Raffaello - Il Principe delle arti in 3D

Film 2017 | Eventi +13 90 min.

Anno2017
GenereEventi
Durata90 minuti
Regia diLuca Viotto
AttoriFlavio Parenti, Angela Curri, Enrico Lo Verso, Marco Cocci, Niseem Onorato Antonio Natali, Antonio Paolucci, Vincenzo Farinella.
Uscitalunedì 3 aprile 2017
TagDa vedere 2017
DistribuzioneNexo Digital
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Luca Viotto. Un film Da vedere 2017 con Flavio Parenti, Angela Curri, Enrico Lo Verso, Marco Cocci, Niseem Onorato. Cast completo Genere Eventi 2017, durata 90 minuti. Uscita cinema lunedì 3 aprile 2017 distribuito da Nexo Digital. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi
Raffaello - Il Principe delle arti in 3D
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un progetto firmato Sky in collaborazione con i Musei Vaticani, dedicato a uno degli artisti più famosi di sempre.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
La prima trasposizione cinematografica mai realizzata su Raffaello Sanzio, uno degli artisti più celebri al mondo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 24 marzo 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 24 marzo 2017

La vita di Raffaello Sanzio, a partire dalla sua nascita ad Urbino e dall'ambito familiare, viene seguita nel suo periodo fiorentino e in quello romano attraverso la presentazione e lettura di 70 opere d'arte di cui più di 40 di mano del grande pittore. Per la realizzazione di questo film d'arte sono stati necessari 18 mesi di lavoro di cui 30 di riprese e un team produttivo composto da più di 100 professionisti con oltre 200 ore di girato e 40 costumi realizzati su misura.

Lo sforzo produttivo è stato, come si vede, ingente ma non questo non garantiva di per sé la riuscita del progetto. Che invece c'è ed è piena. A partire dall'uso del 3D che a un profano potrebbe apparire quantomeno 'strano' nel momento in cui si porta sullo schermo l'opera non di uno scultore ma di un pittore.

Utilizzo che invece si dimostra assolutamente efficace. Un esempio può farne comprendere il valore: nel momento in cui si mettono a confronto Lo sposalizio della Vergine del Perugino (che fu suo maestro) e quello realizzato da Raffaello, la possibilità che il 3D offre di separare i piani in cui si collocano i personaggi, mostra quanto il pittore urbinate a soli 20 anni sapesse guardare all'opera di chi lo aveva preceduto essendo in grado di andare oltre. La tridimensionalità mette in assoluto rilievo i gesti, le posture i volti di coloro che attorniano Giuseppe e Maria rivelando la distanza assoluta tra la fissità rituale pensata dal Perugino e il rapporto diretto con il reale che viene ad instaurarsi ad opera di Raffaello.

Avendo come modello di riferimento gli ormai 'classici' sceneggiati televisivi degli anni Settanta si propongono anche i momenti principali della vita del pittore contestualizzandoli con grande efficacia negli edifici e nelle città in cui si svolsero. Questo fa sì che non ci sia la benché minima traccia di accademismo nella ricostruzione del suo percorso artistico grazie anche agli interventi di esperti come Vincenzo Farinella (professore associato di Storia dell'Arte Moderna) per il periodo di Urbino, Antonio Natali (storico dell'arte che è stato direttore della Galleria degli Uffizi) per la presenza a Firenze e Antonio Paolucci (che è stato direttore dei Musei Vaticani) per il periodo legato al Vaticano.

Ognuno di loro fa percepire un'erudizione non sterile ma strettamente intrecciata con la passione per l'opera dell'artista. Una passione che ha costituito il fil rouge che ha attraversato tutto il progetto e che sembra avere lo stesso desiderio che Raffaello aveva nei confronti della conservazione della memoria e della comprensione delle opere degli antichi romani quando scriveva a papa Leone X: "Quanti pontefici, padre santo, quali avevano il medesimo officio che ha Vostra Santità, ma non già il medesimo sapere, né 'l medesimo valore e grandezza d'animo, quanti - dico - pontefici hanno permesso le ruine e disfacimenti delli templi antichi, delle statue, delli archi e altri edifici, gloria delli lor fondatori? Quanti hanno comportato che, solamente per pigliare terra pozzolana, si siano scavati i fondamenti, onde in poco tempo poi li edifici sono venuti a terra? Quanta calcina si è fatta di statue e d'altri ornamenti antichi?".

In questa contemporaneità che spesso sembra voler dimenticare il passato e le proprie radici culturali un film come Raffaello - Il principe delle arti ci spinge a riflettere fondendo, con consapevolezza ed efficacia, cultura e intrattenimento.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
FOCUS
FOCUS
mercoledì 15 marzo 2017
 

20 siti (tra i luoghi d'arte e le ambientazioni delle scene di ricostruzione storica) diventati altrettanti set del film. Il film attraversa i luoghi e le opere che hanno visto protagonista Raffaello. Dalla casa paterna di Urbino, dove Raffaello bambino apprende i primi rudimenti artistici, al Palazzo Ducale dove, adolescente, entra in contatto con i più grandi capolavori dell'epoca. Appena diciassettenne ottiene le sue prime commissioni come 'magister' realizzando i suoi primi capolavori, tra cui il celebre Sposalizio della Vergine, in cui supera il maestro Perugino.

Si passa poi a Firenze in quegli anni irripetibili in cui in città si potevano incontrare, allo stesso tempo, Michelangelo e Leonardo e dove Raffaello produce una serie di Madonne celeberrime, dalla Madonna del Cardellino alla Belle Jardinière.

Per finire, Roma, la città che lo consacra e lo consegna eternamente al mito. In Vaticano il film celebra le opere più note, facenti parte del percorso dei Musei Vaticani: le Stanze di Raffaello, la Madonna di Foligno, l'Incoronazione della Vergine e la celeberrima Trasfigurazione. Ma anche luoghi esclusivi all'interno del Palazzo Apostolico, ambienti privati e non aperti al pubblico, stupefacenti per impatto visivo: le Logge e l'Appartamento del Cardinal Bibbiena.

FOCUS
mercoledì 15 marzo 2017
 

Raffaello - il Principe delle Arti - in 3D è il quarto film d'arte cinematografico prodotto da Sky, a seguito del successo dei precedenti film.

18 mesi di lavoro sul film tra preparazione, riprese e post produzione, 30 giorni di riprese, un team di produzione di oltre 100 persone, oltre 200 ore di girato, 40 costumi realizzati su misura di cui 10 originali, centinaia di oggetti di scena.

Le tecniche più evolute: 3D, UHD, Virtual Reality. 20 siti (tra i luoghi d'arte e le ambientazioni delle scene di ricostruzione storica) diventati altrettanti set del film.

FOCUS
mercoledì 15 marzo 2017
 

Una delle particolarità del film è rappresentata dalle ricostruzioni storiche, che consentono di immergersi nel mondo rinascimentale di Raffaello, creando empatia e coinvolgimento dello spettatore nella vita e opere dell'artista.

Le ricostruzioni storiche introducono i capitoli di digressione artistica che sono suddivisi a livello macro in: l'infanzia ad Urbino e la formazione, il periodo fiorentino, il periodo in Vaticano, il periodo romano, la morte.

Per garantire la massima attendibilità storico scientifica anche sulle ricostruzioni, la scelta è stata di ispirarsi a dipinti dell'800 francese dedicati ai momenti cruciali della vita di Raffaello, periodo in cui sviluppò un vero e proprio mito dell'artista.

Frasi
Apprendere, interpretare e superare. Questo è quel che ho compreso dai grandi maestri: ognuno ha qualcosa da lasciarti e ognuno ha qualcosa che tu, di loro, puoi migliorare.
Una frase di Raffaello (Flavio Parenti)
dal film Raffaello - Il Principe delle arti in 3D - a cura di MYmovies.it
Pietro Bembo: Ille hic est Raphael timuit quo sospite vinci, rerum magna parens et moriente mori.

Qui giace Raffaello: da lui, quando visse, la natura temette d'essere vinta, ora che egli è morto, teme di morire.
Una frase di Pietro Bembo (Marco Cocci)
dal film Raffaello - Il Principe delle arti in 3D - a cura di MYmovies.it
Raffaello è il genio riconosciuto, il Principe della pittura!
Una frase di Storico dell'arte (Antonio Natali)
dal film Raffaello - Il Principe delle arti in 3D - a cura di MYmovies.it
L'eredità di Raffaello [...] è ancora ben viva per chi abbia occhi per guardare.
Storico dell'arte (Antonio Paolucci)
dal film Raffaello - Il Principe delle arti in 3D - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 10 marzo 2017
Stefano Brambilla
Touring Club Italiano

Perché Raffaello è così amato? Tra tutti gli artisti che ci ha regalato il Rinascimento, il genio di Urbino è senz'altro uno di quelli che più incontra il favore del grande pubblico. In parte è perché le sue opere parlano facilmente a chi le ammira, specialmente le tante Madonne dolci e bellissime ospitate nei musei di mezzo mondo. In parte è perché tutti i geni con vita breve - Raffaello si spense [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 marzo 2017
Paolo Mastazza
Arte.it

Mancano pochi giorni all'uscita nelle sale cinematografiche dal 3 al 5 aprile 2017 del film "Raffaello - Il Principe delle Arti 3D", la prima trasposizione cinematografica mai realizzata su Raffaello Sanzio, il genio del Rinascimento e tra gli artisti più conosciuti e amati al mondo. Una produzione firmata da SKY (con i canali SKY 3D, SKY Arte HD e SKY Cinema HD) e prodotta in collaborazione con [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 febbraio 2017
a cura della redazione
Ansa.it

Dopo il successo dei primi 3 film, Sky e Nexo Digital, in collaborazione con i Musei Vaticani, e con Magnitudo Film, presentano il quarto film d'arte per il cinema: "Raffaello - il Principe delle Arti - in 3D", la prima trasposizione cinematografica mai realizzata su Raffaello Sanzio (1483-1520). Il film è stato riconosciuto di interesse culturale dal Mibact - Direzione Generale Cinema.

mercoledì 27 luglio 2016
Angelo De Marinis
Tv Sorrisi e Canzoni

Dopo il successo dei primi tre lungometraggi, Sky 3D, in collaborazione con Sky Cinema HD e con Sky Arte HD, ha prodotto un nuovo film d'arte per il cinema che sarà il primo documentario mai realizzato su Raffaello Sanzio. "Raffaello - il Principe delle Arti" segue il percorso tracciato dalle tre opere precedenti, basato su una ricetta che mescola alla più sofisticata tecnologia cinematografica, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 7 aprile 2017
 

In solo tre giorni di programmazione, Raffaello - Il principe delle arti in 3D, produzione di Sky 3D, Sky Cinema e Sky Arte, in collaborazione con i Musei Vaticani e con Magnitudo Film e distribuita da Nexo Digital, ha raccolto 45 mila spettatori totalizzando [...]

BOX OFFICE
giovedì 6 aprile 2017
Andrea Chirichelli

Nonostante un'altra giornata in crescita (l'ultima), nemmeno ieri Raffaello - Il Principe delle arti in 3D è riuscito a scalzare dal primo posto La Bella e la Bestia, che ha vinto la giornata con 188mila euro contro i 162mila del documentario artistico, [...]

BOX OFFICE
mercoledì 5 aprile 2017
Andrea Chirichelli

Poteva esserci la sorpresa e invece, per soli 4mila euro Raffaello - Il Principe delle arti in 3D, al suo secondo giorno di programmazione nelle sale, non riesce a superare La Bella e la Bestia, che da par suo consolida il primato nella top ten italiana [...]

BOX OFFICE
martedì 4 aprile 2017
Andrea Chirichelli

L'unica luce, peraltro fioca, del lunedì italiano al boxoffice è rappresentata, oltre che dal solito La Bella e la Bestia, che incassa 130mila euro ed è l'unico film della top ten a star sopra alla soglia dei 100mila euro, da Raffaello - Il Principe [...]

VIDEO
venerdì 24 marzo 2017
 

A vestire i panni di Raffaello Sanzio nel film Raffaello - Il principe delle arti è l'attore Flavio Parenti. Ad affiancarlo troviamo Enrico Lo Verso nel ruolo di Giovanni Santi, Angela Curri nel ruolo della Fornarina e da Marco Cocci, che interpreta Pietro [...]

SPLENDOR
domenica 26 marzo 2017
 

La sesta puntata della nuova stagione di Splendor - Suoni e Visioni ospita sulle poltrone gialle del Teatro Rossellini di Roma l'attrice Angela Curri, il regista Marco Amenta e lo scrittore Mauro Covacich.

VIDEO
giovedì 23 marzo 2017
 

Sono bastati 37 anni al marchigiano Raffaello Sanzio per lasciare un segno indelebile nella storia dell'arte. Tra ricostruzioni storiche e digressioni artistiche, attraverso 20 location e oltre 40 opere tra le più celebri e rappresentative della sua produzione [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati