•  
  •  
Apri le opzioni

Lambert Wilson

Lambert Wilson. Data di nascita 3 agosto 1958 a Neully-sur-Seine (Francia). Al cinema il 17 novembre 2022 con il film La Signora Harris va a Parigi. Lambert Wilson ha oggi 64 anni ed è del segno zodiacale Leone.

L'antidivo d'oltralpe

A cura di Nicoletta Dose

Lontano dai riflettori per più di metà della sua lunga e ricca carriera d'attore, il francese Lambert Wilson è oggi un affascinante trasformista, tenebroso e misterioso quanto basta da renderlo interessante anche in ruoli minori. Dal cinema d'autore alle grandi produzioni hollywoodiane, Lambert è un attore curioso, con tanta voglia di sperimentare. Quale sarà la prossima sfida?

L'amore per la recitazione trasmesso dal padre Georges Wilson
Figlio di Georges Wilson, raffinato attore di teatro prestato anche al cinema tra gli anni Cinquanta e Sessanta, il giovane Lambert cresce in un ambiente creativo che lo forma fin dalla tenera età. Sulle orme del padre, considerato un mostro sacro della recitazione in Francia, Lambert esordisce al cinema a soli vent'anni: lo vediamo nel cast di Giulia (1977) di Fred Zinnemann, supportato da grandi attrici che avrebbero poi segnato la storia del cinema (Vanessa Redgrave, Jane Fonda, Meryl Streep al suo debutto sul grande schermo). Seguono lo sci-fi Il gendarme e gli extraterrestri, la versione cinematografica del fortunato cartone giapponese Lady Oscar e lo storico Contro 4 bandiere diretto dall'italiano Umberto Lenzi.

Film tv e collaborazione con grandi attori di fama internazionale
Con gli anni Ottanta si apre un periodo di impegno professionale dedicato soprattutto al mondo televisivo. Non riesce a sfondare e accumula solo parti marginali in film tv di poco valore, anche se è da segnalare Chanel Solitarie (1981), racconto di formazione che prende spunto dalla vita della stilista Coco Chanel. Partecipa al seguito non troppo efficace de Il tempo delle mele 2, dopodiché è nuovamente Zinnemann a chiamarlo per l'ultimo film della sua carriera, Cinque giorni, un'estate (1982), dove affianca la coppia formata da Sean Connery e Betsy Brantley in uno scenario mozzafiato che vale la visione di tutto il film. Se in tv le cose non vanno molto bene, al cinema si susseguono soddisfazioni una dietro l'altra: è in Il sangue degli altri di Claude Chabrol, La Femme Publique di Andrzej Zulawski, nell'avventuroso Sahara ma soprattutto in Rendez-vous di Techinè, dove affianca Juliette Binoche e Jean-Louis Trintignant in una storia di passione e amore sullo sfondo di una Parigi ostinata e confusa. In Italia si fa dirigere da Luigi Comencini ne La storia, un film per la tv tratto dall'omonimo libro di Elsa Morante. Anche se solo co-protagonista di grandi attrici come Claudia Cardinale o Jodie Foster, Wilson riesce a non restare in ombra, costruendo su di sé un'aurea di mistero che lo rende affascinante al pubblico femminile.

Cinema d'autore tra Francia, Italia, Inghilterra e Spagna
Con Peter Greenway fa parte del cast del sofisticato Il ventre dell'architetto (1987) dove interpreta un ambizioso e truffaldino finanziatore che adesca un esperto d'arte per rubargli l'amante e il mestiere. Continua poi a lavorare con grandi attori della generazione precedente: con Isabelle Huppert è ne I demoni di Andrzej Wajda, con Philippe Noiret in Chouans! dove si innamora perdutamente di una fascinosa Sophie Marceau, e ritrova Claudia Cardinale in Inverno 1954 di Denis Amar. Nel 1988 fa una capatina in Spagna per vestire i panni di Pedro de Ursúa, comandante di una spedizione spagnola diretta in Perù, in El Dorado, colosso storico d'autore dove intravediamo anche l'italiano Omero Antonutti. Trova l'occasione di lavorare con il padre ne La donna del lago maledetto dove Georges gli offre la parte di un soldato che ritorna dalla guerra dopo essere rimasto ferito alla testa. Poi lo vediamo nella commedia sentimentale Parole, parole, parole... di Alain Resnais, vincitore dell'Orso d'Argento a Berlino nel 1997 e di nuovo in coppia con Sophie Marceau in Marquise, film in costume diretto da Vera Belmont. Deborah Warner lo chiama nel drammatico Last September e, dopo diversi film tv e numerose pellicole francesi (inedite in Italia), lo vediamo nei panni del fratello giramondo di Valeria Bruni Tedeschi nell'esordio dietro la macchina da presa dell'attrice italiana, È più facile per un cammello....

Lo sbarco ad Hollywood
Con il nuovo millennio cambia stile per sbarcare ad Hollywood, in film più commerciali che fino a quel momento aveva accuratamente evitato. Nel 2003 è Merovingian in Matrix Reloaded e nel seguito Matrix Revolutions dei fratelli Wachowski, poi appare in Catwoman e nel film estivo Timeline. Affianca Penelope Cruz e Matthew McConaughey nell'avventuroso Sahara - Le avventure di Dirk Pitt di Clive Cussler per poi ritornare in patria francese con il maestro Resnais in Cuori e in Gentille di Sophie Fillières. Dopo la parentesi nella terra d'oltralpe riprende la carriera iniziata negli Stati Uniti e partecipa al thriller Un colpo perfetto con Michael Caine, all'action movie Babylon A.D. di Kassovitz ma soprattutto è il protagonista di Dante 01 dov'è San Giorgio, un prigioniero illuminato dai poteri incredibili. Vola al Festival di Cannes con ben due pellicole: Uomini di Dio, quinto lungometraggio del regista francese Xavier Beauvois, che ritorna sulla Croisette dopo Non dimenticare che stai per morire, con il quale vinse il Premio della giuria nel 1995; The princess of Montpensier dell'acclamato regista Bertrand Tavernier. Nel primo film, anch'esso vincitore del Premio della giuria, Lambert interpreta un frate priore appartenente alla comunità dei monaci cistercensi che vivevano a Tibhirine in Algeria nel 1993, fino al loro sequestro avvenuto tre anni dopo. Nella pellicola di Tavernier si parte dal romanzo "La principessa di Clèves" di Madame de La Fayette, per disegnare un film in costume sulla lotta di una donna fra passione e ragione, dove Wilson interpreta il saggio e tormentato conte di Chabannes. In seguito parteciperà al film italiano Vinodentro (2012) e quello sul mondo del teatro di Le Guay Molière in bicicletta (2013), oltre a doppiare film d'animazione come Ernest & Celestine e Marsupilami (2012). Lavora anche per il cinema di casa nostra, come nel caso del documentario Vinodentro (2014) di Ferdinando Vicentini Orgnani e del secondo film da regista di Laura Morante Assolo (2015). Nel 2016 partecipa a Le confessioni di Roberto Andò e a In viaggio con Jacqueline di Mohamed Hamidi. Nel 2021 lo troviamo diretto da Lana Wachowski in Matrix Resurrections.

Prossimi film

Ultimi film

Thriller, (Francia - 2019), 105 min.
Commedia, (Francia - 2018), 105 min.
Drammatico, (Francia - 2017), 95 min.

News

Regia di Ludovic Bernard. Un film con Kristin Scott Thomas, Lambert Wilson, Karidja Touré, André Marcon. Da giovedì 27...
Tre uomini e una mucca sono i protagonisti del commovente road movie che ha coinvolto in Francia più di un milione di...
L'attore per la seconda volta al festival.
In concorso oggi Mike Leigh e Abderrahmane Sissako.
A Roman Polanski il César per la miglior regia. Premiati anche Elmosnino e Tarantino.
Presentata al Fetival la controversa fiction francese, Carlos.
L'opera prima di Vincent Garenq è una commedia sull'omosessualità.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati