioni ma con un profondo rispetto. È il cinema che entrambi gli attori prediligono: prendere parte a storie che restituiscano al pubblico uno sguardo capace di stare un passo indietro ma proprio per questo carico di onestà.

Fa poi piacere sentire affermare da Alessio Cremonini che per una sceneggiatura di circa 50 pagine su un tema non facile ha trovato subito una porta che si è aperta senza difficoltà o remore. Olivia Musini l'ha letta e nel giro di una settimana c'era l'ok a cui seguiva l'appassionata adesione di Netflix con l'uscita anche nelle sale con Lucky Red.

Quello che stupisce è l'uso della voce, oltre che del corpo, da parte di Borghi con un'adesione che non ha voluto essere un tentativo di imitazione e che lo spettatore avrà modo di confrontare alla fine di un film in cui non si sono fatte prove preventive ai ciak ma semmai aggiustamenti solo quando si rivelava necessario. Favorendo così quel senso di verità che dallo schermo si trasferisce a chi guarda e che non può lasciare tranquilli. Con un'annotazione importante: al termine dell'incontro uscendo ho incontrato un folto gruppo di colleghi della stampa internazionale che attendevano di entrare: un ottimo segnale.

   

Kim Rossi Stuart interpreta il grandissimo pianista jazz nel nuovo film di Riccardo Milani.

Piano, solo: alla scoperta di Luca Flores

martedì 18 settembre 2007 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

Piano, solo: alla scoperta di Luca Flores Ci sono degli artisti che, agevolati o condannati da una latente patologia psichica, riescono a toccare l'essenza stessa della musica al punto da finire per perdersi in essa, venirne letteralmente risucchiati. Gli esempi sono molteplici. Si potrebbe parlare di Nick Drake, scomparso a neanche ventisette anni dopo aver dato alla luce tre album preziosi quanto illuminanti. O del già a lungo compianto Kurt Cobain che si è spento sin troppo giovane dopo essere stato investito, suo malgrado, del ruolo di portavoce di una generazione come leader dei Nirvana. O di Luca Flores, jazzista di formidabile talento e toccante sensibilità, pressoché sconosciuto dal grande pubblico che oggi viene sottratto all'oblio grazie al regista Riccardo Milani e a Kim Rossi Stuart che in Piano, solo ne assume la postura e lo sguardo. Tratto dal libro "Il disco del mondo - Vita breve di Luca Flores, musicista" di Walter Veltroni, Piano, solo racconta l'ascesa al successo dell'artista e la caduta negli inferi della mente dell'uomo. Abbiamo incontrato il regista e il cast del film atteso venerdì in 130 sale italiane.

Alla mia piccola Sama

Alla mia piccola Sama

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,98)
Un film di Waad Al-Khateab, Edward Watts. Con Jasmine Trinca
Genere Documentario, - Gran Bretagna 2019. Uscita 13/02/2020.
La Dea Fortuna

La Dea Fortuna

* * * - -
(mymonetro: 3,30)
Un film di Ferzan Ozpetek. Con Stefano Accorsi, Edoardo Leo, Jasmine Trinca, Sara Ciocca, Edoardo Brandi, Barbara Alberti, Serra Yilmaz.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2019. Uscita 19/12/2019.
Croce e Delizia

Croce e Delizia

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,87)
Un film di Simone Godano. Con Alessandro Gassmann, Jasmine Trinca, Fabrizio Bentivoglio, Filippo Scicchitano, Lunetta Savino.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2019. Uscita 28/02/2019.
Euforia

Euforia

* * * - -
(mymonetro: 3,18)
Un film di Valeria Golino. Con Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea, Isabella Ferrari, Valentina Cervi, Andrea Germani.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2018. Uscita 25/10/2018.
Sulla mia pelle

Sulla mia pelle

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,54)
Un film di Alessio Cremonini. Con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora, Milvia Marigliano, Andrea Lattanzi.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2018. Uscita 12/09/2018.
Filmografia di Jasmine Trinca »

venerdì 12 giugno 2020 - 2 David di Donatello: per la canzone originale di Diodato e l'interpretazione di Jasmine Trinca. Disponibile su Infinity.

La Dea Fortuna, un film dall'energia vitale capace di mostrare il cuore

a cura della redazione cinemanews

La Dea Fortuna, un film dall'energia vitale capace di mostrare il cuore Alessandro e Arturo sono una coppia consolidata, ma il loro rapporto sta mostrando la corda: Alessandro, idraulico dal fascino animalesco che attira uomini, donne e bambini, porta a casa il pane e cede volentieri ai piaceri della carne; Arturo, traduttore passivo aggressivo, non è diventato né uno scrittore famoso né un cattedratico, e patisce l'assenza di un rapporto fisico, e ancor di più di uno scambio verbale, con il suo partner sfuggente. Nella routine cristallizzata dei due irrompono Annamaria, ex compagna di Alessandro, e i suoi due figli nati da padri diversi, e tutti gli equilibri saltano. Annamaria deve fare alcuni esami diagnostici e affida i figli alla coppia di amici, che dovranno fare i conti con una responsabilità genitoriale forse mai nemmeno immaginata, nonché con la capacità dei bambini di metterti di fronte a quello che sei veramente.
 

Un ottimo cast (Edoardo Leo, Stefano Accorsi e Jasmine Trinca) è al centro di una storia che rappresenta un'umanità dolente e spaventata ma carica di energia vitale.
MYmovies.it
Il film ha vinto due David di Donatello: per la canzone originale "Che vita meravigliosa" di Diodato e per l'interpretazione come miglior attrice protagonista di Jasmine Trinca

La Dea Fortuna (guarda la video recensione) di Ferzan Ozpetek è ora disponibile su Infinity, gratis fino al 18 giugno. 
   

mercoledì 27 maggio 2020 - Annunciate le candidature ai premi di quest’anno che verranno consegnati a fine giugno. 

Nastri d’Argento 2020 - Si dividono il primato Favolacce e Pinocchio

a cura della redazione cinemanews

Nastri d’Argento 2020 - Si dividono il primato Favolacce e Pinocchio Favolacce (guarda la video recensione) con gli applausi e l’Orso d’argento conquistato a Berlino e il Pinocchio (guarda la video recensione) di Matteo Garrone, con un racconto che ancora una volta ha incantato il grande pubblico - testa a testa, con 9 nomination ciascuno - sono i film più candidati ai Nastri d’Argento 2020. A contendersi il Nastro per il miglior film anche Gli anni più belli (guarda la video recensione) di Gabriele Muccino, Hammamet (guarda la video recensione) di Gianni Amelio e La Dea Fortuna (guarda la video recensione) di Ferzan Ozpetek.

Annuncio ufficiale a Roma, rispettando una tradizione, anche se quest’anno in diretta streaming, dal MAXXI - il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo - per le candidature della 74.ma edizione dei Nastri d’Argento con la quale i Giornalisti Cinematografici mai come quest’anno vogliono essere solidali con il cinema senza lavoro: migliaia di operatori del settore, con gli autori e i protagonisti, che ancora non possono tornare al lavoro. Proprio come i film non riescono ancora ad uscire in sala.
Tornando alle candidature: Gli anni più belli (guarda la video recensione), con 8 nomination, è anche tra i film più candidati di quest’anno insieme a La Dea Fortuna (guarda la video recensione), Il Sindaco del Rione Sanità (guarda la video recensione) di Mario Martone e Martin Eden (guarda la video recensione) di Pietro Marcello (questi ultimi, 7 nomination ciascuno). Con cinque candidature li inseguono Hammamet (guarda la video recensione) di Gianni Amelio, Tornare di Cristina Comencini, Tutto il mio folle amore (guarda la video recensione) di Gabriele Salvatores e Il primo Natale (guarda la video recensione) di Ficarra e Picone, in cinquina per la migliore commedia dell’anno con Figli (guarda la video recensione), l’ultimo film scritto da Mattia Torre diretto da Giuseppe Bonito, Lontano lontano di Gianni Di Gregorio, Odio l’estate (guarda la video recensione) di Massimo Venier e Tolo tolo (guarda la video recensione) di Luca Medici.

Sei, quest’anno, gli autori delle opere prime in gara, più difficili da scegliere per la qualità e la varietà di uno scouting tra i più interessanti degli ultimi anni: Stefano Cipani con Mio fratello rincorre i dinosauri (guarda la video recensione), Marco D’Amore con L’Immortale (guarda la video recensione), Roberto De Feo con The Nest, Ginevra Elkann con Magari (guarda la video recensione), Carlo Sironi con Sole (guarda la video recensione) e Igor Tuveri (Igort) con 5 è il numero perfetto

Sono stati già annunciati, li ricordiamo, il Nastro dell’anno per Volevo nascondermi (guarda la video recensione) di Giorgio Diritti, che premia il regista, i produttori (Carlo Degli Esposti e Nicola Serra per Palomar e Paolo Del Brocco per Rai Cinema), lo straordinario protagonista Elio Germano (con un Nastro collettivo per l’intera squadra dei collaboratori tecnici) e il Nastro alla carriera a Toni Servillo. Il Direttivo come sempre, assegnerà intanto anche alcuni riconoscimenti speciali: il Nastro europeo e il Nastro della legalità, il Premio SIAE per la sceneggiatura e il Nuovoimaie destinato dallo scorso anno ai doppiatori professionisti e, infine, i Premi  Biraghi e il  Bonacchi per giovani attrici e attori.

Altre news e collegamenti a Jasmine Trinca »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità