•  
  •  
Apri le opzioni

Spike Lee

Spike Lee (Shelton Jackson Lee) è un attore statunitense, regista, produttore, produttore esecutivo, scrittore, sceneggiatore, montatore, è nato il 20 marzo 1957 ad Atlanta, Georgia (USA).
Quest'anno ha ricevuto il premio come miglior regia al National Board per il film Da 5 Bloods - Come fratelli. Dal 1997 al 2021 Spike Lee ha vinto 3 premi: Festival di Berlino (1997), National Board (2021), Premio Oscar (2019). Spike Lee ha oggi 64 anni ed è del segno zodiacale Pesci.

L'integrazione razziale è "una cosa giusta"

A cura di Nicoletta Dose

Uno dei più alti esponenti del cinema afroamericano e uno dei più lucidi registi contemporanei, Spike Lee è un autore senza tempo. Provocatorio, onirico e coloratissimo, il suo cinema si riconosce per la complessità con la quale affronta il tema dell'integrazione razziale, e per un gusto estetico originale, pop e rock allo stesso tempo. Le immagini si assemblano all'improvvisazione della black music, inventando un cinema nuovo che sembra essere la risposta visiva al jazz musicale.

Primi passi al cinema
Nasce ad Atlanta alla fine degli anni Cinquanta ma cresce a Brooklyn; figlio del jazzista Bill Lee, che diventerà il musicista ufficiale di molti suoi film, e dell'insegnante Jacquelyn, Spike Lee ha tre fratelli, tutti registi e attori cinematografici. Si diploma in Comunicazioni di massa al Morehouse College di Atlanta, una scuola per soli ragazzi frequentata esclusivamente da afroamericani, poi si iscrive alla New York University Film School, dove conosce il regista Martin Scorsese; nel frattempo realizza alcuni cortometraggi (The Answer e Sarah) prima di dedicarsi alla tesi, Joe's Bed-Stay Barbershop: We Cut Heads (1983), un film originale che ottiene numerosi riconoscimenti. Nel 1986 è l'ora di Lola Darling, che Spike dirige e interpreta, la storia di una ragazza nera, bella e disinibita che mette in crisi la vita di tre amanti. Da subito il regista dimostra di avere un approccio surreale alla realtà delle cose, soprattutto nell'uso del cromatismo (Lola Darling è girato in b/n tranne un'unica scena a colori) e al gusto provocatorio nel raccontare le comunità afroamericane dalle quali proviene. La fortuna dei suoi primi lavori gli permette di fondare una propria casa di produzione indipendente, la Forty Acres and a Mule Filmworks.

L'importanza della comunità afroamericana
Con il successivo Aule turbolente (1988) si immerge nel clima scolastico di una scuola per neri, traendo spunto da Animal House di John Landis, e condendo la narrazione di ironia ed eccentricità ai limiti della follia. L'anno successivo segna un altro piccolo passo verso la consacrazione ad autore cinematografico: con Fa' la cosa giusta realizza un'opera matura, ricca di colori e di interesse sincero e pulito per le comunità afroamericane. Per questo film si fa notare anche agli Oscar (ottiene la nomination per il miglior film dell'anno) prima di imbarcarsi nel progetto successivo, meno impegnato (qui non ci sono riferimenti al tema razziale), di Mo' Better Blues (1990). La pellicola è un film sulla forza erotica del jazz, ricco di interpretazioni memorabili con attori feticcio (John Turturro, Denzel Washington e Samuel L. Jackson) e ambientazioni cariche di vita, fatte dei tipici locali notturni dove la musica è padrona di casa. È anche un omaggio al padre, musicista jazz, che lo ha accompagnato fin dagli esordi nella sua carriera cinematografica.

Malcolm X con l'amico Denzel Washington
Nel 1991 ritorna ai temi cari dell'integrazione razziale e alla denuncia contro la droga con Jungle Fever (premio a Cannes per il protagonista Samuel L. Jackson), stilemi della sua carriera che riprenderà in mano con Malcolm X (1992), la sua opera più complessa, che guarda alla vita del famoso afroamericano per costruire un manifesto dei diritti per i neri americani. Il tutto sullo sfondo di un clima pittoresco e mitizzato che però non manca di esprimere il dolore e la sofferenza dell'emarginazione razziale in modo puntuale e onesto. Nel 1994 è la volta di Crooklyn, il film più autobiografico e quindi intimista del regista (scritto con i fratelli), che racconta gli stenti e le gioie di una famiglia afroamericana nella Brooklyn degli anni Settanta. Distribuito solo in cassetta, in Italia passa un po' inosservato.

Ancora le rivolte dei ghetti neri
La location è sempre quella dei ghetti neri di Brooklyn anche in Clockers (1995), dove si intrecciano le vite di un nero innocente, un saggio poliziotto e un ragazzino alle prese con i problemi della tossicodipendenza. Monta poi su una corriera in viaggio verso Washington, la città della "Million Man March", con Bus - In viaggio (1996), per poi fermarsi un attimo con Girl 6 - Sesso in linea (1996) dove ingaggia la divertente Theresa Rande per un film delirante che riflette sulla varietà del sesso telefonico e delle conseguenze positive che può nascondere. Nel successivo He Got Game (1998) richiama l'amico Denzel Washington e lo veste da carcerato, uxoricida per caso, uno dei tanti emarginati della sua galleria di personaggi che questa volta deve convincere il figlio prodigio del basket a tentare la carriera nello sport.

Riflessioni sulla forza della risata
Con SOS Summer of Sam - Panico a New York (1999) delude le aspettative dei suoi fans con un film monocorde che non riesce a spiccare il volo. A rendere ancora più amaro il boccone, ci sono anche le polemiche della comunità italoamericana che non ha accettato la rappresentazione negativa che ne ha fatto il regista. La rivincita arriva con Bamboozled (2000), dove Spike riprende in mano la sua furia cinica per ritornare ai temi cari dell'integrazione razziale, con il racconto di uno sceneggiatore nero che mette in piedi uno show dedicato agli stereotipi sul razzismo, e inaspettatamente ottiene un successo straordinario.

La 25ª ora, il capolavoro
Se fino a questo momento il suo nome era legato indissolubilmente ai problemi della comunità nera americana, nel 2002 decide di uscire dal suo ghetto per affrontare la storia di Monty, un pusher che ha solo 24 ore per mettere a posto la sua vita, prima di finire in carcere per sette anni. Il film ha il bel titolo La 25ª ora ed è il capolavoro. Non a caso Spike lascerà passare un po' di tempo prima di tornare sugli schermi; dopo il successo di pubblico e critica de La 25ª ora, è dura rimettersi in gioco. Lo farà con un film sconnesso, Lei mi odia (2004), una macchia nella sua carriera. Riconquisterà il suo pubblico e non solo con il thriller Inside Man (2006), con Clive Owen, Jodie Foster e il ritrovato Denzel Washington.

Cortometraggi, documentari e la nuova via cinematografica
Dopo la collaborazione ai film collettivi Ten Minutes Older - The Trumpet (2002) e All The Invisible Children (2005), e alla realizzazione del documentario sui danni dell'uragano Katrina su New Orleans When The Leeves Broke: A Requiem in Four Acts (2006), ritorna al lungometraggio di fiction con Miracolo a Sant'Anna (2008). Girato in Italia con attori nostrani (Pierfrancesco Favino e Valentina Cervi tra i più famosi), la pellicola sembra essere la risposta a Clint Eastwood con il quale ha polemizzato per il film Flags of Our Fathers che, secondo Spike, non dà onore allo sforzo degli afroamericani durante la seconda guerra mondiale. Ad ogni modo, la pellicola si rivela un discreto flop. Abbandonate le polemiche, il regista torna a dirigere documentari: Passing Strange, che riprende il musical anonimo, e Kobe Doin' Work, celebrazione della carriera del cestista statunitense Kobe Bryant, sono datati 2009. Nel 2012 dirige Bad 25, documentario che celebra i 25 anni dall'uscita dell'album "Bad" di Michael Jackson. A fine 2013 esce il lungometraggio Oldboy, che rappresenta il primo remake nella storia del regista: il film è infatti un rifacimento dell'omonimo Oldboy di Chan-wook Park.
Nel 2016 presenterà a Berlino Chi-Raq, la storia di una donna di nome Lysistrata (Teyonah Parris) che protesta contro l'uso delle armi dei neri contro i neri, indicendo uno sciopero del sesso, subito dopo l'assassino di un bambino a causa di un proiettile vagante. Il titolo è la contrazione di Chicago e Iraq, perché il numero di omicidi commessi a Chicago supera attualmente il numero di soldati delle forze speciali americani uccisi in Iraq.
Nel 2018 il suo film BlacKkKlansman si aggiudica il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes.

Ultimi film

Biografico, Drammatico - (USA - 2018), 128 min.

Focus

NOW
mercoledì 25 agosto 2021
Simone Emiliani
INCONTRI
giovedì 27 settembre 2018
Claudia Catalli

Esce oggi in sala il nuovo film di Spike Lee, premiato a Cannes con il Grand Prix: BlacKkKlansman. Al centro del film, una raffinata commedia poliziesca di forte impatto sociopolitico, la storia vera del detective afroamericano sotto copertura Ron Stallworth e del suo partner ebreo Flip Zimmerman, infiltrati speciali nel Ku Klux Klan. L'ennesima e più potente riflessione per immagini firmata dal regista Spike Lee contro il razzismo (in America e non solo) vanta le interpretazioni di due fuoriclasse: John David Washington, figlio di Denzel, e Adam Driver

INCONTRI
lunedì 29 settembre 2008
Tirza Bonifazi Tognazzi

La storia, raccontata da Spike Lee Penso che se questo film colpirà l'immaginario al punto da sollevare delle discussioni sulla storia italiana e su quanto accaduto durante la Seconda Guerra Mondiale è positivo" parola di Spike Lee che con Miracolo a Sant'Anna - tratto dall'omonimo romanzo di James McBride - racconta di un gruppo di soldati afroamericani appartenenti alla 92ª Divisione della Quinta Armata impegnato a combattere i nazisti tra gli altipiani selvaggi e le floride valli della Toscana

I film più famosi

Poliziesco, (Gran Bretagna, USA - 2006), 129 min.
Biografico, Drammatico - (USA - 2018), 128 min.
Drammatico, (USA - 2008), 160 min.
Drammatico, (USA - 2002), 134 min.
Drammatico, (USA - 2013), 104 min.
Drammatico, (USA - 1992), 195 min.
Drammatico, (USA - 1989), 113 min.
Drammatico, (USA - 1998), 134 min.

News

Sfilano la giuria e il cast del film Annette di Leos Carax. Palma d'Oro a Jodie Foster consegnata da Pedro...
La prossima edizione del festival si terrà dal 6 al 17 luglio 2021.
Il regista presiederà la giuria del festival che si svolgerà dal 12 al 23 maggio.
I premi assegnati ieri confermano qualche tendenza, introducono qualche novità ma rimandano la rivoluzione.
Esce oggi al cinema il nuovo film del regista afroamericano, raffinata commedia poliziesca di forte impatto...
Ieri è stata anche la giornata del ritorno alla kermesse di Lars von Trier. Oggi Fuori Concorso Solo: A Star Wars Story...
I due artisti si sono ritrovati a Cannes per premiare i corti che illustreranno tre canzoni del duo John-Taupin. Ne è...
I premi verranno consegnati il prossimo 14 novembre.
Massimiliano Finazzer Flory incontra Spike Lee a Roma e Milano.
Polemiche per Paradies: Glaube e delirio per Zac Efron. Oggi Ciprì e The Master.
Il progetto di Spielberg e Will Smith risorge dalle sue ceneri.
Spike Lee posa lo sguardo su un gruppo di soldati afroamericani impegnato a combattere i nazisti in Italia.
Il nuovo straordinario film di Spike Lee.
Ritirato il Premio Fiesole, il regista girerà Miracle at St.Anna.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati