Sfida senza regole

Film 2008 | Azione 100 min.

Regia di Jon Avnet. Un film con Al Pacino, Robert De Niro, 50 Cent, Carla Gugino, John Leguizamo, Donnie Wahlberg. Cast completo Titolo originale: Righteous Kill. Genere Azione - USA, 2008, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 26 settembre 2008 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,27 su 150 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sfida senza regole tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dopo 30 anni di lavoro di squadra al Dipartimento di polizia di New York, i detective Turk e Rooster non vogliono arrendersi alla pensione. In città, sono stati assassinati dei presunti criminali. I due partono sulle tracce del serial killer. In Italia al Box Office Sfida senza regole ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 3,3 milioni di euro e 1,1 milioni di euro nel primo weekend.

Sfida senza regole è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,27/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA 1,67
PUBBLICO 2,97
CONSIGLIATO NÌ
Pacino e De Niro convivono nella stessa inquadratura e ripropongono la mitologia dei loro dannati nella Little Italy newyorkese.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 18 settembre 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 18 settembre 2008

Turk e Rooster sono detective nel Dipartimento di polizia di New York. Veterani pluridecorati sono a un passo dalla pensione e dal serial killer che celebra i suoi cadaveri con sonetti in rima. Collabora alle indagini l'affascinante Karen Corelli, agente della squadra CSI e amante volubile di Turk. Karen ha una dipendenza dal sesso e da pratiche erotiche non convenzionali, che consuma con Turk e con il più giovane agente Perez, convinto che il serial killer sia proprio un poliziotto. Tra l'omicidio di uno spacciatore e quello di un protettore e contro i metodi della coppia junior, Turk e Rooster proveranno a fare luce sul caso e sui confini della legge.
Ci sono film il cui valore va al di là delle suggestioni narrative. Sfida senza regole di Jon Avnet è prima di tutto un film sul mestiere dell'attore. Una lezione di recitazione e un approdo autoreferenziale di due carriere. Robert De Niro e Al Pacino amano il cinema gangsteristico americano, sono legati a quel mondo tragico e là sono le radici dei loro personaggi, caratterizzati dal dinamismo della scalata criminal-sociale o da un'ostinata resistenza a questa forma di Sogno americano.
Sfida senza regole diventa allora il diario di un'avventura cinematografica, rivissuta da quei bravi ragazzi dentro un film che non ha il senso autentico e forte del paesaggio di Cimino, il virtuosismo tecnico e stilistico di De Palma o ancora il classicismo cinefilo e il realismo trasfigurato di Scorsese. Nella rilettura anni 2000 del cinema criminale, Avnet gira un film minore ma in controtendenza per il piacere di raccontare di personaggi crepuscolari e attori "datati" con un linguaggio moderno e un lirismo forse troppo posticcio. Incrociando i temi e gli stilemi del genere di cui Bob e Al sono portatori sani, Avnet ripropone sullo schermo e dentro la Little Italy newyorkese una mitologia di dannati, di antieroi, di killer e di poliziotti italo-americani, fin troppo didascalici nel loro indicare la poetica degli attori. La narrazione procede per inquadrature scorciate e per flashback spiazzanti, che incrociano le azioni di preda e predatori in un movimento circolare che finisce per confondere i confini del bene e del male, della verità e della menzogna, di chi ha ragione e di chi ha torto. In un caos morale dove la ragione d'essere dello Stato come regolatore della convivenza umana non esiste o è stata cancellata c'è posto solo per la sconfitta, la morte, il pensionamento, l'uscita di scena. Gli intoccabili re solitari, che hanno sempre ucciso e scalzato i loro padri(ni) imponendosi col loro individualismo intransigente e l'incessante ambiguità morale, trattengono i discorsi per permettersi di ascoltare l'altro. Per contenersi e vivere nella stessa inquadratura lavorano sulla sottrazione e non sull'accumulazione, sottolineando la drammaticità delle situazioni o per converso la loro tragica comicità.
Il film e l'andamento della vicenda reagiscono alla loro performance, che impone una lenta crescita di tensione e poi erompe in un finale amaro e crepuscolare. Dopo essersi sfiorati nel Padrino Parte II e rincorsi in Heat i due attori finiscono col riconoscersi e ritrovarsi nella sceneggiatura "cavalleresca" di Russell Gewirtz, che affrontano con incredibile spirito pionieristico. Sono degli individualisti, sono una versione più "vecchia" dell'arte della recitazione perché sono la vecchia guardia di Hollywood. Quella che ha fatto del cinema un'arte, quella a cui appartengono Noodles e Tony Montana, Sam Ace e Carlito Brigante, Bob e Al.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
SFIDA SENZA REGOLE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€Scopri
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 10 ottobre 2012
Marco Chiappetta

I detective Turk e Rooster, ormai prossimi alla pensione, si ritrovano ad indagare su un serial killer con la passione per la poesia. Dopo una prima fase senza particolari sviluppi, le indagini si indirizzano verso il marcio presente all'interno del dipartimento di polizia, a cui anche i protagonisti hanno partecipato in passato. A complicare le cose la collaborazione con due giovani colleghi e [...] Vai alla recensione »

sabato 30 luglio 2016
elgatoloco

Si potrà anche parlare di un film non particolarmente "nuovo"e"interessante"sul piano stilistico, ma non ne sono affatto convinto: Jon Avnet propone un film allucinato, che inchioda alla sedia(o alla poltrona)fin dalle prime sequenze, quelle del tiro a segno, percorrendo poi tutto al film, fino al tragico finale, a suo modo"shakespeariano".

domenica 11 ottobre 2015
Luigi Chierico

Ancora una volta il cinema americano cerca di mettere a fuoco il malcostume che si annida nei vari corpi a tutela dello stato e dei cittadini, FBI-CIA-SCERIFFI-POLIZIA URBANA-POLIZIA CRIMINALE,e per farlo non si fa scrupolo di far fuoco su tutti, e tutti infatti, bene o male, sparano su tutti. Non è una novità che in America circolino liberamente le armi da fuoco tanto da essere usate da chiunque [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 aprile 2010
Rick333

E' difficile commentare un film quando gli attori protagonisti sono due pezzi da novanta come Robert De Niro e Al Pacino. Si rischia di farsi influenzare dalla loro bravura, e soprattutto dai tanti film in cui hanno recitato. Se però riusciamo nella non facile impresa possiamo tranquillamente dire che stavolta le loro capacità di recitazione non fanno il miracolo: il film non è [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 luglio 2010
Paolo-42

Un buon film.

mercoledì 8 luglio 2009
DONY64

Film del genere azione/poliziesco con attri gia' noti e con i semprebravi Al Pacinoe Robert De Niro che malgrado la loro eta' colpiscono ancora lo spettatore.Nel complesso un film piu' chr discreto, anche se forse un po' lento ma interessante.Voto 6+

domenica 25 luglio 2010
claudiorec

Con quei due attori co-protagonisti il quasi-successo è assicurato.

lunedì 13 luglio 2009
LUCIDO71

Film che resta nella memoria. Certo, non sarà un concentrato d'azione, ma lavora lo spettatore a livello psicologico, x arrivare ad un finale che... non rovino nulla x rispetto di chi sta decidendo o meno di vederlo. CONSIGLIATO! Mi stupisco di questa media-stelle così bassa (un 3,5 sarebbe + giusto), ma la pellicola merita eccome. Trama discreta che ci schiera inevitabilmente sul "hanno fatto bene!", [...] Vai alla recensione »

domenica 26 ottobre 2014
yurigami

non so perché questo film non sia stato gradito molto, invece a me è piaciuto, non è un capolavoro, ma è un film carino da vedere il pomeriggio quando non si sa cosa guardare. Giannini come doppiatore potenzia la recitazione di ogni attore, anche il più scarso, complimenti davvero.

lunedì 31 gennaio 2011
peppe97

Perfetta combinazione tra due colossi del cinema mondiale:Pacino-De Niro,entrambi di origine italiano che riescono a rndere l'idea di un caso verosimile a tutti gli effetti.Poi,c'è Jon Avnet che ancora una volta presenta di bei caratteri e dei belli ambienti ,già stati utilizzati in un film che io considero il "prequel2di questo:88 minuti. Esprimo i miei sentiti complimenti alle due leggende cinematografic [...] Vai alla recensione »

domenica 29 marzo 2009
Elvis shot JFK

è sempre un piacere vedere recitare assieme due attori come De Niro e Pacino. La storia non è male e a me non mi assolutamente annoiato ..... Assomiglia un pò al precedente "Heat" come tecnica di realizzazione....... Non è un capolavoro a cui ci avevano abituati questi 2 grandi del cinema....ma in giro ci sono molti film peggiori di questo!

lunedì 10 settembre 2012
Jayan

All'inizio, avendo letto altre recensioni dei critici non tutte favorevoli, pensavo fosse un film scadente. Quando l'ho visto invece mi sono ricreduto. Non posso dire alcuni particolari altrimenti rivelo il finale. Posso solo dire che il film è fatto e interpretato molto bene. Un film capolavoro e molto originale, anche se apparentemente potrebbe sembrare un comune film poliziesco.

giovedì 19 gennaio 2012
Alessandro Venier

Al Pacino e Robert De Niro appaiono di nuovo nella stessa inquadratura tredici anni dopo "Heat - La Sfida" (Michael Mann, 1995). Le aspettative erano alte, i risultati non raggiungono certo la sufficienza.  Se il film di Mann elevava all'ennesima potenza l'abilità e l'innata bravura dei due attori americani, il nuovo film di Avnet li conduce in un abisso di manierismi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 maggio 2010
enotar56

Due "vecchie" volpi in un pollaio che non fammo piu' paura neppure ai polli...

FOCUS
FOCUS
lunedì 22 settembre 2008
Pino Farinotti

La coppia mistica De Niro e Pacino di nuovo insieme in Sfida senza regole. La notizia assume i contorni di un evento. La grande coppia. Va detto che il cinema ha spesso proposto grandi coppie, ma "questi due" sembra abbiano regole diverse, che il loro peso specifico sia tale da oltrepassare la linea del cinema. Dicendo "grande coppia" alludo a talenti omologhi, anche all'anagrafe. Un vecchio e un giovane insieme funzionano, sono complementari, non creano antagonismo, un esempio per tutti: Redford e Pitt in Spy Game.

INCONTRI
mercoledì 17 settembre 2008
Marzia Gandolfi

Vertigine di attori C'erano una volta in America due ragazzi di strada e di "metodo". Gli anni Settanta del "meraviglioso" spielberghiano trovarono nei loro volti e nei loro registi (Schatzberg, Coppola, De Palma, Scorsese, Cimino, Mann, Leone, Lumet) un'altra America. Inquieti e lividi, cupi e vertiginosi Robert De Niro e Al Pacino divennero gli attori simbolo della Hollywood mean streets, dimostrando di sapere gestire carriere sfaccettate e depistando qualsiasi etichetta di ruolo.

Frasi
La maggior parte della gente rispetta il distintivo. Tutti rispettano la pistola.
Una frase di Detective Turk (Robert De Niro)
dal film Sfida senza regole - a cura di Daniele C.
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gino Castaldo
La Repubblica

Poliziotti a caccia di Killer, Ma non poliziotti qualunque. In «Sfida senza regole» i miti di Hollywood lavorano spalla a spalla: «Tra noi grande feeling», raccontano. Cronaca di un set straordinario. La sanno lunga. Lo si legge nei loro occhi quando scendono, sornioni, rilassati, circondati da un'aura impenetrabile, dall'auto che li porta sul set di Sfida senza regole.

Valerio Caprara
Il Mattino

Ok, De Niro e Pacino non sono divi qualunque bensì le icone di molti dei migliori film della nostra vita. È notorio altresì che per ragioni ambientali e generazionali i due italo-newyorkesi (rispettivamente di 65 e 68 anni) si sono fatti a lungo un'aspra concorrenza. Non a caso in circa trent'anni di carriera si sono ritrovati nello stesso cast solo due volte: ma nel «Padrino parte II» non appaiono [...] Vai alla recensione »

Manohla Dargis
The New York Times

Oh, if only Robert Aldrich were alive! The pulpmeister of the horror lollapalooza “What Ever Happened to Baby Jane?” certainly knew how to build a grand showcase for his corrugated divas (Bette Davis and Joan Crawford), while the hapless Jon Avnet hasn't a clue what to do with his (Al Pacino and Robert De Niro). In “Righteous Kill” these two godheads of 1970s cinema go macho-a-macho with each other [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Ci sono film fatti solo di cliché, o quasi, ma così eleganti e pieni di brio che ci sembra di vedere tutto per la prima volta (vedi Parigi, qui accanto). Poi ci sono film fatti solo di cliché, o quasi, in cui tutto è così insistito e male assortito che ci sembra di averli visti non cento ma mille volte. Avrete capito che Sfida senza regole, in originale Righteous Kill, appartiene alla seconda categoria, [...] Vai alla recensione »

Peter Travers
Rolling Stone

Some people think Robert De Niro and Al Pacino would be a kick to watch just reading a phone book. Well, bring on that phone book. Righteous Kill, a.k.a. The Al and Bob Show, is a cop flick with all the drama of Law and Order: AARP. This movie defines drag-ass. Pacino, 68, and De Niro, 65, play 30-year veterans of the NYPD in search of a serial killer who only shoots scum the courts set free.

Jean-François Rauger
Le Monde

"La Loi et l'Ordre" : retrouvailles tardives entre Pacino et De Niro Deux policiers, coéquipiers dans le service, découvrent qu'un assassin élimine les truands qu'ils ne sont pas parvenus à arrêter. Les soupçons se portent sur l'un d'entre eux, à la psychologie apparemment instable, au grand scepticisme de son partenaire. La rencontre entre deux des principaux monstres sacrés du cinéma américain [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Al Pacino, classe '40, una carriera nel cinema iniziata nel '68 e oltre quaranta film; Robert De Niro, classe '43, esordio anche lui nel '68, quasi ottanta titoli all'attivo. Prima di Sfida senza regole, i due più carismatici divi della loro generazione si erano trovati a lavorare nella stessa pellicola solo un paio di volte: in Il Padrino - Parte II in cui non si incrociano mai; e in Heat dove si [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

A giudicare da Sfida senza regole (in originale Righteous Kill, giusto omicidio) di Jon Avnet, i fratelli Coen hanno torto: il loro è un Paese per vecchi. O almeno lo è la città di New York, visto che tutto il film di Avnet, modesto mestierante, si regge sui poliziotti sull'orlo di una crisi di nervi di Robert DeNiro e Al Pacino (quasi 130 anni in due).

NEWS
RUBRICHE
giovedì 25 settembre 2008
Valentina Cauteruccio

Poliziotti, mummie e drammi familiari in questo week-end Un cast di tutto rispetto per l'ultimo film di Jon Avnet, il regista di Pomodori verdi fritti, The War e Qualcosa di personale, che porta sullo schermo due degli attori più quotati di Hollywood, [...]

CELEBRITIES
martedì 23 settembre 2008
Stefano Cocci

Così bravo da perdonargli qualche caduta di stile Inutile negare che ci si trova di fronte a un pezzo importante di storia del cinema, un attore che con il suo lavoro costituisce un termine di paragone impegnativo per chiunque intenda avvicinarsi alla [...]

RUBRICHE
mercoledì 10 settembre 2008
Chiara Renda

Gli attesissimi A fine settembre, quando la stagione cinematografica sarà ormai entrata in pieno regime, tanti saranno i titoli di richiamo che riempiranno le sale. A partire da Sfida senza regole, opera attesissima di Jon Avnet che è riuscito a riunire [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati