Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Periodici (1)
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 19 ottobre 2019

Al Pacino

Ogni maledetto ruolo

Nome: Alfredo Jacob Pacino
79 anni, 25 Aprile 1940 (Toro), New York City (New York - USA)
occhiello
Tony non mi ammazzare ti prego!
Io non ti ammazzo.
Grazie!
Manny, spara tu a quel pezzo di me**a.

dal film Scarface (1983) Al Pacino  Tony Montana
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Al Pacino
Golden Globes 2016
Nomination miglior attore in un film brillante per il film Danny Collins di Dan Fogelman

Golden Globes 2014
Nomination miglior attore miniserie o film tv per il film Phil Spector di David Mamet

Razzie Awards 2012
Nomination peggior attore non protagonista per il film Jack e Jill di Dennis Dugan

Razzie Awards 2012
Nomination peggior coppia sullo schermo per il film Jack e Jill di Dennis Dugan

Golden Globes 2011
Nomination miglior attore miniserie o film tv per il film You Don't Know Jack di Barry Levinson

Emmy Awards 2010
Nomination miglior attore miniserie o film tv per il film You Don't Know Jack di Barry Levinson

Golden Globes 2004
Premio miglior attore miniserie o film tv per il film Angels in America di Mike Nichols

Golden Globes 2004
Nomination miglior attore miniserie o film tv per il film Angels in America di Mike Nichols

Golden Globes 1993
Nomination miglior attore per il film Scent of a Woman - Profumo di donna di Martin Brest

Premio Oscar 1993
Nomination miglior attore per il film Scent of a Woman - Profumo di donna di Martin Brest

Golden Globes 1993
Nomination miglior attore non protagonista per il film Americani di James Foley

Premio Oscar 1993
Premio miglior attore per il film Scent of a Woman - Profumo di donna di Martin Brest

Premio Oscar 1993
Nomination miglior attore non protagonista per il film Americani di James Foley

Golden Globes 1993
Premio miglior attore per il film Scent of a Woman - Profumo di donna di Martin Brest

Golden Globes 1991
Nomination miglior attore per il film Il padrino - Parte III di Francis Ford Coppola

Premio Oscar 1991
Nomination miglior attore non protagonista per il film Dick Tracy di Warren Beatty

Golden Globes 1991
Nomination miglior attore non protagonista per il film Dick Tracy di Warren Beatty

Golden Globes 1990
Nomination miglior attore per il film Seduzione pericolosa di Harold Becker

Golden Globes 1984
Nomination miglior attore per il film Scarface di Brian De Palma

Golden Globes 1983
Nomination miglior attore per il film Papà, sei una frana di Arthur Hiller

Golden Globes 1980
Nomination miglior attore per il film ... E giustizia per tutti di Norman Jewison

Premio Oscar 1980
Nomination miglior attore per il film ... E giustizia per tutti di Norman Jewison

Golden Globes 1978
Nomination miglior attore per il film Un attimo, una vita di Sydney Pollack

Golden Globes 1976
Nomination miglior attore per il film Quel pomeriggio di un giorno da cani di Sidney Lumet

Premio Oscar 1976
Nomination miglior attore per il film Quel pomeriggio di un giorno da cani di Sidney Lumet

Premio Oscar 1975
Nomination miglior attore per il film Il padrino - Parte II di Francis Ford Coppola

Golden Globes 1975
Nomination miglior attore per il film Il padrino - Parte II di Francis Ford Coppola

Golden Globes 1974
Premio miglior attore per il film Serpico di Sidney Lumet

Premio Oscar 1974
Nomination miglior attore per il film Serpico di Sidney Lumet

David di Donatello 1974
Premio miglior attore straniero per il film Serpico di Sidney Lumet

David di Donatello 1974
Nomination miglior attore straniero per il film Serpico di Sidney Lumet

Golden Globes 1974
Nomination miglior attore per il film Serpico di Sidney Lumet

David di Donatello 1973
Nomination miglior attore straniero per il film Il padrino di Francis Ford Coppola

Premio Oscar 1973
Nomination miglior attore non protagonista per il film Il padrino di Francis Ford Coppola

David di Donatello 1973
Premio miglior attore straniero per il film Il padrino di Francis Ford Coppola

Golden Globes 1973
Nomination miglior attore per il film Il padrino di Francis Ford Coppola



Occhi, mani e pieghe di un attore ineguagliabile.

5x1: Al Pacino dal Bronx

martedì 23 settembre 2008 - Stefano Cocci cinemanews

5x1: Al Pacino dal Bronx Inutile negare che ci si trova di fronte a un pezzo importante di storia del cinema, un attore che con il suo lavoro costituisce un termine di paragone impegnativo per chiunque intenda avvicinarsi alla settima arte. Ormai dagli anni Settanta, il 68enne Al Pacino ruba la scena, incarnando perfettamente il male corrotto dell'animo quanto l'aspirazione alla redenzione. Il suo sguardo febbricitante, le mani nervose e soprattutto le trasformazioni del suo viso hanno segnato diverse epoche di un artista profondo, capace di lavorare sul personaggio ma soprattutto su se stesso. Confrontando il suo Michael Corleone, Tony Montana e Carlito Brigante, ad esempio, si possono vedere le diverse sfaccettature della violenza, una escalation che dagli anni Settanta arriva fino a metà dall'inizio degli anni Novanta; poi, il colonnello Frank Slade, il giornalista Lowell Bergman e l'allenatore di football Tony D'Amato hanno segnato quasi una seconda fase, in cui le esplosioni di violenza metropolitana lasciano spazio all'intensità interiore, sempre pronta a divampare. Oggi dedica più tempo a progetti personali e si concede qualche concessione nel cinema di fattura più grossolana; così lo incontriamo in Tough Love al fianco di Ben Affleck e Jennifer Lopez, in Ocean's 13 e presto nel prossimo James Bond, Quantum of Solace. In questa linea più "leggera" rientra anche Sfida senza regole, in cui si ritrova sullo schermo con l'amico Robert De Niro, un film che, in un modo o nell'altro, è destinato a far parlare di sé.

La grande coppia insieme in Sfida senza regole.

De Niro e Pacino insieme: il cinema non basta

lunedì 22 settembre 2008 - Pino Farinotti cinemanews

De Niro e Pacino insieme: il cinema non basta De Niro e Pacino di nuovo insieme in Sfida senza regole. La notizia assume i contorni di un evento. La grande coppia. Va detto che il cinema ha spesso proposto grandi coppie, ma "questi due" sembra abbiano regole diverse, che il loro peso specifico sia tale da oltrepassare la linea del cinema. Dicendo "grande coppia" alludo a talenti omologhi, anche all'anagrafe. Un vecchio e un giovane insieme funzionano, sono complementari, non creano antagonismo, un esempio per tutti: Redford e Pitt in Spy Game. Nelle varie epoche il cinema ha messo insieme Cooper-March (Partita a quattro); Wayne–Stewart (Liberty Valance); Lancaster-Douglas (Sfida all'O.K.Corrall); Brando-Clift (I giovani leoni); Newman – McQueen (Inferno di cristallo) e, salendo Cruise-Pitt (Intervista col vampiro). Due numeri uno assoluti attuali, Clooney e Pitt, li vediamo spesso insieme, eppure non si tratta, e non si trattava, di evento, ma semplicemente di combinazione eccezionale, di cast, di cinema, solo di cinema. Leggi nei titoli De Niro e Pacino insieme ed ecco che la coppia diventa mistica, diventa storia e cultura, come se il capo della religione anglicana e quello cattolico si unissero per una funzione. Robert e Al: perché?<

Dopo Il Padrino di Coppola e Heat di Mann, De Niro e Pacino tornano a lavorare insieme dalla parte (violenta) della legge.

Sfida senza regole: rischio a due

mercoledì 17 settembre 2008 - Marzia Gandolfi cinemanews

Sfida senza regole: rischio a due C'erano una volta in America due ragazzi di strada e di "metodo". Gli anni Settanta del "meraviglioso" spielberghiano trovarono nei loro volti e nei loro registi (Schatzberg, Coppola, De Palma, Scorsese, Cimino, Mann, Leone, Lumet) un'altra America. Inquieti e lividi, cupi e vertiginosi Robert De Niro e Al Pacino divennero gli attori simbolo della Hollywood mean streets, dimostrando di sapere gestire carriere sfaccettate e depistando qualsiasi etichetta di ruolo. Bravi ragazzi (di strada), padrini, poliziotti, criminali, balordi, taxi-driver, demoni, gangster, mafiosi e qualche volta "innamorati" o in "profumo di donna" sono l'immagine ribaltata di quel mito americano che aiutarono a smascherare attraverso filmografie costellate da episodi di rara qualità. Tredici anni dopo The Heat – La sfida, i fabulous two tornano sulle strade della Little Italy newyorkese per interpretare due poliziotti "fuori controllo" che agiscono sul confine della legge e si pongono al di sopra della legge. Nella Sfida senza regole di Jon Avnet, De Niro e Pacino imbastiscono la realtà delle apparenze e nascondono la verità dietro un sole che non albeggia ma tramonta e dentro una notte che immancabilmente scende.
Detective pluridecorati, Turk e Rooster sono a un passo dalla pensione e dal serial killer che scrive sonetti per i suoi cadaveri. Sotto la fredda scorza dell'impassibilità e della mancanza di scrupolo, De Niro e Pacino sono antieroi furenti e arcani, personaggi in autoesilio e sempre fuori posto per superare il conformismo dei loro superiori e dei burocrati. Meglio il mimetismo camaleontico di De Niro o il lasciare intendere senza esibire di Pacino? Domanda inutile. Basta guardarli mentre si osservano e si specchiano l'uno negli occhi dell'altro, l'uno nella carriera dell'altro, ciascuno con le proprie ossessioni, paure, solitudini e contraddizioni, per capire che si sono (ri)trovati. Turk e Rooster non sono poliziotti ordinari, come non sono ordinari gli attori che li incarnano: tanto grandi da essersi sfiorati nel Padrino di Coppola, rincorsi nella sfida di Mann e rinchiusi nelle inquadrature senza regole di Avnet, entrambi con un "clan" di personaggi sulle spalle che guardano alla tragedia come ultimo approdo alla solitudine dell'individuo, del poliziotto, dell'attore. Dietro alle pistole, alle chiacchiere e ai distintivi resta il sorriso di Noodles nella fumeria d'oppio e quello di Carlito davanti alla promessa di una fuga da sogno (Escape to Paradise).

C'era una Volta... a Hollywood

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,73)
Un film di Quentin Tarantino. Con Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Emile Hirsch, Margaret Qualley.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2019. Uscita 18/09/2019.

L'arte viva di Julian Schnabel

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Pappi Corsicato. Con Laurie Anderson, Hector Babenco, Jean Michel Basquiat, Bono, Mary-Bonner Baker.
continua»

Genere Eventi, - USA, Italia 2017. Uscita 12/12/2017.

Conspiracy - La cospirazione

* * - - -
(mymonetro: 2,23)
Un film di Shintaro Shimosawa. Con Al Pacino, Anthony Hopkins, Josh Duhamel, Alice Eve, Glen Powell.
continua»

Genere Thriller, - USA 2016. Uscita 15/06/2016.

Wilde Salomé

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,50)
Un film di Al Pacino. Con Al Pacino, Jessica Chastain, Kevin Anderson, Roxanne Hart, Estelle Parsons.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2010. Uscita 12/05/2016.

Uomini di parola

* * * - -
(mymonetro: 3,16)
Un film di Fisher Stevens. Con Al Pacino, Christopher Walken, Alan Arkin, Julianna Margulies, Vanessa Ferlito.
continua»

Genere Commedia, - USA 2013. Uscita 11/07/2013.
Filmografia di Al Pacino »

venerdì 27 settembre 2019 - Il 26 settembre del 2008 è scomparso uno degli attori più longevi, credibili e intelligenti della storia del cinema.

11 anni fa moriva Paul Newman, un mito da non dimenticare

Pino Farinotti cinemanews

11 anni fa moriva Paul Newman, un mito da non dimenticare Ieri ho visto sui Tg due servizi dedicati a Paul Newman, morto il 26 settembre di undici anni fa, a 83 anni. È doveroso ricordarlo, e ne sono felice. L'ho citato in un pezzo sull'ultimo film di Tarantino, omologando Pitt e DiCaprio ai "padri" De Niro- Pacino e ai "nonni" Brando-Newman delle generazioni precedenti. Prendendo le distanze dalla mia attitudine passatista, ho comunque scritto di non avere dubbi: vincono i nonni. Se ciascuno di noi elegge un modello, un identificatore, il mio era Paul Newman, che è stato longevo e intelligente, credibile nei ruoli fino a tarda età. Per coerenza e lettura della storia americana, per segnali, per identificazione e mito, Paul Newman è stato campione di vertice della sua generazione. Nel privato è stato attento e attivo, sempre schierato dalla parte liberal, spesso in prima fila nelle manifestazioni sui diritti umani e sui temi sociali progressisti e sempre a sostenere il candidato democratico alla presidenza. Estraggo uno stralcio dalla biografia che ho scritto quando era ancora vivo: "I sessanta sono il suo decennio. Il personaggio è pronto: è cinico, ma non del tutto, ha un rapporto difficile con le donne, si connota come eroe moderatamente maledetto, in contrasto con l'autorità e dalla parte dei deboli, debole, apparentemente, a sua volta. Ha quarant'anni, è consapevole e maturo."

Esemplare è il finale di Detective's Story, nella parte del poliziotto privato Lew Harper. Ha scoperto che l'assassino è il suo migliore amico. Gli dice "Ti sei candidato a governatore dello Stato della California. E' normale che un governatore non esiti a commettere un omicidio? Fa pensare." E così, con la morte nel cuore, decide di fare ciò che è giusto fare. Lo denuncia. Quello era Newman.

Anni fa la Barilla lo assunse per uno spot (che cito nella scheda). Il pubblicitario Gavino Sanna mi disse che Newman volle che il compenso, tanti soldi, fosse devoluto interamente a un'organizzazione per il recupero dei giovani. Newman, è notorio, ha perso un figlio per droga. LEGGI LA BIOGRAFIA DI PAUL NEWMAN FIRMATA PINO FARINOTTI

   

Altre news e collegamenti a Al Pacino »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità