Amarcord

Film 1973 | Commedia +16 127 min.

Regia di Federico Fellini. Un film Da vedere 1973 con Bruno Zanin, Pupella Maggio, Armando Brancia, Giuseppe Ianigro, Gianfilippo Carcano. Cast completo Genere Commedia - Italia, 1973, durata 127 minuti. Uscita cinema lunedì 14 settembre 2015 distribuito da Cineteca di Bologna. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,77 su 52 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Amarcord tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Amarcord in dialetto romagnolo (il dialetto di Fellini) vuol dire "mi ricordo", e il regista ricorda gli anni della sua infanzia, gli anni Trenta. Il film ha ottenuto 3 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, ha vinto 3 Nastri d'Argento, ha vinto 2 David di Donatello e 1 candidatura a Golden Globes.

Amarcord è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,77/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,63
ASSOLUTAMENTE SÌ
Fellini e gli anni della sua infanzia.
Recensione di Pino Farinotti
Recensione di Pino Farinotti

Amarcord in dialetto romagnolo (il dialetto di Fellini) vuol dire "mi ricordo", e il regista ricorda gli anni della sua infanzia, gli anni Trenta, al suo paese.
Passano dunque i miti, i valori, il quotidiano di quel tempo: le parate fasciste, la scuola (con l'insegnante prosperosa che stuzzica i primi pensieri), la ragazza "che va con tutti", la prostituta sentimentale, la visita dell'emiro dalle cento mogli, lo zio perdigiorno che si fa mantenere, la Mille Miglia, i sogni ad occhi aperti, il papà antifascista che si fa riempire d'olio di ricino, il paese intero che in mare, sotto la luna, attende il passaggio del transatlantico Rex.
Fellini nel '76 era ancora in grado di incantare praticamente con niente, confezionando appunto il "niente" con colori, fantasia e sensazioni. Si giova dei soliti collaboratori, a cominciare da Nino Rota sempre importantissimo nell'economia del cinema felliniano.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
AMARCORD
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 2 novembre 2010
catullo

Amarcord è un capolavoro assoluto nel senso che come “La strada” e “la dolce vita” è entrato nel sentire comune della gente travalicando gli steccati culturali che dividono i popoli diventando universale (ottoemezzo è più per specialisti)  Non ha importanza se la cultura da dove nasce questa storia è radicata in un particolare contesto [...] Vai alla recensione »

sabato 7 novembre 2009
Paolo Schipani

«Voglio una doooooooooonnaaaaaaaaaaaaaa», grida lo zio Teo (Ciccio Ingrassia) dalla cima di un albero. Sogno e disperazione, follia e comicità. Amarcord (Italia, 1973, 127'), in dialetto romagnolo «mi ricordo»: un viaggio surreale che ripropone la carrellata di ricordi di Fellini e della sua adolescenza nel Borgo (Rimini) negli anni ‘30, attraverso gli occhi del giovane Titta (Bruno Zanin).

venerdì 10 giugno 2011
mondolariano

Esattamente vent'anni dopo “I vitelloni”, Fellini dipinge un altro affresco dell’Italia provinciale del ‘900. Più geniale ma anche più imperfetto, meno compatto all’interno di una trama volutamente oziosa, formata da un mosaico di situazioni che illustrano i ricordi personali di Fellini. Il collante è assicurato dalla forte connotazione poetica e dalle cadenze ridanciane della farsa, una curiosa miscela [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 ottobre 2013
Luigi Chierico

Un tempo, non molto lontano da oggi ma lontanissimo da noi, da queste generazioni, capitava in molte case di aprire delle scatole di cartone, talora di quelle scatole colorate per per savoiardi, piene di fotografie a ricordare il passato. Attorno alla zia o alla nonna uno stuolo di nipoti d’ogni età. Si sentiva chiedere “ tu quale sei? ”, si apriva una gara, le foto passavano di mano in mano e trascorrevan [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 novembre 2011
Paolo Pacitti

Il film che riportò Fellini al centro del dibattito internazionale e gli conquistò il quarto Oscar, girato nel più assoluto segreto in una Rimini tutta ricostruita a Cinecittà, è un viaggio nel paese dell'infanzia e dell'adolescenza di Federico, ambientato in un'Italia provinciale durante il fascismo, che il maestro riminese vedeva come il simbolo di una [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 febbraio 2015
Great Steven

AMARCORD (IT, 1973) diretto da FEDERICO FELLINI. Interpretato da BRUNO ZANIN, MAGALI NOEL, ARMANDO BRANCIA, PUPELLA MAGGIO, CICCO INGRASSIA, ALVARO VITALI, MARIA ANTONIETTA BELUZZI, LUIGI ROSSI, GIUSEPPE IANIGRO, GIANFILIPPO CARCANO, ARISTIDE CAPORALE, JOSIANE TANZILI, MARIO LIBERATE, NANDO ORFEI, ANTONINO FAA DI BRUNO Amarcord è un intercalare del dialetto romagnolo (la lingua madre di [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 giugno 2014
tomdoniphon

L'adolescenza di Titta nella Rimini degli anni '30 (tutta ricostruita in studio): le Mille Miglia, il piroscafo Rex, l'olio di ricino e i gerarchi, lo zio matto, la tabaccaia più che maggiorata, la fatale Gradisca che finirà per sposare un carabiniere. Nel 1974 (data di uscita del film) Fellini era ormai una leggenda vivente; ed è in questo periodo che decide di tornare [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 novembre 2016
CG1995

Amarcord si presenta come il film "più autobiografico" del maestro Fellini seppur non sia certo una novità il portare sè stesso sullo schermo. Il titolo difatti ci aiuta a comprendere quanto Fellini ci sia in questa pellicola (Amarcord è la univerbazione di "Io mi ricordo"). Fellini ci presenta la sua Rimini adolescenziale tramite le avventure degli abitanti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 dicembre 2015
critichetti

So bene che il mio titolo può sembrare provocatorio,ma vi prego di leggere bene cosa intendo dire.Ora:il film è indubbiamente una pietra miliare nella storia del nostro cinema e forse anche in quella del cinema mondialeQuesto lo si può notare in più di un'occasione dove si vede molto bene l'abilità registica del maestro Fellini,ad esempio nella ricostruzione [...] Vai alla recensione »

martedì 15 dicembre 2015
jekyll

"Amarcord" è uno dei massimi capolavori felliniani e della storia del cinema. Esso contiene un forte moto di viscerale nostalgia, ma Fellini non ne rimane intrappolato. Si avverte un che di ridicolo, spira un'arietta di follia e di morte - come in tutti i film del Fellini maturo - per cui esso più che ricordare smemora, supera, smette i calzoncini corti che il protagonista porta per tutto il film. Vai alla recensione »

venerdì 2 ottobre 2015
carlo02

Le bella copia restaurata che in questi giorni ( settembre 2015) è sugli schermi mi ha permesso di rivedere sul grande schermo dopo molti anni questo film che vidi al cinema ( allora ero quindicenne) quando uscì al cinema ( Natale del 73) Gli anni passano , il film resta e sarà sempre un capolavoro ma la sensibilità e la percezione del film cambia in funzione dell'et&agr [...] Vai alla recensione »

sabato 19 settembre 2015
rampante

Anni 30, un piccolo borgo sulle rive dell'Adriatico, sul corso ogni sera si trovano gli studenti, le ragazze, i ricchi notabili. Titta,   il giovane protagonista,    non appena riesce a sfuggire ai genitori si aggira nelle strade del paese Un film ingrado di incantare con niente, confezionando il    "niente"    con colori, fantasie, [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 aprile 2015
Barolo

Difficile esprimere compiutamente un giudizio su un film che ha fatto la storia del cinema italiano.Credo che il suo autore abbia ispirato i registi di tutto il mondo e i nostri migliori autori contemporanei gli sono certamente debitori,vedi Sorrentino nella Grande bellezza.Il racconto sostanzialmente autobiografico di Fellini ha uno spessore poetico elevatissimo,sommando la lirica del ricordo, alle [...] Vai alla recensione »

martedì 17 dicembre 2013
LucaGuar

Film come "Amarcord" restano dentro. Fellini, qui sicuramente all'apice della maturità, riesce a donarci uno splendido affresco della Rimini della sua infanzia, che non può non suscitare in ognuno di noi la voglia di sognare, la voglia di scavare nel passato e di trovare la nostra Rimini, le nostre feste di paese, la nostra severa insegnante di matematica, la nostra [...] Vai alla recensione »

martedì 26 marzo 2013
ShiningEyes

“Amarcord” è un altro grandissimo capolavoro di Fellini, nel quale mette a colori la sua nota autobiografica di una Rimini paesaggistica ed originale, che ricalca i stilemi del borgo che somiglia a paese, tra matti, donne attempate ma piacenti, tabbaccaie dalle forme giunoniche che attizzano i ragazzini in piena fase ormonale, ninfomani, padri brontoloni e tipi fighi spericolati. Il [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 settembre 2009
jos_d

A circa vent' anni da "I vitelloni", suo primo grande successo, Federico Fellini dedica un' altra pellicola alla Romagna, sua terra natale. Più ancora che di una terra però, questo film rievoca le atmosfere di un' epoca, quella in cui il regista ha vissuto la propria adolescenza, ovvero gli anni trenta, gli anni in cui l' Italia sognava di poter tornare agli antichi splendori sotto la guida del duce. [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 settembre 2011
Andrea Levorato

Amarcord **** Produzione: Italia 1973 Genere: Commedia, Drammatico Regia: Federico Fellini Trama: Nella Rimini del ’29 si incrociano le storie di svariati personaggi pittoreschi: il giovane aitante alle prese con gli sbalzi ormonali, la ninfomane, la cosiddetta “Gradisca “che ama fare l’amore per passione, l’antifascista alle prese con lo stato, lo zio pazzo, la tabaccaia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 aprile 2010
il cinefilo

AMARCORD di Federico Fellini è,opinione del sottoscritto,semplicemente uno dei film più belli della cinematografia italiana...quest'opera meriterebbe di essere collocata tra altri "giganti" come LADRI DI BICICLETTE,8 1/2(dello stesso Fellini) e UMBERTO D...anche se apparentemente è un operazione "minore" rispetto a LA DOLCE VITA e 8 1/2 si tratta invece di uno dei più affascinanti e quasi surreali [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 dicembre 2009
packmen

non c'è niente da dire.

giovedì 29 settembre 2011
Spike

Il miglior film di Fellini (...e ho detto tutto...).

mercoledì 4 dicembre 2013
Renato C.

Come ho scritto anche in altre recensioni, non mi risulta facile recensire un film di Federico Fellini perché considero il regista romagnolo veramente un grande artista, per cui non è troppo facile recensirlo. Innanzitutto il titolo che mi sembrava strano ed ho saputo da un viaggiatore romagnolo, mentre mi trovavo in treno, che significa “Mi ricordo”.

lunedì 31 ottobre 2011
Liver

Macchina da presa come pennello del pittore: i ricordi dipinti in questo capolavoro assoluto appartengono a tutti noi, anche se siamo vissuti in un’epoca diversa e in una terra diversa. Qui sta la potenza del genio. Evocativo, magico, triste, comico, onirico, una poesia cinematografica: c’è tutta la vita in questa lezione di cinema.

martedì 20 settembre 2011
gianlore

Il film fi fellini che più mi è piaciuto in assoluto.

domenica 10 luglio 2011
joker 91

un film a mio avviso stupendo degno della parola CAPOLAVORO,fellini rappresenta la sua rimini mostrandosi poeta insuperato a livello di biografia,rappresenta per la prima volta anche il concetto di famiglia mai affrontato cosi bene in nessun suo film. La rimini della fame,della richezza,il livello di cultura popolare,la famiglia patriarcale,l'epoca fascista sono rappresentate benissimo scavando anche [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 settembre 2015
Marco Petrini

Un film che avrebbe potuto essere una noisa narrativa fine a se stessa, se la grande, immensa mano di Fellini non lo avesse fatto diventare quel grandissimo capolavoro che è; in una sola parola: immenso!

lunedì 25 febbraio 2013
Max_65

VOGLIO UNA DONAAAA!

domenica 19 aprile 2009
mauro B

eccezionale l'arte del cinema è rappresentata proprio in questo film

cineforum

Straziante opera

giovedì 19 gennaio 2012
pienamente55

Il miglior film di Federico FELLINI

sabato 7 novembre 2015
Ellenbi

Assurdo, osceno, volgare. Non capisco perchè sia definito un capolavoro. La tecnica? Dove sta?

Frasi
Il bab del mi bab diceva così: per campè sein, bisogna pisè spes com i chein. Per campare sano bisogna pisciare spesso come il cano.
Una frase di Teo (Ciccio Ingrassia)
dal film Amarcord
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Kevin Thomas
The Los Angeles Times

Federico Fellini's "Amarcord" ("I Remember") is a ravishing memory film in which reminiscence, rumor, legend, local history and male sexual fantasies flow into one another with the ease and grace for which Fellini was justly famous. It is a reminder too of the formidable evocative powers of two key Fellini collaborators, composer Nino Rota and cinematographer Giuseppe Rotunno, who supervised this [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 20 luglio 2015
 

Per la prima volta alla Mostra di Venezia, un Leone d'oro alla carriera ha avuto quest'anno a disposizione una "carte blanche" per selezionare alcuni titoli rari, dimenticati o sottovalutati, per la sezione Venezia Classici.

winner
miglior film straniero
Premio Oscar
1974
winner
miglior regia
Nastri d'Argento
1974
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1974
winner
miglior soggetto originale
Nastri d'Argento
1974
winner
miglior regia
David di Donatello
1974
winner
miglior produzione
David di Donatello
1974
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati