Gold

Film 2022 | Thriller, +13 97 min.

Titolo originaleGold
Anno2022
GenereThriller,
ProduzioneUSA
Durata97 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diAnthony Hayes
AttoriZac Efron, Susie Porter, Anthony Hayes, Andreas Sobik .
Uscitagiovedì 30 giugno 2022
DistribuzioneAdler Entertainment
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,35 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Anthony Hayes. Un film con Zac Efron, Susie Porter, Anthony Hayes, Andreas Sobik. Titolo originale: Gold. Genere Thriller, - USA, 2022, durata 97 minuti. Uscita cinema giovedì 30 giugno 2022 distribuito da Adler Entertainment. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,35 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Gold tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 30 giugno 2022

Due uomini scoprono l'esistenza della pepita d'oro più grande della storia. Dovranno trovare un modo per portarla via. In Italia al Box Office Gold ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 36,3 mila euro e 24,8 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,35/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,20
PUBBLICO
CONSIGLIATO NÌ
Un survival movie che si rifà a un immaginario riprodotto, copiato, celebrato.
Recensione di Roberto Manassero
domenica 26 giugno 2022
Recensione di Roberto Manassero
domenica 26 giugno 2022

In un futuro prossimo, in una landa desolata e desertica, Virgil, un uomo proveniente da ovest, si presenta a un avamposto diretto al confine. La sua metà è un fantomatico luogo dove qualcuno dovrebbe dargli un lavoro e per arrivare a destinazione paga un passaggio al burbero Keith, proprietario di un pick-up. Poco dopo la partenza, il mezzo si ferma e durante la sosta Virgil scopre un gigantesco masso d'oro che potrebbe cambiare la vita di entrambi. Così, mentre Keith, riparato il mezzo, torna indietro per recuperare uno scavatore, Virgil resta a guardia del masso: sotto il sole cocente, preda di animali selvatici e di allucinazioni, l'uomo perde contatto con la realtà, fino a quando viene avvicinato da una misteriosa vagabonda...

Fin dagli anni '70, già prima dell'arrivo di Mad Max, il deserto australiano è diventato l'ambientazione ideale di storie distopiche: Gold riprende la medesima tradizione contaminandola con quella del survival movie.

A un certo punto del film, mentre la solitudine spinge Keith ad allontanarsi dal suo posto di guardia, ci si imbatte nel relitto di un aereo precipitato da tempo: è un chiaro rimando a Fino alla fine del mondo di Wim Wenders, in cui effettivamente un piccolo aereo atterrava nel deserto australiano mentre l'umanità andava incontro all'estinzione. Il mondo di Gold, che dipinge in toni cupi un crepuscolo della razza umana che non prelude ad alcune sera, è il frutto di decine di film venuti prima, e l'aereo come altri elementi - i toni apocalittici alla The Road, la fotografia dai toni seppia di The Rover, film interpretato da Anthony Hayes, qui regista oltreché interprete nei panni di Keith e sceneggiatore con Polly Smith) - si rifà a un immaginario riprodotto, copiato, celebrato.

Niente, in questo film solido e prevedibile, è spontaneo, a cominciare dal McGuffin della scoperta dell'oro, che se non rimanda al più nobile dei padri cinematografici (Greed di Von Stroheim) è perché il tema non è l'avidità, ma la sopravvivenza in un mondo inselvatichito, la perdita di controllo e la scoperta di una dimensione interiore irrazionale.

O almeno così sembra se si segue l'andamento del racconto senza intuirne le svolte, dal momento che nell'esibita visionarietà Gold nasconde la sua vera essenza, mettendo in dubbio lo statuto di immagini improntate a un realismo sporco e disperato.

È del resto evidente fin da subito che proprio la piattezza del deserto e i suoi spazi svuotati di vita aprano a una dimensione allucinata, che coinvolge tanto il protagonista quanto lo spettatore, entrambi chiamati a interrogarsi sulla veridicità di cosa sperimentano e vedono.

La discesa agli inferi di Virgil assume connotati sempre più onirici (per non dire psicanalitici) e mentre l'assenza di Keith invita a dimenticare le coordinate temporali, l'apparizione di un personaggio femminile salvifico (interpretata da Susie Porter), e il successivo risvolto della trama, lasciano pochi dubbi durante la visione sulla direzione del film e il suo twist finale... Tutto arriva come previsto, in Gold, deludente e in qualche modo appagante, come dopotutto si chiede a un film di genere senza troppe pretese.

Resta infine la presenza di Zac Efron, che nel tentativo di allontanarsi dallo stereotipo del ragazzone all american boy s'immerge in un tour-de-force provante. La passività del suo personaggio ricorda più il nuovo Mad Max di Tom Hardy che l'eroe cupo di Mel Gibson, protagonista dopotutto di altre forme di distopie, più creative, meno verosimili e meno compromesse con gli incubi contemporanei, ma senza dubbio più appassionanti.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 7 luglio 2022
Valerio Caprara
Il Mattino

Del tutto diversa e peraltro godibile appare, invece, l'opera terza dell'australiano Hayes che è anche il deuteragonista del classico thriller di sopravvivenza "Gold" in cui Zac Efron si carica sulle aitanti fattezze il carico di tutte le più brutali sofferenze possibili di una situazione no limits. L'attore abbandona definitivamente lo slogan che a suo tempo lo definiva negli Usa "il ragazzo che più [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 luglio 2022
Alessandro Ricci
Close-up

Anthony Hayes dirige un film, Gold, apparentemente piccolo, che deve essere in realtà costato molto in termini di fatica a tutta la troupe, in particolare a lui, regista e coprotagonista. E anche al protagonista Zac Efron, la cui interpretazione è eccellente, non perché sia facile spingersi oltre in un ruolo di sopravvivenza, ma perché è credibile sempre, come vagabondo perdente e romantico e poi come [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 luglio 2022
Raffaele Meale
Quinlan

Il 4 dicembre del 2024 ricorreranno i cento anni dalla prima proiezione pubblica di Greed (Rapacità), il capolavoro di Eric von Stroheim: non c'è dubbio che in ben pochi, eccezion fatta per una piccola fetta di cultori, festeggerà l'anniversario, eppure non sono molti i film della sua epoca in grado ancora a un secolo di distanza di far pesare in modo così compiuto e persistente il proprio immaginario, [...] Vai alla recensione »

domenica 3 luglio 2022
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

In un futuro non troppo lontano, in una landa desolata (che la guida a sinistra e la produzione del film consentono di identificare come australiana), si svolge la storia di Virgil (Zac Efron). Il quale arriva da Ovest e paga il burbero Keith per condurlo oltre la civiltà, verso un fantomatico lavoro pubblicizzato da un improbabile volantino. Sul percorso, i due si imbattono in una gigantesca pepita [...] Vai alla recensione »

sabato 2 luglio 2022
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Da un treno merci scende un uomo - giovane ma trasandato e sporco. Sullo sfondo di un paesaggio desolato, arido, immenso, l'uomo zoppicando rag- giunge un locale che un tempo era forse di ristoro. Ha lì un appuntamento con un tale che dovrebbe portarlo in auto fino al fantomatico confine. Durante il viaggio, i due si imbattono in un giacimento d'oro; non riescono però a scavare abbastanza per caricare [...] Vai alla recensione »

sabato 2 luglio 2022
Fabio Canessa
Il Tirreno

Da solo nel deserto per tutto il film a presidiare un'enorme roccia d'oro in attesa della scavatrice. L'estenuante calvario del protagonista diventa quello dello spettatore, che smania sulla poltrona tra la noia per la lentezza e il disgusto per le efferatezze. Soltanto una sceneggiatura ben oliata e una potente forza espressiva potevano vincere la sfida di un'operazione così molto azzardata.

venerdì 1 luglio 2022
Serena Nannelli
Il Giornale

Zac Efron è al cinema come protagonista di Gold, un survival thriller ambientato in una landa desertica in un futuro non troppo lontano. Girato nell'entroterra australiano dall'attore e regista Anthony Hayes, che interpreta anche uno dei due protagonisti, "Gold" racconta l'odissea fisica e psicologica di un uomo. Ad interpretarlo è il trentaquattrenne Zac Efron, aitante idolo di orde di teenager che [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 luglio 2022
Luke Buckmaster
The Guardian

Anthony Hayes non è certo il primo regista a essersi reso Conto che il deserto australiano offre un'ottima base di partenza per distopie di vario genere. Il suo thriller di sopravvivenza, duro e teso, enfatizza la vastità del nulla che riempie lo schermo. Zac Efron, sudicio e sfigurato, ci accompagna in "un futuro non poi così lontano" in cui il mondo è ormai ecologicamente compromesso.

venerdì 1 luglio 2022
Matteo Mazza
Duels.it

Più che il banale tentativo di coinvolgere lo spettatore attraverso un colpo di scena finale ampiamente prevedibile ma in linea con la piattezza della vicenda, più ancora della debolezza del McGuffin dell'oro, in Gold di Anthony Hayes sorprende la totale inconsistenza della parabola morale che avrebbe dovuto sostenere l'impianto del film e incanalarlo in una precisa riflessione sui limiti e le fragilità [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 giugno 2022
Alice Sforza
Il Giornale

Curioso questo thriller di sopravvivenza australiano. In un futuro distopico, Zac Efron paga uno per attraversare un deserto ricco di pericoli. I due scoprono, in mezzo al nulla, una pepita d'oro particolarmente grossa. Impossibilitati ad estrarla, si dividono. Efron rimane a guardia, mentre l'altro va a cercare una scavatrice. Passano i giorni e la paranoia mentale prende il sopravvento.

giovedì 30 giugno 2022
Fabio Fulfaro
Sentieri Selvaggi

Prove di sopravvivenza per Zac Efron sul modello del Di Caprio di Revenant. Stavolta lo scenario è il deserto dell'Australia del Sud in un futuro post apocalittico in cui si cerca di fuggire dall'ovest verso terre più ospitali. L'emigrante Zac Efron si fa dare un passaggio in macchina dal furbo Anthony Hayes, per raggiungere uno dei pochi luoghi di benessere rimasti sulla terra: The Compound.

martedì 28 giugno 2022
Marco Minniti
Asbury Movies

In questo inizio estate, periodo che la distribuzione italiana riserva tradizionalmente a prodotti di genere (con un occhio particolare per il thriller e l'horror) si segnala l'uscita in sala di questo Gold, survival thriller diretto da Anthony Hayes e interpretato da Zac Efron, a fianco dello stesso regista. Un lavoro, quello di Hayes - già affermato attore australiano, sporadicamente passato dietro [...] Vai alla recensione »

martedì 28 giugno 2022
Rocco Moccagatta
Film TV

«Some time, some place, not far from now...»: così, in originale, inizia Gold e non si può proprio dire che non l'abbiamo mai sentita questa, anzi. Quindi, eccoci di nuovo in un mondo andato a catafascio, guerra o cataclisma non importa, desertico e desolato (l'outback australiano non delude mai), dove l'acqua è un bene prezioso e la vita gramissima.

martedì 7 giugno 2022
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

In attesa che qualcuno di buon cuore promuova in pompa magna una moratoria sulle storie ambientate in futuri dispotici, Gold ci propina ancora una volta personaggi senza identità che arrivano chissà da dove e si trovano in un non-luogo che somiglia a un deserto, una landa arida e desolata. Il titolo ci indica il motivo per cui si sono diretti lì, fuori dal mondo: la più grande pepita d'oro mai vista, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 30 maggio 2022
 

Due stranieri si imbattono in una fortuna e devono cercare di proteggerla. Vai all'articolo »

TRAILER
domenica 15 maggio 2022
 

Regia di Anthony Hayes. Un film con Zac Efron, Susie Porter, Anthony Hayes. Da giovedì 30 giugno al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
martedì 14 dicembre 2021
 

Per la regia di Anthony Hayes, un thriller con Zac Efron a caccia di una pepita d'oro. Da giovedì 30 giugno al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati