Big Fish - Le storie di una vita incredibile

Film 2003 | Fiabesco +16 110 min.

Titolo originaleBig fish
Anno2003
GenereFiabesco
ProduzioneUSA
Durata110 minuti
Regia diTim Burton
AttoriEwan McGregor, Albert Finney, Billy Crudup, Jessica Lange, Alison Lohman, Helena Bonham Carter Steve Buscemi, Danny DeVito, Marion Cotillard, Miley Cyrus.
TagDa vedere 2003
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,39 su 125 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Tim Burton. Un film Da vedere 2003 con Ewan McGregor, Albert Finney, Billy Crudup, Jessica Lange, Alison Lohman, Helena Bonham Carter. Cast completo Titolo originale: Big fish. Genere Fiabesco - USA, 2003, durata 110 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,39 su 125 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Big Fish - Le storie di una vita incredibile tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un uomo che ha sempre raccontato tantissime storie incredibili sulla sua vita si confronta con il figlio che non lo ha mai rispettato. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a David di Donatello e 3 candidature a Golden Globes. In Italia al Box Office Big Fish - Le storie di una vita incredibile ha incassato 3,4 milioni di euro .

Big Fish - Le storie di una vita incredibile è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,39/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,87
CONSIGLIATO SÌ
Un punto di svolta nella carriera di Tim Burton, il suo "film della maturità".
Recensione di Martina Tarozzi
Recensione di Martina Tarozzi

Chi è veramente Edward Bloom: un ormai vecchio commesso viaggiatore contaballe ottusamente radicato nei racconti fantastici con cui ha descritto la sua vita o un personaggio misterioso e mitologico, un avventuriero dalla vita straordinaria? Agli occhi del figlio Will la risposta è certa e inappellabile: Ed Bloom (interpretato rispettivamente da Ewan McGregor nella versione giovanile e da Albert Finney nella fase della vecchiaia, entrambi magnifici ) altro non è che una figura lontana e patetica, incapace di affrontare la realtà e colpevole di averla sempre sfuggita attraverso il ricorso alle fiabe con cui l'ha rivestita. Giunto al capezzale del padre vecchio e malato dopo tre anni di distanza e di silenzio, a Will non resta che tentare di decifrarne la vita partendo proprio da quei racconti che Edward Bloom si ostina a ricordare: il suo incontro con una vecchia strega e con un gigante gentile, il suo strano soggiorno nello sperduto paesino di Spectre, la sua gavetta nel circo fra nani e uomini - lupo, la sua mirabolante impresa nella guerra di Corea, la romantica conquista della moglie (Jessica Lange) e infine quella continua ricerca del "Pesce Gigante", simbolo di una tensione alla dimensione magica dell'esistenza mai spenta, mai sopita. E la vera scoperta sarà capire come nella vita realtà e magia siano perfettamente conciliabili, a patto che si sia in grado di accogliere la vita stessa con occhi nuovi e con una nuova capacità di ascoltare. Realizzato a seguito della morte del padre e mentre lo stesso regista stava preparandosi a diventarlo, "Big Fish" può essere considerato un punto di svolta nella carriera di Tim Burton, il suo "film della maturità": non più mondi fantastici popolati da uomini - pipistrello, scheletri sognatori o Frankenstein ingenui, ma luoghi dell'anima in cui realtà e immaginazione possono finalmente incontrarsi. E proprio il cuore ingenuo dell'America rurale, l'Alabama delle piccole cittadine senza tempo e dai mille corsi d'acqua, diventa lo scenario per questo toccante e visionario ritratto di padre. Un film bellissimo, commovente e inclassificabile.

Sei d'accordo con Martina Tarozzi?
Francesco Rufo
venerdì 10 luglio 2009

Il centro di Big Fish è il rapporto tra il padre Edward e il figlio William. Will è la razionalità scettica che viene conquistata dalla passione fantastica. All’inizio, Will separa la realtà dalla fantasia, si allontana dal padre perché rifiuta l’irrealtà, pensa che la verità stia solo nella realtà. Indagando sul padre, trova la verità nella finzione. Alla fine, si converte alla visione del padre e la trasmette a suo figlio. Ed unisce realtà e fantasia: per lui la realtà è data dai fatti e la fantasia dai colori. Egli prende la realtà e la colora di fantasia, la trasfigura. Per Ed, realtà e fantasia sono complementari. Dalla fantasia nasce una verità più autentica di quella che viene dalla realtà. Sulla base delle teorie di N. Frye, si può dire che Big Fish è una rilettura del romance. Il romance è una forma letteraria centrata sulle avventure prodigiose dell’eroe. È la ricerca di una soddisfazione del desiderio che liberi l’individuo dalle ansie della realtà, pur continuando a mantenere la realtà: è ciò che vediamo in Ed che, vivendo nella realtà, ne rifiuta la parte piatta, grigia, e cerca la soddisfazione del desiderio nei colori della fantasia. Nel romance, Frye elenca 6 fasi che formano una sequenza ciclica nella vita dell’eroe. La 1ª fase è il mito della nascita dell’eroe; in Big Fish abbiamo il mito di Ed che nasce schizzando fuori dal ventre della madre. La 2ª fase è la giovinezza dell’eroe, che vive in un mondo arcadico, una sorta di paradiso-prigione da cui vuole fuggire per entrare in un mondo d’azione; in Big Fish abbiamo la giovinezza di Ed, che vuole andare via dall’arcadica a della scono a parlare eea da parte di Edstorie e nella vita del padrecittà natale per viaggiare e conoscere il mondo. La 3ª fase è la ricerca, il centro del romance; in Big Fish abbiamo la ricerca della conoscenza e della fantasia da parte di Ed. La 4ª fase è imperniata sulla salvaguardia del mondo dell’innocenza dagli attacchi del mondo dell’esperienza; in Big Fish, Ed salva Spectre, il mondo dell’innocenza attaccato dalla realtà. La 5ª fase è quella in cui l’eroe lascia l’azione e si ritira nella contemplazione; in Big Fish, Ed, invecchiato e malato, si separa dall’avventura, si ritira nel ricordo, in una «saggezza matura e innocente» (Frye). La 6ª fase è contrassegnata dalla scena in cui un gruppo di persone si riuniscono a parlare e raccontare; in Big Fish abbiamo il funerale di Ed.

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
Recensione di Andrea Chirichelli
martedì 2 marzo 2004

Apparentemente semplice in superficie, ma incredibilmente pregno di segni e significati ad un'analisi più accurata ed attenta, Big Fish segna l'atteso ritorno del più visionario tra i registi americani, tornato al lavoro dopo la scoppola critica de Il pianeta delle scimmie ed l'apprezzato thriller gotico Sleepy Hollow.
Con Big Fish, Burton torna a fare quello che gli riesce meglio: raccontare storie, dipingere con colori vivaci paesaggi incantati, nei quali i protagonisti si muovono disordinatamente, intrecciando vite, esperienze, realtà e fantasia.
Il tocco "magico", per fortuna, non si è perso ed i tratti tipici del suo cinema, quello che lo hanno lanciato all'inizio degli anni novanta, risuonano ad ogni inquadratura, in ogni sequenza. Cinico e romantico, sardonico e malinconico, Big Fish racconta un viaggio: il viaggio di Edward Bloom.Un nome, una citazione...
Simpatico contaballe e stoico self made man, il protagonista è una via di mezzo tra (l'altro) Edward (Mani di forbice) e Forrest Gump, senza i tormenti del primo ma con la ferrea determinazione del secondo. La pellicola, ambientata in Alabama, segue la sua vita tra flashback e aneddoti, raccontando le incredibili gesta di cui egli è stato artefice e protagonista.
Film di crescita, road movie o pellicola di vecchio stampo con annessa analisi generazionale sui difficili rapporti padre e figlio? Big Fish è un riuscito mix di tutte queste componenti e soprattutto è un film molto, molto divertente. Un umorismo a volte tetro e dissacrante, ma a volte così immediato e diretto dal presentarsi come slapstick di jacquestatiniana memoria (mirabili in questo senso le sequenze al circo e quelle ambientate durante la guerra).
Perso Depp, alle prese con i Pirati dei Caraibi, la scelta per sostituire il suo attore feticcio è caduta, felicemente, sul bravo Ewan McGregor che modula ottimamente le sue corde emotive e riesce a trasmettere tenerezza e fiducia anche nello spettatore che lo aveva visto esordire, strafatto ed immacolato, nei panni del tossico protagonista di Trainspotting.
Burton sceglie il meglio per la sua nuova creatura e quasi tutto il cast è da promozione a pieni voti: alla bella di turno, la lanciatissima Alison Lohmann (perfetta per la parte) si affianca il mestiere dei sempre apprezzabili Buscemi e DeVito e lo charme, intatto, della sensuale Jessica Lange.Peccato per Helena Bonam Carter, che sembra essere caduta sulla terra dal pianeta delle scimmie senza passare per la sala trucco.
Come Bloom, lo stesso Burton reinventa se stesso ed il suo modo di girare e presentare la storia, arricchendo il film di trovate, sketch, sogni, incubi, momenti di straziante realismo alternati ad altri di anticonvenzionale leggerezza.
Big Fish è un giano bifronte:la visione razionale, indagatrice ed in parte melodrammatica del regista nella descrizione del complesso rapporto padre-figlio, è poco convincente: questa parte di pellicola si regge quasi esclusivamente sull'incredibile appeal e carisma che promana da un meraviglioso Albert Finney (peccato che non abbia ricevuto nemmeno una nomination).La metà più onirica, creativa e fantastica è invece made in Burton al 100%: ogni fotogramma è un dipinto, una serie di quadri da esposizione, in cui le arti del montaggio, della fotografia, dei costumi e della scenografia si mescolano, ottenendo un risultato artistico nel senso più pieno del termine.
Snobbato brutalmente dall'Academy, Big Fish non è il miglior film di Burton, ma certamente lo riconcilia con i fans, ancora indispettiti dal non certo esaltante remake del pianeta delle scimmie. Del resto, una pellicola che si basa su un intricato e surreale intreccio di amore, avventura, vita e morte non poteva trovare casa che presso un realizzatore misurato, sensibile e talentuoso come Burton ;ed è un piacere constatare che il genio, che avevamo dato per disperso su un pianeta desertico in mezzo a pelosi primati, sia tornato, si spera una volta per tutte, sul pianeta terra.

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
BIG FISH - LE STORIE DI UNA VITA INCREDIBILE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 18 gennaio 2011
Alex41

In Big Fish Tim Burton non solo cambia registro, ma addirittura supera se stesso. Lontano dai suoi fantastici film dark, come "Il Mistero Di Sleepy Hollow" o "Edward Mani Di Forbice", Burton realizza un vero film fantastico fiabesco, che oltre a raccontare favole straordinarie e fatti che anche nella vita accadono spesso, inserisce personaggi fantastici già visti più [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 novembre 2013
Gigigante

Realtà o fantasia?  La storia presentata è quella classica di un classico uomo americano: cresciuto in una piccola realtà cittadina, ambizioso, marito, padre di famiglia dal modesto lavoro. Eppure quest'uomo è diverso, ha qualcosa di speciale rispetto agli altri uomini, qualcosa che lo distingue dalla massa: la sua testa, o meglio, ciò che essa contiene. Quest& [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 settembre 2012
Tommaso La Vecchia

Definire Big Fish una semplice fiaba sarebbe riduttivo: in questo film infatti Tim Burton evidenzia come sottile sia il confine tra il mondo reale e quello dell'immaginazione. Nel corso della storia troviamo una serie di personaggi pittoreschi, con i quali nel corso della vita si è imbattuto il protagonista Ed Bloom (interpretato dagli ottimi Edward McGregor e Albert Finney), tutti aderenti [...] Vai alla recensione »

martedì 30 ottobre 2012
BasketCase

Come scritto nella frase di lancio, Tim Burton.. E forse la gente potrebbe chiedersi perchè, ma in realtà la risposta è proprio qui. Tim Burton con le sue idee originali, mai baniali e così riflessive, offre una visione del mondo completamente diversa. Lo definirei come Pavese definì a suo tempo Calvino, ossia uno scoiattolo che si arrampica sugli alberi per avere [...] Vai alla recensione »

martedì 9 ottobre 2012
4ng3l

Tenero e dolce film che cammina continuamente tra realtà e fantasia, senza staccarsi mai ne dall'una ne dall'altra. Un cammino di un uomo ricco di fantastiche esperienze al limite del possibile ma sempre divertenti e dinamiche, con un tocco di leggerezza che rende il tutto davvero gradevole ai massimi livelli. A dare una grande mano ci sono anche gli attori, sempre calati nella storia [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 settembre 2013
viktor von doom

film strepitoso.uno di quei film che vorrei vedessero tutti.ok,tutti no,ma almeno tutte le persone che apprezzo.perchè vederlo è una gioia.vederlo arricchisce.vederlo è sognare.magari non sogni tuoi ma comunque sogni.una girandola di situazioni che uniscono la verità alla finzione.la realtà al sogno.la normalità al fantastico.

martedì 4 settembre 2012
Alemoon

"Big Fish"... Che razza di titolo è? Si potrebbe pensare... e invece no! Big Fish è ricordi, vero amore, dolore sincero, speranza, è passato presente e futuro, Big Fish è un uomo, una storia, una vita. E' Edward Bloom quell'uomo e il genio della regia, Tim Burton, porta sul grande schermo tutto ciò che tale soggetto rappresenta.

martedì 15 settembre 2015
Portiere Volante

Incantevole. Un complicato rapporto padre figlio viene raccontato attraverso avventure fantastiche,tanti buoni sentimenti e un'immaginazione fuori dal comune. Una bellissima favola moderna sulla vita,sulla morte e sugli affetti piu' cari. Chi vive nei nostri cuori e noi nostri racconti non muore mai. A parte l'anima poetica del film,la regia e' ottima,la trama surreale e' convincente [...] Vai alla recensione »

martedì 30 ottobre 2012
BasketCase

Come scritto nella frase di lancio, Tim Burton.. E forse la gente potrebbe chiedersi perchè, ma in realtà la risposta è proprio qui. Tim Burton con le sue idee originali, mai baniali e così riflessive, offre una visione del mondo completamente diversa. Lo definirei come Pavese definì a suo tempo Calvino, ossia uno scoiattolo che si arrampica sugli alberi per avere [...] Vai alla recensione »

sabato 22 agosto 2015
jackiechan90

La morale di questo film è che la fantasia e la magia esistono e si nascondono nei fatti più quotidiani e improbabili. E questo ce lo racconta Tim Burton, uno che queste cose ce le ha sempre mostrate e raccontate attraverso i suoi mostri e i suoi fantasmi di plastilina, ombre di quelle persone reali con cui sempre abbiamo a che fare. Così in questo film assistiamo alle mirabolanti imprese di Edward [...] Vai alla recensione »

sabato 31 dicembre 2016
Dejan T.

Fiabesco, gotico, esuberante, originale: sono questi gli aggettivi che descrivono compiutamente questo film firmato Tim Burton; e non potrebbe essere altrimenti quando l'impronta del regista è così marcata. Non mancano infatti la presenza di un protagonista eccentrico e stravagante (Ewan McGregor) e di una storia quasi surreale e magica, che solo la mente di Tim può creare.

giovedì 23 giugno 2016
stefano capasso

Will Bloom è da anni arrabbiato col padre Ed, per la sua inarrestabile mania di raccontare sempre storie fantasiose. E’ cresciuto ascoltando sempre racconti incredibili e sente di non aver mai potuto conoscere la vera identità del padre. Dopo 3 anni di rottura, Will, torna con la moglie, dal padre anziano che sta vivendo la fase terminale di una malattia.

mercoledì 3 febbraio 2010
c-claudia

Un tema ricamato, allungato e traslato come l’immortale incomprensione tra padre e figlio, l’amore-odio tra l’uno e l’altro, la drammatica riconciliazione al punto di non ritorno: non è nulla di tutto questo che dipinge il film di Tim Burton. Big Fish racconta la storia di un uomo creata da quell’uomo, la gioia di vivere, la ricchezza di una mente potente e pura, la vittoria sulla morte.

giovedì 20 marzo 2014
THEOPHILUS

BIG FISH     La vita come arte, il tendere all’autorealizzazione attraverso un’esistenza reinventata; la sfida all’essere per trarne quanto ha di più bello, per stanarlo. La ricerca della via più difficile e pericolosa per non sfuggirgli, non rifiutarlo, ma aprirsi ad esso, sfidarlo per esserne baciato.

domenica 26 giugno 2011
peppe97

La pellicola, diretta da Burton, utilizza pochi aspetti fantastici e durante il film, personalmente, non mi sono poi così sorpreso delle scene che si susseguivano. Pero' c'è da dire anche che la storia non è male: la vicenda del padre che racconta storie fantastiche al figlio è da considerare una novità; inoltre alcuni personaggi fantastici non si sono mai visti sul grande schermo.

giovedì 7 marzo 2013
Silviami

Eccezionale film di un Burton sorprendentemente raffinato. Un pendolo tra reale e irreale culminante nella descrizione della città di Spectre, incredibilmente perfetta ma che nasconde una grande malinconia e un'immensa apatia che solo l'entusiasmo di Edward Bloom è in grado di risvegliare. Una storia instancabile e ogni volta sorprendente condotta dal filo narrativo della voce [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2012
Ruspa Machete

Per me non ha mai avuto la giustizia che merita questo film di un Tim Burton meno oscuro del solito e quindi meno accettato forse dai suoi seguaci classici.  A mio modesto parere è la sua più grande prova e forse il suo film più impegnato. Magico.

lunedì 24 maggio 2010
ultimoboyscout

Solo una mente poco lineare (cinematograficamente si intende) ma lucente e geniale come quella di Tim Burton poteva concepire una favola magica come questo film. Tante storie, una più bella e incredibile dell'altra, raccontate da un magnifico Ewan McGregor. E poi Buscemi, DeVito, un giovane Billy Crudup, Jessica Lange, Helena Bonham Carter e Marion Cotillard, insomma niente non è, [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 marzo 2013
dani fede

tim burton commuove con questa storia di vita, e d'amore. trasmette la voglia di inseguire i proprio sogni senza paura dei giudizi altrui. magico!

giovedì 24 marzo 2011
Nicco83

La Fiaba più bella da raccontare è quella della propria vita...

mercoledì 19 gennaio 2011
startibasrtfast

sabato 3 aprile 2010
Frankl92

Uno dei grandissimi film del genio Tim Burton. Ogni film atmosfere suggestive eccitanti nel loro essere, straordinariamente affascinanti. Tocca il limiti del surreale vedere sto film, sicuramente non facile per chi non sà immaginare o farsi trasportare da ondate di travolgenti racconti. Film capace di far riflettere, divertire, appassionare e lasciare spazzio alle emozioni più emotive. [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 marzo 2010
Keanu

Uno dei miglior film di Tim Burton !!!  Un capolavoro che lega in un contesto reale la fantasia senza ricorrere ad effetti speciali e a mondi sopranaturali, la fantasia di Burton traspare più in un film così che in un vero fantasy !! Una storia intensa, coinvolgente e commovente, un film drammatico, ma anche una commedia con il tocco fantasy in un mix eccezionale che sono un Grandissimo [...] Vai alla recensione »

domenica 12 ottobre 2014
blasiusack

Capolavoro assoluto del cinema... Di solito tim burton non mi fa impazzire... ma questo film è davvero incredibile.

venerdì 12 marzo 2010
MiPiaceIlCinema

Uno dei più bei film di Tim Burton! Magico   

domenica 1 febbraio 2015
ginger snaps

e per ricordare i racconti fantasti e a volte surreali, in famiglia spesso ci guardavamo tra di noi per capire se il racconto corrispondeva a verita o fantasia o via di mezzo. Ogni volta che rivedo questo capolavoro lo associo inevitabilmente a mio padre e mi commuovo. Grande Tim Barton per avercelo regalato e per farci sempre sognare

domenica 25 marzo 2012
noemi97

Secondo la mia opinione questo film assomiglia moltissimo al poema drammatico sritto da Henrik Ibsen che si intitola Peer Gynt, possiamo notarla soprattutto quando Will racconta la storia a suo padre  in fin di vita. Vorrei sapere se anche voi avete notato questa somiglianza! 

lunedì 28 marzo 2011
Dandy

Da molti definito il capolavoro  assoluto di Burton.Per i miei gusti,stando alla poetica dell'universo burtoniano,non è proprio così.Ma è decisamente il suo film più maturo e forse,segna l'inizio di una svolta nella sua carriera.E' un pò come se il regista avesse portato nel mondo reale le creature fantastiche del suo universo,in un appassionato [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 marzo 2010
@nn@lis@ B.

Ho ri-visto da poco questo film e penso che sia STR-ordinario. Fantasia e realtà si incontrano e co-esistono. Paesaggi fantastici e colori si mescolano a situazioni e personaggi reali; si fondono insieme e il pensiero vaga continuamente tra il reale e l’immaginario. Ad un primo momento, osservando con gli occhi del figlio, sembrerebbe che un aspetto sia opposto all’altro e che non possano co-creare [...] Vai alla recensione »

domenica 28 febbraio 2010
joker91

un film che segna la maturità di burton. un ottmo lavoro finney ed mcgregor sono fantastici nell interpretare lo stesso ruolo, uno da anziano e l'altro nel fiore degli anni. non voglio rivelare niente a chi ancora non lo ha visto ma dico soltanto che è un racconto grande e chi trova un film come questo un lavoro monotono non ha fantasia e non ha mai sognato l' impossibile.

martedì 6 febbraio 2018
Marina Bongi

 Il padre racconta al figlio la sua vita in una maniera un po' fantastica,ma il figlio,crescendo,si vergogna delle storie infantili raccontate dal padre.  Solo a poche settimane dalla morte del genitore, il figlio si  rende  conto del messaggio del padre: l'importanza di "tingere" la realtà di fantasia, non smettendo mai di sognare! Consigliato a chi ama [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 gennaio 2016
BRACCHETTO58

PER CHI DESIDERA VOLARE CON LA FANTASIA, E PER DUE ORE FINALMENTE RITROVARE IL MONDO FANTASTICO DELLA TRANQUILLITà DELLA FANCIULLEZZA DOVE TUTTO ERA POSSIBILE. PURA ADRENALINA PER STACCARSI DAL REALE.

venerdì 27 novembre 2015
floyd80

 Il miglior film di Tim Burton. Un dipinto in movimento. Una pellicola che diverte e che commuove. Il tutto impreziosito dal carattere assurdo dei personaggi. Dai circensi ad un pesce gigante, il film ha in se tutta la leggerezza degli americani e la profondità del mitico Fellini.

giovedì 12 aprile 2012
ludicrous

Storia fantastica e regia ottima!

martedì 29 settembre 2009
claudiettino

Un'originalità senza eguali...Se pur rischioso Burton costruisce un mondo parallelo a quello reale intessendo una storia fiabesca che racconta della realtà secondo la fantasia, unica in grado di stravolgere gli schemi di ogni cosa. Dopo averlo visto, tutti vorremmo vivere almeno per un istante nel magico mondo del protagonista:il papà(bambino) un pò da tutti desiderato

martedì 7 luglio 2009
GGMymovies

Tim Burton riesce a far entrare una fiaba nel mondo reale, grazie alla sua apertura mentale che è rimasta ancora aggrappata a quella di un bambino e con cui riesce a disegnare un ruolo perfetto per un McGregor raggiante più che mai (anche se dispiace non aver visto Depp nel suo ruolo).

domenica 2 giugno 2013
Le saboteur

Secondo me il film non è riuscito....  ma molti film di questo genere non riescono (vedi ad esempio morte di un commesso viaggiatore) - cercano di mischiare realtà e sogno...  Nel far questo ci dicono o che esiste una realtà bell'e pronta, e per tutto il film noi dobbiamo capire qual'è la "realtà vera" e il sogno, oppure che la realtà [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 gennaio 2012
straycat3

Io sono della politica che quando si inizia un film si porta SEMPRE fino alla fine ma in questo caso no. Questo film è un pizza allucinante, "una cagata pazzesca", come disse il rag. Ugo Fantozzi commentando un altro film.

sabato 10 luglio 2010
torakiki

Ecco il classico caso dove un romanzo dovrebbe rimane nei libri e non entrare nelle sale cinematografiche, tutto sommato è un film bellino, regia attori etc sono molto alla ned flanders...se siete amanti del mediocre, questo è il film per voi. istruzioni per l'uso: Da vedere soli o in luna di miele

Frasi
Ci sono dei pesci che nessuno riesce a catturare. Non è che sono più veloci o forti di altri pesci. È solo che sembrano sfiorati da una particolare grazia. Un pesce di questo tipo era la bestia. E all'epoca in cui io nacqui era già una leggenda. Aveva snobbato più esche da cento dollari di qualsiasi altro pesce in Alabama. C'era chi diceva che quel pesce era il fantasma di un ladro annegato in quel fiume sessant'anni prima. Altri sostenevano che era un dinosauro sopravvissuto al periodo crostaceo. Io non davo peso a queste speculazioni o superstizioni. Sapevo solo che avevo cercato di prendere quel pesce da quando ero un bambino non più grande di te. E il giorno in cui tu nascesti, beh... quel giorno finalmente lo catturai. Ci avevo provato con tutto quello che avevo. Esche, vermi, burro di noccioline e formaggio. Ma un giorno ebbi un'illuminazione: se quel pesce era il fantasma di un ladro le normali esche non avrebbero funzionato, avrei dovuto utilizzare qualcosa che lui desiderava veramente. L'oro! Allora legai il mio anello alla lenza più forte che esisteva, dicevano così forte da tenere su un ponte anche solo per pochi minuti. E poi la lanciai nel fiume. La bestia schizzò fuori e garrì l'anello prima che potesse toccare l'acqua e con la stessa rapidità con un morso troncò in due la lenza. Ora tu capirai il mio sgomento. La fede nuziale è il simbolo della mia fedeltà a mia moglie che stava per diventare madre smarrita nella pancia di un pesce incatturabile. Seguii il pesce su e giù per il fiume. Questo pesce, "la Bestia", tutta la città lo aveva sempre preso per un maschio. In realtà era una femmina. Era piena zeppa di uova e le avrebbe deposte da un giorno all'altro. Ora io mi trovavo con questo dilemma: avrei potuto sventrare il pesce e recuperare la mia fede nuziale ma così facendo avrei ucciso il pesce gatto più astuto del fiume Huston. Era il caso di privare mio figlio della possibilità di pescare un pesce del genere? La signora pesce ed io... Beh avevamo lo stesso destino. Facevamo parte della stessa equazione. Beh è la lezione che ho imparato quel giorno. Il giorno in cui nacque mio figlio. Qualche volta il modo per catturare una donna incatturabile è offrirle una fede nuziale.
Una frase di Edward Bloom (Albert Finney)
dal film Big Fish - Le storie di una vita incredibile - a cura di Tim
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

"Quando il mito s'impone sulla realtà, scegli il mito" predicava il grande John Ford. Tra i registi in attività oggi, Tim Burton è uno dei più dotati creatori di miti e di fiabe in forma di cinema; basti pensare al suo "Edward mani di forbice". Però Big Fish è ancora di più: è un film sulla costruzione del mito, una parabola sulla funzione terapeutica del narrare.

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Incomprensioni tra padre e figlio. Nulla di nuovo sotto il sole, si dirà. Eh no, stavolta c’è lo zampino di Tim Burton, autore per il quale nulla è mai scontato. E Big fish, appunto, riprende una delle storie più vecchie del mondo, padre e figlio che proprio non si capiscono, per declinarla in modo assolutamente originale e affascinante. Partiamo da papà: ha sempre raccontato un sacco di frottole, [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Edward Bloom ha un grande dono: sa vivere la vita vera come se fosse un’avventura fiabesca, e sa raccontare la sua e altre storie colorandole di tocchi fantastici. Un intero prato fiorito di giunchiglie recise, un ‘mangiafuoco” iroso che ogni tanto si trasforma in un lupo, due danzatrici cinesi che si congiungono sinuose all’altezza dei fianchi, un villaggio gioioso e spettrale dove il tempo sembra [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Nell’occhio di vetro della strega (Helena Bonham Carter), Edward Bloom racconta d’aver visto da ragazzino la propria morte. E ancora la sua morte vediamo noi, quasi alla fine di Big Fish (The Big Fish, Usa, 2003, 125’). La vediamo e la sentiamo raccontare da Will (Billy Crudup). È il vecchio Edward (Albert Finney) che glielo chiede. Un viaggiatore sempre in transito: questo è Edward, nello splendido [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Non è Batman, non è Edward mani di forbice e non è nemmeno Mars Attacks!, ma è pur sempre un’avventura colorata in cui Tim Burton ha modo di dispiegare il suo gusto per il fantastico. Lo spunto, un romanzo il cui protagonista ha l’abitudine di immaginarsi una vita costellata di vicende quasi incredibili dove, come nelle fiabe, gli si fanno attorno giganti, streghe, lupi e gente pittoresca dei circhi. [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Fellini in Alabama? Potremmo racchiudere in questo slogan il giudizio su Big Fish, il nuovo film di Tim Burton: e sarebbe veritiero, oltre che positivo. L´autore di Batman ha fatto un film pieno di «fellinismi», e se l´è cavata benissimo, tenendo conto che Fellini è di gran lunga l´artista più pericoloso che esista quando si va sul difficile terreno dell´omaggio e della citazione.

Marco Giovannini
Ciak

Tim Burton, genio e sregolatezza, è stato campione di incassi solo quando ha affrontato il mondo pop di Batman e Il pianeta delle scimmie. Ed ecco perché Big Fish è stato trattato come una pianta rara da maneggiare con cura: uscito in appena 6 cineclub prima che il passaparola e i tanti premi gli concedessero il Pass verso il grande pubblico. Tratto da un romanzo di Daniel Wallace (rimpastato col permesso [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Realtà e irrealtà, padre e figlio, la fantasia come respiro indispensabile a vivere e la morte come «la cosa più strana che mi sia capitata » nutrono il nuovo film che Tim Burton ha tratto dal romanzo di Daniel Wallace, Big Fish: essendo un pesce di inusitata grandezza il protagonista di tante vanterie virili. Si vedono cose straordinarie: un bambino che nasce proiettandosi fuori del corpo della madre [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Elogio della panzana. Il vecchio Ed non ha mai detto una cosa vera in vita sua; suo figlio Will invece è così ossessionato dalla verità che ha deciso di fare il giornalista. Il vecchio Ed racconta in continuazione folli imprese piene di streghe e giganti, di città incantate e di amori fulminanti; il giovane Will non crede a una parola, e soprattutto non ne può più di quell’affabulatore irresistibile [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati