Paprika - Sognando un sogno

Film 2006 | Animazione 90 min.

Anno2006
GenereAnimazione
ProduzioneGiappone
Durata90 minuti
Regia diSatoshi Kon
Uscitavenerdì 15 giugno 2007
TagDa vedere 2006
MYmonetro 3,07 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Satoshi Kon. Un film Da vedere 2006 Genere Animazione - Giappone, 2006, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 15 giugno 2007 - MYmonetro 3,07 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Paprika - Sognando un sogno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un'investigatrice risolve i suoi casi grazie alle intuizioni avute in sogno. In Italia al Box Office Paprika - Sognando un sogno ha incassato 13,3 mila euro .

Paprika - Sognando un sogno è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Powered by  
Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,67
PUBBLICO 3,53
CONSIGLIATO SÌ
Intenso psyco-thriller animato, in bilico tra sogno e realtà.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 3 settembre 2006
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 3 settembre 2006

Atsuko Chiba è una psicoterapeuta che cura i traumi dei suoi pazienti interagendo direttamente col loro mondo onirico. La terapia è in grado penetrare i sogni e di esplorare l'inconscio mediante il DC-Mini, un dispositivo che apre incredibili prospettive nel trattamento dei disturbi psichici. Prima ancora di essere brevettato, il congegno rivoluzionario viene trafugato e il Dottor Shima, direttore e mentore di Atsuko, imprigionato nel sogno dissennato e delirante di un folle. Il misterioso nemico è deciso a interferire coi sogni degli uomini, a manipolarli e a governare sul mondo sognato e su quello reale. L'uso scorretto del DC-Mini potrebbe infatti annichilire la personalità e la volontà del sognatore. Konakawa, un detective che odia il cinema ma sogna per generi cinematografici, decide di indagare. Nelle indagini al confine con l'inconscio lo aiuteranno Paprika, alter ego onirico della dottoressa Atsuko, e il dottor Tokita, pingue inventore del prototipo.
Trasposto assai liberamente da un romanzo di Yasutaka Tsutsui (maestro della letteratura fantascientifica giapponese), Paprika è un'opera metacinematografica, un'apocalisse onirica che confonde magnificamente i piani del reale, del sogno, del fantastico e del cinematografico. Satoshi Kon replica la magia di Perfect Blue, disegnando un nuovo psyco-thriller animato che unisce al realismo del disegno la libertà immaginativa delle trame, senza temere di deludere le aspettative di estimatori e spettatori. Dopo l'incalzante opera prima, piena di false piste, il geniale animatore nipponico inventa una macchina fantastica capace di penetrare i sogni e di trasformarli in film. Il villain è un ladro che ruba l'anima e la psiche di chi dorme. L'eroina è una dottoressa che recupera i sogni dei sognatori. Il giustiziere è un detective con fobie cinematografiche. Il luogo è un futuro prossimo. Il motore è una macchina, il DC-Mini, che come il cinema svolge, rallenta, scompone e analizza la "materia onirica". Così la realtà, come la trama, diventerà presto inafferrabile per i protagonisti animati e per gli spettatori.
Realizzare un film è un po' come realizzare un sogno, e se Michel Gondry ritaglia cartoncini e arriccia carta crespa per narrarne "l'arte", Satoshi Kon si confronta con la scienza di Freud e col cinema dal vero usando l'animazione come elaborazione artistica e non come una semplice registrazione del reale. Personaggi, città e luoghi fantastici sono restituiti in modo da non assecondare i luoghi comuni che ne trascurano la realtà complessa e stratificata. L'originalità del regista giapponese consiste nell'uso di una grammatica che fa riferimento al mondo "reale" dell'immaginazione e che sfida a colpi di "spezia" i pregiudizi nei confronti delle immagini animate. Paprika porta all'estremo le tematiche del "perfetto blu", continuando a esplorare le relazioni sogno/realtà, immaginazione e realtà, fino a confonderle e a sovrapporle, fino a produrre uno stordimento nel quale perdere trama e spettatore.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Indagini oniriche di una detective.
Recensione di Francesca Felletti

Esiste un mondo più libero, fantasioso e anarchico di quello onirico? I giapponesi Satoshi Kon, maestro dell'animazione, e Yasutaka Tsustsui, famoso scrittore sci-fi, raccontano la storia di Atsuko, scienziata dotata di superpoteri che lavora in un centro di ricerca dove si sta ultimando la creazione di un congegno in grado di penetrare e visualizzare i sogni di chi lo utilizza. Il suo alter ego, Paprika, utilizza l'invenzione per analizzare e curare le psicosi dei suoi pazienti. Misteriosi eventi nel laboratorio portano a scoprire la presenza di una forza maligna che sta usando la macchina per controllare e distruggere la mente delle persone. La difficoltà per il poliziotto che conduce le indagini e per gli stessi studiosi diventa quella di distinguere la realtà dal sogno. La stessa affascinante difficoltà che incontra lo spettatore di questo rutilante spettacolo visivo.
Le sequenze cambiano a ogni istante ambientazione e personaggi: si passa da un'inquietante e coloratissima parata mascherata, a sirene nel mare profondo, a un'orda di farfalle blu. E i riferimenti cinematografici si sprecano perchè come spiega Paprika a un paziente, il sonno è come la sala di un cinema in cui si vedono prima i cortometraggi, poi, con la fase Rem, i film da botteghino. Citazioni dai grandi classici: il Kubrik di Shining, il William Wyler di Vacanze romane, l'Hitchcock de Il Club dei 39. Ma anche autocitazioni dello stesso autore (Tokyo Godfathers). E poi continue trasformazioni del punto di vista: i personaggi entrano, come in altri mondi, nello schermo del cinema, in quello della televisione e del pc, nei cartelloni pubblicitari. Un film che procede per frenetica accumulazione, spostando e disorientando in continuazione l'attenzione in un caleidoscopio di forme e colori. Un parco giochi, una giostra, le montagne russe. Allacciare le cinture.

Sei d'accordo con Francesca Felletti?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Film d'animazione per adulti, scritto da Kon e Seishi Minakami, dal romanzo omonimo (1991) di Tsutsui Yasutaka. Il DC Mini è un apparecchio che permette allo psichiatra di condividere i sogni del paziente. Tre esemplari del prototipo sono trafugati dal laboratorio dell'inventore, che con i suoi assistenti apre le indagini sul furto, ma va fuori di testa e tenta il suicidio: i ladri gli hanno messo nel cervello il sogno delirante di un paziente. C'è il sospetto di un complotto. Per sventarlo la dr. Chiba - che ha sperimentato il DC Mini - prende le sembianze di Paprika, sensuale detective dei sogni. Quest'invasione del reale da parte dell'onirico è il filo conduttore della storia. Lo si vede già dalla enigmatica sequenza d'apertura che si rivela come un sogno. Al binomio realtà/sogno si aggiunge una terza componente: il cinema. Nell'analisi che ne fa Chiba/Paprika, protagonista dalla doppia identità, i sogni corrispondono a diverse tipologie cinematografiche, cioè a citazioni (da Hitchcock a Tartan ai film precedenti di Kon). Un analogo conflitto sta nella dimensione sessuale della storia: "Se la via genitale è quella della corruzione del maschile... quella orale, eterodossa, sovversiva e femminile conduce alla salvezza finale" (P. Bertolin).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PAPRIKA - SOGNANDO UN SOGNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+

-
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99 €9,99
€9,99 -
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 6 marzo 2013
Beppe Baiocchi

Quale è la distanza tra sogno è realtà. Questo sembra chiedere a gran voce Sathoshi Kon con il film Paprika, sognando un sogno. Un film complicato nella storia e nelle tematiche ma davvero gradevole.  Atsuko Chiba è una psicoterapeuta che in segreto con lo pseudonimo di Paprika tramite ad un congegno in fase di sperimentazione (il DC-Mini) entra nei sogni altrui e [...] Vai alla recensione »

domenica 15 giugno 2014
La Druga

Ben quattro anni prima di Inception Satoshi Kon ci ha regalato un viaggio attraverso la mente umana e il sogno, in cui ogni cosa può accadere ed ogni freno inibitorio è assente. Nei sogni riportiamo i nostri traumi, le nostre paure più recondite e al contempo i nostri desideri, è un mondo parallelo che creiamo ed in cui esprimiamo davvero noi stessi, senza il timore di essere [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 febbraio 2015
I'Para

Sicuramente, come già abbondantemente scritto, il nucleo del film è costituito dalla "fusione" dei sogni con la realtà, dell'affluenza dei primi nella seconda (o viceversa, a seconda dei punti di vista), e degli annessi confondimenti e associazioni libere. Grazie a questo escamotage, Kon dà vita a fantasie spesso inquietanti, ma sempre meravigliose dal punto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 gennaio 2013
Bartleby Corinzio

Esplorare il mondo dei sogni ai fini psicoterapeutici. Questo grazie alla tecnologia del DC Mini, un apparecchio ideato da un genio obeso e infantile. L'apparecchio viene rubato e il mondo del sogno viene contaminato da una minaccia che può avere conseguenze anche sul reale (giacché quando si sogna la realtà è il sogno).

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Piccino
Il Manifesto

Ieri è arrivata la potenza di Paprika. Che fosse un bel film non c'erano dubbi, Satoshi Kon sa dispiegare come pochi le folgorazioni dell'immaginario da narratore obliquo del presente. Le sue animazioni raccontano un Giappone specchio della catastrofe planetaria, con leggerezza, gusto del cinema, l'emozionalità visionaria di uno sguardo libero dai tempi di Perfect Blue (1998) (produce lo studio Madhouse). [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
Rolling Stone

Versatile artista giapponese, Satoshi Kon si è cimentato in equilibrismi virtuosistici con quest'animazione futuribile. Tratto dall'omonimo romanzo di Yasutaka Tsutsui, scrittore cult della sci-fi nipponica, Paprika rende visibile, con i tratti di un'animazione tradizionale ma raffinata, la complessità dei mondo dei sogni a contatto con la realtà. Una versione "anime" ed escheriana dell'Arte del sogno [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Dai cultori dell'"anime" giapponese, Kon Satoshi è considerato il capofila della nuova generazione di animatori, un po' quel che Miyazaki è stato (ed è) per la precedente. In Paprika - Sognando un sogno si può trovare, in un colpo solo, un'epitome di tutta la sua poetica, dai rapporti tra illusione (cinema, sogno) e realtà alla passione per i generi cinematografici: fantascienza, azione, poliziesco, [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

In Paprika Satoshi Kon sa dispiegare come pochi le folgorazioni dell'immaginario. Le sue animazioni raccontano un Giappone specchio della catastrofe planetaria, con leggerezza, gusto del cinema, l'emozionalità di uno sguardo libero dai tempi di Perfect Blue (1998). Disegnatore di fumetti, studi d'arte, Satoshi Kon «usa» l'animazione anche come un mezzo per aggirare le difficoltà della fiction tradizionale. [...] Vai alla recensione »

Pier Maria Bocchi
Film TV

Ci sono detective e psichiatri, in Paprika, avatar e prototipi di laboratorio che permettono di entrare nelle menti degli altri, creazioni artificiali che cominciano ad acquistare un'intelligenza indipendente da quella del loro "fabbricatore" e parate di oggetti inanimati coloratissimi e vivissimi. La trama del cartoon di Satoshi Kon non è riassumibile in poche righe: perché si sfoglia come un fiore [...] Vai alla recensione »

Luca Castelli
Il Mucchio

C'era un bambino che indicava la luna con un dito. E noi, da buoni intenditori, ci siamo fissati sul dito. Abbiamo puntato tutte le nostre fiches sulla ricerca della felicità e l'abbiamo fatto ben prima che Muccino sguinzagliasse Will Smith per le strade di San Francisco. Questa ricerca - spesso affannata, sempre disperata - ci ha distolto dalla nostra vera I(ac)una: l'identità.

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

La macchina acchiappasogni è costruita a fin di bene. I cattivi tramano per rubarla. E saranno guai. Gode solo lo spettatore, a vedere le più fantastiche sequenze oniriche da quando Salvador Dalì lavorava con Hitchcock a "Io ti salverò". Il registratorino dell'inconscio si chiama DC-Mini. Lo adopera una psichiatra che quando si palesa nei sogni di un paziente ha l'aspetto di una ragazzina con i capelli [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Viene dal Giappone il film di animazione del concorso (dopo il successo di Shrek a Cannes è diventata una tradizione). Nelle linee nette di un cartone animato tradizionale, indaga le conseguenze dell’invenzione di una macchina «detective dei sogni», che impone le persecuzioni di una bambola opprimente. Dovrebbe funzionare per aiutare la psicoterapia, ma finisce per distruggere gli uomini.

Dario Zonta
L'Unità

Tratto dal romanzo di fantascienza dell'acclamato Yasutaka Tsutsui, è un complicatissimo esercizio di immaginazione e di stile sui sogni. In un futuro che è oggi, viene inventato un trattamento piscoterapeutico che permette, attraverso un marchingegno applicato sulla testa, di entrare nei sogni delle persone per studiare l'inconscio e prevederne l'eclissi.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Avanguardia alla Mostra delle cinematografie estremorientali, non di quella magiara (come fa pensare il titolo), Paprika di Satoshi Kon è un cartone animale disegnato alla maniera giapponese, cioè orrenda, che propone una vicenda di fantascienza sociologica, cioè la più noiosa. La somma degli elementi è un cartone per giovani adulti di gusti esotici.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati