8 ½

Film 1963 | Drammatico +16 138 min.

Regia di Federico Fellini. Un film Da vedere 1963 con Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Anouk Aimée, Sandra Milo, Rossella Falk. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1963, durata 138 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,83 su 69 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi 8 ½ tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Guido è un regista, quarantenne, un po' stanco. Tutto ciò che lo riguarda è stanco: il rapporto con la moglie, col suo produttore, con gli amici, persino con l'amante. Ha fatto costruire un'immensa impalcatura, nemmeno lui sa bene perchè... Il film ha ottenuto 8 candidature e vinto 2 Premi Oscar, ha vinto 11 Nastri d'Argento.

8 ½ è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,83/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,25
ASSOLUTAMENTE SÌ

Guido è un regista, quarantenne, un po' stanco. Tutto ciò che lo riguarda è stanco: il rapporto con la moglie, col suo produttore, con gli amici, persino con l'amante. Naturalmente l'ispirazione si è fatta sottile, le idee sono rare e astratte, la pigrizia avanza. Ha fatto costruire un'immensa e costosa impalcatura che forse servirà per un film di fantasia, forse. Infatti lo stesso Guido non sa perché l'abbia fatta costruire. Intorno a lui si muovono tutti i "fenomeni" del cinema: tecnici che urlano, amanti di produttori, velleitari che propongono sceneggiature, anziane attrici che aspirano a un ultimo colpo di coda. Guido rincorre idea dopo idea, tutte scialbe e abbandonate. Un critico di cinema dal linguaggio inverosimilmente ermetico gli smonta una per una tutte le iniziative. Cerca un po' d'aiuto in un alto prelato, che in risposta alle sue angosce gli parla di cardellini. Per fortuna la sua fantasia può correre liberamente nel passato, nell'età dell'adolescenza, nella sua prima terra ai tempi della scuola e delle prime sensazioni. I timori, i misteri, le curiosità, le prime eccitanti trasgressioni. Gli episodi reali e quelli della memoria si alternano in una vetrina di caratteri che davvero non si possono dimenticare: il papà nel sogno, l'amico con l'amante giovane, la maga che gli legge nel pensiero la formula "Asa nisi masa". Infine ecco il grande girotondo da fiera, con tutti i personaggi che si tengono per mano, che gli girano intorno: tutto continua ed è vitale, ed è inutile drammatizzare sul grande palcoscenico della vita. Otto e mezzo è da molti ritenuto la più alta espressione di Fellini, più ancora della Dolce vita. Qui tutto si compie, tutti i misteri vengono identificati. Il mondo del regista si evolve da (più o meno) reale che era, sale di dimensione per diventare tutto. Tutto incredibilmente nella sua "prima persona", come una sorta di paradiso e inferno efficacissimi, onnicomprensivi: il cinema di Fellini è complice, misterioso e ruffiano, blasfemo e religioso, è puttaniere e crea disagio, è eroico e vigliacco, è uomo e donna, qualunquista, apolitico, periferico, olimpico e provinciale. Ma la soglia di fantasia, magia e sortilegio è altissima, raggiungibile solo da Fellini. Premio Oscar.

8 ½
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 16 marzo 2012
Paolo Pacitti

  L'astronauta Titov, il secondo uomo nello spazio, disse: “OTTO E MEZZO è più misterioso del cosmo”. Il film piacque molto in URSS tanto che vinse il primo premio al Festival di Mosca, all'unanimità. In America oltre alle 5 candidature e ai 2 Oscar vinse il primo premio al Festival di New York (il primo film della Storia a vincere i premi principali [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 ottobre 2011
Gianni Lucini

Il film, cui ha collaborato anche lo scrittore Ennio Flaiano, è un grande e impietoso affresco d’epoca che con ironia prende di mira la volgarità dei nuovi ricchi, l’assurdità dell’aristocrazia e la mediocrità della borghesia. È un pugno nello stomaco per il pubblico milanese della “prima”, composto in gran parte dalla buona borghesia [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 febbraio 2012
Paolo Pacitti

E pensare che era un film che Fellini non voleva più fare! Ma da questo trovò con genialità assoluta lo spunto per la storia. La straordinaria novità del linguaggio (colle ardite sperimentazioni del direttore della fotografia Giovanni Di Venanzo) lo pose all'avanguardia tanto da essere ammirato dai circoli dell'underground e dello sperimentalismo, come dai letterati dell'epoca (Calvino).

giovedì 19 gennaio 2012
Paolo Pacitti

Il film, che ha contribuito in maniera eccezionale al rinnovamento dell'espressione cinematografica, affronta il tema della creazione, della contraddittorietà della stessa, fatta di vezzi, astuzie, impegno, viltà, sincerità e mistificazione. Un film che Fellini non voleva più fare, quando ebbe, genialissimamente, l'intuizione: un film su un regista che voleva fare un film che non ricorda più.

giovedì 24 giugno 2010
il cinefilo

TRAMA: Il film racconta la crisi professionale e esistenziale di un regista di nome Guido(un grande Marcello Mastroianni)e che durante la lavorazione di un nuovo film si trova a "fronteggiare" psicologicamente i ricordi del passato e la sua stessa figura inizia a dimenarsi tra sogno e realtà...RECENSIONE: Federico Fellini,con questo film,tocca(a tutti gli effetti)l'apice del suo [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 aprile 2014
LucaGuar

81/2 è un film che ha rappresentato una svolta epocale nella storia del cinema: mai nessuno prima di Fellini aveva saputo tramutare il ruolo di regista in quello di un pittore e il cinema in una tela, su cui dipingere tutte sfumature dell' enorme mistero della vita degli esseri umani. O meglio, forse solo Bergman aveva saputo farlo, ma in modo molto diverso, anche se non mi addentro qui [...] Vai alla recensione »

martedì 30 gennaio 2018
Parsifal

IL Maestro Fellini, nel 1963, giunga a realizzare uno dei suoi più controvesi ed attraenti capolavori.IL titolo deriva dal fatto che il film in questione, dopo i sei diretti da solo ed i tre , condiretti con altri autori, sarebbe giustappunto l'ottavo e mezzo. Il suo intento , come disse ai produttori, era quello di mettere in scena , i pensieri , i sogni , le paure di un uomo di mezz'et&agra [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 maggio 2016
angelino67

Otto e mezzo parla di te, del tuo lavoro, dei tuoi rapporti con le donne... almeno per una intera generazione questo é stato il film, che racconta una situazione esistenziale così come faceva "La dolce vita", questa volta concentrandosi sul privato, e maturando le intuizioni e le geniali soluzioni cinematografiche del film precedente, con il quale costituisce una cerniera [...] Vai alla recensione »

domenica 20 dicembre 2015
jekyll

Il procede su due livelli, reale e fantastico. Fellini scopre la finzione, l'inganno di quello che viene proposto come reale attraverso la scena del bagno, facendo sentire il rumore delle luci di scena. In questo momento crollano i confini tra fantasia e realtà, che erano stati nettamente definiti dallo stacco tra la prima sequenza chiaramente onirica alla successiva chiaramente realistica.

mercoledì 6 agosto 2014
Luca Scialo

Primo film visionario di Fellini, dopo il neorealismo portato avanti fin dagli esordi con film straordinari. Fa conoscere al pubblico i retroscena del girare un film e lo fa per primo rispetto ai suoi colleghi. E, sempre per primo, mette cinematograficamente a nudo la figura del regista (il protagonista è Guido Anselmi, interpretato da Mastroianni), ponendo sotto i riflettori i suoi limiti, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 settembre 2013
jacopo b98

 Guido (Mastroianni), regista in crisi con un film da fare, mentre è a Roma per le riprese ha l’occasione di riflettere sul matrimonio con la moglie Luisa (Aimée), sul rapporto con l’amante Carla (Milo), ecc. Comprende il senso di vuoto e di disperazione della sua vita e il fallimento della sua esistenza. Ma forse c’è ancora una possibilità di rimediare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 aprile 2015
Frank76_

Sogno, realtà, ricordi, visioni si intrecciano e cercano di delineare la soggettività, i tormenti, l'indecisione e la visione del mondo di Guido alias Federico, artista confuso immerso nell'Italia del boom. Il regista, con un progetto che non riesce ad ultimare, è soffocato dalle continue richieste da parte della sua troupe (attrici, produttore, tecnici) e dalle pressioni dell'amante e della moglie [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 agosto 2011
BiancaRitaCataldi

1963. La prigione di Alcatraz ritira finalmente i suoi artigli e viene chiusa per sempre. Martin Luther King tiene il discorso I have a dream dinanzi ad un’immensa folla, piccola parte di un’umanità che sta cambiando. In una sera di giugno, il mondo perde Giovanni XXIII. Mina canta Stessa spiaggia, stesso mare con un taglio di capelli a caschetto che ha fatto storia.

lunedì 25 ottobre 2010
catullo

Fellini che trasforma la sua crisi creativa dopo i trionfi della "dolce vita" in un film epico tra i più copiati della storia del cinema. Introduce l'onirico e la psicoanalisi nel linguaggio cinematografico lui che dai tempi de "la strada" è in psicanalisi junghiana. Ma sono convinto che il suo enorme narcisimo da grande affabulatore si serviva di questa terapia [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 gennaio 2015
Noia1

Un regista è in procinto di girare un film manca però la sceneggiatura. Non so da dove cominciare, fin da subito salta all’occhio la bravura del regista con una sequenza onirica angosciante, così effettivamente è la vita di Guido Anselmi, regista all’apice del successo ora però in crisi, non una crisi artistica o esistenziale ma l’insieme di quelle [...] Vai alla recensione »

sabato 29 ottobre 2011
Paolo Pacitti

L'ottavo film e mezzo di Fellini è una tonificante esplosione di genialità, una messinscena ricca e barocca dove il linguaggio filmico si emulsiona in una suggestiva sospensione tra invenzione e realtà. Arrivato alla maturità piena, dopo il sorprendente sensazionale successo de "La dolce vita" il regista riminese, partendo da uno spunto tra i più geniali [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 ottobre 2010
cineamatore

Non si può dire di amare il Cinema se non si ama questo autentico capolavoro del maestro di Rimini che mettendo in scena questo film ha scritto una delle più importanti pagine della settima arte...Mentre ne "La dolce vita" si intravede l'inquietudine e la desolazione di un uomo che impotente vive il cambiamento della PROPRIA società,con "8 1/2" Fellini scava dentro di se,mettendo in scena quella stessa [...] Vai alla recensione »

domenica 23 gennaio 2011
joker 91

un film decisamente pazzesco che gioca su cosa è l'artista,dopo la dolce vita fellini affronta un tema non facile rifacendosi attraverso il personaggio di guido a se stesso ed a quello che il mitico 4 VOLTE PREMIO OSCAR stava passando. Mastroianni è senza ombra di dubbio il migliore attore italiano mai esistito ed lo dimostra ancor più qui che in la dolce vita ma il film resta [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 agosto 2009
giovi

secondo me 8 1/2 e in assoluto il film più bello della storia e rappresenta nè più nè meno IL CINEMA. L'ultima scena è bellissima grazie anche a nino rota.

mercoledì 9 novembre 2011
tiamaster

otto e mezzo è il titolo del film.10 e mezzo è il voto che dò a questa stroardinaria ed irripetibile pellicola..Fellini assieme a kubrick,lynch,spielberg,zemeckis,bergman,minelli,fritz lang è una bussola per tutti i registi e per tutti gli artisti.Federico fellini mai,e ripeto mai analizza in modo superficiale i suoi personaggi,sono sempre profondi,realistici e ovviamente [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2011
pruoffc

lunedì 1 aprile 2013
demLong

Più di questo in Italia non possiamo fare, e probabilmente è meglio che Brizzi la pianti di provarci a suon di Femmine contro Maschi...

mercoledì 15 febbraio 2017
Francis Metal

Fellini tenta di imitare il grandissimo Bunuel ma fallisce miseramente: solo perché non fai capire un cavolo di quello che hai fatto non significa che hai fatto un capolavoro, è troppo facile essere ermetici e criptici, quello difficile è farsi capire...  Nel surrealismo e nelle sequenze oniriche il senso c'è, è nell'inconscio, nel simbolismo invece [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 febbraio 2015
MrMassori

Non solamente un Film, ma un'opera d'arte a 360°. E' un Capolavoro Immortale ed una pietra miliare della storia del Cinema. Senza alcun dubbio è tra i miei 15 film preferiti in assoluto.

martedì 25 novembre 2014
La Minni

Al suo confronto la "Corazzata Potiomkin" è un capolavoro

sabato 23 novembre 2013
no_data

Un sogno che dura 138 minuti ma che non finisce così ma persiste nella memoria! Un innarrivabile Fellini insieme ad uno strepitoso Mastroianni e una Claudia Cardinale che incanta come fosse un angelo!   Chapeau a Nino Rota per le musiche, un mix fra il mistico e il circense!

venerdì 8 aprile 2011
Radiante

Confesso che non l'avevo mai visto. Il lavoro è notevole, davvero a livelli altissimi (non lo scopro certo io). A tratti mi ha lasciato decisamente a bocca aperta. A volte è risultato un po' pesante, mi è arrivato un po' troppo "trottolante su se stesso". Ma, del resto, anche il miglior latte ha qualche grumo, e c'è a chi piace proprio per questo. Un [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 luglio 2014
enzo70

Otto e mezzo è l’omaggio di Fellini al cinema, un lungo, intenso canto interiore dedicato all’universo incantato della cellulosa. Il protagonista è Marcello Mastroianni, chiaramente, in piena crisi creativa ed umana alle prese con il prossimo film che ha come oggetto un interminabile pout pourri di sensazioni, affetti, bugie, contraddizioni, mogli, amanti, produttori, nani [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 settembre 2014
gigiesse

Trovo Fellini totalmente sopravvalutato e non capisco il senso di questo film. Senza una precisa trama, frammentato, descrive in modo visionario le inquietudini e lo stile di vita di Guido, regista senza ispirazione. Come nella Dolce Vita, l'elite culturale e economica appare stanca, sfaticata, viziata e vuota: priva di alcun fascino.

sabato 22 agosto 2009
Paolo Ciarpaglini

Sarà che Fellini, o meglio, il suo modo di fare cinema non mi piace. Non posso che associarmi quindi che, a chi come me lo giudica esageratamente onirico, sfasato, persino pesante e noioso. L'unica peculiarità, credo la si possa riscontrare 'e non è poco', nella somma poeticizzazione dell'opera. Assolutamente da fuoriclasse. Ma purtroppo anche ristretta a una cerchia di soli amatori del genere, ovvero [...] Vai alla recensione »

Frasi
Ma che cos'è questo lampo di felicità che mi fa tremare, mi ridà forza, vita? Vi domando scusa, dolcissime creature; non avevo capito, non sapevo. Com'è giusto accettarvi, amarci. E come è semplice! Luisa, mi sento come liberato: tutto mi sembra buono, tutto ha un senso, tutto è vero. Ah, come vorrei sapermi spiegare. Ma non so dire... Ecco, tutto ritorna come prima, tutto è di nuovo confuso. Ma questa confusione sono io, io come sono, non come vorrei essere adesso. E non mi fa più paura dire la verità, quello che non so, che cerco, che non ho ancora trovato. Solo così mi sento vivo, e posso guardare i tuoi occhi fedeli senza vergogna. È una festa la vita: viviamola insieme! Non so dirti altro, Luisa, né a te né agli altri: accettami così come sono, se puoi. È l'unico modo per tentare di trovarci.
Una frase di Guido Anselmi (Marcello Mastroianni)
dal film 8 ½ - a cura di Patrizia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Luigi Rondi
Il Tempo

“È una festa, la vita. Viviamola insieme». Questa la conclusione ottimistica cui giunge Federico Fellini nel suo ultimo film Otto e mezzo, dopo aver temuto, nella Dolce vita, di non poter più separarsi dai mostri di morte che gravano sulla società contemporanea e, nelle Notti di Cabiria, nel Bidone e persino nella Strada, di non poter arrivare a vincere il peso negativo degli egoismi, degli odi, delle [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

A un certo punto di8 1/2 di Fellini, amici e parenti vedono insieme con il regista protagonista il materiale dei provini girati per il nuovo film. Una giovane donna magra che è la cognata del regista (la interpreta Elisabetta Catalano, fotografa bionda e chic) si china e con astio viperino sussurra a chi le sta davanti:”Tutte cose della sua vita....

Gian Piero dell'Acqua

Autoanalisi di un regista cinematografico affermato ma logoro, e giunto a un punto morto nel lavoro e nella vita. La sua realtà è in crisi non meno della sua fantasia, tra passato e presente, infanzia e maturità, moglie e amante, religione e ragione. Egli narra tutto questo, per associazioni libere. Il miglior film di Fellini: insieme il più liberatorio e formalmente prezioso.

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

Is it possible? Can "8 1/2" be close to 50 years old? The calendar may say yes, but to see this classic of personal cinema one more time is to be in the presence of a kind of picture-making that defiantly remains forever young. First released in 1963, Italian director Federico Fellini's landmark examination of self-portraiture and the creative process opens a run at Laemmle's Music Hall in Beverly [...] Vai alla recensione »

NEWS
ACCADDE OGGI
mercoledì 14 febbraio 2018
Andrea Chirichelli

Il 14 febbraio 1963 esce nelle sale 8½ (disponibile su TROVASTREAMING), capolavoro di Federico Fellini, con Marcello Mastroianni e Claudia Cardinale. Vincerà l'Oscar come miglior film straniero.

winner
migliori costumi per film in bianco e nero
Premio Oscar
1963
winner
miglior film straniero
Premio Oscar
1963
winner
miglior regia
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior attrice non protag.
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior soggetto originale
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior soggetto originale
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior fotografia in bianco e nero
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior musica
Nastri d'Argento
1964
winner
miglior produzione
Nastri d'Argento
1964
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati