Dizionari del cinema
Periodici (1)
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 23 marzo 2019

Frank Sinatra

Uno degli artisti più popolari del nostro secolo

Nome: Francis Albert Sinatra
Data nascita: 12 Dicembre 1915 (Sagittario), Hoboken (New Jersey - USA)

Data morte: 14 Maggio 1998 (82 anni), Los Angeles (California - USA)
occhiello
Come va, pidocchio?
dal film Da qui all'eternità (1953) Frank Sinatra è Il soldato Angelo Maggio
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Frank Sinatra
Premio Oscar 1955
Nomination miglior attore per il film L'uomo dal braccio d'oro di Otto Preminger

Premio Oscar 1953
Premio miglior attore non protagonista per il film Da qui all'eternità di Fred Zinnemann

Premio Oscar 1953
Nomination miglior attore non protagonista per il film Da qui all'eternità di Fred Zinnemann



Chi ha incastrato Roger Rabbit

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,87)
Un film di Robert Zemeckis. Con Christopher Lloyd, Joanna Cassidy, Bob Hoskins, Frank Sinatra, Stubby Kaye.
continua»

Genere Fantastico, - USA 1988.

Da qui all'eternità

* * * * -
(mymonetro: 4,37)
Un film di Fred Zinnemann. Con Frank Sinatra, Ernest Borgnine, Deborah Kerr, Montgomery Clift, Burt Lancaster.
continua»

Genere Drammatico, - USA 1953.

Il giro del mondo in 80 giorni

* * * - -
(mymonetro: 3,25)
Un film di Michael Anderson. Con Shirley MacLaine, David Niven, Charles Boyer, Robert Newton, Martine Carol.
continua»

Genere Avventura, - USA 1956.

L'uomo dal braccio d'oro

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,75)
Un film di Otto Preminger. Con Frank Sinatra, Kim Novak, Darren McGavin, Arnold Stang
Genere Drammatico, - USA 1955.

Bulli e pupe

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,75)
Un film di Joseph L. Mankiewicz. Con Frank Sinatra, Jean Simmons, Vivian Blaine, Robert Keith, Marlon Brando.
continua»

Genere Musicale, - USA 1955.
Filmografia di Frank Sinatra »

domenica 24 febbraio 2019 - Una carriera lunga e brillante per un grande regista, artista e inventore.

È morto Stanley Donen, gigante del cinema americano e del mondo

Pino Farinotti cinemanews

È morto Stanley Donen, gigante del cinema americano e del mondo Stanley Donen (1925-2019) è stato un gigante, regista, artista, inventore. Straordinariamente precoce. Aveva 25 anni quando fece il suo primo film Un giorno a New York, che stravolse le regole del musical. Nel 2004 l'ho conosciuto a Venezia, quando ebbe il Leone d'oro alla carriera. Facevo parte di una commissione del festival e organizzai una cena, un tavolo a quattro, Donen e la moglie Eleine May, io e mia moglie Daniela. Sapevo tutto di lui. Lo dico, ero emozionato.

Puoi vedere tutti i film di un autore, puoi leggere la sua storia, ma se è lui, il titolare, a dirti "Con Gene (Kelly) ci siamo conosciuti a Broadway, nel '42, ballerini in Pal Joey, poi ... abbiamo fatto belle cose insieme? è tutta un'altra cosa." E sì, le belle cose le hanno fatte eccome. A cominciare dal titolo citato all'inizio. Gli ho detto: "Lei era un ragazzino, come faceva a tenere a bada gente come Kelly e Sinatra, e poi Astaire, in Sua altezza si sposa..." "Mi riconoscevano la competenza, soprattutto la passione, certo non era facile."

"Ecco, Gene Kelly, è legittimo se dico che il più grande uomo spettacolo del cinema... cantante, regista, coreografo, attore... ballerino..." Ci pensò un momento: "Aggiungerei Billy Wilder, non cantava e non ballava ma ha fatto i film più belli del mondo. È uno di quelli, di lingua tedesca, che arrivarono in California dopo l'avvento di Hitler e portarono a Hollywood una cultura che non c'era." Poi introdussi qualcosa di particolare, poco conosciuto. "Mr. Donen ho un vinile in cui lei canta alcune delle canzoni di Sette spose per sette fratelli, soprattutto l'intera versione di Goin' Co't'in (n.d.r. quando Milly insegna ai fratelli la tecnica di approccio con le ragazze). Lei aveva una voce un po' alla Sinatra..." "Sì, un po'. Poi l'ho conosciuto e ho deciso che era meglio che fosse lui a cantare, così come ho lasciato che fosse Gene a ballare."
In quelle stagioni, fine anni quaranta metà cinquanta, Donen e Vincente Minnelli si alternavano nei capolavori. Minnelli girava Un americano a Parigi (1951) Donen rispondeva con Cantando sotto la pioggia (1952), Minnelli replicava con Spettacolo di varietà (1953) e Donen a sua volta con Sette spose per sette fratelli(1954). Gli dico "C'era una bella competizione fra voi..." "Certo che c'era, ma utile, mi sembra." Mi espongo: "Una volta ho scritto che in quegli anni, con quei film e quella magnifica qualità, il musical aveva fatto uno scatto, era diventato la prima vera arte squisitamente "tutta" americana." Rispose che poteva essere, che si sentiva lusingato e aggiunse un fin troppo gentile "detto da lei".

Poi entrai nella tecnica: "Quando è arrivato il cinemascope, dove tutto si allargava qualcosa è cambiato." "È vero. E dovemmo adattarci. Per esempio due attori a volte non bastavano, in È sempre bel tempo molti numeri sono a tre: Kelly, Dailey e quel genio di coreografo di Michael Kidd. Al quale devo molto, ha inventato la danza acrobatica, ancora tanto praticata. Il ballo centrale dei fratelli e le ragazze di Sette spose è perfetto per il cinemascope. Ed è travolgente. Solo Kelly poteva, da solo, tenere uno spazio tanto largo, perché era dinamico, grande potenza fisica, in È sempre bel tempo per essere più veloce, fece quel numero strepitoso sui pattini a rotelle. Pensate a cosa significa ballare magari il tip tap su otto piccole ruote mobili."

In quell'anno, ospite d'onore a Venezia era Sophia Loren. Donen si esibì in un breve tip tap sul palcoscenico, poi arrivò Sophia e i due si abbracciarono. Nel 1966 il regista l'aveva diretta in Sciarada. Le disse: "Guardati Sophia, sei esattamente la stessa di allora, il tempo per te non è passato, e guarda me, un vecchietto..."
Non poteva mancare una panoramica sul suo percorso, che non è solo di musical. Ricordò le compagne di lavoro, donne e dive, modelli assoluti del novecento, da Cyd Charisse a Audrey Hepburn a Ingrid Bergman, Deborah Kerr, Liza Minnelli, fra le molte. Stanley Donen non ha firmato solo musical, le sue opere, se non sono tutti capolavori, sono almeno ottimi film. Ricordabili: L'erba del vicino è sempre più verde, un confronto sentimentale fra modelli di cultura inglese e americana - Cary Grant e Jean Simmons, vs Robert Mithcum e Deborah Kerr-; e poi Due per la strada, una crisi matrimoniale secondo la sensibilità Donen, con Audrey Hepburn e Albert Finney. Infine Quei due, film anomalo e coraggioso per quell'epoca, il 1969, dove Donen fa di Richard Burton e Rex Harrison, machi riconosciuti nel privato e nella fiction, due divertenti omosessuali.

Prima di salutarci gli chiesi un piccolo favore: "Adesso io chiamerò mia figlia, vorrei che lei la salutasse, sarà una grande sorpresa per Rossella e un po' anche per lei." Feci il numero, Rossella rispose. La telefonata non finiva più, per lo più Donen ascoltava e annuiva sorridendo. Dopo il saluto mi chiese: "Ma quanti anni ha Rossella?" "Diciotto." "Accidenti, che competenza, nemmeno in America sono così popolare fra giovani.". Ci salutammo. Dire che era stato un grande piacere è superfluo e riduttivo.

Rossella Farinotti ricorda...

Ero in casa, era quasi mezzanotte quando vidi sul display il numero di papà. Ma non fu lui e parlare "Good night Rossella I am Stanley Donen.". Che sorpresa e che colpo. Devo dire che nel quadro dell'educazione da film che mi aveva impartito mio padre Donen era uno dei protagonista assoluti, tanto che per anni, fino all'adolescenza inoltrata, Cantando sotto la pioggia è stato il mio cult. Insomma, sapevo cosa dire. E lo dissi, forse fin troppo. Credo di averlo soffocato con le parole, le domande, le dive, soprattutto gli chiedevo di Audrey Hepburn. Ricordo che mi chiese cosa facevo, gli dissi che studiavo cinema, da brava figlia di Pino Farinotti. Mi augurò tutti i successi. Mio padre poi confermò, 'povero Stanley, era lì con la cornetta che ascoltava e sorrideva, non lo lasciavi nemmeno parlare.' (Rossella Farinotti)

   

venerdì 15 febbraio 2019 - Il cinema ha molte funzioni, ma il suo primo dovere è l'evasione. Testo di Pino Farinotti, legge Veronica Bitto. Una produzione originale MYmovies.

The Story of Movies - Episodio 3: Il musical - parte I

a cura della redazione cinemanews

The Story of Movies - Episodio 3: Il musical - parte I Sinatra diceva: la trama di quei film è sempre la stessa: lui e lei si innamorano, litigano, poi fanno pace cantando e ballando." I musical hanno trasmesso la gioia di vivere in epoche in cui, nella vita reale, ce n'era poca. Gli anni 30 per esempio, che sono dominati da una coppia travolgente Fred Astaire e Ginger Rogers che rimangono una grafica imprescindibile dello spettacolo del'900. "Gioia di vivere". Fu proprio l'amministrazione Roosevelt a dare a Hollywood un preciso input, nell'epoca della grande depressione: "fate film che tengano alto il morale degli americani". Alla classe irraggiungibile dei due ballerini, si accompagnavano le musiche e le canzoni di 2 giganti, George Gershwin e Cole Porter.

In occasione dell'uscita del film Un'Avventura, Veronica Bitto legge il terzo episodio (in cinque parti) della Storia del Cinema in un minuto: IL MUSICAL PARTE I - Testo di Pino Farinotti. The Story of Movies è una produzione originale MYmovies.

   

Altre news e collegamenti a Frank Sinatra »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità