Non è mai troppo tardi

Film 2007 | Commedia +13 96 min.

Regia di Rob Reiner. Un film con Jack Nicholson, Morgan Freeman, Sean Hayes, Beverly Todd, Rob Morrow, Alfonso Freeman. Cast completo Titolo originale: The Bucket List. Genere Commedia - USA, 2007, durata 96 minuti. Uscita cinema venerdì 25 gennaio 2008 distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,59 su 120 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Non è mai troppo tardi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due malati terminali intraprendono un ultimo viaggio all'insegna delle "cose da fare prima di morire". In Italia al Box Office Non è mai troppo tardi ha incassato 1,9 milioni di euro .

Non è mai troppo tardi è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,59/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,00
PUBBLICO 3,78
CONSIGLIATO SÌ
Film "evento" che mette assieme per la prima volta due grandi vecchi del cinema americano ma con uno script drammaticamente prevedibile e troppo studiato a tavolino.
Recensione di Andrea Chirichelli
martedì 15 gennaio 2008
Recensione di Andrea Chirichelli
martedì 15 gennaio 2008

Edward Cole è un ricchissimo ed eccentrico proprietario di cliniche che, a seguito di sue stesse direttive, si trova ricoverato in una propria struttura assieme al decisamente più umile e tranquillo Carter Chambers. Entrambi con pochi mesi davanti, a causa di una grave malattia, decidono di togliersi, nel breve tempo che resta loro, tutti gli sfizi che non hanno mai potuto levarsi nella propria vita: il viaggio che li vedrà protagonisti però, servirà a ben altro...
Ridere della morte? Difficile, ma non impossibile. Succede, troppo raramente a dirla tutta, anche in Non è mai troppo tardi, film "evento" che mette assieme per la prima volta due grandi vecchi del cinema americano. Il rischio peggiore in film di questo tipo è che il melodramma soverchi lo humour, unico antidoto alla depressione a cui potrebbe indurre il tema trattato e, fortunatamente, il consumato mestiere dei due divi evita derive troppo deprimenti. Lo script è però drammaticamente prevedibile, con Nicholson che fa l'arrabbiato e il matto (come al solito), mentre a Freeman (migliore del compare che si "diverte" un po' troppo) è cucito addosso un personaggio decisamente più flemmatico e riflessivo. La storia ha alti e bassi e vorrebbe mirare dritto al cuore, anche se mancano momenti realmente commoventi e l'intero progetto sa troppo di pensato a tavolino per sfruttare le caratteristiche dei due attori.
Qualche perplessità la lascia anche il modo con il quale è raccontata l'imminenza della morte, laddove altri film mostrano contemporaneamente l'amarezza e l'ineluttabilità del momento, Non è mai troppo tardi la prende come mero spunto per permettere ai due protagonisti di farsi una scampagnata in giro per il mondo senza nemmeno troppi patemi.
Rainer ha fatto decisamente di meglio, quanto alla coppia di divi, beh, meglio ricordarli per altre pellicole... Un stella in più del dovuto alla storia cinematografica di entrambi.

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
NON È MAI TROPPO TARDI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 3 agosto 2010
taniamarina

Reiner ha un taglio inconfondibile. Questa volta racconta la morte in modo scanzonato, e con malinconica serenità e lucidità affronta il problema di chi sa di dover terminare, facendolo con la sapienza cinematografica che lo contraddistingue. Insomma due tipologie di pensiero: il materialismo e lo spiritualismo che dialogano tra loro negli ultimi mesi di vita, creando [...] Vai alla recensione »

sabato 16 maggio 2015
Beppe Baiocchi

C’è una cosa che fa paura a tutti, ed è la morte. Ma non è tanto la morte in se, diceva un filosofo che è stupido avere paura della morte, perché morte e vita non si incontreranno mai, quando c’è vita non c’è morte e quando la morte arriva, bhè non ci si ricorderà più della vita.

mercoledì 30 dicembre 2009
Dario J. A.

Si nasce e ognuno poi, prende la sua strada. Ma non è detto che la sorte non ci faccia mai incontrare, per quanto le vite intraprese siano distanti, le idee divergenti, passioni e propositi inconciliabili. Conoscere la propria data di scadenza rende fragili e quanto mai bisognosi di vivere e condividere. In questo caso la solidarietà di uno sconosciuto è quanto basta per non cedere di fronte la morte, [...] Vai alla recensione »

martedì 27 giugno 2017
Pier Ronchetti

Nicholson è un magnate della sanità, proprietario di cliniche e ospedali, Freeman un meccanico di colore. Due vite all’opposto, con qualcosa in comune: dividono una camera d’ospedale. Entrambi sono malati di cancro a uno stadio terminale. Quanto l’uno è burbero, l’altro è saggio e sensibile. Diventano presto amici, al di là delle difficoltà [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2011
ultimoboyscout

Non brillano per recitazione stavolta le stelle di Nicholson e Freeman, ma i personaggi sembrano cucitigli addosso e il non prendere sul serio la morte trasforma una commedia altresì drammatica in una brillante e godibilissima. Potremmo discutere su tante cose, da una regia non del tutto convincente a un modo di vedere la morte fin troppo semplicistico: ma chi lo dice quale sia il [...] Vai alla recensione »

sabato 20 marzo 2010
LukeAvery

Uno dei pochi film che ho dato il massimo... Film che spinge a godersi la vita anche quando sai per certo che stai per lasciare questo mondo. A tratti divertente, ironico ma che lascia riflettere molto sulle nostre vite, interpretazione impeccabile da parte dei due attori principali.  Assolutamente da vedere! Valutazione del film : 10 / 10 L.

sabato 20 marzo 2010
LukeAvery

Uno dei pochi film che ho dato il massimo... Film che spinge a godersi la vita anche quando sai per certo che stai per lasciare questo mondo. A tratti divertente, ironico ma che lascia riflettere molto sulle nostre vite, interpretazione impeccabile da parte dei due attori principali.  Assolutamente da vedere! Valutazione del film : 10 / 10 L.

venerdì 27 novembre 2009
joker91

grandi attori,un ottimo film con un messaggio forte, nicholson freeman grandiosi insieme,2 geni del cinema. un buon film

lunedì 17 gennaio 2011
Chamber 237

...se sapessi la data della tua morte? Jack Nicholson e Morgan Freeman vogliono gustarsi tutto nella vita, ora che il cancro li sta portando verso la fine. Due attori decisamente eccezionali ed un regista che sa il fatto suo per un film come non se ne si vedevano da tempo, capaci di far ridere e piangere nel momento giusto.

sabato 13 luglio 2013
asrdrubale03

una storia bellissima e tristissima allo stesso tempo interpretata da due grandissimi attori che la rendono ancor più bella

sabato 10 novembre 2012
united

Bellissimo

giovedì 22 marzo 2012
Dario85

film semplice, ma non per questo banale. grandissimi i 2 protagonisti. un film che fa riflettere.merita di essere visto

giovedì 19 gennaio 2012
toty bottalla

Interpreti straordinari per il racconto di una storia credibile e meravigliosa, ho sempre sostenuto che il sentimento più importante fra gli uomini è quello dell'amicizia, qui viene esaltato ai massimi livelli da due grandissimi attori, a sostegno della loro indiscutibile bravura, ricorderei le straordinarie interpretazioni dietro le quinte di: MICHELE GAMMINO e RENATO MORI, i loro doppiatori.

martedì 29 marzo 2011
ADRIANA

In questo film Nicholson e' vecchio. Lontano anni luce dai suoi occhi sornioni e malefici dei suoi film di gioventu'. Per questo, mi piace ancora di piu'. Le sue rughe sono autentiche, come i suoi chili di troppo. Il film non lascia spazio alla retorica sentimentale di tanti film americani che si perdono nel finale, quasi sempre strappalacrime.

domenica 29 marzo 2009
Georgia

I due attori sono come sempre straordinari! Bella la trama, esprime emozioni viste da diversi punti di vista e dà una forte carica. Bellissime le riprese. L'unica cosa che non mi è piaciuta è l'aver lasciato la moglie in disparte senza nemmeno tanta gentilezza.

Frasi
Approfitta sempre di un bagno, non sprecare mai un'erezione e non fidarti mai di una scorreggia.
Una frase di Edward Cole (Jack Nicholson)
dal film Non è mai troppo tardi - a cura di Carlo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Rob Reiner, 63 anni, il regista americano di Stand by Me, Harry ti presento Sally, Il presidente - Una storia d'amore, dirige due attori bravi in un film come sempre brillante e sentimentale, riflessione sulla morte. Due uomini non più giovani e del tutto differenti s'incontrano nella stanza d'ospedale dove entrambi, malati di cancro, aspettano con dolore e senza speranze di morire.

Alberto Castellano
Il Mattino

Spesso i registi quando hanno a disposizione dei fuoriclasse non devono fare altro che metterli nelle condizioni migliori per esprimersi. Nel caso di «Non è mai troppo tardi», per esempio, Rob Reiner, autore capace di passare da commedie come «Harry ti presento Sally» a «Stand by Me» e «Misery non deve morire» (da Stephen King), si è messo al servizio di due mostri sacri come Jack Nicholson e Morgan [...] Vai alla recensione »

Silvia Bizio
La Repubblica

Malato terminale in «Non e mai troppo tardi», da oggi nei cinema, l'attore guida la carica del film di Hollywood che rompono un altro tabù. Facendo della vecchiaia e della malattia senza speranza un buon soggetto. Se c'è uria cosa erta, a Hollywood, è questa: il pubblico di tutti i blockbuster è giovane, fra i 18 e i 30 anni. Ma in questa stagione cinematografica, in clima di Oscar e premi vari, sono [...] Vai alla recensione »

Paolo Boschi
Scanner

“Io so che quando è morto i suoi occhi erano chiusi, il suo cuore era aperto”. Una frase così, posta nell'incipit dell'ultima fatica di Rob Reiner dietro la macchina da presa – lo stesso meccanismo utilizzato da Sam Mendes in American Beauty, non può che prepararci al viatico annunciato di un'impeccabile commedia drammatica: assisteremo alla morte del protagonista di Non è mai troppo tardi, ça va sans [...] Vai alla recensione »

Giovanni Valerio
Ticino7

Edward è un ricco proprietario di cliniche, Carter un meccanico d'auto. Si ritrovano insieme in una stanza d'ospedale, entrambi gravemente malati. Hanno pochi mesi da vivere e li vogliono trascorrere alla grande. Per questo compilano la "lista del capolinea", con tutto quello che avrebbero sempre voluto fare prima di andarsene da questo mondo. La commedia agrodolce Non è mai troppo tardi gioca sui [...] Vai alla recensione »

David M. Halbfinger
The New Yw York Times

Rob Reiner decided he wanted to direct “The Bucket List” after reading just 10 pages into the screenplay, when a character is asked what he’s doing in a hospital bed and matter-of-factly answers, “Oh, fighting for my life — you?” The hard part for Mr. Reiner was persuading Warner Brothers to let him do it. The filmmaker of 1980s hits like “When Harry Met Sally .

Stephen Holden
The New York Times

“The Bucket List” operates on the hope that two beloved stars rubbing their signature screen personas together can spark warm, fuzzy box office magic. I wouldn’t count on it. Stars or no, it is an open question whether audiences will flock to a preposterous, putatively heartwarming buddy comedy about two men diagnosed with terminal cancer living it up in their final months.

Federico Raponi
Liberazione

L 'annuncio della prossimità della dipartita cambia gli uomini e le loro priorità. E la voce fuori campo ci avvisa già all'inizio di Non è mai troppo tardi che avremo a che fare con un morto, tanto per preparare i fazzoletti. Edward (Jack Nicholson) è un solitario, ricco e spietato privatizzatore della sanità pubblica convinto che un ospedale, per diventare una proficua azienda, debba tagliare su personale [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Due uomini malati di cancro si conoscono all'ospedale dove occupano la stessa stanza. Come sempre nei film americani, sono molto diversi uno dall'altro: bianco e nero, miliardario e meccanico, impulsivo e riflessivo, senza e con famiglia, ignorante e nozionista, Jack Nicholson e Morgan Freeman. Nicholson litiga con i medici e le infermiere («Non sono ancora morto», «Ne uccidono più i visitatori delle [...] Vai alla recensione »

Andrea Fornasiero
Film TV

Agli americani devono piacere davvero tanto i film che riflettono sulla malattia e sulla morte, stando almeno alla quantità di pellicole che anno dopo anno si concentrano su questi temi. Ed eccolo l’ennesimo capitolo della serie, film che a partire dal titolo tenta di dimostrare che “non è mai troppo tardi” per vivere appieno una vita. Jack Nicholson e Morgan Freeman sono due malati terminali che si [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Rob Reiner: 61 anni. Jack Nicholson e Morgan Freeman: 71. Tre vecchie volpi responsabili di Non è mai troppo tardi, dove Reiner (Harry ti presento Sally, Misery non deve morire) è il regista e Nicholson e Freeman sono i mattatori di un dramma maschile sulla malattia dai risvolti giocosi. Nicholson è un miliardario burbero e solo, Freeman un meccanico patito di quiz tv con famiglia.

Massimiliano Zampini
Ventiquattrominuti

Due vecchi diversi in tutto: uno, Jack Nicholson, miliardario e gaglioffo; l'altro, Morgan Freeman, lavoro e famiglia. A unirli, un letto di ospedale per un tumore in fase terminale. Non è mai troppo tardi, però, per ciò che si è sempre sognato. Allora, basta aspettare la morte in clinica e via per il mondo a realizzare insieme i desideri di una vita.

Antonello Catacchio
Il Manifesto

La formula non è originale. Due personaggi diversi tra loro costretti a interagire dalle circostanze. Edward Cole, bianco, miliardario, gaudente puttaniere, molti matrimoni alle spalle, capriccioso, scontroso, caustico e egoista, si ritrova a fianco Carter Chambers, nero, meccanico, sposato da decenni con la stessa donna e che ha sacrificato il suo talento e la sua curiosità intellettuale per mantenere [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Robe Reiner ha affiancato due divi di pelle diversa e età simile come Morgan Freeman e Jack Nicholson per far agonizzare insieme i loro personaggi in Non è mai troppo tardi (in originale The Bucket List, la lista di ciò che va fatto prima di morire). È una storia che dovrebbe far ridere e meditare, perché racconta di persone condannate dalla malattia.

Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Jack Nicholson, nei panni dell'ultimo di una lunga galleria di riprovevoli, solitari, dispotici personaggi, è il padrone di una catena di ospedali gestiti all'insegna del risparmio. Quando viene ricoverato d'urgenza e ha occasione di sperimentare i limiti dei suoi bonus (da cui sono escluse le stanze singole), il suo vicino di letto (Morgan Freeman) è un meccanico che da giovane ha dovuto accantonare [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

L'idea, se d'idea si può parlare, è questa: prendere un soggetto da "cancer movie", il filone più deprimente del mondo, e rigirarlo in parabola ottimistica. A corredo, giocare sull'opposizione dei character, affidandoli a due veterani del cinema. Dunque, Edward Cole (Nicholson) e Carter Chambers (Freeman) sono opposti in tutto: colore della pelle, mezzi economici, carattere.

Dario Zonta
L'Unità

A proposito di film sulla terza età, c'è anche l'hollywoodiano Non è mai troppo tardi di Rob Reiner (autore di Harry ti presento Sally, tanto per capirsi). Il cast è già tutto il film, la storia è un modo per creare situazioni in cui gli attori diano il meglio, cercando di emozionare e far ridere. E così, per la prima volta, l'attore di colore Morgan Freeman e Jack Nicholson si trovano a duettare insieme, [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati