Il giovane Karl Marx

Film 2017 | Biografico +13 112 min.

Titolo originaleLe jeune Karl Marx
Anno2017
GenereBiografico
ProduzioneFrancia, Germania, Belgio
Durata112 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diRaoul Peck
AttoriAugust Diehl, Stefan Konarske, Vicky Krieps, Olivier Gourmet, Hannah Steele Eric Godon, Rolf Kanies, Stephen Hogan, Niels-Bruno Schmidt, Ulrich Brandhoff, Denis Lyons.
Uscitagiovedì 5 aprile 2018
TagDa vedere 2017
DistribuzioneWanted
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,10 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Raoul Peck. Un film Da vedere 2017 con August Diehl, Stefan Konarske, Vicky Krieps, Olivier Gourmet, Hannah Steele. Cast completo Titolo originale: Le jeune Karl Marx. Genere Biografico - Francia, Germania, Belgio, 2017, durata 112 minuti. Uscita cinema giovedì 5 aprile 2018 distribuito da Wanted. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,10 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il giovane Karl Marx tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

L'incontro tra Karl Marx e Friedrich Engels e l'ideazione di una delle più grandi trasformazioni teoriche e politiche dell'Ottocento. In Italia al Box Office Il giovane Karl Marx ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 325 mila euro e 90,4 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,10/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 3,30
CONSIGLIATO SÌ
Biografia dall'impianto classico che sfugge al rischio bignami proponendo un Marx inedito, scapestrato e romantico.
Recensione di Ilaria Ravarino
lunedì 12 marzo 2018
Recensione di Ilaria Ravarino
lunedì 12 marzo 2018

Alla metà del Diciannovesimo secolo l'Europa è in fermento. In Inghilterra, Francia e Germania i lavoratori scendono in piazza per protestare contro le durissime condizioni nelle fabbriche, e gli intellettuali partecipano come possono all'opposizione. Uno di loro, il tedesco Karl Marx, a soli 26 anni è costretto a rifugiarsi a Parigi insieme alla moglie Jenny. Qui Karl conosce un suo coetaneo, Friedrich Engels, che, nonostante provenga da una ricca famiglia di industriali, simpatizza con le sue idee rivoluzionarie. Superate le prime resistenze, fra i due ragazzi nasce una solida amicizia che li porterà a conquistarsi la stima dei capi dei movimenti dei lavoratori. Fino a diventarne leader a loro volta.

Diciamolo subito, che non sarà certo la confezione del film a portarci al cinema sulle tracce del giovane Marx.

Che già dal titolo (identico all'originale, Le jeune Karl Marx), predispone a una visione pedagogica, da prima serata in tv: il filone è quello delle grandi biografie storiche, delle agiografie laiche con interpreti di tendenza, non fosse che il personaggio al centro della "lezioncina" è un uomo che il cinema non era mai riuscito a raccontare. Almeno finora.

Apparso di sbieco solo in un paio di sceneggiati tv, Karl Marx entra qui in scena, per la prima volta da protagonista, nel film di Raoul Peck, con il volto e il corpo di August Diehl. Un interprete in parte ma sopra le righe, a volte troppo compiaciuto, che tuttavia serve a perfezione l'obiettivo: rappresentare Marx come uomo prima che come filosofo, come artista prima che come teorico, raccontarlo arrabbiato, innamorato, umiliato, ubriaco, come fosse una persona normale.

Se la struttura del film è esile, con una regia classica e ricostruzioni che soffrono un budget non adeguato, è potente invece la lettura storica che il regista compie attraverso i personaggi, con Karl Marx e Friedrich Engels (Stefan Konarske, volto azzeccato) trasfigurati nel Giano Bifronte della sinistra: da una parte la faccia creativa, passionale, bohémienne in bilico con l'autodistruzione, dall'altra quella solidamente borghese, oggi diremmo radical chic, che foraggia e sostiene la prima. Ed è chiaro che la simpatia dell'autore è tutta per lo "scapestrato Marx", le cui radici - le sue e quelle del comunismo - per Peck affondano e si nutrono degli ideali di un preciso movimento artistico e culturale: il Romanticismo.

Quella raccontata ne Il Giovane Karl Marx è un'epoca in cui fare politica non è una carriera, ma un percorso fatto di slancio e passione, ricerca di risposte a domande urgenti, elaborazione di ideali necessari. E chi ci si lancia anima e corpo, rischiando la vita e la galera, la povertà o la solitudine, sono ragazzi di poco più di vent'anni (quando La Lega dei Giusti diventa, grazie all'apporto di Marx ed Engels, la Lega dei Comunisti, Marx ha solo 29 anni). È una politica che è davvero discorso della polis, della comunità, e Peck ce lo dice mettendo in scena ogni volta che può filosofi e lavoratori schiacciati l'uno contro l'altro in sale piene di fumo e di sudore, tutti rigorosamente in piedi, a fare la conta delle mani per prendere le decisioni. Una politica in cui a contare sono sì le idee - solo le più forti si propagano per davvero - ma anche le persone che di quelle idee sanno farsi ambasciatrici, portandole fisicamente oltre le frontiere, tessendo reti, scambiando libri, stampando clandestinamente pubblicazioni proibite.

Pedagogico il giusto, certo non rivoluzionario, Il Giovane Karl Marx evita la trappola del film-bignami raccontando, con relativa leggerezza, un'epoca in cui i lavoratori di tutto il mondo si univano senza per forza condividersi. E non erano i like ad accendere le rivoluzioni, ma uomini in carne e ossa. Con i loro appetiti e le loro passioni.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 15 aprile 2018
ruzzante

Non era assolutamente facile fare un film su due filosofi, sia pure rivoluzionari e con una vita non proprio tranquilla, come Marx ed Engels. Certo con Che Guevara, Zapata e Pancho Villa la trasposizione scenica è meno complicata ... qui invece si trattava di fare un film su delle idee, le idee rivoluzionarie di due giganti della filosofia, dando loro forma attrraverso fatti (reali) che coinvolgano [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 maggio 2018
Zarar

   Film molto modesto del regista haitiano Raoul Peck, con un tono che richiama gli aspetti più superficiali della letteratura romantica ottocentesca, costruito in studio apparentemente con pochi mezzi (nonostante il  contributo di produttori francesi, tedeschi e belgi…)  e un manierismo da serie televisiva. Manca qualsiasi approfondimento storico, filosofico, [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 aprile 2018
FabioFeli

Nel 1843 un grande fermento agita il mondo occidentale ed una Europa già sviluppata industrialmente, ancora inceppata in stati monarchici i cui sovrani frenano qualsiasi cambiamento. Karl Marx (August Diehl) all’epoca ha 25 anni e Friedrich Engels (Stephan Konarske) appena 23, ma già i due hanno chiaro che può esserci un futuro alle porte per i diseredati e per gli operai [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 aprile 2018
kimkiduk

Parlare di questo film si rischia di esprimere ideale politico e non vorrei, ma certo che uscendo dal cinema sembra che quei pensieri siano più attuali adesso che allora. Altra sensazione disturbante è che nel 1840 la gente pensasse a 500 mila persone senza lavoro come un dramma quando ora noi ne abbiamo milioni ... forse miliardi. Il lavoro e la dignità prima di tutto .

martedì 15 maggio 2018
MAURIDAL

  IL GIOVANE KARL MARX di Raoul Peck 2017  Quando si intraprende un lavoro su di un personaggio storico, conosciuto in tutto il mondo, una biografia che non vuole essere pedagogica o una lezione di storia, e quando il lavoro Ë un film con lo scopo di coinvolgere un vasto pubblico ,allora bisogna apprezzare lo sforzo e le intenzioni del regista che ha voluto interpretare la figura [...] Vai alla recensione »

domenica 29 aprile 2018
enrico danelli

... al protagonista. Onore al merito di aver portato sugli schermi questo gigante della storia sempre attualissimo: nella ricorrenza dei 200 anni dalla nascita meno male che qualcuno ci ha pensato !!! I meriti del film e del regista però finiscono qua. Stridente la manifattura e la sceneggiatura di questo film (classica, scontata, scolastica, televisiva, buonista, quasi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 aprile 2018
zim

 In questo film vediamo il giovane Marx muoversi col suo amico e collega Hengels   nei quartieri più poveri di  Parigi Londra e Bruxelles, attenti osservatori degli effetti devastanti della prima rivoluzione industriale, Hengels british Karl ironico disincantato e attivo critico soprattutto di quei movimenti che credevano di poter mettere fine all'ingiustizia con dottrine [...] Vai alla recensione »

domenica 8 aprile 2018
R Milone

Per quanto Peck sia un regista militante, la rappresentazione del giovane Marx risulta banalmente  didascalica e, mentre vorrebbe  rappresentare un uomo normale (ma che ha fatto cose straordinarie), naviga troppo nella oleografia. Tante "vicende" sono inverosimili e alcune ridicole: su tutte quando sembra che alla "Lega dei Giusti" Marx e Engels stiano per essere cacciati [...] Vai alla recensione »

domenica 8 aprile 2018
michelino

 Una ventata di aria pulita Un film fresco e classico allo stesso tempo Un film sospeso tra speranza e realismo Un film fuori tempo ma la fiducia verso il futuro è sempre fuori tempo.   Un film abbastanza ibrido Sospeso tra storia e passione Un film forse non riuscito del tutto Un film reso "umano" dalle sue imperfezioni Un film controcorren [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 aprile 2018
no_data

il film è didattico quindi interessante anche per i giovani che non hanno vissuto le lotte politiche ispirate agli ideali marxisti e che spesso  assueffatti al liberismo non capiscono quanto siano stati importanti i principi che hanno promosso il welfare negli stati europei. Una cosa che vorrei far notare, ma questo ha poco a che fare col film, è il pessimo doppiaggio che alterna [...] Vai alla recensione »

sabato 7 aprile 2018
Luigagli

Il filosofo che guarda il mondo con la vivacità "ormonale" di chi, pur privilegiato, si trova a combattere contro la povertà e lo sfruttamento con idee forti e tanto studio. Un film con sentimenti forti -l'amicizia con Enel, la moglie- ma senza troppo coinvolgimento proprio nei confronti di coloro per cui il filosofo lotta. Spesso didascalico e divulgativo delle idee ormai da molti considerate obsolete; [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
martedì 10 aprile 2018
Pino Farinotti

Il giovane Karl Marx, diretto da Raoul Peck, nella sale dal 5 aprile, si fa... notare. È quasi una "prima" assoluta, perché nonostante l'importanza, e il peso storico del personaggio che, anche in privato non ebbe una storia banale, il cinema, quello importante, della grande distribuzione, lo ha praticamente ignorato. Registriamo un film russo del 1966, e uno della Germania. Vale un'intenzione, quella di Roberto Rossellini che poco prima di morire pensò a un progetto, una sorta di compromesso ideologico e storico: affiancare Marx a Gesù. I titoli iniziali raccontano: "All'inizio del 1843 l'Europa, governata da monarchie assolute, devastata da crisi, carestie e recessione si trova sull'orlo di un cambiamento. In Inghilterra la rivoluzione industriale soppianta l'ordine mondiale, dando origine alla nuova classe operaia. Nascono le organizzazioni per i lavoratori fondate su un'utopia "comunista", secondo cui tutti gli uomini sono fratelli. Due giovani tedeschi metteranno in discussione questo assunto trasformando la lotta e ... il futuro del mondo".

Lo scenario si apre a Colonia nell'aprile del 1843, Karl è con alcuni amici attivisti. Le loro discussioni vengono interrotte dalla polizia che fa irruzione. Dopo qualche giorno di prigione riesce a raggiungere Parigi, per fondare un foglio. Vive in povertà, con la giovane moglie e una bambina, ma la sua azione non si ferma. Ascolta i discorsi di Pierre-Joseph Proudhon, l'anarchico cha ha già un seguito.

Appare Friedrich Engels: appartiene a una ricca famiglia luterana di industriali e da giovanissimo il suo destino è organizzato in quel senso. Ma durante un visita a Manchester, dove il padre possiede una manifattura tessile, assiste alla condizioni di lavoro impossibili di donne e bambini. Friedrich e Karl si incontrano a Parigi ed è immediata passione reciproca. L'uno conosce le idee e le prime opere dell'altro. Qualche spiegazione iniziale è necessaria. Engels domanda: "Voi conoscete sia la miseria degli operai che i privilegi della borghesia, come fate?" "È la condizione migliore per fare" risponde Marx. Preso atto delle affinità si dichiarano. Engels: "Sei il più grande filosofo materialista del nostro tempo... un genio". Marx: "Il tuo lavoro sulle classi operaie è colossale". Il patto viene sancito da un bacio sulla bocca.

FOCUS
mercoledì 4 aprile 2018
Roy Menarini

Magari non è uno spettro quello che si aggira per l'Europa e per il mondo negli ultimi anni, e forse è più che altro simile a un morto vivente. Eppure il marxismo, magari con un "neo-" davanti, è una delle correnti di pensiero politico e filosofico più in auge in questo periodo. Filosofi del calibro di Slavoj Zizek o Alain Badiou, che possiamo tranquillamente considerare superstar dell'editoria e del dibattito internazionale, si professano apertamente marxisti, e oggi - a ormai trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino - non è più tabù professarsi tali, anche a causa dell'aggressività del capitalismo globale e l'evidente arretramento delle democrazie occidentali.

Questo clima culturale, dunque, non deve essere stato estraneo alla decisione di mettere in cantiere Il giovane Karl Marx (guarda la video recensione), curioso caso di film storico in costume di produzione indipendente (e internazionale), dove il budget limitato non impedisce la passione biografica.

E del resto non è un caso che a trovarsi dietro la macchina da presa sia Raoul Peck, regista militante haitiano che dopo anni di clandestinità cinematografica e militanza documentaristica dirige ora un affresco storico. Nato ad Haiti, cresciuto a Berlino, vissuto in Congo, poi cosmopolita, e ancora ministro della cultura del suo paese, poi spesso negli Stati Uniti, Peck ha una biografia movimentata e coraggiosa, e una filmografia altrettanto imprevedibile. Giusto lo scorso anno, con I Am Not Your Negro, ci aveva riportato la voce e la scrittura di un gigante (da noi poco noto) della narrativa come James Baldwin, intervenendo con forza nel dibattito sul razzismo e la diseguaglianza tra bianchi e neri nella nuova America degli anni Duemila.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 5 aprile 2018
Roberto Nepoti
La Repubblica

Tra i venticinque e i trent'anni Marx elabora e consolida il suo pensiero, denunciando le malefatte del capitalismo e diventando l'ideologo della lotta di classe. In esilio da Berlino, vive tra Parigi Londra e Bruxelles: gli sono accanto la moglie Jenny von Westphalen e Friedrich Engels, figlio in rivolta di un ricco industriale. Assieme scriveranno Il Manifesto del partito comunista, il libro che [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 aprile 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Gli anni d'esordio del filosofo squattrinato Karl Marx e del filosofo figlio d'industriali Engels fino al Manifesto del partito comunista (1848). Tra barbe risorgimentali, rivendicazioni, scontri filosofici è un parziale biopic piuttosto convenzionale, ma c'è modo di ripassare per cenni la mirabile analisi critica del capitalismo, di un certo capitalismo, e le premesse di prassi responsabili della [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 aprile 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Qualcuno lo ha definito un «buddy movie» per via del rapporto di amicizia che Marx ed Engels stringono proprio nei cruciali anni 1843-'48 presi in considerazione dal regista Raoul Peck e dal suo co-sceneggiatore Pascal Bonitzer, ma la definizione ci sembra riduttiva per un film intenzionato a tirar fuori dai clichés il filosofo di Treviri. Sia conferendogli una dimensione umana - il matrimonio con [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 21 giugno 2018
 

Dopo il successo seguito all'uscita di aprile, torna in sala, distribuito da Wanted in collaborazione con Valmyn, il film Il giovane Karl Marx (guarda la video recensione) del regista Raoul Peck. Proprio nell'anno del 200° anniversario dalla nascita [...]

VIDEO RECENSIONE
venerdì 23 marzo 2018
 

Alla metà del Diciannovesimo secolo l'Europa è in fermento. In Inghilterra, Francia e Germania i lavoratori scendono in piazza per protestare contro le durissime condizioni nelle fabbriche, e gli intellettuali partecipano come possono all'opposizione. [...]

CELEBRITIES
sabato 17 marzo 2018
Marzia Gandolfi

È da Londra, Parigi, Berlino che vengono abitualmente le attrici, lei no. Vicky Krieps viene da Hesperange (Lussemburgo) e il suo destino è nel nome. Nipote di Robert Krieps, ex presidente del Partito Operaio Socialista lussemburghese e membro della Resistenza [...]

TRAILER
sabato 3 marzo 2018
 

Siamo in Europa, tra il 1844 e il 1848. In Germania viene fortemente repressa un'opposizione intellettuale in pieno fermento. In Francia gli operai del Faubourg Saint-Antoine si sono messi in marcia. Anche in Inghilterra il popolo è sceso in strada, la [...]

POSTER
mercoledì 21 febbraio 2018
 

Europa 1844-1848. In Germania viene fortemente repressa un'opposizione intellettuale in pieno fermento. In Francia gli operai del Faubourg Saint-Antoine si sono messi in marcia. Anche in Inghilterra il popolo è sceso in strada, la rivoluzione qui è industriale [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati