•  
  •  
Apri le opzioni

Francesca Archibugi

Francesca Archibugi è un'attrice italiana, regista, scrittrice, sceneggiatrice, assistente alla regia, è nata il 16 maggio 1960 a Roma (Italia). Al cinema il 14 ottobre 2022 con il film Il Colibrì.
Nel 1994 ha ricevuto il premio come miglior soggetto originale al Nastri d'Argento per il film Il grande cocomero. Dal 1989 al 1994 Francesca Archibugi ha vinto 4 premi: David di Donatello (1989, 1993), Nastri d'Argento (1994). Francesca Archibugi ha oggi 62 anni ed è del segno zodiacale Toro.

Piccole lezioni di vita

A cura di Nicoletta Dose

Regista, sceneggiatrice e attrice italiana. Con grande sensibilità, ha saputo ritrarre il territorio dell'infanzia filmata da una regia parca e minimalista, quasi invisibile, che mette al centro di tutto le personalità dei personaggi. Dalle sofferenze dei giovani ha imparato come affrontare quelle degli adulti, e ora si prepara a farsi amare di nuovo dal pubblico con Questione di cuore.

Esordio di successo
Entra giovanissima nel mondo dello spettacolo, interpretando a soli sedici anni la parte di Ottilia nel film Rai Le affinità elettive (1979) di Gianni Amico e conquistando un ruolo anche nella mini-serie Che fare? (1979) di Gianni Serra. L'incontro con gli addetti ai lavori in televisione e teatro segna il suo destino: dopo il liceo si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e frequenta anche la Scuola di Bassano, per tentare la strada della regia. In qualità di attrice la vediamo ancora in due film, La caduta degli angeli ribelli (1981) di Marco Tullio Giordana e l'horror televisivo Vampirismus (1982) di Giulio Questi, poi smette definitivamente di dedicarsi alla recitazione per concentrarsi su sceneggiatura e regia. Si diploma con un cortometraggio che viene presentato con successo in numerosi festival europei e internazionali (sul set conosce il musicista Battista Lena che diviene il suo compagno, nonché compositore delle musiche di tutti i suoi film). Dopo aver girato i corti La piccola avventura (1983) e Un sogno truffato (1984), nel 1985 vince il premio Solinas come migliore sceneggiatura dell'anno.

Mignon è partita e Il grande cocomero
Dopo aver sceneggiato L'estate sta finendo di Bruno Cortini e La cintura diretto da Giuliana Gamba, grazie anche all'aiuto di Furio Scarpelli e Leo Benvenuti, debutta dietro la macchina da presa con Mignon è partita (1988). Il film racconta l'arrivo di un'antipatica ma affascinante giovinetta parigina nella stralunata famiglia Forbicioni, soffermandosi con un buon equilibrio tra dramma e comicità, sui primi turbamenti giovanili, difficili da rappresentare al cinema. La Archibugi ci riesce benissimo e si aggiudica due David di Donatello e due Nastri d'Argento, oltre che numerosi premi all'estero. Lo stesso sguardo nei confronti dell'infanzia lo vediamo anche nel successivo Verso sera (1990) con Sandrine Bonnaire e Marcello Mastroianni, dove si apre al mondo della politica e delle contestazioni giovanili degli anni Settanta. Trova nuova forza creativa dall'esperienza del neuropsichiatra Marco Lombardo Radice e decide di raccontare la storia di Pippi, ragazzina affetta da ricorrenti crisi epilettiche, ne Il grande cocomero (1993), straordinario successo di pubblico e critica che la premia per la seconda volta con un Nastro d'Argento e tre David di Donatello.

Lo stile realistico del documentario
La consacrazione definitiva avviene nel 1994 con l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Federigo Tozzi Con gli occhi chiusi che convince i critici, malgrado resti sottovalutato dal grande pubblico. Gira il cortometraggio L'unico paese al mondo (1994), poi con il successivo L'albero delle pere (1998) con Valeria Golino e Sergio Rubini perde un po' in determinazione, affronta diversi temi (le tensioni intergenerazionali, la crescita e il passaggio all'età adulta) senza approfondirli come nei film precedenti. Segue il marito nella creazione di un gruppo musicale jazz, lo riprende e monta le immagini in un prezioso documentario, La strana storia di banda sonora (1997), che viene presentato alla Mostra di Venezia, dove vince il premio Jean Rouch.

Amicizie importanti al cinema
Nel 2001 ritrae una splendida Ornella Muti in Domani, toccante racconto della ripresa di una cittadina umbra all'indomani del terremoto del 1997, poi accetta la proposta di realizzare Renzo e Lucia (2004) per il piccolo schermo, si lancia nel progetto di Gabbiani (2004) per ritrovare il respiro di un tempo con Lezioni di volo (2006) dove troviamo Giovanna Mezzogiorno nei panni di una ginecologa di una Onlus internazionale, alle prese con due ragazzini scapestrati da educare alla vita. Nel 2008 riesce a unire l'ironia di Antonio Albanese alla bellezza di Kim Rossi Stuart nel film Questioni di cuore, una commedia corale intimista che riflette sull'importanza dell'amicizia.
Nel 2015 dirige Il nome del figlio, adattamento della piece teatrale "Le Prénom", mentre due anni dopo dirige Gli sdraiati.
Dopo Vivere (2019), con Micaela Ramazzotti e Adriano Giannini, la troveremo dietro la macchina da presa del bestseller di Sandro Veronesi Il colibrì (2021).

Prossimi film

Ultimi film

Drammatico, (Italia - 2019), 103 min.
Drammatico, (Italia - 2017), 103 min.
Commedia, (Italia - 2015), 94 min.
Documentario, (Italia - 2014), 76 min.
Documentario, (Italia - 2013), 60 min.
Drammatico, (Italia - 2008), 104 min.

Focus

FOCUS
mercoledì 11 novembre 2015
Gabriele Niola

Il nuovo film di Sergio Rubini, Dobbiamo parlare rispolvera la grande tradizione del cinema ambientato tutto in una lunga notte. Una notte di discussioni, trasformazioni, svelamenti e confronti che si risolve solitamente in un'alba catartica. I lungometraggi tutti ambientati in una sola notte sono viaggi metafisici, avventure che possono rimanere chiuse in una stanza oppure allargarsi ad un'intera città, ma riguardano sempre un percorso spirituale che si consuma nella parte nascosta della giornata e che si scioglie con il più esemplare dei nuovi inizi, quello di un sole che sorge

INCONTRI
mercoledì 8 aprile 2009
Marianna Cappi

Cinema di strada Alberto e Angelo vengono colpiti da un infarto nella stessa notte, nella stessa città. Il primo è un noto sceneggiatore, il secondo un giovane carrozziere: due vite distanti, destinate a non incrociarsi mai, che s'incontrano niente meno che davanti allo spettro della morte. Dove si dice che ognuno sia solo, loro si ritrovano in due. Ne nasce un'amicizia che riscrive ogni cosa e che fa dell'approccio alla vita e alla scrittura "una questione di cuore"

I film più famosi

Drammatico, (Italia - 2006), 106 min.
Drammatico, (Italia - 2008), 104 min.
Drammatico, (Italia - 2019), 103 min.
Drammatico, (Italia - 2017), 103 min.
Commedia, (Italia - 2015), 94 min.
Commedia, (Italia - 1993), 96 min.
Commedia, (Italia - 1988), 95 min.
Commedia, (Italia - 1990), 90 min.

News

Regia di Francesca Archibugi. Un film con Micaela Ramazzotti, Adriano Giannini, Massimo Ghini, Marcello Fonte, Andrea...
Protagonisti Micaela Ramazzotti, Adriano Giannini, Massimo Ghini. Il film si svolgerà a Roma.
Francesca Archibugi e Francesco Piccolo stanno lavorando alla sceneggiatura tratta dal bestseller internazionale di...
Incontrare e ascoltare il cinema. A Roma, fino ad aprile, 6 masterclass con 6 nomi prestigiosi: Battiato, Archibugi,...
Dal romanzo di Umberto Contarello il nuovo film di Francesca Archibugi.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati