ParaNorman

Film 2012 | Animazione Film per tutti

Titolo originaleParanorman
Anno2012
GenereAnimazione
ProduzioneUSA
Regia diChris Butler
AttoriLeslie Mann, Anna Kendrick, Casey Affleck, John Goodman, Kodi Smit-McPhee, Jodelle Ferland Christopher Mintz-Plasse, Jeff Garlin, Bernard Hill, Tempestt Bledsoe, Elaine Stritch, Tucker Albrizzi.
Uscitagiovedì 11 ottobre 2012
TagDa vedere 2012
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,74 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Chris Butler. Un film Da vedere 2012 con Leslie Mann, Anna Kendrick, Casey Affleck, John Goodman, Kodi Smit-McPhee, Jodelle Ferland. Cast completo Titolo originale: Paranorman. Genere Animazione - USA, 2012, Uscita cinema giovedì 11 ottobre 2012 distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,74 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi ParaNorman tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il piccolo Norman affronterà mostri, streghe e fantasmi per salvare la propria città. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a BAFTA, In Italia al Box Office ParaNorman ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 730 mila euro nel primo weekend.

ParaNorman è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,74/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,49
CONSIGLIATO SÌ
Appassionato horror d'animazione che non indietreggia mai di fronte alle regole e alle virtù del genere.
Recensione di Gabriele Niola
martedì 9 ottobre 2012
Recensione di Gabriele Niola
martedì 9 ottobre 2012

Norman è un bambino introverso e appassionato di horror che fatica a fare amicizie, in questo di certo non lo aiuta il fatto di essere l'unico del suo paese a vedere i fantasmi.
Tutti i trapassati che hanno ancora questioni irrisolte sulla Terra gli appaiono e gli parlano, costantemente, nonna inclusa. In più da qualche tempo è preda di visioni che sembrano catapultarlo nel passato. Per questo motivo gli altri lo credono un po' scemo, nonostante il piccolo paese in cui vive secoli prima sia stato teatro di diversi roghi di streghe e ancora se ne vanta come fosse un'attrazione turistica.
Tutto cambierà quando un suo zio ritenuto matto gli comunicherà poco prima di morire che ora tocca a lui tenere lontani, ogni anno, i morti viventi e la maledizione di una delle streghe bruciate secoli prima.
Come accade per i grandi capolavori, nei primi minuti di racconto di ParaNorman c'è già tutto il senso di quel che verrà. Norman è intento a guardare un filmaccio horror di serie B all'italiana in tv (la cui fotografia sarà il punto di riferimento visivo del film) mentre la nonna (fantasma) sostiene che "è inutile che urlino e scappino quando basterebbe parlare, ma del resto se parlassero sarebbe un altro genere di film". Allo stesso modo non è altro genere se non un horror (comico) anche ParaNorman, cartone in stop motion che sa essere parte del cinema nel senso più ampio del termine e non della sola categoria dell'animazione. Anche in ParaNorman non si parla con i morti viventi ma si corre da e verso di loro per tutti i 92 minuti indiavolati in cui Chris Butler racconta la sua storia con una tempra morale di ferro, passione per i luoghi comuni dell'horror e capacità di mostrare con una sola battuta il ridicolo che si cela dietro ogni figura. La soluzione sarà tutta nelle parole ma non potrà che arrivare alla fine, altrimenti sarebbe un altro genere di film.
Con un equilibrio mostruosamente perfetto tra tradizione e modernità, tra titolistica anni '50, Mario Bava (nella prima parte) e l'horror giapponese (nella seconda), ParaNorman si rivolge ai bambini amanti dello spavento e li tratta come veri adulti, facendoli ridere delle assurdità del mondo che li circonda (adulti, genitori e bulli) ed eccitare con l'esplorazione delle immagini e situazioni più spaventose.
Sebbene in scala ridotta e per spettatori più piccoli ParaNorman fa quello che è il lavoro dell'horror: indagare le fobie del suo pubblico per sovvertire l'ordine che solitamente regna nel cinema o nelle storie edificanti. Butler infatti riesce nell'impresa di tradurre per l'immaginario di un bambino e rendere coerente in una commedia animata, alcuni dei più grandi momenti del cinema horror, senza cedere nemmeno un passo di fronte alla loro potenza. Il tormento delle visioni, le apparizioni nei bagni della scuola, la visita nella casa piena di scheletri e il confronto con lo spirito sono tutte sequenze serissime di un film capace di deridere tutto e tutti per mostrare che un altro mondo è possibile. L'eroe è un outsider che scopre come l'origine della paura di tutti quanti sia un'altra "diversa" come lui, mentre cheerleader, genitori o atleti di football si dimostrano capaci di prendere le decisioni peggiori perchè, al contrario di Norman, sono preda della paura ma non della volontà di capire.
A capo di questo gioiello di cinema e di racconto animato l'esordiente Chris Butler fa la figura del maestro. Già storyboard artist per Henry Selick (il genio dietro Nightmare before Christmas, La sposa cadavere e Coraline) Butler dimostra oltre ogni ragionevole dubbio di aver imparato dal maestro, oltre all'arte dell'animazione stop motion, anche le possibilità espressive legate all'esplorazione dell'universo della paura infantile.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Tutti lo credono un po' lo scemo del villaggio, perché non solo Norman è introverso e amante dell'horror, ma è anche l'unico a vedere i fantasmi dei trapassati, compresa la nonna con la quale parla abitualmente. Quando però uno zio morente lo incarica di difendere la comunità dai morti viventi al comando di una strega bruciata secoli prima, tutto cambia. La storia è originale, ma quel che conta è soprattutto la realizzazione (costata 2 anni di lavoro) che unisce le tecniche di stop motion con il 3D, la computer-graphic e un'artigianale manualità, per ambientazioni rigorosamente dark e goticheggianti, personaggi e personaggini ben delineati. Dietro ci sono la Laika di Portland, già produttrice di Coraline , e 2 registi con una solida esperienza precedente nel campo dell'animazione. Universal distribuisce.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PARANORMAN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 16 ottobre 2012
renato volpone

I personaggi di "diario di una schiappa" si trasformano in pupazzi animati e si calano in un racconto horror per bambini e non solo. Norman é un ragazzino incompreso e un po' isolato perché parla con i fantasmi. Toccherà a lui liberare la città dalla maledizione della strega e dagli zombie che la invaderanno.

lunedì 15 ottobre 2012
donni romani

Sempre più spesso i film sentono il bisogno di rappresentare i bambini e gli adolescenti più fragili, più emarginati, più solitari, forse perchè rappresentano la realtà molto più dei fantomatici eroi cui una volta veniva affidato il ruolo del protagonista. La scorsa stagione fu la volta de "Il figlio di Babbo Natale" in cui un  impacciato, [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 gennaio 2013
KillBillvol2

Primo film dello storyboarder Chris Butler, da lui anche ideato e scritto, è un horror per ragazzi, che cita innumerevoli volte i favolosi film dell' orrore di serie B degli anni ottanta, mentre è al contempo una profonda riflessione sul diverso. Norman è un ragazzo che vede i fantasmi,  e per questo è considerato strano (freak).

mercoledì 13 febbraio 2013
Harry Manback

Prima esperienza registica seria per Chris Butler che, aiutato da Sam Fell (co-regista di "Giù per il tubo"), riesce a produrre un film incredibile, curato al massimo ed assolutamente divertentissimo. Non mi stupirei se questo autentico gioiello vincesse il premio oscar come miglior film d'animazione, considerati i pochi avversari temibili (Ralph Spaccatutto e Frankenweenie), [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 giugno 2013
ultimoboyscout

Norman è una ragazzino solitario e incompreso col dono del sesto senso: può vedere i morti e parlare con loro, per questo è considerato bizzaro e decisamente strampalato. Ma sarà proprio lui a salvare la sua cittadina complita da una maledizione ultracentenaria , affrontando zombi, streghe, fantasmi e anche umani. La laika, che aveva già firmato l'ottimo "Coraline [...] Vai alla recensione »

sabato 20 ottobre 2012
Nino Pell.

Un film di animazione sicuramente molto particolare sia per la bellezza consistente dei disegni animati e sia per un racconto che ci fa riflettere su come tante paure o incomprensioni andrebbero risolte con il dialogo e la reciproca comunicatività tra gli uomini. Ma sopra ogni altra considerazione, un film senza dubbio molto carino soprattutto per la presenza di un personaggio straordinariamente espressivo [...] Vai alla recensione »

sabato 7 settembre 2013
asrdrubale03

molto bello sembra un film di Tim Burton

venerdì 30 marzo 2012
g_andrini

Non conoscevo questa animazione, è una bella sorpresa. I personaggi mi sembrano molto riusciti, con una buona dose di umorismo. Aspettiamo! ;)

domenica 14 ottobre 2012
g_andrini

L'ho visto in 2D, e devo dire che è la storia a colpire di più. L'animazione con pupazzi, in stop-motion, è ancora attuale, se ben realizzata.

martedì 14 maggio 2013
Liuk

Pellicola d'animazione veramente eccellente non tanto sotto il punto di vista grafico dato che l'uso del 3d appiattisce tutti i film rendendoli simili, ma sotto il profilo del plot. Una storia intensa con momenti ilari alternati a scene horror (leggero ovviamente) ed una profondità veramente notevole per essere destinato ai bambini. Da vedere assolutamente.

giovedì 22 novembre 2012
Kino im Kopf

Anche se passato un po’ in sordina può considerarsi veramente delizioso. Sembrerebbe solo scabroso invece affronta, in modo intelligente e spassoso, temi come il bullismo, l’emarginazione e l’amicizia e naturalmente la diversità . Un divertimento non solo per i piccoli

mercoledì 17 dicembre 2014
Dandy

Summa di situazioni tipiche horror,con ovvi richiami a Tim Burton e citazioni a profusione tra cui gli anime giapponesi,il film dell'esordiente regista-sceneggiatore vorrebbe essere un film di genere vero e proprio e al tempo stesso una parodia.La trama è interessante, e alcune scene sono decisamente spinte per un pubblico di ragazzini.Ma non c'è sufficiente approfondimento nè [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 ottobre 2012
marzia rosa

ieri ho visto il film,è bellissimo e divertente,non sapevo se ridere o piangere dalle risate,ma anche da altro,mi ha fatto pena vedere tante persone che solo x questo dono che il ragazzino aveva di vedere i morti,lo escludono,francamente chi fa questo x me è un grande idiota,però il suo lato divertente lo aveva una comitiva davvero varia,la sorella barbie,il fratello dell'amico [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
martedì 11 settembre 2012
Robert Bernocchi

Uscito tre anni fa, Coraline rimane uno dei pochissimi esempi di 3D che avesse una effettiva ragione di essere. Basterebbe questo per fare attenzione alla nuova uscita dello studio Laika, ParaNorman, anch'essa in stop motion e 3D stereoscopico. Una storia che, come hanno ricordato gli stessi registi, Sam Fell e Chris Butler, mette assieme John Carpenter (anche sfruttando il tema musicale di Halloween) con John Hughes, passando per il combattimento degli scheletri de Gli argonauti di Ray Harryhausen, oltre a (aggiungiamo noi) una spruzzata del primo Tim Burton.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

L'undicenne Norman non ha amici (come Carrie), parla con i morti (come ne Il sesto senso), viene disprezzato da tutta la famiglia (tranne la mamma) e ogni mattina litiga pure con i capelli, più rigidi degli aculei di un porcospino. Come uscire da questa adolescenza disperata? Risolvere la maledizione di una strega cattiva che condanna i concittadini di Norman ad affrontare un'invasione di zombi.

Filippo Brunamonti
Il Manifesto

«Non c'è niente di male ad avere paura, finché non permetti alla paura di cambiare chi sei». La paura - in ParaNorman - è tangibile e misurabile sin dal giorno in cui nasce Norman Babcock: «Tutte le lampadine del reparto maternità si fulminarono simultaneamente nell'esatto momento in cui il dottore annunciò: - E' un maschietto!». Norman sa benissimo di essere diverso: i migliori amici sono un rospo [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
martedì 9 ottobre 2012
Nicoletta Dose

A volte la passione per i fantasmi può rappresentare un vantaggio. Soprattutto se, come il giovane protagonista di ParaNorman, si cresce in una famiglia di tipi stravaganti e distratti. Il suo amore per il soprannaturale e i film horror lo aiuterà però [...]

VIDEO
venerdì 30 marzo 2012
Luca Volpe

Chi non ha mai desiderato di avere dei superpoteri? Il piccolo Norman, ragazzino incompreso dalle grandi orecchie a sventola, ha un dono alquanto strano: può parlare con i fantasmi. Ha imparato a convivere con il suo 'piccolo potere' senza grosse complicazioni [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati