Donnie Darko

Film 2001 | Drammatico 108 min.

Regia di Richard Kelly. Un film Da vedere 2001 con Jake Gyllenhaal, Noah Wyle, Drew Barrymore, Patrick Swayze, Holmes Osborne, Daveigh Chase. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2001, durata 108 minuti. Uscita cinema venerdì 26 novembre 2004 - MYmonetro 3,52 su 232 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Donnie Darko tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

È il 1988 e "il mondo si avvicina alla fine", sostiene Frank, una visione da incubo che solo Donnie Darko può vedere. In Italia al Box Office Donnie Darko ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 2,2 milioni di euro e 585 mila euro nel primo weekend.

Donnie Darko è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,52/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,05
CONSIGLIATO SÌ
Film culto che non perde con gli anni il suo appeal, il suo fascino sinistro e il suo spirito ribelle intessuto di morte.
Recensione di Davide Morena
Recensione di Davide Morena

Donald Darko detto Donnie è un ragazzo con dei disturbi mentali che lo hanno portato a dar fuoco ad una casa abbandonata, anni fa. Nonostante sia un tipo in gamba, con una famiglia che lo ama e lo appoggia anche nelle scelte più discutibili. Donnie è in cura da una psicanalista che lo aiuta a combattere la sua schizofrenia; a lei confida del suo nuovo amico immaginario, Frank, un coniglio gigante che lo ha salvato da una morte assurda, ma che in cambio gli chiede di fare cose riprovevoli e sempre più pericolose. Ah, tra l'altro Frank gli ha svelato che la fine del mondo arriverà di lì a 24 giorni.
Donnie Darko è uno di quei film di culto che lentamente si emancipano dalla nicchia e si fanno conoscere ed amare in tutto il mondo, perdendo in parte il loro alone di leggenda. L'Italia detiene il triste primato di riuscire ad arrivare sempre per ultima a scoprire certi fenomeni, ed è per questo che Battle Royale troverà una distribuzione forse solo tra un secolo o giù di lì, ed è sempre per questo che Donnie Darko arriva in Italia con due anni di ritardo.
Due anni che non tolgono al film un'oncia del suo appeal, lasciando inalterato il grande fascino che obiettivamente questa pellicola è in grado di esercitare sul pubblico, soprattutto quello coetaneo del cupo protagonista, poco più che adolescente. Al contrario di molti film che fanno esplicito riferimento al mondo giovanile, Donnie Darko brilla di una luce sinistra e tristemente rara: qui non si parla del primo amore, del primo bacio, dei conflitti con gli adulti, della perdita dell'innocenza, scialbe tematiche che fanno sentire gli adulti (quelli veri) con la coscienza a posto, ma che quasi sempre fanno ridere i ragazzi (sempre quelli veri). Qui si parla di qualcosa di molto più significativo: si parla di morte. In toni tutt'altro che rassicuranti, Richard Kelly si interroga sull'effetto prorompente che la consapevolezza della morte ha su ogni individuo, e di quanto questo condizioni ogni altra sensazione ed azione: amore, paura, disprezzo, ribellione.
Di morte è imbevuto l'intero tessuto del film, inevitabilmente sbranato qua e là proprio a causa della friabilità del terreno su cui si avventura. Ma si può ben chiudere un occhio, considerato che di contro il film avvince ed appassiona senza essere né moralista né retorico. E soprattutto considerato che, a pensarci meglio, Donnie Darko è uno dei pochi film di oggi che aiutano i ragazzi a crescere, e non gli adulti a credere che "va tutto bene" (un altro titolo? Mysterious skin - ma anche questo dovremo aspettare parecchio per vederlo...). Un genere dimenticato dall'edonista cinema contemporaneo.

Sei d'accordo con Davide Morena?
Recensione di Giovanni Idili
martedì 30 novembre 2004

Richard Kelly ha vinto la propria scommessa con il mondo (del cinema): Donnie Darko torna sugli schermi Usa in versione estesa e giunge finalmente in Italia in versione originale. Comparso per la prima volta nel 2001 sugli schermi americani, tagliuzzato quà e là causa imposizioni commerciali, il film si è in breve tempo ritagliato un ampio spazio tra gli appassionati di surreale, fantascienza ed esoterismo imponendosi come fenomeno di culto.
Donnie è un adolescente afflitto da turbe psichiche, disadattato per natura, frustrato dalla sua condizione ma dotato di una vivacità intellettuale fuori dal comune. Sottoposto a terapia psichiatrica e analisi, è perseguitato da frequenti allucinazioni: in una di queste un gigantesco coniglio bianco, suo assiduo visitatore, gli comunica la data della fine del mondo. Comincerà così un surreale conto alla rovescia, durante il quale paradosso e realtà si confonderanno. Tra folli suggerimenti e sospetti di realtà parallele, in bilico tra fantascienza, surreale ed epico/catastrofico il singolare risultato finale sfugge a qualsiasi controllo, ammettendo molteplici chiavi di lettura.
Impossibile dunque classificare un prodotto che si dirama tra vari generi libero da ogni postulato di sorta. Pregno di una sensibilità vicina ad autori quali Peter Weir e Terry Gilliam, a cui l'autore dichiaratamente si ispira, l'ambizioso progetto si staglia su una efficace e mai eccessiva cornice fotografica lasciandosi ammirare da innumerevoli punti di vista. Una colonna sonora perfettamente calzante accompagna il girato sin dalle prime scene: molte sequenze trovano nelle musiche uno straordinario commento, capace di sottolineare accenti altrimenti impossibili da evidenziare. Il film è un raro esempio di missaggio funzionale ed espressivo e purtroppo lo spettatore italiano non esperto di inglese perderà l'importante elemento narrativo rappresentato dalle stesse parole delle musiche utilizzate. La mano del regista si sente nella pesantezza di alcuni lunghi intermezzi ma la condotta generale rimane sobria ed elegante, in un continuo stop&go capace in media di divagare senza tergiversare e di garantire un ritmo adeguato.
Toni inquietanti, a tratti epici, sono sostenuti da un montaggio ricco di rapidi stacchi, votato a seguire più punti di vista in parallelo. Omaggi e citazioni si sprecano: da Ritorno al Futuro a Stephen King, passando per cultura pop e musiche anni '80, in una critica celebrativa a tutto tondo dell'epoca in cui l'opera è ambientata. I personaggi vengono spogliati dalle proprie maschere, svergognati e spinti alla follia in una cornice nitida ma allucinata, a tratti psichedelica. La sbaloriditiva originalità della sceneggiatura ha modo così di svariare liberamente su un fronte emozionale che poggia su solide basi di caratterizzazione e contestualizzazione. Continui ribaltamenti di fronte ci catapultano attraverso un'esperienza sensoriale, emozionale e intelettuale intensa quanto inattesa. Esplorando inconsapevolmente le pieghe del tempo Donnie si interroga su destino e predestinazione, divino e profano, convivendo con le debolezze di chi è costretto ad indossare "un ridicolo costume da uomo" ma è condannato ad essere qualcosa di più. Allo stesso tempo Donnie, "supereroe" maledetto, negando le verità prestabilite di una società bigotta, esprime se stesso e comunica l'urgenza di una individualità a misura d'uomo. L'intento è quello di disorientare, stordire, colpire, tramite un tortuoso ma fluido percorso di destrutturazione dell'animo umano, contemplato grazie al paradosso e all'estremizazione.
Dopo tre anni Kelly ripropone l'opera in versione "director's cut", probabilmente da noi destinata al mercato dvd, in una release più lineare e logica (20 min in più) non meno affascinante e ispirata. La versione originale, meno "spiegata", è permeata dall'ineluttabile cadenza dell'esoterico conto alla rovescia e da una complessità quasi proibitiva: quando qualcosa acquista improvvisamente un senso allo stesso tempo qualcos'altro lo perde, stimolando lo spettatore ben oltre la visione. Non esiste univoca interpretazione e come un tarlo l'opera penetra la mente offrendo infiniti spunti di riflessione. Alcuni maestri del passato applaudirebbero. Spiazzante, visionario, grandioso.

Sei d'accordo con Giovanni Idili?
DONNIE DARKO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€Scopri
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 24 ottobre 2010
RONGIU

“Gli studenti più “difficili” hanno diritto ad avere gli insegnanti migliori.” Donnie Darko non è film “facile”, la visione di questo lungometraggio, “pluritematico e pluridisciplinare,” offre una gamma di letture ed interpretazioni diversificate. Di contro, tutto ciò che non risulta facile, non possiamo classificarlo “difficile, [...] Vai alla recensione »

martedì 11 agosto 2009
Deus Ex Machina

Un inusuale ritratto adolescenziale che si dissocia radicalmente da ogni genere di stereotipo, opera prima di un giovanissimo regista (ventisettenne durante la realizzazione del film) che può certamente lasciare perplessità ma che allo stesso tempo inaugura nella storia del cinema un ibrido orginale e saturo di classe: un autentico inno alla contemplazione.

mercoledì 15 aprile 2009
Veritas

L'ho trovato un film veramente bello. Beh, preferisco altri film, ma questa è una considerazione completamente soggettiva, dovuta al fatto che non sono particolarmente fan dei film con gli adolescenti (anche se lo sono io stessa) NON che questo sia da liquidare come un semplice film da adolescenti. Lo trovo originale, poi il solo fatto che è indipendente mi ha spinto a guardarlo.

giovedì 16 giugno 2011
Delfi90

Donnie, ex priomane, soffre di sonnambulismo e scampa ad una morte certa quanto insolita: il motore di un boeing si stacca misteriosamente precipitando proprio sulla sua stanzetta, fortunatamente un coniglio gigente apparsogli in sonno lo aveva condotto lontano da casa. La vita di Donnie procede normalmente, non fosse che quel grottesco, inquietante, ridicolo coniglio continua ad apparire tra sogni [...] Vai alla recensione »

martedì 20 ottobre 2009
wynorski guiaz '80s

Il poco più che adolescente Donald Darko(Jake Gyllenhaal) è un ragazzo affetto a schizofrenia, sonnanbulismo e personalità instabile. Continuamente sostenuto dalla famiglia e dalla psicologa, Donnie viene a conoscienza che il mondo finirà entro 28 giorni, avviso datogli dall'immaginario(?) coniglio Frank(James Duval). Intanto Donnie, fa amicizie nella sua scuola con diversi individui, tra cui due professori [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 dicembre 2011
Andrea Alesci

Chi è Donnie Darko? Esiste un ordine immutabile? Che cos’è la realtà? Siamo vivi o siamo un sogno sognato? Vibranti questioni nell’opera d’esordio di Richard Kelly: interrogativi per indagare un problema. Problematico, Donnie Darko, il ragazzo di cui seguiamo il fragile e tortuoso cammino, e il film, che in due ore condensa 28 giorni di vita di una parte di mondo. [...] Vai alla recensione »

sabato 7 maggio 2011
DarkOmen98

Viaggio onirico attraverso lo spazio e il tempo, e tutto ciò che c'è di sbagliato in questo mondo.  Donald Darko è un ragazzo delle scuole superiori di Middle-sex. Ha spesso episodi di sonnambulismo ed è abituato a svegliarsi lontano da casa. Una notte un coniglio gigante lo fa allontanare da casa sua e gli predice la fine del mondo entro 24 giorni.

venerdì 15 ottobre 2010
Sixy89

Un capolavoro senza tempo. Qual è la distanza tra l'essere folle e l'essere un genio? Uno delle domande che tutt'oggi tormentano psichiatri e psicologi. Donnie darko è un atipico teenager, che oltre ai soliti problemi dell'adolescenza deve fare i conti anche con la propria schizzofrenia. Un intreccio di fatti ed eventi che spiazzano e confondono.

venerdì 21 marzo 2014
Alessandro Rega

Devo, ahimè, asserire di essere rimasto alquanto deluso da questo film. Devo dire che, nonostante il film abbia fatto discutere, le mie aspettative erano certamente piuttosto superiori alla mediocrità. Invece, mi sono ritrovato, l'altra sera, a vedere un'opera mediocre in tutti i sensi. Indubbiamente, è un lungometraggio intraprendente, però, è doveroso [...] Vai alla recensione »

martedì 1 novembre 2011
Diego Campari

Ebbene, i pregi di questo cult movie(l'ultimo autentico capolavoro del cinema) sono esponenzialmente infiniti come le possibili interpretazioni che spaziano attorno ad una serie infinita di variabili. Quindi , la pressoché assoluta libertà di fronte ad un opera artistica, ch esiste solo negli occhi di chi la guarda, come noi esistiamo solo negli occhi degli altri, un traguardo [...] Vai alla recensione »

sabato 20 agosto 2016
Portiere Volante

Da qualcuno è considerato un cult immortale,qualche altri lo giudicano come una delle più grandi idiozie mai viste sul grande schermo,per me è un'opera di una originalità unica. Di certo questa pellicola resta impressa nella memoria e sebbene intrisa in un surreale talvolta eccessivo e troppo spesso costante,conserva un suo filo conduttore.

sabato 28 febbraio 2015
Pascalo77

Pietra miliare del genere dei paradossi spazio-temporali. Curato nel minimo dettaglio, coerente con l'impalcatura teorica e aperto a innumerevoli possibilità di interpretazione... Di seguito la mia : L'Universo, così come lo conosciamo, non è l'unico. Esistono "n" universi tra di loro tangenti, flebilmente interagenti ma di norma non comunicanti tra loro.

martedì 19 agosto 2014
darkglobe

Film di culto di difficile catalogazione di genere, visto che occupa gli ambiti del fantastico, di una innovativa rappresentazione del complesso mondo adolescenziale, della spietata critica alla middle-class della provincia americana e infine di tematiche care alla cybercultura. Scritto e diretto da Richrad Kelly, è basato sul testo di Roberta Sparrow La filosofia dei viaggi nel tempo (testo [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 giugno 2012
gianleo67

Donnie Darko è un adolescente intelligente e riservato che soffre di strani disturbi psicotici per cui è in cura. La famiglia lo appoggia anche se lui non manca di mostrare ad ogni occasione il suo spirito caustico e irriverente. Fino a quando una notte, per uno strano gioco del destino, il motore di un boeing si schianta nella sua camera da letto.

domenica 5 febbraio 2017
Emanuele R.

Il protagonista Donnie Darko è un adolescente problematico, che sta seguendo una terapia. Ad un certo punto, incontra un amico immaginario, Frank, che gli predirà la fine del mondo. Da questo momento, accadranno fatti abbastanza insoliti e starà a Donnie capire ciò che sta accadendo e impedire il disastro. Sicuramente, questo film rimane sempre un cult, dopo 16 anni, infatti, [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2013
Filmtalker 98

è difficile realizzare un film d'impatto, che insegna veramente qualcosa, ma che conserva anche dopo anni lo stesso alone di mistero. Richard Kelly l'ha indubbiamente realizzato, un film che esplora la vita a contatto diretto con la morte, che "contempla avidamente" e viaggia insieme alla morte , ed è questa la visione del regista, pienamente espressa da "mad world".

venerdì 9 settembre 2011
Andrea Levorato

Donnie Darko ****1/2 Produzione: USA 2001 Genere: Fantascienza, Drammatico, Mistery Regia: Richard Kelly Attori principali: Jake Gyllenhaal, Mary McDonnell, Patrick Swazye, Drew Barrymore, Noha Wyle, Maggie Gyllenhaal, Daveigh Chase, Jena Malone, Holmes Osborne Trama: Donnie è sonnambulo e durante una delle sue scorrazzate notturne un coniglio gigante di nome Frank gli predice la fine [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 giugno 2016
Nobody

Un cult complicato, con una sua filosofia scientifica e affascinante. Tutti i personaggi vengono analizzati bene, il personaggio di Donnie è intrigante, coraggioso, è un eroe che si sacrifica. Per comprendere bene il film si deve leggere il libro di Roberta Sparrow che viene citato dai protagonisti (inventato dal regista per dare un significato scientifico, che si basa anche sulle [...] Vai alla recensione »

sabato 1 settembre 2012
Paolo Salvaro

Avevo parlato in un'altra recensione di quanto sono importanti i prologhi e gli epiloghi nei film  .....   Donnie Darko è senza dubbio una delle pellicole recenti circondate dal più fitto alone di mistero:  passano solo una manciata di secondi e ti ritrovi davanti ad un ragazzo sdraiato per terra con una bici a fianco,  forse addormentato, forse svenuto.

domenica 2 giugno 2013
gatsby97

Capire questo film è psicologicamente e mentalmente difficile , ma scavando in profondità scopriremo che siamo di fronte ad un cult. Donni è un ragazzo che soffre di schizzofrenia ed un giorno un coniglio gli svelerà la data della fine del mondo. Richard Kelly sforna un vero e proprio capolavoro che lavora sulla psicologia dei personaggio ben caratterizzati ; il più [...] Vai alla recensione »

domenica 23 settembre 2012
break

Donnie Darko è un Fantasy furbo quanto insignificante, fatto per ingannare le masse; per tutti coloro che credono in un messaggio illuminante nascosto dietro tutto quel nulla. Diretto alla bella e buona, attori mediocri ad eccezzione di Patrick Swayze (che ci faceva?), scarsa estetica, trama assente e ritmo soporifero.

domenica 28 ottobre 2012
Lory08

 Ho visto sia la versione normale che quella estesa ( quest'ultima da qualche risposta in più sulla trama) e riguarderei questo film ogni giorno perchè non annoia mai. "Doonie Darko" riesce ad aprire la mente del pubblico che alla fine del film non può fare a meno che porsi teorie sul senso della storia di questo capolavoro.

mercoledì 19 settembre 2012
Fr3nk_90

Un capolavoro senza tempo!

lunedì 28 settembre 2009
Villaggiosuper

la pellicola nn ha bisogno di ulteriori commenti... eccellente

domenica 23 agosto 2009
Dany/Joker

Molto Bello, anche se un pò difficile da capire: grande Jake Gyllenhaal

venerdì 18 dicembre 2009
Keanu

Sicuramente uno dei migliori film mai realizzati !! Un film esoterico, ribelle, sinistro, psicologico, suggestionante ben diretto e sicuramente ben sceneggiato … Più che ottimo Jake Gyllenhaal con un interpretazione perfettamente schizofrenica, molto bene anche gli altri !! Il costume di Frank è da Oscar, stupendo, tetro, terribilmente e paurosamente bello !!! Atmosfere perfettamente adattate al [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2012
Rico90

Ho voluto vedere questo film per le ottime opinioni che lo hanno accompagnato negli anni ma decisamente non mi trovo d'accordo..film assolutamente noioso che non fosse per il finale sarebbe stato per me un film "decisamente mediocre" l'idea di base è ottima ma scorre troppo lento con avvenimenti e personaggi secondari di scarsa rilevanza.

lunedì 14 giugno 2010
anita bilello

Donnie Darko. Un film  che ti turba nel profondo come può turbarti un amore diverso da ogni altro, come un viaggio ad occhi aperti. Un film che hai quasi paura di rivedere perchè ti fa male tanto è bello. E' uno sprofondare nel surreale e i significati sono innumerevoli. E' la storia di un ragazzo tanto intelligente e particolare, circondato da gente gretta, da sembrare [...] Vai alla recensione »

martedì 20 novembre 2012
KillBillvol2

E' un film indipendente americano e, come ha dimostrato il seguente LIttle Miss Sunchine, è anche uno dei film più emozionanti e intriganti degli ultimi anni. Comincia come una commedia adolescenziale, continua come un horror visionarioe psicologico per finire in dramma. E' un vero e proprio cult, girato con destrezza e con sapienza, che sa tenere alta la tensione anche nei momenti [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 ottobre 2009
Spalla

Attenzione, non ritengo che questo film sia davvero brutto. Il voto basso è legato più che altro al fatto che non è il mio genere. Infatti mi aspettavo un film fantasy con molta attenzione ai problemi adolescenziali ed effettivamente è anche un po' così, ma questo film è molto più profondo dei soliti e soprattutto, molto più complicato. La prima volta che l'avevo visto mi era addirittura sembrato una [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 settembre 2009
Pegg94ful

Secondo me è un ottimo film sotto tutti gli aspetti,dalla colonna sonora alla trama(troppo complicata ma interessante e ben scritta),dagli attori al modo di girare il film! Insomma se non lo avete ancora visto...guardatelo almeno una volta nella vita!

mercoledì 11 aprile 2012
ludicrous

In qualche occasione il montaggio lascia a desiderare ma per il resto molto bello anche se complicato. La colonna sonora alla fine (mad world) è perfetta e ci sta a pennello.

giovedì 2 settembre 2010
greg2

Non avevo mai visto Donnie Darko e ieri, approfittando della programmazione di sky cinema, ho deciso di gustarmelo comodamente sul divano. Che dire? ne sono rimato incredibilmente stregato. Appena terminato il film mi sono precipitato al pc per raccogliere più informazioni possibili su questo capolavoro, per tre ore non ho fatto altro che pensare a quanto questo film mi avesse coninvolto.

domenica 6 giugno 2010
Noxaro

É un film assurdo, scombussola le emozioni dello spettarore, non si smentisce nemmeno nel finale che sebbene sia triste non ti lascia il solito senso di malinconia. Assolutamente da guardare, ti lascia letteralmente senza parole.

lunedì 17 maggio 2010
paride86

Film enigmatico e interessante, che ha il solo difetto - non piccolo, purtroppo - di possedere un'atmosfera e una connotazione di film adolescenziale, per teenager. A parte questo si distingue per l'originalità e per la bravura del giovane protagonista.

venerdì 5 marzo 2010
joker91

forse un capolavoro nel suo genere,gyllenhaal agli esordi è bravissimo in questa pellicola ma anche il resto del cast non è da meno. un film di gran bellezza per i cinefili,un po meno per gli altri e ovvio. una trama complessa ed il film va visto più di una volta perchè la prima si riscia di non capirlo

giovedì 7 gennaio 2010
Marco TN

Ma quale fisica-metafisica? Per favore non guardiamo a DD come ad una speculazione filosofica, ma invece come ad un progetto di immaginazione nel quale il tema chiave è: "che bello sarebbe ritornare sui propri errori!" Che poi tale fantasia sia qui realizzata traendo spunto da elementi di astrofisica/fantascenza o roba del genere, e assolutamente irrilevante.

mercoledì 9 dicembre 2009
Jack

stupendo

lunedì 30 maggio 2011
*Claire*

Un film che si odia o si ama. Una trama complicata ma affascinante.

giovedì 3 marzo 2011
MaruskaFilatova

Capolavoro. Punto.

lunedì 2 maggio 2011
scofield

Emozionante..appassionante..da vedere e rivedere..

martedì 18 gennaio 2011
DarkEnry

Cinque stelline Donnie Darko se le merita! Un film che all'inizio ti incuriosisce e che andando avanti ti sorprende. Il creatore di questo film è stato veramente un genio!

domenica 23 agosto 2009
nalduz12

Davvero un film stupendo! A metà film si ha qualche difficoltà nel collocare tutta la trama ma il finale, anche se triste, spiega tutto e in maniera geniale. Grandissimo film, bravissimi gli attori, davvero stupendo

sabato 4 maggio 2013
Tonysierra

Un film che incuriosisce subito, le quasi due ore di scorrono senza noie... Il film parla di un ragazzo che ha il nome del film...Donnie Darko, affetto da schizofrenia ed in terapia da una dottoressa che lo aiuta a guardare dentro se stesso. I medicinali che prende gli fanno venire allucinazioni ed per questo che ha la visione di un coniglio gigante che gli annuncia la fine del mondo.

mercoledì 11 maggio 2011
time_traveler

Di Donnie Darko non si è parlato mai tanto, né quando uscìì 10 anni fa, ne oggi. E' una di quelle pellicole forse di nicchia, un film che forse non tutti sono in grado di apprezzare, e forse per questo non ha mai fatto tanto rumore. Io stesso ebbi non poche difficoltà a reperirlo, ma con il senno di poi , posso dire di aver impiegato nel migliore dei modi 2 ore [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 gennaio 2011
Frankyneo

Puntini di sospensione. Inevitabili. La visione del film non lascia spazio a parole, non lascia spazio ad aggettivi, a commenti, ad ANALISI FINALI... sia che esse arrivino dall'ormai, più che mai divisa platea dei spettatori,quelli del "capolavoro", o quelli del "???? non c'ho capito niente????". Le parole non servono a molto, un film abbastanza complesso tuttavia, [...] Vai alla recensione »

martedì 4 agosto 2009
franklash

bellissimo....peccato pe ril finale...non melo aspettavo, ma tanto il finale di donnie darko lo sapevo, perchè nel trailer di s.darko sua sorella all'inizio dice come finise donnie darko, per questo comunque è da vedere, ma un po difficile da capire, ma resta sempre un film FANTASTICO!!

domenica 12 novembre 2017
xxx

Brutto, senza senso, sceneggiatura incomprensibile, gli ingredienti ci sono tutti, infatti è piaciuto a molti..........

martedì 7 gennaio 2014
Noncicapisconientedicinema

Ogni battuta è una perla, brividi dall'inizio alla fine.

giovedì 29 settembre 2011
ermejodenapo

Frasi
Ogni essere vivente segue un percorso prestabilito… Ma ci sono confini che a volte la vita ti chiede di varcare… Io, l'ho fatto
Una frase di Donnie Darko (Jake Gyllenhaal)
dal film Donnie Darko - a cura di DD
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Oscar Cosulich
L'Espresso

Donnie Darko è un adolescente afflitto da inquietanti visioni: una strana creatura gli annuncia la fine del mondo e lo incita ad allagare la scuola, o a dare fuoco alla casa di un losco predicatore, ma la realtà, scopriremo, è molto diversa da quello che sembra. Questa, in sintesi, è la storia di «Donnie Darko», opera prima scritta e diretta da Richard Kelly, pellicola ambientata nel 1988, all'epoca [...] Vai alla recensione »

Leonardo Jattarelli
Il Messaggero

Dopo il “cult” Bowling a Columbine di Michael Moore ma prima che tante pellicole Usa sezionassero la “new generation” Usa che mette le armi negli zaini di scuola e s’impasticca ormai arresa alla generazione dei padri-figli del Vietnam, un ragazzo di ventinove anni di nome Richard Kelly va a frugare nelle menti e nelle urgenze delle opposte generazioni, ma anche nel futuro di un’America bacchettona [...] Vai alla recensione »

Massimo Lastrucci
Ciak

Gran via vai tra i corridoi del tempo. E al crocevia di questi, Donnie Darko (la rivelazione Jake Gyllenhaal), lo schizzato più intelligente che abbiate mai potuto conoscere. Impasticcato di psicofarmaci e in cura da una psicologa (Katharine Ross), viene salvato da una terrificante apparizione, un “coniglio mannaro” di nome Frank, che lo fa uscire di casa semicosciente proprio mentre un motore d’aereo [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Caso davvero curioso questo di «Donnie Darko». Accolto in modo contrastato al Sundance 2001, il film dell'allora ventiseienne Richard Kelly esce nelle sale racimolando uno scarno incasso di mezzo milione di dollari; però nel frattempo diventa titolo di culto per un elitario pubblico giovanile. L'estate scorsa la Newmarket (la distribuzione arricchitasi con «La Passione di Cristo») prova a rilanciare [...] Vai alla recensione »

Fulvia Caprara
La Stampa

Potrebbe essere l’altra faccia di «Bowling for Columbine», il documentario girato da Michael Moore all’indomani della strage compiuta nel 1999 in Colorado da due studenti della «Columbine High School». Oppure la rielaborazione in chiave fantascientifica di «Harvey», la celebre commedia premio Pulitzer di Mary Chase il cui protagonista dialoga amabilmente con un enorme coniglio bianco.

Stefano Pistolini
Vanity Fair

Storia di un film rinato. Al punto da assurgere, nella dua seconda vita, allo status di cult assoluto, in quell’Olimpo del pop dove già regnano il Rocky Horror Picture Show, XFiles e la sega elettrica di Non aprite quella porta. Si chiama Donnie Darko, scritto e diretto da Richard Kelly, appena venticinquenne all’epoca della prima uscita nelle sale Usa, il 26 ottobre 2001, in un Paese sotto choc per [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Il "director's cut" di un film di culto generazionale non è una novità: ne hanno fatti Ridley Scott, Steven Spielberg, James Cameron. La cosa bizzarra però, almeno dal nostro punto d'osservazione, è vedere l'edizione riveduta e aggiornata di un cult mai arrivato sugli schermi italiani come Donnie Darko, diventato un piccolo fenomeno in America tramite le proiezioni di mezzanotte e il passaparola.

Emanuela Martini
Film TV

Non c’è da meravigliarsi che Donnie Darko, il film scritto e diretto da Richard Kelly nel 2001 (fino a oggi inedito in Italia), in America sia diventato un cult movie (sotterraneo e poi esplosivo). Infatti, nella storia dell’adolescente disturbato (ma non più di tanti altri) e dei 28 giorni che lo separano dall’Halloween del 1988 ci sono tutte le suggestioni inquiete dell’ultimo scorcio del XX secolo: [...] Vai alla recensione »

Antonio Valenzi
L'Indipendente

Dov’è Donnie? Il messaggio che i magneti tengono affisso sul frigorifero della cucina in casa Darko è emblematico di tutto il film con cui il regista Richard Kelly decreta la morte definitiva della classificazione in ‘generi’. Ripercorrendo le frontiere dell’assurdo narrativo del Magnolia di Paul Thomas Anderson, Donnie Darko è la scelta di raccontare la schizofrenia dei nostri anni attraverso un [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Donnie Darko (Jake Gyllenhaal) ha qualche problema. Non è solo quella rabbia adolescenziale che gli fa odiare i genitori, il liceo e questi Stati Uniti di plastica del 1988 dominati da un Patrick Swayze perfido santone new age. C’è di più. Un alieno con la testa di coniglio gli comunica che il pianeta terra scomparirà. Un’allucinazione senza senso o il cugino apocalittico di E.

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Ogni notte un coniglio gigante costringe un adolescente a compiere atti teppistici e di violenza che al mattino dopo non ricorda più. Siamo al tempo delle elezioni presidenziali dell'88. Chi ha visto Harvey capirà una parte del percorso mentale del regista. Un film che ha fatto molto discutere al Sundance Film Festival, provvisto di notevoli effetti speciali considerevoli e di nomi come Drew Barrymore. [...] Vai alla recensione »

NEWS
CELEBRITIES
martedì 19 giugno 2007
Stefano Cocci

Quando il cinema è un affare di famiglia Poteva essere l'ennesimo caso di ragazza interrotta, un altro nome sulla lunga lista di figli bruciati sull'altare dell'industria del cinema, di progenie eccellente rimasta vittima di un incidente di percorso: [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati