La stanza del figlio

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La stanza del figlio   Dvd La stanza del figlio   Blu-Ray La stanza del figlio  
Consigliato sì!
3,45/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Ancona. Giovanni è uno psicoanalista con numerosi pazienti con i quali ha un rapporto di paziente comprensione ma anche, come la professione richiede, di lucido distacco.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Moretti costruisce con il suo abituale rigore un 'personaggio' atterrito dal dolore
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Ancona. Giovanni è uno psicoanalista con numerosi pazienti con i quali ha un rapporto di paziente comprensione ma anche, come la professione richiede, di lucido distacco. Giovanni ha una moglie, Paola, e due figli adolescenti: Irene e Andrea. La vita scorre tranquilla, turbata solo da una ragazzata commessa da Andrea: il furto di un'ammonite nel piccolo museo scolastico. Il ragazzo decide di andare a fare un'immersione con gli amici e, per cause imprecisate, muore per un'embolia. La perdita del figlio stronca i familiari. Giovanni non riesce quasi più a lavorare, Paola si chiude nel dolore e Irene diventa irascibile. Un giorno arriva una lettera per Andrea. È firmata da Arianna, una coetanea che lo aveva conosciuto solo per un giorno e che si era innamorata di lui. Sarà proprio partendo da questo inatteso contatto che la vita della famiglia potrà rimettersi in moto. Nanni Moretti sembra essere a una svolta della sua carriera di regista e attore. Moretti torna a costruire un 'personaggio': che non è più Apicella e neppure il prete di La messa è finita. Lo fa con tutto il rigore che neppure i più accesi detrattori gli hanno mai negato. Divenuto padre di Pietro cinque anni fa Moretti deve avere colto il senso di quello che è il titolo dell'ultimo film di Zanussi (non uscito da noi) : "La vita come malattia mortale trasmissibile per via sessuale". Cioè dando la vita a un figlio gli assicuriamo inevitabilmente anche la morte. E se questa accade prematuramente e mentre i genitori sono ancora presenti il dramma è devastante. Il film ( come già La vita è bella di Benigni) è come diviso in due parti. La prima, in cui Moretti 'fa' Moretti con le sue idiosincrasie, le sue scarpe, le sue corse, le sue incertezze, i suoi incupimenti seguiti da improvvisi sorrisi luminosi. La seconda, in seguito alla morte di Andrea, in cui si muta bruscamente registro. I lutti laceranti cambiano nel profondo, ma forse si poteva lavorare un po' di più sul Giovanni personaggio e un po' meno sul Nanni che gli si sovrappone. Resta comunque un film da vedere.

Primo Weekend Usa: $ 4.887
Incasso Totale* Usa:
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 27 gennaio 2002
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
61%
No
39%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination La stanza del figlio

premi
nomination
Nastri d'Argento
1
0
Festival di Cannes
2
0
David di Donatello
3
0
* - - - -

Un falso capolavoro

sabato 16 aprile 2005 di Franz

Questo è un film fatto apposta per ingannare gli spettatori più ingenui. Con esso Nanni Moretti compie un'operazione di bassa lega, cercando di aggredire lo spettatore con un una sintassi di immagini legate al lutto e alla morte, nel vano tentativo indurlo a confondere il sentimentalismo con l'introspezione psicologica. Non ne può nascere nessuna riflessione filosofica originale, e ciò è molto grave per un film che per quasi due ore ci impone l'inutile rievocazione di dolorosi ricordi legati continua »

* * * * -

Moretti senza moretti 1

giovedì 22 marzo 2001 di Andrea

Il solito problema di non riuscire a dare 5 stelle neanche ai film verso i quali saresti tentato di farlo! E' l'annoso e giusto problema della distanza temporale dall'opera come presupposto critico e umano aggiungerei, per una corretta analisi della stessa. Ho sempre provato un singolarissimo miscuglio di ammirazione e straniamento guardando i film di Moretti, di cui riconosco, comunque, a pelle l'importanza (e non solo nel nostro cinema) pur non essendo di certo uno dei miei registi ("auteurs" continua »

* * - - -

Borghesi si diventa...

giovedì 30 agosto 2001 di Mariano Ruggiano

Mi era stato detto che La stanza del figlio, tra i film del regista romano, era il meno morettiano. Probabilmente è vero, anche se, specie nella prima parte, lo stile è riconoscibilissimo. Moretti, come Benigni, per una volta si è cimentato con un tema drammatico: una microstoria ordinaria di gente comune, che vede la propria sonnacchiosa routine di famiglia borghese sconvolta di colpo da un evento universalmente tragico,forse l'unico realmente contro natura. E buona parte della trama non è che continua »

* * * - -

Un discreto film...nulla di piu'

giovedì 19 settembre 2002 di JOINT

tanto 'can can' per un discreto film ma nulla piu'...perchè si è voluto enfatizzare così tanto questo film??? forse un motivo c'è...ed è come al solito politico...i film di 'sinistra' sono sempre aiutati...come ad esempio lo è stato LA VITA E' BELLA di Benigni...anche quello un discreto film ma niente di più...LA STORIA SI RIPETE A QUANTO PARE continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film La stanza del figlio adesso. »
Shop

DVD | La stanza del figlio

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 6 novembre 2001

Cover Dvd La stanza del figlio A partire da martedì 6 novembre 2001 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd La stanza del figlio di Nanni Moretti con Nanni Moretti, Laura Morante, Jasmine Trinca, Giuseppe Sanfelice. Distribuito da Warner Home Video. Su internet La stanza del figlio è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film La stanza del figlio

SOUNDTRACK | La stanza del figlio

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 30 ottobre 2009

Cover CD La stanza del figlio A partire da venerdì 30 ottobre 2009 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film La stanza del figlio del regista. Nanni Moretti Distribuita da Lucky Planets. Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »

di Roberto Nepoti La Repubblica

Il totoCannes è già aperto e difficilmente la Croisette potrà fare i suoi conti senza i film di Moretti e Scola. Diversi per stile, intonazione, scelta di "genere" (una tragedia, una commedia amara), La stanza del figlio e Concorrenza sleale hanno però un tratto in comune: mettono in scena, entrambi, momenti fondamentali, estremi, di quelli che cambiano la vita delle persone. Per quanto scaviamo nella memoria, non riusciamo a trovare un film che racconti l'elaborazione di un lutto con una densità paragonabile a La stanza del figlio. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

C’era una volta la felicità. Difficile dire in che cosa consisteva: essere giovani, sentirsi bene al mondo, trovare un che di armonioso in tutto quello che ci circonda, nelle persone, nel lavoro, a casa, in famiglia. Un’esistenza serena, senza picchi e senza abissi. La felicità di Giovanni e Paola e dei loro giovani figli Andrea e Irene, protagonisti di La stanza del figlio, di Nanni Moretti. Poi, all’improvviso, il colpo di maglio del destino. Andrea, in una calma, dolce mattina domenicale, uguale a tutte le altre, muore. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Più d'una volta Giovanni Sermonti (Nanni Moretti) cerca parole che raccontino il suo lutto, il più duro che si possa patire. Sta scrivendo ad Arianna (Sofia Vigliar) la fidanzatina di Andrea (Giuseppe Sanfelice), ma è alla propria disperazione che vuole dare forma. Più d'una volta, dunque, la sua mano inizia a muoversi sulla carta, alla ricerca di un'immagine mentale, di un frammento di senso, Eppure, foglio dopo foglio, il racconto non nasce. Poi, dichiarandosi sconfitta, la sua penna lascia sul bianco una traccia d'inchiostro continua e indifferenziata che s'avvolge su se stessa, che nega se stessa, capace d'esprimere solo un urlo silenzioso. »

di Silvana Silvestri Il Manifesto

Aprile, la nascita. La stanza del figlio, la morte. Solo l'affilato umorismo di Moretti può portarci al cinema in massa, a condividere esperienze così radicali. Nanni Moretti, diventato uomo, assomiglia sempre di più agli uomini autorevoli di una volta, come quei laici, radicali o socialisti con barba e baffi d'inizio secolo, che incutevano soggezione (e magari nascondevano retroscena tremendi, "nel privato"). E ha diretto e interpretato un bellissimo film inquieto, sempre spiazzante e tutto striato dai tratti ossessivi soliti, ma organizzati e impaginati, questa volta, perché scodellati davanti a uno psicoanalista (il protagonista, Moretti stesso) da ben nove pazienti (tra cui Silvio Orlando, l'aspirante suicida, Stefano Accorsi, nell'imitazione di O fantasma, Eleonora Danco, che ha già pagato 46 milioni in analisi, ma. »

La stanza del figlio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | andrea
  2° | kroy
  3° | kucciolo
  4° | tizianastanzani
  5° | p.n.
  6° | claudio a.
  7° | vedelia
  8° | carlito
  9° | gustav
10° | gipo
11° | strangelove
12° | cinema
13° | barson
14° | dario
15° | m.raffaele92
16° | filippo catani
17° | rescart
18° | dounia
19° | bob mass
20° | che guevara, era un ammiratore del
21° | mario
22° | bullythekid
23° | francesco
24° | hector "macho camacho"
25° | mariano ruggiano
26° | joint
27° | franz
Nastri d'Argento (1)
Festival di Cannes (2)
David di Donatello (3)


Articoli & News
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità