•  
  •  
Apri le opzioni

Rob Reiner

Rob Reiner è un attore statunitense, regista, produttore, produttore esecutivo, sceneggiatore, musicista, è nato il 6 marzo 1947 a New York City, New York (USA). Rob Reiner ha oggi 75 anni ed è del segno zodiacale Pesci.

Harry e Sally, vi presento Rob

A cura di Fabio Secchi Frau

Il 21 luglio 1989 esce uno dei capolavori degli Anni Novanta, Harry ti presento Sally, e porta la sua firma: quella del regista Rob Reiner, esperto di sentimenti e affetti newyorkesi. In un mondo divorato dalle sue contraddizioni, Reiner fa divampare fra le fiamme dell'amore i protagonisti delle sue pellicole e infuria sul pubblico con le loro storie, senza risparmiare niente e nessuno. Maestro della commedia americana vecchio stile, che gioca molto spesso la carta - ampiamente sfruttata - della contrapposizione e dei sogni che son desideri - e che spesso si avverano -, è uno dei narratori più raffinati di quelle storie che si intrecciano nelle radici familiari americane, perdendosi, mordendo e divertendo lo spettatore. A volte leggermente disastroso (come nel caso di Genitori cercasi), Reiner possiede le chiavi delle sophisticated comedies, nonché il talento eclettico, da amabile e furbetto regista, che confeziona pellicole della più alta e squisita tradizione hollywoodiana. Fa innamorare presidenti degli Stati Uniti d'America, gioca con il glamour, fa scoppiare coppie della media borghesia made in USA, per il puro piacere di firmare film brillanti e aggraziati, con l'unica pecca di rendersi, talvolta, troppo terribili per melensaggine, mistificazione e sentimentalismo, ma allo stesso tempo irresistibili per il buon ritmo e per la capacità di rendere quanto si racconta credibile e toccante. Un po' di sbavature, quindi, ma nessuno è perfetto!
Figlio dell'attrice Estelle Reiner e dell'attore e regista Carl Reiner, nonché fratello del pittore Lucas Reiner e della poetessa e attrice Annie Reiner, Rob Reiner respira l'aria della settima arte fin da piccolo. Dopo aver studiato alla Beverly Hills High School e aver frequentato la University of California di Los Angeles, viene spinto dal padre a seguire le sue stesse orme, cominciando magari come attore e poi successivamente come regista. L'esperimento riesce: Rob Reiner muove i suoi primi passi come interprete quando la televisione americana sta facendo i suoi primi passi da gigante. Principalmente reciterà in telefilm come: 77 Sunset Strip (1959), The Alfred Hitchcock Hour (1964), Batman (1967), La strana coppia (1970), Agenzia Rockford (1976) e, soprattutto Arcibaldo (1971-1978), serie che, grazie al ruolo di Michael Stivic, gli frutterà ben due Emmy come miglior attore non protagonista in una serie comedy.
Molto amico dell'attore e regista Christopher Guest, approderà sul grande schermo grazie a quel geniaccio della comicità di Jerry Lewis che lo inserirà nel film Il ciarlatano (1967) in una piccola parte. Poi Reiner reciterà nell'inedito Hall of Anger (1970) con Jeff Bridges, Senza un filo di classe (1970) Summertree (1971) con Michael Douglas, Cielo di piombo, ispettore Callaghan(1976) con Clint Eastwood, Quella pazza famiglia Fikus (1977) e, infine, Lo straccione (1976). Nel contempo sarà anche sceneggiatore della serie tv The Smothers Brothers Comedy Hour (1967) e Happy Days (1974, ma solo per il primo episodio della serie, diventando molto amico di Ron Howard).
Sposato dal 1971 con la regista e attrice Penny Marshall (dalla quale divorzierà nel 1979), debutterà alla regia con il televisivo Sonny Boy (1974), seguito dalla serie tv Likely Stories (1981) con Michael McKean e l'amico Guest, che lo supporterà anche come sceneggiatore della serie. Mentre la prima pellicola cinematografica girata è l'inedito This Is Spinal Tap (1984) che, per l'occasione, annoverava fra gli attori molti dei suoi migliori amici: i già citati Guest e McKean, e Ed Begley jr..
Nel 1985 dirige Tim Robbins in Sacco a pelo a tre piazze, ma sarà fulminante l'incontro con lo scrittore di best sellers Stephen King con il quale metterà su la compagnia Castle Rock, produttrice di due pellicole dirette da Reiner e tratte dai romanzi di King: il bellissimo Stand By Me - Ricordo di un'estate (1986), tratto dal racconto "Il corpo", con River Phoenix, e Misery non deve morire (1990), tratto dal romanzo "Misery". Dopo la regia de La storia fantastica (1987), ispirato all'omonimo romanzo di William Goldman, sarà diretto da Danny DeVito nella commedia Getta la mamma dal treno (1987), poi dopo una breve relazione amorosa con l'attrice Elizabeth McGovern, sposerà l'attrice e operatrice di camera Michele Singer, dalla quale avrà ben tre figli.
L'amore giova incredibilmente al regista che dirige quello che è uno dei film più divertenti e romantici della storia del cinema, il piccolo capolavoro della settima arte Harry ti presento Sally (1989) con Meg Ryan, Carrie Fisher, Billy Crystal e l'amico Bruno Kirby. I quattro metteranno in scena continue baruffe d'amore fra amicizie e separazioni, condite da un azzeccato humour e concluse dall'inevitabile e intelligente lieto fine che segnerà per sempre l'immaginario collettivo del pubblico, firmando allo stesso tempo quello che è un film-manifesto della commedia sentimentale. Merito della buona regia di Reiner, certo, ma anche della sceneggiatura di un'ottima Nora Ephron che, infatti, diventerà la migliore amica e collaboratrice (spingendolo anche a recitare in alcuni suoi film come Insonnia d'amore del 1993 con la coppia Ryan-Tom Hanks, e Agenzia salvagente del 1994 con Steve Martin), ottenendo perfino una nomination ai BAFTA per il miglior film.
Sempre più ispirato, il buon Reiner continua ad altalenare la sua carriera fra regia e recitazione, affiancando Meryl Streep e Gene Hackman nel biografico Cartoline dall'inferno (1990) e passando al ruolo del Dr. Cash ne I visitatori del sabato sera (1990). Due anni più tardi, sarà invece il regista della trasposizione cinematografica del dramma teatrale Codice d'onore di Aaron Sorkin con Jack Nicholson e Tom Cruise, ottenendo una nomination all'Oscar per il miglior film (il premio andrà al bellissimo Gli spietati di Clint Eastwood), facendosi dirigere da Woody Allen in Pallottole su Broadway (1994), ma anche partecipando a Mariti imperfetti (1995), Il club delle prime mogli (1966) con Goldie Hawn e Il tempo dei cani pazzi (1996) con Burt Reynolds.
Dopo qualche apparizione nel telefilm Frasier (1998), sarà autore del pessimo Genitori cercasi (1994, tratto dal romanzo "Nord, un bambino tutto solo" di Zweibel Alan) con Bruce Willis, che gli frutterà due nominations ai Razzie Award: una come peggior regista e l'altra per il peggior film. Cercherà di rifarsi con Il presidente - Una storia d'amore (1995) con Michael Douglas e L'agguato(1996), tornando alla recitazione con I colori della vittoria (1998) con John Travolta e Edtv(1999) con Dennis Hopper. Purtroppo, con gli anni, lo smalto di Reiner sembra offuscarsi e sparire lentamente, a cominciare dal mediocre Storia di noi due (2000) con Michelle Pfeiffer e Bruce Willis, seguito da Alex & Emma (2003), Vizi di famiglia (2005, dove ha sostituito il regista Ted Griffin) con Kevin Costner e Non è mai troppo tardi (2007) con Jack Nicholson.
Leggermente frivolo, ma con uno stile sempre garbato e pulito, Rob Reiner lavora a suo agio fra schermaglie sentimentali e scenette gustose e divertenti, sapida ironia e ammiccanti sfrecciatine, senza però dire qualcosa di veramente originale sull'America e sulla sua gente. Peccato, perché quando ci si mette è capace di mostrare acute osservazioni psicologiche sull'animale uomo, sulle sue incomprensioni familiari e sulla sua stessa esistenza.

Ultimi film

SERIE - Drammatico, (USA - 2020)

Focus

APPROFONDIMENTI
mercoledì 9 luglio 2014
Mauro Gervasini

Per la maggior parte degli spettatori Rob Reiner, classe 1947, è il regista di Harry ti presento Sally, la miglior commedia sentimentale americana degli ultimi quarant'anni. Per chi scrive è autore di Misery non deve morire, la miglior trasposizione di un libro di Stephen King dai tempi di Shining. Insomma, un po' per tutti, Rob Reiner è un "migliore". Ma andiamo con ordine. All'inizio fu il teatro, quello brillante newyorkese preso "d'assalto" dai comici di origine ebraica

News

Tra cinema e televisione, un po' per tutti il regista americano è un "migliore".
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati