The Greatest Showman

Film 2017 | Musical Film per tutti 110 min.

Titolo originaleThe Greatest Showman
Anno2017
GenereMusical
ProduzioneUSA
Durata110 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diMichael Gracey
AttoriHugh Jackman, Michelle Williams, Zac Efron, Rebecca Ferguson, Zendaya, Keala Settle Yahya Abdul-Mateen II, Paul Sparks, Diahann Carroll, Fredric Lehne, Natasha Liu Bordizzo.
Uscitalunedì 25 dicembre 2017
TagDa vedere 2017
Distribuzione20th Century Fox
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,57 su 41 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Michael Gracey. Un film Da vedere 2017 con Hugh Jackman, Michelle Williams, Zac Efron, Rebecca Ferguson, Zendaya, Keala Settle. Cast completo Titolo originale: The Greatest Showman. Genere Musical - USA, 2017, durata 110 minuti. Uscita cinema lunedì 25 dicembre 2017 distribuito da 20th Century Fox. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,57 su 41 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Greatest Showman tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un uomo di spettacolo famoso si lascia sedurre dalla voce e dall'anima di una cantante chiamata Usignolo svedese. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 2 candidature e vinto un premio ai Golden Globes. In Italia al Box Office The Greatest Showman ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 2,9 milioni di euro e 2 milioni di euro nel primo weekend.

The Greatest Showman è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,57/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,33
PUBBLICO 3,87
CONSIGLIATO SÌ
Spettacolo, frenetico ed eccessivo come un tripudio circense, potentemente ritmato e magnificamente orchestrato.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 20 dicembre 2017
Recensione di Paola Casella
mercoledì 20 dicembre 2017

Inizio Ottocento. Phineas Taylor Barnum è il figlio di un sarto che muore catapultando il bambino nel buio di un'infanzia dickensiana. Ma P.T. crede nel sogno americano di inventarsi un'identità nobile ritagliata dalla stoffa dei sogni, e il suo amore di gioventù, la dolce Charity, abbandona i privilegi della propria casta bramina per seguire le visioni di quello che diventerà suo marito e il padre delle loro due figlie. Per Barnum, convinto che ogni progetto debba essere realizzato "cinque volte più grande, e dappertutto", nulla è abbastanza: non il Museo delle stranezze che edifica nel centro di Manhattan per lo sgomento (e la curiosità morbosa) dei newyorkesi, non il circo che porta il suo nome in cui si esibiscono la donna barbuta e il gigante irlandese, il nano Tom Thumb e i gemeli siamesi. Perché quando P.T. Barnum "sta arrivando", lo fa come un ciclone inarrestabile che travolge ogni cosa al suo passaggio: steccati e ipocrisie, ma anche legami e sentimenti.

The Greatest Showman sceglie di interpretare il personaggio di Barnum scansando le sue controverse sfaccettature reali - impresario, businessman, editore, politico, filantropo - e concentrandosi sull'impeto dominante della sua vocazione di entertainer.

P.T. diventa così il simbolo dell'urgenza vitale e del diritto inalienabile di calcare il palcoscenico e fare spettacolo, anche mescolando arte popolare e arte nobile. Sotto questo profilo non c'è scena più efficace nel film della danza fra una trapezista di colore e il partner d'affari di Barnum, il rampollo dell'alta borghesia newyorkese Philip Carlyle, che raffigura il rapporto fra strati sociali (e fra cultura "alta" e "bassa") come un movimento interdipendente di elevazione e di discesa (con tanto di cadute rovinose) sviluppato lungo un asse verticale, ma anche lungo una tariettoria ellittica che avvicina e allontana i personaggi con ciclica regolarità. Lo sviluppo ellittico (anche a livello di sceneggiatura) attraversa tutta la narrazione filmica, rendendo quella di Barnum (non a caso l'inventore del circo a tre piste, fatto di cerchi occasionalmente intersecabili) una cosmologia i cui i pianeti orbitano l'uno in relazione all'altro (alcuni convinti di essere il centro del proprio universo), seguendo una linea obliqua che li accosta e poi bruscamente li separa, e facendo del momento in cui maggiormente si accostano (un bacio, il tocco di una mano) lo stesso che li scaglia il più lontano possibile gli uni dagli altri.

La storia di P.T. Barnum narra anche la sua ricerca ottusa e senza fine dell'approvazione sociale e artistica, determinata dall'incapacità di prescindere dal giudizio degli altri. E Gracey sceglie il cast perfetto per raccontare in questa chiave i due protagonisti maschili: Hugh Jackman, maestro nell'arte di recitar cantando (come già dimostrato ne I miserabili) e dotato di grande carisma naturale nei panni dell'irresistibile Barnum, e Zac Efron, segretamente malinconico e afflitto dalla paura che il suo successo sia un risultato di miscasting, nei panni di Carlyle, nato nel privilegio ma incapace di trovare il proprio posto nel mondo.

Michael Gracey, regista di The Greatest Showman, è lui stesso un po' Barnum: self made man australiano come la star del suo lungometraggio d'esordio, giovane e ambizioso, intento a lasciare il segno nel cinema hollywoodiano come nel musical anglosassone (con ben presente il conterraneo Baz Luhrman), patendo da un solido background come regista pubblicitario e realizzatore di effetti speciali - cioè mago. Gracey ha preso una sceneggiatura firmata da un peso piuma come Jenny Bricks e l'ha fatta riscrivere da un peso massimo come Bill Condon, autore di adattamenti cinematografici di musical di enorme successo (Chicago, Dreamgirls, La bella e la bestia) ma anche di un geniale piccolo film sul cinema, Demoni e dei, premio Oscar alla sceneggiatura.

Le canzoni di The Greatest Showman sono scritte dal duo di trentaduenni Pasek & Paul (Oscar per City of Stars di La La Land) e composte da Johnn Debney (Oscar nomination per la colonna sonora de La passione di Cristo).
Ma resta evidente che le intuizioni visive di Gracey superano di gran lunga le indicazioni dei brani musicali che virano spesso, per testo e melodia, verso sensibilità melodrammatiche alla Glee.
The Greatest Showman è spettacolo, frenetico ed eccessivo come un tripudio circense, potentemente ritmato e magnificamente orchestrato, mistificatore come deve essere ogni show (e come è il cinema, dai tempi della lanterna magica), ma soprattutto accessibile ad ognuno di noi. Perché questo Barnum legittima soprattutto l'aspirazione di ognuno di noi ad entrare in scena, che sia da prima ballerina, o da alberello della scenografia.

Sei d'accordo con Paola Casella?
L'amore tra uno showman e una cantante: una grande agiografia, la celebrazione dell'amore spasmodico.
Overview di Gabriele Niola

È dal 2001, da Moulin rouge!, che un grande studio cinematografico americano non porta al cinema un musical originale. Chicago, Dreamgirls, High School Musical e via dicendo erano tutti adattamenti.
La produzione di una nuova impresa con al centro Hugh Jackman Ora invece non senza una certa fatica è ufficialmente partita la produzione di una nuova impresa con al centro Hugh Jackman, il cui talento nel ballo e nel canto è stato rivelato a tutti da Les miserables.

Il titolo (al momento) da solo spiega il punto del film: The greatest showman on Earth. È la storia di P.T. Barnum, politico, uomo di spettacolo e imprenditore americano, famoso più che altro per il suo circo e per essere stato un grandissimo imbonitore e creatore di mitologie. Che poi è un bel modo per dire "falsità". Non una gran fama ma di certo la sua impresa e il suo nome sono riusciti a diventare sinonimo di circo per decenni.

Nonostante non esistano ancora scene pronte da mostrare il backstage, le immagini delle prove, i costumi e gli storyboard promettono un film in grandissimo stile per un film che punta a celebrare lo spettacolo e il primo grande intrattenitore per famiglie d'America, creando a sua volta uno spettacolo gigantesco. La storia sarà tratta dalle vere peripezie di Barnum e, come accade sempre di più per i film biografici, invece che raccontare tutta la sua vita si concentrerà su un momento preciso, quando cioè decise di creare il suo famoso circo a tre piste e si innamorò dell'usignolo svedese, ovvero la cantante d'opera Jenny Lind, per la cui parte è stata scelta Michelle Williams. L'odore è quello della grande agiografia, della celebrazione dell'amore spasmodico e della passione per il grande spettacolo.

THE GREATEST SHOWMAN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 9 giugno 2018
samanta

Il film ha come oggetto la vita di Taylor Barnum, da ragazzino povero e modesto impiegato che stenta a mantenere la famiglia  fino alla fondazione del circo e l'ingresso del socio Carlyle. La storia è estremamente romanzata e certo non può considerarsi un biopic, ma un musical che ha come pretesto la realizzazione del Museo Americano che presentava persone abnormi (giganti, la [...] Vai alla recensione »

martedì 26 dicembre 2017
Jey

Visto ieri sera, lo aspettavo con ansia già da due settimane, mi sono innamorata di questo film già dal trailer, e con estremo piacere, si è confermato minuto per minuto tutto quello che mi aspettavo e forse anche di più.. mi aspettavo qualche pecca, qualche esasperazione di musiche, colori o drammaticità, ma si tratta di un circo in fondo e il regista è riuscito ad emozionare in ogni singola inquadratura, [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
Alex2044

Un tempo , quando ero bambino , all'arrivo del Carnevale si andavano a vedere i "baracconi" , con il loro contorno  di giostre e spettacoli , a detta degli imbonitori , sorprendenti che più non si può . E' stata perciò una piccola festa , rientrare in quell'ambiente , andando a vedere questo film che racconta la storia di chi ha praticamente inventato [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 settembre 2018
Fabio

Dopo La la land non mi aspettavo di vedere un'altro bel musical; invece ecco qui: la straordinaria macchina di Hollywood dimostra di saper realizzare un bel lavoro da un progetto che ha le sue belle complessità. Non deve essere certo una passeggiata raccontare, per lo più con il registro del musical, la vita di un personaggio controverso come Barnum.

venerdì 29 dicembre 2017
no_data

Più che la storia, a travolgere è la colonna sonora che con il suo ritmo accompagna l’intero film: ballate alternate a ritmi scatenati, un po’ come l’animo dello spettacolo circense che rappresenta, a volte nostalgico, a volte frenetico. Non è il “Moulin Rouge” di Luhrmann che, con un copione da fiaba classica e consolidata, con una Nicole Kidman [...] Vai alla recensione »

domenica 31 dicembre 2017
Luca_CineManiac

Lasciando la lettura della breve trama a Wikipedia, andiamo dritti al punto.Il film, uscito un anno dopo La La Land, è l'ennesimo musical Hollywoodiano sinonimo di grande spettacolo ed enorme qualità, il che garantisce un altro punto positivo per il genere Musical.Le musiche inebriano nella loro maestosità, ritmo e, spesso, malinconia legata alle parole usate per sottolineare il tono di ogni scena.Dagli [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 dicembre 2017
udiego

 P.T. Barnum, ragazzo dalle umili origini, resta orfano in giovane età. Ma nonostante le avversità non si perde d'animo e continua a credere nel sogno americano. Saranno i suoi sogni, le sue speranze e le sue ambizioni a condurre la sua vita in un continuo sali e scendi, come in ogni show che si rispetti, tra gloria e delusioni.

mercoledì 27 dicembre 2017
FreeRider

Non serviva la risposta mainstream a Lalaland per farci rimpiangere l'indimenticabile film di Chazelle, non serviva ma è arrivata puntualmente con The greatest showman proprio il 25 dicembre ed ecco a noi una favolona musicata fintissima e chiassosa, progettata per chi è in vena di amenità natalizie. Abbandonata con le primissime scene ogni aspettativa di carattere storico-filo [...] Vai alla recensione »

domenica 31 dicembre 2017
Kleber

 Decisamente sopravvalutato e sovrastellato. Durante i 110 min. di proiezione il pubblico affluito in sala con l’onesta aspettativa di intrattenimento festivo e festoso, è reso catatonico da una pellicola che non concede un sorriso né un’emozione, allibito da una sceneggiatura incolore e inodore, inframezzata di brani cantati che sono sempre lo stesso, composto nel più [...] Vai alla recensione »

domenica 31 dicembre 2017
Flaw54

La trama non conta. Il film è un vero tripudio per occhi ed orecchi. Visionario, debordante, ingenuo, rutilante, talvolta eccessivo, ma irrefrenabile nella sua gioiosa esplosività. Alcune scene veramente coinvolgenti: ZacEfron e la trapezista, never more di Rebecca Ferguson e il ballo conclusivo. Il musical sta rinascendo?

giovedì 28 dicembre 2017
Gianni

Lo vedi e provi emozioni intense! Ovvio che tutto è soggettivo, ma questo film merita veramente di essere visto.

giovedì 21 dicembre 2017
Candele personalizzate

Ho visto l'anteprima del film ieri sera a UCi , sinceramente il film e molto bello.  E un musical ma fatto molto bene , dalla scenografia alle acrobazie dei personaggi , mi e piacciuto tutto.  Il modo in qui Barman unisce in un circo tante persone diverse.

martedì 2 gennaio 2018
kaipy

Una storia fatta di aspirazioni, riscatto e ambizione. Un musical con canzoni belle e travolgenti. Un pieno di energia che ti accompagna anche fuori.

lunedì 1 gennaio 2018
SalCat

Il film parte noioso con un'accozzaglia di video- clip musicali monotoni e un filino lunghetti. A farne le spese è la trama: a dir poco frastagliata. Tolto questo incipit, assolutamente da dimenticare, il film ingrana alla grande con simpaticissimi siparietti tra i protagonisti. A metà film cominciano ad emergere i messaggi, fino al gran finale.

giovedì 21 dicembre 2017
Candele personalizzate

Non mi aspettavo a un musical cosi ben fatto. Mi e piaciuto tutto, scenografia , trama , personaggi , la storia di Barnum, un ragazzino rimasto orfano che diventa grazie al suo circo conosciutissimo, la storia dei personaggi, le differenze di classe sociale Molto belli elementi acrobatici presenti in film , la musica. Un film molto coinvolgente.

venerdì 4 maggio 2018
Luca1968

In questo film, come uno scrigno d'oro pieno di diamanti, è racchiusa la magia del cinema. Girato stupendamente, con un ritmo moderno (anche se meno folle, mi ricorda Moulin Rouge), con interpretazioni perfette (Hugh Jackman e Rebecca Ferguson su tutti), scenografie e coreografie incantevoli e una musica tra le più belle e indimenticabili mai scritte per il cinema.

sabato 14 aprile 2018
matteo

Il miglior musical che abbia mai visto; non credo e penso ci siano errori su questo film. Il regista e gli attori non solo hanno interpretato la loro parte come fanno di solito...ma in questo film, credo uno dei pochi ad oggi, gli attori lo hanno vissuto come se fossero loro stessi i personaggi. Non esistono parole per poterlo descrivere. Forse, proprio perchè la felicità e la speranza, [...] Vai alla recensione »

sabato 31 marzo 2018
gabriella

 Il circo mi ha sempre fatto un effetto triste, non ho mai amato i suoi numeri rocamboleschi e le sue attrazioni, per cui nutrivo delle riserve alla visione del film, smentite poi già dalle prime immagini. Solo un attore come Hugh Jackman poteva interpretare lo scaltro imprenditore circense Phineas Taylor Barnum, non solo per il sorriso carismatico, ma sopratutto per le sue doti canore [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 febbraio 2018
Emanuele 1968

Bellissimo, emozionate, pulito, trasmette energia positiva, un ottimo film!

lunedì 29 gennaio 2018
Friz

Un vero spettacolo che ha saputo rapirmi sin da subito anche grazie al interpretazione del favoloso Hugh Jack Man per non parlare di tutto il cast colonne sonore e musiche da favola consiglio vivamente di vederlo vi farà sognare!!!

mercoledì 10 gennaio 2018
direda79

un film, non lo chiamerei solo musical, che ti trasporta dal primo minuto. entusiasmante, ricco di valori morali e sociali che tutt'oggi non sono ancora stati completamente superata. un film pulito e che fa sognare. vorrei rivederlo.

mercoledì 10 gennaio 2018
ziobricco

Mi ispirava un film che parlasse di barnum anche se ero un pò perplesso rispetto ad un musical, poi dopo aver letto alcune recensioni qui che lo stroncavano.. Mi sono ricreduto e meno male che son andato a vederlo. Al cinema è uno spettacolo, bei balletti, belle canzoni e storia che fila senza problemi. Attori tutti molto bravi, poi quando canta jenny lind brividi.

giovedì 4 gennaio 2018
Laurent.goffard

Vado molto spesso al cinema e questo film è riuscito a trasmettermi un emozione pazzesca, bellissima, ero completamente travolto dalla trama, appasionato dalle canzoni e dai balletti mai banali e ricchi di colpi di scena Esprimo un opione del tutto personale ma assolutamente consigliato, personalmente uno dei film migliori degli ultimi anni, forse un po ingenerosi nel voto del film (3.

mercoledì 3 gennaio 2018
gigioncino

Fantastico! Nel vero senso del termine... Scenografia, coreografie, luci, fotografia con l'aggiunta di musiche davvero indovinate, attori e attrici superbe, bellerini al top. Un inno al Cinema. Uno dei migliori musical , insieme ad Across the Universe, che abbia visto ( a  suo confronto il tanto celebrato "La la land"  sparisce...)

mercoledì 27 dicembre 2017
no_data

Un film intenso, dinamico, magico. Eccezionale la fotografia, straordinaria la colonna sonora che riesce a non essere invadente pur trattandosi di un musical. Curatissimo nei particolari. Da vedere assolutamente.

martedì 26 dicembre 2017
Andreda1993

Questo film e’ pura magia. Sono rimasto a bocca aperta durante lo scorrere di tutta la pellicola. Per tutto il tempo, sono rimasto incollato sulla poltrona del cinema. Mi sono emozionato come un bambino. Ogni canzone era una favola che mi trasportava in un’altra dimensione surreale. In un mondo parallelo. E’ sbagliato chiamarlo solamente Musical. Questo film e’ un capolavoro sotto tutti i punti di [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 dicembre 2017
chiara26

Bellissimo!

domenica 3 giugno 2018
Alejazz

Dopo il successo di La la land ecco un nuovo imperdibile film musical!! Complimenti alla trama, sceneggiatura ma sopratutto per la scelta delle canzoni che compongono il film. E qui mi riferisco sia ai testi che alle musiche e agli attori cantanti che le cantano.  Un film romantico ma non patetico che cattura lo spettatore e lo incolla alla poltrona per tutti i 100 minuti.

mercoledì 27 dicembre 2017
poupaud

Sarà pure un musical semplicistico e con qualche apporssimazione e anacronismo, ma ho amato questo film dalla prima all'ultima inquadratura. Forse è pèroprio l'eccesso (di scenografie, colori, musiche e coreografie) la chiave per apprendere al meglio questa storia. Lasciando da parte la verosomiglianza, Jackman tratteggia un P.

martedì 26 dicembre 2017
SimoAlex

Un film partito con meno fanfare rispetto a La la land ma che invece si rivela un mix azzeccato di sceneggiatura, scenografie e musica cin un Hugh Jackman fin troppo ringiovanito ma totalmente padrone della parte. Dopo i primi dieci minuti che fanno pensare al peggio il film è un crescendo di musica, balli e emozioni che trascinano lo spettatore all’interno della storia.

FOCUS
FOCUS
venerdì 22 dicembre 2017
Pino Farinotti

La proposta natalizia può essere definita globale: The Greatest Showman, il musical firmato da Michael Gracey, sarà nelle sale di tutto il mondo, così come da noi in alternativa alle tradizionali proposte natalizie nostrane. Trattasi di ben altra qualità. È una storia di circo.

C'era un tempo in cui il circo era "il più grande spettacolo del mondo" e Cecil B. DeMille, esattamente con quel titolo, ci guadagnò un Oscar nel 1952. Da tempo il circo è (quasi) solo un ricordo, ma quando a evocarlo ci si mette il grande cinema, il promemoria diventa potente e il circo si ripresenta nelle sue modalità di spettacolo, che erano tante e ricche.

Lo Showman protagonista è Phineas Taylor Barnum, imprenditore e circense americano. Nella seconda parte dell'800 era una leggenda, tanto che il suo nome divenne un lemma che identificava spettacolo completo e magniloquente. Lo stesso Barnum, uomo irrequieto e fucina di iniziative non sempre ortodosse, finì per affezionarsi al suo personaggio estremo e trasgressivo dichiarandosi un mistificatore. Il film racconta della sua intenzione di creare il circo e della relazione con una delle protagoniste, le cantante Jenny Lind. E intorno tutto il contesto favorito dalle possibilità spettacolari e dall'investimento della produzione, che fanno di "Greatest" un film sfavillante e un colossal.

Frasi
L'arte più bella é quella di rendere felici gli altri.
Una frase di Charity Barnum (Michelle Williams)
dal film The Greatest Showman
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 21 dicembre 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

Come ai tempi lontani della vecchia Hollywood, un bel musical per le feste ci sta bene. Esce proprio il giorno di Natale The greatest showman, il biopic liberamente tratto dalla vita di P.T. Barnum, controversa figura di circense, illusionista e massmediologo in anticipo sui tempi nell'America del XIX secolo. Figlio di un povero sarto, il giovane Barnum subisce umiliazioni a catena.

giovedì 21 dicembre 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Naso a patata, capelli a pomo ai lati e faccia qualunque, P.T. Barnum (1810-1891) non fu bello e aitante come Jackman, il Wolverine degli X-Men cantante e ballerino (molto bene già nei "Miserabili" di Hooper), ma i nani, la donna scimmia, i siamesi, l'obesissimo, non sono lontani dalle antiche fotografie recuperabili su Internet. Rifiniti da make-up e inno alla emancipazione della diversità (ai tempi [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 dicembre 2017
Claudio Trionfera
Il Messaggero

La mutazione di Phineas Taylor Barnum: da figlio d'un sarto, quindi socialmente irrilevante nell'800 d'America, a impresario ruggente e fiammeggiante; ma prim'ancora furbo, geniale e un po' lazzarone. Sua l'idea del circo, preceduta da quella di un museo delle cere troppo inerte per diventare attrazione ma poi animato, eccome, da leoni, elefanti e zebre; anche se la parte vera del leone, come si dice, [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 28 giugno 2017
 

È la storia di P.T. Barnum, politico, uomo di spettacolo e imprenditore americano, famoso più che altro per il suo circo e per essere stato un grandissimo imbonitore e creatore di mitologie. Che poi è un bel modo per dire "falsità".

winner
miglior canzone
Golden Globes
2018
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati