La grande bellezza

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La grande bellezza   Dvd La grande bellezza   Blu-Ray La grande bellezza  
   
   
   

le maschere di Sorrentino Valutazione 4 stelle su cinque

di pepito1948


Feedback: 125 | altri commenti e recensioni di pepito1948
mercoledý 5 giugno 2013

A primo impatto, è difficile sottrarsi al richiamo dei precedenti illustri cui in qualche modo il film si aggancia. Ovvio il rimando al cinema di Fellini, che con il suo stile espressivo ed il modo personale di rappresentare e staffilare la realtà ha influenzato gran parte del cinema successivo, in Italia come all'estero. Anche qui i personaggi principali o di contorno sono maschere, non dipinte o incipriate ma in carne ed ossa,  comunque rappresentative di tipologie (o patologie) umane. La maschera di Servillo, solcata da rughe mobili e plastiche come gommapiuma che da sole dispiegano un’incredibile  varianza espressiva (sotto cui alligna una multiforme perrsonalità), ne è un esempio. Detto questo, c'è una differenza profonda tra la denuncia felliniana di La dolce vita (e Roma) e quella di Sorrentino: la prima è fortemente "localizzata" su Roma, sulla borghesia frivola del jet set e dei paparazzi che scorazzano per Via Veneto, la statua di Cristo che atterra in pieno San Pietro, la Vamp bella ma volatile che valorizza con le sue forme la magia di Fontana di Trevi. Inimmaginabile ambientare altrove quelle storie partorite dalla mente del grande Federico. Per Sorrentino Roma è il grande palcoscenico in cui far muovere i suoi personaggi, scelta per dare corpo ad un esempio difficilmente sostituibile di Grande Bellezza; ma il racconto di per sè ha una validità che trascende la specifica ambientazione.
La linea narrativa (difficile parlare di una storia vera e propria) si snoda su due piani, ovviamente collegati: quello statico del contesto, immobile nella sua zoologia umana anaffettiva, vuota, senza colori interiori, senza obiettivi che non siano quello di fare gruppo per alimentarsi reciprocamente di una verbosità (o di silenzi-assensi) inconcludente; l'altro è il percorso dinamico di Jep Gambardella, 65enne tardivamente in procinto di voltare l’angolo della sua vita. Vita vissuta in mezzo ai "senza": senza scossoni, gratifiche evolutive, arricchimenti che vadano oltre il potere "di partecipare alle feste per farle fallire". Vita che diventa nuovo percorso di ricerca di uno stimolo per ritrovare il bandolo di una matassa interrotta anni prima, quando, dopo aver scritto un solo libro senza successo dal titolo significativo (L'apparato umano, che sottende una visione limitata alla mera fisicità dell'uomo), Jep si è fatto monarca senza rivali delle notti romane festaiole e spensierate (nel senso di prive di ogni pensiero significativo), annegando nel vuoto pieno solo di "apparati umani" in movimenti senza senso, marionette di se stessi condannate ad una eterna ripetizione rituale.
Jep si disvela per un grande, perchè sa di essere un “vuoto” diverso dagli altri in quanto consapevole di esserlo ed in fondo, avendo sperimentato il “pieno”, non accetta di continuare ad essere vuoto per sempre. Così non si limita a fare passivamente gruppo, ma si misura con gli altri denigrando attraverso il fioretto o la spada coloro in cui vede la propria immagine riflessa: affonda i colpi non tanto verso gli uomini del contesto, irrilevanti (come il performer che non sa come definire le proprie vibrazioni) o silenti (come il poeta, assorto e assente) o indolenti anche nel fare sfoggio di vacuità, ma verso le donne che –mettendosi comunque in gioco- preferiscono ostentare il proprio poco di buono nascondendo il tanto di  non edificante: l'attacco alla donna del Partito è uno dei momenti più violenti e trainanti  dell'intero film. Ma Jep, lungi dall’essere misogino, sa distinguere le donne di valore, che rispetta e stima: sono quelle fuori dal coro, fuori dalla Terrazza, le "diverse", come la sua direttrice editoriale, nana, non sensuale ma affabile, intelligente e volitiva, la colf sudamericana, lontana dalle depravazioni e dall'amoralità degli ospiti festanti, e soprattutto la spogliarellista popolana e ruspante, bellissima e sensuale ma triste e sola, con cui Jep instaura un rapporto di padre-figlia, ignorando il suo terribile segreto fino al momento della sua scomparsa. 
Jep sa di essere un attore, più grande degli altri, ma resta una maschera, e come lui sa smascherare i più cani, così qualcuno più abile di lui potrebbe fare altrettanto nei suoi confronti; è il prestigiatore (o la sua vittima) che, tra i ruderi (umani) può far scomparire la giraffa (che è anche un microfono per i recitanti). Per questo, per darsi un'essenza credibile ed incancellabile, per uscire dal recinto dei mediocri e debordare verso l'”altrove”, non può accontentarsi della Grande Bellezza della sua città, splendida, ineguagliabile nei suoi colori, ma irrimediabilmente inquinata dalle chiazze stinte ed indelebili della pochezza umana. La delusione lo induce ad inseguire un'altra Grande Bellezza, quella che lo ha illuminato e segnato in gioventù e che  l'ha abbandonato senza dire perchè (e neanche il suo successivo compagno e marito gliel'ha saputo spiegare). Solo un viaggio a ritroso  può ridargli quella sensazione; il passato non può tornare come esperienza , ma può restituire i suoi sapori. E tornando a quei sapori, alla percezione a tutto campo della Grande Bellezza di quella ragazza che si spoglia in tutta la sua incontaminata soavità, Jep ritroverà il senso di una nuova vita vuota di vuoto e piena di orizzonti più lontani. E forse riprenderà a scrivere qualcosa su una realtà umana  che travalichi i suoi "apparati"  e spazi in una dimensione non solo fisica ma pervasa anche di sana ultramaterialità; quella spiritualità che invano ha cercato di cavare dal vacuo cardinale tutto preso dai piaceri della gola.
Sorrentino dimostra ancora una volta di essere un grande regista, cioè un grande facitore di immagini, a tratti un grande poeta, e, sulla scia del suo penultimo film "americano", padroneggia alla perfezione i passaggi dal realismo mondano al surrealismo, al simbolismo, al funambolismo significante, facendo volteggiare la macchina da presa nelle più diverse angolazioni; come se ci ricordasse che la realtà ha molte facce e molti punti di vista. La sua denuncia talvolta usa l'accetta, sempre elegante ed affilata, tal altra il bisturi dell'ironia, della satira raffinata; in ogni caso rifugge dalla banalità. Dà corpo ad un apologo sulla rassegnazione di una società opulenta –fatta di chi pure avrebbe la possibilità di non affogarvi- che riesce ad imbruttire con la propria mediocrità tutto ciò che, in natura o per mano umana, offre spunto di nobilitazione e si denuda di qualsiasi potenzialità di riscatto. Ma l'uomo non trascina con sè nel mare omologante  l'ntera umanità, e dai suoi bassifondi emerge sempre qualcuno disposto a non accontentarsi del suo niente per tentare la risalita.
E' un film perfetto La Grande Bellezza? No, non lo è. Qualcuno ha detto non a torto che è un po' troppo estetizzante, compiacente, ma lo stesso Sorrentino ammette il suo narcisismo, laddove ci fa vedere Jep che scorre assorto la serie di fotoritratti affiancati, uno per ciascun giorno di vita, messi in mostra dal fotografo-artista: come dire che tutti gli artisti sono narcisisti, se consapevoli del credito che offre loro il proprio estro una volta messo a disposizione del pubblico.
Inoltre la parte finale pecca di eccessiva lunghezza, e soprattutto abbonda di inutilità, con alcuni elementi narrativi ( la vecchia santa e l’invasione delle gru) superflui ed un po' fragili; ma resta comunque un’opera di alto livello artistico che si presta a riflessioni che vanno oltre le gozzoviglie e la stupidità umana, qui spalmata un po' su tutti i ceti (a differenza di quella socialmente circoscritta nella Dolce vita o nel recente Grande Gatsby). E soprattutto è un film che vibra di un pensiero profondo, e rivela l’impostazione letteraria di un autore che è diventato anche uno scrittore di successo.

[+] lascia un commento a pepito1948 »
Sei d'accordo con la recensione di pepito1948?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
62%
No
38%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di pepito1948:

Vedi tutti i commenti di pepito1948 »
La grande bellezza | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Dario Zonta
Pubblico (per gradimento)
  1░ | francesco sentieri
  2░ | rita branca
  3░ | zummone
  4░ | carlosantoni
  5░ | mericol
  6░ | daf_ma
  7░ | ilariadisevo
  8░ | lolligno69
  9░ | giulio gentile
10░ | flyanto
11░ | cicciogia
12░ | pr.rugarli
13░ | filippo catani
14░ | nelson corallo
15░ | scoop
16░ | angelo umana
17░ | tiamaster
18░ | enrico omodeo sale
19░ | jacopo b98
20░ | omero sala
21░ | padly
22░ | alezietta75
23░ | stefanosessa
24░ | giuliog02
25░ | fabiana dantinelli
26░ | michele
27░ | writer58
28░ | diomede917
29░ | ennas
30░ | pepito1948
31░ | frontedelcinema
32░ | m.barenghi
33░ | graziano.nanetti
34░ | barone2000
35░ | tiberiano
36░ | javert
37░ | giulio vivoli
38░ | xxseldonxx
39░ | immanuel brest
40░ | boffese
41░ | ilmengoli
42░ | no_data
43░ | antonello chichiricco
44░ | jayan
45░ | di_amante007
46░ | starbuck
47░ | alex2044
48░ | beppe baiocchi
49░ | gabriele
50░ | roberto checchi
51░ | luigi chierico
52░ | twinbri84
53░ | giorpost
54░ | francesca romana cerri
55░ | luigi chierico
56░ | lonely
57░ | mike c.
58░ | burton99
59░ | brando fioravanti
60░ | pura formalit�
61░ | noodles76
62░ | seiya81
63░ | des esseintes
64░ | alex62
65░ | fargo?
66░ | pensierocivile
67░ | jackmalone
68░ | antrace
69░ | gertrude
70░ | ethan
71░ | aria2014
72░ | alex62
73░ | lucaguar
74░ | federica b. 94
75░ | alesalas1987
76░ | catullo
77░ | blufont
78░ | stefano bruzzone
79░ | giugiŃ╣
80░ | alel33
81░ | lordbyron
82░ | peterangel
83░ | michael di renzo
84░ | russtorm
85░ | shingo tamai
86░ | orlandothefurios
87░ | luca scial�
88░ | max.antignano
89░ | gabriella grande
90░ | mauridal
91░ | dante soldi
92░ | manganini
93░ | alnick
94░ | nino pell.
95░ | 1234567890987654321
96░ | jennyve_65
97░ | peppy86
98░ | ultimoboyscout
99░ | naar.90
100░ | onufrio
101░ | gabriella
102░ | vincenzo manzione
103░ | alfredyk
104░ | pura formalitÓ
105░ | fabio1957
106░ | orlandothefurios
107░ | evildevin87
108░ | parsifal
109░ | tomdoniphon
110░ | jaylee
111░ | federico medea
112░ | giulio lo iacono
113░ | gi.effe.emme.
114░ | shiningeyes
115░ | attinia1988
116░ | kwisatzhaderach
117░ | joker 91
118░ | luis5820
119░ | dave san
120░ | homer52
121░ | giuseppe del sole
122░ | rambo1
123░ | great steven
124░ | lorenzodv
125░ | fabio
126░ | dario
127░ | fabrizio friuli
128░ | jacopo mancini
129░ | peer gynt
130░ | f. laurana
131░ | wetman
132░ | ednort97
133░ | raffaele reppucci
134░ | muttley72
135░ | ennepi1954
136░ | inall3
137░ | giulio dispenza
138░ | loquaxale
139░ | gmarc
140░ | luciaiannotta
141░ | dellagambar
142░ | ely57
143░ | ale_coly
144░ | no_data
145░ | lilith1989
146░ | intothewild4ever
147░ | emmegi05
148░ | christo77
149░ | lohengrein11
150░ | maramaldo
151░ | conte di bismantova
152░ | zanze61
153░ | jeanreview
154░ | isy94
155░ | jonathan prestinari
156░ | emmylemmon xd
157░ | matilde perriera
158░ | marta scattoni
159░ | dark is white
160░ | emmylemmon xd
161░ | dario
162░ | valerie_vla
163░ | gianleo67
164░ | gerardo monizza
165░ | aliasname
166░ | ginnyvitti
167░ | frank17next
168░ | angelo bottiroli - giornalista
169░ | des esseintes
170░ | taxidriver
171░ | dark is white
172░ | dark is white
173░ | iolanda la carrubba
174░ | alessandrofazzini
175░ | rita branca
176░ | andher76
177░ | jean remi
178░ | alexander 1986
179░ | paride86
180░ | lisa casotti
181░ | johnfante
182░ | _oldboy_
183░ | diegot
184░ | giovanna
185░ | miraj
186░ | mickey97
187░ | giugy3000
Premio Oscar (2)
Nastri d'Argento (17)
Golden Globes (2)
European Film Awards (9)
David di Donatello (27)
Critics Choice Award (1)
Cesar (1)
BAFTA (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 |
Link esterni
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità