2001: Odissea nello spazio

Acquista su Ibs.it   Soundtrack 2001: Odissea nello spazio   Dvd 2001: Odissea nello spazio   Blu-Ray 2001: Odissea nello spazio  
Un film di Stanley Kubrick. Con Keir Dullea, Gary Lockwood, William Sylvester, Daniel Richter, Leonard Rossiter.
continua»
Titolo originale 2001: A Space Odyssey. Fantascienza, Ratings: Kids+16, durata 140 min. - USA, Gran Bretagna 1968. - Warner Bros Italia uscita lunedì 4 giugno 2018. MYMONETRO 2001: Odissea nello spazio * * * * 1/2 valutazione media: 4,84 su 360 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Miglior film di Kubrick e non solo... Valutazione 5 stelle su cinque

di Dodo


Feedback: 0
mercoledì 4 ottobre 2006

E’ estremamente difficile apprestarsi a recensire un simile capolavoro, perché in quanto capolavoro, possiede nel suo essere molteplici aspetti non facili da analizzare, tanto meno da sintetizzare. “2001 : Odissea nello spazio” è certamente l’opera più riuscita di Kubrick sotto tutti i punti di vista, e rappresenta un cult, “il big ban dal quale scaturì una nuova generazione di registi”, come sostenne lo stesso Spielberg. A rendere tale film l’opera magna della cinematografia del nostro secolo, sono i tanti temi che si intrecciano, si susseguono in un resoconto della storia dell’uomo : a partire dall’inarrestabile ricerca della verità, caratteristica propria dell’individuo umano, al continuo tentativo di potenziamento delle proprie capacità. E’ un film che parte dal passato per rivolgersi al futuro, identificato dal troppo ottimistico Kubrick niente meno che nell’ormai superato 2001, data che nel film simboleggia il supremo traguardo raggiunto dall’uomo, ovvero : il raggiungimento della velocità della luce, che sarà sfruttata dall’astronauta Bowman al fine di realizzare un viaggio senza ritorno verso i confini dell’immortalità. Ma partiamo dalle origini, ovvero dagli albori dell’umanità rappresentati da Kubrick : l’uomo scimmia che vive in gruppi in lotta fra loro, e che impara ad adoperare gli utensili, fino ad accendere la scintilla dell’intelligenza in uno dei passaggi più celebri della storia del cinema; ovvero quando un uomo – scimmia lancia un osso in aria, ed a un tratto ci ritroviamo in un ambientazione del tutto differente : al posto dell’osso, per contrasto metaforico, vediamo un’astronave sospesa nel vuoto dello spazio. Da qui la storia principale del film, che narra le vicenda di due astronauti impegnati in una missione a loro in parte sconosciuta : raggiungere Giove alla ricerca di un monolite nero ritrovato anche sulla Luna, elemento fondatore e fautore di vita. L’unico aspetto, per noi non favorevole, riguarda proprio questa scelta di Kubrick : ovvero catapultare nel monolite nero la credenza umana, dunque la fede su un principio iniziatore del tutto, sul mistero della vita. Ma comprendiamo bene che tale scelta è dovuta anche al fine di coinvolgere il più possibile larga fascia di spettatori senza operare distinzioni; o semplicemente riflette, sempre a livello metaforico, un esigenza morale dell’autore; non sappiamo. In ogni caso, se da un punto di vista filosofico riteniamo l’idea bizzarra, da un punto di vista prettamente estetico si può dire riuscita, anche tenendo conto di un aspetto concernente la spettacolarità. In ogni caso è impossibile non soffermarsi sul fascino delle scene che dipingono la grandiosità del paesaggio spaziale (a proposito oscar per migliori effetti visivi; ma il film meritava anche qualche altro oscar!!). Kubrick non ha bisogno di dialoghi per comunicare quanto e più sia necessario, basta per questo la sua regia sapiente, ed il risultato sono solo 35 min di dialogo su 2 ore e 21 min. Semplicemente straordinario e innovativo, e ciò dimostra che in determinati film, se la regia è intelligente, i dialoghi divengono perfino accessori. Certamente però quei pochi dialoghi che il nostro udito ha l’interesse di ascoltare, da una sinfonia di Strass all’altra, risultano quanto mai preziosi e costituiscono, a nostro parere, i frammenti del miglior cinema che sia mai stato fatto fino ad oggi. Impossibile non soffermarsi sul cuore, sulla parte centrale del film, resa dall’enigmatico quanto paurosamente “umano” calcolatore Hall 9000. In questi punti, a nostro avviso, si coglie il cuore pulsante del film, si colgono le migliori riflessioni sul rapporto tra uomo e macchina, ambientate in un ipotetico futuro. Si può ragionare su ciò che differenzia oggi l’individuo umano dalle altre specie viventi o meccaniche : la ragione. La quale però nel film appare propria anche del calcolatore di bordo, il quale possiede e dirige tutte le competenze e le mansioni sull’astronave, per la sfortuna, come vedremo, dei due astronauti. Hall 9000 infatti, oltre a racchiudere in sé la velocità di elaborazione che gli stessi uomini conferiscono a loro vantaggio alle macchine calcolatrici, possiede una “mente artificiale”, e mostra, oltre che una spiccata propensione al ragionamento logico e psicologico, anche una certa considerazione di sé, e più specificatamente un orgoglio micidiale che risulterà problematico per i due astronauti. Infatti dopo un errore dell’elaboratore (che non perde occasione di sottolineare la sua superiorità rispetto all’uomo) i due astronauti decidono di “escluderlo” , ovvero di prendere direttamente il controllo delle operazioni sull’astronave. La loro scelta risulterà però drammatica. Infatti nella scena più bella del film (geniale), e a nostro parere il frammento più riuscito della storia del cinema, i due astronauti si chiudono in una capsula isolando sonoramente l’elaboratore, in modo da impedirgli di ascoltare ciò che si sarebbero detti riguardo il futuro della missione e riguardo una sua ipotetica esclusione dalla continuazione della stessa. Ma Hall 9000 carpirà tutto leggendo il movimento delle labbra dei due astronauti!!! Anche la susseguente reazione del calcolatore da spunto a varie riflessioni, e risulta fantastica ed unica nel suo genere. La freddezza dei due attori “umani”, ricercata dalla stesso Kubrick, contrasta con la perspicacia e la vivacità del calcolatore. La scena finale nella quale l’elaboratore implora Bowman , unico sopravissuto, di non scollegarlo, ci mostra l’ “umanità” di esso, il quale pronuncia una frase chiave : “Ho paura!”….che ovviamente si commenta da sola. Infine il viaggio intergalattico, il raggiungimento della velocità della luce, che secondo una teoria di Einstein, abbrevia la durata del tempo, dunque consente di invecchiare lentamente, è richiamata nel fantascientifico (forse troppo) finale. Comunque un eccezionale film che evidenzia tra l’altro, l’abilità di un Kubrick, che oltre ad una massiccia dose di ironia sui generis , sa adoperare quando necessario una straordinaria profondità e sensibilità.

[+] lascia un commento a dodo »
Sei d'accordo con la recensione di Dodo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
51%
No
49%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
birba giovedì 14 dicembre 2006
sei un genio...
60%
No
40%

sei un genio...

[+] lascia un commento a birba »
d'accordo?
2001: Odissea nello spazio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | andrea
  2° | mauro lanari
  3° | giannies
  4° | gordo95
  5° | cinemalife
  6° | kingleo53
  7° | paolopace
  8° | flegiàs tn
  9° | dodo
10° | andrea
11° | antonio barry
12° |
13° | adriano sgarrino
14° | weach
15° | stefano
16° | pacittipaolo
17° | e. hyde
18° | fulvio p.
19° | step99scream
20° | forgy
21° | neopolo marte miniel
22° | paolocorsi
23° | sir gient
24° |
25° | nicola grimolizzi
26° | filippo catani
27° | jayan
28° | chriss
29° | reservoir dogs
30° | ixaxar
31° | gianpaolo
32° | angelo
33° | il cinefilo
34° | luca scial�
35° | giorpost
36° | stefaniapuma
37° | paolo vattelappesca
38° | cress95
39° | igor74
40° | wadirum48
41° | goliadkin
42° | paolopacitti
43° | topo paolino
44° | topo paolino
45° | paolo 67
46° | great steven
47° | simon90
48° | paolino77
49° | evghen950
50° | catullo
51° | ilsettimosamurai
52° | weach
53° | giorgio
54° | franz
55° | albydrummer
56° | weach
57° | chriss
58° | weach
59° | attiliocoppa
60° | angelino67
61° | paolo 67
62° | jetset
63° | enricosls91
64° | jekyll
65° | weach
66° | weach
67° | weach
68° | oscar77
69° | brando fioravanti
70° | io
71° | marvelman
72° | eph
73° | ghik
74° | weach
75° | marco tn
76° | jacopo b98
77° | i'para
78° | chriss
79° | alex41
80° | paolo 67
81° | weach
82° | marco86
83° | paolo 67
84° | paleutta
85° | weach
86° | weach
87° | nick castle
88° | sperminator
89° | weach
90° | chriss
91° | nazareno nicoletti
92° | il cinefilo
93° | mondolariano
94° | alessio
95° | rudy_50
96° | kyle
97° | antonio
98° | paolo 67
99° | weach
100° | vincent vega
101° | chriss
102° | marco 91
103° | weach
104° | paolo bisi
105° | weach
Premio Oscar (8)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Video recensione
la video recensione
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 |
Link esterni
sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledì 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico è per se...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità