2001: Odissea nello spazio

Acquista su Ibs.it   Soundtrack 2001: Odissea nello spazio   Dvd 2001: Odissea nello spazio   Blu-Ray 2001: Odissea nello spazio  
Un film di Stanley Kubrick. Con Keir Dullea, Gary Lockwood, William Sylvester, Daniel Richter, Leonard Rossiter.
continua»
Titolo originale 2001: A Space Odyssey. Fantascienza, Ratings: Kids+16, durata 140 min. - USA, Gran Bretagna 1968. - Warner Bros Italia uscita lunedý 4 giugno 2018. MYMONETRO 2001: Odissea nello spazio * * * * 1/2 valutazione media: 4,84 su 359 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Superlativa riflessione esistenziale Valutazione 5 stelle su cinque

di giannies


Feedback: 1017 | altri commenti e recensioni di giannies
lunedý 10 luglio 2017

Kubrick inscena superbamente una pellicola basata su una ben definita riflessione filosofica, ovvero quella dedicata al problema esistenziale dell'uomo, senza però lasciarsi sfuggire la trattazione di svariati temi importanti e -specialmente oggigiorno- interessanti, ossia quello dell'intelligenza artificiale, della tecnologia come strumento per ricongiungersi alla verità e soprattutto (almeno è ciò che, personalmente ho notato maggiormente) del comportamento omogeneo di qualsiasi essere vivente nei confronti di ciò che non conosciamo. 
E' proprio tale problema che viene trattato durante la prima parte del film, all'alba dell'essere umano, quando ancora le scimmie popolavano la terra; come l'uomo schiavi delle proprie esigenze primarie, lottano per la loro sopravvivenza, si contendono il cibo ed arrivati ad un certo punto sentono quel primordiale bisogno di dominare (scena in cui una scimmia afferra e brandisce una clava). E' questo significato la chiave per ricondurci al desiderio della scimmia, ovvero dell'uomo, di conoscere la verità: cosa che ha un limite, perché sappiamo che non a tutto c'è sempre una risposta. E questo lo spiega l'apparsa del misterioso monolite, simbolo dell'ignoto che molto spesso ci affligge, probabilmente persino di astrazione divina (possiamo notare ciò dalla perfezione peculiare di cui la lastra è provvista). Le scimmie, da esseri mortali, gironzolano attorno al corpo estraneo, cercano di conoscerlo attraverso l'utilizzo dei sensi (toccandolo, odorandolo) ma non riescono a svelarne l'effettiva essenza. 
Nella seconda parte della pellicola possiamo benissimo accorgerci del comportamento praticamente congruente che hanno gli uomini moderni, curati e contenuti, rispetto alle scimmie nei confronti del monolite, ritrovato nel 1999 sotto il suolo della Luna da una compagnia di astronauti. Questo spiega come l'uomo, per quanto avanzato e tendente sempre di più alla modernizzazione, di fronte a ciò che non conosce e non può conoscere ritorni al suo stadio primordiale.  
Nella terza parte dell'Odissea kubrickiana si ha la missione Giove, nel 2001: trattasi il tema dell'ibernazione, attualissimo ancora oggi, oltre che quello dell'intelligenza artificiale che, molto originalmente, pare sia così avanzata da sfociare in una situazione di sensibilità quasi umana. La tecnologia stessa si ritrova in una condizione di conflitto interiore: giurato in precedenza di non rivelare agli astronauti il vero scopo del viaggio, la mente artificiale deve dirigere il controllo dell'intera astronave oltre che tener conto di ciò che dicono gli astronauti al suo interno. Quando questi ultimi arrivano a mettere in dubbio la sua funzionalità, il cervello artificiale si ribella sentendosi in grado di dirigere da solo l'astronave ed occuparsi della missione e volendosi liberare di tutti gli umani che vi abitano, ma uno di questi riesce comunque a disattivarlo: qui colpisce la tecnologia antropomorfizzata, la paura che anche questa nutre nei confronti dell'ignoto. Lo stesso astronauta arriverà, tramite un video, a scoprire il vero scopo del viaggio: ovvero quello di ritrovare il monolite che, due anni prima, era stato ritrovato sotto il suolo della Luna. Fantastiche fino a qui le danze delle astronavi nell'universo, che paiono girare attorno senza un'effettiva meta alla ricerca di una risposta. 
Nella quarta ed ultima parte del film si raggiunge Giove, immensa ed indecifrabile, non alla portata dell'uomo, la terra del monolite, la terra di Dio, di Zeus figuratamente: l'uomo sopravvissuto nell'astronave si perde nell'infinito che il pianeta trasfigura, vicina può essere l'interpretazione di una crisi esistenziale, oppure della volontà di afferrare un qualcosa che purtroppo è inafferabile. Le immagini che si susseguono sembrano quasi dipinti impressionistici, e questo in parte è stato rivelato dallo stesso Kubrick, che afferma di aver voluto creare un'esperienza visiva,  « che aggiri la comprensione per penetrare con il suo contenuto emotivo direttamente nell'inconscio. » quasi come un'impressione che lo stesso regista ha dell'infinito, dell'ignoto e di tutto ciò che non è conoscibile.
Trattasi anche del sublime, che pare sbordare dallo schermo tanto che è potente ed incontenibile, specie nelle sequenze dedicate alle tempeste e ai "mari" su Giove.
E la scena finale, come nei grandi capolavori, lascia ulteriormente gli spettatori in prossimità di un incrocio, in cui ognuno può seguire una propria interpretazione. 
Il personaggio sopravvissuto al viaggio è trasfigurato in una stanza in stile imperiale, dove si lascia e "si vede" invecchiare: da notare è la scena in cui si guarda allo specchio, in un'ulteriore analisi di introspezione, chiedendosi con gli occhi chi e cosa effettivamente sia rapportato al grande universo che -con gli stessi occhi- ha contemplato. 
In procinto di morire, si rivede davanti il monolite: tende verso di lui, non lo tocca ma in un certo qual modo lo raggiunge: intanto il vecchio si trasforma in un feto, che, nella scena finale, tende gli occhi verso il mondo che lo attende: la Terra, immensa ma così piccola da essere a grandezza d'uomo. 
Fantastici gli effetti speciali, che infatti si sono avvalsi di un Oscar, giusta la sceneggiatura, inarrivabile la regia. Grandiosa è la fotografia, che fa di questo film una pellicola grandiosamente futuristica, veramente attuale; non sembra un film del '68 ma quasi dei giorni nostri. Un lavoro a dir poco eccellente, che in due ore rappresenta tempi e spazi dilatati all'infinito. 

[+] lascia un commento a giannies »
Sei d'accordo con la recensione di giannies?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
86%
No
14%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di giannies:

2001: Odissea nello spazio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | andrea
  2░ | mauro lanari
  3░ | giannies
  4░ | gordo95
  5░ | cinemalife
  6░ | kingleo53
  7░ | paolopace
  8░ | flegiÓs tn
  9░ | dodo
10░ | andrea
11░ | antonio barry
12░ |
13░ | adriano sgarrino
14░ | weach
15░ | stefano
16░ | pacittipaolo
17░ | e. hyde
18░ | fulvio p.
19░ | step99scream
20░ | forgy
21░ | neopolo marte miniel
22░ | paolocorsi
23░ | sir gient
24░ |
25░ | nicola grimolizzi
26░ | filippo catani
27░ | jayan
28░ | chriss
29░ | reservoir dogs
30░ | ixaxar
31░ | gianpaolo
32░ | angelo
33░ | il cinefilo
34░ | luca scial�
35░ | giorpost
36░ | stefaniapuma
37░ | paolo vattelappesca
38░ | cress95
39░ | igor74
40░ | wadirum48
41░ | goliadkin
42░ | paolopacitti
43░ | topo paolino
44░ | topo paolino
45░ | paolo 67
46░ | great steven
47░ | simon90
48░ | paolino77
49░ | evghen950
50░ | catullo
51░ | ilsettimosamurai
52░ | weach
53░ | giorgio
54░ | franz
55░ | albydrummer
56░ | weach
57░ | chriss
58░ | weach
59░ | attiliocoppa
60░ | angelino67
61░ | paolo 67
62░ | jetset
63░ | enricosls91
64░ | jekyll
65░ | weach
66░ | weach
67░ | weach
68░ | oscar77
69░ | brando fioravanti
70░ | io
71░ | marvelman
72░ | eph
73░ | ghik
74░ | weach
75░ | marco tn
76░ | jacopo b98
77░ | i'para
78░ | chriss
79░ | alex41
80░ | paolo 67
81░ | weach
82░ | marco86
83░ | paolo 67
84░ | paleutta
85░ | weach
86░ | weach
87░ | nick castle
88░ | sperminator
89░ | weach
90░ | chriss
91░ | nazareno nicoletti
92░ | il cinefilo
93░ | mondolariano
94░ | alessio
95░ | rudy_50
96░ | kyle
97░ | antonio
98░ | paolo 67
99░ | weach
100░ | vincent vega
101░ | chriss
102░ | marco 91
103░ | weach
104░ | paolo bisi
105░ | weach
Premio Oscar (8)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Video recensione
la video recensione
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 |
Link esterni
sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledý 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrÓ
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledý 30 settembre
Gli spostati
mercoledý 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedý 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedý 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledý 9 settembre
Fantasy Island
martedý 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledý 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedý 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledý 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico Ŕ per se...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità