Dizionari del cinema
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
mercoledì 12 maggio 2021

Shirley MacLaine

Chiamatela solo MacLaine

Nome: Shirley MacLean Beaty
87 anni, 24 Aprile 1934 (Toro), Richmond (Virginia - USA)
occhiello
L'uomo può indossare ciò che vuole. Rimarrà sempre un accessorio della donna.
dal film Coco Chanel (2008) Shirley MacLaine  Coco Chanel da anziana
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shirley MacLaine
Critics Choice Award 2013
Nomination miglior attrice in un film brillante per il film Bernie di Richard Linklater

SAG Awards 2009
Nomination miglior attrice miniserie o film tv per il film Coco Chanel di Christian Duguay

Emmy Awards 2009
Nomination miglior attrice miniserie o film tv per il film Coco Chanel di Christian Duguay

Golden Globes 2009
Nomination miglior attrice miniserie o film tv per il film Coco Chanel di Christian Duguay

Golden Globes 2006
Nomination miglior attrice non protagonista per il film In Her Shoes - Se fossi lei di Curtis Hanson

Golden Globes 2003
Nomination miglior attrice miniserie o film tv per il film Hell On Heels: The Battle of Mary Kay di Ed Gemon

Golden Globes 1995
Nomination miglior attrice per il film Cara, insopportabile Tess di Hugh Wilson

Golden Globes 1993
Nomination miglior attrice per il film La vedova americana di Beeban Kidron

Golden Globes 1991
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Cartoline dall'inferno di Mike Nichols

Golden Globes 1989
Premio miglior attrice per il film Madame Sousatzka di John Schlesinger

Golden Globes 1989
Nomination miglior attrice per il film Madame Sousatzka di John Schlesinger

Festival di Venezia 1988
Premio coppa volpi migliore interpretazione femminile per il film Madame Sousatzka di John Schlesinger

Premio Oscar 1984
Premio miglior attrice per il film Voglia di tenerezza di James L. Brooks

Golden Globes 1984
Premio miglior attrice per il film Voglia di tenerezza di James L. Brooks

David di Donatello 1984
Premio miglior attrice straniera per il film Voglia di tenerezza di James L. Brooks

Premio Oscar 1984
Nomination miglior attrice per il film Voglia di tenerezza di James L. Brooks

David di Donatello 1984
Nomination miglior attrice straniera per il film Voglia di tenerezza di James L. Brooks

Golden Globes 1984
Nomination miglior attrice per il film Voglia di tenerezza di James L. Brooks

Golden Globes 1980
Nomination miglior attrice per il film Oltre il giardino di Hal Ashby

Premio Oscar 1978
Nomination miglior attrice per il film Due vite, una svolta di Herbert Ross

Premio Oscar 1964
Nomination miglior attrice per il film Irma la dolce di Billy Wilder

David di Donatello 1964
Premio miglior attrice straniera per il film Irma la dolce di Billy Wilder

David di Donatello 1964
Nomination miglior attrice straniera per il film Irma la dolce di Billy Wilder

Premio Oscar 1961
Nomination miglior attrice per il film L'appartamento di Billy Wilder

Festival di Venezia 1960
Premio miglior attrice per il film L'appartamento di Billy Wilder

Festival di Berlino 1959
Premio miglior attrice per il film Tutte le ragazze lo sanno di Charles Walters

Premio Oscar 1959
Nomination miglior attrice per il film Qualcuno verrà di Vincente Minnelli



In un ironico gioco di specchi e con deliziosa superstizione, l'attrice intende scegliere in Adorabile nemica il ricordo pubblico che si avrà di lei. Al cinema.

Shirley MacLaine, la star che allontana il viale del tramonto

sabato 6 maggio 2017 - Roy Menarini cinemanews

Shirley MacLaine, la star che allontana il viale del tramonto Il necrologio è una forma di ricordo del defunto nata attraverso la stampa. È la "galassia Gutenberg" ad aver messo su carta ciò che era relegato alle orazioni funebri, alle iscrizioni sulle tombe e alle altre forme di laudazione orale. Il necrologio è diventato - piaccia o meno - un genere editoriale, una pagina che necessita di un redattore, una figura retorica giornalistica, un effetto di condivisione editoriale del lutto. In Italia, e in parte dell'Europa, esso si limita a poche righe e qualche parola di circostanza, con un effetto misto tra cattivo auspicio per chi legge e curiosità morbosa (almeno nelle testate locali) per sapere chi ha lasciato questo mondo. In America capita più spesso che al defunto si concedano ben altre biografie, anche in sede di semplice commiato. Quando poi il dipartito è celebre, ecco che - ovunque nel mondo - scatta il "coccodrillo", ovvero in gergo un articolo di ricordo, spesso benevolo, che tende a ricordare le qualità più che i difetti di chi non c'è più. Insomma morire, come il tempo, è galantuomo. Spesso in redazione ci sono coccodrilli pronti nel cassetto per le grandi figure che hanno già raggiunto una certa età. Non è affatto escluso che i giornali abbiano pronto, per esempio, il coccodrillo di Shirley MacLaine, straordinaria attrice che ha fatto la storia del cinema americano e che in Adorabile nemica sembra dare una lezione di recitazione a tutto il cast di contorno. Lei, notoriamente sarcastica e irriverente come il personaggio che qui interpreta, deve aver accettato di buon grado la sceneggiatura che la vede in cerca del "coccodrillo perfetto". Essendo maniaca del controllo, la sua Harriet pretende di guidare in anticipo anche il ricordo pubblico che si avrà di lei (quello privato, invece, è un altro paio di maniche).

In Adorabile nemica, al cinema dal 4 maggio, l'attrice è protagonista assoluta e splendidamente autoreferenziale.

Shirley MacLaine, il fascino della franchezza

mercoledì 3 maggio 2017 - Marzia Gandolfi cinemanews

Shirley MacLaine, il fascino della franchezza Nessuna è come lei: piedi a terra e testa in aria, nota androgina e vitalità femminile, controllo comico del pathos e disposizione a incrinare la maschera. Shirley MacLaine debutta al cinema a metà degli anni Cinquanta nella commedia nera di Alfred Hitchcock (La congiura degli innocenti) rimasto orfano di Grace Kelly. Sfalsata rispetto alle pin-up sofisticate degli anni Cinquanta, indossa con insolente fotogenia il colore rosso e un carattere vulcanico che trova la sua cifra cinematografica nel 1958 sul set di Vincente Minnelli (Qualcuno verrà). Ragazza sbandata, più toccante che patetica, con Ginnie Moorehead impone un nuovo tipo di eroina, ancora bollata dagli stereotipi misogini ma piena di profonda umanità. Proprietaria di un tabarin in Can Can o entraîneuse in Sweet Charity, passando per la prostituta di Irma la dolce, Shirley MacLaine tesse sottili variazioni intorno a donne che la società qualifica come sventurate e lei volge in regine cariche di joie de vivre. Irma e le sue sorelle sono l'incarnazione di un principio vitale, un fiore di strada sbocciato a dispetto della cattiveria del mondo. Praticare il vizio non impedisce alle sue eroine di continuare a credere in maniera ostinata e naïf a una vita en rose, affollata di uomini gentili e grandi amori sempre in attesa dietro l'angolo. Charity Hope Valentine la conosciamo bene, con le sue illusioni disilluse è la sorella musicale della Cabiria felliniana, che Bob Fosse abbiglia vivacemente e converte in taxi girl newyorkese dentro imprevedibili e fantasiosi momenti di danza. Negli anni i ruoli si avvicendano emergendo la stessa dolcezza, lo stesso pudore, lo stesso dolore davanti a un destino che scoraggia l'aspirazione all'innocenza. Un modello ripreso trent'anni dopo da Julia Roberts in Pretty Woman, versione bassomimetica che celebra il denaro nel momento stesso in cui ne enuncia la volgarità.

Shirley MacLaine candidata come miglior attrice per la fiction di co-produzione italiana.

Coco Chanel nominata ai Golden Globe

martedì 16 dicembre 2008 - a cura della redazione cinemanews

Coco Chanel nominata ai Golden Globe Non c'è solo lo straordinario caso di Gomorra a rappresentare l'Italia alla cerimonia dei Golden Globe dell'11 gennaio prossimo. Fra le nomination per la sezione televisiva, si fa notare quella di Shirley MacLaine per la miniserie co-prodotta da Lux Vide per RaiFiction Coco Chanel, in cui ha interpretato la celebre stilista francese negli anni della maturità. La straordinaria attrice americana già premio Oscar per il film Voglia di tenerezza ed icona delle più grandi commedie dirette da Billy Wilder, sarà così in un certo senso anche "ambasciatrice" di uno dei migliori prodotti di questa stagione televisiva italiana.

   

Barbora Bobulova e Shirley McLaine protagoniste.

Coco Chanel: una miniserie sulla rivoluzionaria stilista

giovedì 2 ottobre 2008 - Lisa Meacci cinemanews

Coco Chanel: una miniserie sulla rivoluzionaria stilista Arriva su Raiuno in prima serata (ore 21:10) Coco Chanel, una miniserie in due serate sulla storia della mitica stilista francese. Si preannuncia come la prossima fiction evento, calcolando il grande successo già avuto negli States (si raccontano cifre intorno ai 24 milioni di spettatori sulla tv cavo Lifetime) e tenendo presente che si tratta di un progetto internazionale: è una coproduzione italiana (Rai e Lux Vide), francese (Pampa e Fr2) e americana (Alchemy e Lifetime).
Ad interpretare questa icona della moda, e non solo, sono state scelte l'attrice slovacca Barbora Bobulova e l'attrice americana Shirley MacLaine (premio Oscar per Voglia di tenerezza), rispettivamente nel ruolo della giovane e dell'anziana Chanel. Nel cast c'è anche Malcom McDowell, protagonista del memorabile Arancia meccanica, che vestirà i panni di Arthur "Boy" Chapel, infelice amore di Coco.

L'appartamento

L'appartamento

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,52)
Un film di Billy Wilder. Con Shirley MacLaine, Jack Lemmon, Fred MacMurray, Ray Walston, Jack Kruschen.
continua»

Genere Commedia, - USA 1960. Uscita 03/12/2018.
Adorabile nemica

Adorabile nemica

* * * - -
(mymonetro: 3,38)
Un film di Mark Pellington. Con Shirley MacLaine, Amanda Seyfried, AnnJewel Lee Dixon, Thomas Sadoski, Philip Baker Hall.
continua»

Genere Commedia, - USA 2017. Uscita 04/05/2017.
I sogni segreti di Walter Mitty

I sogni segreti di Walter Mitty

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,96)
Un film di Ben Stiller. Con Ben Stiller, Kristen Wiig, Shirley MacLaine, Adam Scott, Kathryn Hahn.
continua»

Genere Commedia, - USA 2013. Uscita 19/12/2013.
Appuntamento con l'amore

Appuntamento con l'amore

* 1/2 - - -
(mymonetro: 1,76)
Un film di Garry Marshall. Con Jessica Alba, Kathy Bates, Jessica Biel, Bradley Cooper, Eric Dane.
continua»

Genere Commedia, - USA 2010. Uscita 12/03/2010.
Vizi di famiglia

Vizi di famiglia

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,52)
Un film di Rob Reiner. Con Jennifer Aniston, Mark Ruffalo, Shirley MacLaine, Kevin Costner, Richard Jenkins.
continua»

Genere Commedia, - USA, Australia 2005. Uscita 23/12/2005.
Filmografia di Shirley MacLaine »

lunedì 3 maggio 2021 - Si è spenta a 89 anni l'iconica attrice di Hollywood e Broadway, premio Oscar nel 1988 per Stregata dalla luna.

Olympia Dukakis, performance memorabili e una storia profonda e ricca

Pino Farinotti cinemanews

Olympia Dukakis, performance memorabili e una storia profonda e ricca Ci sono caratteristi che "caratterizzano" appunto un'opera. Sono importanti, a volte indispensabili. È un concetto accreditato. Alcuni fanno parte della memoria dello spettatore, che magari non ha memorizzato il nome. Per Olympia Dukakis (1931-2021) il termine di carattere è certo riduttivo, perché il suo volto, la sua persona, la simpatia e l'ironia formavano un appeal che non era quello di una divina, di una cosiddetta sex symbol, ma si è comunque imposto. E va detto, che dietro quelle performance c'era una storia profonda e ricca, che partiva da ruoli importanti nelle pièce di Broadway già negli anni sessanta. Col marito, l'attore Louis Zorich, aveva fondato la Whole Theatre Company, una compagnia di classe, che rappresentava temi sociali intensi. Era dunque in possesso di un bagaglio artistico che le avrebbe permesso di affrontare tutto, dunque anche il cinema e di portare qualcosa di particolare della sua attitudine,e di lasciare un segno. E quando nel 1986 il regista premio Oscar Mike Nichols le assegna il ruolo di Rose in Social Security, Olympia si fa subito notare. Ma la consacrazione decisiva arriva nel 1987 quando Dukakis è protagonista di Stregata dalla luna, diretto da Norman Jewison, nel ruolo dell'autoritaria, sarcastica matriarca Rose Castorini. I protagonisti sono Cher e Nicolas Cage, ma è lei, Olympia, a dominare la scena. Tanto che si vede premiata prima dal Golden Globe e poi dall'Oscar come migliore attrice non protagonista. L'impegno dell'attrice prosegue senza soluzione di continuità, sempre con ruoli all'altezza. Come quello di Clairee Belcher in Fiori d'acciaio, diretto da Herbert Ross nel 1989, dove Dukakis si confronta con mostri sacri come Shirley MacLaine, Julia Roberts e Sally Field e ancora una volta è all'altezza. Ricordabile naturalmente la popolarissima trilogia Senti chi parla dove, ancora una volta impersona una madre decisiva, di Kirstie Alley. L'Academy ha ricordato l'attrice con queste parole: "Olympia Dukakis ha portato calore, humor e brio sulla scena e sullo schermo per quasi sessant'anni".

   

Altre news e collegamenti a Shirley MacLaine »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 11 maggio
Favolacce
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Lei mi parla ancora
Genesis 2.0
giovedì 1 aprile
Il concorso
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità