I guardiani del destino

Film 2011 | Thriller +13 106 min.

Regia di George Nolfi. Un film con Matt Damon, Emily Blunt, Shohreh Aghdashloo, John Slattery, Terence Stamp, Anthony Mackie. Cast completo Titolo originale: The Adjustment Bureau. Genere Thriller - USA, 2011, durata 106 minuti. Uscita cinema venerdì 17 giugno 2011 distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,78 su 97 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I guardiani del destino tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La relazione tra un politico ed una ballerina viene influenzata da una forza misteriosa che cerca di tenere i due amanti separati. In Italia al Box Office I guardiani del destino ha incassato 2 milioni di euro .

I guardiani del destino è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,78/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 2,75
PUBBLICO 3,06
CONSIGLIATO SÌ
Un thriller di classe per scrutare cosa c'è dietro a un amore splendido.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 14 giugno 2011
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 14 giugno 2011

David Norris, un giovane uomo col vizio della politica, è candidato alla carica di senatore nello stato di New York. In vantaggio sul suo giurassico avversario, David punta tutta la sua campagna sulla freschezza dei suoi pochi anni e su uno spiccato talento oratorio. Ma una foto goliardica, pubblicata intempestivamente dalla stampa, compromette la sua vittoria, assicurandogli nondimeno la simpatia, la fiducia e il voto di Elise, una ballerina promettente incontrata per caso nel bagno degli uomini. Innamorati e perduti nel tempo di un bacio, David ed Elise si congedano per cercarsi e ritrovarsi lungo le strade e sugli autobus di New York. Quel loro amore tuttavia non è scritto nel libro del Presidente, una sorta di deus ex machina che decide il destino degli uomini. Elise non era prevista nel percorso esistenziale di David e dunque i guardiani del destino, agenti operativi del Presidente in giacca, cravatta e Borsalino, dovranno deviarla, aggiustando il tiro e garantendo un disegno più alto. Rivendicando il libero arbitrio, David sfiderà gli ordini superiori a colpi di testa e di cuore.
Frutto (probabilmente) di un acido ben fatto, Philip K. Dick vide dentro una primavera degli anni Settanta il Programmatore programmare le nostre vite sulla terra. Quell'esperienza diretta di 'estasi' gli rivelò 'la verità', ossia che gli uomini sono lo strumento per mezzo del quale si compie il disegno del Gran Burattinaio. Da un'altra esperienza, questa volta di creazione letteraria e in ogni caso allineata con quella mistica, nasce invece I guardiani del destino, racconto breve dell'autore americano trasposto sullo schermo da George Nolfi. Thriller sentimentale, I guardiani del destino combina momenti forti, tesi all'emozione adrenalinica, con sequenze chiuse in se stesse alla ricerca della commozione e della realizzazione di un amore splendido. Mentre Matt Damon combatte l'oscuro antagonista che lo spinge a battere un percorso voluto, il film solleva le ossessioni di Dick sulla necessità di distinguere la realtà oggettiva da quella soggettiva, sull'idea del complotto come trama ordita ai danni dell'individuo, sulla sorveglianza ossessiva esercitata dagli apparati di potere. Il titolo originale (The Adjustment Bureau) anticipa di fatto il passo che conduce il film, l'accomodatura verso l'esito desiderato per il protagonista da una presenza o 'presidenza' superiore. L'entità ha un braccio di agenti armati di Borsalino che controllano scrupolosi che gli uomini si muovano lungo linee prestabilite senza compromettere l'esito finale, senza scrutare dietro la porta di un futuro prossimo. Ma David Norris non vuole prendere parte all'evento programmato, procedendo in direzione ostinata e contraria.
I guardiani del destino è l'ennesimo adattamento dickiano che prova a leggere la contemporaneità con uno sguardo che dalle sue pagine mutua i temi fondamentali (la crisi del soggetto, la sostanziale falsità delle nostre percezioni, la compresenza di realtà parallele, etc) mancandone l'anima diversamente da opere altre, influenzate dal suo mondo letterario senza esserne trasposizioni dirette (Memento, Se mi lasci ti cancello, eXistenZ). Senza avere meriti di innovazione estetica, nondimeno il thriller romantico di Nolfi (sceneggiatore di The Bourne Ultimatum) trova il suo punto di forza nel protagonista. Così I guardiani del destino è uno di quei film che vale la pena vedere solo perché. Solo perché c'è Matt Damon, stanato da Eastwood che gli ha tolto la maschera (Hereafter) e recuperato l'identità. Rimanendo fedele al concetto che il personaggio è azione e stringendo la mano della donna che ama, Matt Damon attraversa le porte di una New York 'liquida' e segna il punto di passaggio: da attore del fare ad attore dell'essere. Così Nolfi svelando la matrice, svela il divo. Un divo bravo. Bravo sul serio.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
I GUARDIANI DEL DESTINO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 13 gennaio 2012
Tom87

Lo sceneggiatore Nolfi esordisce nella regia con questo film tratto da un racconto di P. K. Dick “Squadra riparazioni”. E’ un’opera inventiva aperta ad una fantascienza adulta e riflessiva che pur tra approssimazioni, semplificazioni narrative e forzature, si cala con dignità in una materia complessa e colora di sfumature filosofiche scene e atmosfere.

venerdì 2 settembre 2011
Federicù

Quel che siamo, ciò che amiamo, il luogo in cui ci troviamo , i profumi che respiriamo sono tutti dipinti e scritti li in un foglio , in un piano , una storia già scritta? Ogni uomo è una melodia già composta o mette insieme note componendo lui stesso la sua sinfonia? Che ruolo avrà un viso appena incontrato, nella vita di un uomo? Quanto a lungo resterà? Quanto [...] Vai alla recensione »

domenica 3 luglio 2011
weachilluminati

il guardiani del destino di George Nolfi  che si evolve da sceneggiatore a regista. Esordio. Trae ispirazione liberamente dalla  storia di fantascienza di AdjustmentTeam del notevole Philip K.Dick ( ricodiamo  "Blade Runner", "Minority Report" ,"Paycheck"). Di cosa parliamo?Di un film di fantascienza, thriller, azione,anche commedia, insomma  una [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 giugno 2011
fabrizio cardarella

E' notevole il numero di film tratti da racconti brevi di Philip K. Dick, basti pensare a Minority Report, Total Recall (atto di forza), Next. Da un romanzo di Dick è tratto invece quel capolavoro che è Blade Runner di Ridley Scott. ... quindi nessun altro scrittore di sci-fi può vantare tante trasposizioni cinematografiche, nemmeno il sommo Asimov.

mercoledì 22 giugno 2011
Spike

La prima gradita sorpresa di questa tiepida estate cinematografica. Il soggetto, tratto da un racconto di Philip K Dick, è geniale: una riflessione sul libero arbitrio... Un film di azione e di riflessione sulle nostre azioni. Ottima sceneggiatura, buona regia, buona la fotografia, ottima colonna sonora. Il film si avvale sopratutto di un ottimo cast di interpreti secondari: i guardiani del destino. [...] Vai alla recensione »

sabato 18 giugno 2011
Nino Pell.

Un film che elogia il mito dell'amore anche contro le carte programmate del destino che, in questo caso, assumono le sembianze dei cosiddetti guardiani delle nostre azioni. Un thriller che si basa su una spiccata componente fantastica che a tratti sinceramente l'ho trovata un tantino paradossale. E' il caso di uno dei guardiani quando pronuncia al protagonista frasi del tipo: "quando siamo intervenuti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 giugno 2011
giacomogabrielli

Dopo HEREAFTER un altro film praticamente tutto parlato è toccato a Matt Damon. Ci si aspettava un mega action con un tocco di soprannaturale, con scene veloci, inseguimenti e momenti straordinari. Nulla di tutto ciò invece caratterizza questo film melenso e statico, che quasi non ha conflitto. Noiose situazioni imbarazzanti sopra le righe accompagnano più della metà del [...] Vai alla recensione »

martedì 12 luglio 2011
Catia P.

Il genio letterario di Philip K. Dick continua da decenni a fornire materiale per trasposizioni cinematografiche delle sue opere di fantascienza e noi, amanti del genere, non possiamo che essere grati agli sceneggiatori americani che ne prendono spunto per regalarci un po' di sano divertimento. I puristi del libro/racconto trasposto fedelmente su grande schermo forse non saranno contenti di questo [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 marzo 2012
owlofminerva

 La storia è la stessa e l’argomento si ripete: ciò che è in atto è ciò che deve essere. L’unica modalità lecita è il “necessario”. Quello che è accaduto e che accadrà è preordinato e quindi il “possibile” deve coincidere con il necessario.

mercoledì 27 luglio 2011
NEDDY11

una sola parola serve ad esprimere questo film: SERIE "A"

lunedì 27 giugno 2011
Emilio Zampieri

I guardiani del destino manca di vero fascino. Non è colpa da poco se si considera che il soggetto è preso da un racconto di uno dei più grandi scrittori di fantascienza, Adjustment Team di Philip K. Dick. La narrazione è fin troppo lineare, quasi didascalica: si viene a sapere molto e presto. Il finale, sbrigativo, non lascia niente se non il messaggio: segui sempre il [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 giugno 2011
maxam

Gli appaganti ricordi, da cinefilo, di "Blade runner", "Minority report" e "Paycheck" mi convincono a vedere "I guardiani del destino", altra trasposizione cinematografica di un'idea di Philip K. Dick, questa volta il suo racconto breve "Adjustment team". Ma il film, sia che voglia essere un inno all'amore vero, quello che si incontra una sola volta nella vita e quando accade è per sempre, sia che [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 luglio 2011
Fiffa89

David ed Elise si incontrano per caso nella toilette di una sala conferenze e tra loro è subito attrazione, ma il loro desiderio di potersi amare è ostacolato da un intervento sopranaturale. I cosiddetti "Guardiani del Destino" non condividono il loro amore perchè "apparentemente" intralcia il progetto di vita a cui entrambi sono destinati...un progetto a cui entrambi sono disposti a rinunciare soprattutto [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 giugno 2011
pelle82

le tre stelle le merita tutte.anzi anche qualcosa in +. un film che fa riflettere sulla vita, sulle scelte che compiamo ogni  giorno, su quello che avrebbe potuto determinare una scelta piuttosto che un'altra. la vita è fatta di bivii, di scelte che compiamo quotidianamente più o meno importanti e il film ci fa riflettere sull' effettiva esistenza del destino e del libero [...] Vai alla recensione »

domenica 6 dicembre 2015
ultimoboyscout

Il film affronta uno dei temo classici di Dick, forse uno dei suoi più cari e sempre di grande attualità: siamo sicuri di essere padroni del nostro destino oppure qualcuno, a nostra insaputa, ci guida influenzando in maniera decisiva le nostre scelte? Tratto dal romanzo "Adjustment Team" (in Italia "Squadra Riparazioni") è il meno riuscito tra i tanti (dovrebbero essere 11) lungometraggi nati dalla [...] Vai alla recensione »

domenica 25 dicembre 2011
Filippo Catani

Un giovane candidato al Senato degli Stati Uniti conosce per caso una ragazza di cui finisce per innamorarsi. Questo però esula da quanto previsto dai guardiani del destino che si occupano di seguire se i piani da loro predisposti vengano seguiti oppure no. Il giovane deciderà di opporsi al piano pur di poter stare con la ragazza amata. Davvero interessante questo film di George Nolfi che, volutamente [...] Vai alla recensione »

sabato 23 novembre 2013
Eleonora Panzeri

L’idea su cui viene costituito il film è interessante e molto originale; la libertà di scegliere chi essere e cosa fare sembra a volte non dipendere solo da noi. I guardiani del destino oppure se si vuole gli angeli, vigilano sulle vite di tutti per fare rispettare il piano divino già previsto, lasciando al caso poco o niente.

lunedì 27 giugno 2011
epiere

Forse con un protagonista meno dotato di carisma,fascino,bravura il film non avrebbe avuto lo stesso impatto:Dopo la prova convincente in "hereafter",un'altra bella prova di un attore in continuo miglioramento,in un thriller di classe che si segue volentieri e con soddisfazione visto che ,una volta tanto,il singolo individuo la spunta su l'apparato che cerca di manovrarlo.

domenica 26 giugno 2011
zozner

Giovane brillante e promettente politico inciampa su una sua goliardata e rischia di rovinare per sempre la sua carriera. Lui è testardo, decide il giorno stesso della sconfitta che avrebbe ricominciato. Si capisce che alla fine vincerà. E’ lui il fautore del suo destino ma, non è così. Nel bagno degli uomini trova una bella ragazza e se ne innamora immediatamente, [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 dicembre 2017
GUSTIBUS

David ed Elise devono e vogliono amarsi ma nel destino iniziale non era contemplato e alla fine vince chi se lo crea il destino(libero arbitrio!)e quindi quello che sara'lo sua/nostra vita.Philiph k.Dick col suo libro "aggiustamenti del tempo"a dato vita a questo splendido film.Tutti gli anni dal 2011 me lo vedo..niente sparatorie,niente balli,niente sorrisi.

martedì 11 aprile 2017
elgatoloco

E'forse paradossale, ma i libri(romanzi, racconti, ma sempre anche altro...)di Phil Dick- scrittore influenzato moltissmo anche, pur se certo non solo, dal cinema non sono trasponibili direttamente al cinena, ossia divengono(rischiano di diventare, meglio)molto spesso delle rappresentazioni iconiche di quanto è invece"pre-rappresentabile", non propriamente trasponibile in immagini. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 novembre 2011
Cenox

Damon interpreta in questo film un giovane politico, candidato a diventare senatore nello stato di New York, incontra per caso una ragazza (Blunt), con la quale scocca il più classico dei colpi di fulmine. L'affinità tra i due sembra innata, e quando, un'altra pura coincidenza li fa incontrare sopra ad un autobus, essi decidono di conoscersi meglio.

domenica 7 ottobre 2012
hitman1

Il rampante David Norris è un giovane politico in ascesa che incontra la giovane ballerina Elise Sellas la quale, quasi "per caso", lo aiuta in uno dei suoi discorsi pubblici meglio riusciti. Da quel momento in poi inizia la sfida tra il protagonista, un Matt Damon impeccabile, alla ricerca perpetua del possibile amore della sua vita (una Emily Blunt che qui fa il suo onesto lavoro senza sbavature); [...] Vai alla recensione »

martedì 21 giugno 2011
Paioco89

A dispetto di un titolo che potrebbe far pensare al classico action movie americano, qui davanti ci troviamo di fronte ad un film che mette in luce un'interessante riflessione sul tema del libero arbitrio, del disegno divino (o, a seconda delle credenze, di un'entità superiore che ci governa) e sull'amore. Nolfi, senza alcun tipo d'innovazione stilistica nelle alchimie che governano la regia e la [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 luglio 2011
august

George Nolfi riesce a fare un debutto permanete convincente. Fotografato con quel rigore e una scala cromatica molto austera ma da colori forti e vivi per la quale è responsabile John Toll e dal bellissimo montaggio di Jay Rabinowitz nonché dall’incisiva colonna sonora di Thomas Newman “I gradini del destino è sicuramente un film molto ben riuscito.

lunedì 20 giugno 2011
cannedcat

Finalmente il cinema (ovviamente quello americano) comincia ad accorgersi che esiste un enorme serbatoio di narrativa nella Science Fiction che non è, come tradotto con i piedi, Fanta-Scienza ma un genere che mette la scienza o ipotesi scientifiche alla base di un racconto, di una storia che, come tutte le storie serve ad interrogarci sopratutto su noi umani, e lo fa proponendo situazioni estreme, [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 giugno 2011
Gracey P.

Un destino che deve essere seguito, una storia che si deve compiere e dei guardiani a controllare che ciò avvenga. Certo, per come ci hanno abituati deve essere tutto verosimile, questo film di verosimiglianza, in effetti, ne ha poca. E' una favola, una favola che parla d' amore. Superato l' ostacolo del "non è possibile" è un film tutto da apprezzare.

martedì 21 giugno 2011
Olinad

Film poco convincente.Si vedono molti films irreali...di fantascenza...ma realizzati ...vuoi per i testi...le sceneggiature e le epoche in cui si svolgono che sono piacevoli e convincenti. Questo film ci racconta una favola dove l'amore supera tutti gli ostacoli...le avversità... Di cosa? di una organizzazione soprannaturale...comandata da un "Presidente" che ad ogni individuo ha dato un suo destino [...] Vai alla recensione »

martedì 21 giugno 2011
mikeMaister

Un trailer emozionante, l'incipit "Inception incontra Burn" cattura molto l'attenzione, ma ricambia con una moneta diversa. Di minor valuta. Il film di per sè è lineare, talmente lineare che la trama del destino sa anche un po' di forzatura. Se dovessimo fondere Notting Hill di Julia Roberts e Hugh Grant con Wanted di Angelina Jolie, James McAvoy e Morgan Freeman, [...] Vai alla recensione »

sabato 18 giugno 2011
cloe89

Lo spunto era più che buono. Mi ha spinto a vedere questo film il fatto che fosse tratto da un libro di P.K.Dick, di cui ho letto Ma gli androidi sognano pecore elettriche? A parte la storia d'amore decisamente melensa, però, avrei preferito che non si sconfinasse nell'ultraterreno; sarebbe stato meglio un finale dark oppure surreale...Insomma un film passabile, ma decisamente non vale i 7.

sabato 18 giugno 2011
flegias87

L'idea alla base del film è vincente ed è apprezzabile lo sforzo compiuto dagli sceneggiatori per rappresentare il "destino", "gli angeli" e "il presidente". Il giudizio complessivo si limita tuttavia a 3 stelle poichè sono troppi gli elementi "rubati" da altri film: quando si passa da una stanza all'altra il riferimento a Jumper è evidente; Damon torna ad essere Jason Bourne nell'inseguimento finale; [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 giugno 2011
ForeverYoung

La storia racconta le vicende di un candidato sindaco a New York, David Norris( Matt Damon) e di come l'incontro con una ballerina,Elise Sellas(Emily Blunt)cambi completamente la sua vita. Il libero arbitrio viene decisamente trascurato,visto che una sorta di angeli vestiti alla  Men In Black,si accerterebbe che i piani stabiliti dal Signore,vengano rispettati alla lettera.

venerdì 16 settembre 2011
tiamaster

i guardiani del destino,favola non originale ma è ben concepito,realizzato e diuna scorrevolezza rara,i personaggi sono ben disignati e recitatai da ottimi attori,scene veramente belle,come le porte che teletrasportano in giro e gli inseguimenti,il film è incalzante e coinvolgente,da vedere,veramente bello.

sabato 13 agosto 2011
GORDONGEKKO

ottimo lavoro da uno che ha fatto grande la trilogia di bourne....

giovedì 18 agosto 2011
Flaxio

Affascinante intepretazione di George Nofli sul genio letterario Philip K. Dick. La trama incalzante fin dall'inizio lascia trapelare un alone di mistero sulle possibilità umane e sul libero arbitrio, in mezzo a un geniale Matt Damon affiancato dalla stupenda Emily Blunt e da un cast no da poco. Film assolutamente riuscito che sebbene possa essere intepratato banalmente mantiene sempre il [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 agosto 2011
Eris95

Ho gustato con molto piacere questo film che,devo essere sincera,ho scovato per puro caso.Matt Damon è fascinoso come sempre ed Emily Blunt è stata una piacevole sorpresa,avendola vista recitare una parte non molto "impegnativa" ne "Il diavolo veste Prada"(film che considero a tratti molto superficiale se non fosse per la protagonista che dà uno schiaffo morale a tutti quegli snob ma finisce per omologarsi [...] Vai alla recensione »

domenica 19 giugno 2011
algernon

ecco fatto: mi sono procurato il libro e ho letto il racconto di Philip Dick, titolo originale "The adjustment team", 1954, nella traduzione "I guardiani del destino" come il film, 30 pagine. anche nel racconto ci sono gli impiegati dell'ufficio riparazioni che modificano la realtà per mantenerla aderente al piano prestabilito. ma è l'unica cosa in comune.

venerdì 1 luglio 2011
Folignoli

Ma insomma chi è il presidente di questa sorta di setta al di sopra degli uomini, che condiziona il nostro pensare e le nostre azioni, secondo un piano già scritto? Quel presidente dovrebbe essere DIO. C'è una frase del film in cui si dice che noi, il presidente lo chiamiamo in vari modi. Quali sono questi vari modi? Dio? Gesù? Allah? Il film ha una sceneggiatura all'ame [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 luglio 2011
Miss Rivers

Tratto da un romanzo di Philip Dick, genio della fantascenza, i guardiani del destino è un chiaro esempio di come basti alterare lievemente la realtà ed inserire un elemento di sfondo con un pretesto scientifico per fare della buona fantascienza. Ne "I guardiani del destino" a colpire non è tanto la stravaganza del compito svolto dai signori in nero, quanto la straordinaria storia d'amore dei due (bellissim [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 agosto 2011
Flaxio

Affascinante interpratazione di George Nofli sul genio letterario Philip K. Dick. La trama incalzante fin dall'inizio che lascia trapelare un alone di mistero sulle possibilità umane e sul libero arbitrio,in mezzo un geniale Matt Damon affiancato dalla stupenda Emily Blunt e da un cast non da poco. Film assolutamente riuscito che seppur possa essere interpretato banalmente mantiene [...] Vai alla recensione »

sabato 9 luglio 2011
roberto77mds

A parte per Blade Runner, dove il cast e il regista si possono prendere il 50% del merito, per tutti i successivi film ispirati alle opere del più grande scrittore di fantascienza che sia mai esistito (sto parlando di Philip K. Dick) parliamo di film dove la forza della storia rende nullo o quasi l'apporto del cast. I guardiani del destino è uno di questi; ottimo film ma grazie alla storia.

giovedì 23 giugno 2011
ilfreddo1983

Una pellicola che cattura lo spettatore con una semplicità gratificante,il film scorre via in maniera fluida e senza intoppi.Peccato solo per il fatto che se si osava aggiungendo un pò d'azione e di drammaticità in più sarebbe risultato un capolavoro!!!

martedì 21 giugno 2011
hollyver07

Ciao. Accettabile e gradevole thriller-fantasy, ambientato esclusivamente in un contesto urbano USA (New York) ed in epoca contemporanea. La pellicola trae la sua ispirazione da uno dei tanti viaggetti di "fantasia", se vogliamo... abbastanza allucinati, tradotti in novelle, racconti e libri, di Philip K.

domenica 24 luglio 2011
fabio regulare

è un capolavoro che è destinato a diventare un cult

domenica 10 luglio 2011
Genovapernoi

Da grande appassionato di Dick e delle sue trasposizioni cinematografiche attendevo questo film da mesi. Ebbene le 2 ore di film per la familiarità dell'argomento mi sono volate, ma rimane una forte sensazione di qualcosa che non va: il regista non ha minimamente nelle corde la tematica metafisica che per chi si approccia a Dick è fondamentale. Il film finisce per essere banalmente una specie di Romeo [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 giugno 2011
daddaman

A me il film è piaciuto molto, di certo avrà la sua parte "secondo copione" (o di tipico "film americano") nell'eroe portatore di ideali positivi vs tutti, happy ending, ecc, ma l'ho trovato una piacevolissima sorpresa nel mio mercoledì sera... è giustissimo parlare del racconto di Dick, ed è altrettanto giusto rendere omaggio a lui e [...] Vai alla recensione »

martedì 21 giugno 2011
salvotp1984

Un bel film d'altri tempi. Una trama avvincente, una storia profonda, azione quanto basta e un'amore oltre i confini della realtà sono gli ingredienti di un film che  mi ha davvero impressionato. La possibilità di una coesistenza fra provvidenza e libero arbitrio sono poi degli spunti filosofici che lo rendono ancora più interessante.

lunedì 30 gennaio 2012
Arby :D

Ok, non so cosa scrivere. Ma non credo ci sia bisogno di scrivere qualcosa per quanto mi riguarda, basta guardare le cinque stelline qui sopra. Quello che però mi sento di dire, anche se credo che chiunque stia leggendo questa recensione lo intuisca, è che mi è piaciuto. Molto. L'idea è buona, ed è trasportata bene sullo schermo.

martedì 5 luglio 2011
greg2

Ad essere obiettivo il film è da 3 stelle e mezza ma siamo in estate e bisogna accontentarsi di quello che passa il convento. I guardiani del destino è in ogni caso un film più che godibile con una trama magari non originalissima ma certamente scorrevole e ben strutturata. Gli attori sono bravi, il tema trattato è senz'altro delicato e forse poteva essere [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 giugno 2011
Holdrei

FOCUS
INCONTRI
venerdì 17 giugno 2011
Marco Consoli

Il MacGuffin, come l’aveva battezzato Hitchcock, era quell’oggetto misterioso, che doveva incuriosire ma non distrarre il pubblico, e fungere da motore di una storia: dalla busta col denaro di Psyco, alla valigetta di Pulp Fiction, dal falcone maltese dell’omonimo film alla scatola di The Box, il cinema è pieno di esempi. Ne I guardiani del destino di George Nolfi, il MacGuffin è rappresentato da uno strano libro in possesso dei membri dell’organizzazione del titolo, che intervengono per cambiare il futuro degli esseri umani e del povero senatore Matt Damon, spingendolo a non frequentare più la [...]

Frasi
"Molte persone vivono seguendo il cammino scelto da noi, perchè troppo timorosi per esplorarne altri.
Ma ogni tanto arrivano persone come voi, che superano gli ostacoli che mettiamo lungo la strada.
Persone che capiscono che il libero arbitrio è un dono che non si sa mai come usare, fino a quando non si lotta per ottenerlo.
È questo il vero piano del presidente, e cioè che un giorno non saremo noi a scrivere il piano, ma voi."
Una frase di Harry (Anthony Mackie)
dal film I guardiani del destino - a cura di Èly
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Boris Sollazzo
Liberazione

Difficile giudicare certi film che hanno il pregio e la condanna di scegliere strade incoscienti. Già prendere Philip Dick e portarlo al cinema non è cosa da poco, ma riadattare uno dei suoi racconti più sentimentali e allo stesso tempo paranoici, lo è ancora di più. George Nolfi lo fa e si ritrova tra le mani I guardiani del destino, una delle opere cinematografiche più discontinue degli ultimi anni, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

A fornire ottime credenziali a «I guardiani del destino» («The Adjustment Bureau») sono due nomi indiscutibili: Philip K. Dick, autore del racconto breve da cui è liberamente tratta la sceneggiatura e Matt Damon, il protagonista. In poche parole lo scrittore di fantascienza più geniale e profetico, non a caso saccheggiato da cineasti come Scott, Verhoeven e Spielberg e l’attore americano più alacre, [...] Vai alla recensione »

Dennis Lim
The New York Times

“THIS is the first time I’ve done an interview with an ice pack down my pants,” Matt Damon said one recent Sunday, having retreated to the relative comfort of his trailer on a wet and chilly Manhattan film set. The culprit was a pulled groin muscle, sustained during a full morning of sprinting through TriBeCa streets in the pouring rain for “The Adjustment Bureau,” a romantic thriller based on a Philip [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Esiste il libero arbitrio o è pura utopia? Il nostro è un destino preordinato ed ineluttabile o frutto reale delle nostre scelte? Un dilemma sul quale si sono espressi, con teorie diverse, nei secoli, filosofi, pensatori, scrittori, religioni, mitologie. Ora, il quesito è al centro di questo film che è l’ennesimo adattamento di un racconto di Philip K.

Paola Casella
Europa

Il cinema americano prosegue nella sua tendenza a giocare con la contemporaneità decostruendo la narrazione secondo il modello internettiano ne I guardiani del destino, un action movie intelligente e ben costruito basato su un racconto di P.K. Dick, Adjustment team, sceneggiato e diretto da George Nolfi e interpretato da Matt Damon ed Emily Blunt. La trama vede David Norris (Damon), un giovane politico [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Non è nella Costituzione, ma in un'altra carta fondamentale degli Stati uniti, ossia nella Dichiarazione di Indipendenza. Lì si parla di diritto a perseguire la propria felicità. Una frase stupenda. E da quel diritto prende le mosse il film per raccontare la vicenda di David Norris giovanotto politicamente impegnato e dal futuro radioso che dovrebbe passare dall'essere governatore dello stato di New [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Possibile che il nostro destino sia lasciato al caso, mentre fin da quando eravamo piccini un prete tenebroso alzava il dito dicendoci: «Dio ti vede, sa tutto e decide per te». Se abbandoniamo questa minaccia di controllo e apriamo la mente all’ossessione della predestinazione incontriamo il racconto di Philip K. Dick da cui è tratta questa traduzione per il grande schermo che mette l’accento sul dramma [...] Vai alla recensione »

Peter Bradshaw
The Guardian

K. Dick, pubblicato per la prima volta nel 1954, George Nolfi, sceneggiatore dei film di Bourne, ha liberamente tratto un luccicante thriller futurista. Il film è ricoperto da una patina di disinvolta assurdità, come una nuova versione di Manchurian candidate scritta da Charlie Kaufman. È sostanzialmente leggero, e va giù tranquillamente come una commedia un po’ cupa che s’interroga sull’amore, il [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Nel 1943 il regista René Clair firmò in Usa Accadde domani: deliziosa commedia dove il protagonista cercava di evitare le trappole del destino preannunciategli da un magico quotidiano del giorno dopo. In I guardiani del destino, debutto nella regia di George Nolfi finora noto come sceneggiatore di buon livello, abbiamo una vicenda in qualche modo analoga.

Francesco Alò
Il Messaggero

Se volete un finto thriller fantascientifico che in realtà potrebbe essere la storia d’amore più bella del 2011, «I guardiani del destino» è il film che fa per voi. Se pensate che vedere l’eroe maschile scappare da energumeni che vogliono solo aiutarlo ad avere un futuro radioso per lui e tutta l’umanità sia geniale, allora l’esordio alla regia dello sceneggiatore George Nolfi («Ocean’s Twelve», «Bourne [...] Vai alla recensione »

Peter Bradshaw
The Guardian

Da un racconto breve di Philip K. Dick, pubblicato per la prima volta nel 1954, George Nolfi, sceneggiatore dei film di Bourne, ha liberamente tratto un luccicante thriller futurista. Il film è ricoperto da una patina di disinvolta assurdità, come una nuova versione di Manchurian candidate scritta da Charlie Kaufman. È sostanzialmente leggero, e va giù tranquillamente come una commedia un po’ cupa [...] Vai alla recensione »

NEWS
LIBRI
martedì 21 giugno 2011
Fabio Secchi Frau

La recensione *** Un agente immobiliare cerca di capire se è veramente un uomo oppure un androide. Ma più va alla ricerca della verità, più tutto intorno a lui sembra farsi più nervoso e ingannevole.

NEWS
giovedì 13 maggio 2010
Marlen Vazzoler

Si può sfidare il destino per amore? La Universal Pictures ha fatto uscire le prime immagini e il primo trailer ufficiale del thriller scritto e diretto da George Nolfi, The Adjustment Bureau, qui alla sua opera prima come regista ma conosciuto come [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati