•  
  •  
Apri le opzioni

Fabrizio Bentivoglio

Fabrizio Bentivoglio. Data di nascita 4 gennaio 1957 a Milano (Italia).
Quest'anno ha ricevuto il premio come miglior attore non protagonista al David di Donatello per il film L'incredibile storia dell'Isola delle Rose. Dal 1993 al 2021 Fabrizio Bentivoglio ha vinto 5 premi: David di Donatello (2021), Festival di Venezia (1993, 1996), Nastri d'Argento (2014). Fabrizio Bentivoglio ha oggi 64 anni ed è del segno zodiacale Capricorno.

Uno dei più grandi attori italiani viventi

A cura di Fabio Secchi Frau

Fabrizio Bentivoglio è uno dei più grandi attori italiani viventi con una felice carriera sulle spalle e che si distingue con grande fermento in quel mare che è il cinema italiano, sospeso fra ambiziosi progetti televisivi e ottimi risultati sul grande schermo.

L'infortunio da calciatore
Fabrizio Bentivoglio nasce a Milano, il 4 gennaio 1957. Di padre dentista e madre casalinga, è figlio unico e frequenta, diplomandosi il liceo scientifico Leonardo Da Vinci, coltivando le passioni per il calcio e la musica. Il calcio, in particolare, lo porterà a giocare per una sola stagione, quella del 1970-1971, nella squadra giovanile dell'Inter. Disgraziatamente però, la sua esperienza calcistica si ferma a causa di un brutto infortunio al ginocchio sinistro. Dopo il diploma, appassionato di recitazione, si iscrive alla scuola del Piccolo Teatro di Milano, dove debutta con il "Timone d'Atene" di William Shakespare. Ed è proprio per l'amore, profondo e ricambiato per la recitazione che Bentivoglio abbandona gli studi in medicina, tanto a cuore ai genitori, per trasferirsi a Roma, dove comincia la sua carriera cinematografica. Il debutto sul grande schermo arriva nel film di Alfredo Giannetti Il bandito dagli occhi azzurri (1980) con Franco Nero e Dalila Di Lazzaro. Il suo ruolo è quello di Riccardo, ha i lunghi capelli raccolti in una coda e già uno sguardo obliquo. E bisogna dire che questo giovanotto buca lo schermo da subito e infatti passa il provino per La storia vera della signora delle camelie (1981) di Mauro Bolognini. Seguiranno poi Morte in Vaticano (1982) con Terence Stamp; Regina (1987) di Salvatore Piscicelli e Rebus (1989) con Charlotte Rampling.

L'incontro con Gabriele Salvatores
Stimato da Gabriele Salvatores, ha con questo regista un lungo sodalizio artistico che parte dall'avventuroso Marrakech Express (1989) e continua passando per Turné (1990) alla quale ha collaborato con la sceneggiatura, Denti (2000) e Happy Family (2010). Di fatto Bentivoglio diventa uno degli attori prediletti del regista premio Oscar, al pari di Diego Abatantuono.

La Coppa Volpi per Un'anima divisa in due
Stessa cosa avviene con Silvio Soldini che lo innalza ad attore protagonista di film come L'aria serena dell'Ovest (1990), Un'anima divisa in due (1993) e Le acrobate (1997), ed è proprio grazie al secondo film che ottiene la Coppa Volpi come miglior attore al Festival di Venezia.

Altri film
Da non dimenticare anche il fulgido ruolo di Ottone, nella trasposizione cinematografica del romanzo di Goethe Le affinità elettive (1996), firmato dai fratelli Paolo e Vittorio Taviani, seguito da Livers Ain't Cheap (1996) con Rod Steiger, Marianna Ucrìa (1997) di Roberto Faenza con Philippe Noiret, L'eternità e un giorno (1998) di Théo Angelopulos, La balia (1999) di Marco Bellocchio e i tanti film con Carlo Mazzacurati: La lingua del santo (2000), A cavallo della tigre (2002) e La giusta distanza (2007). Ai quali si aggiungono, nell'ultimo periodo: Hotel (2001) con John Malkovich, Ricordati di me (2003) di Gabriele Muccino, all'interno del quale diventa padre invisibile di Nicoletta Romanoff e Silvio Muccino, marito infelice di Laura Morante e amante passionale di Monica Bellucci con Una sconfinata giovinezza (2010) di Pupi Avati e tanti altri film di Michele Placido e Sergio Rubini, in veste di registi. Seguono poi Figli delle stelle sempre nel 2010 e, l'anno successivo, Scialla! di Francesco Bruni e più tardi il film di Virzì Il capitale umano. Nel 2014 lo troviamo nel cast de Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores e l'anno successivo è nel cast di Dobbiamo parlare di Sergio Rubini. Nel 2018 è tra i protagonisti di Sconnessi, una commedia diretta da Christian Marazziti e di Il testimone invisibile, film thriller di Stefano Mordini. Fa inoltre parte del cast del film di Paolo Sorrentino, Loro, uscito al cinema in due parti.

I premi
Nominato ai David di Donatello come attore protagonista per Ricordati di me (2003) e La terra (2006), vince due statuette: una nel 1996 per Testimone a rischio e una nel 1998 per Del perduto amore. Si conquista anche due candidature per il miglior cortometraggio con Tipota (1999) e una come miglior regista per il lungometraggio d'esordio Lascia perdere, Johnny! (2007) con Ernesto Mahieux, Lina Sastri, Valeria Golino, Toni e Peppe Servillo, Roberto De Francesco e Flavio Bonacci. Plurinominato anche ai Nastri D'Argento (L'amore ritorna, Ricordati di me e La lingua del santo), non ne vince neanche uno.

I lavori in tv
Da sottolineare anche i suoi impegni televisivi. Non molti a dire la verità, ma interessanti: la fiction Il corsaro (1985) con Franco Giraldi, un episodio di Caccia al ladro d'autore (1986) e la fiction SKY Nel nome del male (2009), nel ruolo di un padre di famiglia alle prese con una setta satanica. È la prima volta che recita in un genere horror e ne esce vittorioso. Nel 2018 è protagonista del film Tv Il flauto magico di Piazza Vittorio e fa parte del cast di Il commissario Montalbano - La giostra degli scambi. Nel 2019 interpreta insieme ad Alessandro Gassmann la commedia di Simone Godano Croce e delizia, mentre nel 2020 è nel cast del film di Sydney Sibilia L'incredibile storia dell'isola delle Rose, grazie al quale vince un David di Donatello come miglior attore non protagonista.

La casa di produzione
Per quanto riguarda, la sezione cortometraggi, dopo essere stato attore per Gillo Pontecorvo in Danza della fata confetto (1996), in associazione con Studio Universal e Dario De Luca fonda la Tipota Movie Company che dal 1999 produce un buon numero di corti, fra cui Il bambino con la pistola di Federico Cagnoni e Monica Zapelli e il giù citato Tipota (1999) con Valeria Golino e Peppe Servillo, da lui diretti.

Relazioni amorose
Ed è proprio la Golino a essere stata la compagna di una vita (dal 1993 al 2001), salvo poi diventare marito di Silvia Pippia, che gli darà tre figli.

La carriera nella musica
Come abbiamo precedentemente detto, la passione per la musica è nata in Fabrizio Bentivoglio quando era adolescente e non l'ha mai abbandonato, infatti con la Piccola Orchestra Avion Travel realizza nel 1999 lo spettacolo "La guerra vista dalla luna" e realizza persino l'album "Sottotraccia" nel quale presenta i suoi brani come chitarrista e cantante. Per di più, la colonna sonora del film L'eternità e un giorno contiene il brano "The Poet", cantato per l'appunto da Bentivoglio.

Ultimi film

Commedia, (Italia - 2019), 100 min.
Biografico, (Italia - 2018), 104 min.
Biografico, (Italia - 2018), 100 min.
Commedia, (Italia - 2018), 90 min.

Focus

FOCUS
venerdì 13 novembre 2015
Marzia Gandolfi

Dobbiamo parlare gravita intorno a un misfatto, un adulterio che in un crescendo di scontri, confronti e alleanze sfocia in un conflitto allargato e consuma il disastro sotto la vernice della buona educazione. L'evento scatenante è incarnato dal cardiochirurgo di Fabrizio Bentivoglio, che sfida la sua naturale inerzia e forza la sua voce 'confidenziale' nei panni di un personaggio sbilanciato, tronfio e scomposto

INCONTRI
martedì 2 agosto 2011
Marianna Cappi

Diceva Calvino che “la fantasia è come la marmellata: bisogna che sia spalmata su una solida fetta di pane”. Ebbene, della solidità di quel pane rispetto alla fantasia di alcuni bravi registi italiani, ma anche del buon gusto della marmellata, si è occupato spesso Francesco Bruni, sceneggiatore di tutti i film di Paolo Virzì, delle commedie di Ficarra e Picone, degli esordi di Mimmo Calopresti, della fortunatissima vita sul piccolo schermo del Commissario Montalbano, e altro ancora

TELEVISIONE
giovedì 28 maggio 2009
Gabriele Niola

Archetipi Se Romanzo criminale ha cambiato la serialità italiana ora intendiamo fare la stessa cosa con le mini serie", punta in alto Sky e raddoppia la posta sul piatto. Dopo i successi della passata stagione le altre serie in arrivo nella prossima saranno annunciate il 2 e il 3 Giugno su Sky cinema dalle due puntate di Nel nome del male, "un film vero e proprio tagliato in due parti così come si taglia un filone di pane" ha detto il regista Alex Infascelli

INCONTRI
venerdì 30 novembre 2007
Claudia Resta

Il film Caserta, 1976. Faustino Ciaramella (Antimo Merolillo) ha diciotto anni e se non trova un lavoro alla fine dell'anno dovrà partire per il servizio militare. Per ora suona la chitarra nell'orchestra locale, ma il destino gli fa incontrare l'impresario Raffaele Niro (Ernesto Mahieux), che ha in serbo per lui la possibilità di lavorare, in estate, con il maestro Riverberi (Fabrizio Bentivoglio), che è già al lavoro con Gerry Como (Peppe Servillo) nella "Piccola Orchestra di Augusto Riverberi"

INCONTRI
venerdì 19 ottobre 2007
Tirza Bonifazi Tognazzi

Il film Hassan è un tunisino che vive in Italia e che dopo tanti anni di duro e onesto lavoro ha aperto un'officina dove fa il meccanico. Mara è una giovane maestra supplente che si è trasferita nello sperduto paesino veneto in attesa di partire per il Brasile con un progetto di cooperazione. La storia che nasce tra Hassan e Mara non comincia bene. L'uomo inizialmente la spia, viene scoperto, rifiutato e solamente dopo il chiarimento viene accettato dalla ragazza

I film più famosi

Biografico, (Italia - 2018), 104 min.
Thriller, (Italia - 2014), 109 min.
Drammatico, (Italia - 2005), 110 min.
Commedia, (Italia - 2010), 90 min.
Drammatico, (Italia - 2007), 106 min.
Biografico, (Italia - 2018), 100 min.
Commedia, (Italia - 2019), 100 min.
Drammatico, (Italia - 2003), 120 min.

News

Incluso nell'abbonamento TIMVISION per tutto il mese d'agosto, una commedia che tratta con brio e originalità gli...
Dopo l'esordio con Moglie e Marito, Simone Godano torna a raccontare un altro (futuro) matrimonio. Con Fabrizio...
Eclettismo e liberazione di puri stimoli sonori-visuali: Sorrentino si conferma il più eclatante esponente di un cinema...
Fabrizio Bentivoglio in Dobbiamo parlare è un prof che non riesce a curare le aritmie di moglie e figliastra. Dal 19...
I protagonisti del nuovo film di Paolo Virzì: Dino e Serena Ossola.
Nove nomination per entrambi i film. Nastro dell'anno ai Taviani.
Le foto della commedia generazionale con Bentivoglio e Scicchitano.
Da Bruni a De Serio, i registi italiani si dicono curiosi e soddisfatti.
La giuria premia la commedia d'esordio di Francesco Bruni.
Francesco Bruni, l'esordio da regista con Scialla!
Presentato oggi a Roma l'ultimo film di Pupi Avati.
Bentivoglio carezza il pubblico, coccolando il suo film e i mille ruoli.
Il film di Carlo Mazzacurati che riflette sulla giusta distanza da tenere tra le persone.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati