•  
  •  
Apri le opzioni

Martin Scorsese

Martin Scorsese è un attore statunitense, regista, produttore, produttore esecutivo, scrittore, sceneggiatore, è nato il 17 novembre 1942 a New York City, New York (USA).
Nel 2012 ha ricevuto il premio come miglior regia al Golden Globes per il film Hugo Cabret. Dal 1986 al 2012 Martin Scorsese ha vinto 10 premi: Critics Choice Award (2007), David di Donatello (2001), Festival di Cannes (1986), Festival di Venezia (1990, 1995), Golden Globes (2003, 2007, 2010, 2012), Premio Oscar (2007). Martin Scorsese ha oggi 79 anni ed è del segno zodiacale Scorpione.

A Man of New York

A cura di Fabio Secchi Frau

Golden Globe, Oscar, Cannes, Venezia, Berlino, Roma, César, David. Non c'è premio che non gli sia stato dato o città del cinema che non gli abbia reso omaggio. Considerato un autore sacro e appassionato, ma anche passionario, Scorsese si distinse originariamente per la bizzarria con la quale colpiva lo stomaco dello spettatore, costruendo una filmografia da adorare, ma non nel senso chic del termine, in quello religioso. Un cinema delle solitudini laceranti, un cinema sulle ossessioni, un pisciare sopra l'american dream che forse non è mai cominciato, né mai esistito. La perdita dell'innocenza e la seduzione del potere. Tutto questo è Martin Scorsese. Indagatore più profondo di pulsioni autodistruttive, occhio e orecchio di delinquenti incalliti, spacconi che finiranno in un'odissea di sangue, ma anche delle tribalità machiavelliche e mefistofeliche della classe benpensante. In questi anni si è mantenuto ortodosso, eppure straordinario. Il più grande regista contemporaneo, prediletto dalla critica e dal pubblico.

Un ragazzo cattolico
Nato a Flushing (Long Island), da genitori entrambi operai ed entrambi figli di immigrati siciliani arrivati negli Usa nel 1910, viene istruito secondo i sani principi della morale cattolica. Chierichetto della Old St. Patrick's Cathedral, cresciuto nella Little Italy di New York, passa il suo tempo libero o scorrazzando con gli amici per il quartiere, oppure dentro i cinema, dove si recava per due volte a settimana con il padre. A 14 anni, sente la vocazione ed entra in seminario, ma cambia immediatamente idea dopo sei mesi. Non era esattamente quello che cercava e così viene espulso, colpevole di avere preso un'infatuazione per una ragazza. Continua la sua istruzione scolastica iscrivendosi prima alla Cardinal Hayes High School di New York e poi alla New York University, che lo formerà cinematograficamente.

Il debutto dietro la macchina da presa
Il suo primo lavoro, il cortometraggio Vesuvius VI (1959) lo firma quando è ancora un liceale, a quello poi seguiranno Che sta facendo una ragazza carina come te in un posto come questo? (1963), Non sei proprio tu, Murray (1964), ma soprattutto lo sconvolgente The Big Shave, (La grande rasatura, 1967), nel quale un ragazzo si fa la barba insanguinandosi di tagli, fino a recidersi la gola. Sentimentalmente si lega, sposandola, a Laraine Brennan che gli darà una figlia, la scenografa Cathy Scorsese. Il matrimonio con la Brennan però durerà pochissimo e fra il 1971 e il 75 si fidanzerà con la produttrice Sandy Weintraub.

Alle prese coi documentari
In quegli anni, finanziato personalmente dal re della Hammer, il regista e produttore Roger Corman, si lancia nel genere documentaristico, prima come assistente regista per Michael Wadleigh, che dirige Woodstock (1970) - grazie al quale Scorsese può conoscere esponenti del mondo musicale di allora come Jimi Hendrix, i Rolling Stones, Bob Dylan, Elvis Presley e David Bowie - poi successivamente come regista lui stesso di documentari intitolati: Scene di strada (1970), Italoamericani (1974), Ragazzo americano (1978) e L'ultimo valzer (1978).

I suoi primi lungometraggi
Il debutto nel lungometraggio a soggetto avviene invece con il crudo e realistico dramma, basato su esperienze autobiografiche, Chi sta bussando alla mia porta? (1969), con il primo dei suoi attori feticcio: Harvey Keitel. Pur di far distribuire il film, accettò dal distributore americano Joseph Brenner, che ne aveva fatto esplicita richiesta, di girare appositamente una scena erotica da integrare al film. Nasce con questo piccolo passo la stella di Scorsese, che si distinguerà nel genere action-movie con pellicole come America 1929 -Sterminateli senza pietà (1972) e Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'Inferno (1973).

Il suo primo capolavoro: Taxi Driver
Avidissimo mangiatore di film e influenzato dalla Nouvelle Vague francese dirige Ellen Burstyn in Alice non abita più qui (1975) che avrà così successo da avere persino una serie tv pluripremiata agli Emmy. L'anno del capolavoro è invece nel 1976 con il drammatico Taxi Driver. Fu Brian De Palma, amico di Scorsese e di De Niro, a presentare Paul Schrader al regista e a fargli leggere il copione che questi aveva scritto in soli dieci giorni (e che parlava fra l'altro della sua esperienza personale di uomo alla deriva fra matrimoni falliti, alcol, insonnia). La produzione si convinse ad accettare Scorsese come regista solo dopo il successo di Mean Streets e quando la pellicola - che parlava di un veterano del Vietnam completamente disadattato - vinse la Palma d'Oro a Cannes, entrò di diritto nella storia del cinema come un inossidabile monumento.

Anche attore improvvisato
Scorsese si improvvisa persino attore recitando nel film di Paul Bartel Cannonball (1976) che aveva fra i suoi protagonisti anche i registi Joe Dante e Roger Corman, nonché Robert e David Carradine.
Si risposa per la seconda volta: la fortunata è la sceneggiatrice della serie Miami Vice Julia Cameron che, dopo aver dato alla luce la seconda figlia di Scorsese (l'attrice Domenica Cameron-Scorsese), lascerà per stare con Liza Minnelli che dirigerà in New York New York (che sarà un profondo insuccesso).

Il secondo capolavoro: Toro scatenato
Toro scatenato (1980) è il suo secondo capolavoro. All'epoca di Alice non abita più qui, Robert De Niro lo invitò a leggere l'autobiografia del pugile italo americano Jake La Motta; Scorsese ci lavora per cinque anni, assieme all'ormai più che fidato Schrader e a Mardik Martin, nonché a De Niro, con il quale passa ben 10 giorni segregato a St. Marteen, un'isola dei Carabi, e da questa collaborazione, nasce uno de più bei film del mondo. Non è un film sul pugilato, ma sullo sfruttamento, sulla caduta e sulla redenzione. Meritatamente, Scorsese si guadagna così la nomination all'Oscar come miglior regista.

Sul set a fianco della moglie Isabella Rossellini
Finita la relazione con la Minnelli, si consola fra le braccia di una nuova moglie, Isabella Rossellini, con la quale reciterà nella pellicola di Renzo Arbore Il pap'occhio (1980), accanto a Mariangela Melato, Diego Abatantuono e Roberto Benigni. Poi dirigerà il suo De Niro in Re per una notte (1983), vincendo però la Palma d'Oro come migliore regista per Fuori orario (1985). Dopo essere apparso in 'Round Midnight - A mezzanotte circa (1986) di Bertrand Tavernier, Scorsese miscela il vecchio cinema alla Micheal Powell, impersonato da Paul Newman, con il nuovo cinema che sta nascendo, un quasi perfetto Tom Cruise, ne Il colore dei soldi (1986), sposandone la produttrice (dopo la rottura con la Rossellini) Barbara De Fina.

Anche regista di videoclip e di...tentazioni
Abile a dirigere a più mani, nel 1986 firma con Donald Petrie e Paul Michael Glaser il fantastico Storie incredibili 6, esperienza che replicherà con Woody Allen e Francis Ford Coppola in New York Stories (1989). Notevole anche nella direzione di videoclip (è lui che sta dietro "Bad" di Michael Jackson), sconvolgerà l'opinione pubblica con la trasposizione di un romanzo di Nikos Kazantzakis L'ultima tentazione di Cristo (1988) con Willem Dafoe e Barbara Hershey. Il cattolicissimo Scorsese propone infatti una sua personale interpretazione della passione di Cristo, dove l'ultima tentazione di Satana a Gesù è appunto quello di una relazione domestico-sessuale con la Maddalena. Il film si scontrò con il profondo dissenso della Chiesa: più di 1.200 stazioni radio di matrice cattolica in California denunciarono il film, e il movimento del "Campus Crusade for Christ" si propose perfino di rimborsare la Universal delle spese sostenute per la produzione in cambio di tutte le copie già stampate che avrebbero provveduto a distruggere. La Universal rispose che la Chiesa e tutti quei movimenti integralisti stavano violando il primo emendamento della Costituzione americana, proteggendo a spada tratta Scorsese ed esultando quando questi venne nominato all'Oscar come miglior regista.

Il terzo capolavoro: Quei bravi ragazzi
Negli anni Novanta, dopo essere apparso in piccoli ruoli nelle pellicole di Akira Kurosawa (Sogni, 1990, dove interpreta Van Gogh) e di Stephen Frears (Rischiose abitudini, 1990), firma un altro capolavoro: Quei bravi ragazzi. La storia di un ragazzo italo-irlandese che vorrebbe diventare un gangster. Ray Liotta, Robert De Niro e Joe Pesci rappresentano e mettono in luce ottimamente i riti e i rapporti fra Famiglia e famiglia, riuscendo a far stringere nella mani di Scorsese il Leone d'Oro per la regia, nonché la nomination dell'Academy nella stessa categoria e in quella della sceneggiatura.

Un omaggio a Visconti
Dopo aver diretto il remake del film omonimo di Jack Lee Thompson, Capefear - Il promontorio della paura (1991), allacciando fra l'altro una relazione con la giovanissima attrice Illeana Douglas, si spinge in un omaggio a Luchino Visconti ne L'età dell'innocenza (1993), storia e critica dei freddi e crudeli rituali della buona società newyorkese dell'Ottocento, grazie al quale fa incetta di premi come i BAFTA (per miglior regia, film e sceneggiatura) e l'ormai immancabile candidatura agli Oscar.

Leone d'Oro alla carriera nel 1995
In seguito, recita in Quiz Show (1994) di Robert Redford e dirige Casinò (1995), andando incontro al Leone d'Oro alla carriera consegnatogli dall'Italia nel 1995, in celebrazione dei 100 anni del cinema.

Ancora documentari
Senza tralasciare il genere documentaristico, che non ha mai messo da parte, Scorsese firma Un secolo di cinema - Un viaggio nel cinema americano di Martin Scorsese (1995), ma anche The Concert for New York (2001), la serie tv documentaristica The Blues, Lady by the Sea: The Statue of Liberty (2004) e No Direction Home: Bob Dylan (2005). Passa alla vita del 14° Dalai Lama in Kundun (1997), diventa presidente della Giuria del Festival di Cannes nel 1998, protegge, aiuta e ammira registi esordienti come Wes Anderson, si sposa ancora una volta (con Helen Morris, dalla quale avrà Francesca, altra figlia), viene insignito del César onorario e del David Speciale, firma il flop Al di là della vita (2000) e i documentari Il mio viaggio in Italia (2000) e Dal Mali al Mississipi (2002).

La collaborazione di successo con Leonardo Di Caprio
Scorsese trova in Leonardo DiCaprio la sua nuova stella nascente.
Gangs of New York (2002), The Aviator (2004) e The Departed - Il bene e il male (2006) sono i film in cui lo dirige accaparrandosi un'infinità di nomination all'Oscar come Miglior regista, vincendo Golden Globe, ma ottenendo la tanta sospirata statuetta dell'Academy nella categoria "director" solo nel 2006, con l'ultimo di questi tre magnifici film. Ma non finisce qui. Infatti, la coppia Scorsese - Di Caprio la ritroviamo anche in Shutter Island (2010), tratto dal racconto di Dennis Lehane e, probabilmente, anche in 40.000 dollari per non morire, remake del classico di Karel Reisz.

I lavori più recenti
Sempre nel 2010 Scorsese firma la puntata pilota di Boardwalk Empire, serie TV ambientata ad Atlantic City, la città del gioco, dei bordelli e della corruzione. Prosegue poi con un documentario-tributo all'amico Elia Kazan, A Letter To Elia e, nel 2011, con il suo esordio nel 3D, Hugo Cabret. Il film, ambientato nella Parigi del 1930, racconta la storia di un orfano che vive in stazione e sogna di riparare l'automa lasciatogli dal padre prima di morire.
Dopo il documentario su George Harrison George Harrison: Living in the Material World (2011), torna a lavorare con DiCaprio per raccontare la storia di Jordan Belfort, fondatore di una delle più grandi società di brokeraggio negli anni '80 finito in carcere per frode e riciclaggio di denaro sporco, nel film The Wolf of Wall Street (2014). Tra i numerosi progetti successivi, troviamo anche il film Silence, interpretato da Liam Neeson ed Andrew Garfield.

Il più grande cineasta vivente
Origini cattoliche, sensi di colpa, un sempre presente sentimento di redenzione che illuminano, sposati a un virtuosismo tecnico, il cinema di quello che è forse il più grande cineasta vivente del mondo. La sua filmografia altro non fa che interrogarsi sulla possibilità di condurre un'esistenza cristiana in un mondo sostanzialmente dominato dal male. Godard, Powell, Pressburger, Visconti, Rossellini, Ford, Sirk sono i nomi che lo hanno influenzato maggiormente nella sua ricerca espressiva, attraverso la possibilità di narrare con particolari modi di vista le storie di uomini underground, interpretati da prodigiosi attori, in continuo equilibrio fra pazzia, ossessioni, eroismi e disperazioni.

Ultimi film

Drammatico, (USA - 2019), 209 min.

Focus

FOCUS
lunedì 16 gennaio 2017
Roy Menarini

Nell'agosto 2014, l'ISIS avviò, nei confronti del popolo degli Yazidi, una vera e propria persecuzione. Considerandoli apostati per le loro convinzioni (gli Yazidi credono nei cosiddetti Grandi Angeli e in un Dio primordiale), il sedicente Califfato invase le loro terre e, dopo averne uccisi a centinaia, diede loro un'opportunità: abiurare alla propria religione e islamizzarsi oppure essere torturati

APPROFONDIMENTI
mercoledì 18 aprile 2012
Mauro Gervasini

Viene in mente quella celebre pubblicità, la facciata di un palazzo dal quale esce un tizio arruffato mentre decine di donne alle finestre sbattono le persiane urlando «Egoiste!». Nel nostro caso griderebbero «Presuntuoso!». Una Politica degli Autori dedicata a Martin Scorsese?! Suvvia. Parafrasando De Gaulle, vasto programma. E quindi stringiamo il campo. Parliamo solo del Marty documentarista

NEWS
lunedì 19 settembre 2011
Luca Volpe

Cinque statuette. Sono tanti i premi vinti a fine serata da Modern Family, mockumentary che ruota intorno alle dinamiche di una famiglia allargata del ventunesimo secolo. La serie, creata da Christopher Lloyd e Steven Levitan e prodotta dalla 20th Century Fox Television, si conferma la vera trionfatrice della 63. edizione degli Emmy Awards, aggiudicandosi premi come: migliore serie comica, migliore regia (Michael Alan Spiller), migliore sceneggiatura (Steven Levitan e Jeffrey Richman) e migliori attori non protagonisti (Ty Burrell e Julie Bowen, marito e moglie sul set)

I film più famosi

Drammatico, (USA - 2010), 138 min.
Drammatico, (USA - 2019), 209 min.
Biografico, (USA, Giappone - 2004), 160 min.
Drammatico, (USA - 1990), 146 min.
Drammatico, (USA - 1976), 113 min.
Avventura, (USA - 2011), 125 min.
Drammatico, Storico - (USA - 2016), 161 min.
Drammatico, (USA - 1993), 120 min.

News

Conversazione con Matteo Garrone, Valeria Golino, Aliche Rohrwacher e Jonas Carpignano.
Il regista Premio Oscar verrà premiato da Paolo Taviani in occasione della 13° edizione del Festival.
Il regista riceve la Carrosse d'Or a Cannes e interviene sulla disputa tra il Festival e la Internet TV.
In occasione della consegna del premio sarà proiettato Mean Streets.
Al Marché del Festival di Cannes si è chiuso il budget del film. Nel cast ci sarà anche Joe Pesci.
Con George Harrison il maestro dimostra di avere il rock nel sangue.
La troppa passione di Martin Scorsese. Di Pino Farinotti.
Martin Scorsese miglior regista, premio alla carriera a Morgan Freeman.
ll mockumentary trionfa agli Oscar della tv. Premiati anche Winslet e Scorsese.
I due collaboreranno al remake di 40.000 dollari per non morire.
Prime immagini sul set di Chloe Moretz e Ben Kinglsey.
Scorsese presenta Il Gattopardo restaurato.
Revanche, rivede discute e riflette sul tema della colpa e del perdono e non è il solo.
Presentato a Berlino il nuovo film di Martin Scorsese.
Scorsese e Di Caprio, un rapporto di mutua fiducia.
Il montaggio del film presentato durante i Golden Globe.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati