•  
  •  
Apri le opzioni

Javier Bardem

Javier Bardem (Javier Encinas Bardem) è un attore spagnolo, produttore, è nato il 1 marzo 1969 a Las Palmas de Gran Canaria (Spagna). Al cinema il 27 ottobre 2022 con il film Il Talento di Mr. Crocodile.
Quest'anno ha ricevuto il premio come miglior attore al Goya per il film Il capo perfetto. Dal 2000 al 2022 Javier Bardem ha vinto 8 premi: Critics Choice Award (2009), Festival di Cannes (2010), Festival di Venezia (2000, 2004), Golden Globes (2008), Goya (2022), Premio Oscar (2008), SAG Awards (2008). Javier Bardem ha oggi 53 anni ed è del segno zodiacale Pesci.

Il primo attore spagnolo candidato all'Oscar

A cura di Fabio Secchi Frau

Dopo tanta fatica ce l'ha fatta. Proviene da una delle famiglie più cinematografiche della penisola iberica: i Bardem. Non era pronto a sbaragliare la concorrenza, ma era semplicemente pronto a fare quello per cui era nato e destinato da un cognome piuttosto ingombrante. Eppure è andato più lontano di chiunque altro e noi siamo fieri di lui, anche se non fa parte della nostra nazione. Ma è come se lo fosse. Un look ancora più mediterraneo di quello di Antonio Banderas - che in una qualche maniera gli ha aperto lo strada -, un misto di vecchio e nuovo sulla sua pelle, un'irresistibile voglia di essere come un toro nell'arena e ammazzare una volta per tutte il torero e poi una grande potenza sessuale in grado di risvegliare tempeste ormonali di gentili e generose signore, scatenano ovvi duelli con i rivali. In una parola, Javier Bardem è sorprendente, siderale e affascinante. Si muove di fronte alla macchina da presa come un idolo di culto, facendo breccia nell'immaginario degli spettatori in una maniera così dirompente da far slittare leggermente il cuore dalla parte destra. Come ha fatto a diventare il primo attore spagnolo nominato agli Oscar? Non in pompa magna. Gli è bastato infilare degli slip neri, sdraiarsi sulla sabbia accanto ad Andrea Di Stefano e ridere. Da quel momento in poi, si sono tutti innamorati di lui, uomini e donne.
Javier Bardem ha la capacità molto rara di rapire dal di dentro il proprio personaggio con l'intento di sviscerarlo come e meglio può, attraverso un'introspezione profondissima. Si introduce dentro il suo ruolo come se questo fosse una sua seconda pelle e risulta essere fantastico sotto ogni punto di vista, che sia di fronte a una pellicola comica e allegra o a una più dolorosa e drammatica. Verve e qualche strizzata d'occhio a un pubblico che non è solamente femminile - non dimentichiamo i fedelissimi che lo hanno seguito fin dagli esordi - e boom, il gioco è fatto. E ogni volta che stringe nelle mani un premio, in quelle circostanze da "semplice" umano diventa un vero e proprio supereroe per i nostri occhi, un uomo dotato di abilità straordinarie. Fattezze da vero e proprio toro che sa amplificare la carica drammatica di una parte in maniera ottimale.

Le origini e gli esordi
Il giovane Bardem proviene da una famiglia d'arte: suo nonno era infatti l'attore Rafael Bardem, lui stesso è il nipote del regista Juan Antonio Bardem e sua madre è la nota attrice spagnola Pilar Bardem. All'appello non mancano neanche i fratelli, anche loro impegnati nel campo della recitazione: Carlos e Monica Bardem. Ultimogenito e più giovane membro di questa nota famiglia di attori, muove i suoi primi passi respirando l'aria del cinema iberico, seguendo la madre - a due anni dalla sua nascita i suoi genitori si separano - nelle sue numerose apparizioni filmiche e televisive.
Trasferitosi a Madrid, fa il suo debutto a soli 4 anni, nella serie televisiva El Pícaro (1974) di Fernando Fernán Gómez, proprio accanto alla donna ed è sempre accanto a lei che esordisce cinematograficamente, ormai adulto ne Il poderoso influjo de la luna (1980) di Antonio del Real. Nel mezzo, un adolescente Bardem si allena con il rugby, entrando a far parte della nazionale spagnola e lo studio di belle arti alla Escuela de Artes y Officios, dove sogna di diventare pittore (anche se lavora come operaio e come stripper per pagarsi gli studi).

Tra Bigas Luna e Pedro Almodòvar
Abbandonata la scuola, a cambiargli la vita arriva il regista Juan José Bigas Luna che totalmente ammaliato dalla mascolinità taurina di Bardem lo impone come interprete principale di molte delle sue pellicole erotico alimentari, fra le quali spicca Prosciutto, prosciutto (1992) con Stefania Sandrelli. Notato da Pedro Almodóvar, il niño terribile de La Mancha, lo impone in Tacchi a spillo (1991) e poi in Carne tremula (1997).
Man mano che la sua filmografia prosegue, Bardem raccoglie consensi e premi, tanto per cominciare i due Goya vinti come miglio attore non protagonista per Días contados (1994) e come miglior attore protagonista per Boca a boca (1995). Dall'esaltante incontro con il regista Mario Barroso arriva al toccante Prima che sia notte (2000) dove interpreta un gay cubano fra contadini che assomigliano a Sean Penn e travestiti e militari che hanno l'aria di Johnny Depp. E la critica e il pubblico non rimarranno indifferenti di fronte alla sua performance: in primis, Javier Bardem stringe per le mani la Coppa Volpi al Festival di Venezia come miglior attore, poi si gode una candidatura ai Golden Globe nella stessa categoria e per chiudere in bellezza una nomination agli Oscar che lo porterà a essere il primo interprete spagnolo a essere nominato dall'Academy in quella categoria.

Il richiamo di Hollywood
Hollywood gli punta gli occhi addosso: John Malkovich lo convince a essere protagonista del suo esordio alla regia con Danza di sangue (2002), mentre recita con Tom Cruise in Collateral (2004). Ma forse la soddisfazione più grande ce l'ha nello stringere un nuovo Goya grazie alla pellicola I lunedì al sole (2002). Ma quando sembra che Bardem abbia veramente avuto tutto, sbagliamo: Alejandro Amenábar gli chiede di essere protagonista del suo nuovo film Mare dentro (2004), lui accetta e fa il miracolo. Il sex symbol spagnolo si piega per un tema delicato e fragile come quello dell'eutanasia, trasformandosi in Ramón, giovane uomo che per un tuffo in mare mal calcolato è costretto a stare per 28 lunghissimi anni in un letto come tetraplegico. È incredibile come Bardem riesca a disegnare con così profonda umanità la fame dietro le quattro mura, la vita in un letto che è una tomba e una vita che non è più una vita. È semplicemente sublime, per cui meritevole di una nuova Coppa Volpi, di un nuovo Goya, di un'altra candidatura al Golden Globe e di un European Film Award come miglior attore dell'anno.
Ormai considerato un attore storico, diventa membro della giuria del Festival di Cannes nel 2005, poi si fa dirigere da autori di serie A come Milos Forman in L'ultimo inquisitore (2006), Emir Kusturica in Promise Me This (2007), i fratelli Ethan e Joel Coen con Non è un paese per vecchi (2007) e Woody Allen per Vicky Cristina Barcelona (2008), rubando persino il ruolo di Fiorentino Ariza a Johnny Depp per L'amore ai tempi del colera (2007). Lo troviamo poi in Mangia prega ama (2009) di Ryan Murphy con Julia Roberts e protagonista in Biutiful (2011) del talentuoso regista portoghese Alejandro Gonzales Inarritu. Viene poi diretto da Malick in To the Wonder, in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, e da Sam Mendes in Skyfall; è poi attesissimo il The Counselor di Ridley Scott che lo vede al fianco di un cast stellare (Brad Pitt e Michael Fassbender tra gli altri). Lavorerà nel film di Pierre Morel The Gunman accanto a Sean Penn, che ritroverà poi per The Last Face, in cui recita accanto a Charlize Theron diretto da Penn. Nel 2017 sarà invece il cattivo Capitano Salazar in Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar, ma anche Pablo Escobar in Loving Pablo di Fernando Leon de Aranoa. Lo stesso anno lo dirige Aronofsky nell'inquietante thriller Madre!. Tra le più recenti interpretazioni segnaliamo Escobar - Il fascino del male (2017), Tutti lo sanno (2018), Il capo perfetto (2021) e Being the Ricardos, film per cui è candidato al premio Oscar come miglior attore protagonista.

Vita privata e curiosità
A proposito di amore, Javier Bardem prima è superconvivente con la fidanzata Christina per più di sei anni, poi la lascia per una più spumeggiante Penelope Cruz, anche lei nuova stella spagnola di Hollywood. I due si sposeranno in gran segreto alle Bahamas e avranno due figli, Leo e Luna.
Ci sarebbe da inseguirlo in una corsa mozzafiato, ma non servirebbe. Javier Bardem è un'entità semplicemente superiore che si ciba di applausi e di settima arte, vive in una galassia che si è costruito da solo, anni luce lontano dai comuni attori, e che, ogni tanto, interrompe brutalmente il suo riposo per presentarci qualche altro nuovo amico che ha avuto una sferzata decisa alla sua vita e che ha dovuto fare i conti con l'ambiente circostante, se stesso e il futuro. È uno degli attori più potenti a livello qualitativo e al pari di qualsiasi Dio, è terribile, ma anche tenero. Speriamo che l'appeal di questo grande interprete stuzzichi ancora le fantasie dei grandi, perché il cinema ha necessità di attori affascinanti come lui: fisicamente prestanti, agili e abili, disporsi a fare duri ed estenuanti sacrifici per noi.

Prossimi film

Ultimi film

Commedia, (Spagna - 2021), 115 min.
Drammatico, (Spagna, Francia - 2018), 130 min.

Focus

INCONTRI
martedì 30 ottobre 2018
Paola Casella

In Tutti lo sanno è Paco, proprietario di una vigna in un paese spagnolo dominato dalla famiglia della ex. La trama del film è complessa e stratificata come tutte quelle scritte e dirette dal regista e sceneggiatore iraniano Asghar Farhadi, e Javier Bardem si è prestato volentieri a interpretare il suo personaggio dalle mille facce. "La complessità non mi spaventa. Farhadi scrive personaggi ricchissimi che per un attore sono la manna dal cielo

APPROFONDIMENTI
lunedì 31 gennaio 2011
Tirza Bonifazi Tognazzi

Tutto ebbe inizio in Messico, per le strade del Distrito Federal dove si incrociavano le storie dei sei personaggi di Amores Perros. Poi fu la volta di New Mexico, appena oltre la frontiera, con i tre personaggi di 21 grammi e il loro passato, presente e futuro. Infine con Babel Alejandro González Iñárritu fa il giro del mondo per raccontare con la stessa struttura a incastri di sempre storie multiple intrecciate dal fato

INCONTRI
venerdì 17 settembre 2010
Edoardo Becattini

Corpo e spirito Dimenticate le quarantenni tutte edonismo e gioia di vivere di Sex & The City. Alle nuove scrittrici newyorkesi di successo non bastano le avventure con giovani attori off Broadway e una sessione di chiacchiere a colazione per superare una crisi esistenziale. La nuova terapia prevede invece un viaggio intorno al mondo alla riscoperta di se stessi e del piacere legato ai bisogni primari del corpo, dello spirito e del cuore

CELEBRITIES
giovedì 23 ottobre 2008
Stefano Cocci

Scoperto da Bigas Luna A capirne il talento è stato per primo Bigas Luna che prese un giovane attore proveniente da una famiglia di cineasti e lo "usò" nei suoi film "erotico - culinari". Così Javier Bardem compare in Prosciutto Prosciutto e da allora in altri film del regista spagnolo che posero subito l'attenzione sul prestante e caliente attore. Ci è voluto Almodovar per cavar fuori il talento da Bardem e da allora (Tacchi a Spillo è del 1991 e Carne Tremula del 1997) lo spagnolo non si è più fermato

NEWS
mercoledì 19 dicembre 2007
Claudia Resta

Il film Florentino (Javier Bardem) scopre la passione della sua vita quando vede Fermina (Giovanna Mezzogiorno) per la prima volta. I due s'innamorano a ritmo di lettere appassionate, ma lei è costretta dal padre a sposare il ricco Juvenal (Benjamin Bratt), che la porta con sé a Parigi per alcuni anni. Tornata a Cartagena, lei ha quasi dimenticato il suo primo amore, ma Florentino non l'ha mai scordata

News

Fernando León de Aranoa alla regia di un film che racconta il mondo del lavoro, visto dalla parte di colui che...
Icona virile al suo debutto, l'artista ha piegato quell’immagine per diventare una star coi piedi per...
20 nomination per il film campione d'incassi di Fernando Leon De Aranoa con Javier Bardem. Dal 23 dicembre al...
Regia di Fernando León de Aranoa. Un film con Javier Bardem, Manolo Solo, Almudena Amor, Óscar de la...
L'attore è Paco in Tutti lo sanno, nuova opera dell'autore iraniano al cinema da giovedì 8 novembre.
Ammore e malavita fa cantare e ballare il Lido. Oggi è il giorno di Brutti e cattivi (Orizzonti). In Concorso Vivian Qu...
Darren Aronofsky spacca la critica con il suo Madre!. Oggi in concorso Ammore e malavita dei Manetti Bros. La Sala Web su...
Chi ha preso il comando dei mari? Dal 24 maggio il ritorno al cinema di Jack Sparrow.
Oggi Robert Pattinson e Christina Ricci per Bel Ami.
Un dramma lucido, partecipe e sentito nella Barcellona degli emarginati.
Con Biutiful Iñárritu torna alla lingua spagnola per raccontare la storia di un padre.
Javier Bardem al 54. BFI London Film Festival.
Julia Roberts e Javier Bardem tornano nella capitale del "mangia".
L'autore dovrebbe completare il progetto per fine anno.
Trailer internazionale in italiano e nuove foto.
Palma d'Oro al film di Weerasethakul.
Accanto a Bardem e Inarritu le dive Watts, Campbell e la mitica Ursula Andress.
Vicky Cristina Barcelona conferma lo status di sex symbol dell'attore spagnolo.
Da Bigas Luna a Woody Allen, passando per i fratelli Coen.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati