La sposa cadavere

Film 2005 | Animazione +13 75 min.

Regia di Tim Burton, Mike Johnson. Un film Da vedere 2005 con Johnny Depp, Helena Bonham Carter, Emily Watson, Tracey Ullman, Paul Whitehouse. Cast completo Titolo originale: Corpse Bride. Genere Animazione - Gran Bretagna, 2005, durata 75 minuti. Uscita cinema venerdì 28 ottobre 2005Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,36 su 122 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La sposa cadavere tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Victor vuol sposare Victoria, ma la sua sarà invece una sposa cadavere. Tim Burton inanella nella sua filmografia una nuova perla, un altro regalo ai bambini di 40 anni che da piccoli avevano paura del buio, ma non riuscivano a fare a meno di perdercisi. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, In Italia al Box Office La sposa cadavere ha incassato 5,1 milioni di euro .

La sposa cadavere è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,36/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,82
CONSIGLIATO SÌ
Fiaba tetra e gotica animata con malinconia da Tim Burton.
Recensione di Davide Morena
Recensione di Davide Morena

Se avete amato Nightmare before Christmas non c'è molto da sapere sul nuovo film d'animazione diretto da Tim Burton e Mike Johnson se non l'orario di proiezione nella vostra sala abituale.
Il film è animato, come il suo predecessore, in un misto di 2D, 3D e passo uno (i pupazzi di plastilina, per capirci) e come quello è ambientato in atmosfere tetre e al tempo stesso grottesche. Voci e personalità dei protagonisti (nella versione originale) sono quelli di Johnny Depp, Helena Bonham Carter ed Emily Watson, mentre la musica è ovviamente firmata da Danny Elfman, fido collaboratore di Burton.
La trama: Victor sposerà Victoria alla cieca, lui figlio di borghesi arricchiti, lei di nobili decaduti. Alle prove per il matrimonio Victor palesa tutta la sua goffaggine ma Victoria si innamora lo stesso di lui, ricambiata. Il giovane si rifugia nel bosco per esercitarsi con la formula di matrimonio, e preso dall'enfasi infila l'anello in un ramo che spunta dal terreno. Il ramo è in realtà il dito di Emily, la sposa cadavere, che reclama ora Victor come suo legittimo marito. A Victoria, intanto, i genitori hanno già trovato un nuovo sposo, il misterioso Lord Barkis.
Che altro dire? Il paragone con Nightmare before Christmas è inevitabile, e perso su molti fronti. La sposa cadavere è spassoso, meno legato alle canzoni nell'economia complessiva, ma ricco di colori più morbidi che rendono il bar frequentato dai defunti un posto da cercare immediatamente dopo esser trapassati. I personaggi sono divertenti, e anche se probabilmente Victor non potrà mai ambire alla fama di Jack Skellington, di sicuro saprà farsi amare nella sua adorabile sbadataggine. Infine, se La sposa cadavere vince sul fronte dello sviluppo della trama, che era l'unica toppa (nel finale) del suo predecessore, deve cedere il passo in quanto a fluidità dell'animazione.
Paragoni a parte, La sposa cadavere è una nuova perla che Tim Burton inanella nella sua filmografia, un altro regalo ai bambini di 40 anni che da piccoli avevano paura del buio, ma non riuscivano a fare a meno di perdercisi.

Sei d'accordo con Davide Morena?
Francesco Rufo
venerdì 10 luglio 2009

La sposa cadavere si basa su uno dei fulcri della poetica di Tim Burton, l’esaltazione dei reietti, degli emarginati, della diversità, dell’alterità. La normalità si oppone alla diversità, ma può definirsi solo attraverso la diversità. Ogni identità è anche alterità, e viceversa. L’identità è materiata di alterità, l’altro fa parte del sé. L’alterità suprema è la morte, e il film mostra il contrasto e al contempo l’intima relazione che esiste tra la morte e la vita. La normalità non può esistere senza la diversità, l’identità non può esistere senza l’alterità, la vita non può esistere senza la morte. In La sposa cadavere, il mondo dei vivi e quello dei morti sono tra loro in opposizione, ma nel corso del film comunicano, e nel finale s’incontrano, si scoprono inscindibili, complementari. Uno dei cardini del film è il ribaltamento delle tradizionali visioni del mondo dei vivi e di quello dei morti. Il mondo dei vivi è cupo, livido, funereo, dominato da egoismo, avidità, malvagità; i vivi hanno corpi compatti, rigidi; il loro mondo si basa sul tempo immobile della ripetizione. Il mondo dei morti è vitale, festoso, luminoso, dominato da libertà, creatività, amore; i morti hanno corpi scomponibili come giocattoli; il loro mondo si basa su un tempo in continuo movimento. Emily è l’unico personaggio che riesce a uscire da entrambi i mondi, trasformando il proprio corpo in una miriade di farfalle che volano in un luogo altro, un altrove che non coincide con nessuno dei due mondi, e in un tempo altro, la vera eternità. Il film è realizzato, come Tim Burton’s Nightmare Before Christmas, con la tecnica della stop-motion. Questa tecnica, basata sull’uso di pupazzi, oggetti e set concreti, reali, consiste nel girare a ogni ripresa brevi pezzi di film (fino a un solo fotogramma), modificando nelle pause la posizione degli oggetti ripresi; a ogni cambio di posizione segue un’altra breve ripresa (un altro fotogramma). La successione delle riprese crea l’illusione del movimento continuo. I due film di Burton in stop-motion sono la realizzazione dell’utopia della creazione di movimento e di mondo. La sposa cadavere cita il corto La danza degli scheletri, di Ub Iwerks, la prima delle Silly Symphonies, la serie di corti ideati da Disney, fondati sulla fusione tra animazione e musica, realizzati tra il 1929 e il ’39.

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
LA SPOSA CADAVERE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 26 settembre 2010
Andrea b

Torna Tim Burton con un altro grande film di animazione dark dopo lo straordinario " Nightmare before Christmas".I personaggi si presentano ancora con personalità estremamente interessanti e la loro fisicità ricorda quella dei precedenti protagonisti del capolavoro precedente.Victor si propone come il nuovo Jack di questa pellicola anche se un po' meno ricco del carisma [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 settembre 2010
Lanterna d'ombra

Victor Van Dort è un ragazzo malinconico e goffo, costretto a sposare Victoria Everglot per un matrimonio combinato dalle loro famiglie. Tra i due giovani scatta la classica scintilla, ma Victor è costretto a fuggire nella foresta dopo il suo disastroso tentativo nel recitare il giuramento nuziale. Riuscito finalmente nell' intento, il novello sposo si trova accidentalmente congiunto ad Emily, sposa [...] Vai alla recensione »

martedì 5 giugno 2012
brando fioravanti

Un giovane ragazzo timido e imbranato non riesce a sposarsi perchè sbaglia a recitare la sua parte per di più incendierà il vestito della sua futura suocerà. Di notte nel bosco mentre riprova la sua scenetta infila l'anello nel dito di un cadavere e si ritrova sposato con una ragazza morta e catapultato nell'aldilà.

martedì 25 maggio 2010
g_andrini

Che dire, un gioiello, senza alcun dubbio. Il lavoro dietro a questo film è certosino, veramente lodevole. La trama è simpatica, con un tocco di horror che non guasta mai. Sinceramente è un peccato non vederlo. Ottima la resa in alta definizione, come sempre nelle animazioni di qualità. Buona visione!

venerdì 21 ottobre 2011
Vero2

M ME MER MERA MERAV MERAVI MERAVIG MERAVIGLI MERAVIGLIO MERAVIGLIOS MERAVIGLIOSO MERAVIGLIOS MERAVIGLIO MERAVIGLI MERAVIGL MERAVIG MERAVI MERAV MERA MER ME M

lunedì 21 marzo 2011
Lady Libro

Mi è piaciuto molto, è tanto bello e toccante... Le canzoni poi sono bellissime. Tim Burton è un mito e la stop motion è una delle migliori invenzioni al mondo.

lunedì 12 aprile 2010
joker91

la mano di burton si vede e non poco in questo lavoro,malinconia unita a poesia e ambienti tetri, questo è tim burton. questo è un grande film di animazione ed è uno dei più grandi degli ultimi anni. da vedere

sabato 7 novembre 2009
albydrummer

Vedere questo film meraviglioso....è come se avessi letto una poesia.....Davvero Bellissimo!!!!....Lo rivedrò,ho il dvd!!!

sabato 24 settembre 2011
tiamaster

si capisce fin da subito che questo film è di tim burton,l'animazione la riconosci subito e anche la storia è indubbiamente burtoniana,favola tetra e macabra visionaria come burton è uno dei migliori film d'animazione degli ultimi anni molto molto bello e indimenticabile,da vedere.

domenica 13 febbraio 2011
peppe97

A dirla tutta,io credo che questo film d'animazione sia molto istrutivo,visto che descrive una vicenda che si rifà ad un aspetto della nostra vita reale,dal punto di vista religioso:infatti la co-protagonista è una"morta" a tutti gli effetti e"svela" al pubblico(esattamente come la fede cristiana) l'esistenza della vita eterna a cui quest'ultimo deve essere educato(a mio parere).

lunedì 7 dicembre 2009
pikappa86

L'inesauribile fantasia del genio Tim Burton non smette di stupire, ancora una volta protagonisti goffi, cupi ed insicuri si trovano di fronte ad un mondo che si rivelerà coloratissimo e pieno di sorprese e personaggi fantastici. Anche la trama saprà divertire e commuovere allo stesso tempo, Victor, promesso sposo di Victoria, si ritrova per errore nel mondo dei morti nei quale sarà invece costretto [...] Vai alla recensione »

martedì 3 novembre 2009
amarolucano

bello, da vedere e rivedere.

venerdì 18 settembre 2009
Keanu

Il geniale e fantasioso Tim Burton dopo Nightamre Before Christmas crea un altro film sulle stesse tracce !!!! Una fiaba dark, romatica, tenebrosa con un po’ di humour nero !!! Da vedere ....

lunedì 13 aprile 2009
stiky

un bel film si vede che è proprio come l'ha immaginato tim infatti qualcosa ricorda anche un po spiritello porcello (che è sempre un suo film) poi sinceramente io non sono un amante dei musical xò questo non rimane tato su quella particolarità a mio giudizio è un bel film ciAOOO

giovedì 27 ottobre 2011
fabio regulare

uno dei più bei film che abbia mai visto

domenica 5 settembre 2010
andre89LOST

.

domenica 5 settembre 2010
andre89LOST

Bel film di Tim Burton. Fantasioso, abbastanza divertente e con una buona dose di sentimento. Troppo, troppo corto però. Belle le musiche e bello il finale. Voto: 7.5

domenica 8 novembre 2009
Frogga

bello ma niente a confronto del primo capitolo creato da Tim Burton THE NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS!

Frasi
Non posso... questo Victor... io ero una sposa ed hanno distrutto il mio sogno ma adesso ho rubato il sogno di qualcun altro io ti amo Victor ma tu non sei mio…
Dialogo tra Emily, la sposa cadavere (voce nella versione originale) (Helena Bonham Carter) - Emily, la sposa cadavere (voce nella versione italiana) (Claudia Razzi)
dal film La sposa cadavere - a cura di Gè85
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabrizio Liberti
Film Tv

Nel film, che già dal titolo rimanda al corpo, Burton ha effettuato una straordinaria operazione chirurgica, affondando il suo speciale bisturi affilato dal grande amore per il cinema, dritto al cuore dello spettatore e del cinefilo più incallito. La sposa cadavere è un viaggio attraverso il cinema e i suoi generi, un crocevia in cui il mélo, il musical, l’horror e la commedia si mescolano in un cocktail [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Appena usciti dalla genialità lisergica della Fabbrica di cioccolato, abbiamo diritto a un altro film di Burton: un nuovo capolavoro, che parafrasa le eterne ossessioni di Tim nell'universo parallelo del cinema d'animazione. Anche la storia della Sposa cadavere mette in scena due universi, quello dei vivi e quello dei morti; e l'antica utopia della loro congiunzione ha trovato di rado una rappresentazione [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Con La sposa cadavere il produttore e regista (con Mike Johnson) Tim Burton ancora una volta dà vita a un tripudio di poesia alternativa, humour nero, macabra fantasia e illusionismo rigeneratore. A partire da una remota favola russo-ebraica, il film dell'autore di Big Fish mette in scena un plotoncino di personaggi che inneggiano all'eterna vitalità dell'amore inalberando gli oscuri vessilli della [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Tim Burton affascina e diverte i suoi adoratori con «La sposa cadavere» (fuori concorso) che ha prodotto e diretto insieme con Mike Johnson: un film d’animazione ispirato alla tradizione favolistica russo-ebraica. Romantico e insieme macabro, realizzato in stop-motion come The Nigthmare Before Christmas, il film molto carino è popolato di giovani con grandissimi occhi tondi dall'espressione malinconica, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

E se l’aldilà fosse più allegro, più vivo, più colorato, soprattutto infinitamente più libero del nostro smorto al di qua? E se le spoglie dei nostri cari sopravvivessero, per così dire, in un susseguirsi di cocktail e di danze fra teschi canterini, vermi buontemponi, cagnolini scheletriti ma affettuosissimi (sissignori, quando muoiono anche le nostre amate bestiole finiscono proprio dove finiamo noi)? [...] Vai alla recensione »

Maria Pia Fusco
La Repubblica

Nerissima e irresistibile, la fantasia dl Tim Burton si scatena nel I9mo secolo e in un villaggio di un’Europa indefinita e inventa una fiaba tra horror e commedia dal titolo Corpse Bride, girata con tecniche miste di attori reali e loro repliche in cartoon, slow motion e animazione. Protagonista Victor - Johnny Depp trasformato in pupazzetto con le sue sembianze e la sua voce - ragazzotto imbranato [...] Vai alla recensione »

Mariuccia Ciotta
Il Manifesto

Film d'animazione, sogno del cinema di essere «mondo», non copia della realtà, ma soggetto attivo che interferisce con la terra dei vivi, Corpse Bride di Tim Burton e Mike Johnson arriva nelle sale dopo il trionfo di Venezia 2005 (fuori concorso), dove era accompagnato dai registi e dall'attrice Helena Bonham Carter, voce (non da noi) della protagonista.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Tim Burton, immaginifico e pirotecnico come sempre, torna all’animazione, dopo l’applauditissimo Tim Burton’s Nightmare Before Christmas. I pupazzi, anche qui, affidati sempre a quella curiosa tecnica detta «stop-motion» che, grazie alla plastilina, consente di creare personaggi totalmente di fantasia a mezza strada fra la maschera e la caricatura. Lo spunto, questa volta, non è Halloween, ma punta [...] Vai alla recensione »

Roberto Pavanello
La Stampa

La poetica di Tim Burton meriterebbe ben maggiore approfondimento che non la piccola recensione di un suo film, ma ne «La sposa cadavere» c’è l’essenza stessa del suo cinema. C’è quel desiderio di raccontare favole capaci di toccare il cuore degli adulti e di rendere il diverso e l’ignoto più interessanti del quotidiano e del consueto: si pensi ad esempio all’Edward Mani di Forbice, al recente Willy [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Tim Burton è davvero un tipo fuori del comune. Non solo appartiene alla categoria dei geniacci, ma multa in quella, ancor più ristretta, dei geniacci che non sbagliano un colpo. Mentre sta per uscire il suo Charile e la fabbrica di cioccolato, con Johnny Depp, ha presentato a Venezia La sposa cadavere, magnifico film a pupazzi animati dove Johnny presta la voce al protagonista.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Tim Burton, il magnifico visionario, e il suo co-regista Mike Johnson, hanno impiegato quasi dieci anni a realizzare La sposa cadavere, e non stupisce: la vecchia tecnica di animazione detta stop-motion aggiornata con la tecnica computerizzata, la stessa con cui Burton produsse The Nightmare Before Christmas, è molto complessa. La grafica è raffinata, gli effetti sono originali nel movimento come nell’atmos [...] Vai alla recensione »

Jacopo Barozzi
Il Mucchio

Una fiaba decisamente dark, che viene fuori dalla tradizione popolare russa: materia ideale per il lato più sognante e terribile di Tim Burton, quello perfettamente a fuoco in Edward mani di forbice e nell’ideazione del corto Frankenweenie. Il regista ha ronzato attorno al soggetto de La sposa cadavere per un decennio. Quando non sperava più di arrivare a un risultato concreto, la lavorazione del quasi [...] Vai alla recensione »

Luca Raffaelli
XL

Meglio, motto meglio stare fra i trapassati. Almeno lì, sottoterra, fra bellezze in via di putrefazione e scheletri che la sanno lunga, ci sono i bei colori accesi della vita, e poi si ride, si beve, si balia, si scherza. Magari qualcuno soffre della nostalgia delta vita che fu, ma insomma che importa: il presente è piacevole e il futuro certo. E il mondo della vita? Al contrario: è grigio e tetro, [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

La sposa cadavere, presentato fuori concorso (ancora un film che poteva splendere nel concorso, peccato, applaudito dal pubblico in sala, ci restituisce una volta di più l’aste e mestiere di Tim Burton, che vive un momento d’oro. I suoli ultimi tre film, (oltre questo, Big Fish e Charlie and the Chocolate Factory, già uscito negli Stati uniti), sono tre perle e dimostrano il rinnovato talento di un [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Accoppiamenti poco giudiziosi anche nel musical macabro di Mike Johnson e Tim Burton, The Corpse Bride, cioè La sposa cadavere , realizzato come il capolavoro del ’93 Nightmare Before Christmas in “stop motion”, cioè con veri pupazzi mossi fotogramma per fotogramma. Vista l’evoluzione della tecnica, il risultato è così smaltato e perfetto da risultare meno travolgente e bizzarro del suo geniale precedente. [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Lo hanno doppiato. Neanche benissimo. All’italiana. Avremo anche i migliori adattatori e doppiatori del mondo, ma puntualmente riescono a far scempio dei numeri musicali. Forse bisognerebbe rinunciare alle rime, o semplicemente ricontare le sillabe. Ce n’è sempre una di troppo, in assidua compagnia con le parole che escono dal vocabolario per prendere aria solo quando bisogna tradurre le canzonette [...] Vai alla recensione »

Redazione
Il Manifesto

Racconta una leggenda popolare che nella Russia dell'Ottocento gruppi antisemiti facessero irruzione durante i matrimoni di coppie ebree, rapendo e uccidendo la sposa. Colpevole di aver «propagato la razza ebraica», la sposa straziata veniva seppellita nel suo abito bianco. Da qui, attorno alla fiaba nera di una «sposa cadavere», ha preso corpo - corpo di plastilina animato con la tecnica della stop-motion, [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Vanity Fair

È bella. E sexy. Ha due occhi grandi così, le ciglia lunghissime e un vestitino scollato, in pizzo azzurro con le perline. Solo un piccolo difètto: abita in una tomba, e i pipistrelli le fanno compagnia. L’incauto Victor le ha infilato una Fede nuziale al dito scheletrico, scambiandolo per un rametto. Lei, che come tutte le ragazze di questo e dell’altro mondo non aspettava altro, risorge con un ghigno [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

A distanza di pochi giorni dall’uscita di La fabbrica di cioccolato arriva dello stesso regista, Tim Burton, un altro gioiello: La sposa cadavere, segno di un momento felice del prolifico autore di Edward, mani di forbici. Si tratta, dopo Nightmare Before Christmas, del secondo film in «stop-rnotion» di Burton. L’ha praticamente girato in contemporanea con La fabbrica di cioccolato, smontando la [...] Vai alla recensione »

Roberta Ronconi
Liberazione

L'incubo che si fa storia, la paura che si fa compagna. Tim Burton è l'unico regista in grado di rivoltare il mondo e di trasformare in amabili protagonisti i reietti della Terra. Quelli almeno considerati tali dai dominanti "normali". E il mondo, visto dalla sua strana prospettiva, è decisamente più bello. Il suo ultimo lavoro, frutto di dieci anni di certosina pazienza, è La sposa cadavere, film [...] Vai alla recensione »

Redazione
Il Secolo d’Italia

Applausi, ovazioni e grandi risate alla proiezione per la stampa de La sposa cadavere il film di Tim Burton presentato fuori concorso alla Mostra del cinema. Per la pellicola, finora la più applaudita dell’intera selezione di film presentati a Venezia, è stato un vero trionfo, con applausi anche durante la proiezìone. Girato con la tecnica “stop motion” di animazione al computer, e forte delle voci [...] Vai alla recensione »

Roberta Ronconi
Liberazione

Non ci sono limiti alla fantasia di Tini Burton, il regista di Bìg Fish. E mentre il suo Charlie e la fabbrica di cioccolato trionfa sugli schermi di tutto il mondo, La sposa cadavere, il cartoon realizzato con la tecnica dello stop-motion proprio come Nightinare Before Christmas, conquista la platea veneziana con una storia nera e romantica al tempo stesso.

Federico Pedroni
Film TV

È un momento professionale decisamente felice per Tim Burton. l’ex ragazzo prodigio del cinema americano, anticonformista e spesso non capito, ora è un regista di successo, osannato dalla critica e amato dal pubblico, capace di ottenere grandi risultati senza rinunciare alla sua poetica: un’ironia grottesca con fortissime venature di malinconia. Quest’anno, a brevissima distanza dal successo planetario [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati