Tenet

Film 2020 | Drammatico, +13 150 min.

Regia di Christopher Nolan. Un film Da vedere 2020 con John David Washington, Robert Pattinson, Elizabeth Debicki, Dimple Kapadia, Aaron Taylor-Johnson. Cast completo Genere Drammatico, - USA, 2020, durata 150 minuti. Uscita cinema mercoledì 26 agosto 2020 distribuito da Warner Bros Italia. Oggi tra i film al cinema in 288 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,07 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tenet tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una missione attraverso il crepuscolare mondo dello spionaggio internazionale, da svolgere di là del tempo reale. Tenet è 1° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 64.413,00 e registrato 10.476 presenze.

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO 2,72
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Uno spy movie ambizioso e cerebrale che sfida le leggi della fisica e della messinscena.
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 25 agosto 2020
Recensione di Andrea Fornasiero
martedì 25 agosto 2020

Un operativo americano senza nome, che lavora con la CIA, partecipa a un'azione in Ucraina, durante un attentato terroristico in un teatro dell'opera. Scoprirà che questa operazione era anche un test per mettere alla prova non solo la sua fedeltà all'Agenzia, ma pure la sua propensione a rischiare la vita per salvare persone innocenti. Viene così introdotto in un programma misterioso e compartimentalizzato, dove i partecipanti sanno solo quello che devono sapere. Lo addestrano quindi ad affrontare agenti che si muovono nel tempo e hanno pallottole che sparano a ritroso - ossia rientrano nella pistola - senza però spiegargli quale sia il loro obiettivo, ma solo che dall'esito delle sue operazioni dipende la sopravvivenza del mondo intero.

Christopher Nolan torna nei territori di Inception, ma all'heist movie predilige questa volta il genere spionistico, sempre però contaminato dalla fantascienza visionaria.

Come Inception è tanto cervellotico quanto metacinematografico e se là DiCaprio era una sorta di regista, che elaborava messe in scene oniriche, qui il Protagonista si chiede - letteralmente e ripetutamente - se davvero sia lui il protagonista della storia. Un livello metatestuale così esplicito manca però di sottigliezza e avrebbe funzionato meglio in una comedy o comunque con maggiore autoironia invece, nonostante qualche battuta e l'atteggiamento guascone di Pattinson, il film rimane assai serioso. Nemmeno Kenneth Branagh nel ruolo del villain sopra le righe riesce ad aggiungere leggerezza perché, dopo il suo primo confronto con l'eroe a base di minacce di tortura estrema e morte atroce, finisce invischiato nel melodramma del rapporto con sua moglie.

Il mélo, a sua volta, caratterizzava anche Inception, ma funzionava molto meglio con il personaggio di DiCaprio ossessionato da un sogno impossibile. Qui invece abbiamo un protagonista di cui non sappiamo assolutamente niente, non è neppure chiaro il suo ruolo nei confronti della CIA, né tantomeno perché sia finito a fare quella vita o in cosa speri per il proprio futuro. Che si ritrovi coinvolto in una sorta di love story manca il bersaglio, sia perché con una tabula rasa simile non ci può essere contatto empatico, sia perché il film è comunque PG-13 e Nolan non è in ogni caso interessato alla sensualità. Nonostante la bellezza mozzafiato di Elizabeth Debicki, che interpreta un personaggio molto simile a quello di cui aveva vestito i panni nella serie The Night Manager, non c'è mai un gioco di seduzione come è lecito aspettarsi in uno spy movie giramondo in stile Bond.

Tenet si intitola così perché è una parola latina che viene usata come codice e perché era il cognome di un direttore della CIA, e soprattutto perché è una parola palindroma. L'inversione è un concetto chiave di Tenet e le spiegazioni del complicato meccanismo narrativo abbondano.

Rispetto a Inception però Nolan ha imparato la lezione e riesce a tenere molto alto il ritmo anche nei momenti didascalici, usando diverse ellissi e legando i passaggi esplicativi a scene d'azione o comunque a momenti di tensione e a cambi di location. Inoltre la martellante colonna sonora di Ludwig Göransson incalza i momenti action e di montaggio alternato con grande efficacia ed è probabilmente la cosa migliore del film.

Più difficile esprimersi sulla fotografia di Hoyte Van Hoytema dopo la visione in una sala "normale": Tenet è stato girato in buona parte in IMAX e non è un caso che nelle scenografie abbondino imponenti strutture verticali, in linea con il formato in proporzione più "alto" delle sale IMAX. I set grandiosi e le scene con effetti speciali che riavvolgono il tempo sono comunque impressionanti, ma nel girare le scene d'azione Nolan a volte lascia perplessi. Per esempio c'è una scena in cui i protagonisti si infiltrano in un grattacielo, ma se il salto iniziale è mozzafiato la conclusione è però interrotta e li vediamo improvvisamente già che scavalcano un balcone.

Anche peggio la lunga sequenza finale, nel bel mezzo di uno scenario da film di guerra, manca di chiarezza: latitano le coordinate spaziali, i personaggi avanzano tra esplosioni, proiettili e altri effetti speciali, in modo confuso, più frastornante che adrenalinico. Molto buone in compenso la scena iniziale nel teatro dell'opera e l'elaborata sequenza nell'aeroporto di Oslo, sebbene data la complessità di Tenet e le molte scene di spietata violenza, si sarebbe potuto rischiare un rating di censura più tosto e rendere il tutto meno esangue.

Nolan ancora una volta scommette sul proprio ingegno più che su ogni altra cosa, ma riesce solo raramente a stupire e ci sono situazioni che risulteranno piuttosto familiari per esempio ai fan del Doctor Who. La gran parte delle rivelazioni sono per altro intuibili e quando finalmente viene spiegato il piano dei villain si ingenera uno strano paradosso: Tenet è un film dove si fa tutto per un figlio, ma poi sono proprio i discendenti a voler punire i padri per prendersi il loro tempo. E non a torto, considerato come i padri - generazione di Nolan inclusa - hanno manomesso il futuro del pianeta...

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Christopher Nolan tra spionaggio e fantascienza.
Overview di Massimiliano Carbonaro
venerdì 10 gennaio 2020

Di Tenet tutto è misterioso a cominciare dal nome che è un palindromo: il nuovo film di Christopher Nolan è avvolto nel mistero, le poche informazioni arrivano dal regista stesso, ma non c'è da fidarsi. Anche se alcune certezze le abbiamo a partire dal cast, dal budget impiegato e dalle incredibili location dove è stato girato, compresa l'Italia.

Le indicazioni più precise sul suo nuovo film le fornisce lo stesso Nolan che parlando di Tenet dice: "Partiremo dal punto di vista di un film di spionaggio, ma andremo verso mete differenti. Attraverseremo generi diversi in una formula, spero, fresca ed emozionante". Quindi ha aggiunto: "Non c'è dubbio, questo è il film più ambizioso che abbiamo mai realizzato".

Quindi il nuovo film di Nolan dopo Dunkirk del 2017 è di spionaggio. Ed è quello che sembra anche dal trailer reso noto, dove un personaggio interpretato dall'intenso John David Washington riesce a superare una prova estrema e mortale e quindi guadagnarsi l'ammissione ad un gruppo ristretto di agenti per sventare una nuova Guerra Mondiale con una tragedia in vista ben peggiore dell'olocausto nucleare. A complicare la già difficile missione sembra che ci sia di mezzo una qualche distorsione o paradosso temporale.

Questo è quanto si è potuto ricavare sulla trama, mentre almeno il cast è ben delineato. A partire appunto da John David Washington che in molti ricorderanno con la pettinatura afro nell'ultimo film di Spike Lee, Blackkklansman, mentre non sono in molti a sapere che questo giovane attore è figlio di Denzel Washington e per alcuni anni è stato un giocatore professionista di football americano. Quindi abbiamo Robert Pattinson (celebre per la sua partecipazione alla saga di Twilight) che presto vedremo vestire i panni del nuovo Batman e la bellissima Elizabeth Debicki (Il grande Gatsby). Nel cast troviamo anche due attori ricorrenti nel cinema di Nolan come sir Michael Caine e sir Kenneth Branagh, due mostri sacri. Interessante la partecipazione al film di Clemence Poesy che condivide con Pattinson la presenza in un film come Harry Potter e il calice di fuoco, lui era il povero Cedric Diggory mentre lei era la campionessa di Beauxbatons nel torneo Tremaghi, Fleur Delacour. Infine c'è da segnalare il contributo di Aaron Taylor-Johnson (Kick-Ass e Avengers: Age of Ultron) e di Martin Donovan (Malcolm X).

Notevole lo sforzo produttivo che ha accompagnato Tenet che sembra abbia superato i 200 milioni di dollari di costi. Si è girato perfino in Italia, a Ravello in provincia di Salerno, ma anche in Norvegia a Oslo (presso l'Opera House), in Danimarca, in Inghilterra, in India, Estonia e negli Stati Uniti.

Poi c'è la questione del titolo, Tenet. Cosa significa la scelta di questa parola che ha la peculiarità di essere palindroma, può essere letta ugualmente nei due sensi? Secondo alcuni questo è l'indizio che nel film è centrale il tempo, che non scorrerebbe in maniera lineare, ma appunto in una doppia direzione come appunto la parola Tenet. Dà da pensare che questa sia anche il termine principale di uno dei rompicapi più famosi della storia, il quadrato magico Sator. All'interno di un'iscrizione misteriosa ci sono alcune parole (Sator, Arepo, Opera e Rotas) e al centro si incrocia proprio Tenet per un significato mai ben chiarito e dai risvolti mistici.

Tutto quello che è stato fino ad ora raccontato e verrà comunque detto o scritto intorno alla trama di Tenet resta però pura speculazione e si basa unicamente sulle poche indicazioni che il regista, sadicamente, ha voluto e vorrà lasciare ai suoi fan. Nessuno se non forse il solo J.J. Abrams è bravo quanto lui nel stimolare l'attesa e alimentare il senso di frustrazione dei tanti amanti del suo cinema.

Sei d'accordo con Massimiliano Carbonaro?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 18 settembre 2020
Antonio Montefalcone

Nolan ritorna e ci fa ritornare al cinema nell’anno segnato dal Covid-19. Proprio come nel suo film, è come se il nostro tempo ritornasse indietro fino al periodo pre-lockdown quando questa pellicola doveva uscire nelle sale. E’ dunque la (non) linearità del Tempo a ritornare da protagonista nell’ultima godibile, spettacolare pellicola (come sempre in 70mm e IMAX) di [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2020
mtom83

Nell'anno 2000 Christopher Nolan sfornava un film rimasto tra i miei preferiti, dove memoria, tempo e racconto si fondevano alla grande in un piccolo capolavoro cinematografico di nome Memento: l'ambizione di Tenet sarebbe quella di riprendere temi cari a Nolan, ma il risultato è invece francamente e sorprendentemente deludente. Quando la scelta stilistica viene spinta al parossismo [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2020
Lorenzo Di Paola

Il film risulta essere un mix dei vari generi affrontati dal regista, con tanto di elementi che caratterizzano il suo stile; il problema è che non riescono sempre ad essere efficaci, soprattutto confrontandoli con le sue precedenti pellicole (Il paragone con Inception è pressoché inevitabile). La caratterizzazione dei personaggi non è delle migliori,(nonostante le ottime [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 settembre 2020
no_data

Un film di spionaggio e fantascienza che raccoglie il peggio di entrambi i generi. Inutilmente cervellotico, troppo rumoroso e irrimediabilmente vuoto. I personaggi sono senz'anima e la complessità della trama è solo un colossale arzigogolo riassumibile nel solito "i russi cattivi vogliono distruggere il mondo, bum bum bang bang". Lo sfoggio di virtuosismi tecnici, costumi e location è indubbio ma [...] Vai alla recensione »

sabato 29 agosto 2020
Dosius

Quest’ultima fatica del grande regista è veramente un fallimento: è un film in cui non si capisce nulla per tutto il tempo e il vero problema è che il regista non cerca neanche di spiegare in maniera approfondita o comunque semplice (senza bisogno di essere esperti in fisica) la questione. A differenza di “Inception” e “Interstellar” (tra le sue pellicole più strane) dove si riusciva a capire la vicenda, [...] Vai alla recensione »

martedì 8 settembre 2020
Inesperto

Due indizi non fanno ancora una prova, ma ci si avvicinano pericolosamente. Nolan, già con Dunkirk ed ora con Tenet, sembra aver perso il "tocco". Certo, resta molto roboante ed immaginifico, ma la magia della trilogia di Batman, di Inception e di Interstellar, sembra ormai appartenere ad un glorioso ed indimenticabile passato. Per rimanere all'opera in questione, sappiamo tutti, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 settembre 2020
dace74

La buona cara vechcia premessa:Nolan rientra nell'elenco di quei 4/5 registi che non mi ha mai deluso e dei quali colleziono tutto il possibile in ogni formato, quindi lascio immaginare cosa mi aspettassi da TENET. Le premesse c'erano tutte sulla carta, ma per quanto mi riguarda, purtroppo, questa volta, lo relego dietro a quasi ogni titolo che lo ha preceduto.

mercoledì 16 settembre 2020
samanta

Tenet è l'ultimo lavoro di Christopher Nolan, che oltre la regia ha scritto il soggetto e la sceneggiatura, dopo Dunkirk e ha ricevuto un'accoglienza discretamente positiva dalla critica anche se non esaltante. Il film ha avuto un budget altissimo (205 milioni di €), tenuto conto della distribuzione, della pandemia e dell'accoglienza non entusiasta del pubblico, sarà [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 agosto 2020
FrankMoovie

 Questo film lascia molto perplessi: grandi scenografie, trucchi e computerizzazioni grafiche, tante comparse da Kolossal, ambientazioni in varie parti del mondo, eppure ... difficilissimo da seguire e da capire. Occorre essere conoscitore di fisica, chimica, matematica, tattiche militari e tanto altro ancora per capire il significato dell'ossimoro TENET, del quadrato del Sator, della tecnica [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 settembre 2020
Marta

Sicuramente non è il top film di Nolan. Parafrasando quello che è stato detto per un gruppo torinese anni fa (leggi Subsonica), non è riuscito a bissare Interstellar. Vero è che non mi piace troppo fare parallelismi ossessivi tra un film di un regista e un altro: ogni storia è diversa e ogni costruzione è diversa.

lunedì 14 settembre 2020
Stramonio70

Attenzione a eventuali SPOILER. Da grande estimatore dei film di Christopher Nolan (i miei preferiti rimangono Inception e The prestige) mi duole parlare male di un suo film per la seconda volta dopo il pessimo Dunkirk. In questo Tenet infatti ci sono parecchi difetti che lo rendono lontano dall'essere un film riuscito e degno dei suoi lavori precedenti.

venerdì 28 agosto 2020
Peppy86

 Tenet narra la storia di due agenti segreti impegnati in mirabolanti avventure spaziotemporali per salvare il mondo. Se credete ci sia altro da dire a riguardo vi sbagliate di grosso. Nolan riprende il già rodato meccanismo del loop temporale (vedi il ben più riuscito Looper di Rian Johnson) e lo complica all'inverosimile. Non è il film a essere complicato ma la sua [...] Vai alla recensione »

domenica 30 agosto 2020
jaylee

Tenet di Christopher Nolan è un evento per 2 motivi, uno perché è il ritorno al cinema dei blockbuster (di qualità) nell'era del Covid, due perché è Nolan, forse il più importante e influente regista al mondo degli ultimi anni. Trama: il mondo è ancora sotto attacco, stavolta il nemico viene dal futuro, non si sa chi.

giovedì 27 agosto 2020
frascop

Cosa succede se un sempliciotto come me che ama i film di spionaggio di Bourne con Matt Dillon o anche Mission: Impossible, va a vedere questo film di Nolan (1970)  basato su un budget di 225 milioni di dollari? Ve lo dico subito ma dovete sapere che continuerò ad amare Nolan per i suoi film Memento, The prestige, Il cavaliere oscuro, Dunkirk, Interstellar.

lunedì 31 agosto 2020
Fraste.carli

Nolan è diventato il più divisivo dei registi odierni e da molti viene ormai giudicato per partito preso. E' stato così, almeno per ora, anche in questo caso. Capisco che questo film possa non piacere, perchè ha i suoi difetti, ma definirlo un "brutto film", assegnare una stella o invitare a non andare al cinema a vederlo è sicuramente audace, per non dire folle.

sabato 19 settembre 2020
Nevira

Un film dalla sceneggiatura molto interessante, originale ed imprevedibile, una rarità nella produzione cinematografica mondiale ormai dominata dai cloni. Un buon film di spionaggio, il quadro di una operazione visto dai soli occhi di un'agente: non saprete niente di più, niente di meno. L'elemento assolutamente nuovo è [spoiler] la tecnologia spiazzante dell'inversione [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 agosto 2020
Pasmymov

Nolan colpisce ancora, con la sua capacità di stupire attraverso argomentazioni che risultano essere non per tutti. A  me è piaciuto tanto: ogni volta che c'è Christopher, ci si diverte. Il tempo in sala passa veloce, proprio come nel film. Si è vero, ha un ritmo incalzante che puo sembrare frettoloso perchè magari tralascia le storie dei personaggi, ma il [...] Vai alla recensione »

sabato 29 agosto 2020
Mirko Tommasi

Thriller fantazionistico che racconta di un andirivieni nel tempo per cercare di prevenire la terza guerra mondiale. Fumoso e poco appagante, sfornito di performance significative, l'ultima fatica del guru della cinematografia contemporanea si guarda con fatica. 

sabato 29 agosto 2020
Marco79

Tanta aspettativa.  Delusa. Noioso. Film decisamente mediocre, peccato visto i precedenti. Sembra fatto per una trilogia, speriamo di no.

mercoledì 9 settembre 2020
Thomas

La palindromia è concetto filosoficamente complesso, esige rispetto e non può essere evocata per giustificare l'ennesimo banale film alla 007. Un agente segreto un po' inespressivo, i triti e ritriti luoghi comuni sui russi cattivi che vogliono distruggere il mondo e gli anglosassoni buoni che lo salvano, un fracasso di effetti speciali fine a se stesso, una trama confusa e priva [...] Vai alla recensione »

sabato 29 agosto 2020
Flaw54

Film incomprensibile!  Un memento ancora più complicato che si anno da su se stesso e sembra non arrivare a niente. Nolan ormai è solo alla ricerca di assurdi virtuosismi spazio temporali. Da evitare

venerdì 28 agosto 2020
Elia_1_2

Tenet film molto confuso, ma bello con scene di azione fantastiche, con un ottimo cast, ma film troppo ingarbugliato.

giovedì 27 agosto 2020
sartamatta

Mai avrei pensato di annoiarmi nel vedere un film di Nolan. È successo! Sicuramente ho dei limiti, ma non ho capito niente 😂

giovedì 3 settembre 2020
opidum

era da febbraio che io e mia moglie non andavamo al cinema ( l'ultimo è stato  sonic) e mia moglie voleva andare al cinema a tutti i costi. io piuttosto che vedere " sono nolan e se il mio film non lo capisci è un problema tuo!!! "  ho tentato di convincerla di andare a vedere sirena a parigi ma la consorte se l'è intagliata e perciò tenet. ora [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 agosto 2020
marco8

Terribile. Dopo un quarto d'ora evevo già capito che le mie aspettative sarebbero state deluse.

lunedì 31 agosto 2020
Fight_Club

opera pastrocchiata che in due ore cerca di spiegare i confini del tempo e le sue intersezioni in salsa thriller simil 007. Purtroppo il progetto, in apparenza ambizioso, naufraga in un mare di effetti speciali che ricordano le comiche anni '920 e in una sceneggiatura che non sa approfondire tutte le sfaccettature della storia, consiglio Nolan di riguardarsi qualche episodio del Doctor Who che, [...] Vai alla recensione »

domenica 30 agosto 2020
PolloCibernetico

Tenet mi ha fatto discretamente schifo come trama. Niente da dire sugli effetti speciali, ma tutto il resto eh, boh, cioè no, proprio no, non va bene, non ho capito, i viaggi nel tempo e lui ok, cioè no e poi lui cattivo che boh muore e quindi devono morire tutti e Pattinson che è bravo ma che fa? E lei che mah, è un po' maschilista il film? La dama (stangona stupenda bellissima sposami) da salvare, [...] Vai alla recensione »

domenica 30 agosto 2020
kitano1998

Certamente un Nolan in grande spolvero regala delle avvincenti scene d'azione, certamente più incalzanti di quelle dei film precedenti. Al solito, fatico a comprendere la narrazione del regista: una storia tutto sommato semplice, si trasforma in un confusionario dedalo di scene rocambolesche difficili da ricomporre. Molti i punti di domanda. Pessima la caratterizzazione dei personaggi, nonostante ciò [...] Vai alla recensione »

domenica 30 agosto 2020
GUSTIBUS

Vanno bene anche 3stelle,5..TENET visto!...2ore e 21minuti,dicono 200milioni di costi per la produzione.Perfetto perche'che questo sia un film di Christopher Nolan non vi e'alcun dubbio..Dopo un film normale come Dunkirk siamo ritornati dalle parti di INCEPTION..dieci anni fa..Qui siamo nella fantascienza-spionaggio con passaggi temporali avanti/indietro,futuro e passato nel tempo tramite una [...] Vai alla recensione »

sabato 29 agosto 2020
Giggetto

La prima cosa che sorprende di Tenet è la quantità di mezzi impegnati. La seconda cosa è quanto sia in fondo contorta, incomprensibile e in ultima analisi velleitaria la storia. Quel che manca è la mano di uno sceneggiatore capace di rimettere insieme i pezzi e renderli comprensibili. Un peccato, perché per un film con un bilancio pari a 225 milioni di dollari (quasi il bilancio totale dedicato in [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 agosto 2020
Fabrizio Demaria

Film arzigogolato, pieno di contraddizioni, banale, mal recitato. In una parola, brutto.

lunedì 31 agosto 2020
Marco

Un film ambizioso che necessita di estrema attenzione per poter essere seguito. Salti avanti e indietro nel tempo che alla fine invece che creare effetti affascinanti nel proseguo della trama,rischiano di fare confusione. L'idea originale era interessante,ma ad un certo punto il regista sembra farsi prendere la mano e la visione smette di essere piacevole

sabato 5 settembre 2020
CarolinaSisto30

Idea ambiziosa ed interessante, ma lo sviluppo della trama è molto difficile da seguire piacevolmente a partire dalle scene d'azione fino ai più "semplici" dialoghi. Nonostante sia un'amante dei "drammi psicologici", in questo caso, continuavo a domandarmi il perchè di quasi ogni sequenza. Grande merito a colonna sonora, effetti speciali e interpretazione [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 agosto 2020
Umberto

 A 3 anni da Dunkirk, Christopher Nolan torna con un nuovo film che già la critica annuncia come un successo garantito sulla scia dei precedenti campioni d'incasso. In effetti Tenet rappresenta un'esasperazione del classico stile Nolan, che però, non lo rende tra i migliori realizzati dal regista. La storia, soprattutto nel primo terzo di film, risulta un po' confusionaria [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 settembre 2020
loland10

“Tenet” (id., 2020) è l’undicesimo lungometraggio del regista-sceneggiatore londinese Christopher Nolan.     Nolan ritenta (come sempre) di espandere, sconquassare, intorpidire e mettere a soqquadro ogni inquadratura (del cinema). Il fatto (o già eseguito) è fuori da ogni perversa logica ‘disorientante’ o per lo più esente da qualsivoglia [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2020
no_data

Involuto all’inverosimile, esercizi di stile atti a stupire (ma invero confondono solamente) lo spettatore e ammantati di un’aura teorico-scientifica che viene sommariamente spiegata dalla scienziata, ma che pure ha delle falle logiche (tipo il paradosso del nonno) che non vengono mai risolte. Così pure rimane misterioso il rimando esoterico al quadrato di sator e ai significati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 settembre 2020
Samuele

Un buon film del regista britannico che unisce il genere dello spionaggio tipico dei fim di Bond con elementi tipici del suo cinema come la trattazione del tempo. Si può affermare che Tenet sia l’opera più spinta e personale di Nolan, nella quale il regista ci chiede espressamente di non cercare di comprendere perfettamente ogni dettaglio dell’intricata trama (segnalo infatti la quasi completa assenza [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 settembre 2020
Vincenzo Ambriola

I viaggi nel tempo sono complicati da raccontare e da capire. Se alla dimensione temporale si aggiunge anche l'inversione della causa effetto (che non ha nulla a che fare con l'entropia) allora la narrazione diventa un incubo. Nolan ha giocato la sua carta proprio pensando a un incubo in cui lo spettatore si sarebbe perso, attaccandosi disperatamente ai personaggi e alle loro (comprensibili) [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 agosto 2020
Ciccio

Andrò controcorrente, ma a me è piaciuto, é complesso ma neanche troppo, la trama è abbastanza lineare, probabilmente c’è qualche buco di trama che è solamente frutto di un voler osare sempre di più, di voler mettere in scena qualcosa di grandioso e innovativo che però deve rientrare in un certo limite di tempo quale é la durata del film, se si fosse fermato a dar fiato allo spettatore per districare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
Emanuele 1968

2.5 Da un lato bello in un altro deluso, mah.....   Fa strano dopo 6 mesi ritornare in multisala con le mascherine, non mi parso giusto dare nome e cognome piu numero del cellulare causa covid mah....

giovedì 27 agosto 2020
Tony

Da premettere che Nolan è tra i miei autori preferiti e che ogni suo film va vissuto come un'esperienza, un evento, un viaggio da vivere preferibilmente sul grande schermo. Sin dai primi minuti si viene catapultati letteralmente all'interno dell'azione. Gli archi che si accordano, il direttore d'orchestra è pronto a dare il via alle danze ma metaforicamente da il via [...] Vai alla recensione »

sabato 29 agosto 2020
Diego

Nolan non delude mai Film stupendo Ricco di colpi di scena(come sempre)Attori all’altezza La mancanza di Zimmer non si è sentita va fatto un plauso Ludwig Goransson.Nolan?! “Genio assoluto”

sabato 5 settembre 2020
Lorenzo Perrucci

TENET, nuovo film di Christopher Nolan.Come previsto, alla sua uscita, pubblico e critica si è diviso in due.E io dove mi colloco?Io sono un sostenitore di Nolan, i suoi film mi intrattengono sempre e penso sia un grande regista.Tenet parla di un agente segreto che deve evitare un evento peggiore della Terza Guerra Mondiale o un Olocausto Nucleare.La trama è semplice, ma è il come è stata narrata: [...] Vai alla recensione »

domenica 30 agosto 2020
Samuele

Nolan riesce a dare senso a qualsiasi cosa, è un capolavoro sotto ogni punto di vista effetti speciali, musiche e trama che sia. Chi descrive questo film come un qualcosa di brutto non ha le capacità di cogliere ciò che si vuol far arrivare oltre alla spettacolarità. Riferimenti al quadrato magico del Sator, effetti palindromici da tutte le parti e plot-twist come se piovessero. [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2020
joecondor

Il film è molto bello,Montaggio Fantastico ,Azione,Scene Spettacolari ,Ritmo serrato, regia ottimail protagonista bravo ma soprattutto Robert Pattinson un' eccezionale partner,Brannagh un grande villain  ed Elizabeth Debicki regalano grandissime interpretazioni....tutto fila  lo spettacolo è grandioso...ma non lineare come il finale di Inception più chiaro.

lunedì 31 agosto 2020
Fabiuz62

Diciamo subito che cercare di capire tutto è praticamente impossibile. Probabilmente occorrerebbe guardarlo almeno due, tre volte, ma la confezione è molto ben fatta. Spettacolare, accattivante, originale: geniale..!!! Non mi iscrivo al partito di quelli che vogliono trarre insegnamenti filosofici da film come questo, mi limito a dire bravo al regista per aver tenuto il suo filo logico [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 settembre 2020
Andrea Antonio Maddaloni

Non capisco come mai molti non sono soddisfatti del film, visto pochi giorni fa al cinema. Sono stato 2 ore e mezza lì concentrato e il film mi è sembrato davvero bello e per capirlo bastava stare attenti. Ok, il film non segue proprio una sequenza logica, ma se uno ragiona è inizia ad unire i puntini ci arriva. Io sono riuscito a capirlo non del tutto, ma la maggior parte si. Vai alla recensione »

mercoledì 2 settembre 2020
Federica Patti

Certamente un film complesso, ma avvincente e stimolante. Come sempre, la colonna sonora è parte integrante della narrativa, mozzafiato in senso diretto e inverso. 

venerdì 28 agosto 2020
folgore94

A mio parere il film ricalca lo stile del regista , buone le prove degli attori sceneggiatura notevole anche se a tratti un pò complicata ,giusta dose di azione e suspence. In questo periodo cosa volete pretendere. da gustare al cinema cmq

sabato 29 agosto 2020
Il critico 89

I cinema finalmente riaprono e cosa può esserci di meglio di un nuovo film di Nolan per tornare al cinema? Un film particolare come tutti i suoi film e dove ancora una volta il  fattore "tempo" gioca un ruolo fondamentale. Seppur la trama risulta comprensibile, come in altri film da Memento a Inception fino a Interstellar, ci sono punti e sequenze che e' difficile comprendere [...] Vai alla recensione »

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
giovedì 3 settembre 2020
Sara Gelao, Vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

Riaprono i cinema. Si riaccendono i proiettori. Christopher Nolan riapre le danze con il suo ultimo film, tanto chiacchierato da mesi, Tenet. Un blockbuster che rincuora i botteghini e che sazia l’astinenza da comode poltrone rosse dei moviegoers, ma anche un action rocambolesco che in parte conferma e in parte smentisce la filmografia del regista.

Nell’eroico, titanico, tentativo di disinnescare una Terza Guerra Mondiale e una preannunciata apocalisse, pedine di un cupo spionaggio internazionale ordiscono le trame di una missione. Un’impresa folle, che va oltre lo spazio-tempo reale e che incalza senza sosta sin da subito, con un’opening scene che seda noi, spettatori reali, parallelamente a quelli di fronte, sullo schermo. (Che sia una voluta allegoria? Una sottile allusione ad un pubblico-massa dormiente e passivo?) 

Il repertorio di Nolan è ormai una ricca collezione di leitmotiv fisici e metafisici che plasmano un film dopo l’altro su concetti universali, come quello della memoria in Memento o del sogno in Inception, senza tralasciare il commovente viaggio nello spazio e nel rapporto padre-figlio di Interstellar. 
 

Il tempo, a scanso di equivoci, sembra essere quindi comune denominatore sottotraccia, privilegiato oggetto d’indagine e narrazione filmica, quasi, un feticismo. 

Questa volta, però, non ha il marginale ruolo di velato substrato. È infatti il protagonista del film, forse più di quello in carne ed ossa: un agente segreto, senza storia o nome, affidato ad un algido John David Washington.

Oltre che nel suo flusso naturale, in Tenet, il tempo scorre simmetricamente anche in reverse. Ma non come se stessimo riavvolgendo un nastro, piuttosto, come se ci investisse un futuro già successo, come se ci ritrovassimo tra le mani un passato che non ricordiamo, non ancora. È il secondo principio della termodinamica, quello dell’entropia, ritratto e romanzato nella sua più piccola e improbabile possibilità, quella che essa si possa ribaltare, che da uno stato di caos possa ristabilirsi uno di ordine, che il tempo possa non soltanto scivolare in avanti. 

L’ultima fatica di Nolan, allora, è ancorata a due principi temporali che si fanno strutturali: il palindromo, gioco per il quale una parola – come Tenet non a caso – letta in senso inverso, sia da sinistra sia da destra, rimane identica, e l’uroboro, un antico simbolo archetipico di un serpente che si morde la coda, di un cerchio senza inizio né fine. È così che si è tentato, ancora una volta, di rappresentare l’irrapresentabile, un tempo che va all’indietro e una storia che si apre ma non si chiude, anzi, che ritorna al punto di partenza.

Il confine, del resto, tra l’audace ambizione e l’esperimento mal riuscito spesso è labile: effetti speciali immaginativi e ingegnosi edulcorano una certa stravaganza visuale, mascherano e smascherano a ritmi alterni una trama che apparentemente fitta e cervellotica si risolve, in realtà, soltanto in seducenti e magnetiche scene d’azione. Tipicamente nolaniana la tecnica, che sospinge un film fatto di meccanismi e logiche e da un ritmo senza pietà, sostenuto fin quasi all’eccesso; meno l’emotività, che resta timida e incerta, complici anche dei personaggi poco carismatici, anonimi, irraggiungibili. 

Dove, insomma, Interstellar aveva fatto breccia per spiccata sensibilità, inverosimile realismo e sincero coinvolgimento, Tenet ci lascia perlopiù inebetiti con una colonna sonora martellante, qualche schema da ricostruire e il piacere di tornare in sala con una domanda che si insidia riecheggiante: come sarebbe il nostro tempo, il nostro mondo, al contrario? 

FOCUS
domenica 30 agosto 2020
Marzia Gandolfi

"Non ho paura della morte, sono un vecchio fisico. Ho paura del tempo", confessa il professor Brand (Michael Caine) in Interstellar. Non poteva dirlo meglio Christopher Nolan, non poteva dire meglio la sua ostinazione per il tempo, che non lavora mai come elemento di finzione ma come soggetto a pieno titolo. Film dopo film converte gli assiomi più astratti in peripezie avvincenti, facendo addirittura coesistere nello stesso piano due temporalità contrarie, una che avanza e una che marcia indietro.


Da Memento a Tenet, passando per Interstellar o Dunkirk (guarda la video recensione), i suoi film cerebrali non smettono di essere un grande spettacolo per gli occhi. Non per nulla i suoi nuovi rompicapi sono girati in IMAX 70 mm.

Nolan è oggi il più infaticabile degli autori a praticare la pellicola e il tempo. Se il cinema è la "morte al lavoro" sulla pellicola, ogni volta che si mostra un film (di Nolan) se ne accelera la morte. E il cinema di Nolan è alla ricerca del tempo che (si) 'consuma', è ossessionato dalle ore che perdiamo, dai minuti e i secondi che scorrono inesorabili. Dalla caccia amnesica di Memento al ritorno al futuro di Tenet, Nolan filma l'angoscia che sentiamo davanti alla vita che ci scivola tra le dita.

Con Tenet, racconto spettacolare che inverte il corso del tempo per causare o evitare la Terza Guerra Mondiale, dimostra una volta di più di saper giocare con la durata, dilatata o ridotta a suo piacimento. Come in Interstellar anche in Tenet, la terra è minacciata. Il nemico questa volta è il futuro, desideroso di rimpiazzare il presente e di prendere il nostro posto. L'avversario è astuto ma lo conosciamo bene. Il regista moltiplica le andate e i ritorni tra esplosioni e bagarre che sabotano dall'interno la meccanica del blockbuster. Del resto Nolan lo aveva già fatto con Batman Begins e Il cavaliere oscuro ma questa volta va più lontano, mettendo in crisi il racconto attorno a un personaggio principale che si chiama 'protagonista' e reclama il controllo del gioco.

Ma è Nolan il vero agente speciale infiltrato nell'industria hollywoodiana per boicottarla. A immagine del suo eroe (John David Washington), lanciato in una ricerca monumentale e complessa per salvare il mondo da una bomba temporale, l'autore disegna un affresco spazio-temporale vertiginoso, dove il tempo, alleato e nemico, è alla mercé di un cattivo old school (Kenneth Branagh), decisamente più ambiguo e appassionante del protagonista. Un protagonista virtuoso e romantico, come sovente nel cinema di Christopher Nolan, che volge sempre l'amore per una donna in ossessione velenosa (Memento, The Prestige, Inception). Rivelato da BlacKkKlansman, John David Washington fa il paio con Robert Pattinson che brilla di mille fuochi e rassicura gli scettici fan di Batman sulla prossima incarnazione del cavaliere oscuro (The Batman).

Frasi
"Viviamo in un tempo crepuscolare"
Una frase di Il protagonista (John David Washington)
dal film Tenet - a cura di Alexandra
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 9 settembre 2020
Giulio Sangiorgio
Film TV

«Un film che può sedurre chi frequenta i cinema grazie ai suoi effetti speciali e toni spettacolari, che può coinvolgere le volatili comunità di fan su internet [...], che può perfino funzionare come un gioco». Thomas Elsaesser lo scriveva nel 2008, quello che è - semplicemente - Tenet : un mind game film. Ricordandosi di Lost e del caso Primer (vedi a pag.

mercoledì 9 settembre 2020
Ilaria Feole
Film TV

Prendendo in prestito il lessico denso di fantascientifica sicumera di Tenet, anche nel film di Nolan c'è una «manovra a tenaglia »: una parte è proiettata verso il passato, un'altra verso il futuro. I due movimenti della tenaglia sono entrambi interessanti in rapporto al nostro immaginario: quello verso il passato è il classico riavvolgimento, il rewind, che tanto cinema mainstream ha messo in scena [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 settembre 2020
Alice Cucchetti
Film TV

«Sto inseguendo quell'uomo... No, non è vero, è lui che insegue me!». Il trucco di Tenet Nolan l'ha già usato nel suo secondo lungo, Memento : il film è "diviso" a metà, quella in bianco e nero si srotola in avanti, quella a colori va a rovescio. Il primo obiettivo è calare noi spettatori nei panni del protagonista; il secondo è forzarci, come fa il protagonista, a mentire a noi stessi.

mercoledì 9 settembre 2020
Roy Menarini
Film TV

La battuta «credo che questa sia la fine di una bella amicizia», detta dal Protagonista al suo collega come congedo e al tempo stesso come paradossale promessa di un futuro rapporto, non è solo la divertente citazione ribaltata di Casablanca. È un segnale. Significa che, insieme al viaggio della materia, anche il senso della cinefilia si inverte. E dire che Nolan non fa altro che sottolinearlo durante [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 settembre 2020
Roberto Silvestri
Film TV

Più del palindromo mistico-magico, del futuro che ci spara addosso pallottole invertite, dell'incedere all'indietro e col respiratore, delle «manovre a tenaglia temporale» (ma cosa volete di più al cinema se non una sorpresa sonora, visiva e mentale ogni millesimo di secondo, quasi come in Grease?), Tenet è uno spy-musical quasi leninista: un passo avanti e due indietro, se vogliamo proprio spoilerare. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 settembre 2020
Giona A. Nazzaro
Film TV

Il sistema Nolan è più interessante quando inizia a girare in evidenteoverdrive, piuttosto che tentare di funzionare nel rispetto delle sue componenti. Non a caso fra i film nolaniani Interstellar è il titolo che maggiormente evidenzia una sua follia autoriale al di là del suo gigantismo produttivo. L'infinitamente piccolo nel corpo dell'infinitamente grande.

giovedì 3 settembre 2020
Gian Luca Pisacane
Famiglia Cristiana

Una parola palindroma la si può leggere da entrambi i versi, senza modificarne il significato. La sfida di Christopher Nolan parte proprio dal titolo: Tenet. Avanti e indietro, inizio e fine, il risultato non cambia. Ancora una volta il regista inglese manipola i concetti di spazio e tempo. Universi paralleli, fisica quantistica, la dimensione onirica che si fa realtà.

mercoledì 2 settembre 2020
Emanuela Martini
Film TV

La trama non si racconta. Per non fare spoiler. E perché non posso dire di aver davvero capito tutti i risvolti, fisici, matematici, cabalistici di Tenet. E infine perché, come dice verso l'inizio uno dei personaggi all'innominato Protagonista, «Non cercare di capire. Sentilo». Indubbiamente questa è l'autentica filosofia, o meglio "modalità cinematografica", di Christopher Nolan, un autore che maneggia [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 agosto 2020
Alessandra Levantesi
La Stampa

Sia perché è diretto da un regista di culto come Christopher Nolan, sia per via della trama misteriosa, sia per la coraggiosa e massiccia (700 copie) uscita in sala sfidando i (giusti!) timori del Covid, Tenet è il film chiave di questo periodo, su cui pesa l' interrogativo: segnerà il riscatto delle sale? La prima risposta è positiva: 403.965 euro di incassi e 60 mila presenze ieri, primo giorno di [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 agosto 2020
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Una password in grado di aprire porte: non occorre cercare altri significati nel palindromo «Tenet», che dà titolo all'11° lungometraggio di Christopher Nolan. Ricostruito cronologicamente, sembrerebbe una classica spy-story, come «Memento» era (se sottoposto alla medesima operazione) un thriller; alla semplicità nascosta nel cuore delle storie che racconta, il regista britannico abbina però complicati [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 agosto 2020
Andrea Giordano
La Provincia di Como

Avvertenze: prendere a piccole dosi, per scombinare le nostre certezze. Se "Matrix" era controllo,"Tenet", il nuovo rompicapo visionario di Christopher Nolan, sembra una di quelle esperienze totalizzanti e da sentire, in cui potersi perdere, ingoiando la pillola corretta. Un labirinto enigmatico fatto di inversioni temporali, ritorno all'archetipo, di persone e cose, una magia palindroma, nata citando [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Forse il pregio maggiore di Tenet, l'ultimo film di Christopher Nolan, è portare il suo autore a un presunto capolinea di una tormentata "poetica" del tempo: dopo questo, che altro potrebbe mai dire, ammesso che anche Tenet abbia suggerito qualcos'altro di aggiuntivo? Insomma è risaputa la tenacia con cui il regista londinese affronta ogni volta la dimensione spazio-temporale all'interno delle sue [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Dopo mesi di schermi piccoli e di film da camera (per rivedere "Mad Max: Fury Road" sull' iPhone serve un attacco di masochismo o una quarantena più lunga) "Tenet" di Christopher Nolan al cinema ha il rumore e il furore che Shakespeare trovava nella vita. Non sembra vero: inseguimenti, esplosioni, Boeing 747 portati davvero sul set (per andare a fuoco dopo uno schianto all'aeroporto di Oslo, ma il [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2020
Antonio Mariotti
Corriere del Ticino

Dopo la disastrosa crisi legata alla pandemia di coronavirus, che ci ha costretti a sei mesi d' astinenza da grande schermo, ci voleva un «filmone» affinché gli spettatori, ormai assuefatti alle gioie (e ai dolori, non solo tecnici) dello streaming, possano ritrovare la via delle sale. E per fortuna che, in mezzo a mille esitazioni, rinvii e date d' uscita indefinite, si è fatto avanti Christopher [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
FaBio Vittorini
Duels.it

In Tenet a più riprese Protagonista, mero personaggio-funzione come dice il nome antonomastico, dice a se stesso e a noi che non è sempre necessario sapere tutto perché un piano tenga (come suggerisce la password che gli viene consegnata all'inizio del film, cui dà il titolo, e che, come si trattasse di un videogame, può aprire le porte giuste o quelle sbagliate) o perché un'impresa (piccola o grande, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Possiamo davvero fare a meno di Christopher Nolan? Difficile trovare nelle due ore e mezza di Tenet una singola immagine che abbia la stessa potenza di un frame dei Russo o di Leitch-Stahelski, per dire (o di 6 Underground, per chiudere la questione in via definitiva): allo stesso tempo, almeno una generazione o forse due connette l'esperienza-cinema istantaneamente alle grigie visioni del cineasta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
Alessandra De Luca
Avvenire

«Non cercare di capirlo, sentilo...». È la frase che il protagonista di Tenet, l' attesissimo film di Christopher Nolan che oggi con Warner riporta finalmente in sala il cinema hollywoodiano dopo mesi di lockdown e che con il suo continuo slittare ha costretto centinaia di film di tutto il mondo a riprogrammare la propria uscita, si sente dire da una scienziata a proposito della possibilità di un' [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

La salvezza è nel futuro, ovvero nel passato. Lo predice Tenet, da oggi in 700 sale italiane, e lo pretende il cinema per come l' abbiamo conosciuto in epoca pre-Covid: dall' esito del carrozzone meta-fisico di Christopher Nolan dipendono le sorti cinematografiche globali. Un po' kubrickiano e un po' nerd, un po' fisico mancato e un po' ingegnere anodino, il regista inglese baratta la DeLorean del [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Uscirne vivi, quello è il problema». La frase pronunciata da Robert Pattinson sintetizza perfettamente l' esperienza, di un comune spettatore, davanti a questo Tenet (titolo palindromo di derivazione enigmistica latina e chiave di lettura del film), firmato da Christopher Nolan, l' atteso blockbuster che dovrebbe rilanciare il cinema del post lockdown.

mercoledì 26 agosto 2020
Cristina Piccino
Il Manifesto

Quando ha iniziato la lavorazione del film di certo Christopher Nolan non poteva immaginare che in un «futuro prossimo» sarebbe divenuto il salvatore del cinema mondiale, un po' come il suo Protagonista (John David Washington) chiamato a salvare il mondo. Blockbuster dell' estate annunciato infinite volte, poi smentito nell' orizzonte di un' economia che vacilla sotto gli effetti del virus, specie [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 agosto 2020
Francesco Alò
Il Messaggero

Conoscete il quadrato magico della misteriosa iscrizione latina Sator, Arepo, Tenet, Opera, Rotas, rompicapo da secoli per archeologi ed epigrafisti? Lo leggevi da sopra e sotto o da sinistra e destra e il risultato era sempre lo stesso: Il seminatore, col suo carro, tiene con cura le ruote. Chi era quell' agricoltore? Era uno spot a favore della manutenzione degli utensili? Un grande boh.

mercoledì 26 agosto 2020
Giulia Bianconi
Il Tempo

Se avete trovato narrativamente complessi "Inception" e "Interstellar", tra innesti e wormhole, "Tenet" lo è ancora di più. E' un film contorto e intricato, nel quale il suo autore e regista Christopher Nolan torna a interrogarsi su temi quali il destino, il libero arbitrio, il rapporto tra causa ed effetto, mettendo al centro del suo racconto ancora una volta il tempo.

martedì 25 agosto 2020
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

"Viviamo in un mondo crepuscolare". Tenet è il palindromo con cui dal futuro si prova a fare tabula rasa del nostro presente. Il tempo, la sua (non) linearità, torna ad occupare con forza il cinema di Christopher Nolan. Dopo lo stordimento onirico di Inception e la tripartizione bellica in Dunkirk, il regista britannico prende a modello i film di spionaggio per declinare la sua visione magniloquente [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 23 settembre 2020
Andrea Chirichelli

In Italia il film di Nolan arriva a 5,6 milioni di euro. Buoni dati per Una notte al Louvre e Miss Marx. Rallenta After 2. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
lunedì 21 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Tenet stravince il weekend e sale a quasi 5,5 milioni di euro, grazie ai 138mila euro incassati ieri, con oltre 18mila spettatori. Dietro, molto più staccato e oramai impossibilitato ad effettuare un sorpasso che invece nei primi giorni sembrava [...]

BOX OFFICE
domenica 20 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Tenet stravince il sabato e si conferma come unico titolo davvero forte di questo periodo: altri 20mila biglietti staccati portano 151mila euro per un totale di 5,3 milioni complessivi. Sul podio resta After 2, che si ferma a poco meno di 70mila euro [...]

BOX OFFICE
sabato 19 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Tenet si prepara a vincere l'ennesimo weekend e si mantiene su buone cifre: ieri ha incassato poco meno di 80 mila euro, arrivando così ad un totale di di quasi 5,2 milioni complessivi. After 2 segue, ma oramai distanziato, con 37mila euro e 3,7 totali [...]

BOX OFFICE
giovedì 17 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Mentre i mercati di tutto il mondo annaspano, in Cina le cose sembrano essere tornate alla normalità. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
mercoledì 16 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Avvicendamento in terza posizione tra film reduci da Venezia 77: Non odiare sopravanza Le sorelle Macaluso. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
lunedì 14 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Tenet vince la domenica ed il weekend e arriva, grazie ai quasi 170mila euro incassati ieri, ad un totale di 4,8 milioni di euro, con 677mila presenze. Il film di Nolan riguadagna un certo vantaggio rispetto a After 2, che dopo il boom della prima settimana, [...]

BOX OFFICE
domenica 13 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Bene Non odiare che sale al quarto posto e Le sorelle Macaluso al 6° che incassa 30mila euro. Vai all'articolo »

NEWS
mercoledì 2 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Per Pattinson ed Debicki due ruoli attesissimi. JD Washington entra in un cast di stelle. Michael Caine si fa in tre. Vai all'articolo »

BOX OFFICE
mercoledì 2 settembre 2020
Andrea Chirichelli

In Italia il film di Nolan raggiunge i 2,5 milioni di euro, seguito a distanza da Onward e Volevo nascondermi. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
martedì 1 settembre 2020
Andrea Chirichelli

La proiezione finale per il film di Nolan è di circa 4,5/5 milioni di euro. Sempre pimpanti i mercati orientali. Scopri la classifica »

NEWS
lunedì 31 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Il film raggiunge i 53 milioni totali con ottime performance in Gran Bretagna e Francia. In attesa di Cina e Stati Uniti. Vai all'articolo »

BOX OFFICE
lunedì 31 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Tenet sfiora i 2 milioni complessivi, grazie ad una domenica da 486mila euro, che ha portato al cinema altre 63mila persone, un ottimo dato per il film di Nolan che ha rilanciato, per quanto possibile, il mercato italiano.

BOX OFFICE
domenica 30 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Oltre 60mila spettatori e 475mila euro per il film di Nolan, che adesso punta ai 2 milioni totali. Vai all'articolo »

BOX OFFICE
sabato 29 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Oltre 44mila biglietti staccati per il film di Nolan. Onward e Gretel e Hansel completano il podio. Vai all'articolo »

NEWS
venerdì 28 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Un escamotage molto utilizzato da scrittori e registi di fantascienza, che funziona molto bene sia al cinema che in TV. Vai all'articolo »

BOX OFFICE
venerdì 28 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Leggero ma prevedibile rallentamento per Tenet, che ieri ha incassato 289mila euro con quasi 42mila spettatori. Il film è già arrivato a 700mila euro e potrebbe puntare ai 2 milioni entro la fine del weekend.

BOX OFFICE
giovedì 27 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Il film di Nolan porta in sala quasi 60mila persone e punta al milione entro la fine del weekend. Scopri la classifica »

VIDEO
giovedì 27 agosto 2020
 

«È come una corsa». L'attrice racconta cosa si prova guardando il film, fin dai primi secondi. Al cinema. Guarda l'intervista »

VIDEO
mercoledì 26 agosto 2020
Sonia Serafini

L'attore spiega come affrontare la visione del film di Nolan: una, due, tre volte, finché se ne sente la necessità. Al cinema. Guarda l'intervista »

NEWS
mercoledì 26 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Saranno 700 le sale italiane messe a disposizione del film: numeri non molto differenti dai grandi lanci in condizioni 'normali'. Vai all'articolo »

NEWS
lunedì 24 agosto 2020
Andrea Chirichelli

L’Edward Cullen di Twilight raccoglie i frutti delle scelte difficili compiute al termine del franchise che lo ha reso celebre. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 24 agosto 2020
 

Regia di Christopher Nolan. Un film con Elizabeth Debicki, Robert Pattinson, John David Washington, Aaron Taylor-Johnson, Kenneth Branagh. Dal 26 agosto al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 21 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Il film segna la terza collaborazione tra regista e direttore della fotografia dopo Interstellar e Dunkirk. Dal 26 agosto al cinema. Vai all'articolo »

NEWS
mercoledì 19 agosto 2020
Andrea Chirichelli

A pochi giorni dall'uscita cresce l'attesa ma anche la curiosità. Per andare in attivo il nuovo film di Christopher Nolan dovrà incassare almeno mezzo miliardo di dollari. Vai all'articolo »

NEWS
lunedì 17 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Per la sua ultima opera il regista si è avvalso della collaborazione del premio Oscar Ludwig Goransson. Vai all’articolo »

NEWS
venerdì 14 agosto 2020
Andrea Chirichelli

Il regista, noto per lavorare sempre con gli stessi volti, con il suo ultimo film ha deciso di prendere una svolta. Con un’eccezione. Vai all’articolo »

NEWS
venerdì 7 agosto 2020
 

In Cina Tenet uscirà il 4 settembre. Ma Warner porterà al cinema anche Inception, previsto per la settimana prima. L'uscita andrà a completare un'estate "a tutto Nolan", considerando che Interstellar é già tornato in sala da una settimana [...]

NEWS
lunedì 29 giugno 2020
 

Il nuovo film di Nolan è ambientato in sette diversi paesi e si occupa di spionaggio. Vai all'articolo »

TRAILER
venerdì 22 maggio 2020
 

Il misterioso nuovo film di Christopher Nolan con Robert Pattinson, John David Washington e Kenneth Branagh. Dal 26 agosto al cinema. Guarda il trailer »

OVERVIEW
venerdì 10 gennaio 2020
Massimiliano Carbonaro

Cresce l'attesa per il lavoro che il regista ha definito 'il più ambizioso che abbiamo mai realizzato'. Dal 26 agosto al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
venerdì 20 dicembre 2019
 

Regia di Christopher Nolan. Un film con Elizabeth Debicki, Robert Pattinson, John David Washington, Aaron Taylor-Johnson, Kenneth Branagh. Dal 26 agosto al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
giovedì 23 maggio 2019
 

Sono ufficialmente iniziate le riprese dell'attesissimo nuovo film di Christopher Nolan, il primo dopo Dunkirk (guarda la video recensione) del 2017. Tenet, questo il titolo del film, avrà un grande cast fra cui Robert Pattinson, Kenneth Branagh [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati