Profeti

Film 2023 | Drammatico, 109 min.

Regia di Alessio Cremonini. Un film Da vedere 2023 con Jasmine Trinca, Isabella Nefar, Ziad Bakri, Omar El Saeed, Mehdi Meskar. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2023, durata 109 minuti. Uscita cinema giovedì 26 gennaio 2023 distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 12 sale cinematografiche - MYmonetro 2,77 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Profeti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 24 gennaio 2023

Un film sulla guerra, sull'estremismo religioso, su due donne che hanno fatto scelte diametralmente opposte, sull'oppressione che le donne vivono in molte parti del mondo. In Italia al Box Office Profeti ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 23,7 mila euro e 153 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,77/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,80
PUBBLICO 2,50
CONSIGLIATO SÌ
Il confronto fra due modi antitetici di concepire il femminile in uno stile registico rigoroso e radicale.
Recensione di Paola Casella
martedì 24 gennaio 2023
Recensione di Paola Casella
martedì 24 gennaio 2023

Sara Canova è una giornalista italiana che vive da un anno in Egitto e sta facendo un servizio in Siria sulle donne che lottano contro l'Isis in quanto "regime di oppressione femminile", quando viene catturata dai fondamentalisti islamici e fatta prigioniera. La sua detenzione sarà destinata a durare molti mesi, passando dalla prima linea del combattimento ad un campo di addestramento nel Califfato in cui dividerà l'alloggio con Nur, una giovane donna nata in Siria ma cresciuta a Londra, e andata in sposa (volontariamente) a un muhajid, ovvero un miliziano della jihad. Se da un lato Sara è atea e senza marito o figli, dall'altro Nur è devota al coniuge con cui sogna di creare una famiglia e ad Allah, senza se e senza ma. Al dubbio occidentale si contrappone dunque la certezza mediorientale, incomprensibile per Sara dato che i suoi occhi nell'Islam "le donne non contano niente".

Dopo Border, girato anch'esso nella Siria del conflitto, e dopo il pugno nello stomaco (e l'ottimo successo di pubblico e di critica) Sulla mia pelle che raccontava il caso Cucchi, Alessio Cremonini torna a parlare di attualità (e soprusi) con il suo caratteristico stile documentario, rigoroso e fortemente concentrato, refrattario a qualunque edulcorazione della verità.

Al centro della storia questa volta ci sono due personaggi femminili forti, e le due interpreti - Jasmine Trinca nel ruolo di Sara, l'italo-iraniana Isabella Nefar in quello di Nur - si tengono testa a vicenda, e tengono testa allo sguardo dello spettatore.

Il punto di contatto con Sulla mia pelle sta nel cercare il punto di rottura dell'animo umano in condizioni degradanti della propria dignità. "La forza è tutto quello che mi resta", dirà Sara, giunta allo stremo. E non c'è alcun giudizio verso il momento in cui le convinzioni della donna vacillano (in un eco della vicenda di Slivia Aisha Romano) sotto la pressione costante della prigionia, così come non c'era giudizio rispetto all'accettazione passiva della sua situazione per Stefano Cucchi in Sulla mia pelle. Cremonini racconta un'umanità messa alla prova, cui fa da contorno (e da strumento di oppressione) la disumanità cieca e inarrestabile di chi c'è intorno.

Quello che sembra mancare in Profeti è una chiave di lettura di ciò che ci viene mostrato con lucida chiarezza: perché portare sullo schermo questa storia, al netto del suo prezioso valore documentario? Anche il finale resta sospeso, limitandosi ad accennare un evento che sposterà altrove la storia.

C'è una chiara esposizione del vissuto di Nur e ci sono molti accenni a quello di Sara, ma a parte calare lo spettatore nello stesso stato di angoscia polisensoriale che ricorda un po' Garage Olimpo e un po' Private (di cui Cremonini è stato cosceneggiatore) il regista non fornisce interpretazioni. Ciò che resta è un approccio radicale ad una vicenda contemporanea e un'esposizione di due scelte di vita diametralmente opposte, che sono anche due modi antitetici di concepire il femminile.

Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 28 gennaio 2023
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

Non ci sono dubbi che il film «Sulla mia pelle» di Alessio Cremonini, con Alessandro Borghi e Jasmine Trinca protagonisti, contribuì a una svolta decisiva nel caso di Stefano Cucchi e a portare giustizia per il giovane morto a causa delle percosse subite in una caserma dei carabinieri. Cinque anni dopo, il regista romano torna con «Profeti», storia di pura invenzione collocata nel nord della Siria [...] Vai alla recensione »

sabato 28 gennaio 2023
Alessandro De Simone
Ciak

Sara, una giornalista italiana, viene rapita dall'Isis durante un reportage di guerra in Siria, e si confronta con Nur, giovane foreign fighter, radicalizzata a Londra e moglie di un miliziano del Califfato che la tiene prigioniera nella sua casa costruita in un campo di addestramento. Durante i mesi di detenzione Nur, mossa dal desiderio di proselitismo, e seguendo gli ordini del leader del campo, [...] Vai alla recensione »

sabato 28 gennaio 2023
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

La guerrigliera curda, a Kobane, fa una bella spiegazione: "In medio oriente se sei donna devi imparare a difenderti il prima possibile". Propedeutica. Avvia alla comprensione di quel che seguirà, ammesso che gli spettatori interessati a un film italiano sull'isis (lo stato islamico dell'Iraq e della Siria che in arabo dà l'acronimo Daesh) non sappiano come le donne vengono trattate da quelle parti. [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 gennaio 2023
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Giovane foreign fighter (Nefar) tenta di convertire giornalista rapita dall'Isis (Trinca). Dovrebbe essere l'incontro/scontro di culture, religioni, obiettivi e tradizioni tra due donne nella clausura di una casa-prigione, ma spicca la rassegna del risaputo.I terroristi sembrano amichevoli pescatori di Gallura truccati per il set. A comando si urla per la disperazione.

venerdì 27 gennaio 2023
Fabrizio Croce
Close-up

Non c'è un inizio e non c'è una fine in Profeti, altra impervia e non risolta incursione di Alessio Cremonini dentro una storia che parla di prigionia, privazione e coercizione, un'esperienza radicale che viene presentata nel momento di una possibile svolta (la protagonista è una giornalista corrispondente di guerra italiana rapita in Siria dall'Isis assieme alla sua troupe) e si conclude in un altro [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 gennaio 2023
Alice Sforza
Il Giornale

Una giornalista italiana viene rapita in Siria dall'ISis e incarcerata in casa della giovane moglie di un miliziano. Tra le due nasce umo scambio di ricatti psicologici. Un meraviglioso balletto di sguardi giocato sul tema della sottomissione vista dagli occhi di due donne. A tratti horror altri thriller, con Cremonini che dirige bene due attrici che si superano in bravura.

giovedì 26 gennaio 2023
Alberto Crespi
La Repubblica

Nella prima scena di Profeti l'italiana Sara, inviata sul fronte dell'Isis nel 2015, intervista una giovane curda che spiega: «Combatto per i curdi, per la libertà e per le donne. Perché noi donne siamo il principale nemico dell'Isis. Ma l'Isis non è l'unico problema. In Medio Oriente, se sei una donna, devi imparare a difenderti il prima possibile.

giovedì 26 gennaio 2023
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Profeti di Alessio Cremonini è una sfida. Visiva, percettiva, politico religiosa. Un Carnage in salsa Isis. Due donne rinchiuse in uno spazio angusto da dove non si può guardare (e andare) fuori: una è fiera di essere sottomessa all'uomo, alla fede, alla guerra; l'altra prigioniera, ricattata, privata di speranza e futuro, nuovamente libero, prova a resistere ma poi (forse) cede.

giovedì 26 gennaio 2023
Davide Maria Zazzini
La Rivista del Cinematografo

Tre indizi fanno una prova: Alessio Cremonini è un ottimo regista. Perché in Profeti - dopo il David come miglior regista esordiente per Sulla mia pelle- tiene insieme documentario, indagine sociologica e drammaturgia (provate a citare altri registi italiani che lo fanno, senza Google), rincamminandosi sullo stesso confine orientale di Border, suo primo (semi-sconosicuto) lungometraggio.

giovedì 26 gennaio 2023
Dario Boldini
Sentieri Selvaggi

Alessio Cremonini parla chiaro: "le uniche sono le donne". Di questo il suo Profeti è profondamente convinto. Uniche sono Sara (Jasmine Trinca), giornalista italiana inviata in Medio Oriente e qui rapita dall'Isis, e Nur (Isabella Nefar), foreign fighter incaricata della sua custodia. Così come unico è il loro incontro-scontro (e confronto) nel Califfato, convivenza forzata di due pensieri e visioni [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 gennaio 2023
Alessio Palma
Quinlan

Con Profeti il regista Alessio Cremonini ritorna sul luogo quantomeno ideale (il film è infatti interamente girato in Puglia) del suo esordio, la Siria, scegliendo il medesimo nucleo tematico nel tentativo di offrirne una messa a fuoco, vale a dire la condizione femminile. Non conosciamo Border, sua opera prima del 2013, dal momento che mai ha avuto una distribuzione regolare; ma sappiamo vi si racconta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2023
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

Al di là delle frasi a effetto che si snocciolano nelle conferenze stampa, tipo questa: "È un film sull'assenza, di una persona e di Dio", che cosa vuole dirci davvero Alessio Cremonini con il suo "Profeti"? Nelle sale con Lucky Red da giovedì 26 gennaio, l'opus n.3 del regista romano, classe 1973, dopo lo sfortunato "Border" e l'applaudito "Sulla mia pelle", racconta un'altra reclusione, un po' speciale. [...] Vai alla recensione »

martedì 24 gennaio 2023
Emiliano Morreale
Film TV

Il nuovo lavoro di Cremonini dopo Sulla mia pelle, sul caso di Stefano Cucchi, affronta un tema di attualità ma di quelli da cui il cinema, non solo italiano, sembra rifuggire. Il risultato è uno di quei film di nobile impegno nei quali il tema ha la meglio sullo stile. Sara (Jasmine Trinca), giornalista italiana in Siria, viene fatta prigioniera da alcuni guerriglieri dell'ISIS che sospettano sia [...] Vai alla recensione »

NEWS
CELEBRITIES
venerdì 20 gennaio 2023
Fabio Secchi Frau

Il regista torna al cinema con Profeti, storia del rapimento di una giornalista in Medio Oriente. Dal 26 gennaio al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 9 gennaio 2023
 

Regia di Alessio Cremonini. Un film con Jasmine Trinca, Isabella Nefar, Ziad Bakri. Da giovedì 26 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
giovedì 6 ottobre 2022
 

Regia di Alessio Cremonini. Un film con Jasmine Trinca, Isabella Nefar, Ziad Bakri. Dal 26 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
venerdì 9 aprile 2021
 

Un film di finzione sul rapimento di una giornalista nel Medio Oriente e sul suo periodo di detenzione.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati