L'ora più buia

Film 2017 | Drammatico +13 114 min.

Regia di Joe Wright. Un film Da vedere 2017 con Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Stephen Dillane, Ronald Pickup. Cast completo Titolo originale: Darkest Hour. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 2017, durata 114 minuti. Uscita cinema giovedì 18 gennaio 2018 distribuito da Universal Pictures. Oggi tra i film al cinema in 13 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,48 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'ora più buia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Churchill disse no all'egemonia di Hitler. Quella decisione fu molto importante per la storia dell'Europa. Il film racconta quel momento cruciale. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto 2 Premi Oscar, ha vinto un premio ai Golden Globes, 9 candidature e vinto 2 BAFTA. In Italia al Box Office L'ora più buia ha incassato 4,4 milioni di euro .

L'ora più buia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,48/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,63
PUBBLICO 3,81
CONSIGLIATO SÌ
Un'inventiva romantica e un'efficace qualità delle perfomance per un thriller politico seccamente seduttivo.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 1 dicembre 2017
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 1 dicembre 2017

Gran Bretagna, 1940. È una stagione cupa quella che si annuncia sull'Europa, piegata dall'avanzata nazista e dalle mire espansionistiche e folli di Adolf Hitler. Il Belgio è caduto, la Francia è stremata e l'esercito inglese è intrappolato sulla spiaggia di Dunkirk. Dopo l'invasione della Norvegia e l'evidente spregio della Germania per i patti sottoscritti con le nazioni europee, la camera chiede le dimissioni a gran voce di Neville Chamberlain, Primo Ministro incapace di gestire l'emergenza e di guidare un governo di larghe intese. A succedergli è Winston Churchill, con buona pace di re Giorgio VI e del Partito Conservatore che lo designa per soddisfare i Laburisti.

Sprezzante degli stolti vicini e deciso a resistere al nemico lontano, Churchill prende il comando del Paese e lo guida a suon di parole fuori dall'ora più buia e verso la vittoria a venire.

Avevamo bisogno di un altro film su Winston Churchill? Probabilmente no ma davanti alla performance di Gary Oldman L'ora più buia è la benvenuta. L'Homburg di feltro, il grosso sigaro, il panciotto, la voce grassa, il corpo goffo, il whisky (sempre) alla mano, il mumbling permanente, lo rendono una sfida irresistibile per qualsiasi attore. Se sei un artista di eminenza e hai raggiunto l'età e la rotondità necessarie allora non puoi sottrarti dall'interpretarlo. Incarnare Winston Churchill per un attore è un rito di passaggio, un privilegio non privo di responsabilità. Richard Burton, Albert Finney, Michael Gambon, Timothy Spall, Viktor Stanitsyn (ben quattro volte), John Lithgow, Brian Cox, per citare soltanto gli esempi più celebri, si sono alzati uno dopo l'altro nella Camera dei Comuni a pronunciare uno dei suoi celebri discorsi, a dettare altrettante celebri lettere, a masticare il tabacco, a ringhiare il proprio disappunto al nemico ai microfoni di Radio Londra.

L'ultimo a cimentarsi nel nobile sport del Churchill-playing è Gary Oldman, che lo coglie nella tarda primavera del 1940 e in quella che fu certamente la sua ora più buia. Chi meglio di un vampiro per sopravvivere all'oscurità dell'epoca? E come un redivivo Joe Wright lo introduce al pubblico, schiudendo le tende e lasciando che la pallida luce londinese lo accechi dentro il suo letto e davanti la più abbondante delle colazioni. Ma a questo giro non è Gary Oldman a ridursi in polvere ma le illusioni di un avversario feroce che ha sottovalutato la resilienza britannica e il potere della lingua di Shakespeare.

Dietro a un trucco che non impedisce l'evoluzione sottile del suo personaggio, riconosciamo lo sguardo di Oldman, la riserva segreta dove conserva quella facoltà incredibile di terrorizzare, tante volte dimostrata sullo schermo. Il re ha paura, la segretaria ha paura, l'emaciato (e straordinario) Lord Halifax di Stephen Dillane ha paura di lui, montagna di eloquenza e forza espressiva in grado di mandare la parola sui campi di battaglia. Hanno paura davvero perché Gary Oldman trova il DNA di Churchill, allacciando il lavoro interiore con le capacità fisiche fuori norma. È lui il punctum visivo della messinscena che oscura il nemico e concede zero repliche alle altre forze in campo.

Non c'è misura scenica che possa sopraffare o solo ridurre di scala la sua centralità. Joe Wright lo sa e mette la regia al servizio di quell'adesione istintiva ed energica, che abita un tempo pieno di angoli bui, di quell'apparizione folgorante intorno a cui gravita un cast blasonato, su tutti Kristin Scott Thomas, Ronald Pickup, Stephen Dillane. Davanti al ritiro inglorioso della Gran Bretagna dall'Europa, L'ora più buia oppone il ritratto dell'uomo che ha contribuito a salvarla in una primavera nemmeno troppo lontana. Thriller politico che fa il paio con l'opera immersiva di Christopher Nolan (Dunkirk), il film di Joe Wright ripassa una pagina drammatica della sua Storia. Un intervallo delicato e opaco in cui il nemico muoveva dall'esterno e dall'interno attraverso l'impassibilità maligna di Lord Halifax, che si batteva per patteggiare coi nazisti e minare la posizione parlamentare di Churchill.

L'ora più buia ha ovvie affinità col dramma di Jonathan Teplitzky (Churchill), interpretato appena ieri da Brian Cox, tuttavia l'opera di Wright dimostra un'ambizione narrativa, un'inventiva romantica e una qualità delle perfomance decisamente più efficaci. Seccamente seduttivo, al pari del suo protagonista, il film immagina una corsa in metropolitana del Primo Ministro che infila un binario trasversale di soggetti inglesi umani e appassionanti, scuotendo il film dalle 'fondamenta' prima di risalire e riprendersi il Paese e l'Europa. Certo ci sarebbe probabilmente bisogno di un film più scettico su Churchill, uno sguardo più affilato come quello tentato dalla serie The Crown, ma è davvero impossibile resistere al prodigio di Gary Oldman, determinato a dimostrare che quando un attore è chiamato a interpretare Winston Churchill non si arrende mai. Mai.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Quando Churchill rifiutò di cedere a Hitler.
Pino Farinotti
venerdì 1 dicembre 2017

Spesso nei film di fantapolitica c'è qualcuno che salva il mondo. Ma se rimaniamo alla realtà, alla Storia senza fantasy, non c'è dubbio che Winston Churchill possegga tutti i crediti di quel ruolo. Il film L'ora più buia racconta la parte della vicenda personale di Churchill, primo ministro del Regno Unito fra il 1940 e il 1945, gli anni della guerra, gli anni... del mondo da salvare.
Nacque che... meglio non si poteva. Sua madre, Jennie Jerome, americana, era figlia del proprietario del New York Times, suo padre, lord Rundolph era membro di spicco del partito conservatore, e imparentato con vari rami della nobiltà inglese, con un legame che arriva a toccare anche lady Diana Spencer, proprio lei, la tragica principessa del popolo. A tale rampollo non può mancare la fase militare e Winston si trova nel Sudan, nel 1898, nella battaglia di Ondurman, quella del film Le quattro piume. Sembra quasi una leggenda di epoche lontane. Ma Churchill ...era così.

Viveva tante vite, compresa quella di scrittore, e, non banale, nel 1953 vinse il Premio Nobel.

Dunque soldato, scrittore, politico, e comandante in capo. Negli anni che precedevano la seconda guerra mondiale sir Winston sembrava ormai in declino irreversibile. Nel 1934, nella sua tenuta di Chartwell, riceveva solo brutte notizie, come racconta nelle sue memorie. La prima riguardava il patrimonio. Il suo amministratore lo avvertì che con la caduta di Wall Street aveva perso quasi tutto il denaro e occorreva fare delle economie: "per esempio, 18 domestici solo qui a Chartwell forse sono troppi" . Churchill rispose: "Mi limiterò a sole tre bottiglie di champagne a sera".

Il sir non voleva essere disturbato da problemi volgari, ne aveva altri. Più che problemi, erano ossessioni. Racconta: "È allarmante e nauseante vedere il signor Gandhi, mentre da una parte si atteggia a fachiro scalando mezzo nudo il palazzo del viceré, dall'altra prende il tè con i rappresentanti del re imperatore... se il signor Gandhi riuscirà a sfilarci l'India, sarà la fine dell'impero britannico". E sappiamo che nel 1948 Gandhi... sfilò l'India. Poi c'era l'altra ossessione. Quella per Hitler. Hitler mi ha fatto pensare. A 35 anni ero ministro degli Interni, a 50 cancelliere dello scacchiere... niente male, guardami ora, nessun potere e nessuna speranza di averne. E guarda Hitler, in 10 anni da signor nessuno a capo dello stato.
Churchill aveva sentito, prima di tutti, i venti di guerra che si stavano alzando. Seppe dall'intelligence che i nazisti stavano addestrando 800 piloti per i caccia. In uno dei suoi interventi alla camera dei lord disse: "Che dio ci aiuti, l'Inghilterra si è persa in un sogno pacifista... La logica della guerra si sta riaffermando e la nostra debolezza potrebbe costare cara all'Europa". Nessuno lo prese sul serio, all'inizio, ma Churchill aveva visto giusto, su tutti i fronti. Hitler attaccò l'Europa, l'Inghilterra gli dichiarò guerra. La Germania sembrava ormai inarrestabile, allora monarchia e popolo inglese si ricordarono di quel tenace conservatore. Il primo ministro Chamberlain fu indotto a dimettersi, sostituito da Churchill che, alzando l'indice e il medio, avvertì gli inglesi: "Ci vorranno sangue, fatica, lacrime e sudore, ma alla fine vinceremo". E "alla fine" Winston Churchill salvò l'Inghilterra... e non solo.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
L'ORA PIÙ BUIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€16,99 €21,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 19 gennaio 2018
FreeRider

Joe Wright ha il dono dell’equilibrio, il suo è cinema di qualità che non mira a sbancare ma che rimane anche assolutamente accessibile. Di nobile ispirazione storico-letteraria e molto accurato nella ricostruzione d’ambiente evita però il calligrafismo e tiene a bada la retorica, sebbene sappia rispecchiare con efficacia il sentimento collettivo di partecipazione a [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 gennaio 2018
samanta

Narrare la vita di Winston Churchill non è semplice. Nel 1972 ci provò Richard Attenborough (Gli anni dell'avventura) che descrisse Winston bambino, poi giornalista, soldato ed eroe di guerra contro i boeri e l'inizio della sua carriera politica fermandosi a prima della I guerra mondiale. Winston apparteneva ad una famiglia aristrocatica la più importante del regno discendente [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 gennaio 2018
Nino Pellino

Nel vedere questo film, ho trovato davvero magistrale l'intepretazione dell'attore Gary Oldman nel ruolo dello storico primo Ministro Churchill della Gran Bretagna durante il difficile periodo degli anni '40, caratterizzato dall'avanzata in Europa delle truppe tedesche per il dominio assoluto sul Continente. Mi ha entusiasmato la sua capacità e la sua costante determinazione [...] Vai alla recensione »

sabato 3 febbraio 2018
Ruger357MgM

È il messaggio chiaro, forte, liberatorio che ci lancia il film. Piaggeria sarebbe inneggiare all'interpretazione di Gary Oldman senza osannare il truccatore , che ha reso la copia più vera dell'originale, come sommamente ingiusto sarebbe non considerare la parte di Kristin Scott Thomas, sobria,convincente e misurata come non mai.

venerdì 2 febbraio 2018
nino raffa

 Maggio 1940. Churchill forma il suo primo governo, succedendo all’imbelle Chamberlain. Da qualche giorno i tedeschi dilagano in Olanda, Belgio e Francia. Trecentomila soldati del corpo di spedizione britannico nel continente - gran parte dell’esercito professionista della Corona - rischiano di essere messi con le spalle al mare e quindi spazzati via dai panzer.

martedì 6 febbraio 2018
ANDREA GIOSTRA

 Era il 29 ottobre 1941 quando Winston Churchill (1874–1965), Primo Ministro del Regno Unito, in visita istituzionale ai giovani studenti inglesi della “Harrow School” di Londra, dove da giovane era stato uno dei suoi allievi più brillanti, tenne un discorso nel quale pronunciò queste parole: «The pessimist sees the problems in every opportunity.

venerdì 19 gennaio 2018
GUSTIBUS

Il film non e'nemmeno la biografia di CHURCHILL,nei cinque anni dal 1940 al 1945 e'stato primo ministro inglese nel momento piu'brutto per l'Europa e l'Inghilterra stessa.Il racconto rievoca e anticipa quello che poi sara' il film di Nolan "Dunkirk"L'ora piu'buia e'stata arrendersi o combattere i tedeschi fino alla morte.

sabato 24 febbraio 2018
Zarar

   Reso quasi irriconoscibile e molto teatrale dall’esigenza di riprodurre  il più possibile attraverso il trucco la fisionomia di Churchill,  l’attore Gary Oldman impersona lo statista inglese nel momento cruciale (1940) in cui assunse coraggiosamente una decisione che ha fatto storia, quando impose all’Inghilterra, messa alle strette come il resto [...] Vai alla recensione »

sabato 27 gennaio 2018
Rumon

Dopo l'inutile, vacuo "Dunkirk", un'altra pellicola che tratta del Regno Unito di fronte alla guerra mondiale di ieri, nel contesto di incertezza post-Brexit di oggi. Diversamente da "Dunkirk", "L'ora più buia" è un ottimo film, che offre molti spunti di riflessione non solo ai britannici e che si sforza di trarre insegnamenti utili per l'oggi [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 gennaio 2018
alesimoni

E' appassionante l'opera di Joe Wright, e ci appassiona solo con l'enfasi delle parole, in ambienti spesso lugubri e stretti,senza alcun effetto speciale. Questo la dice lunga su come sia costruito il film, con una regia e un montaggio mai banali, ma che poggia quasi per intero sulle possenti spalle di uno dei più grandi e poco celebrati attori del nostro tempo: lo strepitoso Gary Oldman.

lunedì 12 febbraio 2018
minnie

Churchill Spencer (sì, come Lady D.) Winston (30 novembre 1874-24 gennaio 1965), è stato prima di tutto un giornalista: sua madre americana era figlia del proprietario del New York Times, il che gli ha garantito sin da molto giovane di fare l'inviato sui principali fronti di guerra. Era anche figlio di un conservatore, grande oratore ma anche dongiovanni (con sifilide): lui ricorda [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 febbraio 2018
Juri Moretti

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; text-align: center; font: 12.0px Helvetica; min-height: 14.0px} p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 15.0px Helvetica} p.p3 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 15.0px Helvetica; min-height: 18.0px}   Siamo agli inizi della seconda guerra mondiale e Winston Churchill è alla guida del propri paese come Primo Ministro.

martedì 6 febbraio 2018
enzo70

I vincitori scrivono la storia; ma quanto ha sofferto la Gran Bretagna, per scriverla la storia, per resistere all’orda nazista; bombardamenti, fame, sofferenza, razionamenti durati ben oltre la seconda guerra mondiale. Gli inglesi, si sa, sono grandi soldati; ma un buon soldato ha bisogno di un grande generale. E la Gran Bretagna ha avuto la fortuna di avere in quegli anni un uomo come Winston [...] Vai alla recensione »

domenica 28 gennaio 2018
Maramaldo

chiese il re al bellicoso premier, in quel momento piuttosto depresso. Pensandoci, sembra quasi che Joe Wright voglia chiederlo a ciascuno di quelli che stanno vedendo L'Ora più buia. Una seconda riflessione mi porta a credere che non si tratti di un film "storico". O, meglio, storico lo è come quelli che fa Spielberg: rievocazione spettacolare, interpretazioni strepitose, [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 maggio 2018
max821966

Sono un appassionato di storia del 20° secolo e drogato di 7a arte.....come potevo rinunciare a questo film? L'ho visto su Sky e poi ho comprato il Bluray ( ne ho + di 1100, TUTTI ORIGINALI). Il primo argomento da trattare è la magistrale, fantastica, incredibile interpretazione di Gary Oldman. Secondo me doveva arrivare prima agli Oscar.

sabato 17 febbraio 2018
maumauroma

Nella primavera del 1940 la formidabile macchina da guerra tedesca stava sprigionando tutta la sua potenza. Le divisioni naziste avevano in poche settimane invaso  Norvegia, Olanda, e Belgio, e stavano ormai puntando con decisione verso la Francia. Una volta conquistata Parigi, si sarebbero quindi facilmente dirette a nord verso il canale della Manica e avrebbero seriamente minacciato le [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 gennaio 2018
marcobrenni

Condivido la critica "Il sentimento della storia" perchè è proprio di questo che si tratta: di sentimenti e di emozioni prima di tutto. Il film è molto ben costruito e non è affatto un agiografia: non mostra un eroe di guerra, ma solo un uomo in carne e ossa, già anziano ma dalla battuta sempre pronta, chiamato alla massima carica politica con tutte le sue [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 gennaio 2018
marcobrenni

Condivido la critica "Il sentimento della storia" perchè è proprio di questo che si tratta: di sentimenti e di emozioni prima di tutto. Il film è molto ben costruito e non è affatto un agiografia: non mostra un eroe di guerra, ma solo un uomo in carne e ossa, già anziano ma dalla battuta sempre pronta, chiamato alla massima carica politica con tutte le sue [...] Vai alla recensione »

martedì 23 gennaio 2018
Domenico Maria

Date e fatti, subito. 1) Lettera a mio padre da Londra del 12 Febbraio 1940, dove si ringrazia Mussolini per gli aerei mandati in Aiuto all'Inghilterra.Con i complimenti per la Neutralità Italiana.2)  "Newsweek" del 13 Maggio 1940 con copertina dedicata a Mussolini "L'uomo chiave nel Mediterraneo"(ultraslinguata al fascismo.

sabato 20 gennaio 2018
Fabian

" The darkest hour "  Film di ricostruzione storica che ti trasporta indietro nel tempo. I ritmi vengono scanditi dal calendario che introdurrà agli eventi. Il ritmo che da adagio passa a lento e poi a brillante e coinvolgente, lascia che l' elevatezza recitativa degli attori trasmetta allo spettatore la drammaticità dei momenti vissuti in quei giorni.

mercoledì 7 marzo 2018
EdieSedgwick

Il regista Joe Wright torna sugli schermi dopo alcuni anni di assenza (non contando il trascurabile intermezzo fantasy di “Pan”, ci aveva lasciati con l’adattamento di Anna Karenina) con un film le cui intime caratteristiche di genere competono abbastanza al suo particolare stile e afflato storiografico, come al suo cinema stesso. E’ da subito chiaro che naviga in acque a lui [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 marzo 2018
spione

A un film del genere non si può certo chiedere di essere storicamente attendibile, perché non è questo il suo scopo. Non avrebbe guastato, tuttavia, qualche accenno in più - sia pur rispettosamente velato - alle ben note simpatie dell'eroico salvatore dell'Europa per le dottrine autoritarie in voga a quell'epoca (e magari anche alla sua grande ammirazione e amicizia [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 febbraio 2018
BeatriceR

L'azione si sviluppa in un arco temporale molto breve, meno di un mese, e durante una fase cruciale della Seconda Guerra Mondiale. Churchill, caparbio neo Primo Ministro, decide di non piegarsi alla pace offerta dai tedeschi e di continuare incessantemente la guerra, incurante dei costi e delle vittime. Il film, quindi, si concentra sulla scelta che sarà decisiva per tutto il mondo occidentale [...] Vai alla recensione »

domenica 21 gennaio 2018
Flaw54

Gary Oldman domina. Il film è lui: incarna un Churchill in divano tra certezze e paure, talvolta al limite della macchietta, ma capace di riscattarsi nel finale fino a diventare il vero e proprio eroe della resistenza contro la follia hitleriana. Film cupo fatto di sguardi e di parole che si svolge interamente sotto terra in corridoi stretti e fumosi a rappresentare la vicina sconfitta del mondo [...] Vai alla recensione »

domenica 21 gennaio 2018
Maurizio.Meres

Un film storico è sempre interessante da vedere in quanto ci ricorda che esiste nella cultura di una persona il sapere,in questo caso diventa importantissimo conoscere i fatti,soprattutto per le nuove generazioni che l'Europa nella seconda guerra mondiale era vicino al baratro più completo ma non per la distruzione di tutto che effettivamente è avvenuta,ma per il proseguo della [...] Vai alla recensione »

sabato 20 gennaio 2018
udiego

  E' il 1940, l'Europa è sull'orlo del tracollo, Hitler sembra ormai vicino a dare il colpo di grazia al vecchio continente. Dopo la caduta del Belgio e con la Francia ormai in ginocchio, la Gran Bretagna decide di non stare a guardare; la camera dei lord chiede le dimissioni del primo ministro Chamberlain, accusato di essere passivo e poco efficace nel contrastare le folli [...] Vai alla recensione »

domenica 28 gennaio 2018
vanessa zarastro

L’ora più buia costituisce sicuramente un pezzo di bravura del versatile attore londinese Gary Oldman, per la sua interpretazione di sir Winston Leonard Spencer Churchill. Il film tratta con dovizia di particolari il primo mese e mezzo di nomina del sessantaseienne Churchill a Primo Ministro nel 1940, comprensivo dei retroscena, degli intrighi politici con continui richiami al suo non [...] Vai alla recensione »

domenica 28 gennaio 2018
Michele Camero

 Film storico – biografico sulla figura di Winston Churchill fatto molto bene nel suo genere con un sapiente mix tra riferimenti storici e licenze autoriali per quanto riguarda alcuni episodi, uno su tutti quello del tuffo in metropolitana per ascoltare gli umori del popolo londinese. La pellicola si concentra in particolare su una fase della storia umana e politica di Churchill quella in [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 gennaio 2018
tmpsvita

 Probabilmente si tratta di una delle più grandi e belle sorprese che il cinema mi ha riservato per questo (2017) anno ormai passato da poco. "Darkest Hour" è una sorpresa su più fronti, non solo quello narrativo ma anche, e forse soprattutto, su quello tecnico. Il film gode infatti di una straordinaria componente visiva e artistica.

lunedì 29 gennaio 2018
kimkiduk

Deluso da un film osannato, da un'interpretazione su Churchill definita da Oscar sicuro. Non ho letto niente di questo nel film di Wright. La rappresentazione del periodo storico sembra quasi da commedia e penso fosse più importante di una commedia; la rappresentazione della decisione di Churchill sul trattare o no una resa con Hitler, penso sarebbe stata da motivare un pò meglio; [...] Vai alla recensione »

sabato 5 maggio 2018
Tommax

Non sono un critico nè un esperto; il film mi è piaciuto molto nonostante l'apparente struttura claustrofobica, che però ben rende cosa fu quel periodo per la Gran Bretagna. Aldilà di tutto, la recitazione di Gary Oldman vale da sola la visione del film. Misurata, scarna, efficace. Gli sguardi espressivi, i dialoghi fulminanti. Una vera e propria lezione di recitazione.

venerdì 30 marzo 2018
Marica Noemi

Un film storico ben fatto, coinvolgente e interessante anche per chi generalmente non ama i film storici. Decisamente consigliato

martedì 13 marzo 2018
thomas49

...nel ruolo di un personaggio senza limiti. la cosa più incredibile è che sai dall'inizio come sono andate le cose. ma ti appassioni, aspetti. ti chiedi se la storia ripeterà se stessa... Forse il film ha quella cosa che si chiama talento.

domenica 4 febbraio 2018
rmarci 05

Davvero bello e fatto bene. GARY OLDMAN È SEMPLICEMENTE FANTASTICO. Il film si concentra molto(a volte un pò troppo) su Churchill. Ma la sceneggiatura e la fotografia sono fantastiche: la scena in cui Churchill scrive al capitano vicino a Dunkirk dicendogli che "il salvataggio non avrà luogo" con la telecamera che si allontana è molto intensa e realistica.

giovedì 17 maggio 2018
Vittorio

Film avvincente, un autentico spaccato di storia e soprattutto un fantastico Gary Oldman, che grazie alla sua performance ci regala emozioni, ironia e tensione. Gran bel film!!

sabato 17 febbraio 2018
AlfioSquillaci

Sgombriamo subito il campo da un possibile equivoco: gli inglesi sono in Inghilterra e gli anglomani stanno in Perù.  Va bene. Eppure, anche da non anglomani, anzi un tantinello avversi ai fasti della perfida Albione, come non invidiare un popolo che sa raccontarsi così bene al cinema? Dopo Vittoria e Abdul sull'epoca Vittoriana e l'Impero britannico all'apogeo e  [...] Vai alla recensione »

martedì 6 febbraio 2018
cla_66s

Non amo in maniera particolare i  film di guerra (ho sofferto a vedere Dunkinrk, per tutti un capolavoro...!) ma questo non lo è. Churchill, un vero statista, figura oramai assente in ogni panorama internazionale.   Che tristezza...!  Gary Oldman, da oscar:  insuperabile!!  

sabato 14 luglio 2018
ralphscott

Poco da dire. Costruito sullo spessore di un mattatore, la messa in scena procede con linearità,cura dei particolari e l'affidabilità di un regista,non nuovo a descrivere episodi storici,che in altre occasioni ha girato opere più ricche,ma anche più di superficie. Espiazione è il suo film che preferisco.

venerdì 8 giugno 2018
Alejazz

Premesso che mi piacciono particolarmente i film storici, trovo il film ben riuscito con azioni che si susseguono una dopo l'altra e un Wiston Churchill carichissimo.  Bravo l'attore protagonista spalleggiato da altrettanti bravi attori del cast.  Ho visto il film anche in lingua originale e ammetto che la qualità della pellicola cresce ancora di più.

domenica 22 aprile 2018
tiz

Film ben confezionato. Ben diretto. Si dimenticherebbe presto se non che... la straordinaria interpretazione di un grandissimo attore Gary Oldman. Geniale, umano, mai compiaciuto. Perfetto. Semplicemente perfetto.

domenica 4 febbraio 2018
Marco

Forse una delle più grande interpretazioni del grande Gary Oldman. Da vedere!

mercoledì 31 gennaio 2018
Corazzata Potiomkin

La trama riguarda le vicende siccedutesi nell'arco di poco più di un mese: da maggio a giugno del 1940 Winston Churchill, appena nominato Primo Ministro, deve affrontare situazioni cruciali in un clima di avversione e sfiducia, senza l'appoggio del suo partito né del Re. L'interpretazione di Holdman è da Oscar e io, da appassionato di storia, mi sono goduto la narrazione [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 gennaio 2018
elpiezo

 Un sontuoso Gary Oldman interpreta Winston Churcill, il premier inglese che nonostante il persistente scetticismo dei politici britannici, si oppone al giogo nazista e mobilita la nazione alla vittoria finale. Prodotto biografico e drammatico, l'Ora Più Buia è un tetro ritaglio di retorica e politica, un viaggio negli austeri uffici ricolmi di oratoria e contraddizioni, dove [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 gennaio 2018
carloalberto

  Biografico, storico, claustrofobico, aneddotico, tutto incentrato sull’uomo Churchill e sul politico Churchill, Gary Oldman da Oscar. Interessante e a tratti divertente e persino commovente. Da vedere e da far vedere ai giovani. Punto di partenza per approfondimenti sulla storia dell’Inghilterra e dell’Europa nel periodo della seconda guerra mondiale.

sabato 27 gennaio 2018
oscar77

dimenticatevi Gary Oldman, in questo film vedrete Winson Churchill..... in questa pellicola vi godrete una delle più belle interpretazioni della storia del cinema, paragonabili solamente al Gandhi di Ben Kingley, a Hitler di Alec Guinness, a Michael Corleone di Al Pacino e a pochissimi altri, tutto il resto del film è storia splendidamente narrata.

sabato 27 gennaio 2018
Inesperto

Signore e signori, Gary Oldman è tornato. Dopo anni di appannamento possiamo dire di aver ritrovato l'eccezionale interprete del Dracula di Bram Stoker. Il film tratta soprattutto le vicende di politica interna che ebbe ad affrontare Churchill fino alla riuscita oprazione di salvataggio dei soldati britannici sulla spiaggia di Dunkerque. Un bel film.

giovedì 25 gennaio 2018
Serpao

Interpretazione eccelsa, sono riusciti a riprodurre la vera sensazione che un film sotrico dovrebbe riuscire a replicare; atmosfere, luci pause, ironia. Oldman superbo come hanno detto in tanti. Effettivamente sembra di avere Churchill in persona sullo schermo e la sua potenza stacca gli alri protagonisti ma alla fine avvalora il tutto rendendo vivida e realista l'atmosfera.

domenica 21 gennaio 2018
goldy

In questi tempi     di negazione del merito a favore del "Uno vale uno" fa bene vedere un film che smentisce nettamente questa ridicola faciloneria. Un ennesimo omaggio alla lungimiranza e alla tenacia di Winston Churchill splendidamente interpretato da Gary Oldman. Con una scelta narrativa che si  rifa alla migliore tradizione britannica esalta la compattezza proverbiale [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 gennaio 2018
abartolucci

Un film bolso come il suo protagonista, indubbiamente in gran forma cinematografica, il solo a reggere una storia decisamente semplicistica e di una lentezza terribile.  Lunghi ed inutili silenzi fanno da contorno ad un contesto appena accennato: la trama storica cede il passo, tristemente, ad un taglio psicologico di cui non si sentiva il bisogno.

FOCUS
INCONTRI
venerdì 22 dicembre 2017
 

Gran Bretagna, 1940. È una stagione cupa quella che si annuncia sull'Europa, piegata dall'avanzata nazista e dalle mire espansionistiche e folli di Adolf Hitler. Il Belgio è caduto, la Francia è stremata e l'esercito inglese è intrappolato sulla spiaggia di Dunkirk. Dopo l'invasione della Norvegia e l'evidente spregio della Germania per i patti sottoscritti con le nazioni europee, la camera chiede le dimissioni a gran voce di Neville Chamberlain, Primo Ministro incapace di gestire l'emergenza e di guidare un governo di larghe intese. A succedergli è Winston Churchill, con buona pace di re Giorgio VI e del Partito Conservatore che lo designa per soddisfare i Laburisti.

"Con L'Ora Più Buia - Darkest Hour, abbiamo dato nuova vita a discorsi eccezionali pronunciati in circostanze eccezionali che ne hanno comunque modellato la scrittura. Spesso non si ricorda che Winston iniziò la propria carriera come giornalista. La scrittura è stato il suo primo grande talento, quello in cui è riuscito sempre meglio".

Diretto dal regista londinese Joe Wright - protagonista dell'intervista che presentiamo in esclusiva - L'Ora Più Buia - Darkest Hour sarà al cinema dal prossimo 18 gennaio. Nel cast, tra gli altri, troviamo Gary Oldman, Lily James, Ben Mendelsohn, Kristin Scott Thomas e Richard Lumsden.

Frasi
Il successo non è mai definitivo, il fallimento non è mai fatale; è il coraggio di continuare che conta.
Una frase di Winston Churchill (Gary Oldman)
dal film L'ora più buia - a cura di Sergio Martinez
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 18 gennaio 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Maggio 1940. Mentre le armate di Hitler dilagano per l'Europa, in Gran Bretagna si dimette il primo ministro Chamberlain, che si è mantenuto su una linea di attendismo e diplomazia. Viene eletto Winston Churchill, poco amato dai compagni di partito e dalla monarchia. Alle sue spalle c'è una serie di fallimenti, a cominciare dalla disfatta dei Dardanelli nella I Guerra Mondiale, e ora si trova a fronteggiare [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 gennaio 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Maggio, 1940. Il neo Primo Ministro britannico, Winston Churchill, è chiamato a una decisione fondamentale. Le truppe tedesche, dopo la caduta di Francia e Belgio, stanno per invadere la Gran Bretagna. La situazione è da spalle al muro e i suoi stessi compagni di partito gli remano contro. Firmare una pace forzata e penalizzante, o cercare di difendere la propria autonomia e libertà? Uno dei film più [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 febbraio 2018
Daniela Ceselli
Left

Il nuovo film di Joe Wright L'ora più buia narra la storia delle 4 settimane che vedono il primo ministro britannico Churchill impegnato nell'operazione Dynamo prima della disfatta di Dunkerque. Siamo nel 1940, Chamberlain - principale responsabile del trattato di Monaco - ha dato le dimissioni; il ministro degli esteri Halifax vorrebbe succedergli, ma non ha il coraggio di sopportare il gravoso compito [...] Vai alla recensione »

domenica 28 gennaio 2018
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Lingua inglese, corri allearmi! C'è tutta la potenza dell'idioma di Shakespeare nei discorsi con cui Winston Churchill convince i suoi connazionali della necessità di portare la guerra contro la Germania nazista fino alle sue estreme conseguenze. «We'll never surrender», non ci arrenderemo mai. Facile a dirsi, ben più difficile metterlo in pratica quando l'esercito britannico è chiuso nella sacca di [...] Vai alla recensione »

sabato 27 gennaio 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Come lezione di storia può divertire. Come film è verboso e didattico. Le parole sono pronunciate con solennità dai membri del Parlamento (tra una protesta e l'altra, non sembrano neppure inglesi). Oppure biascicate in privato da Winston Churchill, primo ministro appena eletto a cui subito i nemici misurano il tasso alcolico. In pubblico, nei discorsi radiofonici che tanto spaventavano il sovrano balbuzient [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 gennaio 2018
Alessandra De Luca
Avvenire

Il tormento interiore di Winston Churchill, da quando venne nominato primo ministro a Londra a quando rifiutò i trattati di pace con Hitler, che avrebbero visto Mussolini come mediatore. L'ora più buia, diretto da Joe Wright e interpretato da un irriconoscibile Gary Oldman, Golden Globe come miglior attore, è un ritratto appassionante di un uomo all'inizio assai controverso, burbero, aggressivo, spesso [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 gennaio 2018
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Corpo e parola. Winston Churchill era sostanzialmente questo, e da tale binomio un buon film sulla sua figura non poteva prescindere. Così accade che Darkest Hour - L'ora più buia di Joe Wright trovi il suo senso d'esistere nella potente performance "corporale e verbale" - la migliore a oggi - di un grande attore come Gary Oldman. In estrema sintesi, lui è il film.

giovedì 18 gennaio 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Si apre il 9 maggio 1940, con le dimissioni di Chamberlain e (il 10) l'imprevista nomina a Primo Ministro di Winston Churchill; e si conclude il 28 di quel mese con un suo risolutivo discorso, entusiasticamente salutato dall'intera Camera, sulla necessità di continuare la guerra contro Hitler. Nel mezzo scorrono i venti giorni di L'ora più buia, durante i quali Churchill si trova a fare i conti con [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 gennaio 2018
Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Professione: grand'uomo. Per intima e altera convinzione, nonostante che prima di una formidabile prova del fuoco fosse stato bollato come uno sconsiderato avventuriero che privilegiava unicamente sé stesso, da vera e propria zavorra sociale in un Paese dove il classismo non perdona. Ma la Storia non ha smentito la sua eccezionalità di personaggio e di statista, anzi ne ha accresciuto la caratura, [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 gennaio 2018
Francesco Alò
Il Messaggero

Ci voleva un bambino per convincere gli adulti a sconfiggere Hitler. È questa l'idea alla base del nuovo, ennesimo, Winston Churchill (tre kolossal biografici nell'ultimo anno tra cinema e tv) dentro L'ora più buia di Joe Wright. Il celeberrimo Primo Ministro inglese di "sangue, fatica, lacrime e sudore" è ritratto come un bambinone irruento e anticonvenzionale in questo bel dramma politico ambientato [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 gennaio 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

Imperniato sulla ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti dell'Inghilterra nella Seconda guerra mondiale, il film del londinese Wright («Anna Karenina») ha praticamente ipotecato la statuetta per il miglior attore alla prossima edizione degli Oscar. Gary Oldman, infatti, al di là dello strenuo lavoro del truccatore, è superlativo nello scolpire Winston Churchill anche sul piano del [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 gennaio 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Cedere o non cedere, questo è il problema. Maggio '40, Churchill all'incrocio della Storia, ma è una gabbia claustrofobica, vorticata (anche formalmente, come fa Wright, "Espiazione", "Anna Karenina") intorno al mattatore e al suo piedistallo per un «ritratto del leader da re». Questo lascerà forse insoddisfatti i cercatori di fatti e documenti. Accettando invece la favola, con i simboli e i miti, [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
venerdì 19 gennaio 2018
Andrea Chirichelli

Il film con Rovazzi, Il vegetale, non rispetta le aspettative e apre solo al quinto posto in classifica con un incasso di 84mila euro. È un film che sulla carta potrebbe migliorare molto nel weekend ma chi si aspettava il botto, vista la popolarità [...]

VIDEO RECENSIONE
martedì 26 dicembre 2017
 

Gran Bretagna, 1940. È una stagione cupa quella che si annuncia sull'Europa, piegata dall'avanzata nazista e dalle mire espansionistiche e folli di Adolf Hitler. Il Belgio è caduto, la Francia è stremata e l'esercito inglese è intrappolato sulla spiaggia [...]

winner
miglior attore
Premio Oscar
2018
winner
miglior trucco
Premio Oscar
2018
winner
miglior attore in un film dram.co
Golden Globes
2018
winner
miglior attore
BAFTA
2018
winner
miglior trucco
BAFTA
2018
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati