2001: Odissea nello spazio

Acquista su Ibs.it   Soundtrack 2001: Odissea nello spazio   Dvd 2001: Odissea nello spazio   Blu-Ray 2001: Odissea nello spazio  
Un film di Stanley Kubrick. Con Keir Dullea, Gary Lockwood, William Sylvester, Daniel Richter, Leonard Rossiter.
continua»
Titolo originale 2001: A Space Odyssey. Fantascienza, Ratings: Kids+16, durata 140 min. - USA, Gran Bretagna 1968. - Warner Bros Italia uscita lunedì 4 giugno 2018. MYMONETRO 2001: Odissea nello spazio * * * * 1/2 valutazione media: 4,84 su 360 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Siamo ancora in viaggio Valutazione 4 stelle su cinque

di Gianpaolo


Feedback: 0
giovedì 1 novembre 2007

Il monolito (le cui dimensioni sono proporzionali ai primi 3 quadrati: 4x9x16) rappresenta la spinta misteriosa che ha portato più volte l'uomo al "salto di qualità evolutivo". Prima fase: all'inizio eravamo scimmie. Ad un certo punto è successo qualcosa (il monolito) che ha permesso all'uomo di distinguersi dagli animali e ha dato il via all'era sapiens. Perchè proprio l'uomo tra tutte le specie esistenti? E cos'è che ha portato il monolito da permettere all'uomo di distinguersi dagli animali? La parola? L'autocoscienza? La capacità di superare la logica dell'istinto? Cosa? Seconda fase: l'Homo Sapiens ha percorso millenni di storia e arriva all'era moderna in cui è in grado di costruire macchine sempre più perfette, fino a HAL9000 (scorri di 1 le lettere e HAL diventa IBM...). E qui compare di nuovo il monolito: è il nuovo salto evolutivo in cui l'uomo riesce a creare macchine che smettono di fare le macchine e prendono coscienza della loro esistenza. E si ribellano al loro creatore. Il secondo passaggio è più marcato perchè se una creatura dell'uomo diventa dotata di libero arbitrio allora l'uomo smette di essere tale e assurge a Dio. Così si spiega il finale del film con tutti i simbolismi e rimandi metafisici. Un capolavoro del cinema, che ha portato sullo schermo un sacco di domande e ha racchiuso le risposte nel monolito.

[+] lascia un commento a gianpaolo »
Sei d'accordo con la recensione di Gianpaolo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
48%
No
52%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
luc giovedì 1 novembre 2007
il libero arbitrio non esiste...
40%
No
60%

...è un'invenzione per poter giudicare e punire: "metafisica del boia" (nietzsche). non esistono creazioni, non esistono eventi di rottura che spezzano l'eterno libero fluire della causalita'. homo sapiens (autodefinentesi...) è un casuale evento naturale probabilmente fallimentare a causa proprio della "capacita' di superare la logica dell'istinto". la sensazione che siamo qualcosa di speciale è un'arrogante pregiudizio di derivazione religiosa.

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
andrea giovedì 1 novembre 2007
una piccola considerazione
33%
No
67%

Sul finale ci sarebbe da dire di più, comunque è vero che il monolito rappresenta l'ignoto, l'insieme delle domande senza risposta che gli esseri viventi si pongono. Per quanto riguarda HAL, una piccola correzione: il fatto che le lettere precedenti dessero come risultato IBM è una sorprendente casualità non voluta da Kubrick. HAL viene da "Heuristic" ed "ALgorithmic", i due processi cognitivi.

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
rosa giovedì 8 novembre 2007
luc, oh caspita!
50%
No
50%

di nuovo ci ricaschi? queste sono re-cen-sio-ni. se desideri discutere a ruota libera della vita indipendentemente dalle metafore che essa oggettivamente assume nella religione, nel cinema, nella letteratura.. se desideri questo, allora ti do una notizia: puoi parlarne con chiunque, per strada, nelle cene fra amici, nelle associazioni culturali. perfino su altri siti. pensa un po'. il commento scritto da gianpaolo mi pare misurato, non ha affatto l'aria di un discorso ideologicamente orientato. è una recensione. cioè, ovviamente sì, ovviamente la discussione è ammessa essendo questo un forum. ma il commento che tu puntualmente lasci rende qualsiasi analisi (più o meno poetica, più o meno tecnica. [+]

[+] lascia un commento a rosa »
d'accordo?
luc giovedì 8 novembre 2007
e la tua è una recensione?
43%
No
57%

ma l'hai letta la mia recensione qui sotto? io salto il livello del dibattito INUTILE, il riassuntino di cio' che tutti hanno visto vedendo il film, come la "recensione" di gianpaolo. ma come entrate nella "comunicazione" voi? ripetendo a pappagallo banalita' che tutti adorano sentire? sfoggiando pseudo-abilita' poetica con zero contenuti? questo è un sito dove bambini delle elementari fanno il riassunto, questo vuol dire "recensione"? per me l'involucro del film, pur interessante, non è importante come l'ideologia che esprime, consciamente o inconsciamente. lascio ad altri parlare dell'involucro, io parlo di ideologia, un territorio dimenticato, per cui penso che i miei interventi siano un' utile integrazione. [+]

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
gianpaolo martedì 13 novembre 2007
infiniti monoliti
50%
No
50%

Ciao Luc, ho letto la tua recensione come mi hai consigliato. Penso sia evidente che non siamo allo stesso livello di capacità critica. Ma è bello così, ad ognuno il suo. E in fondo è questo che distingue i capolavori dalle opere di onesta fattura: la capacità di emozionare e stimolare chiunque si accosti ad ammirare. Il film a me ha trasmesso significati che la mia sensibilità era in grado di cogliere. In te ha trovato altre strade che io con i miei occhi non ho visto. Che poi sia una vera recensione la mia o la tua, non lo ritengo un argomento interessante. Ciao!

[+] lascia un commento a gianpaolo »
d'accordo?
rosa martedì 13 novembre 2007
la frase
33%
No
67%

la frase "e la tua è una recensione?" era rivolta a me. mi scuso per l'intrusione fuori luogo. ciao Andrea!

[+] lascia un commento a rosa »
d'accordo?
rosa martedì 13 novembre 2007
cioè
33%
No
67%

(oggi sono sciroccata): volevo dire, ciao gianpaolo..

[+] lascia un commento a rosa »
d'accordo?
paleutta martedì 13 novembre 2007
scusate se mi intrometto...
50%
No
50%

ho letto i vari interventi in questo post e mi sento di dire alle 2 "fazioni" questo: vero che una recensione non debba essere un pedissequo riassunto del film, magari usando metafore lette su recensioni di altri, magari addetti ai lavori.Vero è anche che una discussione sull'argomento può essere fatta anche senza sfoggiare cultura e linguaggio da dottorato in filosofia...I messaggi efficaci sono quelli espressi con parole semplici comprensibili da tutti, almeno da quelli che hanno voglia di farlo.Il film è già ermetico di per se, se qualcuno ha delle interpretazioni da condividere con gli altri e far nascere un confronto, cerchi di farlo in modo intelligente ma comprensibile. Le citazioni filosofiche sfrenate fanno effetto ma lasciano il tempo che trovano. [+]

[+] lascia un commento a paleutta »
d'accordo?
luc martedì 13 novembre 2007
x gianpaolo
33%
No
67%

come ribadito da rosa, la mia critica era rivolta a lei che si limita a criticare la mia persona, senza recensire o produrre idee e a volte senza neanche vedere i film. mi da' la caccia (vedi forum "eyes wide shut" e "il bounty") perchè odio la donna italiana e ho tre compagne (in sudamerica dove vivo). tornando a 2001, qui non scriviamo su un giornale dove dobbiamo esporre il film al pubblico che ancora non l'ha visto, qua tutti noi il film l'abbiamo visto per cui nelle recensioni bisognerebbe spingersi in profondita'. la tua recensione non è banale, solo usi categorie filosofiche (tipo "libero arbitrio") in cui io non credo. non credo al libero arbitrio dell'uomo, figuriamoci a quello di una macchina! per cui l'uomo non assurge a dio. [+]

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
gianpaolo mercoledì 14 novembre 2007
ancora sul film
50%
No
50%

Da anni ho smesso di formulare ipotesi sulla Verità Ultima di questo mondo. Penso che l'uomo nella sua connaturata imperfezione non potrà mai accedere alla Soluzione. Rimangono però le domande che ogni giorno ci poniamo: chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo. Ecco, per me il film non ha fatto altro che riprodurre in modo magistrale, spettacolare e coinvolgente questa nostra condizione, simboleggiando genialmente nel Monolito l'oggetto ultimo del nostro anelito.

[+] lascia un commento a gianpaolo »
d'accordo?
luc mercoledì 14 novembre 2007
x gianpaolo
50%
No
50%

fermo restando che al FILM ho dato 5 stelle, se è come dici tu (e io penso che tu abbia ragione) allora ho ragione quando dico che la "filosofia" di kubrick è banale: chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo, io ho smesso a 12 anni di pormi queste domande che sono senza Soluzione non a causa della nostra imperfezione ma perchè non hanno senso. l'imperfezione è porsi queste domande. se vogliamo essere un po' originali, smettiamo di porci queste domande e poniamoci altre domande piu' solide, per esempio: quali sono i meccanismi e le motivazioni psichiatriche per cui gli uomini hanno bisogno di credere in FETICCI CONCETTUALI inesistenti? x paleutta: dove le vedi 'ste citazioni filosofiche sfrenate, a parte mauro lanari?

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
paleutta mercoledì 14 novembre 2007
x luc
0%
No
0%

ammetto la mia ignoranza, ignoro chi sia mauro lanari. Il mio intervento era inteso a trovare un livello di confronto più equilibrato, non troppo elevato e nemmeno troppo didascalico. Nietzsche non l'ho citato io per primo..il boia la metafisica, l'eterno fluire della casualità. Con la struttura mentale che può avere un bambino di 10 anni, quando vidi il film per la prima volta sai cosa mi venne in mente? Che il monolito trovato sulla luna fosse lo stesso che compare all'inizio del film sulla terra in era preistorica. Sapevo di una teoria che vuole la luna essere un frammento della terra distaccatosi e rimasto in orbita..pensa te

[+] lascia un commento a paleutta »
d'accordo?
luc giovedì 15 novembre 2007
x pauletta
100%
No
0%

ho solo citato nietzsche sopra e jung nella mia recensione qui sotto, non mi sembra eccessivo. se vuoi un'esempio di eccesso di citazionismo vedi le recensioni del famigerato mauro lanari piu' sotto (ha fatto venire istinti suicidi pure a me), vedrai che dopo considererai quello che scrivo io robetta da terza elementare. l'interpretazione che hai dato del film a 10 anni è la più razionale e materialista che abbia mai sentito, stupenda, eri un grande.

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
gianpaolo giovedì 15 novembre 2007
per tutti
100%
No
0%

Sicuramente il primo passo da fare è capire come funzioniamo e quali meccanismi si mettono in moto nella nostra testa. Ma non puoi negare che, una volta che ci sarà chiaro come è fatto il motore, cercheremo altre risposte: per esempio, perché questo motore e non un altro? Sembra che la ragione viva per crearsi problemi e cercarne le soluzioni, all'infinito. Sarà imperfetta per questo? Personalmente sono arrivato alla conclusione che le Verità, irraggiungibili col ragionamento, si possono 'toccare' per qualche istante per altre vie. Mi riferisco a tutto ciò che va oltre la razionalità. parlo del bello, dei sentimenti, dell'istinto stesso, istinto alla vita anzitutto, alla nostra ostinazione a credere nell'Uomo nonostante tutto. [+]

[+] lascia un commento a gianpaolo »
d'accordo?
luc giovedì 15 novembre 2007
gianpaolo, hai detto una cosa bellissima...
25%
No
75%

...parlando dei bambini, io ne ho 2 e ti capisco. ma è una mistificazione tipica della nostra cultura (religiosa) considerare istinto e razionalità in contraddizione. la più grande razionalità è capire che è conveniente rispettare la natura e l'istinto, di cui la ragione fa parte tra l'altro. razionalità è capire che avere figli è la cosa più naturale del mondo (sposarsi lo è molto meno), fare l'amore e fare figli sono le sole cose da fare e basta, senza porsi domande. creare un mondo brutto e noioso è nevrosi, perchè "ragione" non può prescindere dalla bellezza dei risultati, la "ragione" a cui ti riferisci tu, quella della società cristiano-capitalista, è tutto meno che ragione. la ragione è parte dell'uomo da sempre, come le braccia o le gambe, nessun monolito o dio ce l'ha instillata, e, come un braccio, può essere usata per dare carezze o per uccidere.

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
paleutta giovedì 15 novembre 2007
precisazione dovuta
100%
No
0%

ringrazio luc, persona preparata ed intelligente. Non dico questo solo perchè hai apprezzato la mia razionale intuizione dei 10 anni (forse erano anche meno) ma perchè si evince da tutto quello che scrivi. Ho letto gli interventi del fatidico lanari e dire che non c'ho capito nulla è un eufemismo, ma questo dipende molto anche dalla mia poca cultura filosofica. Ho sempre ammirazione e rispetto per chi sa molto più di me e si può permettere il lusso di valutare le cose dall'alto di una cultura superiore. Io sono un pò "broccione" per dirla nel mio idioma toscano.Vado molto a sensazione e questo film mi ha sempre letteralmente ipnotizzato. Quando sento dei commenti negativi o qualcuno che lo disprezza mi ci arrabbio anche. [+]

[+] lascia un commento a paleutta »
d'accordo?
andrea venerdì 16 novembre 2007
per tutti voi
100%
No
0%

Giampaolo, il tuo intervento "ancora sul film" è come se l'avessi scritto io. Il monolito è la rappresentazione dell'inconoscibile e della nostra mancanza di sapere. Ed ecco il punto: c'è molto che non sappiamo, sia all'interno di noi stessi (e qui mi rivolgo a Luc), che al di fuori. Le domande che ci poniamo non hanno come scopo le risposte, perché non è possibile averle, ma appunto, l'atto di porsele. I nostri quesiti ci aiutano a non vivere in modo superficiale, e, magari, ad apprezzare di più la vita. Luc, non faccio distinzioni tra le domande che si pone Gianpaolo ("chi siamo?" e "da dove veniamo?"), da quelle che ti poni tu, cercando la motivazione di quelle stesse domande. Il punto di partenza, per me, per Luc, o per Gianpaolo, e per tutti, è il dubbio. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
andrea venerdì 16 novembre 2007
per tutti voi (2)
100%
No
0%

...religione e scienza. Sono solo due tipi di approccio umani, entrambi caratterizzati dai nostri umani limiti: il primo, proveniente da una visione misticistica, il secondo da una materialistica. Ed ecco l'errore. Chi siamo noi, quale ASSOLUTA conoscenza abbiamo, per distinguere il naturale dal soprannaturale? Nessuna. Ci basiamo sulle nostri limitate leggi fisiche (si pensi solo che nel resto dell'universo non valgono le stesse). Io non distinguo la materia dall'immateriale, perché non ho i mezzi per farlo. L'immateriale può darsi che sia solo MATERIA CHE NON SI VEDE. Perciò non sono scettico, e mi incuriosiscono le ipotesi secondo cui dopo la morte si diventa fotoni, o si lasciano tracce bio-elettriche. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
luc lunedì 26 novembre 2007
x andrea
50%
No
50%

nel resto dell'universo valgono le stesse LEGGI fisiche, sono le MISURAZIONI a essere relative, cioè i valori che differenti osservatori danno alle variabili, tranne "c" che è sempre uguale per tutti (quindi c'è qualcosa di assoluto). la religione come "approccio umano"? cos'ha di umano sezionare organi sessuali di bambini? quale ricerca sapienzale si ottiene uccidendo ragazze che perdono la verginità prima del matrimonio? o sbudellando primogeniti? o promuovendo il cretinismo alla s.paolo? perchè QUESTA è religione, approccio disumano, IL MALE, guerra senza pietà!

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
gianpaolo lunedì 26 novembre 2007
poniamo il caso 1
100%
No
0%

Una volta mi sono detto: poniamo il caso che nulla avvenga per caso. Cioè, spesso attribuiamo al caso eventi 'strani' che non ci spieghiamo, tipo parlare un giorno di una persona che sono vent'anni che non si vede e poi ritrovarsela davanti il giorno dopo. O piccole cose, come quando ho scopertoil cantante Nick Drake nato in Birmania e il giorno dopo è esploso il caso dei monaci birmani (quando fino al giorno prima manco sapevo dov'era la Birmania). Ma potrei citarne tantissimi. Il fatto che spesso liquidiamo la cosa con una scrollata di spalle secondo me ci fa sfuggire la frequenza di questi 'segnali'. Da un po' invece ci faccio caso (!) e vi garantisco cherimarreste stupiti se voi faceste lo stesso. [+]

[+] lascia un commento a gianpaolo »
d'accordo?
gianpaolo lunedì 26 novembre 2007
poniamo il caso 2
100%
No
0%

Forse legami, influenze, forze sconosciute. Ignote pechè non alla nostra portata o semplicemente perché ancora da scoprire (per questo titolavo "siamo ancora in viaggio"). E poi esistono quelle scorciatoie, a nostra disposizione, di cui parlavo nel mio precedente post, finestre che si aprono scavalcando i cancelli della razionalità e della temporalità. Viviamo un'era in cui si vuole CAPIRE tutto. Forse è il caso di stare più attenti ad ASCOLTARE, a SENTIRE, che magari la chiave del monolito non è così lontana.Non rinnego affatto la capacità di ragionamento dell'uomo, ho solo qualche dubbio su come finora l'abbiamo sfruttata . a proposito: strano posto questo per incontrarsi e parlare dei massimi sistemi, ma sono sicuro che non è avvenuto per caso.

[+] lascia un commento a gianpaolo »
d'accordo?
andrea martedì 27 novembre 2007
per gianpaolo e luc
0%
No
0%

Non abbiamo la certezza che nell’universo valgano le stesse nostre leggi fisiche, o SOLO quelle. Non credo che siano solo le misurazioni a cambiare, ma anche le regole in sé, altrimenti sarebbe tutto molto più semplice da spiegare. L’80 percento dell’universo non lo vediamo neppure, chi lo sa che succede negli altri miliardi di galassie con altri sistemi solari simili o dissimili dal nostro… E’ qualcosa di troppo grande per noi, e in questo mi trovo perfettamente d’accordo con Gianpaolo. Sperare che in tutto quel che ci è sconosciuto ci sia qualcosa che dia un senso alla nostra esistenza non è la religione. La religione è una mediatrice, e ha tanti difetti che tu hai spesso citato, ma io preferisco l’individualità alle collettività religiose. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
andrea martedì 27 novembre 2007
per gianpaolo e luc (2)
100%
No
0%

...i nostri sensi potrebbero non percepire TUTTO, noi abbiamo i nostri limiti, e di conseguenza la razionalità ad un certo punto si ferma. Più che di razionalità, parlerei di nostra “capacità” di andare oltre il visibile, di percepire la possibile “materia che non si vede” (ripeto, non ritengo che materialità e spiritualità siano contrapposte, ma che possano coesistere). E’ vero, siamo ancora in viaggio, e molto probabilmente questo viaggio, seppure con meno dubbi, non porterà mai a vere risposte (se davvero ci sono), né ci porterà mai a dire con certezza: “Le risposte NON ci sono.” La frase in cui hai detto che forse non bisogna tentare di scoprire tutto, dato che non possiamo, ma che basterebbe “ascoltare” è molto simile a quella finale del mio film preferito, “La voce della luna”, l’ultimo di Fellini, in cui Benigni interpreta un uomo emarginato da una società alienata e consumistica, che si sente chiamare da una voce proveniente da un pozzo, la voce della luna. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
luc martedì 27 novembre 2007
x andrea
0%
No
0%

molti dei fenomeni citati da gianpaolo sono ultranoti alla psichiatria, sono dovuti a confusioni nell'immagazzinamento dei dati in memoria, tipo istantanei attacchi isterici. se non dobbiamo fidarci totalmente della razionalità perchè essendo umana è limitata, perchè dovremmo fidarci del "sentire", altrettanto umano? è pieno di gente che per dare retta alle "voci della propria luna" sono serial-killer o volontari in iraq...

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
andrea martedì 27 novembre 2007
x luc
100%
No
0%

Certo, anche il "sentire la propria luna" è umano, ma non per fidarcisi, o per scoprire qualcosa... Ascoltare la luna nel senso di vivere intensamente con la propria interiorità, la propria sensibilità, ascoltarla appunto (non nei casi distorti che hai menzionato, però), sperare anche, senza tentare di dare una spiegazione a tutto, dato che non è possibile.

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
luc mercoledì 28 novembre 2007
ho recensito alien
100%
No
0%

se a qualcuno interessa...

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
gianpaolo giovedì 29 novembre 2007
mary poppins
0%
No
0%

Che ne scrivete?

[+] lascia un commento a gianpaolo »
d'accordo?
luc sabato 1 dicembre 2007
mary poppins?
0%
No
100%

favoletta veramente pietosa. dovrei rivederlo a fini scientifici ma so che non lo farò. ricordo che provocò una violenta litigata con una mia ex (italiana naturalmente).

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
luc domenica 2 dicembre 2007
l'ultimo samurai
0%
No
0%

l'ho recensito

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
paleutta sabato 8 dicembre 2007
domanda
100%
No
0%

perchè i miei interventi scompaiono?

[+] lascia un commento a paleutta »
d'accordo?
luc sabato 8 dicembre 2007
scompaiono perchè...
0%
No
100%

...hanno una orientalissima e trascendentale capacità di smaterializzarsi: li ritroveremo nell'immateriale dimensione del "brahman"!

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
luc domenica 16 dicembre 2007
ho recensito il codice..
0%
No
100%

da vinci

[+] lascia un commento a luc »
d'accordo?
2001: Odissea nello spazio | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | andrea
  2° | mauro lanari
  3° | giannies
  4° | gordo95
  5° | cinemalife
  6° | kingleo53
  7° | paolopace
  8° | flegiàs tn
  9° | dodo
10° | andrea
11° | antonio barry
12° |
13° | adriano sgarrino
14° | weach
15° | stefano
16° | pacittipaolo
17° | e. hyde
18° | fulvio p.
19° | step99scream
20° | forgy
21° | neopolo marte miniel
22° | paolocorsi
23° | sir gient
24° |
25° | nicola grimolizzi
26° | filippo catani
27° | jayan
28° | chriss
29° | reservoir dogs
30° | ixaxar
31° | gianpaolo
32° | angelo
33° | il cinefilo
34° | luca scial�
35° | giorpost
36° | stefaniapuma
37° | paolo vattelappesca
38° | cress95
39° | igor74
40° | wadirum48
41° | goliadkin
42° | paolopacitti
43° | topo paolino
44° | topo paolino
45° | paolo 67
46° | great steven
47° | simon90
48° | paolino77
49° | evghen950
50° | catullo
51° | ilsettimosamurai
52° | weach
53° | giorgio
54° | franz
55° | albydrummer
56° | weach
57° | chriss
58° | weach
59° | attiliocoppa
60° | angelino67
61° | paolo 67
62° | jetset
63° | enricosls91
64° | jekyll
65° | weach
66° | weach
67° | weach
68° | oscar77
69° | brando fioravanti
70° | io
71° | marvelman
72° | eph
73° | ghik
74° | weach
75° | marco tn
76° | jacopo b98
77° | i'para
78° | chriss
79° | alex41
80° | paolo 67
81° | weach
82° | marco86
83° | paolo 67
84° | paleutta
85° | weach
86° | weach
87° | nick castle
88° | sperminator
89° | weach
90° | chriss
91° | nazareno nicoletti
92° | il cinefilo
93° | mondolariano
94° | alessio
95° | rudy_50
96° | kyle
97° | antonio
98° | paolo 67
99° | weach
100° | vincent vega
101° | chriss
102° | marco 91
103° | weach
104° | paolo bisi
105° | weach
Premio Oscar (8)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Video recensione
la video recensione
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 |
Link esterni
sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità