Il Mistero della Casa del Tempo

Film 2018 | Fantasy, Avventura, Commedia Film per tutti 105 min.

Regia di Eli Roth. Un film con Jack Black, Cate Blanchett, Owen Vaccaro, Kyle MacLachlan, Renée Elise Goldsberry. Cast completo Titolo originale: The House with a Clock in its Walls. Genere Fantasy, Avventura, Commedia - USA, 2018, durata 105 minuti. Uscita cinema mercoledì 31 ottobre 2018 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 135 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 2,50 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il Mistero della Casa del Tempo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un ragazzo rimasto orfano deve andare a vivere con lo zio che sembra ben intenzionato a prendersi cura di lui. Ma l'apparenza inganna. In Italia al Box Office Il Mistero della Casa del Tempo ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 3 milioni di euro e 1,9 milioni di euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,50/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,17
PUBBLICO 2,33
CONSIGLIATO NÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Eli Roth e Jack Black confezionano un futuro piccolo classico di Halloween per ragazzi, più dolce che terrificante.
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 19 ottobre 2018
Recensione di Marianna Cappi
venerdì 19 ottobre 2018

Lewis ha dieci anni quando perde entrambi i genitori in un incidente d'auto ed è costretto a trasferirsi dall'altra parte del paese, a casa dello zio Jonathan, il fratello della madre che non ha mai incontrato prima. Se lo zio gli appare subito eccentrico, la sua vicina di casa, Mrs Zimmerman, non lo è di meno, e la casa stessa lo è più di ogni cosa. Tra oggetti animati, misteriosi ticchettii e indisciplinati leoni erbacei, Lewis fa la conoscenza di un mondo magico e affascinante, che nasconde, però, anche alcuni pericoli. E sarà proprio una disobbedienza del ragazzino a risvegliare dall'aldilà il più minaccioso di essi.

Il regista horror Eli Roth e l'asso della commedia Jack Black stringono una curiosa alleanza per portare sullo schermo il primo dei dodici libri della serie di John Bellairs, originariamente illustrati da Edward Gorey, nel cui tratto inimitabile coesistevano soggetti spaventosi, macabri e inquietanti persino per occhi adulti, e una bellezza stilizzata e elegante.

Roth, con tutt'altro linguaggio e un uso potente del colore, riesce a sua volta nell'impresa di allestire un film visivamente elegante (e decisamente più barocco) instaurando un vero e proprio dominio dell'immagine sul racconto, e non per vezzo ma perché è ciò che domanda il copione stesso. La magia, infatti, come viene insegnato a Lewis, è una questione di stile, e non c'è dubbio che Clate Blanchett, col suo tailleur viola e i capelli ingrigiti da un dolore irreparabile, di stile ne abbia da vendere, e così è per zio Black, in vestaglia-kimono, e anche per il personaggio di Lewis, che possiede il suo fin dall'inizio ma dovrà imparare a farne un motivo di orgoglio e un elemento identitario.

Il film lavora naturalmente anche sul tempo, utilizzando il concetto come una chiave che apre diversi scenari: ambientato negli anni Cinquanta, prende in realtà a modello i classici per ragazzi degli anni Ottanta, per la combinazione di paura e divertimento, ma mette anche in scena una coppia di protagonisti adulti che vive un'evidente nostalgia per un tempo molto più lontano, metafora del passato in sé, di ciò che non è ancora stato ferito o deluso dall'avanzare della maturità: saranno loro a dover crescere, mettendo da parte le tentazioni iper protettive.

Questo genere di messaggi, insieme con la comicità di Jack Black, una spolverata di rock'n'roll per evocare un'altra sua famosa interpretazione, e la più lieta delle liete fini, concorrono a rendere il film perfetto per un pubblico molto giovane, coetaneo di Lewis e lontano generazioni dalla produzione per adulti del regista. Un futuro piccolo classico di Halloween per ragazzi, nel quale non c'è creatura mostruosa o paura che non possa essere tenuta a bada con un l'aiuto di qualche biscotto al cioccolato.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
VIDEO RECENSIONE
Un fantasy per famiglie, spaventoso ma magico e divertente.
Overview di Andrea Fornasiero
venerdì 21 settembre 2018

Nel 1955, nella cittadina di New Zebedee in Michigan, il giovane Lewis Barnavelt, rimasto orfano per un incidente stradale, va a vivere con l'eccentrico zio Jonathan in una villa vagamente sinistra. Lo zio rivelerà di essere un benintenzionato ma goffo stregone, mentre la vicina di casa Florence Zimmerman è una potente e buona strega. Nella casa però aleggia ancora la presenza del precedente proprietario, Isaac Izard.

"Non è un horror perché non vuole terrorizzare il pubblico. Quando si fa un horror si cerca di essere davvero disturbanti. Quando invece un film è spaventoso ma magico e divertente, è come un'attrazione da luna park, una "casa stregata", che certo è tenebrosa ma non ti vuole traumatizzare. Tra le influenze è stato molto importante il laboratorio di Sebastian in Blade Runner, oltre a Brazil di Terry Gilliam e il sogno del clown in Pee-wee's Big Adventure, si può chiaramente sentire il debito verso Tim Burton".
Eli Roth

Isaac e sua moglie Selena, prima di morire, avevano progettato un orologio nascosto nel cuore della casa, i cui battiti conducono verso un allineamento magico che avrebbe permesso a Isaac di scatenare la fine del mondo. Quando Lewis, per impressionare Tarby, un coetaneo molto più popolare di lui, usa i propri poteri finisce per resuscitare proprio Isaac. Il redivivo stregone cercherà di rimettere in moto i propri nefasti piani e naturalmente toccherà a Lewis risolvere la situazione che lui stesso ha scatenato.

Per certi versi sulla scia del successo di Piccoli brividi - e come quel film segnato dalla morale che non si deve avere paura di essere "strani" e originali - Il mistero della casa del tempo segna il ritorno della Amblin di Steven Spielberg alle proprie origini, quelle di fantasy per famiglie come Gremlins, I Goonies, Ritorno al futuro ed E.T. l'extraterrestre. In particolare Roth ricorda quest'ultimo come un film a tratti capace di far davvero paura: «I primi venti minuti di E.T. sono molto spaventosi se li vedi da ragazzo. E quando E.T. sta morendo credi che sia davvero morto! È un film che diventa cupo ed è quello che fanno i migliori film per ragazzi. Perché è quello che colpisce i ragazzini, gli dà la prima esperienza della paura, ma in un modo divertente e fantastico».

La scelta di un regista come Eli Roth, noto per film horror scioccanti, costruiti in larga parte proprio sulla violenza e il disgusto, può sembrare spiazzante per un intento come la rinascita della Amblin. Già il suo Giustiziere della notte è però in fondo una versione meno violenta di quanto ci si aspettava da lui e Roth spiega di guardare alla propria maturazione come a quella di Sam Raimi e Peter Jackson. Come loro ha radici nell'horror indipendente, ma sta passando a dirigere grandi spettacoli per famiglie come quelli avevano fatto con Spider-Man e Il Signore degli Anelli. Spielberg del resto avrebbe detto al regista: «Eli ce l'hai fatta davvero. Hai realizzato un vero film Amblin. Non è una parodia o una derivazione di qualcosa di precedente, eppure si sente che appartiene alla loro tradizione. Stai davvero portando avanti la fiaccola».

Il merito sicuramente è anche del cast, con due attori di livello come Jack Black e Cate Blanchett. Il primo si sta cimentando da anni in questo tipo di film per famiglie, con elementi più o meno fantastici, da I fantastici viaggi di Gulliver fino a Piccoli brividi e Jumanji - Benvenuti nella giungla. Cate Blanchett già con Cenerentola e Thor: Ragnarok aveva dimostrato il desiderio di prendersi occasionali pause dai ruoli drammatici che di solito riveste per cimentarsi in film dal gusto più magico.

Pressoché sconosciuto in Italia è il ragazzino protagonista Owen Vaccaro, mentre l'interprete del giovane Tarby, Sunny Suljic, si è già visto in Il sacrificio del cervo sacro, che però non potrebbe avere un pubblico più diverso da Il mistero della casa del tempo. Nel film ha poi il ruolo del villain il grande Kyle MacLachlan, volto lynchano e quindi inquietante per eccellenza. Tutto nasce da un omonimo romanzo per ragazzi degli anni '70 di John Bellairs, che ha poi proseguito le avventure di Lewis in altri libri, passando negli anni 90 l'incarico a Brad Stricland. L'adattamento è stato sceneggiato da Eric Kripke, nome noto soprattutto al pubblico televisivo come ideatore di Supernatural e prossimo a tornare in TV con The Boys per Amazon Prime Video.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 7 novembre 2018
DAVID MANO

Bellissimo!A mio parere, non ha niente da invidiare al miglior Herry Potter. Da non perdere! David.

sabato 3 novembre 2018
Gloria

A mio avviso un film erroneamente fatto passare per una produzione per bambini dal trailer, dai cartelloni e dalle recensioni sulle riviste specializzate. Si tratta di un'opera disturbante sia per immagini che per tematiche, con zombie usciti dalla tomba risvegliati da rituali satanici, pupazzi deformi che attaccano le persone e demoni orribili che vivono in oscure foreste.

Frasi
Arrivati. Casa dolce casa.
Una frase di Jonathan Barnavelt (Jack Black)
dal film Il Mistero della Casa del Tempo - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 10 novembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Le dive si riconoscono nelle scene che sfiorano il ridicolo (a torcersi le mani e a guardare un punto lontano all'orizzonte sono bravi tutti). Cate Blanchett coraggiosamente combatte - a zuccate, da non crederci - una zucca di Halloween che vola e sputacchia roba arancione. Su "Il mistero della casa del tempo" eravamo prevenuti, lo confessiamo volentieri.

venerdì 2 novembre 2018
Alessandra De Luca
Avvenire

Rimasto orfano, un ragazzino di 10 anni, Lewis Barnavell si trasferisce nella casa vecchia e scricchiolante dell'eccentrico zio Jonathan (Jack Black) dove si nasconde un mondo segreto ricco di magie, misteri, streghe e stregoni. Un mondo destinato a rivelarsi quando Lewis scopre che suo zio e la sua migliore amica Mrs Zimmerman (Cate Blanchett, sempre vestita di viola) sono due potenti maghi impegnati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 ottobre 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il film perfetto per la notte di Halloween, ma dal sapore natalizio. L'orfano Lewis va a vivere a casa di zio Jonathan (Joe Black, esuberante), dove si aggira anche Mrs Zimmerman (Cate Blanchett, bravissima). Il ragazzo scoprirà presto che la dimora è magica e che i due adulti sono dei potenti maghi, alle prese con un orologio nascosto. Perfetta favola per famiglie, diretta da Eli Roth che abbandona [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
martedì 30 ottobre 2018
A cura della redazione

Lewis ha dieci anni quando perde entrambi i genitori in un incidente d'auto ed è costretto a trasferirsi dall'altra parte del paese, a casa dello zio Jonathan. Se lo zio gli appare subito eccentrico, la sua vicina di casa, Mrs Zimmerman, non lo è di meno, [...]

TRAILER
martedì 18 settembre 2018
 

Un giovane orfano di nome Lewis Barnavelt va a vivere insieme allo zio. Presto scopre che lo zio non è chi dice di essere e deve fare i conti con una realtà inaspettata dove un misterioso orologio nascosto nei muri di casa sembra avere il potere di cambiare [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati