Pesaro Film Fest

Programma dei 59 film presentati a Pesaro Film Fest - Mostra Internazionale del Nuovo Cinema Pesaro dal 2 al 9 luglio 2016. Le recensioni, trame, listini, poster e trailer, ordinabili per: Stelle Uscita Rank Titolo oppure Filtra

FESTIVAL
domenica 10 luglio 2016
Il francese Les Ogres vince il premio come Miglior Film. Menzioni speciali per Per un figlio di Suranga Deshapriya Katugampala e David di Jan Tesitel. Vai all'articolo
FESTIVAL
sabato 2 luglio 2016
In programma dal 2 al 9 luglio la 52a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro diretta da Pedro Armocida. Vai all'articolo
FESTIVAL
martedì 14 giugno 2016
La 52a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro (ri)parte dal 2 al 9 luglio nel segno del 'nuovo cinema'. Guarda la sigla
CONCORSO
In equilibrio tra Brasile e Portogallo. Drammatico - Brasile, Portogallo, 2016. Durata 99 Min.

Due giovani portoghesi in Brasile, Teresa appena arrivata e Francisca già lì da tempo, si troveranno in conflitto di interessi.

Francisca, una ragazza portoghese, trascorre un anno di vita in Brasile. La madre gli chiede di raggiungere Teresa, una amica con la quale aveva perso il contatto. Mentre Teresa scopre, incantata, il nuovo paese in cui si desidera fermarsi per sfuggire alla crisi nel loro paese di origine, Francisca decide di tornare a Lisbona.

LUGLIO
7
giovedì
21:45 Pesaro
Piazza del Popolo
SGUARDI FEMMINILI RUSSI
Diverse storie d'amore si intrecciano a Mosca. Commedia - Russia, 2015. Durata 115 Minuti.

Storie d'amore apparentemente sconnesse si intrecciano a Mosca: un mix di personaggi alla ricerca del vero sentimento per eccellenza.

«Che cos'è l'amore?» A questa domanda cercano di rispondere gli eroi del film. Personaggi e storie che si intrecciano, brevi racconti accomunati da un unico tema: l'amore. Una giovane coppia preferisce vivere come personaggi degli anime giapponesi; una segretaria riceve una proposta "indecente" da parte del suo boss; una giapponese arriva a Mosca alla ricerca di un uomo russo; un artista di graffiti è alla ricerca della bellezza; una ex moglie viene ingaggiata dall'ex marito con un compito insolito.

CRITOFILM
Carl Theodor Dreyer, uomo e professionista. Documentario - Danimarca, 1995. Durata 96 Minuti.
Un film di Torben Skjødt Jensen.  Con Clara Pontoppidan, Hélène Falconetti, Lisbeth Movin, Preben Lerdorff Rye, Jørgen Roos, Birgitte Federspiel, Henning Bendtsen, Baard Owe, Axel Strøbye, Brian Patterson, David Bateson, Carl Theodor Dreyer. .

Una ricca raccolta di ricordi e riflessioni su uno dei massimi maestri del cinema di tutti I tempi.

Dreyer è un giovane giornalista a Copenaghen quando viene coinvolto nell'industria del cinema danese. Scrive script e per alcuni anni è l'editor a Nordisk Film. Dopo questi anni di apprendistato ha l'opportunità di dirigere il suo primo film nel 1917. Dreyer voleva che i suoi film portassero la sua impronta personale nei minimi dettagli, e già nei suoi primi muti è possibile trovare tratti stilistici che caratterizzano la sua intera produzione fino al suo ultimo film nel 1964. I primi sono di impostazione naturalisticha, per Dreyer il realismo non è un'arte in sé, solo il realismo psicologico lo è. Il suo interesse principale non è la vita all'esterno, ma quella interiore, la vita emotiva degli esseri umani. Le emozioni sono più visibili nelle espressioni facciali, e i film di Dreyer sono pieni di primi piani di volti umani. Catturando le sottili, espressioni visive dei caratteri, Dreyer cerca di rivelare i sentimenti che celano e le tempeste che infuriano all'interno. sebbene de son molti i film finiscono in tragedia, il suo intento è sempre quello di creare un inno al trionfo dell'anima sulla vita. Il carattere di Dreyer era complesso e contraddittorio come i personaggi dei suoi film. Composto nella sua testardaggine, non ha accettato alcun compromesso artistico.

CRITOFILM
Un sentito omaggio a Pier Paolo Pasolini. Documentario - Italia, 2009. Durata 38 Minuti.
Un film di Alfredo Jaar.  .

L'artista cileno Alfredo Jaar omaggia Pier Paolo Pasolini, intellettuale, artista e autore della celebre raccolta di poemetti Le ceneri di Gramsci.

Un omaggio a Pier Paolo Pasolini, intellettuale e artista, autore della celebre raccolta di poemetti Le ceneri di Gramsci, su cui è basato il titolo di quest'opera dell'artista internazionale Alfredo Jaar (Santiago del Cile, 1956), criticamente e poeticamente imperniata sul tema della consapevolezza. Le parole di Pasolini tratte da alcune interviste e documenti filmati appaiono straordinariamente profetiche dell'attuale realtà sociale e politica del nostro paese.

LUGLIO
5
martedì
15:00 Pesaro
Saletta Pasolini
EVENTI SPECIALI
MYMONETRO: 3,88
ASSOLUTAMENTE SÌ
La storia di tre amici attraverso trent'anni di storia italiana. Commedia - Italia, 1974. Durata 127 Minuti.
MYMOVIES.IT 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,51
Un film di Ettore Scola. Da vedere 1974 ❯ Con Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Aldo Fabrizi, Stefania Sandrelli, Stefano Satta Flores, Giovanna Ralli, Federico Fellini, Isa Barzizza. .

Tre amici si conoscono in montagna facendo i partigiani e affrontano il dopoguerra pieni di energia e di idee. Recensione ❯

Nella storia di tre amici, trent'anni di storia italiana. Si conoscono in montagna facendo i partigiani e affrontano il dopoguerra pieni di energia e di idee, ma l'infermiere rimane infermiere e il professore meridionale passa da una delusione all'altra. Solo il più smagato dei tre, l'avvocato Gianni, diventa ricco e potente. Quando si incontrano dopo molto tempo, non avrà il coraggio di confessare agli amici il proprio successo, ottenuto grazie a imbrogli, ad affari avventurosi, a un ricco matrimonio. C'eravamo tanto amati non è forse quella "storia italiana" che si ripromettevano gli autori (l'abilissimo regista Scola e gli sceneggiatori Age e Scarpelli), ma nelle due ore di spettacolo riesce a coinvolgere lo spettatore, che si identifica alternativamente con l'uno o l'altro dei protagonisti. Continua »

LUGLIO
3
domenica
21:45 Pesaro
Piazza del Popolo
CRITOFILM
Cinema Europeo, le oprigini, episodio 4. Muto - Gran Bretagna, 1995. Durata 58 Minuti.
Un film di Michael Winterbottom.  Con Kenneth Branagh. .

Quarto episodio di una collana interamente dedicata alle origini del cinema.

Quarto episodio di una collana che narra le cronache della nascita del cinema europeo, le avanguardie svedesi, francesi, gli esperimenti sul suono, il cinema italiano, tedesco e le altre realtà europee che hanno dato vita a magnifiche produzioni che hanno segnato la storia del cinema. In questo episodio lo sguardo si focalizza soprattutto sulle opere di Abel Gance's, capolavori come 'Napoleon' e 'La Roue.'

CRITOFILM
Un artista contemporaneo, in una serie di incontri con vari mondi. Documentario - Francia, 2010. Durata 59 Minuti.

Stephen Dwoskin, la sua visione, le sue visuali, la sua arte.

Stephen Dwoskin è nato a New York nel 1939 e ha iniziato a fare cortometraggi indipendenti nella grande Mela nel 1961. Nel 1964 ha proseguito il suo lavoro di ricerca a Londra, dove si stabilì e partecipò alla fondazione della London Filmmaker. I suoi film sperimentali giocano con le idee del desiderio, solitudine sessuale e mentale, e con il passare del tempo. Nei suoi film esplora anche la rappresentazione nel cinema, spettacoli, impressioni personali e anche il proprio handicap fisico che è stato fonte di ispirazione per lui in tutta la sua carriera. Le sue opere sensibili ed emancipate sono state oggetto di varie presentazioni internazionali. Questo documentario è inserito nella raccolta Cinexperimentaux, creata tra 2006 e 2010. La forza del cinema sperimentale contemporaneo ha incoraggiato Frederique Devaux & Michel Amarger a incontrare e filmare i più attivi registi e distributori, motori e agitatori di questa forma d'arte. Questo ha sviluppato in una serie di ritratti autonomi, formando una serie e dimostrando la pluralità di approcci e pratiche del cinema sperimentale. Le loro produzioni indipendenti introducono o completano il lavoro degli artisti, tecnici, distributori e programmatori che partecipano alla vita del cinema nell'arte contemporanea.

LUGLIO
6
mercoledì
23:00 Pesaro
Teatro Sperimentale
CRITOFILM
La ciudad de los signos ripercorre i luoghi del cinema di Rossellini creando un percorso semiotico e una mappatura del cinema italiano. Documentario - Spagna, Italia, 2009. Durata 63 Minuti.
MYMOVIES.IT 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
Un film di Samuel Alarcón. Da vedere 2009 ❯ .

1980, César Alarcón si reca a Pompei per raccogliere le psicofonie dell'eruzione che distrusse la città. Ma trova altro. Recensione ❯

Che cos'è lo schermo cinematografico se non il luogo attraversato dai fantasmi, dagli spettri riflessi che fissano lo scarto e la mancanza? Luogo e simulacro dell'assenza, dove i frammenti impalpabili si muovono nei confini di questo spazio limitato. Quello di Samuel Alcarón è un film di fantasmi e perciò un film sul cinema, un omaggio a Roberto Rossellini e all'eredità della sua arte, non solo circoscritta alla sfera del cinematografico ma con un meticoloso lavoro sullo spazio e su quei luoghi che ancora sentono vibrare la presenza dei corpi eterei dei suoi film, in particolare i doppi femminili di Anna Magnani prima e di Ingrid Bergman poi. Continua »

LUGLIO
7
giovedì
23:10 Pesaro
Teatro Sperimentale
Chiudi
Sezioni Ufficiali della manifestazione:
Programma Ufficiale - I film di ogni giorno a Pesaro dal 2 al 9 luglio 2016:
Elenco dei film, divisi per genere, presentati a Pesaro Film Fest.
Elenco dei film, divisi per paese di produzione, presentati a Pesaro Film Fest.



menu
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati